Libia: il volto coloniale di Francia e Italia

di Pressenza – International Press Agency 
giovedì 6 settembre 2018
Sulla questione libica, Francia e Italia si guardano di traverso non solo perché si contendono il ruolo di pacieri nella speranza di assicurarsi un posto a tavola nella Libia che verrà, ma anche perché si rapportano in maniera diversa nei confronti dei due governi presenti in Libia. L’Italia collabora esclusivamente con Al-Serraj, capo di governo riconosciuto dalle Nazioni Unite, che però controlla solo la Tripolitania e pochi altri territori della parte occidentale del paese. La Francia, invece, sostiene più volentieri il generale Haftar, capo militare che controlla non solo la Cirenaica ma tutta la parte centrale e orientale del paese. Due scelte di campo non casuali che fanno assumere ai due rivali non tanto il volto dei pacieri disinteressati, quanto delle potenze coloniali assetate di controllo.

di Francesco Gesualdi

Ovviamente la questione petrolifera è sempre in primo piano, considerato che la Libia possiede le maggiori riserve di petrolio dell’Africa, le none nel mondo, circa 48 miliardi di barili (il 3% circa dell’intero ammontare delle riserve mondiali). Prima del rovesciamento di Gheddafi, nel 2011, la Libia produceva 1,65 milioni di barili di petrolio al giorno e 17 miliardi di metri cubi di gas all’anno. Le due risorse rappresentavano il 65% del prodotto lordo nazionale e contribuivano al 95% delle entrate governative. Ma dal 2013, la produzione si è praticamente dimezzata per l’attacco ai pozzi da parte delle innumerevoli milizie armate che tempestano la Libia.

Da un punto di vista operativo l’estrazione e la vendita degli idrocarburi è affidata alla National Oil Corporation (NOC), un’azienda di stato che opera non solo in proprio, ma anche per il tramite di società compartecipate da multinazionali, senza escludere la possibilità di permettere a quest’ultime di estrarre su licenza. Tra queste ENI che sotto varie forme societarie gestisce diversi giacimenti di gas e petrolio non solo onshore, ossia sulla terra ferma, ma anche offshore, ossia in mare, principalmente nella parte ovest del paese, quella sotto il controllo del governo Al-Serraj. Tuttavia la maggior parte del petrolio libico si trova nella parte centrale del paese, quella sotto comando del generale Haftar. Alcuni pozzi di questa zona sono gestiti dalla società Waha Concessions nel cui azionariato compare anche Total che da vari anni sta cercando una strategia per affermarsi in Libia. Con successo, dal momento che è presente anche in altre società che gestiscono altri due giacimenti: l’uno nel Mar Mediterraneo, l’altro nel Fezzan, la regione più a sud del paese.
Ma la difesa delle proprie imprese è solo uno dei temi che divide Francia e Italia. L’altro è il controllo del territorio su cui i due paesi sono di nuovo concorrenti. L’obiettivo principale dell’Italia è fermare l’arrivo di migranti attraverso il Mar Mediterraneo e poiché gli imbarchi avvengono nella parte occidentale della Libia, i legami sono stati stretti con Al-Serraj a cui è stata offerta amicizia e sostegno economico, in cambio del controllo dei flussi migratori. Così fece il governo Renzi e poi il governo Gentiloni per continuare col governo Conte.
Ovviamente l’Italia sa che una politica efficace contro flussi migratori richiede un blocco dei passaggi più a sud, già nel Niger, per cui vorrebbe avere più influenza nelle regioni del Sahel. Ma l’Africa sahariana ha una storia coloniale con la Francia e in questi paesi non si muove foglia senza che la Francia non voglia. E la volontà della Francia è di non avere altre presenze straniere all’infuori di lei o dei suoi stretti alleati, per cui l’Italia non ha grandi prospettive di poter inviare propri contingenti.
Ma dopo il Niger la rotta dei migranti passa per la Libia e qui l’Italia potrebbe essere facilitata in nome dei trascorsi coloniali. Ma il territorio libico a ridosso del Niger è il Fezzan ormai una terra di nessuno dove decine di gruppi armati si fronteggiano per il controllo di porzioni di territorio. Una situazione di anarchia che ha facilitato il proliferare di varie altre anomalie.
Non solo l’esplosione di ogni forma di traffico illegale, dal passaggio clandestino dei migranti al contrabbando di armi, droghe e oro, ma anche l’insediamento di gruppi armati islamisti che fanno da spalla a gruppi analoghi presenti in altri paesi del Sahel. Ed è proprio quest’ultimo aspetto che più preoccupa la Francia inducendola a perseguire scelte di politica estera che le assicurino non solo la stabilizzazione del Fezzan, ma anche la possibilità di avere una presenza nella regione. Fra i due governi oggi presenti in Libia, quello che ha più probabilità di prendere il controllo del Fezzan non è Al Serraj, ma Haftar che gode di maggiori simpatie da parte dei gruppi locali. Di qui la seconda ragione che spinge la Francia a stringere amicizia con Haftar in aperto contrasto con l’Italia che almeno nel Fezzan vorrebbe insediarcisi lei. Vecchie logiche coloniali avanzano.

Preso da: https://www.agoravox.it/Libia-il-volto-coloniale-di.html

Un pensiero riguardo “Libia: il volto coloniale di Francia e Italia

  1. IMMIGRAZIONE: MACERIE E MORTE DOPO IL BOMBARDAMENTO ALLA LIBIA DELLA UE, OBAMA,CLINTON, BIDEN E NAPOLITANO
    Il Tycoon Ronald Trump dovrebbe ricordare alla “ Dem Liberale ” Nancy Pelosi, usa l’America con la sua mania di ribaltare il Commander in Chief eletto dagli Yankees, pur sapendo che i suoi amichetti Dem ha fatto in Europa carne da macello di Esseri Umani soprattutto, nel oramai definito Cimitero Mediterraneo che inghiotte tutti giorni e notti, Esseri Umani con stillicidio di poveri cristi che non hanno nè casa, nè Lavoro, né Patria che con Business miliardario di alcune ONG, Terroristi Isis e Criminali anche con stellette che fanno i prepotenti pur si restare a galla: chiedetevi, come mai poveri cristi su carette del mare possono uscire dalle Coste Africane e non entrare? Come mai Khalifa Haftar signore della Guerra non riesce a fermarle nonostante lo spiegamento di Forze? Poi, ci furono giornaletti di Sinistra come Il Fatto, che accusarono lo Statista Presidente Silvio Berlusconi con bocca sacrilega del vecchio Comunista Napolitano alias Sir George: infatti, l’incaprettato gia da Giustizialisti dell’Anm-Md, Berlusconi subì il Golpe, è tradimento di un Governo eletto, di cui nessuno intervenne. Il Quirinale straparla con “ visione ridicolmente distorta della realtà ”. Berlusconi andò per cercare di evitare la guerra e dove, si saprà poi, Nicolas Sarkocy aveva comunicato che i suoi aerei erano già in volo. All’arrivo di Berlusconi era in corso un vertice tra Sarkozy, David Cameron e Hillary Clinton. L’Italia non bombardò, ma contribuì da subito con sette basi, con un assetto della Marina guidato dall’incrociatore portaeromobili “ Garibaldi ” e dalle 23.59 dello stesso 19 marzo mise a disposizione gli aerei, che però effettuarono solo sorvoli. Alla fine di marzo, dopo che la missione Odissey Dawn era diventata Unified Protector con il passaggio alla Nato, Napolitano andò negli Stati Uniti per pochi giorni e al rientro, il 31 marzo, sentì al telefono il presidente americano: Barack Obama gli chiese un impegno diretto dell’Italia e ottenne garanzie in questo senso dal presidente della Repubblica che però, pur se comandante delle Forze Armate e Presidente del Consiglio Supremo di Difesa, non ha poteri Esecutivi. NATO, nata per cosa, solo a fare guerra e non proteggere i Confini nel Mediterraneo e UE? Possibile, si pagano miliardi per mantenerla e non ha nemmeno una Forza Rapida di Intervento? Serve solo a vedere stellette lustrate e sprecare miliardi? Purtroppo, i Semper Fidelis a Satana dal 2011 SGovernano il Bel Paese ora additato come Razzista e Fascista ma se vediamo azioni e News, si evince il contrario: il lupo perde il pelo non il vizio, indovinate chi indossava le tshirt, divenuta Icona Comunista del mostro Criminale “ Che “ senza alzare un dito a favore del Popolo Cubano, ma vomitava odio verso l’America per il Vietnam, e indovinate chi incasinò l’America, forse il DEM Kennedy, come Truman con i piselli nucleare in Giappone? In poche parole: DEM guerrafondai! https://vincenzoditolve.wordpress.com/2019/12/23/immigrazione-macerie-e-morte-dopo-il-bombardamento-alla-libia-della-ue-obamaclinton-biden-e-napolitano/

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...