Libia 2011, Truppe di terra del CNT-NATO commettono a Sirte esecuzioni sommarie

Truppe di terra del CNT-NATO commettono a Sirte esecuzioni sommarie  
[12.10.2011] trad. di Levred

Non c’è dubbio che le truppe di terra del CNT, le quali sono state riconosciute forze governative della Libia dai paesi occidentali, hanno commesso gravi crimini di guerra nel ​​loro assalto alla città libica di Sirte.

Molti video e immagini mostrano le truppe di terra del CNT che sparano con armi pesanti sulla città di Sirte, prendendo di mira indifferentemente le forza avversarie e i civili. In questo modo stanno commettendo un crimine di guerra per utilizzo indiscriminato della forza contro aree popolate.

An anti-Gaddafi fighter fires a heavy machine gun during clashes with pro-Gaddafi forces at the frontline in the center of Sirte October 12, 2011. Fighters loyal to deposed Libyan leader Muammar Gaddafi are now holding out in just two small pockets of his home town Sirte on Wednesday, government commanders said after making gains overnight.

Questo crimine è diventato così comune nel comportamento delle Truppe del CNT che anche la Reuters, portavoce della propaganda della NATO ha descritto questo crimine di guerra in uno dei suoi recenti rapporti Sirte in dettaglio:

Un Beduino si è fermato sul suo camioncino-pick-up desideroso di fare fuoco, con il lanciatore multiplo di razzi montato sulla parte posteriore, contro i fedelissimi di Gheddafi che tengono duro nella città libica di Sirte, proprio come stava per sparare, si è fermato a chiedere da che parte mirare.
I suoi compagni in piedi, vicino, hanno conferito ad alta voce l’uno con l’altro, poi gli hanno indicato ciò che avevano stabilito essere la direzione giusta e il Beduino ha sparato quattro missili Grad sulla città.
Tutti lo hanno applaudito e hanno gridato “Allahu Akbar”. Il fumo saliva già al di sopra della città distrutta, ma nessuno poteva dire se i razzi Grad avessero colpito il bersaglio, oppure anche quale fosse l’obiettivo.

Ma ci sono ulteriori crimini. Il giornalista di Telesur, Diego Marin ha riferito da Sirte, che un uomo delle truppe di terra CNT-NATO gli ha detto che chiunque essi avessero preso a Sirte con un’arma sarebbe stato giustiziato.

I resoconti dei media indicano che le “truppe governative” del CNT stanno commettendo un annunciato crimine di guerra con l’esecuzione sommaria dei prigionieri di guerra.
Come la gente sa dal passato di tutta la guerra contro la Libia, i mass-media occidentali sembrano essere di nuovo complici, tentando di coprire i crimini delle forze del CNT, come hanno fatto durante l’intero conflitto, cercando ancora di incolpare dei crimini del CNT le forze fedeli al governo libico [n.d.t. della Jamahiria].

Per capirlo questa volta una cosa sola è necessaria, incrociare i diversi portavoce della propaganda della NATO. Basta leggere il report della Reuters oggi che descrive che i corpi di 25 persone giustiziate sono stati trovati a Sirte nel “Quartiere 2”, alcuni dei quali con le mani legate:

I cadaveri di 25 persone, avvolti in fogli di plastica, sono stati trovati mercoledì, nella città di Sirte, dalle forze governative (del CNT), che hanno accusato le milizie che combattono per il deposto leader Muammar Gheddafi di esecuzioni sommarie. Una squadra della Reuters ha contato 25 cadaveri in sacchi di plastica in una zona meridionale di Sirte chiamata “Quartiere 2”. I cinque cadaveri mostrati alla squadra avevano le mani legate dietro le loro spalle e  ferite da arma da fuoco alla testa. Essi indossavano abiti civili. Un comandante del Consiglio nazionale di transizione (CNT) ha detto che i corpi erano lì da almeno cinque giorni.

Secondo la propaganda della Reuters è abbastanza chiaro, che i corpi erano già morti da cinque giorni, e come le forze del CNT avessero conquistato il “Quartiere 2” appena tre giorni fa, le persone fedeli al governo libico verde sono [quindi] da incolpare per l’omicidio.

Tuttavia, quando il Guardian – un altro portavoce della NATO – ha riportato la notizia sugli stessi cadaveri un paio d’ore più tardi, la storia cambiava su dettagli significativi:

Lo stato d’animo già arrabbiato verso i lealisti si è indurito con la scoperta, in tre luoghi della città, di 30 uomini catturati che erano stati legati e giustiziati.
    Secondo i comandanti governativi (del CNT) gli uomini erano stati uccisi martedì.

E’ abbastanza chiaro che il Guardian vorrebbe dire ai suoi lettori che il crimine era stato commesso dai lealisti. Tuttavia il Guardian si è dimenticato di dire ai suoi lettori dove era avvenuto il crimine e aveva giusto detto dei “tre luoghi nella città.” Ma il Guardian riferiva ora che il crimine di esecuzione sommaria era stato commesso proprio ieri.

Che cosa significa questo aspetto? Reuters riferiva che il crimine era stato commesso cinque giorni fa, perché la zona dove i corpi erano stati trovati era stata conquistata dalle forze del CNT un paio di giorni fa. Ma di sera non lo hanno aggiunto perché i corpi erano freschi. Così il Guardian ha detto che erano freschi, ma non ha riportato dove i cadaveri erano stati trovati.
The Guardian ha fatto così in modo di esser sicuro che i lettori non potessero trarre l’ovvia conclusione che questo è un crimine delle forze del CNT, giusto mentre Telesur riferiva che loro [i combattenti del CNT] avevano annunciato che si sarebbe commesso il crimine. Per contrasto con i cadaveri dei prigionieri giustiziati, Getty ha pubblicato una foto di un combattente del CNT che era in realtà stato catturato dalle forze lealiste verdi come prigioniero di guerra. Non sembra stare molto bene, ma ovviamente non è stato giustiziato.

Non c’è da sorprendersi che le forze del CNT commettano gravi crimini di guerra a Sirte. Di fronte alle accuse di crimini e agli abusi delle loro forze, anche i comandanti delle forze di terra del CNT hanno dichiarato pubblicamente di non avere alcun controllo sopra le proprie truppe.

Le scuse della NATO per questi crimini, che avvengono mentre la Nato è impegnata con un mandato ONU “per proteggere i civili”, sono più che traballanti. La NATO afferma che è una forza neutrale a protezione dei civili, dunque non responsabile per le azioni delle truppe di terra del CNT. Tuttavia, sebbene la NATO sostenga di essere neutrale, la NATO ha scelto i suoi obiettivi completamente su un lato solo. Mentre le truppe del CNT sparava a distanza con obici in direzione della città, la NATO non gli ha impedito di fare così, ma ha aiutato le truppe del CNT a massacrare i civili nella città con attacchi aerei.

A Libyan National Transitional Council (NTC) soldier escorts a detained alleged fighters loyal to Moamer Kadhafi in the city of Sirte on October 13, 2011 as loyalists were keeping up their dogged resistance in two parts of the fugitive strongman's hometown.

E ci sono prove che la NATO sia sempre più con le forze di terra del CNT piuttosto che una forza neutrale. Nelle ultime settimane ci sono state molti reports di truppe del CNT che dicevano che prima di attaccare la città attendevano la luce verde da parte della NATO. Cosa che effettivamente mette la NATO al vertice del comando delle truppe del CNT. Ciò è confermato dalla logica. Data la debolezza organizzativa delle truppe del CNT, qualsiasi altra configurazione che non preveda la NATO seduta al vertice della catena di comando delle forze del CNT, non avrebbe senso militarmente.

Ma quando la NATO è sulla cima della catena di comando del CNT, allora sono le truppe del CNT della NATO che compiono i crimini e i comandanti della NATO sono pienamente responsabili delle azioni delle loro truppe e dovrebbero esser tenuti a rispondere per i loro crimini di guerra. La tesi secondo cui i crimini di guerra gravi e comprovati sono stati commessi da forze di terra esternalizzate che operano sotto una diversa bandiera, non è una tesi convincente, dal momento che queste forze sono ancora sotto il controllo e il comando della NATO.

Così i criminali della NATO devono essere portati davanti alla giustizia e puniti per i crimini di guerra di cui sono responsabili.

http://nocheinparteibuch.wordpress.com/2011/10/12/natos-tnc-ground-troops-commit-summary-executions-in-sirte/

Preso da: https://gilguysparks.wordpress.com/2011/10/13/truppe-di-terra-del-cnt-nato-commettono-a-sirte-esecuzioni-sommarie/

Il Pentagono ha addestrato i “ribelli” di Al Qaeda in Siria all’uso di armi chimiche

I media occidentali confutano le loro stesse bugie

Non solo confermano che il Pentagono ha sinora addestrato i terroristi nell’uso di armi chimiche, ma riconoscono anche l’esistenza di un neppure così segreto piano sostenuto dagli USA per lanciare un attacco con armi chimiche in Siria e addebitarlo al regime di Assad.

Il London Daily Mail in un articolo del 2013 confemava l’esistenza di un progetto anglo-americano, appoggiato dalla Casa Bianca (con il sostegno del Qatar) per lanciare un attacco con armi chimiche sulla Siria ed addossare la colpa su Bashar al-Assad.

Aggiornamento; 8 aprile 2017. La decisione di Trump di bombardare la base aerea siriana come rappresaglia all’asserito uso di armi chimiche da parte di Assad sul suo stesso popolo conferma che lo scenario d’operazione sotto falsa bandiera dell’attacco con armi chimiche è ancora “sul tavolo”.

La nostra analisi (che include una grande mole di pezzi investigativi di Global research) conferma inequivocabilmente che Trump sta mentendo, i media occidentali stanno mentendo e molti degli alleati americani stanno mentendo.

Il seguente articolo del Mail Online è stato pubblicato e successivamente rimosso. Notate il discorso contraddittorio:

“Obama ha inviato un avvertimento al Presidente siriano Bashar al-Assad, La Casa Bianca ha dato luce verde all’attacco con armi chimiche”.

Questo pezzo del Mail Online, pubblicato nel gennaio 2013 è stato successivamente rimosso da Mail Online. Per ulteriori dettagli vai a questo link.

img1

L’addestramento dei “ribelli” (alias i terroristi di Al Qaeda) da parte del Pentagono nell’uso delle armi chimiche. 

La CNN accusa Bashar al-Assad di uccidere il suo stesso popolo mentre riconosce anche che i “ribelli” non solo sono in possesso di armi chimiche, ma che questi “terroristi moderati” affiliati ad Al Nusra sono addestrati nell’uso delle armi chimiche da esperti sotto contratto del Pentagono.

img2

In una logica contorta, il mandato del Pentagono era quello di assicurare che i ribelli allineati con Al Qaeda non acquisissero od usassero armi di distruzione di massa, addestrandoli attualmente all’uso di armi chimiche (suona contraddittorio):

“L’addestramento [nell’uso di armi chimiche] che ha luogo in Giordania e Turchia, riguarda il modo di monitorare e mettere in sicurezza scorte nonché maneggiare armi, siti e materiali, secondo le fonti. Alcuni dei contractors sono sul terreno siriano che lavorano con i ribelli per monitorare alcuni siti, secondo uno dei funzionari. La nazionalità degli addestratori non è stata rivelata, sebbene gli ufficiali si guardavano dal dare per scontato che fossero tutti americani.(CNN, 9 dicembre 2012)

img3

L’articolo qui sopra della giornalista Elise Labott (relegata alla status di blog CNN), vincitrice del Premio CNN confuta le numerose accuse della CNN dirette contro Bashar al-Assad.

Chi sta portando avanti l’addestramento dei terroristi nell’uso delle armi chimiche? Direttamente dalla fonte: la CNN

img4

Fonti: l’aiuto coperto degli USA nell’addestramento dei ribelli nel mettere in sicurezza le armi chimiche.

E questi sono gli stessi terroristi (addestrati dal Pentagono) che sono l’asserito bersaglio della campagna di bombardamenti finalizzati al controterrorismo di Washington iniziata da Obama nell’Agosto 2014:

“Lo schema del Pentagono stabilito nel 2012 consiste nell’equipaggiare ed addestrare ribelli di Al Qaeda nell’uso di armi chimiche, col supporto dicontractors militari ingaggiati dal Pentagono, e quindi nel ritenere il governo siriano responsabile per l’uso di armi di distruzione di massa contro il popolo siriano.

Quello che si sta rivelando è uno scenario diabolico – che è parte integrale della pianificazione militare – vale a dire una situazione dove i terroristi dell’opposizione supportati dai contractors occidentali della difesa sono attualmente in possesso di armi chimiche.

Questo non è un addestramento dei ribelli nella non proliferazione. Mentre il Presidente Obama dice che “sarete ritenuti responsabili”, se userete (intendendo il governo siriano) armi chimiche, ciò che è contemplato come parte dell’operazione coperta è il possesso di armi chimiche da parte dei terroristi supportati da USA e NATO, vale a dire “dai nostri” operativi affiliati di Al Qaeda, incluso il Fronte di Al Nusra che costituisce il più attivo gruppo di combattimento finanziato ed addestrato dall’Occidente, largamente integrato da mercenari stranieri. In un amaro risvolto, Jabat al Nusra, una risorsa dell’intelligence, supportato dagli USA, è stato recentemente messo sull’elenco delle organizzazioni terroristiche del Dipartimento di Stato.

L’Occidente afferma che viene in soccorso del popolo siriano, le cui vite sono presumibilmente minacciate da Bashar al-Assad.

La verità della questione sta nel fatto che l’alleanza militare occidentale non solo sta supportando i terroristi, incluso il fronte di Al Nusra, ma sta anche rendendo disponibili armi chimiche alle sue vicine forze ribelli “di opposizione”.

La fase successiva di questo diabolico scenario è che le armi chimiche nelle mani degli operativi di Al Qaeda saranno usate sui civili, il che potrebbe portare un’intera nazione dentro un disastro umanitario. La questione ulteriore è: chi è una minaccia per il popolo siriano? Il governo siriano di Bashar al-Assad o l’alleanza militare tra USA, NATO e Israele che sta reclutando forze terroristiche “di opposizione” che vengono attualmente addestrate nell’uso di armi chimiche?” (Michel Chossudovsky, 8 maggio 2013, minor edit)