New Evidence Suggests Turkey Preparing for Libya-Style Military Intervention in Yemen

Ahmed Abdulkareem
Turkey Yemen Feature Photo

Turkey is sending advisors and weapons into Yemen and flexing its influence in the war-torn country as it seeks to expand its power across the Middle East.

ADEN, YEMEN — As focus begins to turn to developments in Libya and the foreign interference that plagues the Arab country, it seems that Turkey already has its eye elsewhere, preparing for military involvement in Yemen in a move that has sparked concern among Yemenis already struggling against an intervention led by Saudi Arabia, famine and most recently, COVID-19.

Informed sources in Aden and Taiz revealed to MintPress that a militia belonging to the Muslim Brotherhood-affiliated El-Eslah Party, the ideological and political ally of Turkish President Tayyip Erdogan, is already engaged in the latest round of fighting in Yemen’s southern provinces, particularly in Abyan and Shabwa.

The Turkish intervention, which extends to Marib – an oil-rich province located 173 kilometers to the northeast of Ansar Allah-controlled Sana’a, has so far been led by officers, experts, and training personnel, and has involved the delivery of weapons, including drones, for use by Turkish allies on the ground. The move paves the way for wider intervention in Yemen that would resemble Turkey’s role in Libya in favor of The Government of National Accord, which is currently battling General Khalifa Haftar’s forces for control over the country.

The Turkish officers and advisors in Yemen are lending comprehensive support to El-Eslah’s militants who have been fighting against the Southern Transitional Council (STC) in Abyan since April 26, when the STC imposed emergency rule in Aden and all southern governorates.

Beginning in 2018 and ‘19, dozens of Turkish officers and experts reportedly arrived in many Yemeni areas overlooking the Red Sea and Arabian Sea, particularly in Shabwa, Abyan, Socotra, al-Mahra and coastal Directorate of Mukha near the Bab al-Mandab Strait as well as to Marib. The officers reportedly entered Yemen as aid workers under pseudonyms using Yemeni passports issued illegally from the Yemeni passport headquarters in the governorates of Ma’rib, Taiz, and Al-Mahrah.

Recently, Ankara trained hundreds of Yemeni fighters in Turkey and in makeshift camps inside of Yemen. Moreover, Turkey recruited Libyan and Syrian mercenaries to fight in Yemen bty promising them high salaries to fight for the Muslim Brotherhood in the southern regions and along the western coast of Yemen, according to sources that spoke to MintPress.

One of those sources said that a group of mercenaries was supposed to enter the country last week in a Turkish plane carrying “aid and medicine related to coronavirus pandemic” but the Saudi-led coalition prevented the plane from landing at Aden’s airport. Now, sources say, Turkish intelligence and its allies in Yemen are working on a strategy to enter the country by pushing for eased travel restrictions under the guise of fighting coronavirus.

Yemeni politicians told MintPress that Turkey wants to reach the strategic port of Balhaf and secure for use as a hub to export gas and oil and to control the open coasts of the Arabian Sea and Bab al-Mandab Strait for later use as a gateway for Turkish intervention in the region. Turkish control in those areas would provide access to support and supply Turkish military bases in Somalia and Qatar.

This information provided to MintPress was confirmed by the London-based Syrian Observatory for Human Rights and Libyan Army spokesman Maj. Gen. Ahmed al-Masmari, who is recruiting Syrian and Lybian mercenaries with attractive salaries to fight with the Muslim Brotherhood in Yemen. At this point, both the Saudi-led Coalition and Turkey have exploited the Yemeni poor, recruiting them to fight in both Libya and Syria.

In Taiz, Turkey has opened training camps, the most important of which is located on the outskirts of the al-Hajariya Mountains near the Bab al-Mandab Strait and is run by Hamoud al-Mikhlafi who resides in Turkey and regularly visits Qatar. Al-Mikhlafi also established the “Hamad Camp” in the Jabal Habashi District. Shabwah, and Marib have also received Turkish support.

Ankara has successfully boosted its intelligence presence in Yemen through the use of Turkish humanitarian aid organizations. There are many Turkish “humanitarian relief organizations” operating in three coastal Yemeni regions: Shabwa, Socotra, and the al-Mukha region in Taiz governorate. Among those organizations is the Turkish Humanitarian Relief Agency (IHH) which operates in the governorate of Aden, the Turkish Red Crescent, the Turkish Cooperation and Coordination Agency (TIKA), the Turkiye Diyanet Foundation (Türkiye Diyanet Vakfı) among dozens of other Turkish organizations.

Turkey has been supporting Yemen’s El-Eslah Party, founded in 1990, since before the Saudi-led Coalition launched its offensive in Yemen in 2015. Similar to its support for the Government of Accord in Libya, El-Eslah has gained additional momentum in recent years given the power and money it has received from both Turkey and members of the Saudi-led coalition.

An ally in El-Eslah

In a related event, high-ranking government officials from Turkey have traveled to Yemen to develop strategic interests and conclude agreements which could allow Turkey to resort to military force to protect its interests in the country. ln January 2019, Turkey’s deputy interior minister, Ismail Catakln traveled to Aden and held a meeting with high-ranking officials from the El-Eslah party, including Maeen Abdulmalik Saeed, who has been appointed “Prime Minister of Yemen” by ousted President Abdul Mansour al-Hadi on October 18, 2018.

According to a joint official statement, a number of agreements were concluded at the meeting involving humanitarian aid, health and education, economic and service projects, as well as an agreement to activate the joint committee between Yemen and Turkey. The most important agreement was a security and intelligence agreement between the Deputy Prime Minister and Minister of Interior Ahmed Al-Misri, a member of El-Eslah party.

This came months after “former Yemeni Transport Minister” Saleh al-Jabwani, a Reform Party affiliate, visited Turkey to sign agreements to hand over Yemeni ports, an agreement that was rejected by “Yemeni government officials” belonging to the Saudi-led coalition.

Prior to that, El-Eslah party officials and ministers have taken trips to Turkey to lobby AKP officials and encourage them to invest in Yemen’s transport sector and ports.

Saudi Coalition reels as Turkey ruffles feathers

It is unlikely that Yemen is currently Turkey’s first priority in the region as it has already established a base in Djibouti and has a presence in both Somalia and Sudan, where Ankara has been granted temporary control of Sudan’s Suakin Island, providing it an important foothold into the Red Sea. But Turkey’s efforts in Yemen not only grant it expanded influence in the Bab al-Mandab Strait and the Red Sea but also with influence in the Arabian Sea.

From the perspective of Saudi Arabia and the United Arab Emirates, who are already at odds with Turkey, the presence of Turkish forces in Yemen could be a real threat to their interests. Moreover, a Turkish presence could serve as a very effective trump card for Turkey’s close ally Qatar, which has had a hostile relationship with these countries since the UAE, Saudi Arabia, Bahrain and Egypt broke ties with Doha in 2017. Furthermore, Turkey’s efforts, particularly in the Bab al-Mandeb Strait, are a threat to Egyptian national security. Egypt is also at odds with Turkey due to Ankara’s support for the Muslim Brotherhood and competition for resources in the Eastern Mediterranean.

The Turkish project in Yemen has given new zeal to the Saudi-led Coalition in its efforts to control Yemen’s islands. This week, Eritrean forces supported by the United Arab Emirates launched a military attack to take Yemen’s Hanish Islands in the Red Sea on Tuesday. The attack comes amid renewed tensions that have seen Yemenis that attempt to approach the Islands, even fishermen, arrested by Eritrean forces.

The proactive move by Eritrean President Isaias Afwerk is no surprise as Afwerk rejected previous Turkish efforts to establish a presence on the Sudanese island of Suakin. Eritrea briefly occupied the Hanish Islands in 1995 before retreating after the international arbitration court granted Yemen sovereignty over them.

A fiery clash in Yemen between the Saudi-led coalition and Turkey could be inevitable as the coalition seeks to dominate the Yemeni arena and eliminate Turkish interests there. It is also unlikely Turkey will abandon its allies and geostrategic ambitions in Yemen, as it refused to do in Libya or Syria. Unfortunately, the biggest losers in this scenario are the Yemeni people and their lands.

A quagmire for the would-be invader

Yemenis for their part are concerned about potential Turkish military intervention in their country. They say any additional foreign interference will complicate the situation and eliminate the hope of ending the conflict for dozens of years. Indeed, Yemen is already grappling with COVID-19, a collapsed healthcare system, and an ongoing Saudi-led coalition war and blockade.

However, Ansar Allah and its allies, as well as major parties in Yemen allied with the Saudi-led Coalition, have warned that Turkey’s military intervention in the country will be considered blatant aggression ad will be met by fierce military resistance. They urged the Turks to learn from the coalition’s failed experience and their own history which saw the Ottman Turks lose thousands of troops in Yemen during their ancient forays.

Yemeni Hussein al-Qwabari promised an armed struggle against any Turkish involvement in his country. He got upset when asked if he supports conditional Turkish intervention in Yemen. Al-Qwabari wons a home in Mathbah, which translates roughly into “The Alter.” Mathbah is so named for a famous incident in which thousands of Turkish soldiers were massacred by Yemeni resistance forces and al-Qwabari says he is enthusiastically prepared to repeat the experience of his grandparents in their armed struggle against the Turks.

In fact, the issue of Turkish interference in Yemen is a sensitive topics which provokes national fervor, especially among those old enough to remember the painful experiences of previous intrusions. The Ottoman Turkish Empire reduced Yemen, particularly the north, to a poor and backward vassal state.

There is good reason that Yemen has gained a reputation as a quagmire for would-be invaders. Yemen was not only conquered by the Ottomans Turks once but twice. The first time was in the sixteenth century under the pretext of thwarting Portuguese ambitions and saw Ottoman forces unable to capture the whole of Yemen. The Turks sent more than 80,000 soldiers to suppress local uprisings against foreign intervention but only 7,000 Turks returned home. The Turks returned in the nineteenth century and were again expelled in the 1910s.

However, many Yemeni activists belong to El-Eslah, including high-ranking officials in the party as well as journalists, have increased calls to make room for Turkey in Yemen, citing the gains made in Libya by groups supported by Turkey,

“We want Turkish intervention in Yemen,” Anis Mansour, the former Media attaché at the Yemeni embassy in Saudi Arabia said in a video posted from Turkey in which he spoke in front of the infamous Hagia Sophia. Mansour runs a network of social media activists and lives in Qatar. Supporters of Turkish intervention among Yemenis stems from the hope that Turkish military activities could stem Saudi and Emirati ambitions in the country and end the chaos and tragedy left by the coalition. They believe that the Turks can end the war and return the former government to Sana’a. Other Yemenis believe that Turkish intervention will be little more than an alternative to Saudi intervention and will do little to change the situation on the ground.

Yemenis collectively have not forgotten their experiences during both British and Turkish intervention. They are well-acquainted with outside forces that yearn for Yemen for its geographic location more than for its people. Today, they are experiencing another intervention, led by the richest countries in the world. They see neighbors that share a common language and faith do nothing while they are killed by hunger, disease, and incessant bombing.

This has ultimately caused an opening for Turkey as war-weary Yemenis may be amenable to a new foreign invader provided that their rights, sovereignty, and independence are respected.

Feature photo | Fighters of the ‘Shelba’ unit, a militia allied with the U.N.-supported Libyan government, aim at enemy positions at the Salah-addin neighborhood front line in Tripoli, Libya, Aug 31, 2019. Ricard Garcia Vilanova | AP

Ahmed AbdulKareem is a Yemeni journalist. He covers the war in Yemen for MintPress News as well as local Yemeni media.

Ininterrotti crimini di guerra in Yemen dalla criminale coalizione saudita, in un vergognoso silenzio globale

A cura di Enrico Vigna

 

Mentre la coscienza della solidarietà internazionale è attenuata e l’attenzione internazionale langue, sepolta dalla disinformazione o peggio dall’indifferenza, quelle organizzazioni che affermano di essere impegnate per i “diritti umani”, si rivelano estranee o distratte  circa l’eccidio sistematico commesso dalla coalizione americano-saudita e loro complici, contro civili, donne e bambini, sistematicamente e ferocemente da cinque anni, ogni giorno nello Yemen.

 

Dove sono i cantori del “dirittoumanesimo” globale, gli accusatori di “regimi e stati canaglia” indicati da USA e Israele, i praticanti le varie  “rivoluzioni colorate” in ogni dove ci sono  ingiustizie…tranne dove possono infastidire o contrastare interessi NATO o statunitensi?

Perché non levano le loro voci influenti “mediaticamente ed economicamente”, perché tacciono?

Nello Yemen da cinque si attua anni una guerra soprattutto sulla popolazione che vive in prima linea, sottoposta a attacchi indiscriminati che continuano senza sosta, senza alcuna segnale di discontinuità.

Una guerra che ha prodotto finora 3 milioni 650.000 sfollati, continuamente in crescita.

Una aggressione spietata dove non esiste la parola umanitario, dove il cosiddetto diritto internazionale umanitario che dovrebbe proteggere i civili, all’interno di un conflitto è quotidianamente calpestato nel silenzio, letale, internazionale.

 

 

 

Secondo molti testimoni e denunce, la coalizione saudita utilizza armamenti USA, prodotti e forniti dalla società Gazal Dynamics, che è fornitrice del sistema aeronautico americano, il quale ha in dotazione  bombe e missili come l’Mk 82, un missile a caduta libera leggera.

La coalizione guidata da Arabia Saudita e Stati Uniti non rispetta i minimi obblighi ai sensi delle leggi di guerra, e utilizza l’armamento statunitense in attacchi palesemente sproporzionati e indiscriminati, che provocano migliaia di vittime civili e danni a strutture civili nel paese arabo.

Dal marzo 2015, la coalizione saudita, ha iniziato questa guerra contro lo Yemen con l’obiettivo dichiarato di schiacciare il movimento Houthi di Ansarullah, che aveva preso il potere e cacciato il fedele alleato di Riyadh, l’ex presidente fuggitivo Abd Rabbuh Mansur Hadi.

Ininterrotti crimini di guerra in Yemen dalla criminale coalizione saudita, in un vergognoso silenzio globale      
Anche secondo il quotidiano La Repubblica: “… Nello Yemen, negli ultimi mesi la crisi umanitaria si è ulteriormente aggravata, restando il punto del mondo dove si sta consumando la tragedia peggiore degli ultimi trent’anni. Un conflitto che, così come è avvenuto in Siria, colpisce soprattutto la popolazione civile, fin dall’inizio della guerra. Dallo scorso dicembre, infatti, nella sostanziale indifferenza della cosiddetta “comunità internazionale” e della maggior parte del sistema mediatico, qualcuno si è messo a calcolare che, di fatto, tre civili ogni giorno vengono uccisi, in media una vittima ogni 8 ore. ..Tre anni e oltre 600.000 persone yemenite morte e ferite, impedendo ai pazienti di recarsi all’estero per cure e bloccando l’ingresso delle medicine nel paese dilaniato dalla guerra…”.

Dopo gli innumerevoli bombardamenti sulle infrastrutture civili e gli ospedali, oggi sono oltre 2.400 i morti di colera e la crisi ha innescato quello che le Nazioni Unite hanno descritto come il peggior disastro umanitario del mondo.

Gli abitanti della provincia di Hodeidah hanno organizzato manifestazioni di protesta per le aggressioni criminali nel loro territorio contro la popolazione.
Una manifestazione di protesta è stata organizzata dagli  abitanti della provincia di Hodeidah per condannare l’ultimo crimine commesso dagli attacchi aerei sauditi contro i prigionieri nella provincia di Dhamar.
I partecipanti hanno lanciato slogan ed esposto  striscioni per denunciare i crimini del terribile massacro, che ha lasciato decine di prigionieri morti e feriti, che erano elencati nell’accordo di scambio firmato a Stoccolma.

La popolazione ha urlato il suo sdegno e ritiene le Nazioni Unite e la comunità internazionale pienamente responsabili degli atroci crimini commessi dall’aggressione contro il popolo yemenita.
Il 1° settembre l’aggressione aerea di USA-Arabia Saudita aveva lanciato sette incursioni su un edificio utilizzato per prigionieri di guerra a nord della provincia di Dhamar. Più di 150 persone sono state uccise e ferite nel massacro, mentre ancora continua il processo di recupero dei corpi delle vittime.      3 settembre 2019

 

A cura di Enrico Vigna, CIVG

Preso da: https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-ininterrotti_crimini_di_guerra_in_yemen_dalla_criminale_coalizione_saudita_in_un_vergognoso_silenzio_globale/24790_30674/

From Cluster Bombs to Toxic Waste: Saudi Arabia is Creating the Next Fallujah in Yemen

Ahmed Abdulkareem
Yemen Toxic Legacy Feature photoAL-JAWF, YEMEN — As the world’s focus turns to the rapidly-spreading COVID-19 pandemic, Yemenis are reeling from their own brewing tragedy, contending with the thousands of cluster bombs, landmines and other exploded munitions that now litter their homeland. Just yesterday, a young child was killed and another was injured in the al-Ghail district of al-Jawf when a landmine left by the Saudi military exploded, witnesses told MintPress. Outraged and terrified by the presence of these unexploded ordnances, Ahmed Sharif, a father of 9 who owns a farm in the district called the unexploded ordnances “a significant threat to our children.”

Earlier this week, thousands of cluster bombs containing between dozens and hundreds of smaller submunitions were dropped by air and scattered indiscriminately over large areas near Ahmed’s farm. A large number of those munitions failed to explode on impact, creating a new threat to residents already reeling from 5 years of war, famine and an economic blockade. The use, production, sale, and transfer of cluster munitions is prohibited under the 2008 Convention on Cluster Munitions, an international agreement recognized by over 100 countries, but rejected by Saudi Arabia and the United States.

Saudi Arabia is estimated to have dropped thousands of tons of U.S.-made weapons in al-Jawf over the past 100 days alone. Al-Jawf is an oil-rich province that lies in Yemen’s north-central reaches along the Saudi border. The aerial campaign is likely a last-ditch effort to stem the tide of battlefield success by local volunteer fighters who teamed with Houthi forces to recapture large swaths of al-Jawf and Marib provinces. That campaign, for all intents and purposes, has failed.

Yemen UXO

An unexploded bomb dropped by a Saudi warplane is recovered from a pomegranate farm in the Jamilah district in Sadaa. Courtesy | YEMAC

On Wednesday, the Houthis announced that their military operation – dubbed “God Overpowered Them” – was complete and that al-Jawf was free of Saudi occupation. According to Houthi sources, more than 1,200 Saudi-led coalition fighters were killed or injured during the operation and dozens of Saudi troops, including officers, were captured. The Houthis also struck deep into Saudi territory in retaliation for the more than 250 Saudi airstrikes that were carried out during the campaign. In multiple operations, ballistic missiles and drones were used to target facilities inside Saudi Arabia, according to officials.

Saudi losses haven’t been limited to al-Jawf either. Last week, Marib province, which lies adjacent to Yemen’s capital of Sana’a, was recaptured following heavy battles with Saudi forces. Local tribal fighters were able to clear strategic areas in the Sirwah District with the assistance of Houthi forces and take control of the town of Tabab Al-Bara and the strategic Tala Hamra hills that overlook Marib city. Both the Saudi-led coalition and its allied militants initially admitted defeat but later described their loss as a tactic withdrawal.

Marib is now the second Yemeni governorate adjacent to Saudi Arabia to fall under the control by Yemen’s resistance forces in the last month, al-Jawf being the first. Both provinces have strategic importance to Saudi Arabia and could serve as a potential launch point for operations into Saudi Arabia’s Najran province.

“Saudi [Arabia] and America have planted our land with death”

The highly populated urban areas of Sana’a, Sadaa, Hodeida, Hajjah, Marib, and al-Jawf have been subjected to incomprehensible bombing campaigns during the Saudi-led war on Yemen, which turns five on March 26. The sheer scale of that campaign, which often sees hundreds of separate airstrikes carried out every day, coupled with its indiscriminate nature, has left Yemen one of the most heavily contaminated countries in the world.

Since 2015, when the war began, coalition warplanes have conducted more than 250,000 airstrikes in Yemen, according to the Yemeni Army. 70 percent of those airstrikes have hit civilian targets. Thousands of tons of weapons, most often supplied by the United States, have been dropped on hospitals, schools, markets, mosques, farms, factories, bridges, and power and water treatment plants and have left unexploded ordnances scattered across densely populated areas.

A significant proportion of those ordnances are still embedded in the ground or amid the rubble of bombed-out buildings, posing a threat to both civilians and the environment. As Man’e Abu Rasein, a father who lost two sons to an unexploded cluster bomb in August of 2018 puts it: “Saudi [Arabia] and America have planted our land with death.” Abu Rasein’s sons, Rashid, ten, and Hussein, eight, were grazing their family’s herd of sheep in the village of al-Ghol north of Sadaa, far from any battlefield. They spotted an unusual looking object and like most curious young boys, picked it up to investigate. But the object they found was no toy, it was an unexploded cluster munition dropped by a Saudi jet. After hearing an explosion, the boys’ family went to investigate and found them lying dead, covered in blood.

Yemen UXO

A group of children in Sahar district inspects a cluster bomb dropped by a Saudi warplane at a farm in Sadaa, March 18, 2019. Abdullah Azzi | MintPress News

Since March of 2015, Human Rights Watch has recorded more than 15 incidents involving six different types of cluster munitions in at least five of Yemen’s 21 governorates. According to the United Nations Development Program’s Emergency Mine Action Project, some of the heaviest mine and ERW (explosive remnants of war) contamination is reported in northern governorates bordering Saudi Arabia, southern coastal governorates and west-central governorates, all areas surrounding Houthi-dominated regions of Yemen. Since 2018 alone, the UNDP has cleared nearly 9,000 landmines and over 116,000 explosive remnants in Yemen.

From the Yemeni war of 1994 to the six wars in Sadaa, Yemenis have suffered several wars over the last three decades. Yet thanks to saturation of U.S. weapons, the ongoing war has brought death on a toll not seen in Yemen for hundreds of years. In Sadaa, the Saudi coalition has a significant legacy of unexploded ordinances, up to one million according to figures provided to MintPress by the Yemeni Executive Mine Action Center (YEMAC), an organization backed by the United Nations.

The Project Manager of YEMAC identified heavy cluster munition contamination in Saada, al-Jawf, Amran, Hodeida, Mawit, and Sanaa governorates, including in Sanaa city. Contamination was also reported in Marib. For the time being, YEMAC is the only organization working throughout the country during the ongoing war. Their teams are confronted with a very complex situation, disposing of both conventional munitions and bombs dropped from airplanes, including explosive remnants of war rockets, artillery shells, mortars, bombs, hand grenades, landmines, cluster bombs, and other sub-munitions and similar explosives.

Saudi Arabia’s toxic legacy

In addition to killing and injuring hundreds of civilians, American-made weapons have exposed Yemen’s people to highly toxic substances on a level not seen since the now-infamous use of radioactive depleted uranium by the United States in Fallujah, Iraq, which to this day is causing abnormally high rates of cancer and birth defects.

The hazardous chemicals from Saudi Coalition military waste, including radioactive materials, fuel hydrocarbons, and heavy metals, has already led to outbreaks of disease. Vehicles abandoned on battlefields, usually in various states of destruction, contain toxic substances including PCBs, CFCs, DU residue, heavy metals, unexploded ordnances, asbestos and mineral oils. Hundreds of these military scraps remain publicly accessible in Nihm, al-Jawf, Serwah, Marib and throughout Yemen.

Aside from the threat they pose to life and limb, unexploded ordnances contain toxic substances like RDX, TNT, and heavy metals which release significant levels of toxic substances into the air, soil and water. According to both the Ministry of Water and Environment and the Ministry of Health, which have undertaken environmental assessments on the impact of urban bombing, high levels of hazardous waste and air pollutants are already present in a populated areas

Yemen UXO

A young girl injured by a cluster bomb dropped by a Saudi warplane is fitted for a wheelchair near the Yemen-Saudi border, March 18, 2020. Photo | YEMAC

Alongside the still unknown quantities of more conventional weapons remnants in Yemen, the waste from the cleanup of bombed-out buildings has been found to be especially contaminated with hazardous materials, including asbestos which is used in military applications for sound insulation, fireproofing and wiring among other things. Fires and heavy smoke billowing over heavily populated civilian areas following Saudi bombing runs also pose an imminent threat to human health. A common sight in many Yemeni cities since the war began, these thick clouds of toxic smoke sometimes linger for days and coat both surfaces and people’s lungs with hazardous toxins like PAHs, dioxins and furans, materials which have been shown to cause cancer, liver problems and birth defects.

Before the war began, most hazardous materials were trucked to Sanaa where they were separated and disposed of properly at the sprawling al-Azragein treatment plant south of the capital. But that plant was among the first targets destroyed by Saudi airstrikes after the war began. After it was bombed, puddles and heaps of toxic material were left to mix with rainwater and seep into surrounding areas. Yemeni researchers are still trying to grasp the scale of pollution from biohazardous chemicals at the site.

Although a comprehensive nationwide environmental assessment of the impact of urban bombing in Yemen has yet to be completed, high levels of hazardous waste and air pollutants have been recorded by many hospitals and environmental agencies. Some idea of the long-term effects can also be gleaned from studies carried out in areas where similar toxins have been used, particularly by the United States in Fallujah, Iraq and in Vietnam, where scientific assessments have shown increased cases of birth defects, cancer and other diseases, including in U.S. veterans.

In southern Yemen, where Saudi Arabia and the United Arab Emirates operate largely unchallenged, the coalition has been disposing of military waste in large trenches devoid of any measures to mitigate potential toxic fallout.  Waste is dumped into large holes and either detonated or simply buried, inevitably contaminating soil and groundwater according to data from the UN Environment Program.

Yemen’s coastline hasn’t been immune either. The country’s General Authority for Environmental Protection said Wednesday that the Saudi-led coalition is dumping toxic and polluted waste on the shores of Yemen and in Yemeni regional waters, causing great damage to the marine environment, the deaths of fish and marine organisms, and in some cases, actually changing the color of the sea to a toxic green. The agency stated that in addition to dumping toxic waste, the coalition was allowing unsafe fishing practices such as marine dredging and the use of explosives by foreign ships, destroying the marine environment and coral reefs.

One hundred years to safety

Thousands of displaced Yemenis cannot fathom returning home due to the large number of explosives potentially hidden in and around their houses. Removing them all would require an end to the U.S.-backed war and economic blockade. Special equipment and armored machines such as armored excavators would need to be brought in, a slim prospect in a country unable to secure even the basic stapes of life.

Yemen EXO

The remnants of a cluster bomb dropped by Saudi-led coalition warplanes inside a Yemeni home. March 18, 2020. Abdullah Azzi| MintPress News

Explosive remnants do not just impact lives and limbs, they prevent the use of potentially productive agricultural land and the rebuilding of important infrastructure. Like many border areas in Saada and Hajjah, fertile soil in al-Jawf and Marib has become so environmentally polluted since the war began that it could take decades to recover. Explosive remnants also prevent access to vital resources like water and firewood, cripples the movement of residents, including children traveling to school, and prevents aid from reaching those in need.

Even if the Saudi-led coalition were to stop the war immediately and lift the blockade, its legacy of indiscriminate bombing on such a massive scale will be felt for years to come. Due to the intensity of the bombing, experts at the United Nations Development Program’s Yemeni Executive Mine Action Center estimate that clearance could take at least 100 years in larger cities. Despite these dangers, desperate families with nowhere to go do not waste a lull in the barrage of Saudi airstrikes or a short-lived ceasefire to attempt to return home.

Feature photo | A collection of unexploded ordnance recovered by the UNDP’s YEMAC project in Yemen. Courtesy | YEMAC

Ahmed AbdulKareem is a Yemeni journalist. He covers the war in Yemen for MintPress News as well as local Yemeni media.

Il Califfo, film Cia tra fiction e realtà

È un prodotto ben confezionato. Al termine di una vasta operazione speciale in cui è stata utilizzata un’arma inconfessabile, è bene inscenare la morte di chi ne è stato il simbolo. È il modo migliore per cancellarne le tracce nella memoria collettiva. Dopo la morte di Bin Laden, ecco quella di al-Baghdadi.

| Roma (Italia)

See the source image
«È stato come guardare un film», ha detto il presidente Trump dopo aver assistito alla eliminazione di Abu Bakr al Baghdadi, il Califfo capo dell’Isis, trasmessa nella Situation Room della Casa Bianca. Qui, nel 2011, il presidente Obama assisteva alla eliminazione dell’allora nemico numero uno, Osama Bin Laden, capo di Al Qaeda. Stessa sceneggiatura: i servizi segreti Usa avevano da tempo localizzato il nemico; questi non viene catturato ma eliminato: Bin Laden è ucciso, al Baghdadi si suicida o è «suicidato»; il corpo sparisce: quello di Bin Laden sepolto in mare, quello di al Baghdadi disintegrato dalla cintura esplosiva. Stessa casa produttrice del film: la Comunità di intelligence, formata da 17 organizzazioni federali. Oltre alla Cia (Agenzia centrale di intelligence) vi è la Dia (Agenzia di intelligence della Difesa), ma ogni settore delle Forze armate, così come il Dipartimento di stato e quello della Sicurezza della patria, ha un proprio servizio segreto.


Per le azioni militari la Comunità di intelligence usa il Comando delle forze speciali, dispiegate in almeno 75 paesi, la cui missione ufficiale comprende, oltre alla «azione diretta per eliminare o catturare nemici», la «guerra non-convenzionale condotta da forze esterne, addestrate e organizzate dal Comando».
È esattamente quella che viene avviata in Siria nel 2011, lo stesso anno in cui la guerra Usa/Nato demolisce la Libia. Lo dimostrano documentate prove, già pubblicate sul manifesto.
- Ad esempio, nel marzo 2013 il New York Times pubblica una dettagliata inchiesta sulla rete Cia attraverso cui arrivano in Turchia e Giordania, con il finanziamento di Arabia Saudita e altre monarchie del Golfo, fiumi di armi per i militanti islamici addestrati dal Comando delle forze speciali Usa prima di essere infiltrati in Siria [1].
- Nel maggio 2013, un mese dopo aver fondato l’Isis, al Baghdadi incontra in Siria una delegazione del Senato degli Stati uniti capeggiata da John McCain, come risulta da documentazione fotografica [2].
- Nel maggio 2015 viene desecretato da Judicial Watch un documento del Pentagono, datato 12 agosto 2012, in cui si afferma che c’è «la possibilità di stabilire un principato salafita nella Siria orientale, e ciò è esattamente ciò che vogliono i paesi occidentali, gli stati del Golfo e la Turchia che sostengono l’opposizione» [3].
- Nel luglio 2016 viene desecretata da Wikileaks una mail del 2012 in cui l’allora segretaria di stato Hillary Clinton scrive che, data la relazione Iran-Siria, «il rovesciamento di Assad costituirebbe un immenso beneficio per Israele, facendo diminuire il suo timore di perdere il monopolio nucleare» [4].
Ciò spiega perché, nonostante gli Stati uniti e i loro alleati lancino nel 2014 la campagna militare contro l’Isis, le forze dello Stato islamico possono avanzare indisturbate in spazi aperti con lunghe colonne di automezzi armati.
L’intervento militare russo nel 2015, a sostegno delle forze di Damasco, rovescia le sorti del conflitto. Scopo strategico di Mosca è impedire la demolizione dello Stato siriano, che provocherebbe un caos tipo quello libico, sfruttabile da Usa e Nato per attaccare l’Iran e accerchiare la Russia. Gli Stati uniti, spiazzati, continuano a giocare la carta della frammentazione della Siria, sostenendo gli indipendentisti curdi, per poi abbandonarli per non perdere la Turchia, avamposto Nato nella regione.
Su questo sfondo si capisce perché al Baghdadi, come Bin Laden (già alleato Usa contro la Russia nella guerra afghana), non poteva essere catturato per essere pubblicamente processato, ma doveva fisicamente sparire per far sparire le prove del suo reale ruolo nella strategia Usa. Per questo a Trump è piaciuto tanto il film a lieto fine.

[1] « Arms Airlift to Syria Rebels Expands, With Aid From C.I.A. », par C. J. Chivers and Eric Schmitt, The New York Times, March 14, 2013. “Miliardi di dollari in armi contro la Siria”, di Thierry Meyssan, Traduzione Matzu Yagi, Megachip-Globalist (Italia) , Rete Voltaire, 21 luglio 2017.
[2] “John McCain, maestro concertatore della “primavera araba“, e il Califfo ”, di Thierry Meyssan, Traduzione Luisa Martini, Megachip-Globalist (Italia) , Rete Voltaire, 18 agosto 2014.
[3] Rapport de l’Agence de Renseignement militaire aux divers services de l’administration Obama sur les jihadistes en Syrie (document déclassifié en anglais), 12 août 2012.
[4] « New Iran and Syria », Hillary Clinton, December 31, 2012, Wikileaks.

Preso da: https://www.voltairenet.org/article208166.html

Ininterrotti crimini di guerra vengono commessi in Yemen dalla criminale coalizione saudita, in un vergognoso silenzio globale

Scritto da Enrico Vigna

Mentre la coscienza della solidarietà internazionale è attenuata e l’attenzione internazionale langue, sepolta dalla disinformazione o peggio dall’indifferenza, quelle organizzazioni che affermano di essere impegnate per i “diritti umani”, si rivelano estranee o distratte  circa l’eccidio sistematico commesso dalla coalizione americano-saudita e loro complici, contro civili, donne e bambini, sistematicamente e ferocemente da cinque anni, ogni giorno nello Yemen.

https://www.yemenpress.org/wp-content/uploads/2019/08/lvl2k20170927084637-696x392.jpg

Dove sono i cantori del “dirittoumanesimo” globale, gli accusatori di “regimi e stati canaglia” indicati da USA e Israele, i praticanti le varie  “rivoluzioni colorate” in ogni dove ci sono  ingiustizie…tranne dove possono infastidire o contrastare interessi NATO o statunitensi?

Perché non levano le loro voci influenti “mediaticamente ed economicamente”, perché tacciono?

Nello Yemen da cinque si attua anni una guerra soprattutto sulla popolazione che vive in prima linea, sottoposta a attacchi indiscriminati che continuano senza sosta, senza alcuna segnale di discontinuità.

Una guerra che ha prodotto finora 3 milioni 650.000 sfollati, continuamente in crescita.
Una aggressione spietata dove non esiste la parola umanitario, dove il cosiddetto diritto internazionale umanitario che dovrebbe proteggere i civili, all’interno di un conflitto è quotidianamente calpestato nel silenzio, letale, internazionale.

 

Secondo molti testimoni e denunce, la coalizione saudita utilizza armamenti USA, prodotti e forniti dalla società Gazal Dynamics, che è fornitrice del sistema aeronautico americano, il quale ha in dotazione  bombe e missili come l’Mk 82, un missile a caduta libera leggera.

La coalizione guidata da Arabia Saudita e Stati Uniti non rispetta i minimi obblighi ai sensi delle leggi di guerra, e utilizza l’armamento statunitense in attacchi palesemente sproporzionati e indiscriminati, che provocano migliaia di vittime civili e danni a strutture civili nel paese arabo.
Dal marzo 2015, la coalizione saudita, ha iniziato questa guerra contro lo Yemen con l’obiettivo dichiarato di schiacciare il movimento Houthi di Ansarullah, che aveva preso il potere e cacciato il fedele alleato di Riyadh, l’ex presidente fuggitivo Abd Rabbuh Mansur Hadi.

Anche secondo il quotidiano La Repubblica: “… Nello Yemen, negli ultimi mesi la crisi umanitaria si è ulteriormente aggravata, restando il punto del mondo dove si sta consumando la tragedia peggiore degli ultimi trent’anni. Un conflitto che, così come è avvenuto in Siria, colpisce soprattutto la popolazione civile, fin dall’inizio della guerra. Dallo scorso dicembre, infatti, nella sostanziale indifferenza della cosiddetta “comunità internazionale” e della maggior parte del sistema mediatico, qualcuno si è messo a calcolare che, di fatto, tre civili ogni giorno vengono uccisi, in media una vittima ogni 8 ore. ..Tre anni e oltre 600.000 persone yemenite morte e ferite, impedendo ai pazienti di recarsi all’estero per cure e bloccando l’ingresso delle medicine nel paese dilaniato dalla guerra…”.
Dopo gli innumerevoli bombardamenti sulle infrastrutture civili e gli ospedali, oggi sono oltre 2.400 i morti di colera e la crisi ha innescato quello che le Nazioni Unite hanno descritto come il peggior disastro umanitario del mondo.

Risultati immagini per yemen guerra

Gli abitanti della provincia di Hodeidah hanno organizzato manifestazioni di protesta per le aggressioni criminali nel loro territorio contro la popolazione  

 

 

Una manifestazione di protesta è stata organizzata dagli  abitanti della provincia di Hodeidah per condannare l’ultimo crimine commesso dagli attacchi aerei sauditi contro i prigionieri nella provincia di Dhamar.
I partecipanti hanno lanciato slogan ed esposto  striscioni per denunciare i crimini del terribile massacro, che ha lasciato decine di prigionieri morti e feriti, che erano elencati nell’accordo di scambio firmato a Stoccolma.

La popolazione ha urlato il suo sdegno e ritiene le Nazioni Unite e la comunità internazionale pienamente responsabili degli atroci crimini commessi dall’aggressione contro il popolo yemenita.
Il 1° settembre l’aggressione aerea di USA-Arabia Saudita aveva lanciato sette incursioni su un edificio utilizzato per prigionieri di guerra a nord della provincia di Dhamar. Più di 150 persone sono state uccise e ferite nel massacro, mentre ancora continua il processo di recupero dei corpi delle vittime.      3 settembre 2019

A cura di Enrico Vigna, CIVG

Preso da:  http://www.civg.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1600:ininterrotti-crimini-di-guerra-vengono-commessi-in-yemen-dalla-criminale-coalizione-saudita-in-un-vergognoso-silenzio-globale&catid=2:non-categorizzato&Itemid=101

Yemen: La strage degli innocenti

Più di 2700 i bambini morti dall’inizio del conflitto.

di Gianluca Vivacqua –
È ormai quasi un lustro che una feroce guerra civile divampa nello Yemen. Il 19 marzo scorso del conflitto tra Houthi e coalizione pro-Hadi a guida saudita è stato festeggiato il quarto anniversario di sangue, ma non era la notizia principale di quel giorno: i media hanno preferito dare maggiore spazio alla vicenda di una massaggiatrice cinese vicina al presidente Trump, Cindy Yang, o al fatto che in Italia la Camera ha approvato la mozione della maggioranza sul memorandum d’intesa con la Cina, per l’adesione alla via della Seta.
Sembra che il destino di questa guerra tanto violenta quanto remota sia ormai sempre più simile a quello del conflitto in Siria, in corso dal 2011.
Alla contrapposizione in armi tra assadiani e anti-assadiani manca poco per eguagliare il record della decennale guerra tra Iraq e Iran, ma è un altro aspetto a cui non si dà la dovuta attenzione: il comune denominatore tra i fatti bellici dello Yemen e quelli siriani, quasi a formare un ideale triangolo con quelli iranian-iracheni, sta in una particolare percezione della comunità internazionale, per cui si tende progressivamente ad operare un’eclissi di informazione su uno scenario che viene considerato o acquisito come permanente. Salvo tornare a parlarne in presenza di sviluppi eclatanti o dati che fanno discutere.
È toccato all’Onu squarciare nuovamente il sipario sullo Yemen, con i numeri relativi ai “caduti” di guerra minorenni. Secondo le stime del Palazzo di Vetro, sono più di 2.770 i bambini uccisi dall’inizio del conflitto. Quasi la metà di essi (47%) risultano periti nel corso dei ripetuti bombardamenti aerei che la coalizione a guida saudita (sostenuta dagli Usa) ha condotto dal 2015 in poi su Sana’a, la capitale in mano agli Houthi da quattro anni, e sulla regione circostante. Più in generale già l’Alto commissariato Onu per i Diritti umani aveva osservato come la sola coalizione comandata da Riad, con i suoi attacchi e le sue incursioni aeree, avesse causato il doppio delle vittime tra la popolazione civile rispetto al resto delle forze in campo.
Tornando alla conta dei martiri involontari di età prescolare e scolare, ancora più consistente è la cifra, 4.730, relativa ai feriti. Sommando piccoli morti e piccoli feriti dunque si arriva a superare le 7mila unità, una fetta abbastanza consistente delle 16mila vittime civili che in totale la guerra (sempre secondo le stime delle Nazioni Unite) avrebbe provocato.
Integra i dati Onu l’impietosa media quotidiana stilata da Save the Children: la Ong calcola che a partire dal 13 dicembre 2018, cioè dalla firma dell’ accordo di Stoccolma, nel Paese ogni giorno si continua a combattere ad un ritmo di otto minori uccisi o gravemente feriti. Il che significa che l’accordo di pace svedese, a parte il cesste-il-fuoco per Hodeida e l’ingresso degli aiuti umanitari nel suo porto, ha generato pochi altri effetti degni di nota.

Preso da: https://www.notiziegeopolitiche.net/yemen-la-strage-degli-innocenti/

ONU: l’aggressione saudita allo Yemen causerà 500.000 morti entro il 2020

Le Nazioni Unite avvertono che il bilancio delle vittime a causa dell’aggressione dell’Arabia Saudita allo Yemen potrebbe salire a 500.000 nel 2020.

ONU: l'aggressione saudita allo Yemen causerà 500.000 morti entro il 2020
“Se i combattimenti continuano fino al 2022, possiamo aspettarci un totale quasi mezzo milione di morti, tra cui più di 300.000 persone che moriranno di fame, mancanza di assistenza medica e cause correlate”, è l’allarme lanciato dal vice segretario generale della Onu per gli affari umanitari, Mark Lowcock.

Citando le previsioni di questa guerra, determinata dall’Università di Denver su richiesta del Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP), Lowcock ha sottolineato che, se l’Arabia Saudita e i suoi alleati pongono fine quest’anno alla sua campagna di aggressione contro lo Yemen il numero di morti sarà due volte inferiore.

Inoltre, il funzionario delle Nazioni Unite ha menzionato i problemi di finanziamento che devono affrontare le operazioni umanitarie nello Yemen.

 

 

Il filtro delle ‘Fake news’ NewsGuard sotto inchiesta per legami con azienda promoter della propaganda saudita

Saudis

© Reuters/Suhaib Salem

Una nuova App, che pretende di servire da baluardo contro la “disinformazione” aggiungendo “classifiche di fiducia” ai siti di notizie, ha collegamenti a una società di pubbliche relazioni che ha ricevuto quasi 15 milioni di dollari per promuovere informazione pro-Saudita nei media americani, riporta Breitbart.

NewsGuard e il suo losco comitato consultivo – composto da amanti della verità come Tom Ridge, il primo capo della sicurezza nazionale, ed ex direttore della CIA Michael Haydenè stato sottoposto a verifica dopo che Microsoft ha annunciato che l’applicazione sarebbe stata integrata nei suoi browser mobili. Un esame più attento degli investitori quotati in borsa della società, tuttavia, ha rivelato nuove ragioni per essere sospettosi di questo autodichiarata crociata contro la propaganda. Come ha scoperto Breitbart, il terzo investitore di NewsGuard, Publicis Groupe, possiede una società di pubbliche relazioni che ha ripetutamente operato con l’Arabia Saudita.

Dopo gli attentati terroristici dell’11 settembre 2001, Riyadh ha arruolato Qorvis Group, una sussidiaria di Publicis, nella speranza di smentire le accuse che il regno avesse chiuso un occhio – o addirittura promosso – al terrorismo. Tra marzo e settembre 2002, l’Ambasciata Reale dell’Arabia Saudita ha pagato Qorvis 14,7 milioni di dollari, per far partire una aggressiva campagna mediatica per prendere di mira i consumatori americani. Come parte della campagna, Qorvis ha impiegato una litania di tattiche discutibili, compresa l’esecuzione di annunci pro-Saudi sotto il nome di un gruppo di attivisti, Alliance for Peace and Justice. Successivamente, l’FBI ha fatto irruzione negli uffici dell’azienda nel 2004, dopo che Qorvis era sospettato di aver violato le leggi sul lobbismo estero.

Tra il 2010 e il 2015, si ritiene che Qorvis abbia ricevuto milioni di dollari per continuare a ripulire l’immagine del regno saudita negli Stati Uniti. L’accelerazione è arrivata proprio quando i sauditi hanno lanciato la loro guerra devastante contro lo Yemen. Infatti, Qorvis ha creato un intero sito web – operationrenewalofhope.com – per promuovere la guerra guidata dai sauditi nello Yemen, secondo il sito di notizie The Intercept.

L’azienda ha anche inserito con successo storie Riyadh-friendly in importanti pubblicazioni americane, tra cui un op-ed del 2016 del ministro degli esteri saudita Adel al-Jubeir, che è stato pubblicato da Newsweek. Il titolo gridava spavaldamente: “I sauditi combattono il terrorismo, non credere al contrario”.

Tutto questo è piuttosto straordinario, considerando che NewsGuard si propone come un’applicazione che aiuta i consumatori di notizie a determinare “se un sito web sta cercando di fare la cosa giusta o se invece ha un’agenda nascosta o pubblica consapevolmente falsità o propaganda”.

Gli utenti dei social media hanno rapidamente seguito la storia, evidenziando i molteplici livelli di ironia e umorismo.

Mi chiedevo perché il loro slogan fosse “decapitare coloro che diciamo vendere notizie false”, ha scherzato un utente di Twitter.

Eppure, il co-fondatore di NewsGuard Steven Brill ha insistito sul fatto che Qorvis e la sua casa madre non hanno alcun controllo sull’applicazione.

“Publicis non ha nulla a che fare con il contenuto o le operazioni di NewsGuard e ha una piccola partecipazione nell’azienda”, ha detto Brill a Breitbart.

Se guidare l’applicazione è una responsabilità riservata esclusivamente al comitato consultivo, NewsGuard probabilmente non andrà molto meglio: Uno dei membri del consiglio, Richard Stengel, è un ex redattore capo della rivista Time e un ex funzionario del Dipartimento di Stato che è stato soprannominato il “capo propagandista” del governo degli Stati Uniti..

Fedele alla forma, Stengel ha ammesso apertamente durante una tavola rotonda l’anno scorso che “Non sono contro la propaganda”, e “Ogni paese la fa e la deve esercitare sulla propria popolazione e non penso necessariamente che sia così terribile”.

Preso da: https://it.sott.net/article/2042-Il-filtro-delle-Fake-news-NewsGuard-sotto-inchiesta-per-legami-con-azienda-promoter-della-propaganda-saudita

Venezuela, Iran: Trump e lo Stato Profondo

Gli accadimenti in Venezuela e l’escalation della tensione fra Washington e Teheran sono stati presentati dalla stampa USA in modo fallace. Le dichiarazioni contraddittorie delle diverse parti negano ogni comprensione degli eventi. Per cui è importante approfondire l’analisi dopo aver verificato i fatti e completare il quadro con la disamina della contrapposizione fra le diverse correnti politiche dei Paesi coinvolti.

| Damasco (Siria)

JPEG - 50.8 Kb

La nuova situazione alla Casa Bianca e al Pentagono

Con le elezioni parlamentari del 6 novembre 2018 il presidente Donald Trump ha perso la maggioranza alla Camera dei Rappresentanti e il Partito Democratico ne ha dato per scontata la destituzione.

Sicuramente a Trump non può essere imputato nulla che ne giustifichi la rimozione, ma un clima isterico ha alimentato lo scontro fra le due componenti degli Stati Uniti, proprio come accadde per la guerra di secessione [1]. Da due anni i partigiani della globalizzazione economica inseguivano la pista russa e aspettavano che il procuratore Robert Mueller sancisse il preteso alto tradimento del presidente.
Mueller è noto per anteporre sempre l’interesse dello Stato federale alla verità e al diritto. Fu lui a inventarsi la pista libica per l’attentato Lockerbie, basandosi su una prova che più tardi la giustizia scozzese invalidò [2]. Sempre lui affermò che, negli attentati dell’11 settembre 2001, tre aerei furono dirottati da 19 pirati dell’aria mussulmani, nessuno dei quali però risultava nelle liste d’imbarco [3]. Si conoscevano le conclusioni della sua inchiesta sulle interferenze russe ancor prima che fosse iniziata.
Trump è stato quindi costretto a negoziare con lo Stato Profondo la propria sopravvivenza politica [4]. Non aveva scelta. L’accordo cui è sceso prevede l’attuazione del piano Rumsfeld-Cebrowski [5], a condizione però che il Paese non s’imbarchi in una grande guerra. In cambio, il procuratore Mueller ha voltato gabbana e assolto Trump da ogni accusa di tradimento [6].
Nella foga del momento, i falchi hanno imposto il rientro a Palazzo dei neo-conservatori: un gruppuscolo trotskista newyorkese, formatosi attorno all’American Jewish Committee (AJC) e reclutato da Ronald Reagan, che ha trasformato l’ideale della «Rivoluzione mondiale» nel credo dell’«imperialismo USA mondiale». Da Reagan in poi i neo-conservatori hanno fatto parte di tutte le amministrazioni, democratiche o repubblicane, secondo il colore politico del presidente al potere. Per il momento, fa eccezione l’amministrazione Trump, che tuttavia non li ha estromessi dalle agenzie riservate, la NED (National Endowment for Democracy) e l’USIP (United States Institute of Peace).
Questi sono gli antefatti che hanno indotto la segreteria di Stato ad affidare, il 25 gennaio 2019, il dossier venezuelano a Elliott Abrams, il cui nome è associato a ogni genere di menzogna di Stato e di manipolazione [7]. Abrams fu uno degli ideatori dell’operazione Iran-Contras del 1981-85 e della guerra contro l’Iraq del 2003. Immediatamente dopo la nomina, Abrams si è messo al lavoro con il Comando militare USA per l’America del Sud (SouthCom) per rovesciare il presidente Nicolás Maduro.
Ebbene, conosciamo la strategia Rumsfeld-Cebrowski – che abbiamo visto dispiegata per 15 anni nel Grande Medio Oriente – nonché la declinazione del SouthCom [8], contenuta nel documento del 23 febbraio 2018, redatto dall’ammiraglio Kurt Tidd e rivelato da Stella Calloni a maggio dell’anno scorso [9]. Quel che sta accadendo oggi ne è la flagrante applicazione.

Il fiasco venezuelano

Lo smacco dell’operazione USA, con la scoperta del tradimento del direttore del SEBIN, generale Manuel Figuera, e il colpo di Stato da lui avventatamente improvvisato il 30 aprile, prima di essere arrestato, attesta l’impreparazione del SouthCom, o meglio la sua scarsa conoscenza della società venezuelana. L’apparato di Stato USA, che ha avuto tempo un semestre, non è stato in grado di coordinare le diverse agenzie e gli uomini sul territorio. Tant’è vero che l’esercito bolivariano, pur nella disorganizzazione, era preparato a difendere il Paese.
Il riconoscimento anticipato di Washington e dei suoi alleati, nonché del Gruppo di Lima (con l’eccezione del Messico), di Juan Guaidó quale presidente del Venezuela al posto di Nicolás Maduro, pone lo schieramento USA di fronte a problemi insolubili. Già ora la Spagna si preoccupa della mancanza di interlocutori per i venezuelani ospitati e per gli spagnoli che risiedono in Venezuela. Mai, nemmeno durante una guerra, è accaduto che non fosse riconosciuta la legittimità di un presidente costituzionalmente eletto e della sua amministrazione.
In poche settimane Washington ha rubato l’essenziale dei capitali esteri venezuelani [10], esattamente come fece nel 2003 con il Tesoro iracheno, nel 2005 con il Tesoro iraniano e nel 2011 con quello libico: soldi mai recuperati dalle popolazioni, legittime proprietarie, con l’eccezione dell’Iran, che concluse l’accordo sul nucleare, JCPOA. I regimi iracheno e libico sono stati rovesciati e i successori si sono ben guardati dal ricorrere alla giustizia. Questa volta però la Repubblica Bolivariana ha tenuto duro e la situazione USA è indifendibile.
Su un piano minore sarà interessante vedere come Washington gestirà il caso dell’ambasciata venezuelana a Washington, dove dei poliziotti si sono presentati per mandar via il personale e sostituirlo con l’équipe designata da Guaidó. Gli occupanti legittimi si sono però rifiutati di andarsene e hanno resistito, benché privati di elettricità e acqua. Sono stati sostenuti da molti, fra gli altri dal pastore afro-americano Jesse Jackson, che li ha riforniti di generi alimentari. Alla fine sono stati espulsi. Ora però Washington non sa come giustificarsi.

La diversione iraniana

Fischiando la fine del match, Trump ha richiamato le truppe all’ordine: rovesciare Maduro “sì”, impegnarsi in una guerra classica “no”. Il presidente Trump è jacksoniano; il suo consigliere per la sicurezza, John Bolton, è eccezionalista [11]; Elliott Abrams, che ha fatto propaganda contro i primi due, è invece neo-conservatore: tre ideologie che altrove non esistono – tranne i neoconservatori in Israele. Con ogni evidenza un simile fronte non può durare.
Nel tentativo di respingere la responsabilità dello smacco in Venezuela, lo Stato Profondo ha immediatamente avviato una diversione contro l’Iran, per salvare così Abrams e sbarazzarsi di Bolton. La stampa USA protegge il primo e accusa il secondo [12].
Senza indugio, constatando la frattura fra Pentagono e Casa Bianca, i Democratici hanno rilanciato la pista dell’ingerenza russa, questa volta prendendosela con il figlio maggiore del presidente, Donald Jr.
Il dossier iraniano differisce molto da quello venezuelano. Sin dal 2002 gli Stati Uniti hanno compiuto in Venezuela molte operazioni contro il modello bolivariano e l’aura di cui godeva in America Latina; ma soltanto dal 2018 hanno cominciato ad agire direttamente contro il popolo venezuelano.
Invece il popolo iraniano ha dovuto fronteggiare il colonialismo sin dagli inizi del XX secolo. Durante l’occupazione britannica della prima guerra mondiale, fame e malattie hanno ucciso otto milioni di iraniani [13]. Sono largamente conosciuti il rovesciamento, nel 1953, del primo ministro nazionalista Mohammad Mossadeq a opera di Stati Uniti e Regno Unito e la sua sostituzione con il generale nazista Fazlollah Zahedi, responsabile della terribile repressione della Savak. L’arresto di agenti CIA sorpresi in flagrante delitto in un settore riservato dell’ambasciata USA continua a essere presentato in Occidente come una “presa in ostaggio di diplomatici” (1979-1981), sebbene Washington non abbia mai fatto ricorso alla giustizia internazionale e due marines liberati abbiano confermato la versione iraniana. Nel 1980 gli Occidentali hanno chiesto all’Iraq di entrare in guerra contro l’Iran. Hanno venduto armi a entrambe le parti perché si uccidessero tra loro, ma, quando le sorti della guerra stavano per girare, si sono battuti a fianco degli iracheni. Una portaerei francese partecipò persino ai combattimenti senza che i francesi ne fossero informati. Una guerra che ha fatto 600 mila morti sul fronte iraniano. Nel 1988 l’esercito USA abbatté un volo commerciale di Iran Air, causando 290 vittime civili; non furono mai presentare le benché minime scuse. E cosa dire della stupidità delle pesantissime sanzioni per il nucleare? Stati Uniti e Israele affermano che Teheran prosegue il programma atomico dello scià. Ma i documenti più recenti, resi pubblici da Benjamin Netanyahu, dimostrano che si tratta di un’estrapolazione. I Guardiani della Rivoluzione stavano cercando solo di costruire un generatore di onde d’urto [14], che certo potrebbe servire a costruire una bomba, ma che di per sé non è un’arma di distruzione di massa.
È in questo contesto che l’Iran ha annunciato di non rispettare più una clausola dell’accordo sul nucleare (JCPOA), come del resto prevede lo stesso trattato qualora una delle due parti – in questo caso gli Stati Uniti – non rispetti gli obblighi. Teheran ha inoltre concesso due mesi di tempo all’Unione Europea per decidere se intende o no rispettare i propri impegni. Da ultimo, un’agenzia dell’intelligence USA ha lanciato un allarme, sostenendo che una nota della Guida Suprema, ayatollah Ali Khamenei, fa supporre siano in preparazione attentati contro diplomatici USA a Erbil e a Bagdad.
In risposta,
- 1. Washington ha inviato nel Golfo la squadra militare navale dell’USS Abraham Lincoln e ha ritirato dall’Iraq il personale diplomatico non indispensabile.
- 2. L’Arabia Saudita, che accusa Teheran di aver sabotato i propri impianti petroliferi, esorta Washington ad attaccare l’Iran. Il Bahrein ha chiesto ai propri cittadini di lasciare immediatamente Iran e Iraq. ExxonMobil ha richiamato il proprio personale dal sito iracheno di West Qurna 1.
- 3. Il comandante del CentCom, generale Kenneth McKenzie Jr, ha chiesto rinforzi.
- 4. Il New York Times ha rivelato un piano d’invasione dell’Iran con 120 mila soldati statunitensi, immediatamente smentito da Trump, che ha invitato Teheran alla discussione.
Tutto questo non è molto serio.
Contrariamente alle valutazioni della stampa:
- 1. Il rapporto dell’intelligence USA su un possibile attacco a diplomatici si fonda su una nota della Guida, Ali Khamenei. Gli analisti però concordano sulla possibilità di una diversa interpretazione del documento [15].
- 2. La squadra navale USA non è andata nel Golfo per minacciare l’Iran. Era previsto da tempo che vi si recasse per testare il sistema antimissili navali AEGIS. Una nave spagnola, la fregata Méndez Núñez, che faceva parte del trasferimento, ha rifiutato di proseguire la missione per non essere coinvolta in questo pasticcio. Non ha passato lo stretto d’Ormuz ed è rimasta in quello di Bab el Mandeb [16].
- 3. Il ritiro del personale diplomatico dall’Iraq rientra nel movimento di brusco ritiro del personale diplomatico dall’Afghanistan di marzo e aprile scorsi [17]. Questa riorganizzazione delle sedi diplomatiche non è foriera di guerra, è stata al contrario concordata con la Russia.
- 4. Tanto più che, senza il sostegno delle milizie irachene pro-Iran, gli Stati Uniti perderebbero il loro puntello in questo Paese.
Disgraziatamente, il governo iraniano rifiuta qualunque contatto con il presidente Trump e la sua amministrazione. È bene ricordare che l’allora parlamentare iraniano Hassan Rohani fu il primo contatto degli Occidentali nell’affare Iran-Contras. Rohani conosce personalmente Elliott Abrams. Mise in relazione lo Stato Profondo USA e l’ayatollah Achemi Rafsandjani che, grazie a questo traffico d’armi, divenne il miliardario più ricco d’Iran. È grazie ai servizi resi da Rohani che gli Stati Uniti favorirono la sua vittoria su Mahmoud Ahamadinejad, cui fu impedito di candidarsi alle elezioni e i cui principali collaboratori sono oggi in prigione. A torto o a ragione, Rohani ritiene che il ritiro di Trump dall’accordo sul nucleare miri a sfruttare il malcontento popolare, manifestato a dicembre 2017, per rovesciarlo. Insiste anche a ritenere che l’Unione Europea gli sia favorevole, benché il Trattato di Maastricht, nonché i successivi, impediscano a Bruxelles di sganciarsi dalla NATO. Dal suo punto di vista, risponde alla logica aver respinto per due volte l’invito di Trump a trattare e aspettare il rientro dei globalisti alla Casa Bianca.
Naturalmente, con un casting così mediocre non si può escludere che la messinscena sfugga al controllo e provochi una guerra, anche se Casa Bianca e Cremlino in realtà si parlano. Né il segretario di Stato USA, Mike Pompeo, né l’omologo russo, Sergueï Lavrov, desiderano lasciarsi travolgere da questo ingranaggio.

[1] “Gli Stati Uniti si riformeranno o si lacereranno?”, di Thierry Meyssan, Traduzione Matzu Yagi, Megachip-Globalist (Italia) , Rete Voltaire, 26 ottobre 2016.
[2] « Lockerbie : vers une réouverture de l’enquête », Réseau Voltaire, 29 août 2005. “L’AFP riscrive il caso Lockerbie”, Traduzione di Alessandro Lattanzio, Rete Voltaire, 28 maggio 2012.
[3] «Listes des passagers et membres d’équipage des quatre avions détournés le 11 septembre 2001», Réseau Voltaire, 12 septembre 2001.
[4] The American Deep State: Big Money, Big Oil, and the Struggle for U.S. Democracy, Peter Dale Scott, Rowman & Littlefield (2017). Version française : L’État profond américain : La finance, le pétrole et la guerre perpétuelle, Demi-Lune, 2019.
[5] “Gli Stati Uniti e il loro progetto militare mondiale”, di Thierry Meyssan, Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 24 agosto 2017.
[6] Report On The Investigation Into Russian Interference In The 2016 Presidential Election, Special Counsel Robert S. Mueller III, March 2019.
[7] « Elliott Abrams, le “gladiateur” converti à la “théopolitique” », par Thierry Meyssan, Réseau Voltaire, 14 février 2005.
[8] “Plan to overthrow the Venezuelan Dictatorship – “Masterstroke””, Admiral Kurt W. Tidd, Voltaire Network, 23 February 2018.
[9] “Il “colpo da maestro” degli Stati Uniti contro il Venezuela”, di Stella Calloni, Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 13 maggio 2018.
[10] #Trump desbloquea Venezuela, Gabinete de Ministros de Venezuela, 2019.
[11] “L’ONU fatto a pezzi dall’“eccezionalismo” statunitense”, di Thierry Meyssan, Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 2 aprile 2019.
[12] “White House Reviews Military Plans Against Iran, in Echoes of Iraq War”, Eric Schmitt and Julian E. Barnes, New York Times, May 13, 2009. “Trump, frustrated by advisers, is not convinced the time is right to attack Iran”, John Hudson & Shane Harris & Josh Dawsey & Anne Gearan, Washington Post, May 15, 2019.
[13] The Great Famine and Genocide in Persia, 1917–1919, Majd, Mohammad Gholi, University Press of America (2003).
[14] Shock Wave Generator for Iran’s Nuclear Weapons Program: More than a Feasibility Study David Albright & Olli Heinonen, Fondation for the Defense of Democracies, May 7, 2019. (PDF – 4.3 Mo)
[15] “Intelligence Suggests U.S., Iran Misread Each Other, Stoking Tensions”, Warren P. Strobel & Nancy A. Youssef & Vivian Salama, The Wall Street Journal, May 16, 2019.
[16] «España retira la fragata ‘Méndez Núñez’ del grupo de combate de EE UU en el golfo Pérsico», Miguel González, El País, 14 de Mayo de 2019.
[17] “Beijing, Mosca e Washington di accordano in segreto sull’Afghanistan”, Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 27 aprile 2019.

Origini della collusione wahhabita-sionista

Numidia
La Cause Du Peuple
gio, 22 nov 2012 09:34 UTC
saudisraele

Alla fine del XVIII.mo secolo, al culmine delle conquiste coloniali, gli imperialisti britannici crearono due forze distruttive apparentemente antagoniste, il sionismo da una parte, il wahhabismo o salafismo dall’altra. Applicavano così il motto “divide et impera”. Se i sionisti sono la spada dell’imperialismo, gli islamisti ne sono gli ausiliari, gli harkis. Il sionismo è una calamità imposta dall’esterno al mondo arabo. Il wahhabismo è una degenerazione endogena inoculata agli arabi in modo che per primo attacchino i musulmani sunniti: turchi e gli altri arabi. Rashid Ghannouchi ha detto che i salafiti sono i “suoi figli”, essendo il padre del salafismo in Tunisia. Quindi evitate di dover distinguere tra salafismo, wahabismo e islamismo: sono la stessa razza.

L’islamismo è per l’Islam ciò che è il sionismo per l’ebraismo: un’ideologia di conquista del potere in nome della religione a scapito del popolo. Allo stesso modo, come non dobbiamo confondere Islam e islamismo, non confondiamo sionismo ed ebraismo. Ma quando si sostiene di essere il protettore dei luoghi santi dell’Islam, come afferma la dinastia saudita, quando finanza e dirige gruppi islamisti, spesso terroristici, e poi nascondendo la propria origine ebraica, ne fa di fatto un “sottomarino” sionista. Secondo i documenti storici pubblicati di recente, questo sarebbe il caso del wahhabismo e della dinastia saudita.

Origini

Nel 1914 inizia la prima guerra mondiale. Avrà un impatto decisivo sul successo del sionismo e del wahhabismo. Gli ottomani entrarono in guerra a fianco della Germania e dell’Austria-Ungheria contro Francia, Regno Unito, Italia e Russia zarista. Ognuna di queste quattro potenze aveva ambizioni territoriali verso l’Impero ottomano che volevano smantellare e spartirsi. Nel 1915, il leader sionista inglese Chaim Weizmann s’impegnò a convincere l’amministrazione britannica dei vantaggi nel sostenere la causa sionista. Nel 1916, l’accordo segreto Sykes-Picot divideva tra la Francia e il Regno Unito l’impero ottomano, in caso di vittoria, assegnando ai britannici le aree che bramavano. Nel 1917, Lord Balfour, rappresentante del governo britannico, inviò a Lord Lionel Walter Rothschild una lettera, la “Dichiarazione Balfour”, in cui affermava che il Regno Unito era favorevole alla creazione di un “focolare nazionale ebraico” in Palestina.

I sauditi accettarono la creazione d’Israele

In occasione della Conferenza di pace di Parigi del 1919, venne firmato l’accordo Faisal-Weizmann il 3 gennaio 1919, tra l’emiro Feisal ibn Hussein (sceriffo della Mecca e re dell’Hijaz) e Chaim Weizmann (in seguito, nel 1949, primo presidente d’Israele). Grazie a questo accordo, Faisal ibn Hussein accettava, a nome degli arabi, i termini della Dichiarazione di Balfour. Questa affermazione è considerata de facto uno dei primi passi per la creazione dello Stato d’Israele. Nel marzo 1919, l’emiro Faisal inviò la seguente lettera a Felix Frankfurter, giudice statunitense e sionista sfegatato, insediato presso la Corte Suprema degli Stati Uniti. “… Il movimento ebraico è nazionale e non imperialista e il nostro movimento (wahhabismo) è nazionale e non imperialista. In Palestina c’è spazio sufficiente per entrambi i popoli. Penso che entrambi i popoli abbiano bisogno del sostegno dell’altro per avere successo. (…) Guardo con fiducia a un futuro in cui ci aiuteremo a vicenda, in modo che ogni Paese verso cui abbiamo un vivo interesse possa, ancora una volta, ritrovare il proprio posto nella comunità delle nazioni civili del mondo.” Vedasi Renee Neher-Bernheim, La Dichiarazione di Balfour, Julliard 1969.

In seguito, dopo gli accordi di Camp David, l’Arabia Saudita fu uno dei primi Paesi arabi a importare prodotti israeliani. Secondo al-Alam, l’Arabia Saudita ha importato da Israele le attrezzature necessarie per l’estrazione di petrolio, così come pezzi di ricambio per macchine agricole, frutta e verdura; è stato uno dei primi Paesi arabi ad avere forgiato legami economici e commerciali con il regime sionista. E come ben sanno i lavoratori della società “Aramco”, che è il principale operatore petrolifero saudita, in gran parte l’azienda utilizza il cosiddetto “Made in Israel”.

L’intelligence irachena svela le origini ebraiche dei wahhabiti sauditi

Il dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha pubblicato, di recente, le traduzioni di alcuni documenti dei servizi segreti iracheni risalenti al regime di Saddam. La relazione si basa sulle memorie di Hempher, che descrivono in dettaglio come questa spia britannica in Medio Oriente, alla metà del XVIII.mo secolo, fosse in contatto con Abdul Wahhab, per creare una versione sovversiva dell’Islam, il wahhabismo, divenendo il culto fondativo del regime saudita. Queste “Memorie di Hempher” sono state pubblicate a episodi sul giornale tedesco Der Spiegel.

Tra i vizi che gli inglesi volevano promuovere tra i musulmani attraverso la setta wahhabita, vi erano il razzismo e il nazionalismo, l’alcool, il gioco d’azzardo, la lussuria (difetti che si possono trovare negli emiri attuali). Ma la strategia più importante si basava sulla “diffusione delle eresie tra i credenti per poi criticare l’Islam come una religione di terroristi”. A tal fine, Hempher trovò in Muhammad Ibn Abdul Wahhab un individuo particolarmente recettivo. Il movimento wahhabita fu temporaneamente sconfitto dall’esercito ottomano a metà del XIX.mo secolo. Ma con l’aiuto degli inglesi, i wahhabiti sauditi tornarono al potere nel 1932. Da allora, i sauditi hanno collaborato strettamente con gli statunitensi, a cui devono la loro considerevole ricchezza petrolifera, che usano per finanziare diverse organizzazioni islamiche fondamentaliste statunitensi e arabe. Allo stesso tempo, i sauditi usarono la loro grande ricchezza per diffondere questa visione deviante e dirompente dell’Islam, in diverse parti del mondo. Questa campagna propagandistica è considerata dagli esperti la più grande campagna di propaganda della storia.

Queste sette wahhabite che vanno dai salafiti tunisini ai taliban afgani, spargono terrore ed orrore nel mondo islamico, sporcano l’Islam con il loro comportamento e le nefaste fatwa che pubblicano. Inoltre, un famoso scrittore, l’ammiraglio della flotta ottomana, che ha operato nella penisola arabica, Ayoub Sabri Pasha ha scritto la sua versione della storia, come l’ha vissuta nel 1888. Tra i suoi libri, “L’inizio e la diffusione del wahhabismo“, parla dell’associazione tra Abdul Wahhab e la spia inglese Hempher per complottare contro il governo turco-ottomano, al fine di smembrarlo a beneficio degli inglesi e della setta wahhabita. Il fatto che la spia britannica Hempher sia stata responsabile della concretizzazione dei principi estremistici del wahhabismo viene menzionato anche in “Mir’at al-Haramain“, un libro dello stesso Ayoub Sabri Pasha, del 1933-1938.

Abdul Wahhab era lo strumento con cui gli inglesi poterono insinuare una vile idea tra i musulmani dalla penisola arabica: è lecito uccidere altri musulmani con il pretesto dell’apostasia, bastò pubblicare una fatwa in tal senso. Sulla base di ciò, Wahhab sostenne l’idea che i loro fratelli musulmani turchi, offrendo preghiere ai santi, avessero tradito la loro fede e che era lecito ucciderli, e renderne schiavi le mogli e i figli. I wahhabiti distrussero anche tutte le tombe e i cimiteri sacri, tra La Mecca e Medina. Rubarono il tesoro del Profeta, che comprendeva libri sacri, opere d’arte e innumerevoli ex voto inviati alle città sante in mille anni. Il cuoio che rilegava i sacri libri islamici che avevano distrutto, venne utilizzato per farne sandali da parte dei criminali wahhabiti. Oltre a rivelare il contenuto delle memorie di Hempher, la relazione dell’intelligence irachena riporta rivelazioni inedite sulle origini ebraiche di Abdel Wahhab e della famiglia Saud.

Le origini ebraiche di Abdel Wahhab

Un altro scrittore, D. Mustafa Turan scrisse in “Gli ebrei donmeh“, che Muhammad ibn Abdul Wahhab era un discendente di una famiglia di ebrei donmeh turchi. I donmeh erano discendenti dei seguaci del famigerato falso messia dell’ebraismo Shabbatai Zevi, che scioccò il mondo ebraico nel 1666 con la sua conversione all’Islam. Considerato un sacro mistero, i seguaci di Zevi imitarono la sua conversione all’Islam, anche se questi ebrei mantennero in segreto le loro dottrine cabalistiche. Turan sostiene che il nonno di Abdul Wahhab, Sulayman, in realtà si chiamava Shulman e che apparteneva alla comunità ebraica di Bursa in Turchia. Da lì si trasferì a Damasco, dove fece finta di essere un musulmano, ma fu apparentemente espulso per aver praticato la magia cabalistica. Poi fuggì in Egitto, dove di nuovo affrontò un’altra condanna. Poi emigrò in Hijaz dove si sposò e nacque il figlio Abdul Wahhab. Secondo la relazione irachena, la stessa discendenza è confermata in un altro documento dal titolo “Gli ebrei donmeh e l’origine dei sauditi wahhabiti“, scritto da Salim Qabar Rifaat.

Le origini ebraiche della dinastia saudita

Il fatto che la famiglia saudita sia di origine ebraica è stato reso pubblico dal saudita Muhammad Saqir, che è stato poi eliminato dal regime saudita per aver osato pubblicare le sue rivelazioni. Inoltre, la relazione irachena fa riferimento ad una relazione simile alle rivelazioni di Muhammad Saqir, ma citando fonti diverse. Secondo “Il movimento wahabita: verità e origini“, di Abdul Wahhab Ibrahim al-Shammari, ibn Saud in realtà discende da Mordechai bin Ibrahim bin Mushi, un mercante ebreo di Bassora. Si unì ai membri della tribù araba degli Aniza e si recò con loro nel Najid affermando di essere un membro di questa tribù. Poi cambiò il suo nome in Ibrahim bin Mussa bin Marqan. Tuttavia, secondo Said Nasir, ambasciatore saudita a Cairo, nella sua “Storia della famiglia Saud“, Abdullah bin Ibrahim al-Mufaddal avrebbe dato a Muhammad al-Tamimi 35.000 junayh (sterline), nel 1943, per inventarsi gli alberi genealogici (1) della famiglia saudita e (2) di Abdul Wahhab, per poi fonderli in un unico albero risalente al profeta Maometto.

Nel 1960, la radiostazione “Sawt al-Arab” di Cairo, in Egitto e le trasmissioni della radiostazione di Sanaa, nello Yemen, confermarono l’origine ebraica della famiglia saudita. Infine, il 17 settembre 1969, il re Faisal al-Saud disse al Washington Post: “Noi, la famiglia saudita, siamo cugini dei giudei: non siamo assolutamente d’accordo con le autorità arabe o musulmane che mostrano antagonismo verso gli ebrei, dobbiamo vivere in pace con loro. Il nostro Paese (Arabia Saudita) è la prima sorgente da cui provenne il primo ebreo, i cui discendenti si sono sparsi nel mondo.

Altri esempi recenti

1) L’eroe del film anti-Islam è Mossaab, figlio di Hassan Yousef, un importante leader di Hamas

Il Partito della Liberazione egiziano ha detto che l’eroe del film blasfemo contro il Profeta, che la benedizione e la salvezza siano con lui, è Mossaab, figlio di un importante leader di Hamas, Hassan Youssef. Due anni prima, Mossaab era un agente del Mossad e fu responsabile dell’omicidio e dell’arresto dei dirigenti dei partiti, tra cui al-Rantisi, Yassin, Marwan al-Barghouthi, ha scritto il partito sul suo sito web. Quando Mossaab si convertì al cristianesimo, Hamas non lo condannò per tradimento, né per apostasia. Il movimento lo lasciò emigrare negli Stati Uniti e suo fratello si rifiutò di condannarlo. Mossaab svelò i segreti di suo padre e del movimento in un libro intitolato “Il figlio di Hamas“. Mossaab si recò ad al-Quds pochi mesi prima, per partecipare al film. Secondo Wikipedia, Mossaab ibn Hasan ibn Yusuf ibn Khalil, detto Josef, era un grande collaboratore dello Shabak. Riuscì a impedire l’assassinio di importanti personalità israeliane.

2) Rashid Ghannouchi e la lobby sionista

La visita del leader del partito islamico di Washington venne organizzata dal WINEP (Istituto di Washington per la Politica del Vicino Oriente), un think tank dipendente dall’AIPAC (The American Israel Public Affairs Committee: principale gruppo di pressione operante negli Stati Uniti su interesse della difesa d’Israele). Ricordiamo che i due pilastri che sostengono i sionisti negli Stati Uniti sono AIPAC e WINEP. Sul sito del WINEP, il tema della visita di Rashid Ghannouchi venne pubblicata in formato PDF. Ma ciò sembrò imbarazzante, e quindi venne rimosso 24 ore dopo esser stato inserito online. In occasione della cerimonia organizzata dalla rivista Foreign Policy, R. Ghannouchi ricevette il riconoscimento di uno dei più grandi intellettuali del 2011, assegnato dai più prestigiosi media statunitensi. È interessante notare che tra gli oltre 100 “intellettuali di spicco”, di cui fa parte Rashid Ghannouchi, vi sono anche i sinistri Dick Cheney, Condoleezza Rice, Hillary Clinton, Robert Gates, John McCain, Nicolas Sarkozy, Tayyip Erdogan e il sionista furioso Bernard Henri Levy, oltre a una lunga lista di valletti “arabo-musulmani”. Ghannouchi si trova nella stessa banda di assassini di milioni di iracheni, palestinesi, libici, afghani e altri.

Davanti ad un pubblico di giornalisti, politici e politici che, nella loro maggioranza, sono più interessati agli interessi d’Israele che di quelli degli Stati Uniti, per non parlare di quelli arabi, Rashid Ghannouchi aveva delineato la sua visione del futuro e del ruolo svolto dai Fratelli musulmani in Tunisia, Nord Africa, mondo arabo e della loro cooperazione con gli Stati Uniti. Non contento di mostrare fedeltà e sottomissione al governo degli Stati Uniti, Rashid Ghannouchi aveva rassicurato la lobby sionista sull’articolo secondo cui lui stesso aveva proposto l’inclusione nella Costituzione della Tunisia del rifiuto del governo tunisino a collaborare con Israele. Non sarà mai sancito nella Costituzione tunisina che la Tunisia non allaccerà eventuali rapporti con l’entità sionista. Il suo passaggio al WINEP non fu un momento divertente. Credendo di essere più furbo degli altri, il nostro gianburrasca nazionale-islamista s’è fatto immortalare in un video quando ha negato di aver definito gli Stati Uniti il “Grande Satana”, nel 1989. La vergognosa grossa menzogna di questo presunto grande intellettuale arabo. Con un minimo di orgoglio, chiunque altro avrebbe rinunciato al cosiddetto riconoscimento. Ma non lui. Si disprezza meglio ciò che è ridicolo.

Traduzione di Alessandro Lattanzio per SitoAurora

Originale di Hannibal Genséric su Numidia

Preso da: https://it.sott.net/article/1960-Origini-della-collusione-wahhabita-sionista