La Corte penale internazionale continua ad interferire in Libia, rigettato l’appello di Saif Al Islam Gheddafi

Il 9 marzo 2020, la Camera d’appello della Corte penale internazionale (“ICC” o “Corte”) ha confermato all’unanimità la ricevibilità della causa contro Saif Al-Islam Gheddafi dinanzi alla Corte e ha respinto il suo ricorso contro la Camera preliminare I decisione che respinge la sua contestazione sull’ammissibilità della presente causa.

La Camera di appello ha ricordato che la Corte è “complementare alle giurisdizioni penali nazionali”. Un caso è inammissibile quando una persona “è già stata processata” e nessuna persona “che è stata processata da un altro tribunale” per crimini sotto la giurisdizione della CPI deve essere processata dalla CPI in relazione allo stesso comportamento. Nel riesaminare la decisione della Camera di prova, la Camera di ricorso non ha riscontrato alcun errore e ha concordato con la sua interpretazione dello Statuto di Roma, indicando che la decisione emessa da una giurisdizione nazionale deve essere definitiva prima che un caso possa essere dichiarato irricevibile.

Dopo aver esaminato le osservazioni della Difesa, del Procuratore, delle vittime, del governo libico e di altri, la Camera di appello ha riscontrato che la Camera di prova non ha commesso errori nel concludere che la sentenza libica del 28 luglio 2015 contro Gheddafi è stata pronunciata in contumacia . Ciò è supportato anche dalle osservazioni del governo libico all’ICC. Pertanto, ai sensi della legge libica, la sentenza della Corte di Tripoli non può essere considerata definitiva. La Camera di appello ha inoltre concordato con la decisione della Camera di prova I che la legge libica n. 6 (2015) in materia di amnistia non è applicabile ai crimini per i quali il sig. Gheddafi è stato condannato dal tribunale di Tripoli. Di conseguenza, la Camera d’appello respinge l’appello di Gheddafi.

La Camera d’appello è composta dai giudici Cile Eboe-Osuji, Presidenti, Howard Morrison, Piotr Hofmański, Luz del Carmen Ibáñez Carranza e Solomy Balungi Bossa. Il giudice Eboe-Osuji e il giudice Bossa accolgono congiuntamente un’opinione separata. Il giudice Ibáñez Carranza, a tempo debito, presenterà un’opinione separata a questa sentenza, relativa alla questione delle amnistie e del diritto internazionale.

La Difesa di Gheddafi e il Consiglio Supremo delle Città e Tribù libiche, avevano precedentemente esortato la Corte a tornare ai principi fondanti della complementarità e a consentire agli Stati “il primato sui crimini insorti nella loro giurisdizione, chiedendo di non interferire con i processi interni fintanto che lo Stato interessato ha indagato, perseguito o ha processato il caso”. A tale proposito, hanno sostenuto che non è compito della Corte penale internazionale “sedersi in giudizio” davanti al tribunale nazionale, in quanto la Corte penale internazionale non è la Corte suprema della Libia. Continuando, hanno sostenuto che “qualsiasi interpretazione del regime di complementarità che impone a questa Corte di approfondire troppo la legge libica potrebbe forse vanificare lo scopo “in particolare perché un simile approccio costituirebbe un’intrusione indebita sulla” sovranità nazionale”.

Lo sceicco e dignitario Ali Abu Sbeha, capo del Consiglio delle Tribù del Fezzan, e la presidenza del Consiglio Supremo delle Tribù e delle Città libiche hanno dichiarato che “la decisione della Corte penale internazionale costituisce una violazione della sovranità libica perché la magistratura libica ha emesso una sentenza in materia, e Saif al-Islam è coperto dalla legge generale sull’amnistia”. Abu Sbeha ha espresso la sua netta condanna per la posizione del Governo di Accordo Nazionale (GNA) al riguardo, affermando che questo dovrebbe lavorare per riunire il popolo libico, in particolare considerando che Saif Al-Islam è estremamente popolare in Libia, chiedendo di superare le questioni in sospeso dal 2011 ed attivarsi per una reale riconciliazione nazionale che non può essere ostruita da organismi internazionali.

L’anziano ritiene che la posizione del Governo che oggi controlla solo parti di Tripoli e Misurata, lo rende ancora una volta un avversario del popolo libico, specialmente da quando il ministro della Giustizia dello stesso Governo aveva prosciolto da ogni accusa il figlio del rais.

Preso da: https://specialelibia.it/2020/03/11/la-corte-penale-internazionale-continua-ad-interferire-in-libia-rigettato-lappello-di-gheddafi/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...