2017: Scribacchini e pennivendoli cercano ancora una volta di infangare il Leader Muammar Gheddafi

Quella di cercare di gettare merda su Gheddafi, è una moda, periodicamente ci provano, inventando qualcosa di nuovo. Questa volta hanno affidato il compito a quello che il sistema stesso ha eletto a scrittore di grande “successo”.
Vediamo uno dei tanti articoli, fotocopia l’uno dell’ altro e poi facciamo qualche considerazione.

Gaddafi, annunciata la serie tv scritta da Roberto Saviano e Nadav Schirman e prodotta da eOne e Palomar

eOne e Palomar annunciano di lavorare a Gaddafi, serie tv scritta da Roberto Saviano e Nadav Schirman che racconterà la storia di Mu’ammar Gheddafi

Roberto Saviano
Un’altra co-produzione che coinvolge l’Italia si prepara a conquistare il mercato internazionale: è di pochi minuti fa, infatti, l’annuncio che la casa di produzione eOne e l’italiana Palomar produrranno Gaddafi, una serie tv basata sulla vita del leader della Libia Mu’ammar Gheddafi. Italiano anche il nome di chi sarà alla sceneggiatura di questa produzione, ovvero Roberto Saviano, che ha co-creato la serie con Nadav Schirman, autore del documentario “The Green Prince”. I due saranno anche produttori esecutivi.

Gaddafi viene presentato come “una storia epica, crudele e contemporanea su un uomo con un desiderio senza fondo per il potere e che voleva una rivoluzione mondiale. Un uomo caduto in rovina, travolto dai suoi più terribili vizi. Un tiranno. Gheddafi è stato un leader enigmatico arrivato dal deserto che ha provato a conquistare il mondo. Un uomo che ha creduto nella sua visione per la Libia, ma che è stato ucciso dal suo stesso popolo”.
Ancora non sono stati resi noti il numero di episodi prodotti nè il cast o, soprattutto, dove questa serie tv andrà in onda all’estero (i diritti per la distribuzione sono di eOne) ed in Italia. Resta comunque il fatto che Gaddafi si preannuncia come una serie ambiziosa che racconterà la vita del militare che per 42 anni è stato la massima autorità libica, per poi essere deposto dal Consiglio Nazionale di Transizione durante la guerra scoppiata nel Paese sei anni fa, che ha portato alla sua cattura ed alla sua esecuzione.
“E’ una serie tv su un guerriero, un sognatore che è diventato un tiranno selvaggio e senza pietà”, ha commentato Saviano. “Un tycoon multimilionario del petrolio ed un oppressore perfido. E’ la storia di un avventuriero del deserto, un tiranno che si auto-assegnato attacchi terroristici che non aveva organizzato e che si è auto-associato a gruppi terroristici che non conosceva in modo da avere il monopolio di una delle sue più importanti risorse, la paura”.
“Siamo entusiasti di collaborare con Palomar, che condivide con noi la passione per i drama audaci”, ha invece detto il presidente della eOne Pancho Mansfield. “Siamo contenti di avere Roberto e Nadav a bordo di questo grande progetto. L’impegno di Roberto nella ricerca e la sua abilità nell’intrecciare le informazioni sull’ascesa e caduta di Gheddafi in un racconto accattivante porterà ad un prodotto di grande televisione”.
“Stiamo iniziando un nuovo incredibile progetto e siamo molto orgogliosi di farlo con eOne”, ha aggiunto Carlo Degli Esposti, presidente di Palomar, a cui si devono anche Il Commissario Montalbano e Braccialetti Rossi. “Condividiamo con Saviano e Nadav l’entusiasmo nel creare una grande storia per la televisione che esplora a fondo il nostro recente passato e che ci aiuterà a capire il presente ed il futuro”, ha infine detto Nicola Serra, direttore generale di Palomar.
Un nuovo impegno che mette la produzione italiana a fianco di un partner internazionale, dopo I Medici ed il recente annuncio della partership tra la Rai e la Hbo per la trasposizione in tv de L’amica geniale. Gaddafi riporta inoltre Saviano a lavorare sulla serialità, dopo il successo di Gomorra-La serie.

Articolo preso da: http://www.tvblog.it/post/1450876/gaddafi-serie-tv-roberto-saviano-palomar?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+tvblog%2Fit+%28tvblog.it%29

Ora, vorrei solo dire, parlare di Saviano oggi, in questo paese così “democratico” è pericoloso, ci hanno spiegato che Saviano combatte la mafia. Quindi se critichi il DIO Saviano sei mafioso.
Guardacaso Saviano è di origini ebraiche, ( sono dapertutto, peggio delle mosche), se critichi un ebreo sei antisemita.

Ma Saviano è mai stato in Libia?, se uno scrive su qualcosa o qualcuno dovrebbe prima documentarsi, lui può viaggiare, lui ha i soldi.
Che qualcuno spieghi a Saviano le conquiste sociali della Libia sotto il “” dittatore””, paragoanatele alla situazione attuale con i RATTI “democratici”.
Si potrebbe dire tanto altro, le sue affermazioni sono false e possono essere smontate punto per punto, ma poi penso, questi personaggi in realtà sono il nulla, vivono perchè la gente parla di loro,è il sistema che ha deciso il loro “successo”, adesso Saviano e tanti altri servono al sistema, quibdi ecco il successo, quando non serviranno più la loro caduta sarà velocissima e rovinosa, in pochi giorni la gente dirà: saviano? ma chi cazzo è ?

Annunci