Libia allo sbando anche ( soprattutto) per colpa degli interessi internazionali

di Alberto Negri 20 aprile 2015

La tragedia libica ha due dimensioni, una interna e l’altra internazionale. Viene spesso detto che il Paese è precipitato nel caos: giusta affermazione ma sarebbe più esatto dire che in Libia prima di tutto c’è la guerra, un conflitto civile tra le fazioni di Tripoli e quelle di Tobruk di cui adesso sta approfittando anche lo Stato Islamico, che con i combattenti di ritorno dalla Siria si è inserito nella destabilizzazione generale e sfrutta la situazione conquistando posizioni nella Sirte.

La guerra civile libica ha una dimensione internazionale derivata proprio dall’intervento del 2011 per abbattere Gheddafi. Le fazioni sono sostenute dalle potenze internazionali: l’Egitto – con Francia, Arabia Saudita e in parte la Russia (che ha appena ricevuto a Mosca il premier di Tobruk) – sta con il generale Khalifa Haftar in Cirenaica; la Turchia e il Qatar sostengono a loro volta le milizie islamiche di Tripoli. L’Italia è in una posizione di mezzo e cerca di salvagurdare i suoi interessi: l’Eni, appoggiandosi alle fazioni locali dell’Ovest e del Sud, è l’unica multinazionale rimasta a estrarre gas e petrolio.

La mediazione delle Nazioni Unite dell’inviato Bernardino Leòn finora è fallita proprio per questo motivo: se non si mettono d’accordo le potenze internazionali e quelle regionali, anche le fazioni non raggiungeranno un’intesa. Il problema è che tutti pensano, con i loro padrini alle spalle, di potere vincere la partita militarmente e non con la diplomazia. Le agende delle parti in campo finora sono state troppo contrastanti per arrivare a un accordo, quindi è quasi un imperativo convocarle se si vuole arrivare a qualche traguardo tangibile.

Le tragedie del mare nascono proprio da questo contesto: i profughi annegano per colpa dei trafficanti ma affogano anche nella retorica di una comunità internazionale che dice di volere salvare il Paese dal caos e lascia la Libia allo sbando sperando di ricavarne dei vantaggi politici e strategici.

Forse qualcuno si ricorda ancora i trionfalistici discorsi del settembre 2011 a Bengasi di Sarkozy, Cameron, Erdogan? Bene, da allora niente è stato fatto di duraturo per stabilizzare la Libia, né dall’Europa né dagli Stati Uniti, né dalle potenze regionali. Sono stati investiti miliardi per i raid aerei, spese parole colme di retorica contro la “dittatura” di Gheddafi e a favore della democrazia: e adesso? Dove è finita la Nato che allora guidava baldanzosamente le operazioni aeree? Come si vede sono più le domande che le risposte: la Libia è un caso disperato che gioca con le vite di altre migliaia di disperati.

Fonte: http://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2015-04-20/libia-tagedia-negri-121351.shtml?uuid=ABWp3LSD