L’associazione Vittime della Nato in Libia lotta contro l’impunità dei potenti

28 gennaio 2018

Dalla guerra in Iraq nel 1991 a oggi, nessun tribunale internazionale ha mai processato e giudicato i vincitori delle guerre di aggressione condotte dall’Occidente e dagli alleati del Golfo. E dire che la guerra di aggressione è bandita in modo assoluto dalla carta delle nazioni unite ed è considerata il «crimine internazionale supremo» sin dall’epoca del tribunale di Norimberga (che però giudicò solo i vinti).

Alcune volte gli Stati presi di mira hanno provato a reagire ricorrendo a istanze internazionali (si pensi alla Jugoslavia durante i bombardamenti Nato del 1999); altre volte erano i cittadini danneggiati a provare le strade dei tribunali internazionali, sul lato penale e civile. Il primo non ha mai sortito effetti; per il secondo, alle vittime civili – «effetti collaterali» – afghane, irachene, pakistane sono stati elargiti risibili risarcimenti a cura dei responsabili, si vedano gli Usa con gli abitanti dei villaggi sterminati dai droni. Troppo poco, decisamente.

Si sta muovendo con coraggio contro l’impunità Khaled el Hamedi, cittadino libico, fondatore dell’associazione Vittime della Nato. Un bombardamento dell’operazione Unified Protector sterminò la sua famiglia il 20 giugno 2011 a Sorman. Dalle macerie furono estratti i corpi maciullati della moglie Safae Ahmed Azawi, incinta, dei suoi due figli piccoli Khaled e Alkhweldi, della nipote Salam, della zia Najia, del cugino Mohamed; uccisi anche i bambini dei suoi vicini di casa e due lavoratori. Abbiamo rivolto alcune domande al legale di Khaled, Jan Fermon, che sta preparando una conferenza stampa a Bruxelles, il 29 gennaio.

famiglia uccisa dalla nato
Avvocato Fermon, il 23 novembre 2017 la Corte d’appello di Bruxelles (Belgio, sede del Patto atlantico) ha risposto negativamente al ricorso del suo assistito Khaled el Hamidi; l’immunità della Nato è stata confermata…

E’ stata persa l’occasione di un passo avanti storico nell’applicazione della legislazione internazionale sui diritti umani e del diritto internazionale umanitario. Una grande ingiustizia verso tante vittime. Khaled el Hamidi (che ora vive in esilio, ndr) è intenzionato ad andare avanti finché l’impunità non avrà fine. Il fatto che la sede della Nato sia qui, ha aperto la strada alla possibilità di un processo civile.

Come mai la Nato gode dell’immunità, e dunque dell’impunità?

La Nato è un organismo interstatale e multilaterale; con il trattato di Ottawa del 1951, i paesi fondatori decisero per l’immunità dalla giurisdizione cioè l’impossibilità di processare (cosa diversa dall’immunità di esecuzione cioè l’impossibilità di applicare la punizione). E’ grave, trattandosi di un’organizzazione che può dunque impunemente decidere della vita e della morte delle persone in giro per il mondo. Non è certo un incentivo, per la Nato e per altri, a rispettare il diritto internazionale…Può sfociare nell’impunità per crimini di guerra.

Paradossale. Non ci sono limiti a questa immunità?

Sì, ci sarebbero, e questa è la base della nostra azione legale. Infatti l’articolo 6 della Convenzione europea dei diritti umani e altri strumenti internazionali prevedono che ogni cittadino abbia il diritto di accedere a un tribunale. E, per la Convenzione di Vienna, gli Stati devono rispettare i trattati che hanno firmato. Il diritto di accesso, tuttavia, non è assoluto e può subire limitazioni, appunto di fronte all’immunità delle organizzazioni internazionali, che hanno fini da perseguire. Ma c’è una giurisprudenza, anche da parte della Corte di cassazione belga, secondo la quale la limitazione nell’accesso ai giudici non è accettabile quando l’organizzazione internazionale che dovrebbe essere messa in stato di accusa non ha una sorta di tribunale interno accessibile da parte dei cittadini che hanno subito danni dal suo operato. La Nato è priva di questo meccanismo rispetto alle sue azioni in Libia.

E dunque?

Intanto: la Nato ha rifiutato di comparire in giudizio (loro sostengono di limitarsi a coordinare le azioni belliche degli Stati membri, lo Stato belga l’ha rappresentata (dopotutto se si tratta di risarcire danni, spetterà poi agli Stati membri). Un primo scoglio era che Khaled non potesse invocare l’articolo 6 e dunque il diritto di accesso a un giudice perché non è cittadino europeo e il danno era avvenuto fuori dall’Europa. Ma in due sentenze, la Corte europea dei diritti umani aveva stabilito che si potesse invocare l’articolo 6 perché il paese dove la causa era cominciata lo permetteva. Nel nostro caso, però, la Corte d’appello ha deciso così: «Avete il diritto di accedere alla Corte, ma la limitazione al vostro diritto, dovuta all’immunità della Nato, rimane accettabile, proporzionata, visti gli obiettivi che l’organizzazione internazionale deve realizzare.» La Corte d’appello si è riferita a una Corte olandese che aveva sancito l’immunità per i caschi blu olandesi dell’Onu, nella vicenda di Srebrenica.

Ma l’Onu e la Nato, lei dice, non possono essere messe sullo stesso piano.

La prima è un’organizzazione che almeno in linea di principio non è di parte e riconosce la sovranità e l’eguaglianza di tutte le nazioni; ha per obiettivo l’applicazione del proprio Statuto, che è la base del diritto pubblico internazionale contemporaneo. Inoltre l’Onu dovrebbe avere il monopolio dell’uso della forza, oltretutto solo con il fine di ristabilire la pace. La Nato è praticamente illegale rispetto alla Carta dell’Onu che parla di organizzazioni regionali ma non di patti militari; è un club militare di un gruppo limitato di paesi e ha come obiettivo l’uso della forza.

Non potevate impugnare l’illegalità della guerra della Nato, che andò ben oltre il mandato della risoluzione del Consiglio di sicurezza 1973, operando un regime change e violando addirittura il mandato relativo alla protezione dei civili?

Dal punto di vista politico, è verissimo. La 1973 fu strumentalizzata. Però, questo genere di argomento renderebbe ancora più difficile le cose per un giudice belga. Ho preferito non usare l’argomento della legalità dei quella guerra perché nel caso della famiglia el Hamedi non ce n’era bisogno: prendere di mira un’abitazione civile è un crimine di guerra. La Commissione d’inchiesta dell’Onu sulla Libia al tempo si disse insoddisfatta delle spiegazioni della Nato circa l’episodio…a volte hanno tirato in ballo un errore da parte degli informatori sul campo, altre volte hanno affermato che la casa era una centrale di comando, tutto evidentemente falso.

Quali le vostre prossime mosse? Provare in altri paesi?

Dobbiamo valutare se continuare in Belgio; la Corte di cassazione non può cambiare la decisione nel merito. Altri paesi? Si potrebbe solo conoscendo la nazionalità dell’aereo che ha colpito quel giorno. Il paese è corresponsabile delle azioni. Ma è impossibile saperlo, vista l’omertà in casa Nato. Pensiamo anche alla Corte europea per i diritti umani.

E il Tribunale penale internazionale (Tpi) visto che si tratta di un crimine di guerra?

Quanto al Tpi, la risoluzione 1970 sulla Libia in effetti lo tirava in ballo …dal punto di vista letterale gli venivano affidati tutti i crimini compiuti in Libia; ma è molto chiaro che ci si riferiva solo a Gheddafi e alla sua ristretta cerchia. Inoltre per le vittime, far ricorso a quel tribunale, significa avere pochissimi diritti; il procuratore spesso non avvia nemmeno l’inchiesta; lo sanno tutti. Ci sono pressioni fortissime.

Ha assistito altre vittime delle guerre occidentali?

Ci ho provato nel 2003 durante l’occupazione dell’Iraq. Il Belgio aveva la giurisdizione universale (cioè estesa ad atti compiuti fuori dei propri confini) rispetto ai crimini di guerra. Difendevo un gruppo di cittadini iracheni contro il generale Tommy Franks e altri militari. Beh, furono impressionanti le minacce. Il Segretario Usa alla difesa Donald Rumsfeld chiese al Belgio di non accettare la mia denuncia; il paese fu minacciato di boicottaggio, di ritiro degli uffici della Nato (100mila posti di lavoro); e siccome il ministro degli esteri si era rivelato un po’ indipendente, fu imposto di estrometterlo dal governo successivo. Del resto, come non ricordare il cosiddetto «Hague Invasion Act» del 2002? Una legge che autorizza l’uso della forza per liberare i cittadini statunitensi o di un paese alleato che fossero detenuti dal Tribunale penale, con sede all’Aia. Ecco, dopo il 2003 è stata minacciata una sorta di «Brussels Invasion Act».

Khaled el Hamedi, che ora vive rifugiato all’estero, ha creato l’associazione Vittime della guerra della Nato in Libia. Quali gli obiettivi?

Vuole aprire una possibilità per gli altri; unire le forze. Intanto per stabilire la verità. Sarà anche utili aiutarli a raccogliere elementi di prova sull’operato della Nato. E la pressione giudiziaria, è anche quella che viene dalle vittime…

Ma l’impunità delle potenze egemoni, è proprio invincibile?

La lotta contro l’impunità, anche in un mondo multipolare, è prima di tutto una lotta di popolo. E’ più politica che giuridica, anche se poi va tradotta in principi giuridici che superino, appunto, l’impunità. E’ un po’ lo stesso nella giustizia nazionale, che non è neutra rispetto al censo, come sappiamo. Comunque sono i popoli a doversi battere per imporre una giustizia imparziale e seria.

Le foto sono tratte da questo sito.

Documentario di Michel Collon sul massacro di Sorman

Video di RT su familiari di vittime dei bombardamenti in Siria che reclamano giustizia

Marinella Correggia – sibialiria.org

Fonte

Annunci

Se il sistema non trova le soluzioni, bisogna cambiare il sistema

Ci voleva una ragazzina di 15 anni per rimettere le cose a posto e dire quello che è sotto gli occhi di chiunque, per affermare cose ovvie ma fondamentali inchiodando tutti alle proprie responsabilità.

Se il sistema non trova le soluzioni, bisogna cambiare il sistema Greta Thunberg,
15 anni, di origini svedesi, già nota per il sit in davanti al parlamento del suo paese per chiedere misure contro i cambiamenti climatici, ha parlato ai microfoni della COP24, la conferenza delle parti sul clima, che si è tenuta in Polonia e si è chiusa con decisioni deludenti.
Greta ha parlato senza fronzoli, senza ipocrisie, senza bizantinismi, calcoli e tatticismi, senza vuoto e falso politichese. Ha illustrato semplicemente la realtà per quella che è, indicando le soluzioni per risolvere i problemi, così come dovrebbe essere sempre ma come non è praticamente mai.
Viviamo infatti in un mondo dove non ci si concentra su ciò che serve fare ma su quanto politicamente possibile fare, che però si rivela del tutto insufficiente visto l’aggravarsi costante della situazione. Come è risaputo, la politica è ostaggio e serva degli stessi ricchi di cui parla Greta e per il profitto dei quali si sta distruggendo l’intero pianeta. Come associazione Paea diciamo le cose di Greta da tanti anni ma la forza dirompente di questa fantastica ragazzina è uno squarcio nel velo dell’ipocrisia imperante. Il suo messaggio rivolgendosi ai delegati dell’ennesima inutile conferenza sul clima in Polonia è netto: ci avete ignorato in passato e continuerete a ignorarci, voi avete finito le scuse e noi abbiamo finito il tempo.
E Greta azzecca un passaggio fondamentale: il potere, che ha determinato questa situazione con la complicità del consumismo e dei suoi tanti attori, non tiene conto del cambiamento che è già in atto. Persone che hanno capito che dalla politica non arriveranno i reali, profondi e necessari cambiamenti, stanno cambiando loro direttamente. E sulla spinta di quello che Greta chiama popolo, anche la politica per buona ultima sarà costretta a cambiare. Quel popolo, che per il momento è ancora molto occupato a fare shopping ma dalla cui moltitudine si stanno staccando pezzi sempre più numerosi e stanno organizzando un sistema che non ha niente a che vedere con quello fallimentare e senza futuro che impera attualmente. E quando il sistema non trova la soluzioni, bisogna cambiare il sistema.
Non è certo un caso che questo messaggio venga da una bambina, quindi giovane e donna, laddove soprattutto gli adulti e maschi danno e storicamente hanno dato prova di stupidità, ferocia e follia senza limiti. Greta fa venire prima l’azione della speranza, infatti in un suo intervento dice: “Una cosa di cui abbiamo bisogno più della speranza è l’azione. Una volta che iniziamo ad agire la speranza è ovunque. Invece di cercare la speranza, cercate l’azione e solo allora arriverà la speranza”.
Grazie Greta, sei una bellissima luce in una notte che sta diventando sempre più fonda.

Preso da: http://www.ilcambiamento.it/articoli/se-il-sistema-non-trova-le-soluzioni-bisogna-cambiare-il-sistema

CIA e assassinio dei leader

Vladimir Platov New Eastern Outlook 14.01.2018
La storia della Central Intelligence Agency degli Stati Uniti è piena di numerosi esempi di omicidi politici, non solo negli Stati Uniti, ma anche nei Paesi con cui Washington non è d’accordo. Così oggi,la CIA ha attivamente iniziato a sviluppare vari metodi per l’eliminazione deliberata del nuovo avversario politico degli Stati Uniti, il leader nordcoreano Kim Jong-un, coinvolgendo non solo le forze speciali, ma anche i servizi speciali dei Paesi che cooperano strettamente con la CIA. La prova di ciò, in particolare, si trova nei 310000 dollari nel bilancio della difesa per il 2018, ufficialmente decisi dal governo sudcoreano; il costo dell’eliminazione del leader della Corea democratica Kim Jong-un. Questi fondi saranno spesi per la formazione e l’equipaggiamento di una speciale “unità di decapitazione” dedicata alla leadership nordcoreana, la cui creazione fu resa nota il 1° dicembre. La squadra comprenderà circa mille commando, il cui compito in caso di guerra sarà trovare e uccidere Kim Jong-un e gli alti dirigenti dello Stato vicino. Come una fonte del ministero della Difesa della Repubblica di Corea ha riferito al quotidiano Korea Herald, l’equipaggiamento speciale della squadra includerà droni-kamikaze, droni da ricognizione e persino lanciarazzi pesanti. La struttura e i piani di addestramento della squadra sono classificati, ma secondo le informazioni dei media sudcoreani, i soldati della nuova squadra si addestreranno secondo la metodologia utilizzata dal Team 6 dei SEAL che assassinò Usama bin Ladin. Allo stesso tempo, va ricordato che il tentativo di creare una squadra speciale nella Corea del Sud, nel 1968, con obiettivi simili finì in tragedia.

All’epoca, a 31 criminali sudcoreani fu promesso il perdono se la squadra che avevano formato avesse ucciso Kim Il-sung. Il gruppo ebbe un addestramento intensivo, durante il quale tre persone furono uccise, e alla fine fu inviato su gommoni nella Corea democratica, ma furono richiamati a metà strada. I prigionieri non furono rilasciati, l’estenuante addestramento continuò e fu decisa la data della nuova operazione. Nel 1971, i membri della squadra si ribellarono, uccisero gli istruttori e cercarono di raggiungere Seoul e, quando furono bloccati dall’esercito, si fecero saltare in aria con le granate. I quattro sopravvissuti furono successivamente giustiziati. Nel 2003 fu realizzato il film sudcoreano “Silmido” su questo tragico episodio.
Tali piani radicali per liberarsi degli oppositori politici non sono affatto sorprendenti, specialmente quando sono sviluppati e controllati dalla CIA, esperta in materia. E non c’è da stupirsi che persino il direttore della Central Intelligence Agency degli Stati Uniti, Mike Pompeo, abbia parlato in ottobre al forum della Fondazione per la difesa delle democrazie a Washington, dicendo che se la CIA liquidasse il leader della Corea democratica Kim Jong-un, non riconoscerebbe il coinvolgimento degli agenti statunitensi nell’assassinio. Tutti sanno che per mantenere il dominio, gli Stati Uniti non si fermano davanti a nulla, compresi l’omicidio degli indesiderabili. Negli anni ’50 e ’60, uccisero numerosi leader stranieri e personaggi pubblici che combattevano non per il comunismo, ma per l’indipendenza nazionale dei propri Paesi. Poi venne una certa calma, connessa sia con la politica della “distensione” sia con le denunce delle attività della CIA da parte della Commissione del Senato di F. Church nel 1975. Le conclusioni della commissione sulle attività illegali dei servizi d’intelligence statunitensi (in particolare, omicidi e numerosi attentati a statisti stranieri) portò all’adozione da parte del presidente J. Ford di un ordine che vietava gli omicidi “ufficialmente sanciti” di leader stranieri. Tuttavia, nel 1981 questo decreto presidenziale fu rovesciato da Reagan e l’elenco delle vittime riprese a crescere rapidamente. Dopo numerosi dibattiti sui media, non ci fu interesse sul segreto della rapida infezione del Presidente Hugo Chávez e conseguente morte con una nuova forma di arma biologica: un virus del cancro e il coinvolgimento dei servizi speciali statunitensi. Tuttavia, un altro fatto molto strano e inspiegabile (a parte l’operazione dei servizi speciali statunitensi), è che, oltre a Hugo Chavez, numerosi altri leader latinoamericani, chiaramente disprezzati da Washington, “inaspettatamente” si ammalarono di cancro allo stesso tempo. Tra questi il Presidente argentino Nestor Kirchner (sostituito da Cristina Kirchner), il Presidente brasiliano I. Lula da Silva (dopo il quale Dilma Roussef salì al potere) e il presidente paraguaiano Fernando Lugo (che fu rovesciato dal colpo di stato della CIA nel 2012; poco dopo gli fu diagnosticato un cancro). È anche curioso che, dopo che il presidente conservatore e filoamericano della Colombia, Juan Manuel Santos, abbia iniziato i colloqui di pace coi partigiani delle Forze armate rivoluzionarie della Colombia (FARC), abbia “inaspettatamente” contratto il cancro. Lo scrittore venezuelano Luis Brito Garcia ha contato più di 900 attentati al leader cubano Fidel Castro organizzati dalla CIA. E negli ultimi anni Castro soffrì di una misteriosa malattia intestinale oncologica, che lo colpì dopo il “Vertice dei Popoli” del 2006 nella città argentina di Cordoba. Ricordiamo anche la stranissima morte dell’ex-presidente palestinese (OLP) Yasser Arafat, che soffriva… di leucemia nel 2004.

Non è neppure irragionevole citare le rivelazioni di WikiLeaks che nel 2008 la CIA chiese all’ambasciata in Paraguay di raccogliere dati biometrici, incluso il DNA, dei quattro candidati presidenziali. Conoscendo il codice del DNA di una persona, è facile sviluppare un oncogene per ogni individuo. E se ipotizziamo che tali dati siano stati ottenuti alla vigilia delle elezioni in Brasile, allora il cancro di Dilma Roussef, contratto nel 2009, s’inserisce perfettamente in questa teoria. Quindi, oltre alle forti opzioni per l’eliminazione degli oppositori politici (come, in particolare, accaduto al leader iracheno Sadam Husayn o al leader libico Muammar Gheddafi), è improbabile che la CIA sia esclusa dall’averli infettati con virus del cancro. Inoltre, esperimenti simili furono condotti a lungo nei laboratori segreti della CIA, “trofeo militare dei servizi speciali statunitensi” basato sui brutali esperimenti umani di Josef Mengele, e prima ancora “sull’esperienza” dello statunitense Cornelius “Doctor Death” Rhoads, patologo del Rockefeller Institute of Medical Research che iniziò a lavorare a Porto Rico e divenne un “pioniere” nel campo della creazione di nuove tecniche per uccidere con metodi chimici, biologici e radioattivi. Coi finanziamenti del Rockefeller Institute, condusse esperimenti a Puerto Rico nei primi anni ’30 infettando persone con cellule cancerose, lavorando in segreto nell’”Edificio n. 439″. Il cancro è l’effetto di una nuova arma delle agenzie d’intelligence statunitensi, in sintonia col “modus vivendi” dell’imponente impero nordamericano? Notiamo solo che la malattia ha colpito solo quei politici la cui politica era contraria al dominio degli Stati Uniti.
Gli Stati Uniti sono sull’orlo del collasso economico e rimangono a galla solo perché possono stampare per riaccreditare la propria economia e aumentare costantemente il budget militare e le operazioni segrete della CIA. Pertanto, è del tutto logico presumere che “gli artigiani di Langley” abbiano trovato nuovi metodi rapidi ed economici per eliminare efficacemente gli avversari. Il vantaggio più importante di tali metodi è che non lasciano tracce, sono camuffati da cancro o infarto ed eliminano la possibilità di denuncia e responsabilità diretta.
Vladimir Platov, esperto in Medio Oriente, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook”.

 

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Generazione Erasmus: cavie al servizio del MALE!

Interessante intervista a Paolo Borgognone, quella che riportiamo di seguito, sulla MERDOSA generazione Erasmus.
Un’ammasso di pupazzetti che tra un happy hours e qualche orgetta scolaresca credono di poter dare lezioni al resto del mondo su economia, immigrazione, integrazione, lavoro, democrazia, libertà, istruzione e chi più ne ha più ne metta.
Una generazione di merda al servizio del male assoluto: IL CAPITALE!!
Globalisti e neoliberisti, anche credono di lottarvi contro, che agevolano una società schiavistica di cui loro stessi saranno vittime dopo aver vissuto sulle spalle della collettività per gli anni di  “studio” all’estero. In realtà vanno a fare happy hour e fumarsi qualche canna sulla rambla  (Barcellona) e scopare come conigli negli angoli bui dei vicoli.
Una generazione inutile e fragilissima, come sostiene Paolo Borgognone, che verrà spazzata via dalla loro stessa non autosufficienza e nullità!
erasmus-2
L’analisi sulla Erasmus Generation di Paolo Borgognone.
Paolo Borgognone, giovane ma profondo analista dei fenomeni socioculturali contemporanei ha analizzato nel suo Generazione Erasmus. I cortigiani della società del capitale e la “guerra di classe” del XXI secolo la nuova generazione succube degli slogan della globalizzazione occidentale anche in riferimento a Paesi extraeuropei, compreso l’Iran.

Nei giorni scorsi abbiano visto in Iran scendere in piazza, a protestare contro il sistema di governo e potere post-rivoluzionario minoranze di vario tipo. Vogliamo mettere a fuoco la situazione con Borgognone scoprendo i nessi logici con ciò che sta accadendo anche in Europa, sia ad Ovest che a Est.
– A Teheran siamo di fronte a un flebile tentativo di “rivoluzione” da parte di minoranze particolarmente attive nel contesto metropolitano?
A Teheran, in particolare, la capitale definita “moderna” dell’Iran islamico, i quadri ideologici della protesta sono costituiti da giovani studenti nichilisti. Non mi importa, personalmente, se sono o meno pagati dalle Fondazioni americane per l’esportazione della “società aperta” all’estero. Per non simpatizzare con la loro causa mi è sufficiente costatare il fatto che gli studenti liberal iraniani siano nichilisti. E loro stessi affermano, con ostentato orgoglio, questa condizione ideologica degradante.
– Puoi fare un esempio?
Una delle rivoltose, tale Delaram, 20 anni, studentessa liberale al Politecnico di Teheran ha dichiarato al Corriere della Sera circa le ragioni che hanno innescato i riots dei giorni scorsi: «Non lo so e non mi interessa. Nel 2009, la gente aveva delle richieste specifiche, avevano un leader. Adesso consideriamo tutto problematico. Odio questo sistema e lo voglio cambiare». Gli studenti liberal iraniani, dunque, sono interpreti della “rivoluzione del disinteresse e del disimpegno”, dell’apatia.
– Devono però pur avere un modello di riferimento.
Il loro modello politico di riferimento è la società aperta, cioè il regime del vuoto esistenziale e del conformismo liberale. La società “aperta” al mercato dei desideri destabilizzanti e debilitanti. I giovani Erasmus Generation, cioè i giovani adepti della filosofia del disincanto e della compiuta irresponsabilità sono, a prescindere dalla loro nazionalità (il liberalismo è infatti, per vocazione, cosmopolita), dei rassegnati ritiratisi, spontaneamente, nel recinto dei “balocchi frustranti” del narcisismo: la società aperta popperiana e, ora, sorosiana.
– E come questo paradigma si declina in una società islamica sia pur complessa come l’Iran?
I giovani iraniani Erasmus Generation sono moltitudini spaesate, desiderose di “libero mercato” economico e “diritti civili” e il loro velleitarismo anarcoide (la “rivoluzione del disinteresse”) costituisce il brodo di coltura ideale in cui germoglieranno e prolificheranno, ben presto, le strategie d’azione, molto concrete, di quegli “investitori internazionali” che, diversamente dalle studentesse sedicenti glamour di Teheran, sapendo perfettamente cosa gli interessa (il petrolio iraniano) e come ottenerlo (regime change in Iran), intendono affondare i propri artigli sull’antica Persia innescando giganteschi processi di impoverimento e de-emancipazione.
– I giovani contestatori non si troveranno spiazzati da questo scenario imprevisto scenario di destabilizzazione?
È più probabile che quando si verificherà i giovani “agitatori” di oggi piagnucoleranno, lamentosi, dinnanzi alle telecamere occidentali, che la “rivoluzione” che avevano in mente era “diversa”, ovvero “egualitaria” e “democratica” e che anonimi e impersonali “poteri forti” gliel’hanno “rubata”.
– Parafrasando potremmo dire “è l’Occidente, bellezza!” In fondo nel “movimento” non serpeggia una simpatia occidentalista di fondo?
Una parte del movimento protestatario iraniano è infatti culturalmente filoccidentale poiché inalbera slogan del tipo: “No alla Siria, no al Libano, no a Gaza, la nostra vita è per l’Iran!” e “Morte alla Russia! Morte alla Cina!”. È chiaro che slogan come questi sono musica per il circo mediatico occidentale di complemento alle élite neocon che organizzano la strategia atlantista delle “rivoluzioni colorate”. Il circo mediatico liberal, infatti, definisce “massimalisti” e “black block” coloro i quali, nei Paesi occidentali, si battono contro le guerre americane, israeliane e Nato e nello stesso tempo elogiano con epiteti quali “giovani democratici” e “la parte migliore del Paese” chi, tra gli studenti glamour di Teheran, chiede la fine del sostegno iraniano alla resistenza libanese, palestinese e siriana.
– In questo scenario di destabilizzazione come si colloca il presidente americano Trump?
L’Iran è l’obiettivo privilegiato dell’amministrazione Trump che, lo sappiamo bene, lo scorso anno ha ricevuto 480 miliardi di dollari dall’Arabia Saudita in cambio di commesse militari fornite dagli Usa a Riyadh per combattere l’Iran ed Hezbollah. È chiaro che chi ha investito quella somma enorme in chiave anti-iraniana voglia, ora, incassare i dividendi.
– Poche ore prima del fuoco di paglia iraniano il laboratorio privilegiato dei nuovi scenari sembrava essere la Catalogna. In Catalogna si sta tentando di creare un nuovo Stato sul modello culturale dell’Erasmus Generation. Pensi che possa nascere questo Stato?
Non lo so. Quello che vedo è che in Catalogna siamo alle prese con un conflitto politico tutto interno alla galassia liberal che, di fatto, non mi appassiona poiché vede contrapporsi unionisti e secessionisti intenti a rivendicare, per legittimarsi a vicenda, la propria adesione ai principi della società aperta. Può sembrare paradossale, e invece non lo è affatto, ma in Catalogna la leader del principale partito unionista (Ciudadanos, in realtà liberale e filo-Ue), tale Inés Arrimadas, è lo stereotipo politico-antropologico per antonomasia della Erasmus Generation. Il padre di Inés Arrimadas era il governatore civile franchista delle province di Cuenca e Albacete. In questa singolare vicenda familiare c’è l’essenza della metamorfosi liberal della destra spagnola… Inés Arrimadas è una dirigente d’azienda privata, una manager transnazionale, che ha cominciato la sua esperienza politico-professionale proprio con il Programma Erasmus, a Nizza, in Francia.

 

Proteste in piazza a Barcelona
  • Una erasmiana di seconda generazione.
È ovvio che in Erasmus, nel mentre si viene istruiti, laddove si provenga da “buona famiglia” come si suol dire, a diventare manager internazionali (beneficiari di cospicua retribuzione) ai tempi del dominio dispotico dell’economia globalizzata, ci si sottoponga anche, tra una bevuta alcolica in discoteca e un party notturno in spiaggia, a un rito di iniziazione e di fedeltà, una catechesi, agli anti-valori del cosmopolitismo e del politically correct. Spiace costatare che, in Spagna, al culmine della vicenda catalana, la bandiera dell’unionismo sia stata impugnata da partiti, come Ciudadanos, che non sono unionisti ma liberali e dunque fedeli alle logiche di sradicamento proprie della società aperta piuttosto che alla tradizione della Spagna imperiale e originaria. Ciudadanos è un partito postmoderno che si è consolidato dopo la lunga stagione di disimpegno della Movida degli anni Settanta-Ottanta del secolo scorso.
– Come gli studenti iraniani, i giovani dell’Erasmus Generation sono il soggetto di cambiamenti storici o figure passive teleguidate?
I giovani Erasmus Generation sono il prodotto politico-antropologico della rivoluzione passiva neoliberale degli ultimi trent’anni circa ma le radici storiche di questo agglomerato umano affondano nella cultura di massa mainstream, americana, veicolata dal Sessantotto. Non dimentichiamoci che gli ideali di “liberazione” cui si ispiravano i sessantottini erano di matrice prettamente americana, radical.
– Ma il ’68 non era nato per contestare…?
Il Sessantotto nacque, come movimento contestatario antiborghese ma ultracapitalistico proprio nei campus universitari americani della California (Berkeley), notoriamente i più liberal e “creativi”. Tornando all’oggi, va detto che il conformismo esistenziale dei teenager americanocentrici e nichilisti di nuovo conio è disarmante. Costoro, nella fascia “alta” (cioè gli “istruiti”, quelli che abitano nei quartieri bene delle città metropolitane più importanti del mondo occidentale e liberal), hanno recepito e accettato, senza colpo ferire, l’assunto secondo cui libertà e democrazia coincidano con il liberalismo economico-culturale e politico quando, in realtà, è vero l’opposto.
– Perché?
Perché libertà non significa, come vorrebbero l’élite intellettuali e i ceti manageriali di centrosinistra/centrodestra che ci “governano”, adattamento al liberalismo degli stili di vita collettivi e ripudio delle appartenenze pregresse. Libertà significa innanzitutto sovranità popolare. Democrazia significa potere popolare (non governo indiretto o diretto dei banchieri come invece va di moda sostenere oggi). Le fasce “basse”, cioè culturalmente più dozzinali invece, della Generazione Erasmus, non si pongono neppure i problemi di cui sopra e rivendicano, unicamente, il “diritto” di “divertirsi liberamente” (cioè, come la pubblicità induce a fare) senza doversi preoccupare di tutto ciò che non rientri, specificamente, nel novero della dimensione irreale cosiddetta “bolla degli espatriati”.
– Un “facciamo casino” abbastanza sterile in basso?
La Generazione Erasmus è comunque riuscita, e questo duole particolarmente ricordarlo, a imporre una propria morale, centrata sui dogmi identitari postmoderni del disinteresse e della stupidità sulle rovine della morale tradizionale, in Occidente spazzata via dalla società dei consumi e considerata, dai più, un retaggio premoderno, obsoleto e dunque “roba per vecchi”. Invece, a mio parere, i “vecchi” e i reazionari del tempo presente sono proprio i nuovi moralisti della Generazione Erasmus, chierichetti del Politicamente Corretto. I teenager della Generazione Erasmus sono la claque di cui gli strateghi, miliardari, della società del capitale necessitano per conferire una patina di “democraticità” ai loro piani centrati sull’omologazione al ribasso mediante precise strategie aziendali di sfruttamento, precarizzazione e delocalizzazione permanenti.
– Nell’Est Europa e in Russia si sta sviluppando qualcosa di simile agli Erasmiani?
Sì, certamente, una “giovane classe media” privata e occidentalizzata esiste anche nei Paesi dell’Est Europa e in Russia ed è proprio su questi attori sociali conformisti che la Ue punta per inscenare i processi di “rivoluzione colorata” volti a porre fine ai governi sovranisti di Viktor Orbán a Budapest e Vladimir Putin a Mosca. Per suscitare tentativi di “rivoluzione colorata” a Budapest e a Mosca, le fondazioni private euro-atlantiche per l’esportazione della società aperta all’estero hanno investito milioni di dollari, forgiando ad hoc gli armigeri e giannizzeri della destabilizzazione neoliberale proprio tra le fila della “giovane borghesia dei consumi e dello spettacolo.
– Però è difficile sovvertire presidenti come Putin che da anni godono di una vasto e comprovato consenso popolare…
Che Orbán e Putin godano, in patria, di un consenso popolare molto elevato e che siano, al contrario di Juncker e compari, stati eletti a seguito di un ineccepibile processo democratico, ai banchieri d’affari internazionali importa davvero nulla. Gli hedge funds vogliono che l’Ungheria e la Russia siano governate da comitati d’affari della borghesia cosmopolita loro fiduciari. Il processo democratico è accettabile per gli hedge funds soltanto nel momento in cui premia i candidati che si impegnano a tutelare gli interessi dei “mercati finanziari internazionali”. Chi considera “democrazia” e “capitalismo” sinonimi ha trovato nei ragazzi della Generazione Erasmus i propri gracili battaglioni.
– In Italia come valuti minoranze molto colorate come quelle del Comitato Ventotene o dei Pischelli In Cammino che fiancheggiano il PD?
Credo che siano gruppetti rientranti a pieno titolo, col ruolo di macchiette folkloristiche ma innocue. Questi gruppetti (reclutati perlopiù tra i “giovani bene” figli della neoborghesia privata, inserita e danarosa di Roma e Milano) non hanno alcun peso specifico o capacità di autonomia critica, sono posti in un determinato spazio politico e mediatico per fornire una legittimazione giovanilistica e cool a un regime, quello post-renziano, talmente decrepito da reggersi sui voti, determinanti per il PD, delle masse di pensionati tesserati. Io credo che questi prodotti politico-antropologici del pericolante regime globalista del PD siano piuttosto rumorosi su Facebook e Instagram ma del tutto innocui nel computo della dinamica politica reale.
– Certo non “moriranno per Renzi”… Ma si sta sviluppando nella fascia generazionale dei ventenni e dei millennials un modello alternativo a quello dei giovani Erasmus?
Sì, e ciò, personalmente, mi conforta. L’11 novembre 2017, a Varsavia, 60.000 manifestanti provenienti da tutta Europa, anche se in maggioranza si trattava di polacchi, marciarono per commemorare il Giorno dell’Indipendenza Nazionale in un raduno di massa che, in prospettiva, può essere interpretato come l’avanguardia ideologica di un possibile movimento patriottico, su scala europea, per la sovranità e la deglobalizzazione.
– Pero questi “marciatori” hanno il limite in quell’atlantismo russofobico che non aiuta a progettare uno scenario alternativo all’egemonia occidentale.
In verità la “marcia dei 60.000” di Varsavia fu organizzata da un partito polacco, la Falange Nazional-Radicale, che ha forse capito che lo sciovinismo etnocratico e la russofobia non portano le nazioni da alcuna parte, se non tra le fauci del globalismo e del liberalismo culturale (società aperta, droga libera, precarietà occupazionale, guerre Nato, dominio di aziende multinazionali private americane, migrazioni di massa, gay-friendly, ecc.).

 

Polonia Marcia per l’indipendenza contro l’islamizzazione

 

– Ritieni che allora possano anche superare i limiti intrinseci dei partitini della destra atlantista?
Nel momento in cui, in Europa, i movimenti patriottici e nazionali, rinunciando a dichiararsi tout court di destra ma abbracciando la causa del sovranismo e del socialismo identitario, cominciano a capire che l’alleanza naturale per chi intende contrastare le logiche sradicanti e omologanti imposte dalla globalizzazione liberale e dal regime bancocratico della Ue è quella con la Russia, allora ecco che la narrativa egemonica delle celebrities della società di mercato entra in crisi terminale. L’11 novembre 2017, A Varsavia, i patrioti nazionali di un’Europa sovrana e tradizionale, imperiale e antimoderna, e dunque comunitaria e solidale, hanno marciato sotto gli slogan “Europa bianca di nazioni fraterne” e “Noi vogliamo Dio”. Si tratta di spunti di riflessione fondamentali. “Europa bianca di nazioni fraterne” significa “no all’ideologia dei flussi migratori” che costituiscono l’esercito di riserva del capitale transnazionale e transgender ma, soprattutto, no ai particolarismi etnocratici (il nazionalismo borghese di ottocentesca memoria), settari e tra loro conflittuali, che fanno il gioco dell’imperialismo americano (fondato sulla logica divide et impera). “Noi vogliamo Dio” significa rifiuto sostanziale del capitalismo liberale e della società di mercato in nome non del materialismo di sinistra, totalmente inservibile e anzi controproducente in una fase di lotta contro una dinamica globalista che è a sua volta inconfutabilmente e rozzamente materialista, ma della Tradizione e dello scrupoloso rispetto delle differenze etniche e religiose dei popoli d’Europa.
– Avranno la capacità di capovolgere lo scenario oggi dominante in Europa?
La Generazione Erasmus, cioè i sostenitori della società aperta, può essere sconfitta, e piuttosto facilmente. Dal punto di vista politico e culturale. Si tratta, infatti, perlopiù di giovani snowflakes (delicati “fiocchi di neve”), ovvero attori sociali fragilissimi dal punto di vista psicologico e politicamente inoffensivi nel momento in cui si trovano, come avversari, forze organizzate e ideologicamente incisive. È interessante riportare, a riguardo, la testimonianza di uno studente Erasmus all’Università di Varsavia che, l’11 novembre 2017, di fronte alla “marcia dei 60.000” patrioti polacchi che sfilavano intonando slogan apertamente ostili alla società aperta, ha preferito, consigliato dai suoi professori liberali, «rimanere in casa» perché, in strada, quel giorno, gli anti-valori individualisti e neoborghesi e il way of life degli «studenti internazionali» promotori del cosmopolitismo di mercato e dell’ideologia del migrante erano stati messi in minoranza e ridotti alla marginalità.
– Non hanno propriamente l’animus dei resistenti!
Allorquando vedono insidiato il loro presunto primato ideologico, i giovani Erasmus Generation, confermando la propria natura e vocazione di snowflakes psicologizzati e medicalizzati, non combattono, non si confrontano con avversari di cui temono le parole d’ordine e l’energia ideologica, ma si ritirano tra le braccia dei loro professori liberal. La Generazione Erasmus ha bisogno, per sopravvivere, del bancomat dei genitori borghesi e della copertura politico-mediatica assicuratagli dalla Ue. I teenager di nuovo conio non sono autosufficienti, sono precari onnicomprensivi ed essendo il prodotto del nichilismo postmoderno e del pensiero debole verranno, inevitabilmente, travolti e sopraffatti dalle loro stesse fragilità.
Intervista di Alfonso Piscitelli

Preso da: https://disquisendo.wordpress.com/2018/01/08/generazione-erasmus-le-cavie-della-globalizzazione-al-servizio-del-male/

Saif Gheddafi: I crimini atroci contro il popolo libico//The atrocious crimes against the Libyan people



Saif è uno dei figli superstiti del colonnello Mu’ammar Gheddafi, Guida e Comandante della Rivoluzione della Libia. Quando Gheddafi prese il potere, instaurò dapprima una dittatura militare, poi si avvicinò al socialismo arabo ispirato da Gamāl ʿAbd al-Nāṣir Ḥusayn, politico, militare e Presidente della Repubblica egiziana.


Da sinistra Mu’ammar Gheddafi, Gamal Abd el-Nasser, Hafez al-Assad

Profondamente influenzato da Nasser [in arabo Nāṣir NDR], Gheddafi proclamò la “Repubblica delle Masse”, già teorizzata nel “Libro Verde” che, rifiutava sia il capitalismo che la lotta di classe, a favore di un socialismo identitario. L’idea della Repubblica socialista araba, laica e anti-capitalista, rivoluzionò il mondo musulmano, coinvolgendo Siria, Egitto, Libia: per decenni, la via araba al socialismo, fu un arginare contro l’oscurantismo estremista islamico.
Da quando è stato liberato, Saif Gheddafi continua a lanciare accuse contro la NATO, l’Occidente, terroristi e Salafiti che hanno distrutto la Libia. Saif è il figlio più intellettualmente preparato del colonnello Gheddafi e sfruttando l’impegno occidentale a democratizzare la Libia, sta tornando in politica nel suo paese e preparando una battaglia, un J’Accuse contro l’ipocrisia dell’Occidente, della NATO e soprattutto della Corte internazionale di giustizia, organo giudiziario delle Nazioni Unite con sede nel Palazzo della Pace dell’Aia nei Paesi Bassi.
Il memorandum si compone di tre sezioni, nella prima parte Saif fa luce sui disordini in Libia del febbraio 2011, manifestazioni infiltrate da agitatori jihadisti dell’LIFG, Libyan Islamic Fighting Group. Il LIFG è un’organizzazione terroristica fondata negli anni ottanta del XX secolo, volontari e mercenari mujaheddin libici, utilizzati dalla CIA nella guerra d’Afghanistan in chiave anti-Sovietica. Sarebbe interessante indagare sul ruolo di questi terroristi infiltrati nelle manifestazioni, unitamente alla campagna mediatica propagandistica distorta da CIA, NATO e dai francesi.

Terroristi del Libyan Islamic Fighting Group, LIFG

Infatti le manifestazioni in Libia furono: “…dirottate da elementi che facevano parte di gruppi jihadisti, come il Gruppo di Combattenti Islamici Libici ( Libyan Islamic Fighting Group, LIFG). Questi attaccarono le stazioni di polizia e le caserme dell’esercito di Derna, Benghazi, Misratah e Al-Zawayh, in modo da accumulare armi da utilizzare poi nella loro guerra pianificata contro il Governo legittimo. Questi eventi furono accompagnati da una macchina propagandistica lanciata da Al-Jazeera, BBC, France 24 e altri, i quali incoraggiavano il popolo libico a combattere contro la polizia di stato, la quale stava invece cercando di protegger le strutture governative e le proprietà dei civili dagli attacchi e dai saccheggi”.

Se poi si volesse indagare sulle Primavere Arabe, per coincidenza, noi siamo contro le fake news, Malik Obama, fratello dell’ex presidente Statunitense, è leader dei salafiti.

Ovviamente i nostri media manipolati ad arte, addossavano al colonnello Gheddafi la responsabilità dei massacri, nonostante le fonti indipendenti insistessero sul fatto che dietro vi fossero terroristi e salafiti. Riguardo ai presunti massacri attribuiti al governo, Saif Al-Islam possiede la prove che discolpano l’esercito libico dai massacri e paragona la situazione in Libia simile a quella in Iraq nel 2003, con false prove fabbricate ad hoc dagli USA.
Il figlio del colonnello Gheddafi presenta un parallelo tra Libia e l’Iraq, sostenendo che, come il Governo statunitense, inglese e australiano crearono false prove per giustificare l’intervento in Iraq, allo stesso modo sono state inventate prove contro il Governo Libico per giustificare l’intervento della NATO. L’occidente, con la scusa della stabilità, prosperità e di voler portare il Paese alla democrazia, è intervenuto in Libia basandosi su prove fittizie. In una seconda parte, Saif denuncia la negligenza della Corte di Giustizia internazionale, poiché come sempre, adotta metri di giudizio diversi, in parole povere: potente coi deboli e debole coi potenti!
Dunque l’Alta corte è stata intransigente contro Gheddafi, ma cieca sull’operato della NATO.
Nella terza parte del memorandum Saif Gheddafi accusa la NATO, per i suoi attacchi aerei che hanno raso al suolo intere città e massacrato la popolazione civile. Un’accusa pesante contro la negligenza della Corte di Giustizia Internazionale e all’Alleanza Atlantica, responsabile di massacri e barbarie in combutta con i terroristi locali e i salafiti infiltrati.

Il documento ha un peso talmente importante, che i nostri media lo hanno oscurato, e alle accuse gravissime, la Corte di Giustizia, organismo tanto importante quanto pilotato, dovrà rispondere. È una richiesta d’aiuto da parte di Saif Al-Islam che vuole ricostruire il suo Paese, un’accusa e nel contempo è una richiesta d’appoggio.
In base al memorandum di Saif Gheddafi, la Corte penale internazionale è un elemento essenziale delle Nazioni Unite e della NATO, uno strumento politico atto a giustificare o coprire i loro crimini di guerra. Le violazioni dei diritti umani in Arabia Saudita e simili non vengono mai denunciate, nel caso di Jugoslavia, Iraq, Siria, Libia, i diritti umani vengono utilizzati al solo di ottenere vantaggi in termini di politica energetica. L’attacco alla Libia era volto ad appropriarsi del petrolio di Muammar al-Gheddafi, fregandosene delle disastrose conseguenze per il paese.
Luciano Bonazzi

Preso da: http://lucianobonazzi.altervista.org/saif-gheddafi-crimini-atroci-popolo-libico-the-atrocious-crimes-against-the-libyan-people/

Libia: Ecco com’era “CRUDELE la DITTATURA” di Gheddafi!

LA DITTATURA DEL KADHAFI …
1- L’elettricità per uso domestico è gratuita!
2- L’ acqua per uso domestico è gratuita!
3- Il prezzo di un litro di benzina è di 0,08 EURO!
4- Il costo della vita in Libia è molto inferiore a quello prevalente in Francia. Ad esempio, il prezzo di una mezza baguette di pane in Francia è di circa 0,60 euro, mentre in Libia è 0,11 euro!
5 – Le banche libiche concedono prestiti senza interessi!
6- I cittadini non hanno tasse da pagare e l’IVA non esiste!
7- La Libia è l’ultimo paese dell’elenco dei paesi debitori! Il debito pubblico è del 3,3% del PIL! In Francia è l’84,5%! Negli Stati Uniti l’88,9%! In Giappone al 225,8%!
8 – Il prezzo per l’acquisto di un’auto (Chevrolet, Toyota, Nissan, Mitsubishi, Peugeot, Renault …) è al prezzo di fabbrica (auto importate dal Giappone, Corea del Sud, Cina, Stati Uniti …)!

9- Per ogni studente che vuole studiare all’estero, il “governo” aggiudica una borsa di studio di 1.627.11 euro al mese!
10- Ogni studente laureato riceve lo stipendio medio del curriculum scelto se non trova lavoro!
11- Quando una coppia si sposa, lo “Stato” paga il primo appartamento o casa (150 metri quadrati)!
12- Ogni famiglia libica, presentando il libretto familiare, riceve un aiuto di 300 EURO al mese!
13- Ci sono posti chiamati “Jamaiya”, dove la metà del prezzo del cibo viene venduto per qualsiasi grande famiglia, presentando il libretto familiare!
14- Per qualsiasi impiegato nel servizio civile, in caso di necessaria mobilità attraverso la Libia, lo “Stato” fornisce gratuitamente un’auto e una casa. E qualche tempo dopo, queste cose appartengono a lui.
15- Nel servizio pubblico, anche se la persona è assente uno o due giorni, nessuna detrazione di quei giorni sul suo stipendio e nessuna prova di malattia.
16- Ogni cittadino libico che non ha una dimora può registrarsi con un corpo “statale” e ne sarà assegnato uno senza di lui / senza alcun costo e senza credito. Il diritto all’alloggio è fondamentale in Libia.
Una dimora deve appartenere a colui che la occupa.
17- Ogni cittadino libico che desidera lavorare in casa può registrarsi con un’agenzia “statale” e questo lavoro sarà effettuato gratuitamente dalle società di lavori pubblici scelti dallo Stato.
18. Preoccupa la parità di genere e le donne hanno accesso a importanti funzioni e posizioni di responsabilità.
19- Ogni cittadino libico può impegnarsi attivamente negli affari politici e pubblici a livello locale, regionale e nazionale attraverso un sistema di democrazia diretta, Congressi popolari permanenti, fino al Congresso Generale del Popolo, il grande congresso nazionale che si riunisce una volta all’anno): su 3.5 milioni di adulti, 600.000 cittadini partecipano attivamente alla vita politica!
20- La Libia è la prima riserva di petrolio in Africa!
21 – Libia contiene 1.800 km di costa sul Mediterraneo e ha uno dei più alti tassi di sole al mondo!
22- L’assistenza medica è gratuita!
23. L’istruzione secondaria e universitaria sono gratuite. Il tasso di alfabetizzazione è superiore al 90%!
24- Ci sono sovvenzioni su tutti i prodotti alimentari di base (ad esempio 1 kg di pasta acquistato ad 1€ da un produttore tunisino, il governo libico lo vende a 0,50€ ai libici)!
25- La Libia è un partecipante ardente nello sviluppo dell’Africa, dalla sua indipendenza dall’Occidente e dal suo sistema monetario dittatoriale. Sono più di 60 miliardi di dollari che lo stato libico è pronto a investire in 25 paesi dell’Africa e dare lavoro a milioni di africani.
26- La Libia è la 6°a o la 7°a ricchezza sovrana finanziaria del mondo! Le riserve fiduciarie sono superiori a quelle della Russia, per esempio!
Se questa è la dittatura che firmi ora, perché nessun dittatore avrebbe fatto questo tipo di cose, i libici vivevano meglio di noi prima di questa guerra, i media hanno mentito per la guerra in Iraq e in Afghanistan e a tutti per uno ci viene detta la verità sulla Libia.
via Disquisendo

Preso da: http://www.complottisti.info/libia-ecco-comera-crudele-la-dittatura-di-gheddafi/

Il Grande Tesoro di Misurata (Libia)

Nel Febbraio del 1981, durante i lavori per la realizzazione di una serra (Giardini del 7 Aprile) in località Suq el Kedim (Mercato Vecchio), situata a 18 Km ad Ovest dell’odierna città di Misurata, in Libia, è stato casualmente rinvenuto uno dei più grandi tesori dell’antichità.
Il personale della Soprintendenza Archeologica di Leptis Magna che ebbe purtroppo la possibilità di intervenire solo dopo che l’opera di spianamento del terreno con una ruspa era stata quasi del tutto compiuta, recuperò circa 108000 monete tardoromane in bronzo argentato, dal peso complessivo di oltre 600 kg.tesoro di misurata
TESORO DI MISURATA

Le monete erano conservate entro grossi vasi (olle, anfore, brocche), interrate poco al di sotto del piano originario di un cortile – o comunque un ambiente sub divo – delimitato su due lati da due blocchi di costruzione rustica in pietra e calcina: all’interno dei due blocchi erano ricavati diversi ambienti, in alcuni dei quali furono trovate tracce di incendio, che fanno pensare ad una distruzione violenta.
Il restauro e lo studio del tesoro, affidati al dr. Salvatore Garraffo, Direttore dell’Istituto per le tecnologie applicate ai Beni Culturali, CNR, sono stati condotti in maniera sistematica a partire del 1998 grazie alla disponibilità di fondi adeguati a seguito di finanziamenti da parte del CNR, del Ministero degli Esteri e del MIUR, con la costituzione di una Missione di studio attiva per uno/due mesi anno presso il Museo Archeologico di Leptis Magna: ad essa partecipano, oltre al personale dell’ ITABC, studiosi dell’Università di Catania e dell’INFN-LNS (Catania), e un nutrito gruppo di ricercatori, restauratori e tecnici dell’IBAM. TESORO DI MISURATA
Il tesoro si rivela infatti di eccezionale interesse non solo per la enorme quantità di monete, ma anche per l’ottimo stato di conservazione della maggior parte di esse: fornisce pertanto l’irrinunciabile occasione di effettuare anche campionature statisticamente significative per studi chimico-fisici finalizzati alla comprensione degli aspetti composizionali e tecnologici delle monete e, in particolare, alla ricostruzione del processo di realizzazione di questi nominali.
L’attività in loco del gruppo di ricerca è stata interrotta dopo la Rivoluzione del 2011 e la situazione di instabilità successivamente determinatasi; sarà ripresa non appena le condizioni generali del Paese lo permetteranno in un clima di sicurezza.
tesoro di misurata
Allo stato attuale tutte le monete del tesoro sono state restaurate, ad eccezione di un migliaio di pezzi, lasciati nel loro stato originario – e comunque pienamente leggibili – per studi composizionali futuri. Circa 85000 nominali sono stati sinora dettagliatamente catalogati (singolarmente e non per gruppi di emissioni), utilizzando un sistema informatico opportunamente progettato e realizzato per gestire l’immensa mole dei dati eterogenei (storico-numismatici tradizionali, composizionali, da foto digitali a campione, etc.) relativi a ciascuno di essi.
Rimangono da esaminare in dettaglio circa 23000 monete, delle quali è stata già eseguita una ricognizione speditiva, allo scopo di tracciare un quadro definitivo della cronologia e della composizione del tesoro.
Tenendo conto della complessità del ritrovamento, le monete sono state catalogate per contenitore al fine di chiarire il processo di raccolta in ciascuno di questi. Sin dall’inizio è infatti apparso chiaro che le monete non erano state introdotte casualmente nei vasi, bensì intenzionalmente raggruppate in relazione al decrescere del peso, del modulo e, in particolare, del contenuto in fino di argento, ovvero per progressione cronologica.
A parte qualche decina di antoniniani residuali di III secolo, tutte le monete del tesoro si datano tra il 294 ed il 333 d.C. Trattasi quasi sempre di nummi (folles), monete in bronzo con patina superficiale in argento, battute a partire dalla riforma monetaria di Diocleziano e pesanti in media, nella fase più antica, ca. 10 g., per scendere sino a ca. 2,50 g. in quella più tarda: pochissimi i nominali frazionari.
TESORO DI MISURATA
Tra l’enorme numero di monete del tesoro, si notano non pochi esemplari inediti o rari, quali, ad esempio, di L. Domitius Alexander, di Massenzio, di Costantino I, Licinio, e rispettivi figli.
misurata
Rimangono ancora senza sicura risposta molti interrogativi suscitati da questo straordinario ritrovamento, quali l’identificazione del ‘proprietario’ e della funzione del complesso monetale, i motivi del suo interramento e del
mancato recupero, la destinazione dell’edificio con il quale era connesso. Alcune atipicità, evidenziate e discusse anche in occasione di due Convegni Internazionali (2009 e 2012), organizzati per la presentazione e lo studio del tesoro, potrebbero in effetti spiegarsi con la possibilità che le monete, in specie quelle più antiche, facessero originariamente parte di riserve immobilizzate – i.e. sottratte alla circolazione – di comunità locali, probabilmente municipali, e /o di patrimoni religiosi (templi, santuari ?).
Un attacco ad opera degli Austuriani – tribù maura della Tripolitania – potrebbe essere stata la causa dell’occultamento (di fortuna?) e del mancato recupero dei vasi con il loro prezioso contenuto.
In considerazione delle sue caratteristiche, il grande Tesoro di Misurata costituisce un ritrovamento di straordinaria importanza per la storia economica e monetaria della Tripolitania tra la fine del III ed il primo terzo del IV secolo: con la ripresa del programma di ricerche in loco, potrà costituire un cantiere permanente per lo studio a tutto campo della monetazione in bronzo argentato del Tardo Impero Romano.
TESORO DI MISURATA

A cura di Stefania Santangelo (collaboratore tecnico numismatico IBAM CNR presso la sede di Catania)

Un altra vittoria di Muammar Gheddafi

L’ultima vittoria di Muammar Gheddafi

Il 6 marzo 2011 era chiaro che il regime libico aveva soppresso la rivolta interna e sospeso il caos nel mondo arabo. Una missione clandestina di un diplomatico inglese protetto da 8 ufficiali delle SAS nella base orientale dell’opposizione libica si concluse con la loro detenzione e “interrogatorio” da parte dei capi ribelli. L’articolo del Sunday Times fu la “bandiera bianca” issata dagli organizzatori delle proteste in Medio Oriente e Nord Africa del 2010-2011. Fin dall’inizio la catena di eventi in Libia ebbe una svolta inaspettata per le élite globali. Muammar Gheddafi si rifiutò di abbandonare Tripoli e, insieme alla famiglia e al clan, mantenne i contatti coi libici attraverso la TV nazionale e regolari apparizioni pubbliche. Nell’impressionante discorso del 22 febbraio 2011, ripristinò il sostegno pubblico ed incoraggiò i libici a resistere alla rivolta. Da allora i media mainstream internazionali diffusero bugie inaudite sugli eventi in Libia. Si sentì parlare di “mercenari stranieri che uccidono civili”, “attacchi aerei sui dimostranti”, “bombardamenti delle posizioni ribelli”, “grandi proteste contro Gheddafi a Tripoli”, “migliaia di rifugiati libici” e tanti altri annunci che, come risultò, non avevano nulla a che fare con la realtà.
Le fonti interne libiche, ad esempio del Centro di San Pietroburgo per il Medio Oriente moderno, descrivevano una realtà piuttosto diversa. Non c’erano proteste a Tripoli e dintorni. Pochi gruppi di emarginati operavano ad al-Zawiya (sobborgo occidentale di Tripoli) e al centro (l’incendio doloso della Sala del Popolo la notte del 21 febbraio è apparentemente l’atto più noto) furono prontamente neutralizzati dalla polizia municipale. Gli “attacchi aerei” dell’Aeronautica libica prendevano di mira depositi di munizioni nelle vicinanze di Bengasi, quando la minaccia che venissero catturati dai separatisti orientali era ancora alta. La questione dei “mercenari stranieri che proteggevano Gheddafi”, è apparentemente la più interessante. È chiaro che qualsiasi mercenario combatte per soldi. Quindi nel conflitto in cui sono coinvolti gli interessi delle mafie petrolifere internazionali, i mercenari sono la forza meno affidabile. Avrebbero tradito Gheddafi ben prima. Quindi Gheddafi è un uomo intelligente e ne è perfettamente consapevole. Non poteva arruolarli. Ma supponiamo che la loro presenza in Libia fosse un fatto provato. Potevano essere “gentilmente” proposti a Gheddafi dai vicini “simpatizzanti” africani? Si, perché no. Qual era la loro missione? Dovevano avere l’ordine dai loro veri padroni di essere spietati e feroci contro i “manifestanti” locali il più possibile per intensificare il conflitto. Non c’è da stupirsi che dopo i primi scontri con la loro partecipazione e annunci nel mondo dei media, i mercenari siano “scomparsi”. Certamente avremo modo di conoscere dettagli sorprendenti sulle operazioni militari dell’esercito libico contro i mercenari “alleati” di fine febbraio 2011. Guardando la CNN riportare la “guerra civile” in Libia va capito che ciò significa che le forze governative localizzavano ed eliminavano questi “alleati”.
Ora, perché tale scenario rischioso? Perché il regime di Gheddafi era il più stabile in Medio Oriente. Si noti che tutti i “dittatori arabi” andati al potere col sostegno degli Stati Uniti negli anni ’80 furono facilmente eliminati nel gennaio-febbraio 2011, prontamente “caduti in coma”. Non avevano l’autorità morale per combattere per un potere ottenuto illegittimamente. Qual era la componente chiave di tale illegittimità? Quando aspirarono al potere, si allearono segretamente con una nazione straniera che li sostenne completamente. Da allora non sono leader sovrani. Questo è il motivo per cui non possono sconfiggere la rivoluzione. Non possono dire la verità al popolo e alla comunità internazionale, perché iniziare a dire la verità significa dirla TUTTA. E TUTTA la verità include le circostanze della loro ascesa al potere… Ma c’è una soluzione per tale situazione di “stallo”. Se un leader politico riconosce i vergognosi rapporti clandestini con una potenza straniera, non sarà mai condannato ma PERDONATO e sostenuto dal popolo. Dopo di che lealtà e professionalità delle guardie del corpo impediranno che il futuro politico sia il caos. Le alternative sono la forca di Sadam, i letti da moribondi di Mubaraq e Ben Ali.
Torniamo alle “rivoluzioni popolari in Medio Oriente”. Vediamo che per avere successo c’era disperatamente bisogno di “masse infuriate”. Quindi qualcuno doveva infuriarle. Come in Iran nel giugno 2009? Cecchini sconosciuti uccisero astanti a Teheran durante le proteste (i dettagli sono nell’articolo “Cosa decidono i Bilderberger dell’Iran“). Cosa successe in Egitto nel gennaio 2011? Ancora una volta cecchini sconosciuti spararono alla folla dal tetto dell’edificio del Ministero degli Interni di Cairo. Si noti che in entrambi i casi fu fatto di tutto per convincere il pubblico che i perpetratori fossero le forze governative. Ma dov’era la prova? C’è qualche logica nei servizi di sicurezza che uccidono dimostranti per provocarli a commettere atti violenti? Al contrario, la loro missione è disperdere pacificamente la folla, identificare e arrestare le “teste calde” tra i manifestanti ed evitare vittime! Allora, chi sparava dal tetto del Ministero degli Interni egiziano? Non lo sappiamo ancora. Ma chi fece lo stesso in Tunisia durante l’agitazione pubblica fu catturato e mostrato da RT. Si guardi il seguente video:

Credete che costoro dai passaporti svedesi e inlgesi cacciassero davvero cinghiali per le strade di Tunisi?
Ora possiamo fare alcune conclusioni. Innanzitutto, non c’era nulla di spontaneo nell’ondata delle rivoluzioni del Nord Africa e Medio Oriente del 2011. I disordini popolari in Tunisia, Egitto, Libia, Bahrein, ecc. furono accuratamente preparati, organizzati, finanziati e sostenuti dai media internazionali. Abbastanza sorprendentemente, al-Jazeera svolse un ruolo fondamentale nel sostenere i conflitti nelle società arabe diffondendo disinformazione e silenziando le voci della verità e sobrie. In secondo luogo, chi architettò tali insurrezioni, generalmente fallì. Non c’è dubbio che l’idea era organizzare caos e guerre civili nel mondo arabo, provocare imbarazzo nelle élite nazionali, imporre l’opposizione radicale anti-progressista al potere nei Paesi chiave della regione. Poi si aspettavano che, a tempo debito, standard sociali degradati e cattiva gestione del governo catalizzata dalla propaganda dei media internazionali creassero le condizioni per imporre il controllo estero su questi Stati islamici. La Libia con le sue ricche riserve naturali era il premio più ambito. Ma con Muammar Gheddafi ancora al potere che riacquistava sostegno pubblico e si sbarazzava dei rami “secchi” tra gli alti funzionari, gli attori globali soffrivano molto mentre il fantasma del presidente Bush Jr. si profila di nuovo al largo delle coste libiche. Apparentemente le élite non ebbero altra scelta che attivare le super-portaerei statunitensi. Messi all’angolo e sotto la pressione schiacciante della piramide del dollaro. Terzo e più importante, questi eventi rivelavano il legame occulto tra “islamisti” ed élite globali. Muammar Gheddafi combattendo gli islamisti di al-Qaida e allo stesso tempo sostituendo solennemente bin Ladin come incarnazione del “Male assoluto” nei media tradizionali, fu un cambiamento notevole. I radicali dovevano essere la nuova generazione di leader arabi. Non avrebbero portato prosperità o giustizia nelle loro società. La loro missione era stringere saldamente la pentola a pressione del mondo musulmano con regole e retorica pseudo-islamiche. Una volta esplosa, l’energia di milioni di giovani fanatici ignoranti che si diffondono nel mondo avrebbe aperto la strada allo scaltro Gran Pacificatore. I semi di tale misteriosa simbiosi furono piantati dall’intelligence inglese nel XIX secolo. Per esempio, se si segue la storia del fondatore della Fratellanza musulmana Hasan al-Bana, si vedrà che il “controllore generale” inglese in Egitto dal 1878 era Evelyn Baring, rampollo di una vecchia dinastia di banchieri che nominò lo sceicco Muhamad Abduh Gran Mufti d’Egitto. Non ne va sottovalutata l’importanza. Il Gran Mufti d’Egitto del tempo era la massima autorità spirituale nel mondo musulmano. Perché lo sceicco Abduh, noto salafita, fu scelto dal residente inglese? Perché lo scenario della falsa guida del mondo islamico delle élite globali era già stato scritto. Volevano che i musulmani fossero carne da cannone per imporre il loro dominio. Dovevano corrompere la fede islamica, sostituirla con un surrogato pseudo-islamico. Ecco perché Evelyn Baring scrisse dei salafiti: “Sono gli alleati naturali del riformatore europeo” (Goodgame, Peter. La Fratellanza Musulmana: l’arma segreta dei globalisti). A quel tempo Sheikh Adbuh divenne murshid (insegnante) di Muhamad al-Bana, padre di Hasan…
Quindi entriamo in tempi molto interessanti, forse decisivi. Muammar Gheddafi ha vinto la sua ultima battaglia nonostante vigore e pressione insolente da ogni parte. Ci saranno nuovi Gheddafi nati da madri musulmane che resisteranno al nuovo ordine mondiale? Speriamo e preghiamo di sì.
Traduzione di Alessandro Lattanzio

Shell: i crimini commessi in Nigeria per silenziare le proteste contro l’inquinamento

di La bottega dei Barbieri (sito)
lunedì 4 dicembre 2017 
 
Amnesty International ha chiesto a Nigeria, Regno Unito e Olanda di aprire indagini sul ruolo avuto dal gigante petrolifero anglo-olandese Shell in una serie di orribili crimini commessi dal governo militare nigeriano nella regione petrolifera dell’Ogoniland negli anni Novanta.
La richiesta è stata fatta da Amnesty International in occasione del lancio di un suo rapporto che esamina migliaia di pagine di documenti interni della Shell, dichiarazioni di testimoni e denunce presentate, all’epoca dei fatti, dalla stessa organizzazione per i diritti umani.


La campagna del governo militare nigeriano per ridurre al silenzio le proteste degli ogoni contro l’inquinamento prodotto dalla Shell causò gravi e diffuse violazioni dei diritti umani, molte delle quali costituiscono anche precise fattispecie di reato penale.

“Le prove che abbiamo esaminato mostrano che la Shell incoraggiò ripetutamente i militari nigeriani ad affrontare le proteste locali, pur sapendo l’orrore che questo avrebbe procurato: uccisioni illegali, stupri, torture e villaggi dati alle fiamme”, ha dichiarato Audrey Gaughran, direttrice del programma Temi globali di Amnesty International.
“In questa brutale repressione la Shell arrivò persino a fornire ai militari sostegno materiale, come i mezzi di trasporto, e in almeno un caso pagò un comandante militare noto per aver violato i diritti umani. Il fatto che la compagnia petrolifera non sia mai stata chiamata a risponderne è un oltraggio”, ha aggiunto Gaughran.
“Non c’è dubbio che la Shell abbia giocato un ruolo chiave negli eventi che devastarono l’Ogoniland negli anni Novanta. Crediamo che vi siano ragioni per aprire indagini penali. Presentare l’enorme quantità di prove raccolte è stato il primo passo per portare la Shell di fronte alla giustizia. Ora stiamo preparando una denuncia penale da inoltrare alle autorità competenti”, ha spiegato Gaughran.
La campagna del governo nigeriano nell’Ogoniland culminò nell’impiccagione, 22 anni fa, di nove leader ogoni tra cui Ken Saro-Wiwa, lo scrittore e attivista che guidava le proteste. Le esecuzioni, al termine di un processo clamorosamente irregolare, provocarono uno scandalo internazionale. Nel giugno 2017 le vedove di quattro degli impiccati hanno denunciato la Shell alla giustizia olandese, accusando la compagnia petrolifera di complicità nella loro morte.

Un individuo o una compagnia possono essere chiamati a rispondere sul piano penale per un reato che abbiano incoraggiato, favorito, facilitato o esacerbato, pur non essendone stati gli autori materiali. Ad esempio, può comportare una responsabilità penale il fatto di essere consapevoli che la propria condotta o un rapporto di stretta vicinanza con gli autori materiali possano contribuire a un reato. Il nuovo rapporto di Amnesty International, intitolato “Un’impresa criminale?” afferma che la Shell è stata coinvolta con queste modalità nei reati commessi nell’Ogoniland negli anni Novanta.
In quel periodo la Shell era la più importante compagnia petrolifera attiva in Nigeria. Durante la crisi dell’Ogoniland, la Shell e il governo nigeriano operavano come partner in affari e s’incontravano regolarmente per discutere come proteggere i loro interessi.
Memorandum interni e appunti relativi agli incontri mostrano come la Shell abbia fatto pressioni su alti funzionari del governo per ottenere appoggio militare, anche dopo che le forze di sicurezza avevano compiuto uccisioni di massa di dimostranti. Le stesse fonti confermano che la Shell fornì assistenza logistica e finanziaria alle forze armate o alla polizia nigeriana, pur essendo a conoscenza che esse erano coinvolte in assalti mortali contro civili inermi.
La Shell ha sempre negato di essere stata coinvolta in violazioni dei diritti umani ma non c’è mai stata un’indagine sulle accuse nei suoi confronti.
La Shell sapeva
Le proteste contro la devastazione dell’Ogoniland causata dalle fuoriuscite di petrolio dagli impianti della Shell erano guidate dal Movimento per la sopravvivenza del popolo ogoni (Mosop).
Nel gennaio 1993, dopo che il Mosop aveva dichiarato che la Shell non era più benvenuta nella regione, la compagnia sospese temporaneamente le attività adducendo motivi di sicurezza.
Secondo i documenti interni analizzati da Amnesty International, mentre la Shell pubblicamente cercava di minimizzare i danni causati all’ambiente, suoi alti dirigenti riconoscevano che le proteste del Mosop erano legittime ed erano fortemente preoccupati per le cattive condizioni degli oleodotti.
Il 29 ottobre 1990 la Shell chiese a un reparto speciale paramilitare della polizia, chiamato Polizia mobile, “protezione per la sicurezza” dei suoi impianti nel villaggio di Umuechem, dove erano in corso proteste pacifiche. Nel giro di due giorni, la Polizia mobile attaccò il villaggio con fucili e granate, uccidendo almeno 80 persone e dando fuoco a 595 abitazioni. Molti dei corpi vennero gettati in un fiume vicino.
Almeno da quel momento in poi, i dirigenti della Shell sarebbero stati consapevoli dei rischi associati alle richieste d’intervento delle forze di sicurezza. Ciò nonostante, la Shell continuò a invocarlo.
Ad esempio nel 1993, poco dopo aver lasciato l’Ogoniland, la Shell chiese ripetutamente al governo nigeriano di dispiegare l’esercito nella regione per proteggere un nuovo oleodotto che era in corso di realizzazione da parte di un’azienda appaltatrice. Il risultato furono 11 morti il 30 aprile nel villaggio di Biara e un morto il 4 maggio nel villaggio di Nonwa.
Meno di una settimana dopo l’incursione nel villaggio di Nonwa, funzionari della Shell ebbero una serie di incontri con alti funzionari del governo e della sicurezza della Nigeria.
Gli appunti di questi incontri mostrano che, invece di esprimere preoccupazione per l’uccisione di dimostranti inermi, la Shell fece pressioni per poter tornare a operare nell’Ogoniland offrendo in cambio aiuto “logistico”.
Sostegno finanziario
La Shell offrì anche sostegno finanziario. Un suo documento interno mostra che il 3 marzo 1994 la Shell versò oltre 900 dollari all’Istf, un’unità speciale creata per “ripristinare l’ordine” nell’Ogoniland. Solo 10 giorni prima il comandante di quell’unità aveva ordinato di aprire il fuoco contro una manifestazione di fronte al quartier generale della Shell di Port Harcourt. Il documento spiega che quel pagamento era “un segno di gratitudine e di incentivo per una futura attitudine positiva [verso la Shell]”.
“In un certo numero di occasioni, le richieste fatte dalla Shell al governo nigeriano affinché contribuisse ad affrontare quella che la compagnia chiamava ‘la questione degli ogoni’ vennero seguite da una nuova ondata di violazioni dei diritti umani nell’Ogoniland. È difficile non vedere il rapporto causale o immaginare che la Shell non sapesse come le sue richieste in quel periodo sarebbero state interpretate”, ha commentato Gaughran.
“In alcuni casi la Shell ebbe un ruolo più diretto nei bagni di sangue, ad esempio trasportando sui suoi mezzi le forze armate nei luoghi ove erano in corso proteste, persino quando divenne chiaro quali sarebbero state le conseguenze di tale comportamento. Questo equivale chiaramente a rendere possibili o facilitare i crimini orribili che ne seguirono”, ha aggiunto Gaughran.
Indicare le comunità delle proteste
Il 13 dicembre 1993, poco dopo il colpo di stato che aveva portato al potere il generale Sani Abacha, la Shell scrisse al nuovo amministratore militare dello Stato dei Fiumi, facendo i nomi delle comunità in cui erano in corso le proteste contro la compagnia e richiedendo assistenza.
Un mese dopo, nel gennaio 1994, il governo istituì l’Istf. Nel corso dell’anno la violenza contro gli ogoni raggiunse picchi terrificanti e l’Istf si rese responsabile di raid nei villaggi ogoni, arresti, stupri, torture e uccisioni.
Secondo un rapporto di Amnesty International pubblicato il 24 giugno 1994, in quel periodo vennero attaccati oltre 30 villaggi e “più di 50 membri del gruppo etnico ogoni furono vittime di esecuzioni extragiudiziali”. Il comandante dell’Istf si vantò in televisione di queste operazioni, che ebbero dunque una notevole risonanza. Nel luglio dello stesso anno l’ambasciatore olandese fece sapere alla Shell che l’esercito aveva ucciso circa 800 ogoni.
Ken Saro-Wiwa nel mirino
I documenti interni mostrano che nel 1994-95, proprio al culmine della crisi degli ogoni, l’allora presidente della Shell in Nigeria, Brian Anderson, ebbe almeno tre incontri col generale Sani Abacha. Il 30 aprile 1994 Anderson sollevò “il problema degli ogoni e di Ken Saro-Wiwa”, descrivendo i riflessi economici derivanti alla compagnia dalle attività portate avanti dal Mosop.
Ken Saro-Wiwa era già nel mirino del governo e, parlando di lui nel corso di quell’incontro, Anderson incoraggiò irresponsabilmente un’azione contro di lui. Anderson riferì di essere uscito da quell’incontro con la sensazione che Abacha “[sarebbe intervenuto] o con l’esercito o con la polizia”.
Infatti, nel giro di un mese Ken Saro-Wiwa e altri leader del Mosop vennero arrestati e accusati, senza alcuna prova, di partecipazione all’omicidio di quattro noti leader tradizionali. Vennero posti in isolamento e torturati, per poi essere sottoposti a un processo-farsa e impiccati nel novembre 1995.
I documenti analizzati da Amnesty International mostrano che la Shell sapeva che sarebbe stato assai probabile che Ken Saro-Wiwa venisse giudicato colpevole e messo a morte. Tuttavia, continuò a discutere col governo su come affrontare “la questione degli ogoni”. È davvero difficile immaginare che la Shell non abbia incoraggiato, e persino condiviso, l’azione del governo contro Ken Saro-Wiwa e gli altri leader ogoni.
Amnesty International chiede che le indagini siano avviate nelle tre giurisdizioni competenti: in Nigeria, dove si verificarono i reati, e in Gran Bretagna e Olanda, dove la Shell ha sede.
“Nelle sue parole finali di fronte al tribunale che lo aveva condannato a morte, Ken Saro-Wiwa ammonì che un giorno sarebbe stato il turno della Shell a essere processata. Vogliamo che ciò accada”, ha annunciato Gaughran.
“Giustizia dev’essere fatta: per Ken Saro-Wiwa e per le migliaia di altre persone le cui vite sono state rovinate dalla distruzione dell’Ogoniland da parte della Shell”, ha concluso Gaughran.
Ulteriori informazioni
I documenti interni della compagnia – tra cui fax, lettere ed e-mail tra i suoi vari uffici – evidenziano che le responsabilità per l’operato della Shell durante la crisi degli ogoni non riguardarono solo il personale presente in Nigeria e che in ogni momento i vertici della Shell all’Aja e a Londra erano pienamente a conoscenza di quanto stesse accadendo nel paese africano.
Un memorandum fa riferimento all’approvazione da parte dei vertici di una dettagliata strategia elaborata nel dicembre 1994 dalla Shell Nigeria su come rispondere alle critiche dopo le proteste degli ogoni. Nel marzo 1995 i vertici della Shell di Londra ebbero un incontro con un rappresentante dell’esercito nigeriano, concordando di “vedersi periodicamente” per scambiare informazioni.
Amnesty International ha chiesto alla Royal Dutch Shell e alla Shell Nigeria di commentare le sue conclusioni. Questa è la risposta della Shell Nigeria:
“Le denunce citate nella vostra lettera sono false e prive di merito. [La Shell Nigeria] non ha colluso con le autorità militari per sopprimere le proteste delle comunità e non ha in alcun modo incoraggiato o invocato l’uso di qualsivoglia atto di violenza in Nigeria. La compagnia ritiene che il dialogo sia il mezzo migliore per risolvere le dispute. Abbiamo sempre respinto tali denunce, nel modo più netto possibile”.
FINE DEL COMUNICATO
Roma, 28 novembre 2017
Il rapporto “Un’impresa criminale?” è disponibile online all’indirizzo:
https://www.amnesty.org/en/documents/AFR44/7393/2017/en/
Questo articolo è stato pubblicato qui

Israele è responsabile della morte di centinaia di migranti

Il regime di Vichy non uccise gli ebrei, si “accontentò” di consegnarli ai loro carnefici tedeschi; Israele non uccide i richiedenti asilo, li manda a morte a centinaia, con la complicità attiva di Ruanda ed Uganda, rivela una lunga indagine del quotidiano Haaretz. Il sistema sviluppato dai leader dei tre Paesi per liberare Israele dai migranti privi di documenti, in particolare quelli che fuggono dalla dittatura in Eritrea, credendo di trovare la salvezza nella “Terra Promessa”, è intelligente. Innanzitutto, Israele ha adottato una legislazione che le consente di mantenere indefinitamente in detenzione i richiedenti asilo arrestati durante i raid di massa, come il sistema di detenzione amministrativa imposto a centinaia di palestinesi in modo permanente. Ma poi c’è il problema di rimandare questi sfortunati non nel loro Paese di origine, ma su una cosiddetta base “volontaria” in un altro Paese ospitante: questo è il contributo di Ruanda ed Uganda. Israele paga così 5000 dollari a questi due Paesi per ogni immigrato espulso “volontariamente”.
Per avere il “consenso” di questi ultimi, i servizi contro l’immigrazione clandestina vanno nei centri di detenzione e li ricattano: “O resti a tempo indeterminato in prigione, o vai in Ruanda dove ti verrà rilasciato un permesso di soggiorno e un permesso di lavoro“. Senza dare per scontato il discorso della polizia, centinaia di africani privi di documenti, rimasti in terra israeliana per anni, accettano la proposta, secondo il giornalista Lior Birger del quotidiano Haaretz. Dopo una lunga inchiesta sui sopravvissuti che l’ha portato per tutta Europa, Birger, in collaborazione con i colleghi Shahar Shoham e Liat Boltzman, ha scoperto che l’arrivo in Rwanda era il più delle volte l’inizio di un lungo calvario, segnato da traffico di carne umana, tortura e spesso morte, tra Libia e acque del Mediterraneo. “Appena arrivati all’aeroporto di Kigali in Ruanda, ai deportati confiscano l’unica documentazione in possesso, il lasciapassare datogli dagli israeliani all’imbarco. Sono rinchiusi in una stanza d’albergo. Quindi vengono informati che devono lasciare rapidamente il Paese. I ruandesi poi li consegnano ai contrabbandieri che li trasferiscono, contro il pagamento di centinaia o addirittura migliaia di dollari, in Uganda, poi nel Sud Sudan, in Sudan e da lì in Libia, da dove cercheranno di guadagnare l’Europa“, scrivono gli autori dell’inchiesta. “In considerazione delle decine di testimonianze che abbiamo raccolto e delle nostre ricerche, stimiamo che diverse centinaia di questi rifugiati siano morti per tortura e maltrattamenti in Libia, o siano annegati nel Mediterraneo”, aggiungono.

La testimonianza di Tesfay (nome di fantasia), espulso da Israele nel dicembre 2015 dopo aver lavorato per diversi anni come addetto alle pulizie in un hotel nella località turistica di Eilat, incontrava gli autori in una piccola città della Germania nell’estate del 2017: “La nostra barca lasciò la Libia verso le 4 del mattino; due ore dopo, il suo motore si fermò; dei 500 passeggeri, non più di 100 sopravvissero; in 10 eravamo da Israele, e siamo sopravvissuti solo tre. Perché? Non siamo anche noi esseri umani?” Dawit (nome di fantasia) fu trovato dai giornalisti israeliani a Berlino. Anche lui, prima di essere fermato, aveva trascorso 5 anni a Tel Aviv dove lavorava in un ristorante. “Se ne andò ‘volontariamente’ in Ruanda circa due anni fa. Alcuni mesi prima si era recato alla stazione di polizia per il rinnovo del permesso di soggiorno provvisorio e fu immediatamente inviato al centro di detenzione dell’immigrazione di Holot nel deserto del Negev; lì fu messo sotto pressione, lasciandogli la “scelta” tra anni di prigione o partenza per il Ruanda. Dawit cedette e se ne andò con la moglie incinta di due mesi“. In Libia, i contrabbandieri misero Dawit su una barca e la moglie su un’altra che affondò subito, affogando le centinaia di sfortunati a bordo. “I sopravvissuti all’azione del governo israeliano che abbiamo incontrato in Europa sono fortunati, ma c’è il dubbio che un giorno possano curare le conseguenze psicologiche del loro calvario. In Germania, dove finalmente arrivarono Tesfay e Dawit, il 99% degli eritrei ottiene il permesso di soggiorno e nel 2016 l’81% di loro ebbe riconosciuto lo status di rifugiato”. Ma Tesfay e Dawit esortano i compagni ancora in Israele a non accettare, se vengono arrestati, la deportazione “volontaria” in Ruanda, poiché il pericolo è grave.
Traduzione di Alessandro Lattanzio