Washington inviò veterani della Blackwater a combattere con i ribelli in Libia e in Siria

[20.01.2012] di Michael Kelley  (trad. di Levred per GilGuySparks)
L’ex direttore dell’agenzia di sicurezza Blackwater ha aiutato l’opposizione libica e successivamente è stato inviato a contattare i ribelli siriani in Turchia, su richiesta di una commissione del Governo degli Stati Uniti, secondo le mail di Stratfor trapelate su cui ha riferito Al-Akhbar English.
Jamie F. Smith, ex direttore della Blackwater, è attualmente il direttore generale della società di sicurezza SCG International.
In una email inviata a Stratfor l’11 febbraio 2011, Smith ha elogiato la raccolta di informazioni della società e ha detto che il suo “background è la CIA e la nostra società è composta da ex DOD [vale a dire agenti del Dipartimento della Difesa], CIA ed ex personale delle forze dell’ordine. Forniamo servizi agli stessi gruppi sotto forma di addestramento, sicurezza e raccolta di informazioni “.


Smith è divenuto un’importante fonte per Stratfor da settembre, quando lui e il vice presidente di Stratfor, Fred Burton, hanno stretto buoni rapporti. Smith ha fornito intelligence (sotto il nome in codice LY700) per Burton sugli sviluppi in Libia, dove SCG International aveva l’incarico di proteggere i membri del Consiglio Nazionale di Transizione (NTC) e di addestrare i combattenti ribelli libici dopo l’attuazione della no-fly zone nel marzo 2011.
Smith ha fornito informazioni sui missili terra-aria (SAM) scomparsi e presumibilmente “ha preso parte” all’uccisione dell’ex dittatore libico Muammar Gheddafi nella città di Sirte.
Burton è stato colpito dall’intelligence di Smith e contraccambiava gli elogi scrivendo, “Buoni dettagli. Questo è ciò che viene definita come una fonte credibile. Non qualche accademico Pakistano pallone gonfiato che rutta e scoreggia.”
Le ultime mail su Smith sono giunte il 13 dicembre, alcuni giorni prima che i server di posta di Stratfor, secondo quanto riferito, fossero violati. In una Burton dice:
“** La Fonte e il dottor Walid Phares stanno ottenendo copertura dall’esponente del congresso [Sue] Myrick per ingaggiare l’opposizione siriana in Turchia (non-MB e non del Qatar) in una missione per il Congresso.
** La vera missione è il modo in cui essi possono aiutare ad un cambio di regime.
** La fonte intende offrire i suoi servigi per aiutare a proteggere i membri dell’opposizione, come fece di fatto in Libia.
Walid Phares è un cittadino americano-libanese che è attualmente co-presidente del gruppo consultivo sul Medio Oriente di Mitt Romney.
In un’altra e-mail del 13 dicembre – nella quale Stratfor sta allestendo informazioni di intelligence sull’opposizione siriana che Smith aveva richiesto – Burton riferisce che Smith “sta incontrando specifiche persone descritte come leader chiave“.
Burton è un ex vice capo della Divisione dell’Anti-terrorismo del Dipartimento di Stato per il Servizio di Sicurezza Diplomatico (DSS). Il DSS assiste il Dipartimento della Difesa nel seguire indizi e produrre analisi forensi dei dischi rigidi sequestrati dal governo degli Stati Uniti nel corso di indagini penali.
Stratfor fornisce servizi di intelligence riservati alle grandi aziende e agenzie governative, tra cui il Dipartimento della Sicurezza Nazionale statunitense, i marines degli Stati Uniti e l’Agenzia di Intelligence della Difesa statunitense.
Wikileaks ha pubblicato 913 di quelle che dicono essere una cache di 5 milioni di email interne di Stratfor (datate tra il luglio 2004 e il dicembre 2011) ottenute dal collettivo di hacker Anonymous intorno a Natale.
**********************************************************************
  • LEAKED STRATFOR EMAILS: The US Government Sent Blackwater Veteran To Fight With Rebels In Libya And Syria

Mar. 20, 2012 by Michael Kelley

The former director of the security firm Blackwater aided the Libyan opposition and was subsequently sent to contact Syrian rebels in Turkey at the request of a U.S. Government committee, according to leaked Stratfor emails reported on by Al-Akhbar English.

Jamie F. Smith, former director of Blackwater, is currently the chief executive of the security firm SCG International.
In an email sent to Stratfor on February 11, 2011, Smith praised the company’s intelligence gathering and said his “background is CIA and our company is comprised of former DOD [i.e. Department of Defense], CIA and former law enforcement personnel. We provide services for those same groups in the form of training, security and information collection.”
Smith became a major source for Stratfor by September as he and Stratfor vice president Fred Burton built a rapport. Smith provided intelligence (under the codename LY700) to Burton on developments in Libya— where  SCG International was contracted to protect Libyan National Transitional Council (NTC) members and train Libyan rebel fighters after the implementation of the no-fly zone in March 2011.
Smith provided information on missing surface-to-air missiles (SAMs) and allegedly “took part” in the killing of former Libyan dictator Muammar Gaddafi in the town of Sirte.
Burton was impressed by Smith’s intel and reciprocated praise by writing, “Good skinny. This is what is defined as a credible source. Not some windbag Paki academic belching and passing gas.”
The last emails about Smith came on December 13, days before the Stratfor mail servers were reportedly hacked. In one Burton says:
“**Source and Dr. Walid Phares are getting air cover from Congresswoman [Sue] Myrick to engage Syrian opposition in Turkey (non-MB and non-Qatari) on a fact finding mission for Congress.
** The true mission is how they can help in regime change.
** Source intends to offer his services to help protect the opposition members, like he had underway in Libya.”
Walid Phares is a Lebanese-American citizen who is currently co-chair of Mitt Romney’s Middle East advisory group.
In another email from December 13— in which Stratfor is organizing intelligence on the Syrian opposition that Smith had requested— Burton reports that Smith “is meeting w/specific people described as key leaders.”
Burton is a former Deputy Chief of the Department of State’s counterterrorism division for the Diplomatic Security Service (DSS). The DSS assists the Department of Defense in following leads and doing forensic analysis of hard drives seized by the U.S. government in ongoing criminal investigations.
Stratfor provides confidential intelligence services to large corporations and government agencies, including the U.S. Department of Homeland Security, the U.S. Marines and the U.S. Defense Intelligence Agency.
WikiLeaks has published 913 out of what they say is a cache of 5 million internal Stratfor emails (dated between July 2004 and December 2011) obtained by the hacker collective Anonymous around Christmas.

Gangster Imperialisti

GANGSTER IMPERIALISTI di Guillermo Almeyra

 

Un video, pubblicato da Le Monde, mostra Muammar Gheddafi catturato vivo e linciato dai suoi nemici. Quindi non è morto in un bombardamento della NATO mentre era in un convoglio in fuga, né in un’ambulanza come conseguenza delle ferite riportate. È stato semplicemente e tranquillamente assassinato, per non portarlo davanti a un qualsiasi tribunale, dato che lì avrebbe potuto raccontare tutto quel che sapeva sulle relazioni tra il suo governo e la CIA, i servizi segreti britannici, Sarkozy e i suoi agenti, o Berlusconi e la mafia; avrebbe potuto anche ricordare chi sono Jibril e Jalil, principali leader attualmente visibili del CNT, e precedentemente suoi fedeli servitori e collaboratori.
La lista dei “limoni spremuti” è lunga: il panamense Noriega, agente della CIA diventato ingombrante, si salvò dal bombardamento che cercava di assassinarlo a Panama e una volta catturato non è mai stato presentato a un tribunale credibile.
Saddam Hussein, agente degli Stati Uniti durante la lunga guerra di otto anni contro i curdi e l’Iran, ha avuto sì un processo davanti a un tribunale, che era però composto solo da servitori e da carnefici. Non è stato possibile conoscere qualcosa della sua difesa politica, e alla fine è stato impiccato in modo oltraggioso. Bin Laden, agente della CIA insieme ai talibani durante la guerra in Afganistan contro l’invasione sovietica, e socio del presidente George Bush nell’industria petrolifera, fu assassinato inerme in una grande operazione gangsteristica e poi gettato in mare perché non parlasse in un processo, e perché neppure la sua tomba potesse servire come punto di riferimento per coloro che in Pakistan e Afganistan rifiutano il colonialismo dei criminali imperialisti. Adesso gli imperialisti franco-anglo-statunitensi hanno utilizzato la barbarie e l’odio intertribale per sbarazzarsi di Gheddafi, che come prigioniero era un pericolo per loro. Il nuovo governo libico, che nascerà dopo una lotta feroce tra i diversi interessi e clan che compongono l’attuale CNT, potrà in questo modo ricontrattare i rapporti di forza tra le differenti regioni e tribù senza il gheddafismo e il tentativo imperialista di sottometterlo, ma ha intanto affogato il passato in un bagno di sangue, e nasce quindi coperto di orrore e di infamia davanti al mondo.
Gheddafi non sarà ricordato dai libici come un nuovo Omar Mukhtar, il leader della resistenza all’imperialismo italiano che fu impiccato dai fascisti. A differenza di quell’eroe, prima di venire assassinato dai suoi ex soci e servi, Gheddafi è stato responsabile anche di molti crimini e di enormi tradimenti. Ma il suo linciaggio ricadrà come una macchia in più sugli esecutori e sui mandanti di quella muta feroce che lo fatto a pezzi applicandogli la selvaggia pena di morte che gli imperialisti riservano ai loro agenti di cui devono disfarsi…

traduzione di Antonio Moscato

21 ottobre 2011

dal sito http://antoniomoscato.altervista.org/

Preso da: https://gilguysparks.wordpress.com/2011/10/23/2802/

Gheddafi e L’Asse del Male

[21.10.2011] trad. di Vera Zasulich per GilGuySparks

</div> </div>

<p id="view-photo-caption" style="text-align:center;"><span style="color:#ff0000;"><strong>Targeting SAS agents Saraya Alhaq adopt the attack On a Tripoli hotel</strong></span></p> <p style="text-align:center;"><span style="color:#ff0000;"><strong>سرايا الحق تتبنى الهجوم الذي وقع قبل ساعة من الآن على أحد فنادق طرابلس</strong></span></p> <p>_______________________________________________________________________________________________</p> </div>

” data-medium-file=”” data-large-file=”” />Oggi i media in tutto il mondo sono inondati, o con conferme o confutazioni sulla morte presunta di Muammar Gheddafi. Intenzionalmente o no, i media stanno giocando direttamente nelle mani di quegli interessi che vorrebbero che la narrazione pubblica sull’Africa, la Libia, l’Alleanza del Mediterraneo, e l’avventura neo-coloniale dell’impero anglo-americano si concentri su una sola persona o famiglia, che è stata investita dai media pubblici di termini come canaglia, oppressore dittatoriale che si frappone al progresso dei diritti umani e di una società pluralistica, piuttosto che su questioni più pressanti a portata di mano. La guerra contro la Libia non è stata diretta contro un uomo, ma contro tutto il popolo della Libia, dell’Africa, della Russia e della Cina.
dal Dr. Christof Lehmann

L’ordine Esecutivo 12.333 ha a che fare con l’auto proclamato diritto degli Stati Uniti di usare l’assassinio di capi di stato di paesi stranieri come strumento di politica estera statunitense.
SarkozyE’ stato ampiamente discusso nell’ambito del diritto internazionale, ma per mancanza di copertura mediatica, rimane ampiamente indiscusso nei paesi occidentali ed è ampiamente percepito come qualcosa che è “la norma” per degli imperi globali. Con la mancanza di copertura mediatica, la normale risposta pubblica nei paesi occidentali è che la storia è piena di precedenti, quindi perché preoccuparsi di qualcosa che è “la norma”. Da un punto di vista etnocentrico è comprensibile, ma la percezione etnocentrica non è certo un argomento vitale, tanto meno una giustificazione per un omicidio premeditato. Quando è stata l’ultima volta che avete letto delle notizie sulla Cina o la Russia che avrebbero ucciso il capo di stato di un paese straniero?

Fidel Castro Ruz

Da una prospettiva meno etnocentrica è inquietante che le popolazioni degli Stati Uniti e dell’Unione Europea siano state così ben indottrinate che discutono i numerosi tentativi di assassinare l’ex capo dello Stato cubano Fidel Castro Ruz

con un sorriso, e nel migliore dei casi con pensieri come “sì, sappiamo che la CIA è principalmente gestita da criminali”. Cosa che è quanto di più rivoluzionario, come posizione, che un pubblico ben indottrinato possa tenere su questioni che hanno il potenziale per mandare il mondo in fiamme. Per ragioni di esercizio intellettuale, spendiamo un momento a considerare che una famiglia russa o cinese discuta l’assassinio di Sarkozy da parte dei propri servizi di intelligence come un evento così normale che non valga la pena menzionare. Il fatto che sia straordinariamente improbabile che ciò accada dovrebbe generare un fatto ulteriore, che gli Stati Uniti d’America e l’Unione europea sono loro stessi l’”Asse del male” che affermano di deplorare.

I media occidentali stanno giocando un ruolo cruciale nella preparazione di popolazioni occidentali perchè accettino tali omicidi premeditati, come un atto di umanità. Le organizzazioni dei diritti umani, cooptati dalle élite del impero anglo americano hanno la funzione fondamentale di nutrire i media con narrazioni che inquadrano governi mirati o capi di stato come malvagi. Per i pianificatori di questi omicidi è del tutto irrilevante se la Libia sia la forma più diretta e partecipativa della democrazia, e che Muammar Gheddafi abbia solo cariche onorifiche, a condizione che il pubblico sia condizionato a fare sua l’idea, nelle narrazioni dei media, di uno stato dittatoriale, con un governante dispotico come capo di stato. Per i pianificatori di questi omicidi e queste guerre illegali è irrilevante che il presidente Barak Hussein Obama dovesse essere a conoscenza, prima di mandare personale della CIA a Bengasi e Derna a “investigare” chi  fossero quei “ribelli”, del fatto che i cosiddetti “ribelli” di Bengasi e Derna erano composti dallo stesso Gruppo combattente islamico libico, guidato da un terrorista professionista, Abdelhakim Belhadj, che ha fornito il maggior contributo pro capite di combattenti stranieri in Iraq che hanno ucciso soldati degli Stati Uniti. Fino a quando il pubblico è ipnotizzato nella narrazione del sostegno nobile a “rivoluzionari” che liberano la Libia dal dittatore, i pianificatori di un omicidio premeditato non si curerebbero del fatto che un osservatore esperto riconosca che il rovesciamento della Libia si è sviluppato secondo un copione che è spiegato in dettaglio nei manuali di formazione delle Forze Speciali degli Stati Uniti.

Il fatto è che i media occidentali hanno ucciso Muammar Gheddafi molto tempo prima che iniziassero a sostenere la sua cattura e successiva morte il 20 ottobre 2011. Pacifico, lettori e spettatori ben indottrinati sono tenuti ad accettare i nuovi standard di precisione giornalistica di Al Jazeera, BBC, CNN, ABC, e colleghi.
Un video traballante da un telefono cellulare è la prova per la morte di Muammar Gheddafi. Se la NATO e quelli che dietro danno gli ordini per un omicidio premeditato possono vantare una vittoria sostanziale, rispetto alla guerra in Libia, è che non c’è una domanda pubblica di una prova che mai potrà posta sui titoli di testa dei media corporati e controllati dagli stati dei paesi occidentali.
Dove è un rapporto di autopsia verificabile in modo indipendente?

</div> </div>

<p id="view-photo-caption" style="text-align:center;"> <span style="color:#ff0000;"><strong>Targeting SAS agents Saraya Alhaq adopt the attack On a Tripoli hotel</strong></span></p> <p style="text-align:center;"><span style="color:#ff0000;"><strong>سرايا الحق تتبنى الهجوم الذي وقع قبل ساعة من الآن على أحد فنادق طرابلس</strong></span></p> <p>_______________________________________________________________________________________________</p></div>

” data-medium-file=”” data-large-file=”” />A  prescindere dal fatto che Muammar Gheddafi sia stato assassinato o no, coloro che hanno premeditato il suo omicidio hanno guadagnato una vittoria significativa. La vittoria è che il mondo sta discutendo la presunta morte di Muammar Gheddafi, mentre le questioni più significative sfuggono all’attenzione pubblica.
Muammar Gheddafi dovrebbe essere stato ucciso, il modo migliore per onorare la sua eredità potrebbe essere quella di concentrarsi su quelle materie che sono o sono state più importanti per lui.

Il fatto è che la Francia è la forza trainante dietro la creazione dell’Alleanza Mediterranea alla quale la Libia si è opposta, perché avrebbe diviso piuttosto che unire l’Africa. Il fatto è che l’Unione Africana è finanziariamente dipendente dall’Unione Europea ed è una nuova amministrazione coloniale. Il fatto è che la Francia sta controllando finanza ed economia di otto Nazioni Africane CFA. Il fatto che la Libia ha minacciato il CFA di lobbying per l’istituzione di una valuta Pan-Africana. Il fatto è che gli Stati Uniti d’America e l’Unione Europea stanno prendendo di mira i leaders di nazioni sovrane con l’assassinio, e lo fanno così, impunemente. Il fatto è che gli Stati Uniti Nazioni sono degenerati in una ONG internazionale che conferisce l’aspetto di legittimità alle guerre di aggressione che sono l’antitesi della sua costituzione. Il fatto è che bombardamenti assassini, con il pretesto di proteggere i civili, continuano su base giornaliera, e che decine di migliaia sono stati uccisi. Il fatto è che decine di migliaia di neri africani sono stati e vengono assassinati, sotto le direttive del primo presidente afroamericano degli Stati Uniti.

Lo stato preoccupante delle cose è che la fiducia nei governi occidentali è degradata ad un tale livello che è necessario esigere prove forensi prima di accettare la morte di Muammar Gheddafi, pubblicizzata al mondo intero. Un punto importante che non va dimenticato, è che vivo o morto, le idee politiche di Muammar Gheddafi, il suo idealismo, e la sua evoluzione di una diretta partecipazione del governo da parte del popolo e per il popolo è stata studiata, e serve come ispirazione a centinaia di migliaia di attivisti politici. Questo numero sta crescendo di giorno in giorno. La guerra illegale in Libia, i massacri di decine di migliaia, la presa di mira di Muammar Gheddafi per assassinio, e la sua morte annunciata non possono che rafforzare il progresso di un nuovo risveglio a livello mondiale contro il lavoro dell ‘”Asse del Male”.

Se per onorare Muammar Gheddafi, a prescindere che il suo omicidio possa essere confermato o meno, sarebbe opportuno ascoltare voci come quella dell’ex primo ministro malese, Mahatir Dr. Muhammad che sta prendendo l’iniziativa di bandire la guerra. In ogni società umana a memoria storica, l’omicidio premeditato è percepito come l’ultimo e il più grave dei crimini. Il fatto che l’ordine esecutivo 12.333 esista, non dà, sulla sua base, legittimità a commettere omicidi. Evoca semplicemente la criminalità del governo. La guerra di aggressione è stata messa fuori legge come l’omicidio su larga scala. Il fatto che una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite dia una legittimazione apparente alla guerra non cambia il fatto che una guerra di aggressione sia illegale. Essa dimostra semplicemente il fatto che il sistema delle Nazioni Unite non è “la comunità internazionale”, ma uno strumento di aggressione per pochi. Ogni singola persona assassinata, è assassinata illegittimamente. Il fatto che l’omicidio sia commesso su larga scala o contro un capo di Stato legittimo al comando di istituzioni governative non legittima l’omicidio, ma evoca il carattere omicida del governo.

Christof Lehmann

http://nsnbc.wordpress.com/2011/10/21/ghadafi-and-the-axis-of-evil/

Preso da: https://gilguysparks.wordpress.com/2011/10/21/gheddafi-e-lasse-del-male/

______________________________________________________________________________

Cronache dalla Libia 9

24 agosto 2011

_____________________________________________________________________

_____________________________________________________________________

Sono passati quasi sei mesi da quando la NATO ha lanciato attacchi aerei sulla Libia. Ancora non c’è una risposta a se gli Stati Uniti hanno una ragione legale di impegnarsi in Libia. Denis Kucinich, un senatore dell’Ohio, ha sollevato interrogativi su ciò che è stato il ruolo della CIA nell’alimentare il conflitto. Jack Rice, ex ufficiale della CIA e giornalista, parla con Lauren Lyster di RT.

______________________________________________________________________

Mentre infuriava la battaglia nelle strade di Tripoli di centinaia di vittime sono state portate dentro, ribelli,  soldati di Gheddafi, e sfortunati civili, ponendo l’uno accanto all’altro a letto e anche su un pavimento inondato di sangue, urla e lamenti di agonia. Molti sono morti prima che potessero essere curati.

“Ce ne sono stati centinaia in arrivo entro le prime ore:” ha detto il dottor Rishi Mahjoub, Professore di Chirurgia presso l’ospedale. “Era come una visione dell’inferno. Le lesioni da missili sono state le peggiori. Il danno che fanno al corpo umano è scioccante da vedere, anche per uno come me che è abituato a trattare con gli infortuni.”

A causa della crisi, l’ospedale era disperatamente a corto. Molte delle infermiere erano lavoratori stranieri, soprattutto dalle Filippine che sono andate a casa subito dopo la rivoluzione scoppiata nel mese di febbraio. Il personale libico mancava per un motivo diverso, intrappolati nelle loro case, incapaci di venire in ospedale perché le strade fuori erano troppo pericolose per muoversi.

“Avremmo bisogno di sei squadre trauma per far fronte ma avevamo solo personale sufficiente per costituirne due. Molti dei pazienti sono morti perché non c’erano abbastanza medici per curarli. Mai ci saremmo  aspettati così tante vittime  dalla battaglia.”
La crisi è stata così travolgente che i medici stanno ancora disperatamente a corto di materiale sanitario essenziale per i pazienti che vengono ancora portati dalla battaglia.
Siamo un paese piccolo e non teniamo grandi quantità di rifornimenti. Anche con la guerra, non avremmo mai immaginato una situazione in cui così tante vittime avrebbero avuto bisogno allo stesso tempo di un trattamento in città. Ci sono due altri ospedali più importanti a Tripoli – erano traboccanti di vittime pure quelli, e così pure tutti gli ospedali privati “.

__________________________________________________________________

RT – La Russia ha bisogno la democrazia, proprio come la Libia secondo il senatore McCain [25.08.2011] trad.levred

Il Senatore ed ex candidato presidenziale John McCain si è scagliato contro la Russia, dicendo che potrebbe essere il prossimo paese a sperimentare una rivolta in stile Libia.
Ma il senatore McCain ha una visione molto inverosimile, crede il corrispondente RT da Washington, Gayane Chichikyan.
McCain è convinto che la primavera infurierà e si produrrà in paesi come la Cina e la Russia, che secondo lui hanno “bisogno di democrazia”, proprio come la Libia.
Ad un certo punto ha anche detto che la Libia ha già ottenuto la democrazia, cosa che è lontana dalla realtà, in base alla situazione sul terreno.
Proprio mentre il Consiglio nazionale di transizione subentra a Tripoli, non è il governo scelto dal popolo libico. Molti libici sui sentono oltraggiati dal fatto che le potenze straniere hanno sostanzialmente fatto questa scelta per loro.

http://rt.com/s/swf/player5.4.swf?file=http://rt.com/files/news/russia-democracy-senator-mccain-091/mckane.flv

_______________________________________________________________________

  • In risposta alla taglia milionaria messa sulla testa di Gheddafi che fa gola anche alle British SAS, lealisti libici hanno dichiarato non solo che lo farebbero gratis ma pagherebbero perfino per avere il privilegio di far fuori uno ad uno i membri del CNT (Consiglio Nazionale di Transizione). [24.08.2011]

_______________________________________________________________________

Come è stata posta una taglia di 1.000.000 di sterline sulla testa di Gheddafi, soldati provenienti dal 22 Reggimento SAS (n.d.t. Special Air Service, una unità di special forces della British Army) ha iniziato a guidare soldati ribelli dopo che gli è stato ordinato da David Cameron.
Per la prima volta, fonti della difesa hanno confermato che le SAS sono state in Libia per diverse settimane, e hanno giocato un ruolo chiave nel coordinare la caduta di Tripoli. Con la maggioranza del capitale ora nelle mani dei ribelli, i soldati della SAS, che sono stati vestiti con abiti civili arabi e portando le stesse armi dei ribelli, è stato ordinato di cambiare la loro attenzione alla ricerca di Gheddafi, che è fuggito dal suo quartier generale fortificato catturato martedì.
Il Consiglio nazionale di transizione (NTC) di Libia ha detto che Gheddafi è ricercato “vivo o morto” e ha promesso l’amnistia per tutti quelli della sua cerchia interna pronti a tradire la sua sorte. La Nato non ha ancora idea di dove sia nascosto il despota, e ieri ha insultato i suoi avversari, sostenendo in un’intervista televisiva che aveva segretamente girato per le strade di Tripoli senza essere individuato.

_________________________________________________________________________

Il presidente venezuelano Hugo Chavez ha detto ai giornalisti oggi mercoledì che l’ambasciata del suo paese nella capitale della Libia è stata attaccata e saccheggiata dai ribelli libici. L’ambasciatore del Venezuela conferma che “la nostra ambasciata a Tripoli è stata assaltata e completamente saccheggiata,” ha detto.
Chavez ha chiesto rispetto e tutela per l’ambasciatore del suo paese e del personale dell’ambasciata, e ha condannato la “follia imperiale” che sta dietro la “distruzione” della nazione del Nord Africa, come segnalato dalla Stazione TV VTV del Venezuela.
“Il dramma della Libia non finisce nemmeno con la caduta del governo di Muammar Gheddafi”, ha detto Chavez. “E ‘solo all’inizio.”
Il presidente venezuelano ha parlato numerose volte dopo i disordini scoppiati in Libia, accusando gli Stati Uniti e in altri paesi di soffiare sulla situazione in modo sproporzionato per giustificare un’invasione.
Martedì scorso, ha detto che il Venezuela avrebbe riconosciuto solo un governo libico guidato da Gheddafi.
“Da qui confermiamo la nostra solidarietà con il popolo libico, il nostro fratello che è stato aggredito e bombardato,” riferito dall’agenzia di stampa AVN.

_____________________________________________________________________

____________________________________________________________________

______________________________________________________________________

traduzione di levred

Mentre scrivo queste parole, Tripoli è attaccata da un massimo di 5.000 mercenari europei di compagnie militari private, Qatar e altri Paesi. Essi provengono dal mare. L’Operazione di terra della Nato in Libia, al contrario di tutte le precedenti rassicurazioni dei politici e del pubblico, è iniziata.

Già non è un segreto che la prima ondata di notizie su i ribelli che prendono Tripoli senza sforzo non era altro che una fantasia globale, una messa in scena, progettata per distrarre lo spettatore dalla realtà, molto più crudele e terribile. Invece dell’ingresso trionfante dei ribelli per le strade che si crogiola nella libertà giubilante della città – uno sbarco urgente di combattenti di Al-Qaeda e di truppe PMC [n.d.t. Private military company]. Invece di cittadini che salutano i loro “liberatori” – una strage di massa eseguita da mercenari provenienti dalla Francia e dal Qatar. Al posto della cattura di un uomo che assomiglia Saif al-Islam – un tentativo di eliminare la famiglia Gheddafi, che però è fallito miseramente. La distruzione delle comunicazioni e del blocco della televisione libica non ha impedito a Saif e Ibrahim Moussa di essere intervistati, di lasciare la macchina dei media nel caos per qualche tempo.
I mezzi di comunicazione hanno tratto le conclusioni. La seconda ondata è stata più sofisticata: un filmato del Qatar è stato generosamente diluito con video reali degli islamisti che prendono Bab al-Azizia. Qui è utile ricordare che il complesso è stato abbandonato molto tempo fa a causa di bombardamenti tanto continui da fare un buco nella recinzione e occuparne le rovine non è una grande vittoria. Ma una Public Relation! Che pressione psicologica! Il tiranno è in fuga, i suoi simboli sono profanati!

E sotto questa copertura, si può liberamente fare un secondo tentativo, è lo sbarco delle truppe francesi, sulla costa vicino a Tripoli il 24 agosto. Secondo alcuni rapporti, questa è la Legione Straniera.

“Una volta nella vita di un uomo c’è un momento in cui deve dimostrare che ha dei valori” – scrive LibyanLiberal nel suo Twitter, quello che per primo ha riferito circa l’assalto francese. – “Il mio tempo è ormai per Allah per la Libia per Mouamar AL FRONTE. IL MIO PROSSIMO TWEET SARA DOPO LA VITTORIA NEL CASO IN CUI ABBIA IL MARTIRIO PREGATE PER LA MIA ANIMA….”.

Poche ore dopo [LibyanLiberal] chiama testimoni che confermano che l’attacco è stato ripreso. Una nave ospedale francese che è stata vista in un porto algerino lunedi a quanto sembra non è venuta lì invano. Elicotteri vengono ricevuti 3-4 volte al giorno. Le informazioni sulla città sono oggi controverse, ma se ricordiamo che il primo gruppo di mercenari si è letteralmente fatta strada tra la folla (Ibrahim Moussa ha annunciato un numero enorme di morti e feriti) – il sangue, molto probabilmente, ancora una volta, scorrerà come un fiume.

Bene, i libici sapevano che sarebbe successo. Si erano armati all’inizio della guerra, hanno aspettato, hanno promesso di mostrare l’inferno agli invasori non appena fossero scesi a terra. Auguriamo loro buona fortuna. Come libici stessi dicono, Allah, Muammar, la Libia – e niente di più!

Altri blogger russi riferiscono che secondo informazioni non ancora confermate, che le truppe sbarcate appartengono al 2° Reggimento Marines 2-REP della Legione straniera francese e consistono di circa 1.000 mercenari provenienti da Russia, Ucraina e Kazakistan.

Ancora altri blogger russi segnalano che l’area dell’ambasciata russa a Tripoli sarebbe controllato da mujahideen di al Qaeda. E ‘anche riportato sul blog russo che il primo sbarco di truppe straniere in Libia è avvenuto il 21 agosto:

“Tutta la carneficina era lontana fino a notte poi il mare è traboccato di piccole imbarcazioni veloci che facevano scendere 10 o più uomini di forze speciali in centinaia di punti lungo la spiaggia nei pressi di Tripoli. Il massacro è iniziato in quel momento. La distrazione delle piccole bande all’interno della città ha avuto successo e ha permesso l’invasione senza restrizioni dal mare.”
L’uccisione di centinaia di migliaia di libici nei prossimi giorni potrebbe essere il risultato di questo attacco a pieno titolo di una nazione sovrana da parte della NATO. 1.300 civili innocenti uccisi a Tripoli nelle ultime 11 ore + 5000 feriti. Bombardamenti senza sosta e 3 elicotteri da combattimento Apache che sparavano i loro mini-cannoni costantemente sono i veri assassini. Le bande stanno bruciando case, saccheggiando negozi e sequestrando ogni donna in vista. Ogni sostenitore di spicco di Gheddafi è stato preso di mira e le loro case attaccate per prime. Il numero di bande stanno andando ad aumentare perché sono in arrivo dal mare, in una piccola imbarcazione NATO diretta dalle forze speciali di tutti gli stati nazione aggressori.

Dipartimento di monitoraggio
Kavkaz Centro

__________________________________________________________________

  • L‘esercito libico ha preso di mira tutti gli agenti stranieri in Libia.
    L’obiettivo primario è privare delle linee di comando e di comunicazione i ribelli che sono mossi come marionette dai militari delle forze mercenarie francesi, inglesi e del Qatar sotto la supervisione e direzione strategica di ufficiali NATO.
    Ai ribelli sono impartiti dalla NATO ormai ordini, strategie, obiettivi; gli stessi piani di battaglia sono gestiti e coordinati dall’Alleanza Atlantica. A conferma di questo, agenti dei servizi britannici e americani stanno seguendo, senza neppure contattare il CNT, la questione dei depositi di armi non convenzionali dell’esercito libico.
    Il CNT è sempre stata un entità virtuale, frutto dell’ingegneria d’intelligence americana e francese; il generale Khalifa Hifter (The CIA’s Man In Libya) e Abdel Jalil l’uomo dell’Eliseo sono dipendenti, non hanno alcuna autonomia nelle loro scelte attuali, e nemmeno in quelle future (sempre beninteso qualora abbiano un futuro). Il Consiglio Nazionale di Transizione ha sempre avuto una vocazione accessoria e aleatoria ma nell’ultimo mese dopo la morte comandata del generale Younis, la sua inconsistenza militare e politica si è rivelata come un’inusitata sfumatura del nulla.

    ___________________________________________________________________

[18:15  24.08.2011]
Rolando Segura (@rolandoteleSUR) nel suo report ha sottolineato che durante il trasporto dei giornalisti dal Rixos fino all’Hotel Corintians non hanno ricevuto alcun attacco e ha messo in evidenza il senso di solidarietà che prevale tra i giornalisti che coprono gli eventi in Libia.

__________________________________________________________________

  • Con infinito piacere abbiamo notizie da Tripoli del mujahideen Libian Liberal dal fronte che resiste al neocolonialismo occidentale:
    [24.08.2011]

Tripoli …. fin dal mattino e anche nel pomeriggio suono di aerei. Io sono ad Abu Saleem, posso assicurare che i fatti a Tripoli non vanno così come sono descritti dai media. Sono salvo in casa di amici; farò ritorno il più velocemente possibile. Tutte le notti si combatte a Dahmani, ora sono arretrato per riposare e dopo guiderò per tornare indietro. Ho visto ieri sera in prima linea Seif Al Islam.

Saldi nell’unità dell’esercito libico, fedeli in tutte le zone di Tripoli. Siamo pronti a morire. Nessuno si avvicina ad Abu Salim.

Ho visto centinaia di cadaveri sia dell’esercito che dei ribelli. Anche molti civili, donne e bambini, sono morti. Molte case sono state saccheggiate. Ieri sera ho parlato di 1000 mercenari dell’esercito francese. E’ stato appurato sono militari della Legione Straniera guidati da ufficiali NATO. Ho avuto conferma dalle mie fonti che si trattava proprio di ufficiali NATO. L’esercito è fermo, migliaia di Mujahideen nelle strade. Qualche problema in aree con i traditori. Come Landanous Alta. Sembra che la vittoria sia vicina. Abbiamo parlato di pace e di negoziazioni ma i ribelli vogliono sangue. Ho chiesto ad un ribelle catturato perchè e mi ha sputato in faccia. Molte persone hanno avuto il loro martirio, ma non abbiamo nessuna paura. Io porto la mia mente alle sure del Corano e dimentico la guerra. La notte sono stanco. Ho bisogno di dormire, iftar e poi torno alla guerra. La Nato provvede a coprire con l’artiglieria delle navi i ribelli che vengono con le barche nella strada costiera dell’Alta Landanous. Se si fermano vinciamo. L’esercito libico controlla la maggior parte di Tripoli ma non la zona costiera nella quale i ribelli hanno le navi e dalla quale postano i video.
I giornalisti dicono la verità se vi mostrano i corpi dei civili morti e delle donne violentate in strada che giacevano morte e nude. E non dite ancora una volta che l’esercito libico ha commesso questi delitti.
Spero di essere qui domani, possa Allah guidare la mia arma nel combattimento per uccidere i traditori. Vittoria o Martirio.

____________________________________________________________________

“[…] Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Italia hanno mirato al rovesciamento del governo libico  o ad un “cambio di regime” non perchè questi governi si preoccupavano di proteggere i civili o per giungere ad una forma più democratica di governo in Libia.

Se ciò fosse stata la reale motivazione delle potenze NATO, avrebbero potuto iniziare i bombardamenti dell’Arabia Saudita subito. Non ci sono elezioni in Arabia Saudita. La monarchia non permette alle donne di guidare neanche le vetture. Per legge, le donne devono essere completamente coperte in pubblico o andranno in prigione. Le proteste sono rare in Arabia Saudita perché ogni dissenso fa la conoscenza di carcere, torture ed esecuzioni.

La monarchia saudita è protetta dagli USA perché l’imperialismo è parte di una non dichiarata ma reale sfera di influenza degli Stati Uniti ed è il maggior produttore di petrolio al mondo. L’atteggiamento verso la monarchia saudita degli Stati Uniti espressa succintamente da Ronald Reagan nel 1981, quando disse che il Governo gli Stati Uniti  “non avrebbe permesso” una rivoluzione in Arabia Saudita come la Rivoluzione iraniana del 1979 che aveva rimosso il regime cliente degli Stati Uniti dello Shah (Reza Pahlavi). Il messaggio di Reagan è stato chiaro: le forze militari del Pentagono e della CIA sarebbero state usate decisamente per distruggere ogni movimento democratico contro il dominio della famiglia reale saudita.

L’esplicita dichiarazione di Reagan nel 1981, infatti, è stata la politica di ogni successiva amministrazione statunitense, compresa quella attuale.[…]”

___________________________________________________________________

  • Libya [24.08.2011] – Il Pentagono dice che sta monitorando siti noti per la presenza di scorte di armi chimiche del Colonnello Gheddafi, compresa la polvere di uranio. Un portavoce dell’ambasciata britannica dice anche che suoi agenti sono pronti a garantire i depositi. Ma James Corbett, membro del Centro per la Ricerca sulla Globalizzazione domanda: “perché il nuovo governo della Libia è stato messo da parte in fretta in questa vicenda?
    Temono che i loro amici alqaedisti, tanto utili, facciano incetta di armi chimiche?

____________________________________________________________________

  • Tripoli: La resistenza a Tripoli è agguerrita e organizzata. I Libici sono pronti a combattere fino alla fine. La maggior parte delle zone di Tripoli sono sicure e  sotto il controllo dell’esercito libico  (Al Jamahiriya)
    __________________________________________________________________________________
  • @GloPeaceLibya: Delegato della Croce Rossa conferma i bombardamenti NATO a Tripoli uccidono civili;  Elicotteri terrorizzano e uccidono inermi.

_______________________________________________________________________

  • TeleSur [16:03 p.m. 24.08. 2011] Ribelli libici hanno annunciato una ricompensa di circa 1,7 milioni dollari per la testa di Muammar Gheddafi, vivo o morto, AFP riporta la notizia

_______________________________________________________________________

  • Tripoli: (Reuters) 16:00 p.m. 24.08. 2011
    I ribelli golpisti hanno annunciato un’amnistia per coloro che cattureranno o uccideranno Gheddafi.(…ne deriva che tutti coloro che non usufruiranno di questo incentivo per sciacalli disperati sono già condannati.)

______________________________________________________________________

  • Tripoli  (24.08.2011 – 13:30 a.m.)- L’unità missili lealista  del rais sta ora sparando pesantemente razzi d’artiglieria sui golpisti e mercenari Nato intrappolati come topi dentro il compound di Bab Azizia.

_________________________________________________________________

(23.08.2011)

Don Debar, un attivista contro la guerra e giornalista, è convinto che in tutto ciò che il colonnello Gheddafi o il leader dei ribelli dicono è praticamente impossibile verificare quello che è vero o falso a questo punto. “Gheddafi ha aperto le armerie al popolo della Libia, oltre un milione di fucili e altre armi sono state consegnate al popolo di Tripoli. L’affermazione che è stato fatta, senza interruzione, dal cosiddetto media ‘progressista’ degli Stati Uniti a volte noto come Fox è che Gheddafi è un dittatore odiato e che questa è una ribellione indigena. Il dittatore non consegna pistole alla gente e dice: ‘Per favore, difendimi’
Questo ha più l’aspetto di una grande baia dei Porci, in cui gli invasori sono stati allettati ad entrare e a coinvolgere le persone a terra, di quanto non faccia una sorta di ‘ribellione della gente’ appoggiata dagli Stati Uniti che, di per se, sarebbe un evento straordinario se fosse vero. Lo scenario più probabile è il colonialismo, e la ragione per l’invasione della Libia è che la Libia era uno dei luoghi che si è organizzato contro il colonialismo del continente africano.”

__________________________________________________________________

Noi siamo i FreeFighters, siamo i combattenti/ribelli/jihadisti della rivoluzione del 17 febbraio e con l’aiuto dei ragazzi di Landalous Alta siamo entrati in città, abbiamo in custodia Hala Misrati clown del dittatore.
Vi mostriamo un piccolo pezzo con Hala Misrati. L’intero video lo mostreremo completo quando con l’aiuto di dio [con il pollice in alto] tutto il paese.
Ecco quindi con questa videocamera abbiamo messo su nastro Hala Misrati……
[Nel filmato] fanno pressione su di lei perchè segua la (parata / protesta) di libertà … Io sono il figlio di Hi Landalous (colui che ha la pistola),
esci e dì a questo cane che servivi che stai seguendo la nuova rivoluzione …
Hala: “Quale rivoluzione Buon Dio, che rivoluzione, non ho libertà, non ho un paese, non posso uscire da sola, di quale libertà stai parlando?!? “….
Insistono perchè lei inizi a imprecare contro Gheddafi e lei risponde:
Egli è colui che ci ha dato dignità” (non si può sentire chiaramente cosa altro dice)…
Qui il video si interrompe.
Dicono: “Allah Akbar Allah ou ou Akbar DOG Muammar, abbiamo liberato il paese!

___________________________________________________________________

IL CAIRO (Reuters)- Il canale televisivo arabo ha detto  che più di 400 persone sono state uccise e almeno 2.000 sono rimaste ferite nella battaglia per strappare il controllo della capitale libica di Tripoli a Muammar Gheddafi.
E corrispondenti Reuters hanno aggiunto che ci sono stati, a quanto pare, alcuni incendi intorno al centro della capitale, con il buio anche atti di saccheggio.

____________________________________________________________________

  • Per il mondo arabo non complice della NATO un proverbio popolare:

“quando la casa del tuo vicino è in fiamme, voi state a guardare ma quando la prossima volta il fuoco andrà a raggiungere anche la vostra casa,  il tuo vicino non sarà lì per aiutarti.”


____________________________________________________________________

  • Attacchi aerei mortali su Tripoli: l’imperialismo umanitario della NATO
    non commette errori

______________________________________________________________________

Diplomatici britannici sono stati la scorsa notte a valutare se  il Consiglio nazionale di transizione della nascente Libia può impedire la guerra civile – in mezzo a crescenti timori di divisioni nella leadership dei ribelli.
Più di 30 paesi, tra cui Gran Bretagna e Francia, hanno riconosciuto la NTC come il legittimo governo della Libia.
Ma i ministri britannici sono profondamente preoccupati per la capacità degli auto-nominatisi capi dei ribelli a sorvegliare una transizione pacifica verso la democrazia una volta che il colonnello Gheddafi sia andato.
Un report di ieri ha suggerito che il consiglio di transizione è stato lacerato con lotte interne, nella prospettiva di un avvicinamento al potere.
La paura a Londra, Parigi e Washington è che la leadership di fortuna può mancare di autorità per evitare una discesa nel caos  in stile  Iraq – che potrebbe spingere verso l’incubo delle truppe occidentali dispiegate per mantenere la pace. Downing Street teme che le truppe ribelli potrebbero intraprendere rappresaglie sanguinose contro i sostenitori Gheddafi.
Il portavoce del n. 10 di Downing Street  ha detto che stabilire il controllo sui diversi gruppi coinvolti nella rivolta era una delle sfide chiave per il NTC.
Alcuni commentatori temono che la rivolta potrebbe fornire l’opportunità per fondamentalisti islamici e simpatizzanti di Al Qaeda per costruire un punto d’appoggio più forte nel Nord Africa.

Emblematico titolo di un pezzo sul The Economist di ieri (23.08.2011) “Una volta che sarà finito in Libia, sarà finito?

NOTA
Che ipocrisia, si sarebbero accorti adesso del fatto che buona parte degli insorti di Benghasi non sono burberi beduini del deserto ma alqaedisti che mirano all’istituzione di un emirato islamico in nord Africa, o e tutto parte del gioco?
_______________________________________________________________________

La Libia ha bisogno di qualsiasi aiuto possibile da parte della comunità internazionale, anche da Israele“, un portavoce dell’opposizione al regime di Muammar Gheddafi lo ha detto a Haaretz ieri martedì al telefono da Londra.
Quando è stato chiesto che tipo di assistenza necessaria Libia, Ahmad Shabani, il fondatore del Partito Democratico della Libia, ha dichiarato: “Stiamo chiedendo a Israele di usare la sua influenza nella comunità internazionale per porre fine al regime tirannico di Gheddafi e la sua famiglia“.

________________________________________________________________________

Tripoli [23.08.2011] Hermann Morris intervista Leonor Massanet sui giochi di prestigio della NATO e dei ribelli golpisti: “La Libia vincerà!

_______________________________________________________________________

Tripoli:[24.08.2011] La situazione non è sotto il controllo dei golpisti NATO
Daily Mail di oggi cita fonti dicendo che 200 soldati inglesi con sede a Cipro (di una forza militare di intervento rapido) sono in attesa di partecipare a operazioni umanitarie in Libia, con un preavviso di 24 ore.
Fino a 48 ore fa i burattinai NATO dichiaravano: “mai sul suolo libico con truppe di terra, la città è nelle nostre mani, Gheddafi non ha l’appoggio della popolazione”.

Come mai allora si preparano all’occupazione militare?

Ma si, perche tutto va alla grande per le bande armate Nato e i golpisti alqaedisti in Libya, perchè se no?

______________________________________________________________________

Tripoli –  (ore 10:19 24.08.2011) Ai confini della realtà: Secondo quanto riporta RT news Gheddafi avrebbe avvelenato l’acqua di Tripoli, due vittime [PSYOP UPDATE – LAST ONE]

Secondo un servizio televisivo di  Al Hurra in Libya, Muammar Gheddafi avrebbe avvelenato il rifornimento idrico a Tripoli. Due persone sono state ricoverate in ospedale e ora l’acqua è in fase di test, in base al canale dei ribelli ‘.
Si riporta che ai checkpoint le persone sono istruite a non bere l’acqua. In precedenza, il Martedì,  funzionari dell’intelligence e militari statunitensi sono stati citati da AP mentre dicevano che nessuno è sicuro di chi abbia il controllo dei prodotti chimici libici e degli arsenali nucleari. I funzionari temono ha anche aggiunto che Gheddafi possa usare le armi “per tentare un ultima resistenza” o può essere fatto da Al-Qaeda (ndt ma Alqaeda è loro alleata in Libya come documentato ampiamente).

TALI INFORMAZIONI VANNO DESTITUITE DI QUALSIASI FONDAMENTO

_______________________________________________________________________

  • Tripoli [24.08.2011 a.m.] Forti esplosioni sono state udite stamattina a Tripoli dopo che bombardamenti umanitari della NATO hanno scaricato bombe alla cieca sulla città per rassicurare i civili e fargli sapere da che parte stanno “i buoni”.
    Giornalista di Al-Rai riferisce che Muammar Gheddafi avrebbe detto: “Sono stato fuori un po’ fuori a Tripoli con discrezione, senza essere visto dalla gente, e non si sentiva che Tripoli fosse in pericolo” .Click to enlarge___________________________________________________________________
  • PRESS TV [24.08.2011 ore 05:09 am]- (Una rete che si è distinta per parzialità e informazione intossicata di propaganda NATO) [PSYOP UPDATE – LAST ONE] “informa” che:

Le forze fedeli al dittatore libico Muammar Gheddafi, assediate, hanno imprigionato giornalisti stranieri che coprono il conflitto libico nei loro hotel della capitale Tripoli.
Circa 30 corrispondenti sono tenuti in ostaggio per il terzo giorno consecutivo all’interno del lussuoso Rixos Hotel dai lealisti pro-Gheddafi, mentre elettricità e acqua sono state interrotte e non ci è personale dell’hotel, AFP lo ha riferito martedì (ieri).
I giornalisti sono in Libia per coprire la rivoluzione del paese. [n.d.t. non per fare informazione!]

Lunedi ‘, i combattenti dell’opposizione libica spazzato nel cuore della capitale e ha preso il controllo di gran parte di Tripoli, senza dover affrontare una notevole resistenza da parte delle forze di regime.
Le forze di opposizione a Muammar Gheddafi sono entrate nel compound di Bab al-Aziziyah nella capitale attraverso il suo ingresso occidentale e ne hanno preso il controllo martedì.
Presidente della Libia del Consiglio nazionale di transizione (TNC) Mustafa Abdel Jalil ha detto oggi mercoledì che tre giorni di battaglia finora per ottenere il controllo di Tripoli hanno provocato la morte di oltre 400 persone e lasciato 2.000 feriti sul terreno.

NOTA: Visto che secondo vari giornalisti indipendenti di MATHABA e non solo come tra gli altri Thierry Meyssan e Mahdi Darius Nazemroaya l’hotel è tuttora la base di finti giornalisti con passaporto britannico e americano che rispondono ai servizi segreti MI6 e CIA sarebbe opportuno per i lealisti far circolare tranquillamente tali individui che hanno operato attivamente per il golpe libico nelle zone controllate dai lealisti?
http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=zadvM7umTzk
http://www.wat.tv/video/libya-cia-mi6-journos-in-tripoli-41kul_31wod_.html

Non è più reperibile su Youtube l’intervista a Thierry Meyssan : CIA, MI6 “Journos” in Tripoli Rixos Hotel Media Centre la censura è intervenuta (nuovo link), c’era qualcosa di troppo in quelle parole. Ricordiamo che quegli stessi giornalisti in dipendenti (proprio al Rixos di Tripoli) hanno reiratamente affermato di essere nel mirino dell’intelligence occidentale e di aver ricevuto precise minacce morte dai “gionalisti” embedded MI6 e CIA.

Preso da: https://gilguysparks.wordpress.com/2011/08/24/libyan-chronicles-9-0/

Diario dalla Libia 2011: chiarire le ultime notizie spazzatura dei media sulla Libia

16 Agosto 2011 da lizziephelan
traduzione di Levred

Mentre i giornalisti che soffrono di claustrofobia all’interno dell’hotel Rixos a Tripoli, pubblicano i loro sogni che i servi dell’imperialismo (i ribelli / ratti) hanno preso Zawiya, Ghuriyan e Sorman, essi ignorano un momento decisivo nella crisi.
Questo è la liberazione della zona di Misratah fino ad ora in mano ai ribelli. La notte scorsa l’esercito libico si è spostato nel centro della città e ora i ribelli sono intrappolati tra Misratah e Tawergha. Il 75 per cento della città è stato assicurato incluso il porto, che è stata un’ancora di salvezza per i ribelli per ricevere spedizioni di armi e altri rifornimenti, oltre ad essere una via di trasporto fondamentale per loro.
Lo ha confermato oggi il portavoce del governo Dr. Ibrahim Moussa in una conferenza stampa dai leader tribali di oltre 200 tribù libiche. Questo include quattro dei leader di quattro delle più grandi tribù libiche che costituiscono la metà della popolazione libica: Warfalla, Tarhouna, Zlitan, Washafana. Hanno tutti sostenuto il leader Muammar Gheddafi.

I leader delle tribù libiche alla conferenza stampa

Il leader della tribù Tawergha
I leader tribali hanno inoltre confermato che Zawiya, Ghuriyan e Sorman sono sicure, in contrasto con le affermazioni, provenienti dai giornalisti stranieri a Tripoli e a Djerba (Tunisia), che sono state prese dai ribelli. Ci sono sacche di ribelli in queste zone, ma essi sono isolati e circondati dall’esercito libico e dalle tribù libiche. Ma, naturalmente, le affermazioni di alcuni giornalisti mainstream che non hanno con sé alcuna conoscenza della Libia determineranno l’opinione pubblica orientalista dell’Occidente. Queste affermazioni stanno in contraddizione stridente con i rapporti delle tribù libiche che naturalmente conoscono la loro terra con una grande intimità.
E ‘chiaro che queste affermazioni sono state progettate per cercare di sollevare il morale dei ribelli, che vanno solo da un disastro all’altro, e anche per cercare di creare il panico tra la popolazione libica. Inoltre, loro hanno dovuto disperatamente cercare di ottenere qualche vittoria prima del 17 agosto (17° giorno di Ramadan), una data molto importante nel calendario islamico. Questa è stata la data della vittoria del Profeta Muhammad nella battaglia di Badr.
Tuttavia, tutti gli sforzi della stampa internazionale per creare confusione e panico sulla terra di Libya sono anche sempre state rapidamente rovesciati dopo un discorso del leader Muammar Gheddafi. Questo è stato consegnato ieri sera per telefono ai sostenitori che erano accorsi nella Piazza Verde. Ha ribadito i suoi appelli al popolo libico a rimanere saldo nello sconfiggere gli alleati della NATO a terra e la stessa NATO.
Così la guerra mediatica continua. E nel caso qualcuno stia ancora effettivamente guardando Al Jazeera, che è stata al centro della cospirazione contro la Libia, qui Afshin Rattansi di Press TV manda in onda filmati di un incontro editoriale di Al Jazeera con l’emiro del Qatar e nientemeno che uno con Tzipi Livni di Israele.
Giusto per chiarire alcune delle più merdose notizie che escono sulla stampa internazionale: Il ministro degli Interni Nassr al-Mabrouk, che la stampa occidentale pretende abbia “disertato” (n.d.t. in Italia lo ha sostenuto Rai News ieri 15.08.2011) è ***in onda ***  in questo momento (03:05 ora libica) sul talkshow più popolare di Libia a dire che aveva lasciato (n.d.t. il suolo libico) perché aveva necessità di andare per un’operazione e che lui è ancora al 100 per cento con Gheddafi.
Infine, stiamo ancora aspettando la conferma assoluta di rapporti secondo cui il comandante ribelle Khalifa Hefter sarebbe stato catturato da forze pro-Gheddafi. Ciò, ovviamente, getterebbe i ribelli in un caos ulteriore dopo l’assassinio dell’altro ex generale ribelle Abd al Fatah Younis da parte di Al Qaeda (che attraversa tutti i ranghi dei ribelli). Hefter stava vivendo in Virginia per 20 anni, lavorando come agente della C.I.A., fino a che non è iniziata la crisi quando è rapidamente ritornato in Libia per unirsi al Consiglio Nazionale di Transizione.

La CIA già sosteneva i ribelli libici prima della votazione sulla risoluzione 1973

Rete Voltaire | 1 aprile 2011
In un dispaccio esclusivo per Reuters, Mark Hosenball ha rivelato che il presidente Barack Obama ha autorizzato la CIA a iniziare azioni segrete per sostenere i ribelli libici.

Secondo il giornalista, l’ordine è stato firmato prima della votazione sulla risoluzione 1973. Washington ha sostenuto questa risoluzione, anche se vieta le azioni segrete in corso.
«Exclusive: Obama authorizes secret support for Libya rebels», di Mark Hosenball, Reuters, 30 marzo 2011 (17:08, ora di Washington)).

Quei ribelli libici poco nobili.

La continuazione dei report sui crimini di guerra dei ribelli e sull’ipocrita “comunità internazionale”

DI TONY CARTALUCCI

Land Destroyer
I ribelli della Libia sono lontani dall’essere motivati da aspirazioni democratiche. Le loro lagnanze si poggiano su divisioni etniche, non politiche. I “sostenitori di Gheddafi” è un eufemismo usato dai media globalisti per descrivere le tribù africane e generalmente scure di carnagione che formano la gran parte della demografia della Libia Occidentale e che devono subire il peso maggiore delle atrocità dei ribelli appoggiati dalla NATO.
Confermando quanto l’esperto di geopolitica Webster Tarpley sta ripetendo da mesi sulle realtà che stanno alle spalle delle rivolte libiche, spesso ritratte come una ribellione “a favore della democrazia” dai media di regime, gli ultimi resoconti ci parlano dei ribelli libici che, ancora una volta, prendono di mira le tribù etniche rivali all’interno delle città catturate con pestaggi, saccheggi, vandalismi e molto di peggio (anche se convenientemente omesso dalle notiziemainstream). Non si tratta di aspirazioni “democratiche”, ma di un conflitto che è separato da linee etniche, perpetuato dal prima coperto e ora aperto supporto militare degli USA e del Regno Unito alle tribù da tempo lungo tempo favorite e coltivate dagli Occidentali della Libia Occidentale che risiedono attorno a Benghazi.

La CNN ha riferito, in “Gruppi per i diritti umani riportano che i ribelli libici hanno saccheggiato e picchiato civili,” che Human Rights Watch finanziata da Soros ha ricevuto informazioni secondo cui “i combattenti ribelli e i loro sostenitori hanno danneggiato le proprietà, bruciato case, saccheggiato ospedali, case e negozi e picchiato alcune persone che loro ritenevano aver supportato le forze di governo”. Mahmoud Jibril, il primo ministro ribelle de facto che di recente si è prostrato di fronte al Brookings Institute, dichiarando che il suo movimento era ispirato dalla globalizzazione, ha confermato queste ipotesi, ma ritiene che rappresentino solo “qualche incidente” e che i responsabili saranno “portati in tribunale”.
Una cosa comunque molto improbabile perché, se anche questi “pochi incidenti” sono stati evidenziati dai tendenziosi media internazionali, simili atrocità sono state rese note in modo continuo da quando le tribù di Benghazi hanno avviato la loro offensiva appoggiata dall’estero nel febbraio di quest’anno. In un articolo del New York Timesdell’aprile 2011 intitolato “Gli armamenti inferiori dei ribelli esitano nella guerra in Libia“, una narrativa lamentevole parla di ribelli disarmati e dominati che sono stati costretti dalle circostanze a commettere orribili atrocità e crimini di guerra. Il New York Times parla di “tolleranza per almeno un piccolo numero di bambini soldato” e si lamenta della mancanza di controlli per “gli episodi di abusi o per la condotta assolutamente brutale”, invece della mancanza di principi etici o della illegittimità della loro causa finanziata dall’estero.
L’articolo del New York Times descrive l’utilizzo da parte dei ribelli dei razzi Grad spesso descritti come armamenti non selettivi e il cui uso da parte delle forze di Gheddafi è stato considerato un fattore scatenante dell’intervento della NATO. L’articolo ha anche menzionato l’utilizzo da parte dei ribelli delle mine terrestri, altro fattore citato dai criminali guerrafondai della NATO per il loro intervento nel Nord Africa.
L’articolo del New York Times sta cercando di scusare e di addolcire un torrente di articoli in uscita che indicano come i ribelli libici, che ammettono loro stessi di avere legami con Al-Qaeda, stiano macellando, decapitando e mutilando i prigionieri delle truppe governative e che sono palesemente colpevoli dell’utilizzo delle stesse armi e delle stesse tattiche per le quali la NATO ha senza alcun fondamento accusato Gheddafi, la giustificazione ufficiale usata dalla NATO per entrare in guerra. Allo stesso modo, il report di Human Rights Watch, finanziato da Soros, tanto citato ultimamente, alterna le scuse per i civili che sembrerebbero sostenere Gheddafi a interlocuzioni che ricordano ai lettori i presunti abusi di Gheddafi. In seconda battuta, il report è stato ancor più edulcorato dai media finanziati dalle corporation con le pittoresche parafrasi che generalmente accompagnano le notizie sulle presunte atrocità di Gheddafi.
Un recente articolo del Guardian, intitolato “I ribelli libici accusati di bruciare le case e di saccheggio“, con il sottotitolo “Human Rights Watch dice che i ribelli hanno depredato le strutture sanitarie e incendiato le case dei sostenitori di Gheddafi”, rappresenta un subdolo meccanismo retorico usata ancora una volta per edulcorare i crimini dei ribelli. All’interno dell’articolo il termine “case ritenute appartenenti ai sostenitori di Muammar Gheddafi” viene usato assieme alla frase finale, “le forze di Gheddafi nella zona sono state accusate di essersi rifugiate indiscriminatamente nelle zone abitate, lasciando sul terreno mine anti-uomo.”
Altri articoli, come quello del Wall Street Journal ”Le città libiche separate dai feudi tribali“, rappresentano la massima concessione dei media mainstream alla realtà e l’inizio della descrizione delle sottostanti tensioni etniche che servono da reali motivazioni, non certo le aspirazioni democratiche, che stanno dietro la violenza accesa e continuamente aizzata dalla leadership dei ribelli libici a Washington. Comunque, l’esperto di geopolitica Webster Tarpley aveva già evidenziato in aprile in un articolo intitolato “Al Qaeda: le impronte di un’insurrezione della CIA dalla Libia allo Yemen” lo storico sostegno britannico per i “monarchici e razzisti Harabi e per le tribù Obeidat del corridoio Benghazi-Darna-Tobruk”. Ha correttamente diagnosticato come le tensioni etniche fossero responsabili delle atrocità generalizzate che vengono ancora offuscate oggi dai media di regime, e ha predetto che le atrocità e il genocidio sono il destino dei villaggi e delle città catturate dai ribelli appoggiati dalla NATO.
Quello a cui assistiamo in Libia non è un popolo oppresso che aspiri alla globalizzazione e alla democrazia liberale , ma ancora un’altra divisione etnico-politica sfruttata dal potere globalista per dividere e distruggere la sovranità di una nazione indipendente. Se e quando Tripoli cadrà per le orde di globalisti e dei loro stupidi eserciti di sempliciotti e di mercenari, l’inconcepibile brutalità, la discriminazione e le atrocità saranno il destino dei loro rivali etnici. Mentre le giustificazioni retoriche della NATO per il loro criminale intervento militare si incentrano sulla protezione dei civili, stanno chiaramente e intenzionalmente agevolando l’individuazione dei civili allineati a Gheddafi non politicamente, ma etnicamente.
È essenziale comprendere chi stia davvero dietro a questi conflitti, tra cui le multinazionali che stabiliscono l’agenda dall’interno di non eletti think tank, i media posseduti dalle corporation che distorcono e giustificano queste agende al pubblico, e i politici delegittimati che realizzano questi ordini del giorno contro la volontà della popolazione che dicono di rappresentare. Per contrastare tutto questo, dobbiamo continuamente lavorare per informare altre persone della verità che viene offuscata dalle immense campagne di propaganda che accompagnano questi conflitti e impegnarci nel boicottare e sostituire interamente le multinazionali che promuovono e traggono vantaggio da questi conflitti. Se le difficoltà della Libia potrebbero sembrare un argomento insignificante ed estremamente lontano per la persona comune, una vittoria globalista in Libia è una vittoria contro tutti i popoli liberi e sovrani.
Fonte: http://landdestroyer.blogspot.com/2011/07/libyas-not-so-noble-rebels.html
Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE
Fonte:http://www.blog.art17.it/2011/07/16/quei-ribelli-libici-poco-nobili/

Ancora una volta certi articoli vengono fatti sparire, postato anche qui: http://marionessuno.blogspot.it/2012/07/quei-ribelli-libici-poco-nobili.html

L’IMPERO ATLANTICO DELLA MENZOGNA. LA PAROLA AL PENTITO ULFKOTTE

ulf

di Marcello D’Addabbo

In Germania il caso Ulfkotte è ormai esploso in tutta la sua enormità. Nei talk show risuonano le parole del corrispondente esteri del più prestigioso quotidiano tedesco, “Frankfurter Allgemeine Zeitung” «per diciassette anni sono stato pagato dalla CIA, io e altri centinaia abbiamo lavorato per favorire la Casa Bianca». Questo è l’inquietante quadro descritto nel libro che Udo Ulfkotte ha da poco pubblicato in patria dal titolo eloquente: Giornalisti comprati. Il libro descrive il controllo dei media tedeschi, e occidentali in genere, attraverso una fitta rete di corruzione e di pressioni esercitate da parte degli americani mediante apparati di intelligence, ambasciate Usa, fondazioni, lobby e istituzioni atlantiste (sono citate tra le tante il Fondo Marshall, l’Atlantic Bridge e l’Istituto Aspen). Il fine di tale incessante attivismo operato nelle retrovie dei mass media, secondo le rivelazioni dell’autore, è quello di costruire una interpretazione degli accadimenti internazionali sempre unilaterale e compiacente verso Washington. Si racconta di programmi specifici per i giornalisti, disposti dalle ambasciate statunitensi in Germania e in Italia, nei quali è previsto un compenso che arriverebbe alla cifra di ventimila euro per scrivere articoli filostatunitensi. Ma non si tratta solo di dazioni in denaro, c’è l’altro mezzo di pressione, quello che solletica di più il narcisismo da cui i giornalisti sono maggiormente affetti, ovvero le gratifiche in campo professionale: premi, collaborazioni, incarichi, convegni nei mitologici e prestigiosi campus universitari americani, viaggi pagati, riconoscimenti pubblici di ogni genere, insomma una tentazione irresistibile. Il volto seducente del potere, cemento a presa rapida per costruire la casa sicura della narrazione mediatica ufficiale con l’aiuto di un esercito di professionisti mercenari dell’informazione a completa disposizione. «Prima di tutto» racconta «è necessario rendere autorevole il giornalista a libro paga, facendo riportare i suoi articoli, dandogli copertura internazionale e premiando i suoi libri. Molti premi letterari non sono altro che premi alla fedeltà propagandistica dell’autore che li pubblica, non molto differentemente dal premio “eroe del lavoro” nella ex Germania Est comunista». Ulfkotte ricorda esperienze personali, come quella, decisamente ridicola, dell’improvviso conferimento della cittadinanza onoraria dello stato americano dell’Oklahoma, in assenza di alcun legame apparente tra il suo lavoro e quel territorio. Poi, sullo sfondo di questa realtà patinata di favori e grandi alberghi, si muovono i servizi segreti e le pressioni quando serve non mancano: «Spesso vengono a trovarti in redazione, vogliono che scrivi un pezzo» rivela nel libro. In occasione della crisi libica del 2011, racconta di quando fu imbeccato da individui dei servizi tedeschi per annunciare sul suo giornale, quasi fosse un dato assodato, che Gheddafi era in possesso di armi chimiche pronte per essere usate contro il popolo inerme, ovviamente senza avere alcun riscontro da fonti verificate. Se invece si trasgredisce la linea filoatlantica le conseguenze sono altrettanto note, ovvero la perdita del lavoro, il triste isolamento professionale, fino alle minacce dirette e alle persecuzioni (lui stesso sostiene di aver subito sei perquisizioni nella sua abitazione con l’accusa di aver rivelato segreti di stato).
Ma perché mai un pezzo da novanta del giornalismo tedesco si esporrebbe in questo modo, ad un’età – cinquantacinque anni – che gli avrebbe consentito di proseguire la sua brillante carriera ancora per lungo tempo, facendo esplodere una simile bomba mediatica e mettendo sotto accusa l’intero sistema mediatico occidentale? Egli stesso ha risposto a questa domanda nel corso delle numerose interviste di questi giorni, parlando di una crisi di coscienza irreversibile, del suo non avere figli e del suo stato di salute precario (pare abbia già alle spalle tre infarti). Udo Ulfkotte, dopo una vita di squallidi compromessi con il potere a scapito della verità dell’informazione, vuole tornare a guardarsi di nuovo allo specchio per il tempo che gli resta da vivere. Sembra riemerso in lui quell’alto senso della vergogna tipico della coscienza morale tedesca, quell’amore germanico per la verità che desta di solito grande ammirazione. «Ho voluto scrivere questo libro perché tante persone che ci guardano hanno la sensazione che quello che vedono come una notizia non sia in realtà una notizia, ma pura propaganda e disinformazione. Ma non ne hanno le prove. Per questo motivo ho citato centinaia e centinaia di nomi di giornali tedeschi ed esteri, che producono propaganda e disinformazione, e ho fornito le prove di questo». E alcuni dei personaggi citati, come era ovvio, hanno reagito a cominciare da Günther Nonnenmacher, collega e coeditore della “Frankfurter Allgemeine”, che bolla le accuse di Ulfkotte come «astruse e ridicole» dichiarando che l’ex giornalista ha avuto «gravi problemi di salute in seguito ai quali soffrirebbe di sdoppiamento della personalità»(!). Un matto lucido a sufficienza, però, da analizzare le carriere di trecentoventuno personaggi, i loro percorsi e presenze segnate negli annuari delle organizzazioni che si occupano della manipolazione delle informazioni a vantaggio degli Stati Uniti (ma a quanto pare anche dell’Ue), organizzando incontri e agevolando carriere. Memorabile il racconto degli incontri sul lago di Garda tra questi mercenari della penna tedeschi ed italiani, radunati nella villa che fu la residenza del cancelliere tedesco Adenauer e gli agenti della CIA pronti a trasportarli su un battello diretto a Bellagio dove sono attesi dai membri della Fondazione Rockfeller.
È prevedibile che alla fine si cerchi di archiviare tutto ciò nello scaffale della solita letteratura cospirazionista, consueto alibi usato dal potere per emarginare, screditandoli, coloro che gli si oppongono. Ma Ulfkotte non parla di rettiliani bensì di persone note, cita grandi giornali e televisioni e indica con precisione gli argomenti che secondo la sua lunga esperienza professionale ha imparato ad evitare per non vedersi stroncare la carriera (come ad esempio scrivere pro Putin, Russia, Cina, Iran, Assad ecc…). Inoltre, sappiamo come la dominazione angloamericana sul continente europeo fin dal dopoguerra si è perpetuata attraverso la colonizzazione dell’immaginario collettivo e che in tale opera il dominio dell’informazione ha avuto una parte preponderante. Questo non ce l’ha insegnato certo Ulfkotte. Potremmo ricordare di sfuggita Arrigo Levi e Renato Mieli, (papà di Paolo ex direttore del “Corriere”) tornati in Italia nel 1945 sugli automezzi dei “liberatori” americani a insegnarci la democrazia. Venuto tra noi in uniforme USA, con i gradi di ufficiale, nei primi mesi di occupazione, Renato Mieli era un «capitano Smith» (o qualcosa del genere) a cui i giornalisti italiani dovevano rivolgersi per ottenere l’autorizzazione a lavorare e ad aprire giornali, insomma il responsabile dell’ epurazione morbida del giornalismo per conto degli Alleati.
Allora, parlava esclusivamente inglese. Subito dopo, fondò…l’ANSA.
Ancora qualche mese e molti di quei giornalisti che avevano chiesto l’autorizzazione a scrivere al capitano Smith si stupirono poi di ritrovarlo, sotto il nome di Renato Mieli, come direttore de “L’Unità”. L’organo del PCI diretto da un ufficiale americano?
Evidentemente l’OSS (futura CIA) aveva deciso che occorreva loro un controllore dentro quel partito. Cosa ancora più significativa, durante la guerra Mieli-padre aveva fatto parte dello staff anglo-americano del “Psychological Warfare Branch” (traducibile come “Divisione per la guerra psicologica”) che fu un organismo del governo militare anglo-americano incaricato della gestione dei mezzi di comunicazione (e perciò della propaganda) italiani: stampa, radio e cinema. Fu attivo nel periodo tra il 10 luglio 1943 (sbarco alleato in Sicilia) e il 31 dicembre 1945.  Ma per anni in Italia di questi episodi non si è voluto o potuto parlare.
A dimostrare il mutamento delle condizioni storiche è sufficiente il dato che in questi giorni il libro di Udo Ulfkotte in Germania è balzato al settimo posto nella lista dei bestseller nazionali , al tredicesimo in quella del settimanale “Der Spiegel” e al quinto nella lista top 100 di Amazon.
Il libro ha sollevato il coperchio su un gigantesco sistema di corruzione e pressione che pone un’ipoteca definitiva sull’ultimo dogma intoccabile del mondo occidentale, quello del pluralismo dell’informazione e della libertà di opinione. Con esso crolla miseramente anche il mito angloamericano e hollywoodiano dei “cronisti d’assalto” che con l’audacia di Davide contro Golia sfidano i massimi livelli del potere sollevando scandali e disarcionando potenti e capi di stato. Il mito dello scandalo Watergate, sollevato dai cronisti del “Washington Post”, Bob Woodward e Carl Bernstein, rappresentati nel celebre film da Robert Redford e Dustin Hoffman, che portò nell’agosto del 1974 alle dimissioni del feroce presidente repubblicano Nixon. Un mito che è stato esaltato in Italia fino alla nausea dalla sinistra buonista-veltroniana come prova del vigore della sana democrazia americana e del controllo efficace dei media sul potere. Qui risulta invece che è il potere americano a controllare l’informazione ed in modo piuttosto capillare.

Dal film

Dal film “Tutti gli uomini del presidente” (1976)

In Italia il silenzio assordante dei media mainstream sul caso Ulfkotte potrebbe indurre a facili e scontate conclusioni (dato che il giornalista del “Frankfurter” cita a più riprese la collusione di organi di informazione di casa nostra come “La Stampa”, “La Repubblica”, Rai ecc..). Resta il fatto che la nebbia qui da noi è stata squarciata soltanto dalle lodevoli eccezioni delle recensioni apparse sul blog di Beppe Grillo e sul Fatto Quotidiano. Tuttavia saremmo degli ingenui ad aspettarci che Travaglio e la Guzzanti inizino una campagna sulla “trattativa Cia-giornalisti”. La “tela di ragno” descritta dalla storica penna del Frankfurter, riguarda soprattutto i vertici del giornalismo ufficiale, ovvero coloro che, come lui stesso ha fatto nell’arco di ben diciassette anni, sono nella posizione di poter filtrare i messaggi che devono arrivare alla massa. Questa tela è diretta ad irretire non singoli individui ma intere società con l’evidente obbiettivo di manipolarle per garantire la continuità delle oligarchie finanziarie, politiche e militari di Stati Uniti e Ue e le loro decisioni criminali.  È una realtà i cui effetti sono visibili quotidianamente ogni volta che si ha la sfortuna di aprire un grande quotidiano o di ascoltare un telegiornale mainstream, sia che si occupi di crisi Ucraina o Isis, Libia o Corea del Nord, non fa differenza. Ci sono sempre i buoni e i cattivi, armi democratiche usate per il bene dell’umanità e dall’altra parte spietati dittatori sanguinari da abbattere per evitare che ci distruggano, anche se, come sempre, non hanno mai manifestato questo proposito in vita loro…
Come ha detto efficacemente lo scrittore Andrea Camilleri: «È grazie al sistema politico-economico instauratosi nel dopoguerra, con un notevole incremento a partire dagli anni ’70, che le nostre generazioni vengono ‘bombardate’ da ‘armi di convinzione di massa’, che similmente a quelle di distruzione di massa, non hanno portato libertà e democrazia, bensì assoggettamento mercantile ed ampliamento dell’impero della mente anglo-americano nel nostro Paese».
Ma il caso Ulfkotte potrebbe rappresentare il punto di non ritorno di una presa di coscienza collettiva.
Il Re è nudo.

Preso da: https://ladagadinchiostro.com/2015/03/03/limpero-atlantico-della-menzogna-la-parola-al-pentito-ulfkotte/

Il mondo applaude mentre la CIA affonda la Libia nel caos

Un articolo veramente interessante di David Rothscum tradotto dal sito Aurora. Un pezzo eccellente che illustra in modo completo cosa realmente sta succedendo in Libia.

David Rothscum Global Research, 2 Marzo 2011:
Come era la Libia sotto il governo di Gheddafi? Quanto male ha fatto al popolo? Erano così oppressi così come noi, oggi, accettiamo comunemente come un dato di fatto? Guardiamo ai fatti per un momento.
Prima che il caos scoppiasse, la Libia aveva un tasso di carcerazione inferiore alla Repubblica ceca. Era classificata 61.ma. La Libia ha il più basso tasso di mortalità infantile di tutta l’Africa. La Libia aveva la speranza di vita più alta di tutta l’Africa. meno del 5% della popolazione era denutrita. In risposta ai prezzi dei prodotti alimentari in tutto il mondo, il governo della Libia ha abolito TUTTE le tasse sul cibo.
Il popolo in Libia era ricco. La Libia aveva il più alto prodotto interno lordo (PIL) a parità di potere d’acquisto (PPA) pro capite, di tutta l’Africa. Il governo ha avuto cura di garantire che tutti, nel paese, condividessero la ricchezza. La Libia aveva il più alto indice di sviluppo umano di qualsiasi paese del continente. La ricchezza è stata distribuita equamente. In Libia ha una percentuale di persone che vivevano al di sotto della soglia di povertà, inferiore ai Paesi Bassi.

Come fa la Libia ha essere così ricca? La risposta è il petrolio. Il paese ha parecchio petrolio, e non consente alle multinazionali straniere di rubarle le risorse, mentre la popolazione muore di fame, a differenza di paesi come la Nigeria, un paese che è sostanzialmente gestito dalla Shell. Come ogni altro paese, la Libia soffre di un governo con burocrati corrotti che cercano di ottenere una porzione più grande della torta, a danno di tutti gli altri. In risposta a ciò, Gheddafi ha chiesto che le entrate del petrolio fossero distribuite direttamente al popolo, perché a suo avviso, il governo non considerava il popolo. Tuttavia, a differenza delle dichiarazioni degli articoli, Gheddafi non è il presidente della Libia. In realtà, non occupa alcuna posizione ufficiale del governo. Questo è il grande errore che le persone fanno. Parlano del dominio di Gheddafi sulla Libia, quando in realtà non c’è, la sua posizione è più o meno cerimoniale. Deve essere paragonato ad uno dei padri fondatori.


Il vero leader della Libia è un indirettamente eletto primo ministro. L’attuale primo ministro è Baghdadi Mahmudi. Definire Gheddafi il leader della Libia, è come dire che Akihito (l’imperatore, NdT) è il leader del Giappone. Contrariamente a quanto i media indicano, le opinioni in Libia variano. Alcune persone supportano Gheddafi, ma non vogliono Mahmudi. Altri non vogliono entrambi. Molti vogliono solo vivere la loro vita in pace. Tuttavia, ci si sforza nel delineare una rivolta popolare contro il presunto leader della Libia, Gheddafi, quando in realtà egli è solo l’architetto del sistema politica corrente della Libia, una miscela di pan-arabismo, socialismo e governo islamico.
I video delle proteste pro-Gheddafi stanno scomparendo da Youtube, mentre si parla. “Pro Gaddafi Anti Baghdadi Mahmudi demonstrations“ è andato. “Pro Gaddafi protests in front of Libyan embassy London“ c’è ancora. YouTube normalmente cancella tutti i video contenenti sangue, tranne nel caso della Libia. Apparentemente più traumatizzante nel vedere corpi fatti, per i telespettatori, sono i libici che non saltano sul carro e vanno nelle strade per abbattere Gheddafi.
I manifestanti in Libia sono paragonabili ai manifestanti in Egitto e in Tunisia? Niente affatto. La reazione dei governi è più violenta, e ovviamente la violenza eccessiva viene utilizzata. Tuttavia guardiamo per un momento le azioni dei manifestanti. L’edificio del Congresso generale del popolo, il parlamento della Libia, è stato incendiato da manifestanti arrabbiati. Questo è paragonabile a dei manifestanti che incendiano Capitol Hill negli USA. Pensate anche solo per un momento che il governo degli Stati Uniti starebbe seduto a guardare i manifestanti incendiare il Campidoglio?
I disordini di oggi non sono opera di giovani secolari che desiderano il cambiamento, o qualcosa di simile a ciò che si è visto in Egitto e Tunisia. Un gruppo che si fa chiamare “Emirato islamico di Barka“, l’antico nome della parte nord-occidentale della Libia, detiene numerosi ostaggi, e ha ucciso due poliziotti. Questo non è uno sviluppo recente. Venerdì scorso, il 18 febbraio, il gruppo ha rubato 70 veicoli militari dopo aver attaccato un porto e ucciso quattro soldati. Purtroppo, un colonnello si è unito al gruppo e ha fornito loro altre armi. La rivolta è scoppiata nella città orientale di Bengasi. Il ministro degli esteri italiano ha sollevato le sue paure su un emirato islamico di Bengasi che si dichiari indipendente.
La risposta è che gli stessi gruppi che gli Stati Uniti hanno finanziato per decenni, ora cercano la loro occasione per ottenere il controllo della nazione. Un gruppo recentemente arrestato in Libia, composto da decine di cittadini stranieri coinvolti in numerosi atti di saccheggio e di sabotaggio. Il governo libico non ha potuto escludere collegamenti con Israele.
La Gran Bretagna ha finanziato una cellula di Al-Qaida in Libia, nel tentativo di assassinare Gheddafi. Il principale gruppo di opposizione in Libia è oggi il Fronte Nazionale per la Salvezza della Libia. Questo gruppo di opposizione è finanziato dall’Arabia Saudita, dalla CIA, e dall’intelligence francese. Questo gruppo si è unito con altri gruppi di opposizione, per diventare la Conferenza Nazionale dell’opposizione libica.
E’ stata questa organizzazione che ha fatto appello alla “Giornata della rabbia” che ha fatto precipitare nel caos la Libia, il 17 febbraio di quest’anno. Lo ha fatto a Bengasi, una città conservatrice che si è sempre opposta al governo di Gheddafi. Va notato che il Fronte Nazionale per la Salvezza della Libia è ben armato. Nel 1996 il gruppo ha cercato di scatenare una rivoluzione nella parte orientale della Libia. Ha usato il Libyan National Army, la divisione armata del NFSL, per iniziare questa rivolta fallimentare.
Perché gli Stati Uniti si oppongono a Gheddafi? E’ la principale minaccia all’egemonia statunitense in Africa, perché tenta di unire il continente contro gli Stati Uniti. Questo concetto si chiama Stati Uniti d’Africa. In effetti, Gheddafi detiene tutte le idee contrarie agli interessi degli Stati Uniti. L’uomo accusa il governo degli Stati Uniti della creazione dell’HIV. Sostiene che Israele è dietro l’assassinio di Martin Luther King e del presidente John. F. Kennedy. Dice che i dirottatori del 9/11 furono addestrati negli Stati Uniti. Ha anche invitato i libici a donare sangue per gli statunitensi dopo l’11/9. Gheddafi è anche l’ultimo di una generazione di rivoluzionari socialisti moderati pan-arabi ancora al potere, dopo che Nasser e Hussein sono stati eliminati, e la Siria si è allineata con l’Iran.
Gli Stati Uniti e Israele, però, non hanno alcun interesse in un mondo arabo forte. In realtà sembra elementare che il piano sia mettere in ginocchio la Libia attraverso il caos e l’anarchia. Alla fine del 2010, il Regno Unito ancora puntellava il governo libico attraverso una lucrosa vendita di armi. Nulla è una garanzia migliore per distruggere la Libia, di una sanguinosa guerra civile. Il sistema tribale che è ancora forte in Libia, è utile da sfruttare per poter generare una guerra, da quando la Libia è stata storicamente divisa in vari gruppi tribali.
Anche per questo motivo il governo libico risponde importando mercenari. Le appartenenze tribali vengono prima della fedeltà al governo, soprattutto a Bengasi, e quindi il governo centrale non ha più alcun controllo sulla parte orientale del paese. L’alternativa ai mercenari è un conflitto tra i vari gruppi etnici. Gheddafi ha cercato per 41 anni di rendere il Paese più omogeneo, ma i gruppi di opposizione finanziati dall’estero spingeranno il paese, in poco più di un paio di giorni, a ritornare al 19 ° secolo, prima che la regione fosse conquistata e unificata dagli europei. La violenza è davvero eccessiva, ma tutti sembrano dimenticare che la situazione non è la stessa in Tunisia ed Egitto. I legami tribali svolgono un ruolo molto importante, e quindi il conflitto sarà purtroppo più sanguinoso.
Si ricordi in ogni momento che la violenta guerra civile libica che si dispiega, non è paragonabile alle rivoluzioni viste in Tunisia e in Egitto. Entrambe queste rivoluzioni coinvolsero manifestanti pacifici che soffrivano per la povertà, in opposizione ai loro governi corrotti. Il caos in Libia è costituito da una miscela di conflitti tribali, conflitti per le entrate petrolifere (dal momento che la maggior parte del petrolio si torva a est del paese), degli islamisti radicali contro il sistema di governo di Gheddafi, e di destabilizzazione da parte di fuori da gruppi di esiliati finanziati dall’occidente.
Gheddafi ha preso il potere con un colpo di stato senza spargimento di sangue da un monarca malato e lontano per il trattamento medico, 41 anni fa. La sua ideologia si basa sulla unificazione e ha tentato di unire pacificamente il suo paese con l’Egitto e la Siria. Ci vorrebbe un miracolo affinché la violenza in atto porti a un unico governo democratico stabile in Libia, con il pieno controllo su tutto il paese. Il paese è grande più del doppio del Pakistan, ma ha 6 milioni di abitanti. Deserti senza fine separano molte delle città della nazione. Semmai dovremmo chiederci quante nazioni saranno frantumate nei prossimi mesi, mentre il mondo applaude.

Articolo preso da:http://www.blog.art17.it/2011/03/06/il-mondo-applaude-mentre-la-cia-affonda-la-libia-nel-caos/

 

Notare come certi articoli, dopo un po di tempo vengono fatti sparire, meno male che è stato ripubblicato qui: http://marionessuno.blogspot.it/2012/06/il-mondo-applaude-mentre-la-cia-affonda.html