Mentre tutti se ne contendono il petrolio, la Libia rischia di rimanere senz’acqua

3/7/2019,
Di Vanessa Tomassini.

Infrastrutture danneggiate, centrali elettriche prese di mira dai razzi indiscrimati hanno lasciato vaste aree intorno alla capitale Tripoli, senza elettricità e mezzi di comunicazione per giorni. “Il drastico impatto della battaglia per Tripoli è persino visibile dallo spazio, con immagini satellitari che mostrano grandi fasce della città ora ammantate nell’oscurità. Nel frattempo, le riprese e le prove fotografiche che abbiamo raccolto e verificato dal terreno mostrano che le aree, le case e le infrastrutture civili stanno subendo il peso maggiore del danno”.
Ha denunciato Magdalena Mughrabi, Vice Direttore Medio Oriente e Nord Africa presso Amnesty International. Ma a spaventare maggiormente è la possibilità che i libici possano rimanere senz’acqua, mentre gli attori internazionali se ne contendono il petrolio, beffandosi dell’embargo delle armi imposto dalle Nazioni Unite. L’allarme è stato lanciato martedì dall’amministrazione del grande fiume artificiale, che ha avvertito di una grande falla nel tratto di canale di Jafara lungo il canale che conduce l’acqua a Tripoli. Per riparare la falla, secondo l’amministrazione, saranno necessari un paio di giorni per via anche dei numerosi allacci illegali lungo il percorso del Great Man Made River. “Circa 4 milioni di persone sono deprivate dell’accesso all’acqua”, è il terribile dato citato da Mostafa Omar, portavoce dell’Unicef in Libia. Il portavoce ha anche confermato che nella Libia occidentale trovare acqua pulita sta diventando sempre più difficile, dopo il danneggiamento di centrali elettriche e dei sistemi di controllo dell’acqua.

Preso da: https://specialelibia.it/2019/07/03/mentre-tutti-se-ne-contendono-il-petrolio-la-libia-rischia-di-rimanere-senzacqua/