Il filtro delle ‘Fake news’ NewsGuard sotto inchiesta per legami con azienda promoter della propaganda saudita

Saudis

© Reuters/Suhaib Salem

Una nuova App, che pretende di servire da baluardo contro la “disinformazione” aggiungendo “classifiche di fiducia” ai siti di notizie, ha collegamenti a una società di pubbliche relazioni che ha ricevuto quasi 15 milioni di dollari per promuovere informazione pro-Saudita nei media americani, riporta Breitbart.

NewsGuard e il suo losco comitato consultivo – composto da amanti della verità come Tom Ridge, il primo capo della sicurezza nazionale, ed ex direttore della CIA Michael Haydenè stato sottoposto a verifica dopo che Microsoft ha annunciato che l’applicazione sarebbe stata integrata nei suoi browser mobili. Un esame più attento degli investitori quotati in borsa della società, tuttavia, ha rivelato nuove ragioni per essere sospettosi di questo autodichiarata crociata contro la propaganda. Come ha scoperto Breitbart, il terzo investitore di NewsGuard, Publicis Groupe, possiede una società di pubbliche relazioni che ha ripetutamente operato con l’Arabia Saudita.

Dopo gli attentati terroristici dell’11 settembre 2001, Riyadh ha arruolato Qorvis Group, una sussidiaria di Publicis, nella speranza di smentire le accuse che il regno avesse chiuso un occhio – o addirittura promosso – al terrorismo. Tra marzo e settembre 2002, l’Ambasciata Reale dell’Arabia Saudita ha pagato Qorvis 14,7 milioni di dollari, per far partire una aggressiva campagna mediatica per prendere di mira i consumatori americani. Come parte della campagna, Qorvis ha impiegato una litania di tattiche discutibili, compresa l’esecuzione di annunci pro-Saudi sotto il nome di un gruppo di attivisti, Alliance for Peace and Justice. Successivamente, l’FBI ha fatto irruzione negli uffici dell’azienda nel 2004, dopo che Qorvis era sospettato di aver violato le leggi sul lobbismo estero.

Tra il 2010 e il 2015, si ritiene che Qorvis abbia ricevuto milioni di dollari per continuare a ripulire l’immagine del regno saudita negli Stati Uniti. L’accelerazione è arrivata proprio quando i sauditi hanno lanciato la loro guerra devastante contro lo Yemen. Infatti, Qorvis ha creato un intero sito web – operationrenewalofhope.com – per promuovere la guerra guidata dai sauditi nello Yemen, secondo il sito di notizie The Intercept.

L’azienda ha anche inserito con successo storie Riyadh-friendly in importanti pubblicazioni americane, tra cui un op-ed del 2016 del ministro degli esteri saudita Adel al-Jubeir, che è stato pubblicato da Newsweek. Il titolo gridava spavaldamente: “I sauditi combattono il terrorismo, non credere al contrario”.

Tutto questo è piuttosto straordinario, considerando che NewsGuard si propone come un’applicazione che aiuta i consumatori di notizie a determinare “se un sito web sta cercando di fare la cosa giusta o se invece ha un’agenda nascosta o pubblica consapevolmente falsità o propaganda”.

Gli utenti dei social media hanno rapidamente seguito la storia, evidenziando i molteplici livelli di ironia e umorismo.

Mi chiedevo perché il loro slogan fosse “decapitare coloro che diciamo vendere notizie false”, ha scherzato un utente di Twitter.

Eppure, il co-fondatore di NewsGuard Steven Brill ha insistito sul fatto che Qorvis e la sua casa madre non hanno alcun controllo sull’applicazione.

“Publicis non ha nulla a che fare con il contenuto o le operazioni di NewsGuard e ha una piccola partecipazione nell’azienda”, ha detto Brill a Breitbart.

Se guidare l’applicazione è una responsabilità riservata esclusivamente al comitato consultivo, NewsGuard probabilmente non andrà molto meglio: Uno dei membri del consiglio, Richard Stengel, è un ex redattore capo della rivista Time e un ex funzionario del Dipartimento di Stato che è stato soprannominato il “capo propagandista” del governo degli Stati Uniti..

Fedele alla forma, Stengel ha ammesso apertamente durante una tavola rotonda l’anno scorso che “Non sono contro la propaganda”, e “Ogni paese la fa e la deve esercitare sulla propria popolazione e non penso necessariamente che sia così terribile”.

Preso da: https://it.sott.net/article/2042-Il-filtro-delle-Fake-news-NewsGuard-sotto-inchiesta-per-legami-con-azienda-promoter-della-propaganda-saudita