Erdogan si accorda coi fratelli musulmani libici sul petrolio greco

Andreas Mountzouroulias, FRN 28 novembre 2019
Nuovi dettagli sono emersi dopo l’accordo di Ankara-Tripoli. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan incontrava Fayaz al-Saraj del governo dei fratelli musulmano libici ad Ankara. L’incontro durò 2 ore e pochi dettagli emersero inizialmente per ovvie ragioni. Una dichiarazione turca sull’incontro menzionava solo: “Abbiamo firmato col governo di Tripoli un protocollo d’intesa su sicurezza e cooperazione militare, mentre allo stesso tempo abbiamo firmato un protocollo d’intesa sul mare, derivante dal diritto internazionale”, senza citare esattamente quale diritto internazionale, in quanto non esiste un diritto internazionale a sostegno delle affermazioni di Erdogan. I media turchi, interamente controllati da Erdogan, continuano il caso. Darebbe essere un accordo a due che va approvato da altri Paesi per legittimarsi, ma con tali mosse i turchi creano un clima di ostilità nel Mediterraneo orientale. E non va dimenticata la lettera di Ankara alle Nazioni Unite, che annulla difatti le zone economiche esclusive greche e cipriote.


Cosa dicono i turchi: “Ieri è stato concluso un accordo storico ad Ankara che ha posto fine all’occupazione della Grecia nel Mediterraneo. Per 15 anni, Atene e Nicosia hanno operato illegalmente, ma l’accordo Ankara-Tripoli pone fine alle ambizioni di questi Paesi. Con questo accordo, blocchiamo la futura firma di una ZEE da parte della Grecia”. Vi erano persino riferimenti a Creta dai turchi. La cosa strana, come si vede dalle mappe, è il riferimento a Imia, o Kardak, come la chiamano i turchi. Qualcosa di speciale è stato pianificato dai turchi, la situazione odora di conflitto!
“Di comune accordo, il tentativo della Grecia d’invadere il Mediterraneo andrà in rovina, mentre Turchia e Libia acquisiranno potere marittimo a sud di Creta e nei dintorni di Cipro”, aveva detto un giornale pro-Erdogan, aggiungendo che “a seguito degli sviluppi nel Mediterraneo orientale diventa ancora più urgente la necessità di delimitare le zone marittime tra Turchia e Libia”.
Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...