Abdul Jabbar Okkaydy, l’anello di congiunzione tra Stati Uniti , Fsa e Isis

Quando mi capita di discutere con persone scettiche verso le informazioni che divulghiamo a proposito del conflitto siriano, l’accusa più frequente che mi sento  rivolgere è la mancanza di credibilità delle fonti russe, iraniane o siriane.

Mi si ribatte che bisogna essere degli ingenui per credere a notizie trovate nel web, in chissà quale sito bufalaro, o credere alla propaganda dei siti pro Assad e pro Putin.

In realtà la stragrande maggioranza delle nostre informazioni,  specialmente riguardo ai gruppi ribelli, arriva dai ribelli stessi e dai Media Internazionali.

La differenza tra il loro quadretto e la nostra esposizione,  è che noi mettiamo assieme i pezzi, in ordine storico anche quando essi portano alla luce verità scomode, loro si limitano a lasciar cadere nel dimenticatoio,  tutto ciò che è dannoso alla narrativa che hanno promulgato, probabilmente anche per evitare di screditare se stessi .

Abdul Jabbar Al Oqaidy (Okkaidy ) è un esempio eclatante,  non solo sull’atteggiamento dei Media, ma soprattutto sulla reale natura del conflitto siriano.

Okkaidy è un ex colonnello dell’esercito siriano,  quindi un ufficiale di carriera dello stesso regime, da cui nel 2012 ha disertato,  e poi scelto di combattere.

Una persona comunque di potere e  parte per tanti anni dello stesso sistema, che in un dato periodo, ha rinnegato, non  certo un individuo che aveva subito abusi e repressione .

Okkaidy è diventato uno dei comandanti più importanti della rivoluzione,  dirigeva migliaia di uomini  in Aleppo e provincia, ed era uno dei portavoce autorizzati dal consiglio siriano in esilio.

Nella veste di portavoce ha accolto in Aleppo, alcuni dei più famosi giornalisti mondiali, come Clarissa Ward e Harry Radcliffe,  è stato fonte affidabile per Network quali CNN, CBS, testate come l’israeliana  Hareetz, e  programmi di fama mondiali quali 60 MINUTES .

Qui possiamo ascoltarlo mentre descrive una situazione favorevole alla ribellione alla giornalista americana Clarissa Ward , intervista  riproposta da 60 Minutes(http://http://www.cbsnews.com/news/inside-syrias-civil-war/)

e qui , sempre nel 2012, Hareetz rilanciava una sua dichiarazione sulla imminente caduta di Aleppo. Dichiarazioni che venivano oltretutto riprese con estrema ingenuità da servizi segreti occidentali e politici, ricordiamo infatti come in quel periodo dalla Clinton a Obama, fossero in molti a sostenere che Assad avesse i giorni contati..http://http://www.haaretz.com/middle-east-news/syrian-rebel-commander-says-aleppo-to-be-liberated-within-days-1.455013

Sei mesi dopo però,  in gennaio 2013, Okkaidy e le fazioni islamiste alleate al fsa (tra le quali all’epoca Isis ) erano impegnate impegnate a contrastare una violenta controffensiva governativa nel quartiere Salah din. Okkaidy dirà che l’offensiva è stata respinta infliggendo grandi perdite nel nemico, e che l’impatto dell’aviazione e dell’artiglieria non colpisce il Free Syrian army,  ma i civili.  Viene da domandarsi come mai se loro non sono stati colpiti, la sua profezia di giugno 2012 dell’imminente conquista dei ribelli di Aleppo, non si sia avverata http://http://english.al-akhbar.com/node/10421.

Quello che però è importante  rilevare , e il fatto che circa 6 mesi dopo questa offensiva respinta, il colonnello Okkaidy,  al comando della prima divisione del Fsa, si trovi a coordinare un offensiva congiunta con lo stato Islamico, contro la base aerea di Menagh.

Soltanto un mese prima Okkaidy aveva avuto un incontro pubblico,  con tanto di foto, con l’ex ambasciatore americano in Siria, Ford, e in giugno, con l’aiuto degli  uomini dell’emiro Jandall di Isis, che operavano in Aleppo e provincia,  attaccava e nel giro di pochi giorni, conquistava una importante  base aerea

 

Non soltanto Okkaidy celebrava la vittoria e la presa della base, con il suo staff e quello del emiro Jandal e ringraziava loro subito dopo la battaglia,  ma addirittura,  qualche mese dopo in novembre,  si permetteva di spiegare a un giornalista,  durante un intervista in arabo,  che gli uomini dell Isis sono dei fratelli, che è consapevole delle accuse di essere Takfiri rivolte loro e di alcune crudeltà,  ma sono per lo più esagerazioni, lui si sente di garantire per la maggior parte di loro, e se capitano dei gesti efferati, sono comunque errori individuali.

Si produrrà in elogi e scuse analoghe anche verso i combattenti di Al Nusra ( Al qaeda ).

Scandaloso, ma comunque molto significativo,  che gli stessi che celebravano in occidente, il  Fsa quale movimento partigiano, laico e moderato, che lotta contro l’oppressione, non abbiano MAI VOLUTO TRASMETTERE QUESTE DICHIARAZIONI PUBBLICHE e QUESTI VIDEO.

Tra l’altro,  tutte prove fornite dagli stessi ribelli, e dai Media che interagivano con loro, eppure si continua a bollare di complottismo e deridere chiunque sostenga il contrario (http://https://www.liveleak.com/view?i=c52_1384950531

Nel frattempo,  l’emiro Jandall continuava nelle sue azioni contro la tirannia e l’oppressione,  nel modo che più gli era congeniale

Qui sopra infatti lo potete ammirare a fianco a svariati combattenti stranieri, provenienti da ogni parte del globo, mentre raccontano le loro imprese a un giornalista,  al grido 《 Takfir: Allah w Akbar ! 》.

Ma questa è un altra storia, in quella di Okkaidy invece,  fa molto riflettere,  come i giornali e Network di tutto il mondo, ci raccontino ogni 2 ore lo scandalo , di un consigliere del presidente Trump che si permette di parlare di embargo in una telefonata con l’ambasciatore russo,  non si fossero invece minimamente interessati di un ambasciatore del presidente Obama e del suo referente nel Free Syrian Army,  che combatteva elogiava e giustificava i miliziani dell ‘Isis.

Eppure, Come dicevo inizialmente per qualcuno la Propaganda la fanno i siti russi … gia,  quelli occidentali sono specializzati soprattutto in Omissis, ma anche in tentativi trepitosi, come questo del inglese Daily Mail, di paventare nelle esecuzioni di membri del clan sunnita Berry, noto per la fedeltà al governo ( e per la morte del suo capo Zeno,  esecutato da oltre 100 pallottole) l’intervento di qualche banda di criminali comuni o shabiba del regime che ucciderebbero i loro stessi sostenitori per indurli a non tradire terrorizzandoli (ossimoro notevole ), e come fonte usano, guarda un po’ il Mitico colonnello Abdul Jabbar Okkaidy http://http://www.dailymail.co.uk/debate/article-2182572/Rebel-atrocities-Syria-rebels-true-colours-given-Assad-boost-propaganda-war.html

Abdul Jabbar Al Oqaidy,  si dimetterà successivamente da comandante verso la fine del 2013, ufficialmente perché frustrato nonostante i suoi continui sforzi, della divisione che si  sta creando tra i gruppi ribelli.

Okkaidy infatti, uno dei più noti e stimati capi dei ribelli moderati dagli occidentali,  tenterà sino all’ultimo di tenere uniti Isis, Alqaeda e Free Syrian Army..(http://http://www.dailystar.com.lb/News/Middle-East/2013/Nov-03/236696-top-syrian-rebel-commander-announces-resignation.ashx#axzz2ivQ9OK68)

 

 

La guerra contro la Libia è un disastro economico per l’Africa e l’Europa

Uno dei motivi della guerra contro la Libia è quello di fermare lo sviluppo del continente, consentire l’installazione della base militare dell’US Africom in Cirenaica e l’avvio dello sfruttamento coloniale dell’Africa a beneficio degli Stati Uniti. Per capire questi problemi nascosti, la Rete Voltaire ha intervistato Mohammed Siala, ministro della cooperazione e direttore del fondo sovrano libico.

| Tripoli (Libia) | 4 luglio 2011
JPEG - 25.3 Kb
Mohammed Siala riceve gli investigatori di Rete Voltaire
© Mahdi Darius Nazemroaya/Rete Voltaire

Rete Voltaire: Il suo paese è ricco di petrolio e gas. Avete capitalizzato 70 miliardi dollari nella Autorità per gli Investimenti Libica. Come usate questa manna?

Mohammed Siala: Abbiamo risorse significative, ma non sono rinnovabili. Così abbiamo creato la Autorità per gli Investimenti Libica per proteggere il patrimonio delle generazioni future, come hanno fatto i norvegesi, per esempio. Tuttavia, dedichiamo una parte di questi fondi allo sviluppo dell’Africa. Questo vuol dire che abbiamo investito oltre 6 miliardi dollari in azioni di sviluppo del continente, in agricoltura, turismo, commercio, miniere, ecc.

Abbiamo messo i fondi rimanenti in settori diversi, paesi diversi, diverse valute. Ovunque, compresi gli Stati Uniti e Germania, che purtroppo hanno permesso di congelare alcuni dei nostri beni.

Rete Voltaire: Tecnicamente, come viene messo in atto questo congelamento?

Mohammed Siala: il blocco dei beni è regolato dalle leggi bancarie del paese in cui vengono collocati. La regola è che bloccano i nostri conti, ma a volte possiamo ottenere il rilascio se portiamo la controversia al Consiglio dei Reclami e se proviamo che sono destinati a determinati usi. Per esempio, io ho appena ottenuto il disgelo dei fondi destinati alle borse di studio di 1.200 studenti che abbiamo mandato in Malesia. Cerchiamo di fare lo stesso per tutto ciò che riguarda i benefici sociali o le spese per il ricovero dei nostri cittadini all’estero.

Occasionalmente, alcuni paesi ci permettono di utilizzare i fondi per comprare cibo o medicine. In linea di principio, è nostro diritto, ma molti si rifiutano di scongelare i fondi necessari o lo rimandano. Per esempio, in Italia, lo stato nega qualsiasi uso dei nostri beni. In Germania, lo stato lo consente per scopi umanitari, ma alcune banche si rifiutano di sbloccare i fondi. Le interpretazioni della risoluzione sono completamente differenti da stato a stato. Chiediamo una regola chiara: ciò che è permesso è consentito e ciò che non lo è, è proibito. Per ora, l’interpretazione è politica e la forza prevale sul diritto.

Rete Voltaire: è l’unico problema che incontrate nei i vostri rifornimenti?

Mohammed Siala: Dobbiamo anche affrontare il blocco marittimo che la NATO ha istituito senza base legale. Impediscono il nostro approvvigionamento , o lo ritardano, anche i carichi di derrate alimentari. Si applicano in particolare a evitare le nostre consegne di benzina, anche se ciò non è coperto da pertinenti risoluzioni delle Nazioni Unite. Abbiamo una petroliera che pazienta da un mese a Malta. Per ogni nave, discutono dell’uso duale di quello che trasporta. La benzina è destinata ai veicoli civili. Ma loro dicono che può anche essere usata per i veicoli dell’esercito. Noi rispondiamo che non possono vietarci di usarlo per le ambulanze, ecc. Tuttavia, dall’inizio del conflitto, impediscono qualsiasi consegna di gas. Tuttavia, siamo dipendenti da raffinerie estere per circa un terzo del nostro fabbisogno. Da qui la carenza attuale. In teoria, hanno solo il diritto di ispezionare le navi per assicurarsi che non trasportano armi. Ma in pratica hanno installato illegalmente un blocco navale. Hanno ordinato alle navi russe e cinesi di tornare indietro. I loro stati devono quindi presentare una denuncia presso il comitato per le sanzioni delle Nazioni Unite, per discutere dell’interpretazione delle risoluzioni. Si tratta di un processo senza fine e dissuasiva. Nessuna base giuridica gli consente di farlo, ma sono forti, sicuri della loro impunità.

Tuttavia noi siamo in grado di rifornirci via terra, ma questo è irrisorio: abbiamo bisogno di un mese per trasportare sui camion quello che possiamo scaricare, in un solo giorno, nei nostri porti.

Rete Voltaire: Il suo paese ha intensificato la costruzione delle infrastrutture, tra cui le gigantesche opere d’irrigazione del Man Made River. Quali sono i vostri progetti attuali?

Mohammed Siala: C’è una ferrovia che attraversa il Nord Africa, ad eccezione della Libia. Vogliamo portare a termine l’integrazione nell’economia regionale e sospingerla. I cinesi costruiscono il tratto Tunisia-Sirte. I russi hanno il compito della Sirte-Bengasi. Una trattativa era in corso con l’Italia per la sezione Bengasi-Egitto, così come per le locomotive. Abbiamo anche iniziato la costruzione di una linea transcontinentale nord-sud, con il tratto Libia-N’Djamena. Si tratta di investimenti di interesse internazionale e abbiamo pensato che il G8 ci aiuterebbe. L’aveva promesso, ma non abbiamo visto arrivare nulla.

Siamo impegnati negli accordi, e abbiamo usato le offerte per costringere i nostri fornitori ad abbassare i prezzi. Durante la sua visita, Putin ha accettato di allineare i prezzi delle compagnie russe con quelli dei loro concorrenti cinesi. Siamo stati in grado di diversificare i nostri partner.

Rete Voltaire: Con la guerra, cosa accadrà a questi progetti?

Mohammed Siala: Tutti questi siti sono interrotti per il congelamento dei beni. Ma noi continuiamo la gara d’appalto sui tronconi da realizzare, perché siamo convinti che la guerra è temporanea e che i lavori riprenderanno. Ci stiamo preparando a continuare i contratti temporaneamente sospesi per motivi di “forza maggiore”.

La guerra ha esasperato i nostri partner. I cinesi hanno qui 20 miliardi di dollari in contratti, i turchi 12 miliardi. Poi ci sono gli italiani, russi e francesi. Non era loro interesse avviare questa aggressione, e tanto meno parteciparvi. Probabilmente alcune persone hanno ricevuto delle compensazioni sottobanco, ma non abbiamo informazioni precise su ciò. Altri sperando di poter più conquistare questo paese, sostengono da sé i contratti di ricostruzione.

Rete Voltaire: Quali sono le conseguenze del congelamento del vostro patrimonio per l’Africa?

Mohammed Siala: Bloccando le nostre risorse, hanno anche bloccato i nostri sforzi per sviluppare l’Africa. Il continente non è in grado di esportare materie prime. Noi investiamo in modo che siano trasformati e commercializzati in Africa, dagli africani. Si tratta di creare posti di lavoro e mantenere il plusvalore in Africa. Da un lato gli europei ci incoraggiano, perché si prosciuga il flusso migratorio, dall’altro, si oppongono perché dvrebbero abbandonare lo sfruttamento coloniale.

Gli occidentali vogliono mantenere l’Africa in una situazione in cui esporta solo materie prime, dei beni primari.

Per esempio, quando il caffè prodotto in Uganda è esportato in Germania, dove viene venduto, il profitto resta in Germania. Abbiamo finanziato impianti per la torrefazione, macinatura, confezionamento e così via, ecc. La percentuale di remunerazione per gli ugandesi è passata dal 20% all’80%. Ovviamente, la nostra politica è in conflitto con gli europei. Si tratta di un eufemismo.

Finanziamo risaie in Mozambico e in Liberia, per la somma di 32 milioni di dollari a progetto e creare 100000 posti di lavoro ciascuno. Cerchiamo prima l’autosufficienza di ogni stato africano, e solo dopo i mercati di esportazione. Senza dubbio, entriamo in conflitto con coloro che producono ed esportano riso, soprattutto se vi speculano.

Costruiamo anche strade. Per esempio dalla Libia al Niger. Abbiamo già collegato Sudan e Eritrea, sconvolgendo l’economia regionale e aprendo prospettive di sviluppo. Ora è possibile spostare merci su strada e mare

Rete Voltaire: Si può dire che la Libia ha poche alleanze diplomatiche, ma ha sviluppato alleanze economiche che vi proteggeranno. Possiamo parlare di diplomazia degli investimenti?

Mohammed Siala: sì. Per esempio, abbiamo 50 milioni dollari di fondi per la costruzione, da parte delle imprese cinesi, di un canale di 32 km in Mali, per l’irrigazione delle aree agricole. Il congelamento dei nostri beni interrompe gli importanti progetti per l’agricoltura in questo paese. Se continua ciò, sorgerà presto un problema alimentare e i popoli riprenderanno ed accelereranno la migrazione verso l’Europa. In definitiva, gli europei non possono permettersi di fermare i nostri sforzi per lo sviluppo del continente. Non hanno alcuna alternativa alla nostra politica.

Rete Voltaire: Avete un dispositivo che permette di pagare i vostri ordinativi sul mercato internazionale, nonostante il congelamento dei vostri beni. Il vostro paese viene attaccato, penso, naturalmente, all’acquisto di armi e munizioni.

Mohammed Siala: Resistiamo da quattro mesi e mezzo. Abbiamo imparato dall’embargo ed eravamo pronti fin dal primo giorno. Molti stati stanno guardando e vogliono adottare misure simili per proteggere se stessi dall’imperialismo.

Traduzione di Alessandro Lattanzio