L’incontro del Fratello Guida coi Capi delle Chiese presenti per tutta la Grande Jamāhīriyya, con gli Ambasciatori dei Paesi Amici, e con personaggi della politica, della religione e della cultura della società libica

6/3/2010
In tempi molto recenti, il mondo ha festeggiato la fine dell’anno 2006 e l’inizio dell’anno 2007 dalla nascita di Cristo, la pace sia con lui.

Il giorno di oggi, venerdì, segna la Vigilia al Monte Arafat durante la grande stagione di Hajj e, quasi due giorni dopo, il nuovo anno, che segna il passaggio dei 2007 dopo la circoncisione di Cristo dopo la sua nascita il 24 di questo mese. Inoltre, tra due giorni, saranno passati 1375 dalla morte del Profeta Maometto, ultimo tra i profeti, la pace e la benedizione di Dio siano con lui. È doveroso per noi e per il mondo intero segnare queste due date, la nascità di Gesù, pace sia con lui, e la morte di Maometto, la pace e la benedizione di Dio siano con lui, perché la nascita di Gesù è una delle meraviglie di Dio e un miracolo. Tale data doverbbe essere segnata e impiegata come base per il calendario e dovrebbe essere festeggiata ogni anno. Lo stesso vale per la morte di Maometto, l’ultimo dei profeti, che è un evento di portata cosmica e dovrebbe allo stesso modo venire impiegato come base per il calendario in tutto il mondo.

La nascita di Gesù, coem abbiamo già detto, è una delle meraviglie di Dio e un miracolo. Conoscete bene i miracoli di Gesù, sia pace a lui, come raccontati nel Corano. Gesù parlava al popolo quando ancora era un bimbo in culla, curava i malati e resuscitava i morti, col permesso di Dio. Il Corano afferma che Dio prese Gesù con Sé e lo innalzò a Sé. Dio Onnipotente dice nel Corano: “Io ti prenderò e ti innalzerò a me” e “non lo uccisero né lo crocifissero; solo un sosia fu mostrato loro”. Ed Egli dice anche “… e lo uccisero senza certezza”.

Questi è colui che, col permesso di Dio, risuscita i morti e cura i malati e fa miracoli e meraviglie. Dovremmo rispettare questa data, festeggiarla e impiegarla come base per il calendario. Questa data coincidel con la morte di Maometto, l’ultimo dei profeti. Con la sua morte cessò la rivelazione, il cielo si zittì del tutto e non si sarebbe più rivolt alla terra dopo di lui fino al Giorno del Giudizio.

Il significato della questione storica è manifesto quendo si chiede: “Quando cessò la rivelazione? Quando decise Iddio di non mandare altri messaggeri sulla terra? Quando si è zittito il cielo e ha smesso di rivolgersi alla terra? Quando hanno avuto l’avviso del loro differimento i messaggeri?”La risposta verrà il giorno della decisione. La risposta è che tutto questo è successo con la morte dell’ultimo dei profeti, Maometto, la pace e la benedizione di Dio siano con lui.

In questa realtà di cui noi stiamo facendo esperienza, signori, è difficile dichiarare l’irrefutabile verità, specialmente in materia di religione, assieme alle altre verità in materia di società, economia e politica. Però larealtà che stiamo esperendo è peggiorata e ha finito col porre una minaccia alla pace e alla stabilità del pianeta e alla vita della gente.

D’altra parte, la porta dello sfruttamento della religione è stata spalancata al punto tale che è stata usata per giustificare takfir , terrorismo, distruzione, guerre e omicidi di massa. Perciò chi non dichiara la verita è un demone muto; e visto che nessuno vuole essere un demone muto, ho ritenuto mio dovere incontrarmi con voi.

Stasera abbiamo l’onore della presenza dei capi delle chiese presenti in tutta la Grande Jamāhīriyya e gli ambasciatori degli stati amici e i personaggi guida della politica, della religione e della cultura nella società libica; e abbiamo anche l’onore della presenza della Regina d’Uganda della Repubblica dell’Uganda e della delegazione di dignitari che l’accompagna. Ho ritenuto che questa fosse l’occasione appropriata per dichiarare alcune verità che non sono stato io a scoprire né vi sono giunto in seguito a un’interpretazione, come succede oggi.

Avete visto che il mercato dell’inganno, dell’eresia e della sofisticheria è pronto a sfruttare i sempliciotti, la gente comune e le masse. Tutti quelli che hanno un interesse nell’eresia, i grassatori di guerra e i trafficanti di armi, hanno tratto vantaggio dalla confusione e dagli errori promossi al momento.

Secondo il nostro credo, io sostengo che c’è un grande malinteso riguardo il problema religioso. Ciò che sta succedendo ora è solo una tradizione ereditata basata su opinioni discrezionali di mondo, posizioni di mondo e interessi di mondo. I furbi hanno sfruttato la religione adattandola a servire i loro interessi per poi presentarla a noi. Hanno creato una realtà religiosa che non ha nulla a che vedere con la religione.

Per prima cosa, circolare attorno alla Ka’ba e fare la veglia sul Monte Arafat dovrebbe essere permesso a tutti. Il primo errore è che hanno dato il diritto di officiare il rito solo ai seguaci di Maometto, cosa che non ha alcuno fondamento nella religione, nel Corano o in qualsiasi altro documento originale.

Quando il Corano venne rivelato a Maometto, il popolo aveva circolato attorno alla Ka’ba per 2500 anni per riconoscimento di Abramo, la pace sia con lui. Circolare attorno alla Ka’ba non è ristretto a Maometto e ai suoi seguaci, ma permesso a tutti. Dio dice che la Ka’ba è stata la prima casa mai costruita per l’adorazione di Dio. Ora citiamo versi del Corano che di solito vengono trascurati, specie dai seguaci di Maometto:

“La prima casa istituita per il popolo era quella di Becca, un luogo santo e una guida per tutti”. Dio ci ha detto che la prima casa istituita per il popolo non è solo per gli arabi e per Maometto, ma per tutti. Questa era la casa istituita per tutto il popolo nella terra come guida santa per tutti. Era quella a Becca, che è la Ka’ba della Mecca. È per tutti, non solo per gli arabi, per gli abitanti della Penisola Araba e per gli abitanti della Mecca. Con ciò ci si riferisce al posto su cui poggia la Ka’ba, che è sacro, e non all’edificio stesso, che non lo è.

C’è chi ora si aggrappa ai teli di copertura della Ka’ba e all’edificio e al muro: questo è paganesimo. Se lo si dicesse ora, milioni di quelli che circolano attorno alla Ka’ba farebbero obienzioni. La santità non è nell’edificio, che non venne costruito nel passato remoto, e che potrebbe crollare ed essere ricostruito. È la terra sotto che è pura e santa, e su cui Dio ordinò ad Abramo e Ismaele di costruire la casa per far conoscere quel luogo puro e santo. Altrimenti nessuno saprebbe che cosa c’era un questa valle o in un’altra.

Questa casa di mattoni che ora vediamo e che la gente tocca non ha alcuna santità. Inoltre, circolare attorno al luogo definito dall’edificio non è solo per gli arabi o i seguaci di Maometto, ma per tutti. Fu la prima casa istituita per il popolo. Tutti, da ogni continente hanno il diritto di circolare attorno alla Ka’ba e di vegliare sul Monte Arafat. Di chi vorrebbe fermarli, Dio dice: “Chi, ritenuto eguale tra gli uomini, non crede e sbarra la via di Dio e la Santa Moschea…” Chi impedisce di circolare attorno alla Ka’ba alla gente, che siano abitanti dell’area o che vengano da fuori, è dichiarato non credente da Dio nel Corano. Se il Legato Pontificio vuole recarsi a circolare attorno alla Ka’ba domani, ciò è suo diritto perché la Ka’ba è per tutti. Se qualcuno glielo impedisce, il Corano dice: “Chi non crede e sbarra la via a Dio e alla Moschea…” è considerato un miscredente, perché impedisce alla gente di circolare attorno alla Ka’ba. Chi ha mai detto che al Legato Pontificio non sia permesso di visitare la Ka’ba e di circolarvi attorno? Chi l’ha mai detto? Chi glielo impedisce? C’è un verso del Corano che lo fa? No, non c’è!

Chi sono quelli a cui viene impedito di circolare attorno alla Ka’ba? Sono quelli di cui il Corano dice: “gli idolatri sono del tutto immondi, quindi non li si lascino avvicinare alla Santa Moschea dopo questo loro anno”. L’idolatra è immondo. Perciò chi è l’idolatra a cui si dovrebbe impedire di circolare attorno alla Ka’ba? È quello che non adora solo Iddio, non crede a un solo Dio e adora gli idoli.

La parola “al-mushrekeen” (idolatri) nel Corano denota sempre quegli arabi che adorano gli idoli; erano i politeisti che adoravano ‘Allat’, ‘Alazza’ e il terzo, ‘Mounat’, e poi altri idoli. Quelli sono gli idolatri immondi e, in quanto tali, a loro viene impedito di circolare attorno alla Ka’ba. Quest’ordine deve essere fatto rispettare da ora e tutti debbono poter circolare attorno alla Ka’ba. Ne verrebbero grandi benefici.

Ho parlato di un mondo che ora sta peggiorando. Dio voleva che tutti circolassero attorno alla Ka’ba per una ragione. “Abbiamo istituito la casa come luogo di visita per la gente”, “e un santuario e ‘prendetevi il campo di Abramo come luogo di preghiera’, e facemmo un patto con Abramo e Ismaele”. Purifica la mia casa per chi vi si avvicina e per chi vi si aggrappa, per chi si inchina e per chi si prostra.

Fu Abramo, non Maometto, a cui Iddio ordinò di costruire questa casa, di purificarla e di chiamare la gente a circolarvi attorno “e quando abbiamo deciso di fare di questa casa un luogo di visita” che fosse un punto di incontro per il popolo. Dio vuole che tutti si ritrovino ogni anno attorno alla Ka’ba, così che l’umanità possa riunirsi e conoscersi.

È un congresso internazionale come l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che ha una sua sessione annuale in cui si incontrano le delegazioni, stilano dichiarazioni e cercano di raggiungere la pace sulla terra e l’armonia e la cooperazione tra i popoli. Ciò è appunto quanto Dio vuole che la Ka’ba sia: un punto d’incontro. Dio volle che la Ka’ba fosse un punto di incontro ogni anno per tutti i popoli, non solo per gli arabi o i seguaci di Maometto.

Il monopolio della Ka’ba è razzista. La Ka’ba è per tutti; e ciò è molto saggio. Tutti, da tutti i continenti (America, Europa, Africa, Asia e Australia) debbono venire ogni anno, circolare attorno alla Ka’ba e conoscersi. Questa è adorazione congiunta.

Se qualcuno vi dicessse che circolando attorno alla Ka’ba voi diventereste seguaci di Maometto, costui sarebbe bugiardo e impostore. I popoli dovevano circolare attorno alla Ka’ba per 2500 anni circa prima di Maometto, sin dall’epoca di Abramo. Tutti i popoli erano soliti circolare attorno alla Ka’ba prima del Corano e prima di Maometto.

Dio disse: “è dovere verso Dio di tutti gli uomini di venire alla casa come pellegrini, se sono in condizioni di poterci arrivare.” Non ha detto “solo gli arabi”. Inoltre, non ha detto che fosse dovere verso Dio degli arabi, dei seguaci di Maometto o degli abitanti della Penisola Araba; disse invece: “È dovere verso Dio di tutti gli uomini”. Ciò significa che Egli chiede a tutti gli uomini di andare in pellegrinaggio alla Ka’ba. Disse anche: “… e di diffondere il pellegrinaggio tra gli uomini”, che era diretto ad Abramo e non a Maometto, perché il pellegrinaggio viene prima di Maometto. Quando Abramo costruì la Ka’ba, Egli gli disse “proclamate il pellegrinaggio tra gli uomini e verranno da te a piedi verranno da ogni baratro profondo…”. Egli stava chiedendo ad Abramo di proclamarlo tra gli uomini; non stava chiedendo di proclamarlo tra gli arabi, tra gli abitanti della Penisola Aranica o della Mecca, ma gli chiese di programarlo tra tutti gli uomini. Gli chese di chiamare tutto gli uomini al pellegrinaggio perché nella sua saggezza Dio vollte tutta l’umanità attorno alla Ka’ba, così che ci potesse essere comprensione, pace e fratellanza umana.

Certo, se lo si dovesse dire nella Penisola Arabica, in un contesto politico o diplomatico, sarebbe il terremoto; ma non avrebbero argomenti contrari. Li sfiderei a citarmi un verso solo del Corano che sbarrasse ai seguaci di Gesù, di Mosè o di altre religioni la via attorno alla Ka’ba! Non c’è alcun verso del genere: solo l’infedele immondo è bandito.

Se mai qualcuno dovesse dire che non crede affatto, allora non lo si lascerebbe affatto avvicinarsi alla Santa Moschea. Però monaci, preti, chierici e milioni e milioni del Popolo del libro non sono miscredenti immondi. Allora, come potremmo impedir loro il pellegrinaggio? Ciò va fatto rispettare e deve diventare realtà.

Mi si mostri un altro posto nel mondo dove la gente circoli! C’è solo un posto così ed è la Ka’ba. Fortunatamente, ora ci sono i satelli che trasmettono queste immagini a tutta l’umanità a al mondo intero.

Ora il popolo vede questa immagine maestosa di milioni di persone attorno alla Ka’ba in un rito di adorazione. C’è nient’altro del genere altrove nel mondo? No, ma ci sono sindoni, come quelle in India dove i Sik e i Bramini visitano il Taj Mahal e i Buddisti la statua di Budda e i seguaci di Gesù, Mosè o Maometto visitano Gerusalemme. È una visita.

Il popolo visita il Santo Sepolcro esattamente come noi che crediamo che Maometto sia sepolto nella moschea di Al-Medina, che il popolo visita. È una visita e non un rito di adorazione. E se andate alla tomba di Maometto, allora il vostro pellgrinaggio non è valido, perché visitare la tomba del Messaggero se mai tale tomba esiste, non è parte del pellegrinaggio. Per come la vediamo noi, la tomba non esiste perché tutte le tombe sono state spianate dopo l’emergere del movimento riformista di Wahabi, che ha spianato le tombe ed eliminato tutti i monumenti storici. Io non credo che sia certo che la tomba di Maometto esista. Comunque, che esista o no non ci riguarda.

Una visita in Vaticano è una visita al Papa che si vuole salutare. Una visita alla tomba di Maometto e la lettura di “Al-Fatiha” a lui, o la curiosità di vedere la tomba, è solo una visita.

Comunque, non c’è posto sulla terra oltre la Ka’ba attorno il quale la gente circoli. È il solo luogo in cui Dio ha ordinato che la gente circolasse; e non c’è bisogno di essere seguaci di Maometto, Mosè o Gesù. Dio non ha mai stabilito questa condizione; disse semplicemente che bisogna girare attorno la Ka’ba. Poi si possono officiare i riti di adorazione, che sia in forma di preghiera che abbiamo noi o quella che hano altri nella chiesa in diversa maniera. Uno può meditare e l’altro può fare movimenti, perché ognuno è libero di adorare Dio alla sua maniera. Uno può digiunare dalla mezzanotte al mezzogiorno per quaranta giorni, mentre un altro può digiunare dall’alba al tramonto per trenta giorni. Va bene per ciascuno digiunare e pregare nella maniera a lui prescritta, ma girare attorno la Ka’ba è preghiera comune.

Ora, non tutti i pellegrini visitano Al-Madina e non necessariamente visitano la tomba del Messaggero perché sanno che non è un rito di venerazione. Qualcuno la visita e altri no e non sono in colpa per questo. Si può visitare Gerusalemme o nem, visto che non è stipulato, e lo stesos vale per il Vaticano e per il Taj Mahal, ma girare attorno alla Ka’ba è l’unica stipulazione perché non è una visita, ma un rito di adorazione. È uno dei fatti che dissiperà la situazione distorta che prevale oggi assieme ai credi erronei.

Non possiamo tacere oltre di fronte agli errori, ai sofismi e alle eresie di cui siamo testimoni ora, quando sentiamo di Armageddon e del terrorismo, mentre vediamo coi nostri occhi la distruzione. Non possiamo permetterci di tacere oltre, perché chi conosce la verità la deve proclamare.

La seconda verità è che è un errore dire che i mussulmani sono seguaci di Maometto. Seguaci di Maometto non sono solo i mussulmani. Anche i seguaci di Gesù sono mussulmani e così i seguaci di Mosè, di Abramo, di Noè, di Idriss, di Saleh e di tutti i profeti. Ciò è detto nel Corano.

Forse lo Sceicco Al-Zanati o lo Sceicco Al-Dukali che, Dio li benedica, conoscono il Corano a memoria, possono aiutarci citando quei versi che ci dicono che mussulmani non sono solo seguaci di Maometto. In primo luogo, non ha forse il Corano detto che egli stesso era mussulmano?

La parola allo Sceicco Aldukali:

Intervento dello Sceicco Al-Dukali: Fratello Guida, c’è un verso santo che comanda al Messaggero, sia pace e benedizione a lui, di seguire l’esempio dei profeti che vennero prima di lui, come dice l’Onnipotente: “Questo è la nostra parola, che Noi abbiamo affidato ad Abramo contro il suo popolo. Alziamo di grado chi vogliamo. Certo il tuo Dio è Onnisciente. E gli abbiamo dato Isacco e Giacobbe, e ognuno l’abbiamo guidato noi, e prima avevamo guidato Noè; e del suo seme Davide e Salomone, Giobbe e Giuseppe, Mosè e Aronne. E anche in questo caso Noi premiamo chi ha fatto del bene: Zaccaria e Giovanni, Gesù ed Elia. Ognuno di loro era tra i giusti: Ismaele ed Eliseo, Giona e Lot. Abbiamo preferito ognuno di loro sopra tutti; anche tra i loro padri, tra i loro parent, tra i loro fratelli. E li abbiamo scelti, e Noi li guidammo sulla retta via. Ecco la guida di Dio. Egli guida attraverso colui che sceglie tra i suoi servi; se fossero stati idolatri, avrebbe punito loro e i loro atti.”

Colonnello Al-Gheddafi:Chiedo scusa, ma vogliamo il verso in cui si dice che anche Abramo era mussulmano.

 Sceicco Al-Dukali: Sì, eccolo: “Chi è guidato da Dio. Queste sono le istruzioni per il Messaggero di Dio, la pace e la benedizione di Dio scendano su di lui. Essi sono coloro a cui Dio ha segnato la via, quindi seguite la loro guida”. Ciò significa che egli deve seguire la loro guida così come deve seguire la guida di Abramo. “Certamente, Abramo era una nazione che obbediva a Dio, un uomo di pura fede e non un idolatra; e mostrò riconoscenza per la Sua benedizione. Egli lo scelse ed Egli lo diresse sulla retta via. E gli diede bene al mondo”.

Colonnello Al-Gheddafi: “Abramo inverità non era né ebreo né cristiano; ma era mussulmano e di fede pura e certamente non è mai stato idolatra”. Ciò significa che Abramo era mussulmano. Poi disse “E Abramo così impartì a Giacobbe e ai suoi figli: ‘Figli miei, Dio ha scelto per voi la religione; fate sì di non morire arrendendovi”. In altre parole, Giacobbe disse ai suoi figli di non morire se non mussulmani; e ciò successe prima di Maometto. Cosa dissero i sacerdoti di Faraone quando proclamarono la loro fede in Mosé e Aronne?

Sceicco Al-Dukali: Dissero: “Crediamo nel Dio di Mosé e di Aronne”.

 Colonnello Al-Gheddafi: C’è un verso che dice che proclamarono la loro adesione all’Islam.

Sceicco Al-Dukali: “E a Lui ci rendiamo”.

 Colonnello Al-Gheddafi: I sacerdoti di Faraone, quando riconobbero le meraviglie di Mosé, dissero: “Noi crediamo… nel Signore di Mosé e di Aronne”, che significa che Abramo era mussulmano. E quando la morte visitò Giacobbe, cosa disse egli ai suoi figli?

Sceicco Al-Dukali: “Perché, eravate testimoni quando la morte visitò Giacobbe? Quando disse ‘Chi servirete dopo di me?’ dissero: ‘Serviremo Dio e il Dio dei tuoi padri Abramo, Ismaele e Isacco, il Solo Dio; a Lui ci rendiamo”.

Il Capo: I figli di Giacobbe disssero al padre: “Adoreremo Dio come Mussulmani”. E i sacerdoti di Faraone, quando credettero al Signore di Mosé e di Aronne, dissero “Siamo mussulmani”. E anche Abramo disse “Io sono mussulmano. Chi crede in Dio è mussulmano”. Quindi, quando venne Maometto, chi lo seguì si unì a questa religione e io ho approvato l’Islam come vostra religione.

 Sceicco Al-Dukali: Oggi ho portato alla perfezione la vostra religione per voi, e ho portato a compimento le mie benedizioni su di voi e ho approvato l’Islam come vostra religione”.

Colonnello A-Gheddafi: In altre parole, disse loro: “Non adorate idoli. L’Islam prima di me è l’Islam di Gesù, Mosé e Abramo”. Orbene, perché diciamo che l’Islam è una religione universale? Perché ci sono idoli e c’è Iddio. Adorare gli idoli è adorare il diavolo, i pianeti, le immagini vili, i fenomeni naturali, ecc. Questa idolatria è la parte del Diavolo, mentre la parte di Dio è l’Islam, che sono coloro che credono in Dio. Tutti coloro che credono in Dio erano mussulmani prima di Maometto. L’ultimo gruppo che ha abbracciato la religione islamica, in esistenza dai giorni di Abramo, furono i seguaci di Maometto.

Altra inesattezza è quando si dice che: “I mussulmani sono terroristi… l’Islam è terrorismo”. Ciò significa che si disprezzano tutti quelli che credono in Dio, perché chi si rende a Dio è mussulmano. Se uno dice che i mussulmani sono terroristi, ciò vuol dire che lo sono anche i danesi, gli americani, i canadesi, gli australiani, gli indiani e gli arabi.

Maometto, sia su di lui la benedizione di Dio, non s’è mai rivolto a chi credeva in lui dicendo “O mussulmani”, ma si rivolse a loro come “fedeli”, “servi di Dio” e “popolo”. Si rivolgeva a loro così perché i mussulmani non sono solo quelli che credono in Maometto; invece, tutti quelli che credono in Dio sono mussulmani. Quando ci dicono che “per dio la religione è l’Islam”, ciò significa che chi crede a Maometto segue la religione giusta.

Perché Dio e la religione – siano di Gesù, di Mosé o di Abramo – sono Islam. Rendersi a Dio è la religione giusta agli occhi di Dio e chi non si rende a Dio non è mussulmano. Se qualcuno desidera una religione altra dall’Islam (sottomissione ad Allah) ciò non sarà mai accettato; e nell’Aldilà sarà tra le schiere di chi ha perso.

Chi sarà tra le schiere di coloro che hanno perso, e in chi non si accetterà mai tale scelta? È colui che non crede in Dio, perché colui che crede in Dio è mussulmano. Oggi noi siamo in una situazione positiva per mano dell’uomo, come la Sharia islamica. La Sharia non è islamica, ma il risultato di un’interpretazione discrezionale. C’è stato chi ha applicato la sua interpretazione discrezionale alle pene, un altro l’ha applicato alle procedure e un terzo ai provvedimenti preparativi per la Sharia.

Queste sono interpretazioni discrezionali che vengono chiamate Sharia Islamica, che però non è questa. La Sharia Islamica sono i libri sacri. La Sharia Islamica sono i testi rivelati. Quindi noi siamo davanti a tante distorsioni e falsificazioni.

Nella Bibbia si dice che Maometto è un profeta che viene dopo Gesù. Gesù disse ai suoi seguaci di seguire il profeta che fosse venuto dopo di lui “che confermerà la legge dopo di me”. Gesù disse ai suoi seguaci: “O figli di Israele! Io sono l’apostolo di Allah mandato a voi a conferma della Legge che venne prima di me e che dà la Buona Novella di un Messaggero che viene dopo di me, il cui nome sarà Amhad”. In altre parole, li stava avvertendo di un profeta che sarebbe venuto dopo di lui, così che lo seguissero.

Ciò significa che sarebbero stati felici quando avrebbero seguito quel profeta che sarebbe venuto dopo Gesù, per la Buona Novella; e la parola araba “Injeel”, nella Bibbia, significa Buona Novella. Dov’è scritto? Non è qui; vuol dire che qualcuno l’ha cancellato.

Ho detto che ci sono cose nel Cristianesimo, nel Giudaismo e nel Maomettismo, termine molto più preciso, che sono state distorte col proposito di opprimere il popolo, controllarlo e derubarlo dei suoi averi. Così crearono rituali e varie forme di controllo del popolo. Per esempio, se volete condurre le preghiere dovete coprirvi il capo. Chi l’ha detto? Perché chi conduce le preghiere non può avere il capo scoperto? Lo dicono perché il berretto distingue l’Imam (la guida delle preghiere) e sarebbe per lui come una corona.

Fa questo, vestiti così. No, Gesù non l’ha mai detto e nemmeno Mosè o Maometto, che si vestivano come la gente di Al-Medina o della Mecca. Era solito alzarsi la veste perché c’erano le paludi ad Al-Medina. Di solito piantavano palme, attingevano acqua, lavavano con l’acqua e costruivano moschee e case e quindi dovevano alzarsi la veste. Oggi c’è chi viene e si alza la veste dicendo che così emula il Profeta mentre cammina per il deserto senza paludi. E allora perché si alza la veste? Questa è ciarlataneria, non religione.

Per quanto riguarda il Corano, in questi giorni non si pensa al suo significato, ma ti sorprendono col modo corretto di recitarlo e col suono e l’amalgama delle consonanti. Quindi ci si sente in perdita e si pensa a come si può memorizzare tutto invece di chiedersi il significato del verso. Ci si preoccupa della pronuncia, anche se l’amalgama e il suono delle consonanti dovrebbero venire automaticamente. Quando si parla o si legge, due suoni simili che si incontrano si fondono automaticamente. Per esempio, quando si dice “kibbati”, per la verità si dice “kidbati”, perché la ‘d’ e la ‘b’ si fondono. Però parlano ancora di amalgama delle consonanti e dicono che questo suono diventa muto e che si pronuncia con la punta della lingua, ecc. Sono sicuro che lo Sceicco Al-Dukali ha passato una vita ha studiare la cosa.

Hanno anche fatto differenze tra moschee. Non sappiamo se i Sunniti o gli Sciiti abbiano la loro moschea. In Nigeria i seguaci di Maometto bruciano chiese e i seguaci di Gesù bruciano moschee. Questi sono infedeli: una chiesa è una casa di preghiera e così è una moschea. Se si crede in Dio, allora come si può bruciare un luogo dove il Dio in cui si crede è adorato? Bisogna invece avere tale luogo come sacro e riverire il popolo perché adorano Dio, sia in una moschea sia in una chiesa. Bisogna gioire e dire: “Questi sono credenti come me e adorano Iddio e non il Diavolo”. Però succede il contrario e ciò è dovuto a scarsa comprensione della religione.

Allo stato attuale, la religione è piena di difetti. Ci sono anche tante cose nascoste. Vogliamo ricercare nella Bibbia ogni menzione di Maometto. Dio ci disse che Gesù disse che portò la buona novella di un profeta chiamato Maometto che sarebbe venuto dopo di lui.

Se Mosè fosse stato vivo alla venuta di Gesù, lo avrebbe immediatamente seguito. Lo puoi chiamare cristiano o come vuoi, ma anche Mosè avrebbe seguito Gesù e si sarebbe accordato ai suoi insegnamenti. Inoltre, se Gesù fosse stato vivo al tempo di Maometto, l’avrebbe seguito subito. Se vogliamo parlare di religione, allora questa è la religione. Dovremmo eliminare sciovinismo, razzismo, colonialismo e bigotteria. Un luogo di preghiera è dove si prega Iddio, ed è lo stesso Dio.

Lasciamo che disprezzino i mussulmani e dicano: “i mussulmani sono terroristi”. Non dovremmo mai replicare. I seguaci di Maometto non dovrebbero parlare perché la parola “mussulmano” non denota solo loro, ma tutti i gli altri seguaci delle religioni monoteiste. Quando si disprezzano i mussulmani, si disprezzano i seguaci di Maometto, di Gesù, di Mosè, di Abramo e di Noè. Lasciamoli dire quel che vogliono. I seguaci di Maometto sono solo un gruppo di quei mussulmeni che seguirono Mosè, Gesù, Giacobbe, Isacco, Ismaele, Abramo, Zaccaria, Giovanni ed Elia. Tutti gli altri sono mussulmani.

Quando disprezzano il Profeta Maometto, che venne per tutti i popoli, disprezzano il loro vero profeta. In Danimarca non hanno forse disprezzato il Profeta Maometto? Hanno disprezzato il loro profeta, perché Maometto è il profeta degli arabi, dei danesi, degli australiani, dei canadesi, dei latinoamericani e di tutti, perché fu l’ultimo dei profeti.

Se i seguaci di Maometto non credono in Gesù e negli altri profeti, allora non possono essere detti veri credenti, perché noi non facciamo differenza tra i profeti. A questo proposito, il Corano dice: “loro: e ci inchiniamo ad Allah (nell’Islam)”. Noi crediamo ad Allah e alla rivelazione data a noi, e ad Abramo, a Ismaele, Isacco, Giacobbe e le tribu, e quindi a Mosé e a Gesù, e a quella data a tutti i profeti dal loro Signore. “Non facciamo differenza tra l’uno e l’altro, e a Lui ci rendiamo.”

Se non vi piace, allora non credete a Maometto, perché chi crede a Maometto deve credere a Gesù, Mosé, Isacco e Ismaele. Deve credere a loro e non fare mai differenza tra loro.

Se Abramo, Ismaele, Isacco, Giacobbe, Mosé e Gesù fossero vivi oggi, la nostra situazione sarebbe molto diversa. Noi avremmo trovato che i profeti erano fratelli e saremmo stati tutti mussulmani, credenti in un solo Dio. Per coloro che non credessero, la loro stima finale verrà nel Giorno del Giudizio. Se così fosse stato il caso, non avremmo i problemi attuali. Comunque, poiché così non è, il popolo sfrutta la religione per creare sette e denominazioni diverse e causa discordia tra la gente così da poterla sfruttare.

E ricordate, Gesù, figlio di Maria disse: “Figli di Israele, io sono l’apostolo di Allah mandato a voi a conferma della Legge che venne prima di me e vi do la Buona Novella di un Messaggero che verrà dopo di me, il cui nome sarà Amhad”. E disse a Maometto di dire non “O arabi”, ma “o popolo” e “O popolo, io sono il Messaggero di Dio presso tutti voi”.

Per coloro che stanno in Asia, Europa, Africa, Americhe e Australia e negli oceani, Maometto è il profeta di tutti loro. Non si è rivolto solo agli arabi, ma ha detto “Popolo, io sono il messaggero di Dio per tutti voi”. Dice loro che viene nella tradizione di Gesù e Mosè e che essi erano suoi fratelli e che questi erano libri sacri e parola di Dio, in cui debbo credere per poter essere mussulmani.

Perché nella Torah e nella Bibbia non si fa menzione di Maometto? Ciò significa che qualcuno si è messo a cancellare ogni riferimento a Maometto e che ne dovrà rispondere nel Giorno del Giudizio. È un peccato grave, perché dio disse qualcosa e qualcuno la cancellò. Se togliessimo una parola sola dal Corano “dovremmo farti provare una parte eguale di castigo in vita e una parte eguale in morte”: Dio punirebbe chiunque facesse ciò tante volte in vita quante in morte. Gesù ricorre venticinque volte nel Corano e nessun seguace di Maometto potrebbe togliere quel riferimento a Gesù. Se mai qualcuno volesse farlo per lui sarebbe un inferno, perché come si potrebbe mai cancellare una parola che Dio ha detto venticinque volte?

Nel Corano, Mosé ricorre centotrentotto volte e Maria trentotto; e non si possono cancellare. Così il Corano ha delle belle cose da dire sui cristiani, sugli ebrei e sui loro profeti che nessuno potrà mai cancellare. Perché non hanno detto: “No, queste vanno cancellate; dite che solo Maometto e i suoi profeti erano il popolo eletto da Dio”? Ciò sarebbe blasfemia, ma la Torah e la Bibbia vennero scritte molto prima di Gesù.

Ora vediamo la Torah e la Bibbia, in cui si fa menzione di Maometto. “Coloro che non credono e sbarrano la via verso Dio e la Santa Moschea e che abbiamo nominato eguali tra gli uomini”. Quindi chiunque impedisca ai cristiani e agli ebrei o ai seguaci di altre religioni di circolare attorno alla Kaaba è un miscredente.

“I miscredenti, che sbarrano la via verso Dio e la Santa Moschea e che abbiamo nominato uguali tra gli uomini, siano essi locali o provenienti dai territori circostanti…” cioè i residenti dell’area e i visitatori e tutti che hanno un proposito sacro. Attenti: abbiamo dato ad Abramo il sito della Casa Sacra dicendo: “Non associate nulla alla devozione verso di Me; e santificate la Mia Casa per quelli che vi circolano attorno, o restano in piedi, o si inchinano o si prostrano (quindi in preghiera)”. “E abbiamo proclamato il Pellegrinaggio tra gli uomini e verranno a te a piedi e a cavallo di ogni animale verranno dalle più profonde rovine”. Ciò significa che verranno dall’Australia, dal Canada, dalla Svizzera e dalla Finlandia. Ciò si richiedeva duecentocinquant’anni prima di Maometto: “Dalle più profonde rovine” significa da ogni remoto angolo, e non solo gli arabi che credevano in Maometto.

Quando veniamo a coloro che credono in Gesù, sia pace a loro, essi celebrano il giorno della sua nascita e il giorno della sua circoncisione; credono veramente nella missione di Gesù. Cosa disse Gesù quando salì sulla montagna e si rivolse alla gente? Disse: “Beati i miti, perché erediteranno la terra”. In altre parole, chiede al popolo di essere degno e mite, non colonialista, terrorista, bigotto, pieno d’odio per le altre nazioni o invasore e saccheggiatore.

“Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia”. Verso chi Iddio non ha misericordia? Ha misericordia per chi ha misericordia verso gli altri. E per quelli che distruggono la gente, colpiscono con razzi, bombe intelligenti e missili cruise, schiacciano bambini contro i cingoli dei carri armati, sono questi misericordiosi? Questi Egli punirà perché non sono tra i misericordiosi e violano gli insegnamenti di Gesù. “Beati i miti, perché erediteranno la terra; e beati i puri di cuore, perché vedranno Dio”. Chi è puro di cuore vedrà Dio. E per quelli dal cuore nero, che commettono genocidi, che odiano l’umanità e occupano territori, riducono la gente a schiavi e li trattano come animali, essi non vedranno Dio.

Chi vedrà Dio saranno i puri di cuore, i cui cuori saranno immuni da colonialismo, odio, invida e disprezzo. Questo è il popolo che vedrà Dio. Chi seguirà Gesù sarà puro di cuore, misericordioso e mite. Se crede in Gesù ed è un vero cristiano, questi saranno i suoi principi.

Ma dove sono i suoi insegnamenti, in vista di quanto succede oggi in Iraq, a Guantanamo e in Palestina, e di cosa è successo in Vietnam, nelle Filippine, nelle due guerre mondiali, e dell’uso delle bombe atomiche in Giappone. Hanno il diritto di dire “Siamo cristiani”? Mai!

Beati gli oppressi, perché entreranno nel Regno di Dio, non i saccheggiatori e i tiranni della terra. Loro non hanno posto in Paradiso; verranno invece consegnati nel pozzo più profondo dell’Inferno.

Gesù dice: “A chi vi prende il mantello non rifiutate nemmeno la tunica”. E disse loro: “Avete sentito detto ‘occhio per occhio e dente per dente’” perché lo si trova nella Torah, “ma io vi dico che a chi vi dà uno schiaffo dovete porgere l’altra guancia”. “Per chi fa un passo verso di voi, voi dovete fare un miglio verso di loro”. In altre parole, se qualcuno vuole farvisi amico, cooperare con voi, finire la sua lite con voi e fare un passo verso di voi, voi dovete fare un miglio verso di lui. Questi sono gli insegnamenti di Gesù. A loro disse anche: “Nessuno può servire due padroni… Non potete servire Dio e il denaro”. Come può il capitalismo oggi essere compatibile con gli insegnamenti di Cristo?

Abramo stesso era solito adorare il sole, la luna e le stelle. Non si può fargliene una colpa, perché arrivò a conoscere Dio solo quando Dio gli si rivelò. Dio gli disse: “Li ho creati tutti: il sole, la luna e le stelle che tu adori, e il mondo intero”. Quindi Abramo disse: “Ora ho visto la luce”.

Arrivammo a conoscere la resurrezione, il Giorno del Giudizio e il Paradiso e l’Inferno quando Dio ce lo disse. Altrimenti saremmo ancora rimasti al buio. La sola religione a cui dovremmo aderire è la religione di Dio. Ma se si disobbedisce alla Parola di Dio, allora riguarda solo noi e dobbiamo assumerci la nostra responsabilità.

Nessuno può cambiare nulla nel Corano; altrimenti non saremmo qui. Il Corano dà la colpa a Maometto e parla di Gesù, di Mosé e degli ebrei. Forse all’epoca c’erano guerre e comunque Maometto non poteva cancellare le frasi a loro favore e nemmeno gli scribi che poi redassero la rivelazione o i mussulmani fino al Giorno del Giudizio. Se qualcuno cancellasse una parola del Corano verrebbe consegnato all’Inferno.

Quindi siamo sicuri che questo libro sia veritiero perché ci sono cose in esso che conosciamo solo perché Dio le ha dette a noi. Inoltre, ci sono cose che Maometto non avrebbe potuto mettere di suo, perché non gli sono favorevoli. Egli gli disse: “Come poco saresti stato propenso a loro se non ti avessimo rinforzato”. E gli disse: “In tal caso dovremmo farti provare parte eguale di castigo in vita e in morte”. Questo verso venne rivelato a lui ed egli lo ripeté a tutti. Perché non lo cancellò? Perché non poteva.

Ora arriviamo in breve ai problemi che proviamo oggi e che potrebbero essere dovuti alla ciarlataneria tipica della religione e al fraintendimento della stessa. Siamo giunti a definire mussulmani i seguaci di Maometto, cristiani quelli di Gesù ed ebrei quelli di Mosè. Abbiamo adottato norme di abbigliamento che ci separano gli uni dagli altri e costruito templi diversi. Comunque, nel passato non si poteva distinguere una chiesa da una moschea.

Poi vennero il razzismo e il colonialismo e con loro chi voleva controllare l’umanità. Chiunque voglia che la gente lo segua come un gregge cerca di sfruttare la religione. Dicono: “Costruitevi il tempio per farlo differente dai templi degli altri”. E ora bruciano i templi degli altri in Nigeria e in Palestina. Gesù non ha portato con sé una statua sua e di Maria per metterle in un tempio. Ciò è avvenuto più tardi. Le preghiere, i digiuni, le elemosine ai poveri e i pellegrinaggi alla Kaaba sono riti comuni di adorazione prescritti da tutti i profeti. Il resto è uno sviluppo più tardo. E anche quando la gente si fa il segno della croce fanno qualcosa che Gesù non ha mai fatto; perché significa il crocifisso, ma Gesù non ha mai pregato così. Poiché non c’erano crocifissi allora, questo dev’essersi sviluppato dopo la morte di Gesù, sia pace a lui.

È come quelli che citano i detti del Profeta. Se Dio avesse voluto dirci qualcosa, non ce l’avrebbe detto nel Corano? Questa è un’imitazione del Talmud ebraico. Dicono che queste sono le leggi delle tavole, ma il Talmud non era scritto. Qual è la differenza tra le tavole e il Talmud? Se Dio lo dice, allora è lo stesso. I problemi che ci affliggono oggi sono il risultato degli errori in cui le religioni incorrono. Se una rivoluzione culturale o religiosa si desse oggi, allora, forse, la vita umana sulla terra migliorerebbe e la pace, l’armonia e l’amore prevarrebbero. Altrimenti, continueremmo nella corsa alle armi, nell’inimicizia e nell’odio e nel distruggerci gli uni gli altri con le bombe nucleari.

Purtroppo, in questa felice occasione che riunisce assieme i seguaci di tanti profeti diversi, l’umore è rannuvolato da eventi come i fatti di Palestina e Irak, Abdul Basset Al Megrahi, le infermiere bulgare e Saddam Hussein. Queste sono tragedie. Guardate cosa sta succedendo in Palestina, Afghanistan e Iraq. Queste sono catastrofi che non possiamo ignorare.

Da un lato dicono che non ci dovrebbe essere interferenza nella funzione delle corti. Se un traditore e un lacché dell’imperialismo è arrestato e condannato dalla corte a morte o alla prigione, dicono, “Non avete rispetto per le regole della legge e per le corti. Avete inverferito nel lavoro delle corti e non avete consentito loro di svolgerlo. Perché avete interferito e detto alla corte di condannarlo a morte?”

Bene: abbiamo permesso alla corte di decidere in libertà. Però hanno detto: “Avreste dovuto interferire, cambiare la sentenza, prosciogliere le infermiere bulgare e liberarle subito!” Noi abbiamo risposto: “Questo è quanto deciso dalla corte”. Hanno detto: “No, non vogliamo sentirlo. Proscioglietele”. Noi abbiamo detto: “Non avete detto che la legge dovrebbe regnare suprema e che bisogna stare alle decisioni della corte?”

Quindi le procedure, gli standard e le relazioni tra gli stati sono state sovvertite. C’è un punto che non ho ancora svolto perché è duro e molto triste. In primo luogo, è molto dolorosa un’accusa di omicidio per gli angeli della misericordia e per i medici che curano la gente. È intollerabile, inconcepibile e incredibile. Come può un’infermiera chiamata angelo della misericordia uccidere un bimbo?

Il quesito è se l’equipe medica è stata trovata colpevole o no. Se è stata trovata colpevole dovrebbe essere condannata a morte. Ciò è elementare. Sta alla corte decidere se qualcuno ha commesso un omicidio premeditato oppure no, o se qualcuno ha commesso una rapina o no. Se viene trovato colpevole, va punito, e se non è trovato colpevole va prosciolto.

Questa è la prima volta che parlo di questa storia. Non è importante se le infermiere di Benghazi saranno condannate a morte o no. Se qualcuno ha commesso un crimine punibile per legge con la morte, la corte deve condannarlo a morte. Se il crimine è punibile col carcere, la corte deve condannare il colpevole a un periodo in carcere. Fin qui ciò non risolve la questione. La questione è se i membri dell’equipe medica sono stati accusati di aver deliberatamente iniettato il virus dell’AIDS ai bambini libici. Sono stati trovati colpevoli e quindi condannati a morte. Questa è una questione secondaria e non c’entra comunque col caso.

Che siano stati condannati a morte o no non è rilevante per me. Chiunque perpetra un crimine deve esserne ritenuto resposabile. È un altro problema. Il quesito importante è: perché voi, membri dell’equipe medica, iniettate il virus dell’AIDS ai bambini? Questo è quanto vogliamo sapere, ma non abbiamo risposta. Chi ve l’ha ordinato? Chi ve l’ha detto? Qualcuno è venuto da voi? È stato il servizio segreto libico, quello americano, quello israeliano a venire da voi, a darvi la fiala e a dirvi di fare le iniezioni ai bambini?

Dobbiamo scoprirlo. Se è provato che le infermiere hanno deliberatamente iniettato il virus dell’AIDS ai bambini e quindi sono state condannate a morte, allora ciò non è importante. Le dovremmo condannare a morte se avessero veramente compiuto questo atto deliberatamente. In tal caso, la condanna a morte è conclusione scontata. La pena va impartita sia che si tratti di bulgare, libiche o pachistane. Il nocciolo della questione è capire perché le infermiere hanno iniettato il virus ai bambini. Se è provato che era il risultato della negligenza o dell’ignoranza del fatto che la fiala o il sangue fosse contaminato col virus dell’AIDS, allora è un chiaro caso di negligenza e di mancanza di precauzioni proprie. Comunque, se era provato che era un atto doloso, perché l’hanno fatto?

Perché avete iniettato il virus dell’AIDS ai bambini deliberatamente? Spiegateci quali interessi avete, come equipe medica, a uccidere 400 bambini. Che interesse ha la Bulgaria o la Palestina affinché voi iniettiate il virus dell’AIDS ai bimbi libici?

È essenziale che conosciamo gli interessi delle infermiere e del medico nella morte dei 400 bimbi libici. Debbono informarci del loro interesse nell’uccidere 400 bimbi libici. Come serve gli interessi della Bulgaria sei l’equipe medica bulgara uccide 400 bambini? Se qualcuno è venuto a dir loro di iniettare ai bambini il virus dell’AIDS, diteci chi è. L’avete fatto deliberatamente, ma da dove v’è venuta l’idea? Chi ve l’ha ordinato? Deovete dirci quale servizio segreto vi ha dato la fiala. Ecco il quesito che ancora non ha risposta e la cui risposta è necessaria. Perché avete fatto quelle iniezioni deliberatamente? Chi ve l’ha ordinato? Come ne uscirete? Vi hanno dato denaro? Vi hanno minacciato? Resta un enigma.

Per me, l’enigma è più importante del caso in sé. Che siano condannati a morte o no o rilasciati o no, è del tutto irrilevante. È invece rilevante che motivo ha spinto l’equipe medica a iniettare deliberatamente il virus dell’AIDS ai bambini. Chi gliel’ha ordinato? Chi gli ha dato il virus? Come l’hanno ottenuto? Ciò è molto importante perché potrebbe accadere ancora domani. Non mi interessa che l’equipe sia libica, bulgara o finlandese. Non è importante per me. Ciò che per me è importante è che un’equipe medica ha commesso un atto deliberato secondo il verdetto della corte e noi vogliamo conoscere perché l’ha fatto.

Abdul Basset Al-Mugrahi finì sotto processo in una corte la cui competenza venne messa in discussione da giudici, avvocati e osservatori internazionali che assistettero al processo. E dissero che nella corte c’erano elementi dei servizi segreti dello stato di nazionalità dell’aeroplano e dello stato di nazionalità delle vittime. Ciò significa che la corte non è valida. Il Movimento Non-Allineato, la Lega Araba, la Organizzazione della Conferenza Islamica e le Nazioni Unite hanno detto che Abdul Basset è un ostaggio politico e che non è stato condannato. Gli osservatori internazionali hanno detto che gli elementi di un certo servizio segreto erano presenti in aula e parlavano sottovoce ai giudici.

La competenza della corte che istituì il procesoo ad Abdul Bassett venne messa in discussione, ma nessuno dice che egli debba essere rilasciato. Chi l’ha condannato dice che tutto è finito perché la corte ha già prounciato la sentenza.

Perché non dite che il tribunale di Benghazi ha già pronunciato la sentenza? Piuttosto dite che l’equipe medica dovrebbe essere rilasciata a prescindere dalle decisioni della corte. Anche noi diciamo che Abdul Basset dovrebbe essere rilasciato a prescindere dalle decisione della corte di Scozia. Così dovrebbe essere; voi dite: “No, non verrà rilasciato”. Bene: allora nemmeno questi verranno rilasciati.

Sono standard corrotti. Come si può stabilire amicizia, cooperazione e pace se di norma si usano due pesi e due misure?

Chi dice che si debba stabilire un fondo a cui gli stati contribuiscano per compensare le famiglie e curare i bambini ingannano il mondo intero. Questa è una menzogna, perché nel fondo non c’è niente. Esponiamo al pubblico quegli stati che hanno detto d’aver istituito un fondo e di avervi contribuito per far fronte ai problemi dei bambini. È una menzogna. Il fondo è vuoto e nessuno stato o ditta ha mai versato contributi.

Ora veniamo a un problema che preoccupa il mondo intero. Saddam Hussein è stato condannato a morte. Quando si eseguirà la sentenza? C’è chi dice che avverrà domani e altri dicono dopodomani.

Primo, Saddam Hussein è prigioniero di guerra destituito dalle forze di invasione straniere e non dall’esercito iracheno o dal popolo iracheno. Un’occupazione straniera ha preso possesso del paese e del suo Presidente. Il Presidente venne messo in cella mentre il paese cadeva sotto l’occupazione e patì il genocidio. Così fu.

Il suo processo non fu valido perché era prigioniero di guerra, come era riconosciuto dalla potenza occupante che l’ebbe arrestato. Le Convenzioni dell’Aja e di Ginevra stipulano che è prigioniero di guerra. E allora come lo si può mettere sotto processo? Una volta compiute le operazioni militari, lo si sarebbe dovuto rilasciare.

Se supponiamo, tanto per parlare, che debba essere messo sotto processo, le potenze che l’hanno catturato, gli USA e il Regno Unito, dovrebbero metterlo sotto processo. Ma non è valido che sia processato da una corte irachena. Tale corte è una farsa.

Omar Al-Mukhtar venne arrestato dagli italiani. Non istituirono una corte libabese e chieserlo di processarlo. Gli italiani formarono la loro corte nominale e lo condannarono immediatamente a morte. Occuparono il paese, arrestarono il leader della resistenza e lo condannarono a morte. Tale è la natura della tirannia e del colonialismo e la storia ricordò il martire Omar Al-Mukhtar che cadde in battaglia e venne assassinato dall’Italia.

Se vogliono uccidere Saddam Hussein, che l’America e l’Inghilterra lo facciano e se ne assumano la responsabilità. Che mandino generali americani e inglesi, che istituiscano una corte nominale e lo ammazzino. “Tu, Saddam Hussein, eri Presidente dell’Iraq e hai costruito una bomba nucleare che noi non abbiamo trovato. Abbiamo distrutto il tuo paese e ti abbiamo arrestato. A prescindere dalla nostra prospettiva ora, non ti vogliamo; vogliamo ucciderti e sbarazzarci di te.”

Che si assumano con coraggio le loro responsabilità di fronte al mondo e lo ammazzino. Ma dire: “Forza iracheni: processate Saddam Hussein” è una burla. Chi credono di far fessi? È una farsa. Che ha l’Iraq a che fare con Saddam Hussein quando è occupato? Tutti gli iracheni subiscono l’occupazione, anche i giudici, gli edifici, le leggi e tutto quanto hanno. Anche il giudice è schiavo e sotto occupazione, con la sua casa il suo ufficio, le sue leggi e tutto quanto ha.

Come si possono rompere i trattati internazionali? Se questo mondo ha ancora una coscienza, e, purtroppo, io stesso sono tra i responsabili in questo mondo basso e degradato, il caso di Saddam Hussein dovrebbe essere portato di fronte alla Corte Internazionale di Giustizia e all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per un consulto.

Forse che la Corte Internazionale di Giustizia non può decidere, sulla base del diritto internazionale, su come affrontare un tale caso? La Corte Internazionale può dare un’opinione di stima riguado l’illegittimità della corte istituita dagli americani in Iraq e la sua mancanza di diritto di processare e condannare Saddam Hussein.

Che la Corte Internazionale si pronunci così e che l’Assemblea Generale dell’ONU entri in sessione e quindi si pronunci. È il Parlamento del mondo e vogliamo che il Parlamento del mondo si pronunci, perché la corte che l’ha processato non solo è stata messa in discussione non solo come procedura, ma anche nella sua stessa validità. Che la Corte Internazionale ci informi se un prigioniero di guerra può essere messo o no sotto processo. Vorremmo anche sapere se i massacri perpetrati ogni giorno sono punibili ai sensi dei trattati internazionali o no. Chi ne è responsabile? Come mai scoprono centinaia di corpi bendati di sconosciuti ogni giorno? Chi sta usando le auto-bomba? Chi colloca le mine? Perché non li identificano se sono una delle organizzazioni di resistenza? Perché non dichiarano: “Noi siamo la resistenza tal dei tali, sciita, sunnita o che?”

Potrebbero dire: “È il nostro nemico e l’abbiamo fatto”. Ma non c’è responsabilità da rivendicare per nessuna operazione. Perché tutte queste operazioni anonime mentre le altre operazioni del mondo sono identificate? Anche Al-Qaeda, che considerano un’organizzazione terroristica, rivendica la responsabilità delle sue operazioni. L’IRA, l’Esercito Repubblicano Irlandese, classificato come organizzazione terrorista, rivendica la responsabilità delle sue operazioni. Tra i baschi, l’ETA rivendica la responsabilità delle sue operazioni. Anche Al-Zarqawi e gli altri considerati terroristi rivendicavano la responsabilità delle loro operazioni

Vogliono mostrare che sono capaci di colpire il nemico e che hanno una leadership efficace e che è nel loro interesse annunciare queste operazioni. Perché nessuno rivendica le operazioni che ogni giorno hanno luogo in Iraq, che tolgono centinaia di vite? Chi sta uccidendo gli esperti e gli scienziati? Che cos’hanno a che fare sciiti e sunniti con uno scienziato o un docente? Un docente di chimica è trovato assassinato? La chimica ha forse a che fare qualcosa con sciiti e sunniti? Il tizio ha insegnato chimica a sciiti, sunniti e quant’altro.

Come può il mondo celebrare questi come giorni gloriosi, i 2006 anni trascorsi dalla nascita di Cristo e i 1374 anni passati dalla morte dell’ultimo dei profeti, mentre una tragedia si spiega sotto i nostri occhi? Cristo disse: “Avete sentito dire ‘occhio per occhio e dente per dente’, ma io vi dico, a chi vi dà uno schiaffo porgete l’altra guancia’”.

Come si può rimanere in silenzio quando si sente ogni giorno della orte di centinaia di iracheni? Qual è la ragione di questo genocidio? Questo è assassinio di massa contro la razza araba. È una campagna di annientamento contro gli arabi e come tale dovrebbe essere documentata.

Vogliamo che la Corte Internazionale e l’Assemblea Generale dell’ONU si pronuncino sul caso di Saddam Hussein e sul problema del genocidio. Chi ne è responsabile? Qualcuno deve esserne ritenuto responsabile e quindi processato.

D’accordo, Saddam Hussein venne processato per il massacro di Al-Dujeil. Ci informano che ci furono centoquaranta vittime. Comunque, ora ci sono centoquarantamila vittime. Chi verrà processato per i mille Dujeil perpetrati ogni giorno? O quello di Saddam Hussein è criminale e gli altri che succedono van bene?

Che farsa è questa? Dov’è il Papa? Dov’è la Chiesa? Dov’è Gesù? Dov’è Mosè? Dov’è Maometto? Dov’è Budda? Dov’è Zarathustra? Dov’è Confucio? Dov’è la coscienza del mondo? Che mondo ipocrita è questo? Se solo quelli che hanno commesso questi crimini uscissero alla luce e confessassero, allora il mondo potrebbe parlare e chiamarli per quello che sono.

Questo è un genocidio, che è punibile secondo il diritto internazionale di fronte alla Corte Criminale Internazionale e secondo tutti i trattati che combattono i crimini contro l’umanità.

Non c’è dubbio che ciò che sta avendo luogo in Iraq è un genocidio. Dopo vent’anni Saddam Hussein è accusato di aver ucciso centoquaranta persone e ora ne muoiono centoquarantamila al giorno. Quanti Saddam si possono trovare per i Dujeil che hanno luogo oggi?

È naturale che il mondo abbia paura. È un mondo ipocrita e meschino, senza importanza e pieno di chiacchericcio inutile. È un mondo codardo, spregevole e incapace di dire la verità. Ci sono diavoli muti tra gli aderenti a tutte le sette e le religioni e in tutte le nazioni e in tutti i popoli. Sono insignificanti e spregevoli. Come può il mondo starsene zitto di fronte a tutti questi massacri?

Infine, in questa occasione, copie del Libro Bianco saranno distribuite agli ambasciatori e ai distinti capi delle chiese. Il Libro Bianco è la soluzione radicale, migliore e definitiva ai problemi del Medio Oriente e della Palestina.

Non c’è altra soluzione che l’istituzione di un solo stato. Chi parla di due stati sta perdendo tempo, non è serio e non sa nulla della Questione. Non conoscono né l’area geografica né la gente. L’area situata tra il Giordano e il Mediterraneo non potrà mai ospitare due stati. Sarebbe un sacrificio per gli ebrei e per i palestinesi. Chi parla di due stati non ha a cuore il futuro né degli ebrei né dei palestinesi.

Cossiga, Presidente dell’Italia, una volta disse a un mio inviato: “Senta! A noi non interessa cosa succede ai palestinesi e agli ebrei domani, non ci interessa nemmeno se vanno all’inferno. Ciò che ci interessa oggi è che vogliamo istituire la pace nei nostri giorni. Possiamo istituire due stati o cos’altro. Comunque, se questa pace si rivela poi una bomba a orologeria, allora che saltino in aria entrambi”. Così la vedevano. Avrebbero voluto dire: “Il problema della Palestina venne risolto durante il governo del Presidente tal dei tali. Aprimmo i negoziati e li risolvemmo. Se dopo di ciò si sono annientati a noi non interessa”. Così chi parla di due stati inganna gli ebrei e i palestinesi.

Uno stato ebraico non potrebbe sopravvivere con uno stato palestinese accanto. Leggete il Libro Bianco; è convincente. Comunque, se gli israeliti stessi lo rifiutano, ciò significa che il movimento sionista è un movimento razzista e si autocondannerebbe come movimento razzista religioso.

Dobbiamo accettare l’ ‘altro’. Dobbiamo accettare i palestinesi. Dobbiamo accettare i cristiani, i mussulmani, i drusi e tutti gli altri. Questo stato sarebbe una mescidanza come il Libano. Il Libano è uno stato e ci sono quote, ma non si annientano a vicenda; alla fine della giornata, tale stato sarebbe un altro Libano, uno stato armonioso come ogni stato unico.

Perché non può esserci un solo stato chiamato “Isratina”o come volete? Perché non uno stato solo? Se gli israeliani dicono “no”, ciò significa che vogliono chiudere la porta in faccia alla pace.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...