SARS-CoV-2: A Virus “Made in” Capitalism

Misión Verdad
https://libya360.files.wordpress.com/2020/04/56e36-1noioei1bt2tppx8gzpetrw.jpeg
“Wetiko” is the term Native Americans use to describe the ”virus” of selfishness: Liana Buszka

What the new coronavirus pandemic has made very clear is that the drive for profit in the capitalist system can be fatal. Of course, this multi-layered crisis triggered by Covid-19 will have a disproportionate impact on vulnerable groups, in particular.

The risk of infection threatens workers in industrial sectors that have refused to cease operations and take adequate measures to protect them. But the virus also stalks marginalized populations around the world: refugees and migrants in European countries, for example, lack institutions to protect their health and well-being in those societies.

Francesco Della Puppa discussed the impact of the pandemic on immigrants, from refugees to asylum seekers in Italy, during an interview for Radio Melting Pot. He said that the Italian authorities have neglected to take minimum measures for the homeless in that country, which increasingly includes refugees and asylum-seekers fleeing war and violence in North Africa. They live in settlements with poor sanitary conditions, where contagion is very likely. They may also be excluded from social programmes, such as food support, if they do not have specific documentation.

The consequences of social and economic exclusion have been highlighted by the spread of the virus. However, it is the introductory reflection in the interview with Della Puppa that concerns us, when he emphasized that “there is nothing directly natural in the spread” of the new coronavirus.

And this is not to encourage the many different conspiracy theories that have emerged, much less those delusional stories from the United States that have gained strength to evade the problem by accusing the People’s Republic of China of spreading the virus.

For Della Puppa there is a combination of factors, all centered on the globalized organization of capitalism and its productive relations, which have provided the fertile ground for the development of new viruses and their evolution to transmission between humans.

We will review some of them.

The incidence of viruses and agro-industrial food production

The increase in industrial animal farming is creating conditions conducive to the spread of pathogens that could otherwise be curbed. Overcrowded domestic animal monocultures with depressed immune systems facilitate transmission rates for any virus strains that arrive there.

“These animals, more easily attacked by viruses, become the spillover, which is the migration from one species to another, until the virus reaches humans. This is because they are kept alive by force, inside an intensive breeding farm,” says Della Puppa.
The Philippines confirmed in February that African swine fever infections had spread to the south of the country. Photo: AFP

In the book Great Farms Make Great Flu, phylogeographer Rob Wallace investigates the connections between industrial farming practices and viral epidemiology. Interviewed for Real News Network, he illustrates the uniqueness of industrial production by reviewing the evolution of African Swine Fever, a virus that is transmitted between pigs and is having a disastrous effect on food security in Asia, where the population is largely dependent on pork for protein. The slaughter of millions of infected animals has pushed up global pork prices by 40%.

“African Swine Fever started in sub-Saharan Africa as a wild pathogen that was transmitted between the warthog and local soft ticks (…) in the 1920s it began to spread to domestic pig production. In 1950, it made its way to the Iberian Peninsula, Portugal and Spain, where it circulated for about 30 years before being crushed. However, it was in 2007 that the virus emerged in a form that exploded across Eastern Europe and the former Soviet Republics. And then, in 2018, it appeared in China. But the important thing to understand is that pathogens go through these changes in terms of their success in relation to the opportunities they are given”.

By manipulating large population densities, monocultures eliminate any “immune firewall” because, once the virus kills its host, it can easily enter the next one to continue reproducing.

In the specific case of African Swine Fever, the virus has not made the leap to human infection. But “thousands of farmers and meat processors and cleaning equipment are being exposed to the virus (…) there is always the possibility that the pathogens could evolve the ability to go from human to human,” warns Wallace.

Environmental Deforestation and Mining Devastation

The capitalist lifestyle has intensified the deforestation of remote natural environments to expand the territories of industrial agriculture and livestock, to exploit rare metals that serve the production of modern technologies or to expand the large metropolises.

Furthermore, the appearance of “enormous peri-urban areas, with very precarious sanitary conditions,” says Della Puppa, makes it easier for viruses to attack and spread, “which find their ideal habitat in these dense urban environments”.

The story of the bat in the Wuhan market, beyond the attempt to portray it as a Chinese phenomenon, reflects how the pathogens that were once encased in forests and jungles are now being released by multinational companies that appropriate the land and exploit it following the neoliberal model of generating economic profits.

Logging, mining, road construction and “hyper-urbanization” destroy natural animal habitats and areas of high biodiversity.
https://libya360.files.wordpress.com/2020/04/5a01c-1peku6mgb4ytjqpzpmsbd7w.jpegThe felling of forests and the loss of species open the door to new diseases. Photo: Reuters

To all this, Della Puppa adds that the melting of the polar ice caps, a product of global warming, will also release “swarms of unknown viruses, trapped for thousands of years in the glaciers, with unpredictable consequences.

The pandemic also has its roots in capitalism’s disruption of the ecosystem.

Covid-19 could have been prevented, but it was not profitable

Several research institutes in China or, for example, in 2012, the German Koch Institute, announced that all the conditions were in place for a virus most likely to emerge from Asian markets to infect the world, and described the symptoms and ways in which Covid-19 could be transmitted.

Just as Della Puppa stressed that the pandemic was predictable, researchers specializing in the different strains of the coronavirus agree that pharmaceutical companies could have started developing a vaccine and treatments for the virus years ago.

This is the view of structural biologist Rolf Hilgenfeld, who has been working on treatments for coronaviruses since SARS (a previous coronavirus outbreak) in 2002-2003.

In January, when the virulent behaviour of Covid-19 had not yet been determined, Hilgenfeld noted that companies were not allocating resources to research on coronaviruses because “the total number of people infected, if SARS, MERS and this new virus are combined, is less than 12,500 people. That is not a huge market. The number of cases is too small”.

Pharmaceutical companies would not risk investing in a drug to treat unpredictable outbreaks because of their impact and lucrative potential, even though ten years of research on coronaviruses alerted them to the latent threat of this family of diseases.

This logic of producing drugs for profit rather than human need can be encapsulated in one fact: several international viral outbreaks (SARS-CoV-1, MERS, Zika, Ebola, among others) have erupted into the 21st century claiming thousands of lives. So far, only the Ebola vaccine has reached the market.

If we examine the elements that led up to the pandemic, we will easily recognize that the only way to cut the spread of viruses and systemic crises lies in deceleration and countermeasures that can be applied against late capitalism and the structures that support it.

Source: https://libya360.wordpress.com/2020/04/28/sars-cov-2-a-virus-made-in-capitalism/

SARS-CoV-2: un virus “made in” capitalismo

‘Wetiko’ es el término que los indígenas nativos americanos usan para nombrar al “virus” del egoísmo. llustración: Liana Buszka

Lo que la pandemia del nuevo coronavirus ha dejado muy claro es que el afán de lucro en el sistema capitalista puede ser mortal. Por supuesto, esta crisis detonada en múltiples niveles por el Covid-19 tendrá repercusiones desproporcionadas en grupos vulnerables, principalmente.

El riesgo de infección amenaza a los trabajadores de sectores industriales que se han negado a detener sus operaciones y adoptar medidas adecuadas para protegerlos. Pero también el virus acecha a poblaciones marginadas en todo el mundo: refugiados y migrantes en países europeos, por ejemplo, carecen de instituciones que protejan su salud y bienestar en esas sociedades.

Francesco Della Puppa expuso el impacto de la pandemia en los inmigrantes, desde los refugiados hasta los solicitantes de asilo en Italia, durante una entrevista para Radio Melting Pot.

Relata que las autoridades italianas no han tomado medidas mínimas para las personas que viven sin techo en ese país, que cada vez incluye más a refugiados y solicitantes de asilo que huyen de la guerra y la violencia en el norte de África. Viven en asentamientos con condiciones sanitarias precarias, donde el contagio se hace muy probable. También se les puede excluir de los programas sociales, como apoyos en el suministro de alimentos, si no tienen un determinado documento.

Las consecuencias de la exclusión social y económica se han puesto de relieve con la propagación del virus. Sin embargo, es la reflexión introductoria en la entrevista a Della Puppa la que nos atañe, cuando enfatiza que “no hay nada directamente natural en la propagación” del nuevo coronavirus.

Y esto tampoco significa darle aliento a las variopintas teorías conspirativas que han emergido, mucho menos aquellos relatos delirantes que desde Estados Unidos han tomado fuerza para evadir el problema acusando a la República Popular China por la propagación del virus.

Para Della Puppa existe una combinación de factores, todos centrados en la organización globalizada del capitalismo y sus relaciones productivas, que han puesto el terreno fértil para el desarrollo de nuevos virus y su evolución a la transmisión entre humanos.

Revisemos algunos de ellos.

La incidencia de los virus y la producción agroindustrial de alimentos

El aumento de la cría industrial de animales está creando condiciones propicias para la propagación de patógenos que en otra situación podría ser frenada. Monocultivos de animales domésticos, hacinados en granjas, con sistemas inmunes deprimidos, facilitan las tasas de transmisión para cualquier cepa de virus que llegue ahí.

“Estos animales, más fácilmente atacados por los virus, se convierten en el llamado ‘spillover’, o el salto de una especie a otra, hasta que el virus llega a los humanos. Porque se les mantiene vivos a la fuerza, dentro de una granja de cría intensiva”, dice Della Puppa.

Filipinas confirmó en febrero que las infecciones de peste porcina africana se propagaron en el sur del país. Foto: AFP

En el libro Las grandes granjas hacen la gran gripe, el filogeógrafo Rob Wallace investiga las conexiones entre las prácticas agrícolas industriales y la epidemiología viral.

Entrevistado para Real News Network, ejemplifica esta singularidad de la producción industrial revisando la evolución de la peste porcina africana, un virus que se transmite entre los cerdos y que está teniendo un efecto desastroso en la seguridad alimentaria de Asia, donde la población depende en gran parte de la carne de cerdo para el consumo proteico. El sacrificio de millones de animales infectados ha disparado los precios de la carne de cerdo en un 40% a nivel mundial.

“La peste porcina africana comenzó en el África subsahariana como un patógeno silvestre que se transmitía entre el jabalí verrugoso y las garrapatas blandas locales (…) en la década de 1920 comenzó a extenderse a la producción doméstica de cerdos. En 1950, se abrió camino en la Península Ibérica, en Portugal y España, donde circuló durante unos 30 años antes de ser aplastado. Sin embargo, fue en 2007 cuando el virus surgió de una manera que explotó en toda Europa del Este y las antiguas repúblicas soviéticas. Y luego, en 2018, apareció en China. Pero lo importante es entender que los patógenos pasan por estos cambios en términos de su éxito en relación con las oportunidades que se les proporcionan”.

Al manipular grandes densidades de población, los monocultivos eliminan cualquier “cortafuegos inmunológico” porque, una vez que el virus mata a su hospedador, puede fácilmente entrar en el siguiente para continuar reproduciéndose.

En el caso específico de la peste porcina africana, el virus no ha dado el salto al contagio de humanos. Pero “miles de granjeros y procesadores de carne y equipos de limpieza están siendo expuestos al virus (…) siempre existe la posibilidad de que los patógenos puedan evolucionar la capacidad de ir de humano a humano”, advierte Wallace.

Deforestación ambiental y devastación minera

El estilo de vida capitalista ha intensificado la deforestación de entornos naturales remotos para expandir los territorios de la agricultura y ganadería industrial, explotar metales raros que sirven a la producción de las tecnologías modernas o ampliar las grandes metrópolis.

Además, la aparición de “enormes zonas periurbanas, con condiciones sanitarias muy precarias”, dice Della Puppa, hacen más fácil el ataque y contagio de los virus, “que encuentran en estos densos entornos urbanos su hábitat ideal”.

El cuento del murciélago en el mercado de Wuhan, más allá del intento por hacerlo un excepcionalismo chino, refleja cómo los patógenos que antes estaban encajonados en bosques y selvas son liberados por empresas multinacionales que se apropian de la tierra y la explotan siguiendo el modelo neoliberal de generar ganancias económicas.

La tala de árboles, la minería, la construcción de carreteras y la “hiper-urbanización” destruyen los hábitats naturales de los animales y las zonas de gran diversidad biológica.

La tala de bosques y la pérdida de especies abren la puerta a nuevas enfermedades. Foto: Reuters

A todo eso, Della Puppa, añade que el deshielo de los casquetes polares, producto del calentamiento global, también liberará “enjambres de virus desconocidos, atrapados durante miles de años en los glaciares, con consecuencias impredecibles”.

La pandemia también tiene sus raíces en las perturbaciones del capitalismo al ecosistema.

El Covid-19 podía ser prevenido, pero no era rentable

“Varios institutos de investigación de China o, por ejemplo, en 2012, el Instituto Alemán Koch, ya anunciaron que se daban todas las condiciones para que un virus probablemente procedente de los mercados asiáticos infectara al mundo, y describieron los síntomas y las formas en que se podría infectar el Covid-19”.

Así como Della Puppa subraya que la pandemia era predecible, investigadores especializados en las distintas cepas del coronavirus coinciden en que las compañías farmacéuticas podrían haber empezado a desarrollar una vacuna y tratamientos para el virus hace años.

Es lo que sostiene el biólogo estructural Rolf Hilgenfeld, quien ha estado trabajando en tratamientos contra los coronavirus desde el SARS (brote previo de coronavirus), en 2002–2003.

En enero, cuando el comportamiento virulento del Covid-19 no se había determinado, Hilgenfeld señaló que las empresas no destinaban recursos en investigaciones sobre los coronavirus porque “el número total de personas infectadas, si se combina el SARS, el MERS y este nuevo virus, es inferior a 12 mil 500 personas. Eso no es un mercado. El número de casos es demasiado pequeño”.

Las farmacéuticas no se arriesgarían a invertir en un fármaco para tratar brotes impredecibles en su impacto y potencial lucrativo, aun cuando diez años de investigación sobre coronavirus alertaron la amenaza latente de esta familia de enfermedades.

Esta lógica de producir medicamentos con fines de lucro y no para satisfacer las necesidades humanas se resume en un dato: varios brotes virales internacionales (SARS-CoV-1, MERS, Zika, Ébola, entre otros) han irrumpido en el siglo XXI cobrando miles de vidas. Hasta los momentos, solo la vacuna para el Ébola ha llegado al mercado.

Si examinamos los elementos que nos trajo hasta la pandemia, reconoceremos con facilidad que la única forma de cortar la propagación de virus y crisis sistémicas yacen en la desaceleración y contramedidas que se puedan aplicar frente al capitalismo tardío y las estructuras que lo sustentan.

Original: https://medium.com/@misionverdad2012/sars-cov-2-un-virus-made-in-capitalismo-4ce1296588f0

House-to-House: How Venezuela is Stopping the Coronavirus (with the Help of Cuban Doctors)

One of the strategies for dealing with the coronavirus in Venezuela is, in addition to quarantine, house-to-house visits that doctors make to detect cases of contagion and treat them early. Many of the doctors are Cuban, and they walk around the neighbourhoods every day in their white coats and masks.

They search for cases of coronavirus infection even inside the home. This is what the so-called “house-to-house” approach is about, one of the most effective methods that has been implemented in Venezuela, along with quarantine, to deal with the COVID-19 pandemic.

The scenario has been repeated every day since the deployment of the SARS-CoV-2 strategy began shortly after the first cases were confirmed in the country on Friday, March 13. Currently, in the state of Miranda alone, in central-northern Venezuela, at least 1,500 Cuban doctors are covering the neighbourhoods with their white coats, chins, lists to be filled in with data on the people visited in their homes.

Arreaza claims that the U.S. is lying when it asks Venezuela to accept humanitarian aid It is not a random route. The deployment is based on a database collected by the government through a digital data storage system – called Plataforma patria – where those who have symptoms warn of their situation.

Thus, instead of having an influx to health centers, doctors go to those who may have COVID-19.

“We go doctors, nurses, laboratory personnel, looking for the houses where there are people who have had contact with people from abroad and people who have symptoms and have reported through the Plataforma patria,” explains Rafael Crespo Plasencia, a doctor who recently arrived from Cuba to join the battle against the coronavirus.

The work is also educational: “There are still people who do not perceive risk, they have not been very well informed despite all the information networks, radio, television. At home they are informed that they should wear a face mask and wash their hands”.

The majority of people comply with the rules, although during a tour of a popular neighbourhood in Petare, in Caracas, Plasencia pointed out that some people still do not use a mask when they stand, for example, at the door of their house. This is the absence of risk perception, he insists.

How does the Venezuelan health system work?

The San Miguel Arcángel Integral Diagnostic Center (CDI), or Petare Cemetery, as it is known in the area, is located on a main avenue. Behind it is one of Petare’s many neighbourhoods that rises on a hill through narrow streets, corridors, stairs, a labyrinth for those who do not know.

The ICDs belong to the secondary level of health: on the first level are the Barrios Adentro clinics, and on the third level are the hospitals. The CDIs, together with the consulting rooms, are part of the health architecture that was developed during the Bolivarian revolution in conjunction with the Cuban medical mission in the country.

One of the keys to that system was based on two central pieces: prevention and community participation, which are part of the current keys in the strategy to combat the coronavirus.

The health personnel who go out every morning to tour the neighbourhood from the CDI are accompanied by an individual belonging to one of the popular forms of organization that exist in the neighbourhood, such as communal councils, communes, local supply and production committees.

See the source image

“We accompany the doctors on the tours to take them to the houses, we are always there, because we know our community, we know the cases, otherwise they are like boats adrift,” explains Norma Josefina Urbina, part of the community council, who walks with Plasencia and the health group that tours the steep neighbourhood.

They are another great strength along with the digital database with the cases of people with coronavirus. They know who lives in the homes, the people most at risk, who had symptoms and didn’t report them. They guide Cuban and Venezuelan doctors with knowledge of the area.

The objective is “to detect any person who has any symptoms, including respiratory ones, and to visit and assess the state of health of the most vulnerable groups, such as the elderly, women, pregnant women and people with chronic diseases,” explains Carlos Luis Oliver Santana, a Cuban doctor who has been in the country for a year.

A total of 11,988 people have been visited, of the approximately 37,000 who live within the radius of action of the CDI Petare Cemetery. The work is daily, constant.

In the houses they talk to people, ask questions about possible symptoms, contact with people who have returned from abroad or who have had the virus and “if we notice any symptoms or evidence” then the person is transferred to the CDI and “is given a quick test that does not cost anything.

The Petare Cemetery

Petare belongs to the state of Miranda, where about 3 million people live. There are 60 ICDs for this territory, of which 38 are the Sentinel ICDs, which provide 24-hour surveillance to deal with the pandemic. “They deal with all pathologies, but only respiratory conditions related to the coronavirus are admitted,” explains Angel Sierra, the state’s deputy chief medical officer.

The CDI Cemetery of Petare is one of these 38 sentinels and has been equipped to carry out this mission. At the entrance there is a doctor protected from head to toe with a complete suit, gloves, mask, and eye protection, who receives patients with symptoms.

Patients are then given a quick test to see if they are positive for COVID-19. “They don’t go anywhere else unless they test positive or have symptoms of the virus and don’t have a positive test, or have a positive test without symptoms,” Santana explains.

If they are in one of these situations, they are admitted to the intensive care unit where they are isolated, placed under observation for 14 days – the incubation time of the virus – and given the various drugs, such as interferon, to strengthen the immune system.

Once they are discharged, “a doctor will visit you at home for seven days to see that there are no symptoms”.

Sierra explains that they have “all the resources, supplies, medicines and equipment to treat the coronavirus in all the ICDs. In Miranda, they have a total of 2,198 members of the Cuban health team, of whom an average of 1,600 travel to investigate, while the rest provide care.

“Between 49,000 and 52,000 patients are seen daily, and 500 are detected with respiratory symptoms every day”.

Coronavirus in Venezuela: a model of combat

The house-to-house system has been successful in Venezuela. It is a method that builds on what had already been established in terms of healthcare and popular organization, reinforced by the arrival of medical supplies from countries such as China, Russia, Cuba, as well as international agencies such as the Red Cross and the Pan American Health Organization (PAHO), the regional arm of WHO.

Its implementation has made it possible to launch an offensive against the coronavirus, conducting a search of every home to detect it early and avoid complications in patients, breaking the chains of transmission, and preventing its proliferation – which can be very fast, as has been demonstrated in other countries, such as Italy and Spain.

This is part of the reason why the curve remains flat in Venezuela. The role played by Cuban aid is crucial, as much as it was in building part of the healthcare system from the beginning of the Bolivarian revolution. There are doctors, every day, in the hills, in their white coats, masks, knocking on door after door, asking questions, giving advice, contributing to the battle against the pandemic.

Original: https://libya360.wordpress.com/2020/04/20/house-to-house-how-venezuela-is-stopping-the-coronavirus-with-the-help-of-cuban-doctors/

 

A la caza casa por casa: así frena Venezuela el coronavirus (y con médicos cubanos)


Por

Una de las estrategias para enfrentar el coronavirus en Venezuela es, además de la cuarentena, el trabajo de visita casa por casa que realizan los médicos para detectar los casos de contagio y tratarlos tempranamente. Muchos de ellos son cubanos, recorren los barrios cada día con sus batas blancas y tapabocas.

Ir a buscar los casos contagiados de coronavirus hasta dentro de los hogares. De eso trata el denominado “casa por casa”, uno de los métodos más eficaces que ha sido implementado en Venezuela, junto con la cuarentena, para enfrentar la pandemia de COVID-19.

La escena se repite todos los días desde que comenzó el despliegue de la estrategia contra el SARS-CoV-2 poco después de confirmados los primeros casos en el país, un viernes 13, el pasado marzo. Actualmente, solo en el estado de Miranda, centro-norte venezolano, al menos 1.500 médicos cubanos recorren los barrios con sus batas blancas, barbijos, listados a rellenar con datos de la gente visitada en sus casas.

No se trata de un recorrido azaroso. El despliegue se realiza en base a una base de datos recogida por la encuesta que realiza el gobierno a través de un sistema digital de almacenamiento de datos —llamado Plataforma patria—, donde quienes tienen síntomas avisan de su situación.

Así, en vez de tener una afluencia hacia los centros de salud, los médicos van hacia quienes pueden tener COVID-19.

“Vamos médicos, enfermeros, personal de laboratorio, en busca de las casas donde haya personas que hayan tenido contacto con personas del exterior y personas que tengan síntomas y hayan informado por la Plataforma patria”, explica Rafael Crespo Plasencia, un médico que llegó hace poco de Cuba para sumarse a la batalla contra el coronavirus.

El trabajo es también pedagógico: “Todavía hay personas que no tienen la percepción de riesgo, no se han informado muy bien a pesar de todas las redes informativas, radio, televisión. En el casa a casa se les informa que deben usar mascarilla, tapaboca, cómo deben lavarse las manos”.

El acatamiento a las normas es mayoritario, aunque, durante el recorrido por un barrio popular de Petare, en Caracas, Plasencia señala cómo alguna gente aún no utiliza el barbijo cuando está, por ejemplo, en la puerta de su casa. Es la falta de percepción de riesgo, insiste.

¿Cómo funciona el sistema de salud venezolano?

Recorrido de los médicos cubanos del CDI cementerio de Petare durante el casa a casa
© Sputnik / Marco Teruggi
Recorrido de los médicos cubanos del CDI cementerio de Petare durante el casa a casa

El Centro de Diagnóstico Integral (CDI) San Miguel Arcángel, o Cementerio de Petare, como se lo conoce en la zona, está situado sobre una avenida principal. A sus espaldas se encuentra uno de los tantos barrios de Petare que se eleva sobre un cerro por calles angostas, pasillos, escaleras, un laberinto para quien no conozca.

Los CDI pertenecen al nivel secundario de salud: en el primer nivel están los consultorios Barrios Adentro, y en el tercero los hospitales. Los CDI, de conjunto con los consultorios, son parte de la arquitectura de salud que se desarrolló durante la revolución bolivariana en conjunto con la misión médica cubana en el país.

Una de las claves de ese sistema se fundó en dos piezas centrales: la prevención y la participación de la comunidad, que son parte de las claves actuales en la estrategia de lucha contra el coronavirus.

El doctor Rafael Crespo Plasencia conversa con una mujer que está siendo visitada en su casa
© Sputnik / Marco Teruggi
El doctor Rafael Crespo Plasencia conversa con una mujer que está siendo visitada en su casa

El personal de salud que cada mañana sale a recorrer el barrio desde el CDI lo hace acompañado por una persona que pertenece a una de las formas de organización popular que existen en el barrio, como son consejos comunales, comunas, comités locales de abastecimiento y producción.

“Acompañamos a los médicos en los recorridos para llevarlos a las casas, siempre estamos, porque uno es el que conoce su comunidad, sabe los casos, sino vienen como barcos a la deriva”, explica Norma Josefina Urbina, parte del consejo comunal, que camina junto a Plasencia y el grupo de salud que recorre el barrio empinado.

Son la otra gran fortaleza junto a la base de datos digital con los casos de personas con coronavirus. Saben quienes viven en las casas, las personas de mayor riesgo, quienes presentaron síntomas y no lo notificaron. Guían a los médicos cubanos y venezolanos con conocimiento de la zona.

El objetivo es “detectar toda persona que tenga alguna sintomatología, ya sea respiratoria, y visitar y corroborar el estado de salud de los grupos más vulnerables, adultos mayores, mujeres, embarazadas, personas con enfermedades crónicas”, explica por su parte Carlos Luis Oliver Santana, médico cubano que lleva un año en el país.

En total ya visitaron 11.988 personas, de las cerca de 37.000 que viven en el radio de acción del CDI Cementerio de Petare. El trabajo es diario, constante.

En las casas conversan con la gente, realizan preguntas sobre posibles síntomas, contacto con gente que haya regresado del exterior o que haya tenido el virus y “si notamos algún síntoma o evidencia” entonces la persona es trasladada al CDI y “se le hace el test rápido que no le cuesta nada“.

El Cementerio de Petare

Ingreso al CDI cementerio de Petare donde un médico recibe a las personas que pueden estar afectadas con coronavirus
© Sputnik / Marco Teruggi
Ingreso al CDI cementerio de Petare donde un médico recibe a las personas que pueden estar afectadas con coronavirus

Petare pertenece al estado Miranda, donde viven cerca de 3 millones de personas. Existen, para ese territorio, 60 CDI, de los cuales 38 son los CDI centinelas, de vigilancia 24 horas para enfrentar la pandemia: “Atienden todas las patologías, pero ingresan únicamente afecciones respiratorias que estén en relación con el coronavirus”, explica Ángel Sierra, vicejefe de asistencia médica en el estado.

El CDI Cementerio de Petare es uno de esos 38 centinelas y ha sido equipado para llevar adelante esa misión. En el ingreso se encuentra un médico protegido de pies a cabezas con un traje completo, guantes, mascarillas, protección para los ojos, que recibe a los pacientes que presentan sintomatologías.

A los pacientes se les realiza luego el test rápido para saber si son positivos al COVID-19. “No pasan a ninguna otra parte al menos que dé positivo o tenga la sintomatología del virus y no tenga test positivo, o tenga test positivo sin sintomatología”, explica Santana.

Realización de prueba de coronavirus a una paciente en el CDI cementerio de Petare
© Sputnik / Marco Teruggi
Realización de prueba de coronavirus a una paciente en el CDI cementerio de Petare

En caso de estar en una de esas situaciones ingresan a la sala de terapia intensiva donde se los aísla, se los pone en observación durante 14 días —tiempo de incubación del virus— y se les suministran los diferentes medicamentos, como el interferón, para fortalecer el sistema inmunológico.

Una vez que se les da el alta, “un médico va a visitarlo a su casa durante siete días para ver que no haya ninguna sintomatología”.

Sierra explica que tienen “todos los recursos, insumos, medicamentos y equipamiento para atender el coronavirus en todos los CDI”. En Miranda cuentan con un total de 2.198 miembros del equipo de salud cubano, de los cuales sale un promedio de 1.600 a pesquisar mientras el resto garantiza la atención.

“Se atiende de 49.000 a 52.000 pacientes diarios, detectándose con síntomas respiratorios 500 diarios, que se les da atención, se realiza los test y el despistaje”.

Coronavirus en Venezuela: un modelo de combate

Vecinos del barrio donde se despliega la visita casa por casa en Petare
© Sputnik / Marco Teruggi
Vecinos del barrio donde se despliega la visita casa por casa en Petare

El sistema casa por casa ha dado resultados en Venezuela. Se trata de un método que se apoya sobre lo que ya había sido edificado en materia de salud y de organización popular, reforzado con la llegada de insumos médicos de países como China, Rusia, Cuba, así como de organismos internacionales como la Cruz Roja y la Organización Panamericana de la Salud (OPS), brazo regional de la OMS.

Su implementación ha permitido una ofensiva sobre el coronavirus, una búsqueda en cada casa para detectarlo de manera temprana y evitar complicaciones en los pacientes, cortar las cadenas de transmisión, evitar su expansión —que puede ser muy veloz, como ha quedado demostrado en otros países, Italia y España por ejemplo—.

Es parte de las razones por las cuales la curva se mantiene aplanada en Venezuela. El papel jugado por la ayuda cubana es central, tanto como lo fue para construir parte del sistema de salud desde inicios de la revolución bolivariana. Allí están los médicos, cada día, en los cerros, con sus batas blancas, mascarillas, golpeando puerta tras puerta, preguntando, aconsejando, aportando en la batalla contra la pandemia.

Original: https://mundo.sputniknews.com/america-latina/202004171091154019-a-la-caza-casa-por-casa-asi-frena-venezuela-el-coronavirus-y-con-medicos-cubanos/

BioCubaFarma in the COVID-19 battle

Photo: Ricardo López Hevia

To learn about progress being made in scientific research to identify new products to treat COVID-19, Granma interviews Dr. Eduardo Martínez Díaz, president of the BioCubaFarma Enterprise Group:

-What has the Cuban biotechnology and pharmaceutical industry been doing to confront COVID-19?

-Our Enterprise Group has a specific plan with four fundamental components which are

*Supply medicines included in the COVID-19treatment protocol established by the Ministry of Public Health (Minsap).

*Research and development to provide new products and knowledge to combat this virus

*Cooperation with other countries in supplying drugs to fight the pandemic

*Take steps internally within our companies to protect workers and guarantee operations under current circumstances

-How many products does BioCubaFarma currently provide for Cuba’s COVID-19 treatment protocol?

-At the beginning, 22 medicines were identified, several anti-virals, primarily Interferon, and an important group of drugs for hospital use with patients in different phases, including those in serious and critical condition. We currently have stocks of these for thousands of patients and continue to expand production capacity.

BioCubaFarma companies have added production of face masks and sanitizing products such as medicinal soaps, hypochlorite solution, hydroalcoholic solutions, etc.

Likewise, based on the capacity of our equipment and device plants, in collaboration with other companies in the country and self-employed workers, we are working on the repair of equipment much-needed to confront the pandemic, including ventilators, while we are also manufacturing individual protective wear, mainly masks with filters, visors, goggles and suits.”

-What are the most significant scientific advances?

-We initially created a BioCubaFarma working group and activated our Scientific Council commissions, to focus on confronting the epidemic. One of the ongoing tasks has been the search for information, the study of the characteristics of the virus and the behavior of the pandemic in general.

Information processing has allowed us, in a relatively short period of time, to make proposals for the use of drugs and their incorporation into the treatment protocol, or for their initial clinical evaluation.

Today we know that once infection with sars-CoV-2 has occurred, a patient’s condition can take two different paths: Eighty percent of those infected experience a mild case of the disease or are asymptomatic; 20% develop complications and serious or critical conditions. Unfortunately, the average fatality rate globally is above 5% and in some countries exceeds 10%.

The difference between first group and the second is mainly in the status of the infected person’s immune system. Severe cases are known to show 60 times the viral load of mild cases. This occurs because people with weak immune systems do not respond immediately to infection and this virus, which has a high capacity for reproduction, rapidly reaching high levels of copies.

Several risk groups, which all tend to have weak immune systems, have been identified and are more vulnerable to complications when infected with the new coronavirus.

These risk groups include adults over 60 years old, persons with immunosuppressive diseases, diabetes, cancer, high blood pressure, etc.

In view of this scenario, we are focused on developing medications to strengthen the immune systems of vulnerable patients, drugs with antiviral effect and those to prevent deaths among serious and critical patients.

During the last few weeks, Biomodulin t and Transfer Factor, two drugs that strengthen the immune system, have been included in the COVID-19 protocol. A variant of interferon is also being produced for nasal administration, which will be used as a preventive.

On the other hand, two broad-spectrum vaccines are being evaluated to stimulate the innate immune system. They are new types of vaccines that we have been working on, precisely to ”train” the immune systems of those who are susceptible to viral infections.

Such products allow the body to be prepared to develop a more effective immune response once infected. These vaccines could soon be incorporated into the protocol for combating COVID-19.

-What is being done to prevent the deaths of critically or seriously ill patients?

-As I mentioned earlier, patients in serious condition may develop a viral load 60 times higher than those with a mild case of the disease. This high viral load produces a response in the organism, which leads to what is called a “cytokine storm,” causing a process of hyperinflation that aggravates the patient’s condition.

Based on this information, we have studied in detail the molecular mechanisms and have identified drugs with the capacity to stop this ”cytokine storm”, which can cause the death of patients in a short period of time.

Similarly, we proposed two medications to the Minsap expert group for use with serious and critical patients. After a rigorous analysis, their evaluation was approved in a controlled manner. It should be noted that these drugs have been certified pharmacologically as safety and effective in treating other diseases under study.

Thus far, these drugs have been used in several patients with COVID-19 and we are beginning to see encouraging results, although of course we need to wait for more evidence to determine that the products are having the desired effect and saving lives.

-I have read news reports stating that interferon has not been clinically proven as effective against COVID-19?

-None of the products used worldwide today in the treatment of COVID-19 have any clinical evidence demonstrated in a controlled study. There has not been enough time to conduct clinical trials with all the necessary rigor to evaluate the efficacy of any specific drug in this pandemic.

A large number of drugs have been proposed and approved by regulatory authorities in countries around the world. We are doing the same. For example, each proposal from our scientists is analyzed by the BioCubaFarma working group and then presented to a group of experts at Minsap – including several from Cecmed and the Coordinating Center for Clinical Studies (Cencec) – where they may approved.

We have established special mechanisms for the rapid evaluation and approval of the protocols, while always maintaining a high level of rigor.

In the case of Recombinant Human Interferon Alpha 2b, produced in our country, it is included in the COVID-19 treatment protocol, along with other chemical antivirals. Interferon helps the body fight the virus by activating the immune system and mechanisms that inhibit viral replication.

We know that since the beginning of the epidemic in China, Interferon was incorporated into the treatment protocol. Based on results obtained, this drug was recommended by expert consensus and became part of the therapeutic guidelines that were approved, not only in China, but also in other countries.

In the particular case of Cuba, the use of this drug in the COVID-19 epidemic has shown very positive results in terms of preventing patients from evolving toward serious condition.

-Are you working on specific preventive vaccines for this virus?

-The number of person infected who remain asymptomatic has not been documented in the specialized literature yet. These patients are one of the fundamental causes of the epidemic’s rapid expansion, hence the importance of active research to identify and isolate these individuals.

Today, what is needed in continuing to live this epidemic, containing transmissions in order to manage the situation until a specific preventive vaccine is developed. Reports indicate that work is underway on 60 vaccine candidates worldwide and human trials have begun for two.

We are focused on developing specific preventive vaccines for this virus, as well. We have designed four candidates and are working quickly to begin testing them in animal models as soon as possible.

-Are you working on the development of diagnostic systems?

-Yes, the pcr test, as it is known, (Polymerase Chain Reaction) in real time is the key to confirming cases of the virus. Rapid diagnostic systems have been developed to measure antibodies, which are produced when an infection occurs.

We are working on the development of an Elisa (Enzyme-Linked ImmunoSorbent Assay) system based on our Ultramicro-Analytic System (SUMA) technology, which should be available in the coming weeks. It is really a challenge to have the system set up and tested in such a short time, but we are working hard to achieve this.

Original: http://en.granma.cu/cuba/2020-04-15/biocubafarma-in-the-covid-19-battle

Chemical and Biological Weapons: The US Government Waged a War Against its Own Citizens

Larry Romanoff

For the past 70 or so years, the US government waged a war against its own citizens, a reprehensible history of illegal, unethical and immoral experiments exposing countless US civilians to deadly procedures and pathogens.

According to a US Congressional investigation, by the late 1970s:

at least 500,000 people were used as subjects in radiation, biological and chemical experiments sponsored by the US Federal Government on its own citizens”.

Screenshot: Tampa Bay Times, October 7, 2005

The United States Government Accountability Office issued a report on September 28, 1994, which stated that between 1940 and 1974, the United States Department of Defense and other national security agencies studied hundreds of thousands of human subjects in tests and experiments involving hazardous substances.

“Many experiments that tested various biological agents on human subjects, referred to as Operation Whitecoat, were carried out at Fort Detrick, Maryland, in the 1950s. The human subjects originally consisted of volunteer enlisted men. However, after the enlisted men staged a sit-down strike to obtain more information about the dangers of the biological tests. No follow-ups of note were done, nor were records kept, of the participants. The US military later claimed it had contact information for only about 1,000 of the original participants. [The] United States biological defense program contains scores of divisions, departments, research groups, bio-intelligence and more, by no means all related to “defense” in any sense.”

From the document: American nuclear Guinea Pigs: Three decades of radiation experiments on U.S. citizens: Report prepared by the Subcommittee on Energy Conservation and Power, of the Committee on Energy and Commerce, U.S. House of Representatives, November, 1986: U.S. Government Printing Office, Washington, 1986, 65-0190

“The human subjects were captive audiences or populations that experimenters might frighteningly have considered “expendable”: the elderly, prisoners, hospital patients suffering from terminal diseases or who might not have retained their full faculties for informed consent. … no evidence that informed consent was granted. … the government covered up the nature of the experiments and deceived the families of deceased victims as to what had transpired. … subjects received doses that approached or even exceed presently recognized limits for occupational radiation exposure. Doses were as great as 93 times the (maximum) body burden recognized”. The paper then proceeds: “Some of the more repugnant or bizarre of these experiments are summarized below.”

Few Americans seem aware of their own government’s programs of human experimentation, an unconscionable litany of atrocities performed by the CIA and military on an innocent and uninformed population, always without consent and most often with tragic results.

These included extensive programs of mind-control experiments, interrogation/torture experiments, deliberate infection with deadly or debilitating diseases, exposure to severe radioactivity and every manner of biological, bacteriological and toxic chemical pathogens. They encompassed brainwashing, torture, electroshock, nerve agents, drugs and exotic hypnosis and surgical experiments including lobotomies, and a wide range of pharmacological “research”, all conducted on innocent, uninformed and helpless civilian victims ranging from newborn babies to adults.

The substances used – the “tools of their trade” – included LSD, heroin, morphine, Benzedrine, marijuana, cocaine, PCP, mescaline, Metrazol, ether, nerve gases VX and Sarin, toxic chemicals such as zinc cadmium sulfide and sulfur dioxide, a variety of biological agents, sulfuric acid, scopolamine, mustard gas, radioactive isotopes, and various dioxins from Dow Chemical. They also included electroshock, synthetic estrogens, live cancer cells, animal sexual organs transplanted into humans, cow blood transfusions and much more. Deliberately-transmitted diseases included syphilis, gonorrhea, hepatitis, cancer, bubonic plague, beriberi, cholera, whooping cough, yellow fever, dengue fever, encephalitis and typhoid, Lyme Disease, hemorrhagic fever and much more.

Screenshot, New York Post

Experiments were performed on children, orphans, the sick and mentally disabled, prisoners who were given no choice in participation. Hospital patients were often told they were receiving medical treatment, but instead were used as subjects in deadly experiments.  (See Hornblum Allen M.; Newman Judith Lynn; Dober Gregory J. (2013). Against Their Will: The Secret History of Medical Experimentation on Children in Cold War America. Palgrave Macmillan. ISBN 978-0-230-34171-5)

We will never know the total number who died. If you don’t mind nightmares, do some research on the CIA’s MK-ULTRA program. Many of these experiments continued until the late 1990s and beyond, and many people claim – and provide evidence – that they still continue today.

Three days after his speech decrying Soviet tactics, Allen Dulles approved the beginning of MK-Ultra, a top-secret CIA program for “covert use of biological and chemical materials.” “American values” made for good rhetoric, but Dulles had far grander plans for the agency’s Cold War agenda.

MK-Ultra’s “mind control” experiments generally centered around behavior modification via electro-shock therapy, hypnosis, polygraphs, radiation, and a variety of drugs, toxins, and chemicals. These experiments relied on a range of test subjects: some who freely volunteered, some who volunteered under coercion, and some who had absolutely no idea they were involved in a sweeping defense research program. From mentally-impaired boys at a state school, to American soldiers, to “sexual psychopaths” at a state hospital, MK-Ultra’s programs often preyed on the most vulnerable members of society. The CIA considered prisoners especially good subjects, as they were willing to give consent in exchange for extra recreation time or commuted sentences. ( CIA’s MK-ULTRA program.)

These human research programs were funded by the US government and performed mostly through the CIA and the military, but with full cooperation from most major universities and hospitals. They were highly secretive, their existence undiscovered until after many years of operation. Faced with court orders to release the records, the CIA and military instead destroyed most of the documents, a few records surviving only by filing and communication errors, the available evidence covering only a minuscule portion of the violations and atrocities committed.

“From 1960 until 1971, Dr. Eugene Saenger, a radiologist at the University of Cincinnati, exposed poor and mostly black patients to whole body radiation. They were not asked to sign consent forms, nor were they told the Pentagon funded the study. Patients were exposed, in the period of one hour, to the equivalent of about 20,000 x-rays worth of radiation.”

Most of the patients died, but Dr. Saenger recently received a gold medal for “career achievements” from the Radiological Society of North America.

From the 1950s onward, mentally disabled children at the Willowbrook State School in Staten Island, New York were intentionally infected with viral hepatitis by feeding them an extract made from the feces of infected patients. Saul Krugman of New York University promised the parents of mentally disabled children that their children would be enrolled into Willowbrook in exchange for signing a consent form for procedures that he claimed were “vaccinations.” In reality, the procedures involved deliberately infecting children with viral hepatitis.

Lauretta Bender: The Psychiatrist From Hell. Lauretta Bender was a neuropsychiatrist at Bellevue Hospital in the 1940s and early 1950s who pioneered electroshock therapy on small children who inevitably regressed into violent and catatonic states, most ending dead or in prison. Bender later expanded her treatments to include LSD and, in spite of her inhuman brutality, the NYT published a glowing obituary when she died – as it did for the many dozens of such persons.

Beginning around 1950, the US Army conducted at least 240 open-air bio-warfare attacks on American cities, releasing deadly nerve agents and bacteria from Alaska to Hawaii. The CIA released whooping cough bacteria from the sea near Tampa Bay, Florida, causing an epidemic that left tens of thousands of people extremely ill and killing many others. The US Navy simulated biological warfare attacks by spraying large quantities of a bacteria over San Francisco, in which many citizens died and countless contracted severe pneumonia-like illnesses. When the information was leaked, military sources insisted the bacteria were harmless, but countless thousands incurred serious urinary tract and respiratory infections, pneumonia and other illnesses, infections which were permanent: “To this day, these bacteria are a leading cause of death among the elderly in the San Francisco area”.

The US military conducted around 1,000 above-ground nuclear tests to determine the effects of radiation on a population. The Public Health Service was instructed to tell citizens downwind from nuclear bomb tests that the increases in cancers were due to neurosis, and Eisenhower ordered that women with radiation sickness, spontaneous abortions, hair loss, leukemia and brain cancer be told they were suffering from “housewife syndrome”.

A secret AEC document dated April 17, 1947, titled Medical Experiments in Humans stated:

“It is desired that no document be released which refers to experiments with humans that might have an adverse reaction on public opinion or result in legal suits. Documents covering such fieldwork should be classified Secret.”

An indication of the callous and obscene nature which has always pervaded the US government:

Kodak began receiving customer complaints about fogged film, the cause traced to packaging material – Indiana corn husks contaminated with radioactivity. The US government secretly agreed to provide Kodak with advance information on all future nuclear tests, including “expected distribution of radioactive material in order to anticipate local contamination”. The victims now tell us, “. . . the Government warned the photographic industry and provided maps and forecasts of potential contamination. Where were the warnings to parents of children in these areas? The Government protected rolls of film, but not the lives of our kids. Why did they do that when they had all the information about hot spots and fallout, and yet they did not warn the people of this country about the dangers inherent in radioactive fallout?” Their government didn’t tell them because they were the guinea pigs in the tests.

You can read about some of the more prominent cases here, here, here, and here. Also Robert McNamara’s infamous Project 100,000, Operation DEW, Operation LAC, Project SHAD, Project 112, Lyme Disease, Nerve gas and Dead Sheep at Dugway.

And it wasn’t only War on America

The accumulated evidence of the American use of biological weapons in China and North Korea is beyond dispute, but the US government has lied about it for 70 years.

It is also documented beyond dispute that the US conducted a decades-long campaign of biological warfare against little Cuba, including the distribution of hemorrhagic fever, and the swine flu that caused Cuba to kill all 500,000 pigs in the country. The Americans not only lied about this for 70 years but accused Cuba of being “a pariah state” with a biological warfare program. (1)

And not only Cuba. The US has deployed Chemical and Biological weapons on Canada, the Philippines, Puerto Rico, Colombia, Vietnam, China, North Korea, Vietnam, Laos, Cambodia and more.

Larry Romanoff is a retired management consultant and businessman. He has held senior executive positions in international consulting firms, and owned an international import-export business. He has been a visiting professor at Shanghai’s Fudan University, presenting case studies in international affairs to senior EMBA classes. Mr. Romanoff lives in Shanghai and is currently writing a series of ten books generally related to China and the West. He can be contacted at: 2186604556@qq.com.

He is a Research Associate of the Centre for Research on Globalization (CRG) 

Source: https://libya360.wordpress.com/2020/04/12/chemical-and-biological-weapons-the-us-government-waged-a-war-against-its-own-citizens/

Sentire bolivariano: Cuba e Fidel

Adam Chávez Frías, Alainet, 2 dicembre 2019
“Se la filosofia dell’espropriazione cessa, la filosofia della guerra cesserà”
Fidel Castro Ruz

Quasi un quarto di secolo fa, Fidel tenne un discorso all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che oggi, in un mondo sconvolto davanti al dominio egemonico del capitalismo, mantiene una validità colossale. Lì, il comandante, il grande soldato delle idee, chiarì che i popoli “vogliono un mondo senza egemonismi, armi nucleari, interventismo, razzismo, odio nazionale o religioso, oltraggi alla sovranità di qualsiasi Paese, con rispetto per l’indipendenza e l’autodeterminazione dei popoli, senza modelli universali che non considerano tradizioni e cultura di tutte le componenti dell’umanità, senza embarghi crudeli che uccidono uomini, donne e bambini, giovani e vecchi, come bombe atomiche silenziose.

Vogliamo un mondo di pace, giustizia e dignità in cui tutti, senza eccezione, abbiano il diritto a benessere e vita”. Sembra che Fidel, come Bolivar, ci guardi “seduto saldo sulla roccia per creare”, parafrasando Marti, vigile e sveglio, attento agli eventi e preoccupato dal destino del pianeta e della specie umana. E è che il leader della rivoluzione cubana, oltre ad essere un eccezionale rivoluzionario, sempre all’avanguardia nelle lotte rivoluzionarie del suo popolo e dei popoli latino-caraibici, è diventato una torcia ideologica, una scuola, guida ed esempio da seguire per diverse generazioni di uomini e donne che, in tutto il mondo, si sono dati e si danno al compito più nobile che esista, la costruzione della pace e del socialismo come unico modo per garantire benessere e progresso dell’umanità.
In questi giorni, il 2 dicembre, commemoriamo i 63 anni dello sbarco del Granma a Cuba. Quella mattina storica, l’equipaggio comandato da un giovane Fidel, dalla forte volontà e l’irriducibile convinzione di liberare la propria patria, erano disposti a vincere o morire, guidati dalla fermezza morale e combattiva di chi poi divenne il leader eterno della prima rivoluzione socialista in America Latina e nei Caraibi. Fu l’inizio dell’atto rivoluzionario per dare a Cuba una vita dignitosa. Una lotta le cui ragioni espose in modo esemplare in La storia mi assolverà, il discorso in cui coraggiosamente tracciato, davanti al tribunale di Batista, il programma politico e i profondi cambiamenti, sociali ed economici, che avrebbero avuto luogo una volta ottenuta la vittoria popolare. Era qualcosa che caratterizzò sempre Fidel: dire la verità.
In questa terra, nella Patria di Bolivar, un soldato del Popolo fu nutrito dal pensiero e dall’opera del leader cubano e finì per dedicare la vita alla causa della nostra liberazione nazionale. Per Hugo Chávez, Fidel fu un insegnamento permanente: “Fidel è un padre, un compagno, un perfetto insegnante di strategia”, disse il nostro Comandante Eterno. I terribili eventi dell’11 aprile 2002 ancora si agitano nella memoria collettiva e ricordiamo il presidente cubano quando, rompendo il blocco mediatico imposto dal governo golpista, con un’azione coraggiosa che rimarrà indelebile nei nostri cuori, stabilì un contatto telefonico con Chávez la mattina del 12, per guidarlo in quel momento critico. E la sua azione si rivelò, ancora una volta per il bene della Rivoluzione Bolivariana, riuscitissima. Il nostro popolo non lo dimenticherà mai. Perché Fidel era anche profondamente bolivariano, ammiratore del Padre della Patria e delle sue idee integrazioniste. Lo disse a Caracas nel gennaio del 1959: “Il Venezuela è la patria di El Libertador, dove fu concepita l’idea dell’unione dei Popoli d’America. Quindi, il Venezuela dev’essere il Paese leader nell’unione dei Popoli d’America; Noi cubani li sosteniamo, sosteniamo i nostri fratelli del Venezuela”. Quaranta anni dopo, il Comandante Chávez nobilitò quelle parole dalla Rivoluzione Bolivariana, dal processo di liberazione nazionale e la vera integrazione dei Caraibi latinoamericani.
Il 25 novembre 2016, lo stesso giorno in cui 60 anni prima, partendo dalle acque messicane verso il sogno della liberazione del suo Paese, Fidel s’imbarcò in un nuovo viaggio, l’ultimo viaggio che l’avrebbe elevato alle vette più alte del pensiero. Vi rimane, aprendo instancabilmente le vie della liberazione, come fece per più di sei decenni, diventando riferimento obbligatorio per tutti coloro che intraprendono la lotta antimperialista.
I popoli del mondo non dimenticheranno mai questa eredità, un retaggio storico forgiato in grandi battaglie, nelle condizioni più avverse, nella costante lotta all’aggressione permanente dell’impero nordamericano, che con tutta la sua potenza militare non poté piegare la volontà delle cubane dei cubani, la loro determinazione a continuare a costruire una società libera e socialista per la quale morirono così tanti combattenti.
Non è un compito facile, in così poche righe, parlare del comandante in capo della rivoluzione continentale. Volevo rendere un piccolo tributo, in questi giorni di massiccia mobilitazione popolare nelle terre latinoamericane, di nuove insurrezioni di fronte le aggressioni di oligarchi e fascisti, di marce e proteste per miglioramenti sociali, sovranità, pace, diritto all’autodeterminazione. In questi giorni, quando gli oppressi della nostra America alzano la voce con grande forza, dobbiamo dire all’unisono: “Fidel vive, la lotta continua!”

Adán Chávez Frías: professore universitario, fisico e politico venezuelano, Ministro del Potere popolare per la cultura. Fratello di Hugo Chávez Frías.
Traduzione di Alessandro Lattanzio

Ecuador, Cile, Argentina, Brasile, Venezuela: tutte vittime di uno stesso carnefice

21/10/2019, 15:59

Mi ha sinceramente stupito vedere le notizie della repressione in Cile essere riportata nelle prime pagine dei giornali. Ma pochi si sono interrogati su quello che è l’America meridionale in questo momento.

Per capirlo, bisogna conoscere un po’ di storia. Dopo la Seconda Guerra Mondiale il Sud America è diventanto un po’ il giardino di casa degli Usa. In tutti i Paesi è stato importato lo stesso sistema istituzionale: un presidente eletto dal popolo a capo del governo con Parlamento monocamerale. E a vincere le elezioni era puntualmente qualcuno legato a filo doppio con gli Usa (di solito perchè sia il partito di maggioranza che quello principale di opposizione erano legati agli Usa; così anche se i voti si spostavano dall’uno all’altro, non cambiava la sostanza). E la politica di questi governi era sempre identica: tasse per i più poveri, sgravi fiscali e aiuti economici agli imprenditori più ricchi, risorse naturali regalate ad aziende statunitensi. Perchè è vero che non parliamo dell’Arabia Saudita, ma in Sudamerica c’è il petrolio, c’è l’oro e ci sono molte altre risorse naturali. Che gli Usa hanno sfruttato come meglio volevano.
Ecuador, Cile, Argentina, Brasile, Venezuela: tutte vittime di uno stesso carnefice

Poi, tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90 c’è stata una sorta di reazione. Per esempio, in Venezuela nel 1989 ci fu il cosiddetto “caracazo”, una serie di manifestazioni, durate solo due giorni, ma represse dall’esercito nel sangue, con oltre 3000 morti. Uno dei militari che rifiutò di sparare sui manifestanti fu il colonnello Hugo Chavez che da quel momento si lanciò in politica diventando poi presidente nel 1999. In Argentina ci fu una fortissima crisi economica, che dette il via ad una serie di manifestazioni, con la gente che sfondava le porte dei supermercati per prendere il cibo. Al termine di quella situazione venne eletto presidente Nestor Kirchner. In Bolivia, con molta meno violenza, venne eletto presidente Evo Morales; mentre in Brasile prendeva il potere Lula da Silva. Tutti costoro, poi seguiti anche da Josè Mujica in Uruguay, introdussero una politica completamente diversa, che era a favore degli strati economicamente più deboli della società.

E così in Venezuela abbiamo avuto Chavez che ha portato l’alfabetizzazione dal 10% ad oltre il 90%, ha portato l’acqua nelle case (un terzo dlela popolazione non aveva l’acqua corrente) e aperto decine di ospedali pubblici. Lula da Silva ha introdotto l’assegno di disoccupazione e un sistema di welfare valido per ridurre il numero di minori che crescevano senza istruzione e al limite della legge. Kirchner ha reso di proprietà pubblica e accessibili a prezzi ridotti molti servizi pubblici, ha alzato gli stipendi minimi e aumentato il welfare per la gran parte della cittadinanza. Questi sono solo esempi (poi ognuno può andare a cercare i dettagli Paese per Paese), ma la sostanza è stata quella per tutti i Paesisudamericani. E le risorse per queste misure da dove provenivano? Quasi sempre dalla nazionalizzazione dell’estrazione delle risorse naturali. E si trattava quasi sempre – come ho detto prima – di aziende statunitensi o comunque dove gli Usa avevano fortissimi interessi economici.

Ma chiaramente un colosso come gli Usa non poteva stare a guardare. E così, agevolati dalle morti di Nestor Kirchner in Argentina e di Higo Chavez in Venezuela e dai guai giudiziari di Lula da Silva e di chiunque gli stesse vicino, ecco che in tutto il Sudamerica salgono al potere persone legate nuovamente agli Usa. Non in Venezuela, dove due colpi di Stato (uno nel 2002 e uno con Guaidò quest’anno) sono stati sconfitti perchè la popolazione ha fatto muro contro gli usurpatori. Ma in Brasile è stato eletto Josè Bolsonaro, per esempio, che come prima cosa ha dato il via libera all’uso smodato di antiparassitari ed altre sostanze velenose in agricoltura, ha fatto bruciare deine di migliaia di chilometri quadrati di foresta amazzonica e ha avviato un programma di costruzioni in Mazzonia del valore di decine di miliardi di dollari. In Argentina è stato eletto Mauricio Macrì, anche lui neoliberista, che ha mandato il Paese quasi in default, aumentando le tasse sui più poveri, privatizzando tutto il possibile e tagliando le tasse ai più ricchi. Ciliegina sulla torta, ha chiesto al Fondo Monetario Internazionale un prestito di oltre 50 miliardi di dollari. Prestito che l’Argentina non è in grado di pagare e quindi diventa un motivo per provocare tra qualche mese l’ennesimo default, con tutte le conseguenze negativa che questo ha sull’economia.

E poi ci sono le notizie di questi giorni, con l’Ecuador e il Cile messi a ferro e fuoco da manifestanti che protestano per le troppe tasse che sono costretti a pagare. Il Cile ha risposto con il coprifuoco e l’esercito (l’Ecuador non ha un esercito degno di questo nome, quindi non ha potuto utilizzare la forza che in misura ridotta), ma questo non è bastato a fermare i manifestanti: 10 morti in Cile, 5 in Ecuador, palazzi incendiati e alla fine i due governi che hanno dovuto scendere a patti con i manifestanti (in Cile questo ancora non è ritenuto sufficiente, ad oggi). Ed il problema è che entrambi i governi stanno ancora applicando le misure di falsa austerity che sono richieste da Washington per impoverire la popolazione. Perchè lo schema è noto, è stato applicato ovunque gli Usa abbiamo potuto intervenire direttamente o con il Fondo Monetario Internazionale: salari più bassi e più tasse sulla parte povera della popolazione portano a persone disperate, che sono disposte a lavorare per una manciata di dollari al mese. Mentre i ricchi, che sono sempre legati agli interessi di Washington godono di sussidi e tagli fiscali.

Il punto è che non siamo negli anni ’60 o ’70, quando la gente non si rendeva neanche conto che esisteva un altro genere di vita. Oggi Internet porta l’individuo ovunque nel mondo. Quindi i cileni e gli ecuadoregni lo sanno che in Venezuela, a dispetto di tutto quello che ha combinato Guaidò e la ricca borghesia imprenditoriale che stanno cercando di distruggere il Paese, la gente ha aiuti dello Stato per poter andare avanti. E quindi vogliono lo stesso anche loro. Sanno che in Venezuela, in Argentina, in Brasile e in Bolivia hanno combattuto e vinto contro gli interessi statunitensi (anche se non sono vittorie definitive, come abbiamo visto) e vogliono che si faccia lo stesso nei loro Paesi. Nel 1973 bastò il colpo di Stato che uccise Salvator Allende in Cile e mise al suo posto un dittatore come Pinochet per spaventare tutti i Paesi vicini. Oggi hanno visto che anche i colpi di Stato si possono sconfiggere e la gente è più disposta di prima a proteste di massa, per quanto siano pericolose nel caso in cui il governo usi la forza. Anche perchè l’uso della forza è limitato. Oggi nessun governo potrebbe dire ai soldati di sparare alla cieca sulla folla, come avvenne in Venezuela nel “caracazo”. Se lo facesse, diventerebbe un paria a livello internazionale e persino gli Usa dovrebbero prendere le distanze per evitare problemi di governo e di consenso all’interno del Paese.

Ora, perchè le popolazioni sudamericane raggiungano una effettiva indipendenza dagli Usa, manca un ultimo passo: devono smetterla di votare per i loro rappresentanti. Cosa non facile, perchè le promesse sono seducenti. Macrì vinse le elezioni in Argentina promettendo un taglio delle tasse ed un aumento dei posti di lavoro. In un Paese con una disoccupazione al 30%, come si può definire non allettante tale promessa? La realtà è che la disoccupazione non è calata, le tasse sono aumentate, i salari sono diminuiti ed è aumentata anche l’inflazione causata dalla continua svalutazione del peso, la moneta argentina. Certo, tra chi l’ha votato molti se ne sono pentiti. Ma adesso è lui che ha il potere in mano, ha il controllo dei mass media. E non è un caso che i mass media si stanno scatenando con continue campagne diffamatorie contro Cristina Kirchner e i suoi uomini. Servono a convincere gli argentini a votare per Macrì o per qualcuno che porti avanti le stesse politiche alle prossime elezioni. E lo stesso accade in tutti i Paesi sudamericani.

Gli unici baluardi che resistono sono il Venezuela e la Bolivia. Nel secondo caso, perchè non ha alcuna risorsa naturale degna di nota e quindi non interessa a nessuno. Per il Venezuela invece l’ostacolo è la cittadinanza. Nonostante le balle raccontate dai mass media italiani, la maggior parte dei venezuelani ricorda come si viveva prima di Chavez. Si ricorda di quando i liquami correvano lungo i bordi delle strade dei quartieri poveri, di quando se ti ammalavi potevi solo sperare nell’effetto terapeutico di qualche erba della zona, di quando si lavorava per un pugno di monete sotto un datore di lavoro che poteva anche picchiarti, torturarti o ucciderti senza affrontare mai la giustizia. E non vogliono tornare a quella situazione. Per questo quando ci sono stati i colpi di Stato contro i presidenti in carica hanno reagito facendo muro contro di loro. I venezuelani non sono stupidi. Sanno quello che stanno passando e sanno che Maduro non è capace di affrontare la situazione. Ma sanno anche che un Guaidò può fare solo di peggio. Perchè Guaidò è della stessa pasta di Jaime Lusinchi o di Carlos Andres Perez, il presidente che ordinò di sparare sulla folla durante il “caracazo” e che poi venne arrestato per peculato (cioè per essersi intascato soldi dello Stato).

Il problema è che gli Usa sono un vicino ingombrante. Non puoi mandarli a quel paese, ma allo stesso tempo non puoi vivere serenamente stando così vicini. Cuba ne è un esempio. Sono quasi 60 anni ormai che si sono ribellati agli Usa, cacciando il dittatore Fulgencio Batista; e sono 60 anni che gli Usa cercano di riconquistare il potere. Hanno usato l’embargo economico, hanno usato l’invasione militare (la famosa Baia dei Porci, nel 1961), hanno usato la diffamazione via social in tempi più recenti con la blogger Yoani Sanchez, trasformata in una eroina che si batte da sola contro il regime castrista (in realtà il 90% di quello che lei ha scritto si è dimostrato falso; tanto che negli ultimi anno gli Usa l’hanno un po’ “mollata”, dato che non ha più nessuna credibilità). Le hanno provate tutte, ma Cuba è riuscita ad andare avanti, raggiungendo anche livelli di eccellenza nell’istruzione (tutti i cittadini hanno una istruzione al livello dei migliori licei italiani) e nella medicina (Cuba è il Paese al mondo dove la mortalità infantile è più bassa. Inoltre i suoi medici sono richiestissimi in Sud America e in Africa sia come insegnanti, sia per aiutare i medici locali in caso di catastrofi). E questo è molto più di quanto si possa dire per molti altri Paesi che invece hanno accettato di fare i servi degli Usa.

Preso da: http://www.julienews.it/notizia/editoriali/ecuador-cile-argentina-brasile-venezuela-tutte-vittime-di-uno-stesso-carnefice/384103_editoriali_11.html

Ex agente CIA rivela come gli ‘studenti’ venezuelani vengono addestrati al golpe

Sabina Becker
News of the Restless
mar, 25 mar 2014 07:32 UTC
Raúl Capote

© Revista Chávez Vive
Raúl Capote

Chi è quest’uomo e perché la CIA lo teme? Pensavano che fosse uno dei loro, e poi si scopre che è proprio il contrario. E ora sta rivelando tutto. Continuate a leggere:

Raúl Capote è un cubano. Ma non un cubano qualsiasi. In gioventù, è stato raggiunto dalla Central Intelligence Agency (CIA) degli Stati Uniti. Gli hanno offerto un’infinita quantità di denaro per cospirare contro Cuba. Ma poi è successo qualcosa di inaspettato per gli Stati Uniti. Capote, in realtà, lavorava per la sicurezza nazionale cubana. Da quel momento in poi, servì come doppio agente. Scoprite la sua storia, attraverso un’intervista esclusiva con Chávez Vive, che ha rilasciata all’Avana:

Domanda: In che modo sei stato coinvolto in queste attività?

È cominciato con un processo di molti anni, diversi anni di preparazione e di acquisizione. Ero a capo di un movimento studentesco cubano che, a quel tempo, diede origine ad un’organizzazione, l’Associazione Culturale dei Fratelli Saiz, un gruppo di giovani creatori, pittori, scrittori, artisti. Ho lavorato in una città della Cuba centro-meridionale, Cienfuegos, che aveva caratteristiche di grande interesse per il nemico, perché era una città in cui all’epoca si stava costruendo un importante polo industriale. Stavano costruendo un centro elettrico, l’unico a Cuba, e c’erano molti giovani che vi lavoravano. Per questo motivo, era anche una città che aveva molti giovani ingegneri laureatisi in Unione Sovietica. Stiamo parlando degli ultimi anni ’80, quando c’era quel processo chiamato Perestroika. E molti ingegneri cubani, che arrivarono a Cuba in quel periodo, si laurearono da lì, erano considerati persone che erano arrivate con quell’idea di Perestroika. Per questo motivo, era un territorio interessante, dove c’erano molti giovani. E il fatto che io fossi un leader giovanile di un’organizzazione culturale, che si occupava di un importante settore degli ingegneri interessati alle arti, divenne di interesse per i nordamericani, che cominciarono a frequentare gli incontri a cui partecipammo. Non si sono mai identificati come nemici, o come funzionari della CIA.

D: Si presentavano in molti, o era sempre la stessa persona?

Diversi. Non si sono mai presentati come funzionari della CIA, né come persone che erano venute a causare problemi o altro.

D: E chi credi che fossero?

Si presentavano come persone che venivano ad aiutare noi e il nostro progetto, e che avevano la capacità di finanziarlo. Che avevano la possibilità di realizzarlo. La proposta, in quanto tale, suonava interessante perché, ok, un progetto nel mondo letterario richiede che tu conosca un editore, che tu abbia relazioni editoriali. È un mercato molto complesso. E sono venuti a nome degli editori. Quello che è successo è che, durante il processo di contatto con noi, quello che volevano veramente è diventato abbastanza evidente. Perché una volta che hanno preso contatto, una volta che hanno iniziato a frequentare i nostri incontri, una volta che hanno iniziato a promettere finanziamenti, sono arrivate le condizioni per essere finanziati.

D: Quali condizioni hanno richiesto?

Ci hanno detto: Abbiamo la capacità di mettere i mercati a vostra disposizione, di mettervi sui mercati dell’editoria o arte o film o altro, ma abbiamo bisogno della verità, perché quello che vendiamo sul mercato è l’immagine di Cuba. L’immagine di Cuba deve essere realistica, di difficoltà, di quello che sta succedendo nel paese. Vogliono insultare la realtà di Cuba. Quello che chiedevano è di criticare la rivoluzione, basata su linee di propaganda anti cubana, che loro hanno fornito.

D: Quanto era grande il portafoglio di queste persone?

Sono venuti con una quantità infinita di denaro, perché la fonte del denaro, ovviamente, abbiamo scoperto nel tempo da dove proveniva. Per esempio, c’era USAID, che era il grande fornitore, l’appaltatore generale di questo bilancio, che convogliava il denaro attraverso le ONG, molte delle quali inventate proprio per Cuba. Erano ONG che non esistevano, create esclusivamente per questo tipo di lavoro a Cuba, e stiamo parlando di migliaia e migliaia di dollari. Non lavoravano con piccoli budget. Per fare un esempio, un tempo mi hanno offerto diecimila dollari, solo per includere elementi di propaganda anti cubana, nel romanzo che stavo scrivendo.

D: Di che anni stiamo parlando?

Attorno al 1988-89.

D: Quante persone avrebbero potuto essere contattate da queste persone, o catturate?

In realtà, il loro successo non durò a lungo, perché a Cuba c’era una cultura di confronto totale con questo tipo di cose, e la gente sapeva molto bene che c’era qualcosa dietro quella storia di loro che volevano “aiutarci”. Non era niente di nuovo nella storia del paese e, per questo motivo, è stato molto difficile per loro arrivare dove eravamo. In un determinato momento, intorno al 1992, abbiamo tenuto una riunione, tutti i membri dell’organizzazione, e abbiamo deciso di espellerli. Non potevano più partecipare alle nostre riunioni. Abbiamo allontanato quelle persone, che stavano già arrivando con proposte concrete, assieme ai loro aiuti economici condizionati che ci proponevano. Quello che è successo è che al momento abbiamo fatto questo, e li abbiamo respinti, li abbiamo espulsi dalla sede dell’associazione, ma poi hanno iniziato a focalizzarsi. Hanno cominciato a visitare me, in particolare, e anche altri compagni, i giovani. Con alcuni di loro ci sono riusciti, o dovrei dire, sono riusciti a far uscire anche alcuni di loro dal paese.

D: Che tipo di profilo cercavano, più o meno, se qualche tipo di profilo può essere specificato?

Volevano, soprattutto in quel momento, presentare Cuba come una terra nel caos. Che il socialismo a Cuba non era riuscito a soddisfare i bisogni della popolazione, e che Cuba era un paese che il socialismo era approdato in assoluta povertà, e che, come modello, non piaceva a nessuno. Questa era la chiave di ciò che stavano perseguendo, soprattutto in quel momento.

D: Per quanto tempo sei stato un agente della CIA?

Siamo stati coinvolti in questa storia fino al 1994. Perché nel 1994 sono andato all’Avana, sono tornato nella capitale e qui, nella capitale, ho iniziato a lavorare per l’Unione dei lavoratori culturali, un sindacato che rappresentava gli operatori culturali della capitale, e sono diventato ancora più interessante per loro, perché sono arrivato a dirigere – da capo di un’organizzazione giovanile con 4.000 iscritti, a dirigere un sindacato con 40.000 iscritti, proprio all’Avana. E poi, diventa molto più interessante. I contatti sono seguiti. In quel periodo apparve una professoressa di una nuova università che giunse con la missione di dare il via alla produzione della mia opera letteraria, di diventare la mia rappresentante, di organizzare eventi.

D: Puoi dirci il suo nome?

No, perché hanno usato uno pseudonimo. Non hanno mai usato nomi veri. E quel tipo di lavoro, che mi promuoveva come scrittore, era quello a cui erano molto interessati, perché volevano convertirmi in una personalità in quel mondo. Promuovermi ora, e compromettermi con loro in modo indiretto. E poi, nel 2004, è arrivata all’Avana una persona molto conosciuta in Venezuela, Kelly Keiderling. Kelly è venuta all’Avana per lavorare come capo dell’Ufficio Stampa e Cultura. Hanno organizzato un incontro. Hanno organizzato un cocktail party, e a quella festa ho incontrato 12 funzionari nordamericani, nordamericani ed europei. Non erano solo nordamericani. Tutte persone con esperienza, alcune anche all’interno dell’Unione Sovietica, altre che avevano partecipato alla formazione e alla preparazione del popolo jugoslavo, alle Rivoluzioni dei colori, ed erano molto interessate ad incontrarmi. Kelly mi è diventata molto vicina. Cominciò a prepararmi. Cominciò a istruirmi. Cominciai a ricevere da lei una formazione molto solida: La creazione di gruppi alternativi, gruppi indipendenti, l’organizzazione e la formazione di animatori giovanili, che non hanno partecipato ai lavori delle nostre istituzioni culturali. E questo è stato nel 2004-5. Kelly è praticamente scomparsa dalla scena nel 2005-2006. E quando ho iniziato a lavorare, mi ha messo in contatto diretto con i funzionari della CIA. Presumibilmente, ero già impegnata con loro, ero pronta per la prossima missione, e mi hanno messo in contatto con Renee Greenwald, un funzionario della CIA, che lavorava direttamente con me, e con un uomo di nome Mark Waterhein, che era, all’epoca, il capo del Progetto Cuba, della Fondazione Panamericana per lo Sviluppo.

Quest’uomo, Mark, oltre a dirigere il Progetto Cuba, aveva un legame diretto con Cuba, in termini di finanziamento del progetto antirivoluzionario, oltre ad essere coinvolto nel lavoro contro il Venezuela. Vale a dire, era un uomo che, insieme a gran parte del suo team di funzionari di quel famoso progetto, lavorava anche contro il Venezuela in quel momento. Erano strettamente connessi. A volte ci volle molto lavoro per capire chi stava lavorando con Cuba, e chi non lo era, perché molte volte si sono intrecciati. Per esempio, c’erano venezuelani che venivano a lavorare con me, che lavoravano a Washington, che erano subordinati della Fondazione Panamericana e della CIA, e sono venuti a Cuba per addestrare anche me e per portare provviste. Da lì nacque l’idea di creare una fondazione, un progetto chiamato Genesi.

La genesi è forse il modello, come idea, di molte delle cose che accadono oggi nel mondo, perché Genesi è un progetto rivolto ai giovani universitari di Cuba. Stavano facendo qualcosa di simile in Venezuela. Perché? L’idea era quella di convertire le università – che sono sempre state rivoluzionarie, che hanno prodotto rivoluzionari, da quelle da cui sono venuti molti dei rivoluzionari di entrambi i paesi – e convertirle in fabbriche per reazionari. Allora, come si fa? Facendo leader. Che cosa hanno cominciato a fare in Venezuela? Hanno inviato studenti in Jugoslavia, finanziati dall’Istituto Repubblicano Internazionale (IRI), finanziato dall’USAID e dall’Istituto Albert Einstein, e li hanno inviati, in gruppi di dieci, con i loro professori.

D: Ha i nomi dei venezuelani?

No, stiamo parlando di centinaia di persone inviate. Ho parlato con il professore, ho guardato un gruppo e ho seguito l’altro. Perché lavoravano a lungo termine. Lo stesso piano era in atto anche contro Cuba. Genesi ha promosso, con l’università, un piano di borse di studio per la formazione di studenti leader e professori cubani. Il piano era molto simile. Inoltre, nel 2003, hanno preparato qui, all’Avana, un corso nella Sezione di Interessi degli Stati Uniti, che si chiamava “Deporre un leader, deporre un dittatore”, che si basava sull’esperienza di OTPOR nel destituire Slobodan Milosevic dal potere. E questa era l’idea, all’interno dell’università cubana, di lavorare a lungo termine, perché questi progetti richiedono sempre molto tempo per ottenere un risultato. Per questo motivo, hanno iniziato presto anche in Venezuela. Credo anche io – non ho prove, ma credo che in Venezuela sia iniziato prima del governo Chávez, perché il piano di convertire le università latinoamericane, che sono sempre state fonti di processi rivoluzionari, in università reazionarie, è più vecchio del processo venezuelano [bolivariano], per invertire la situazione e creare una nuova destra.

D: La CIA lavorava solo a Caracas?

No, in tutto il Venezuela. In questo momento, Genesi ha un piano di borse di studio per creare leader a Cuba. Essi forniscono borse di studio agli studenti delle grandi università nordamericane, per formarli come leader, con tutte le spese pagate. Pagano i loro costi, forniscono borse di studio complete. Stiamo parlando del 2004-5 qui. Era molto ovvio. Poi, quei leader ad un certo punto ritornano all’università. Sono studenti. Vanno a finire la loro carriera. Quei leader, quando terminano la loro carriera studentesca, continuano a svolgere diversi lavori, con varie possibilità, come ingegneri, come laureati in diversi settori della società cubana, ma ce ne sono altri che continuano a preparare costantemente altri leader all’interno dell’università. Una delle missioni più importanti dei dirigenti universitari è stata quella di occupare la leadership delle principali organizzazioni giovanili dell’università. Nel caso di Cuba, stiamo parlando dell’Unione della Gioventù Comunista e della Federazione degli Studenti Universitari. Cioè, non si trattava di creare gruppi paralleli a quel tempo, ma di diventare i leader delle organizzazioni già esistenti a Cuba. Inoltre, per formare un gruppo di leader nelle strategie del colpo di stato “morbido”. Cioè, formare persone al momento opportuno per iniziare le famose “rivoluzioni colorate” o “guerre non violente”, che, come ben sapete, non hanno nulla a che fare con la non violenza.

D: Cosa stavano cercando in un professore, per catturare il loro interesse?

I professori sono molto semplici. Identificare i professori universitari scontenti con le istituzioni, persone frustrate, perché ritenevano che l’istituzione non garantiva loro nulla, o non riconosceva i loro meriti. Se erano più anziani, ancora meglio. Non hanno mai fatto differenze però. Cerca le persone anziane, così puoi sceglierle. Se invii un piano di borse di studio, o lo invii e, prima di tutto, gli fai ricevere un invito a partecipare ad un grande congresso internazionale di una certa scienza, e poi ti saranno eternamente grati, perché sei stato tu a scoprire il loro talento, che non è mai stato riconosciuto dall’università. Allora quell’uomo che hai mandato a studiare all’estero, se sei della sua università, e lo fai partecipare ad un grande evento, e gli pubblichi le sue opere, e gli costruisci un curriculum. Quando quella persona torna a Cuba, torna con un curriculum enorme, perché ha partecipato ad un evento scientifico di primo ordine, ha superato i corsi delle grandi università, e il suo curriculum arriva fino alle stelle, allora l’influenza che potrebbe avere nell’università sarà maggiore, perché potrebbe essere riconosciuto come una figura di spicco nella sua specialità, anche se in pratica potrebbe essere un ignorante qualunque.

D: Quanto erano efficaci questi adescamenti, il genere di missioni che sono venuti a compiere quaggiù?

Nel caso di Cuba, non hanno ottenuto grandi risultati. In primo luogo, perché c’era una ragione più importante, perché ero io quello che dirigeva il progetto e, in realtà, non ero un agente della CIA, ero un agente della sicurezza cubana, e così, l’intero progetto è passato attraverso le mie mani, e loro pensavano che sarei stato io quello che l’avrebbe eseguito. E il piano passava sempre attraverso il lavoro che ero in grado di fare, e quello che facevamo era rallentarlo il più possibile, sapendo subito cosa era stato pianificato. Ma basti pensare che, come obiettivo del loro piano, stavano calcolando il momento in cui le figure storiche della Rivoluzione sarebbero scomparse. Stavano pensando ad un mandato di cinque o dieci anni, in cui Fidel sarebbe scomparso dalla scena politica, compreso Raúl e i leader storici della nazione. Questo era il momento che stavano aspettando, e quando ciò avvenne, io dovevo lasciare l’università, con tutto il sostegno della stampa internazionale e delle ONG, dell’USAID e di tutte le persone che lavoravano intorno al denaro della CIA, e che sarebbe nata un’organizzazione che si sarebbe presentata alla luce del pubblico, come alternativa a ciò che la Rivoluzione stava facendo. Questo è quello che sarebbe successo con la Fondazione Genesi per la Libertà.

D: Cos’è questa Fondazione?

La Genesis Foundation for Freedom doveva avere un percorso, apparentemente rivoluzionario, ma l’idea era quella di confondere il popolo. L’idea era di dire di essere rivoluzionari, che quello che volevano era fare cambiamenti nel governo, ma, quando si tratta di pratica, quando si arriva all’essenza del progetto, quando ci si chiede “Qual è il progetto” il discorso era, e il progetto era, esattamente lo stesso di quello della tradizionale destra. Perché i cambiamenti che hanno promosso sono stati gli stessi che la destra, da molto tempo, promuove nel paese. In pratica, hanno quasi avuto la loro grande opportunità, secondo i loro criteri, nel 2006, quando è apparsa in televisione la notizia che Fidel, per motivi di salute, si stava ritirando dalle sue responsabilità governative, e hanno sempre detto che la Rivoluzione Cubana sarebbe morta quando Fidel fosse morto. Poiché la Rivoluzione era Fidel, e il giorno in cui Fidel non ci fosse stato più, morendo o lasciando il governo, il giorno dopo la Rivoluzione sarebbe caduta. E hanno calcolato che ci sarebbero stati scontri interni, che ci sarebbe stato malcontento con questo o quello. Calcoli che non so da dove li hanno presi, ma ci hanno creduto. E in quel momento credevano che fosse giunto il momento di agire.

D: Parliamo del 2006. Qual era il piano?

Mi hanno chiamato automaticamente. Ci siamo conosciuti, io e il capo della CIA, qui all’Avana. Anche i funzionari diplomatici si sono presentati, e uno di loro mi ha detto che stavamo per organizzare una provocazione. Organizzeremo una rivolta popolare in un quartiere centrale dell’Avana. Ci sarà una persona che inizierà a protestare in nome della democrazia, e eseguiremo un gruppo di provocazioni, in luoghi diversi, in modo tale che le forze di sicurezza cubane saranno costrette ad agire contro queste persone, e più tardi inizieremo una grande campagna stampa e inizieremo a spiegare come tutto questo funzionerà. La parte interessante di tutto ciò, che ha attirato la mia attenzione, è stata questa: Come era possibile che un funzionario della Sezione di Interessi degli Stati Uniti potesse avere il potere di rivolgersi ai principali media, e che quelle persone obbedirebbero con tale servilismo? Si trattava davvero di attirare l’attenzione. L’idea era – e gliel’ho anche detto – che quello che mi state dicendo è semplicemente folle. Quest’uomo che mi hai menzionato, chiamato Alci Ferrer – il ragazzo che hanno scelto, un giovane agente, un medico – lo hanno scelto per essere il capofila della rivolta. Ho detto loro che quel tizio non avrebbe fatto muovere nessuno. Nessuno si alzerà nel centro dell’Avana. La data scelta non era altro che il compleanno di Fidel! E io dissi: “Guarda, amico, se quell’uomo, in quel giorno, decide di andare a fare proclami, o di iniziare una sorta di rivolta nel bel mezzo dell’Avana, la gente risponderà duramente. È anche possibile che possano ucciderlo. Perché, come hai potuto metterlo in un umile quartiere operaio per iniziare quelle cose, la gente del posto….E mi ha detto, al massimo, la cosa migliore che potesse accadere per noi è se uccidono quell’uomo, sarebbe perfetto, e mi hanno spiegato cosa sarebbe successo. Tutto quello che doveva fare era provocare. Sarebbero andati in strada e ci sarebbe stato uno scontro. Se ciò accadesse, la stampa farebbe il resto, e mi hanno detto che stiamo per iniziare una grande campagna mediatica per dimostrare che a Cuba c’è il caos, che Cuba è ingovernabile, che a Cuba, Raúl non è in grado di tenere le redini del governo, che la popolazione civile viene uccisa, che gli studenti vengono repressi in strada e la gente in strada, che la polizia commette crimini. Che somiglianza con il Venezuela! Non è una coincidenza. È così.

D: E quindi, cosa doveva succedere in quelle circostanze?

Una volta che l’opinione pubblica fosse stata plasmata, e tutti i media si fossero occupati di costruire quell’immagine, il mondo intero avrebbe dovuto avere l’immagine di Cuba come un grande disastro, e che stanno uccidendo la gente, che li stanno uccidendo tutti. Poi, la mia organizzazione doveva portare a termine il compito finale.

D: Qual era il lavoro ultimo da eseguire?

Ebbene, era di raccogliere la stampa internazionale, in qualità di professore universitario, e come scrittore, e come leader di quell’organizzazione, sarei uscito pubblicamente per chiedere al governo degli Stati Uniti di intervenire a Cuba, per garantire la vita dei civili e per portare pace e tranquillità al popolo cubano. Parlare al Paese a nome del popolo cubano. Provate a immaginare!

Quel piano è andato in frantumi e gli è crollato addosso. Non ha dato loro alcun risultato, ma, come si è potuto vedere in seguito, il modo in cui è andata la guerra in Libia e il modo in cui è stata organizzata. Più dell’80% delle informazioni che abbiamo visto, sono state fabbricate. Stessa cosa in Siria, e hanno fatto lo stesso in Ucraina. Ho avuto l’opportunità di conversare con un sacco di ucraini, dal momento che erano nelle basi. Persone a favore di unirsi con l’Europa. Ho cercato di parlare con loro in quei giorni. Cercando di scoprire come si svolgono questi processi. E sono rimasti sorpresi dalle immagini che sono state trasmesse in tutto il mondo. Quello che è successo a Miami, e lo hanno detto loro stessi, ma noi abbiamo mai protestato lì, ma quelle cose che appaiono in TV, che era un gruppo, o meglio, c’erano settori, c’erano luoghi dove c’erano gruppi di destra, di estrema destra, dove c’erano incidenti di quel tipo, e dove bruciavano cose, ma la maggior parte delle manifestazioni non avevano quelle caratteristiche. O che questa sia, ancora una volta, la ripetizione di quello schema dove si arriva ad utilizzare qualsiasi mezzo di comunicazione di massa.

D: I rapporti tra la CIA e le ambasciate, nelle rispettive nazioni, sono quindi molto diretti?

Sì, completamente diretti. In ogni ambasciata dell’America Latina, tutte le ambasciate statunitensi hanno funzionari della CIA, che lavorano al loro interno, utilizzando la facciata dei funzionari diplomatici.

D: Da quello che sai, c’è una maggiore presenza della CIA nella regione?

Beh, ad un certo momento, l’Ecuador era una grande potenza in quanto aveva una forte concentrazione di membri CIA, e, naturalmente, il Venezuela, perché nel 2012, quando ho partecipato alla Fiera del Libro di Caracas, tutte quelle persone che avevano lavorato con me contro Cuba, tutti i funzionari della CIA, compresa Kelly Keiderling, erano a Caracas in quel momento. E io ero in un programma televisivo, su VTV, dove abbiamo parlato di questo argomento, facendo molta attenzione, perché stavamo parlando di due paesi che hanno relazioni. Non è il caso di Cuba, o meglio, Cuba non ha relazioni con gli Stati Uniti. Questo è un nemico dichiarato. Ma stavamo parlando di funzionari che avevano relazioni diplomatiche, ed è stato molto difficile farlo, senza avere prove concrete da presentare. Tuttavia, l’intervista è avvenuta, e la denuncia è stata fatta di quello che stava succedendo. Kelly Keiderling è un’esperta in questo tipo di guerra. Non ho il minimo dubbio. Quando si segue l’itinerario che ha fatto, nei paesi dove è stata, tirando poi le somme con la mia esperienza in quel tipo di conflitto.

Ha visitato una serie di paesi del mondo dove si sono verificate situazioni molto simili, come quello che ha cercato di fare in Venezuela. E quando si analizza il Venezuela, e quello che è successo oggi e il modo in cui ha agito, penso che in Venezuela, la caratteristica che è stato che sono stati tremendamente aggressivi nella manipolazione delle informazioni. Tremendamente aggressivi. Al punto in cui si dice che è un errore, perché ci sono immagini che ovviamente non provengono dal Venezuela. Ne ho vista una molto famosa, in cui appare un soldato con un giornalista, con una macchina fotografica, sono coreani. È un’immagine dalla Corea. Sono asiatici. Non sembrano affatto venezuelani. Anche le uniformi che indossano. Sono stati molto aggressivi con quell’immagine che ha proiettato nel mondo quello che stava succedendo in Venezuela. La maggior parte della gente del mondo, questa immagine è quella che stanno vedendo, di quello che stanno cercando di dire.

D: Loro controllano i media. Conoscete qualche caso di qualche giornalista che è stato, come avete visto direttamente, conosciuto o sconosciuto, insomma, che avete ritrovato all’interno del processo di formazione?

No.

D: La CNN, per esempio?

No, c’era un tizio che aveva molti legami con me all’epoca, che serviva come collegamento per incontrare un funzionario della CIA, Antony Golden, della Reuters. Ma, va bene, era un elemento indipendente da Reuters. La CNN è sempre stata molto legata a tutte queste cose. La CNN, fin dai suoi primi momenti di funzionamento, soprattutto quest’ultimo passo, e soprattutto, CNN en Español, è stato uno strumento indispensabile per queste persone, ma il problema è che bisogna capire una cosa: per capire cosa sta succedendo, e per poter fare una campagna, bisogna capire che oggi non c’è un’emittente televisiva che agisce da sola. Ci sono i conglomerati, e i conglomerati della comunicazione – chi li dirige? Perché, ad esempio, Time Warner e AOL, e tutte quelle grandi aziende di comunicazione – TV via cavo, TV cinematografica, TV in generale – chi è il capo, alla fine? Qui è Westinghouse, lì è General Electric. Gli stessi che costruiscono aerei da guerra, la stessa industria statunitense delle armi, le stesse persone che sono i proprietari di reti televisive, studi cinematografici, pubblicazioni, editori di libri. Quindi, gli stessi che producono aerei da guerra, il biscotto che mangerai di notte, che ti presenta un artista, sono gli stessi che governano i giornali di tutto il mondo. A chi rispondono queste persone?

D: Quando vedi quello che sta succedendo in Venezuela, e lo confronti con quello che hai fatto qui [a Cuba], che conclusione puoi trarre?

È una nuova strategia, che stanno sviluppando sulla base dell’esperienza che hanno avuto in tutto il mondo, ma vedo, ne sono convinto, che hanno ottenuto risultati solo quando le persone in quei luoghi non sostengono la rivoluzione. Ce l’hanno fatta con Milosevic, perché Milosevic era un leader jugoslavo la cui immagine era caduta lontano, grazie alle cose accadute in Jugoslavia. Lo stesso è accaduto in Ucraina, perché Yanukovych era un uomo con pochissimo sostegno popolare, e ha dato risultati in altri luoghi dove i governi avevano scarso sostegno popolare. Ovunque vi sia un governo legittimo, un governo solido e persone disposte a difendere la rivoluzione, il piano ha fallito.

D: E in quale fase entrano quando il piano fallisce?

Continueranno a lavorarci, continueranno a perfezionarlo. Noi siamo il nemico. Cioè, Venezuela, Cuba, tutto quello che succede in America Latina come alternativa. Siamo i dissidenti del mondo. Viviamo in un mondo dominato dal capitalismo. Dove domina quel nuovo modo di essere capitalista, tanto che ora non si può nemmeno chiamarlo imperialista, è qualcosa di nuovo, qualcosa che va ben oltre quello che gli studenti del marxismo hanno scritto nella storia anni fa. È qualcosa di nuovo, di nuovo, di nuovo. È un potere, praticamente globale, delle grandi transnazionali, di quelle megalopoli che hanno creato. Quindi, noi siamo il nemico. Presentiamo un progetto alternativo. La soluzione che il mondo ci propone non è questa. Noi sappiamo come farlo, e Cuba, il Venezuela, i paesi ALBA, hanno dimostrato che si può fare, che uno o due giorni in più non sono niente. La rivoluzione cubana esiste da 55 anni e, con la volontà politica, ha ottenuto risultati che il governo degli Stati Uniti, con tutti i soldi del mondo, non è stato in grado di fare. Questo è un cattivo esempio.

E l’ho detto ai miei studenti: Riuscite a immaginare che gli Indignati in Spagna, le migliaia e milioni di lavoratori senza lavoro in Spagna, che i greci, che tutte quelle persone in tutto il mondo, sanno quello che stiamo facendo? Riuscite a immaginare che queste persone conoscano chi è Chávez? O chi è Fidel? O delle cose che stiamo facendo qui? O delle cose che stiamo facendo con così poche risorse, solo la volontà di fare la rivoluzione e condividere la ricchezza? Cosa succederà al capitalismo? Quanto durerà ancora il capitalismo, che deve spendere miliardi di dollari, ogni giorno, per costruire la sua immagine e ingannare la gente? Cosa succederebbe se la gente sapesse chi siamo veramente? Che cos’è veramente la Rivoluzione cubana e cos’è la Rivoluzione venezuelana? Perché, se hai parlato con uno spagnolo e gli hai chiesto di Chávez, e lui ti dà una terribile opinione di Chávez, perché è quello che hanno costruito nella sua mente. E incontri un disoccupato che ti dice che Chávez è un cattivo ragazzo, perché i media lo hanno convinto di questo, ma se queste persone sapessero come stanno realmente le cose! Quindi non possono permettere che nemici così formidabili come noi continuino a rimanere dove sono.

D: Dal punto di vista della sovranità nazionale del nostro popolo, come possiamo fermare la CIA? Abbiamo già parlato della coscienza del popolo, che è fondamentale in questo tipo di azioni, ma, nel concreto, come è possibile prevedere il lavoro della CIA? Cosa si può fare? Quali raccomandazioni avete?

Penso a una cosa che Chávez ha detto, e che Fedl ha sempre detto, che è la chiave per sconfiggere l’impero, e che è l’unità. Non è uno slogan, è una realtà. È l’unico modo che hai per sconfiggere un progetto come questo. Un progetto che viene dai Servizi Speciali e dal capitalismo. Lo si può fare solo con l’unità del popolo.

D: Parliamo anche dei civili militari?

Sì, unità in tutti i sensi. Unità basata sulla diversità, nelle persone, ma unità come nazione, unità come un progetto. Laddove le persone sono divise, c’è un’altra realtà.

D: Dove devono concentrarsi? In quale area devono concentrare le forze per difenderci da questo tipo di azioni, questo tipo di attacchi?

L’esercito da sconfiggere è il popolo. Credo che l’esperienza cubana l’abbia insegnato molto. Ci sono esperienze nel mondo che la contraddistinguono molto chiaramente. Cosa è successo nel mondo, quando il popolo non è stato protagonista in difesa della Rivoluzione? E quando il popolo è stato protagonista, cosa è successo? E c’è il caso di Cuba. Siamo riusciti a sconfiggere la CIA e l’impero milioni di volte, perché il popolo è stato protagonista.

D:La CIA utilizza i database dei social network, e cose del genere, per definire i propri piani?

Sono loro i padroni. Sono loro i padroni di tutto questo. Bene, ci sono le denunce di Snowden e tutto quello che è venuto fuori da Wikileaks, e tutte quelle cose che non sono più un segreto per nessuno, perché lo sospettavamo, ed è stato dimostrato. È stato dimostrato che i server, Internet, sono loro. Tutti i server del mondo, alla fine, finiscono nei server dei nordamericani. Sono la madre di Internet, e tutte le reti e i servizi sono controllati da loro. Hanno accesso a tutte le informazioni. E non esitano a registrarle. Facebook è un database straordinario. La gente mette tutto su Facebook. Chi sono i tuoi amici? Quali sono i loro gusti, quali film hanno visto? Cosa consumano? Ed è una fonte di informazioni di prima mano..

D: Sei stato in contatto con Kelly Keiderling, dopo quello che è successo in Venezuela?

No, non ho avuto contatti con lei. Non so quale fosse la sua destinazione finale, dopo quello che è successo (è stata espulsa dal Venezuela per aver incontrato e finanziato i terroristi).

D: Con l’esperienza che ha, fino a che punto è riuscita a penetrare in Venezuela e nelle università venezuelane?

Sono certo che è andata molto lontano. È un agente molto intelligente, molto ben preparato, molto capace e molto convinto di quello che sta facendo. Kelly è una persona convinta del lavoro che sta facendo. È convinta della correttezza, dal suo punto di vista, di ciò che sta facendo. Perché è una rappresentante incondizionata del capitalismo. Perché viene dall’élite del capitalismo. È organica alle azioni che sta compiendo. Non c’è contraddizione di alcun tipo. E, sulla base dell’esperienza del suo lavoro, delle sue capacità, sono sicuro che è riuscita ad andare molto lontano, e ha dato continuità ad un lavoro che non è solo per ora, è un lavoro che continuerà a fare per molto tempo, per invertire il processo nelle università venezuelane. Quello che sta succedendo è che qualsiasi punto si possano raggiungere, a lungo termine, questo è ciò che rivelerà il processo bolivariano, nella misura in cui la gente è consapevole di ciò che potrebbe accadere. Se quella destra fascista diventa incontrollabile, potrebbe tornare al potere.

D: Che tipo di persona che ha contatti, che può raggiungere la gente, come essere attivista in un movimento, potrebbe essere raggirata dalla CIA?

Li troveranno, proveranno in tutti i modi. Se è un giovane e un leader, cercheranno di conquistarli per i loro interessi. Dobbiamo formare i nostri leader. Non possiamo lasciare tutto questo alla spontaneità, non possiamo lasciarlo al nemico. Quindi, se li lasciamo al nemico, quelli sono spazi che il nemico occuperà. Qualsiasi progetto alternativo che lasciamo incustodito, qualsiasi progetto alternativo di cui non ci rendiamo conto della necessità di avvicinarci, ovvero un progetto che il nemico cercherà, con tutti i mezzi, di sfruttare. Utilizzare l’enorme quantità di denaro che hanno, che non ha limiti, in termini di risorse da utilizzare, perché stanno giocando con il futuro e, soprattutto, i giovani sono la chiave.

Il bello è che i giovani sono il presente dell’America Latina. La rivoluzione latinoamericana che c’è, che è ovunque, è dei giovani. In caso contrario, va bene, non avrà mai risultati, e se si riesce a far pensare diversamente i giovani, se si riesce a far credere a questi giovani che il capitalismo selvaggio è la soluzione a tutti i loro problemi, allora non ci sarà nessuna rivoluzione per l’America Latina. È semplice.

Traduzione eseguita dall’autore.

Così possiamo vedere che lo stesso schema che si sta attualmente riproducendo in Venezuela, esattamente parallelo a quello di Cuba. La CIA non era al di sopra di un piccolo sacrificio umano allora, e non lo è ancora oggi. Poi, fu questo sfortunato compagno di nome Alci Ferrer, che molto probabilmente sarebbe stato ucciso se Raúl Capote non avesse parlato per informarli che il piano era folle, che non poteva funzionare. Ora, in Venezuela, è Leopoldo López… o sarebbe stato, se le autorità venezuelane – sì, lo stesso gruppo di bolivariani che odia a morte – non gli hanno salvato la vita informandolo del complotto per sacrificarlo e non prendendolo in custodia prima che ciò potesse accadere. La CIA era perfettamente disposta a prendere il suo dispendiosamente caro ed educato e gettarlo in pasto ai cani. E poi avrebbero dato la colpa a tutti i bolivariani, così come sicuramente avrebbero dato la colpa della morte prevista di Alci Ferrer ai castristi di Cuba. Questa è la parte più nauseante di tutto questo: Hanno denaro e risorse infinite per educare qualsiasi “leader” che si preoccupino di coltivare, e sono ancora perfettamente disposti a lasciare che quella persona muoia, se in qualche modo può essere ancora utile a promuovere i loro piani perversi.

E, naturalmente, vediamo molti sospetti già noti che emergono dalla lavorazione: USAID, l’IRI, e gli stessi agenti della CIA operanti in Venezuela che hanno cercato di corrompere Raúl Capote a Cuba. Sorprenderebbe qualcuno vedere le stesse persone che hanno corrotto la Serbia, la Croazia, ecc. ora al lavoro in Ucraina? O per lo meno, le stesse connessioni e strategie fasciste: Perché gli stessi hanno effettivamente provato prima, in Bolivia nel 2009, e hanno fallito. Evo e i suoi parlamentari sono ancora vivi, grazie a qualche buona sparatoria da parte della polizia federale locale, e a un’indagine che ha portato alla luce mercenari che non solo si sono addestrati nei Balcani, ma sono venuti da lì, vi avevano combattuto negli anni ’90… e che erano abbastanza esperti, o almeno così pensavano i loro addestratori, per trasformare la Bolivia in un’altra ex Jugoslavia.

E sarebbe sorprendente vedere come il finanziamento di quei mercenari ex-balcanici provenisse dalle casse della CIA, attraverso il cosiddetto ambasciatore in Bolivia, Philip Goldberg? In effetti, qualcuno sarebbe più sorpreso di sapere che tutti i cosiddetti diplomatici statunitensi sono, di fatto, dei fantasmi della CIA? E che sono la chiave di come la CIA fa tutto il suo lavoro sporco, ovunque si trovi?

Nah… non lo penserei mai!

Preso da: https://it.sott.net/article/2043-Ex-agente-CIA-rivela-come-gli-studenti-venezuelani-vengono-addestrati-al-golpe

America Latina, Unione Europea e ingerenza

15 febbraio 2018

di João Pimenta Lopes, deputato europeo del PCP (GUE/NGL)

parlamentoeuda avante.pt
Traduzione di Marx21.it
La natura capitalista dell’Unione Europea, le sue ambizioni imperialiste, determinano le sue pretese di ingerenza in paesi terzi su scala globale. L’UE insiste per imporre la propria retorica moralista, per esercitare pressione, ricattare, sanzionare, aggredire paesi sovrani che affrontano i suoi interessi e sottometterli. L’America Latina è un tema ricorrente, nel contesto delle discussioni nel Parlamento Europeo (PE), in quanto cinghia di trasmissione delle potenze europee, non solo attraverso la discussione, ma anche attraverso l’omissione.

Nell’ultima sessione plenaria del PE si è tenuta una discussione sulla situazione in Colombia, dove la destra ha cercato di sferrare un attacco serrato alle forze progressiste, in particolare alle FARC, l’unica parte firmante l’Accordo di Pace impegnata nella sua scrupolosa osservanza. Già nella prossima sessione, la destra ha preteso di discutere di Cuba, nella sua strategia di indebolimento dell’Accordo di Cooperazione e Dialogo, firmato l’anno scorso, anticipando la riunione tra UE e Cuba, allo scopo di dare continuità alla politica di embargo e isolamento del popolo cubano.

Si pretende anche di promuovere l’ennesima discussione, nel momento in cui si amplificano le dichiarazioni dell’Alta Rappresentante, Federica Mogherini, di interferenza e minaccia al Venezuela, con il varo di sanzioni contro alte personalità di quel paese, che alimentano la destra reazionaria e violenta, insieme alla destabilizzazione economica e sociale, con grave danno per il popolo, e anche per la consistente comunità portoghese.

Cinicamente, si diffondono dichiarazioni blande e di legittimazione della frode elettorale in Honduras e si tace di fronte allo scandaloso processo politico contro Lula da Silva, che si inserisce nella brutale offensiva contro i diritti sociali e lavorativi del popolo brasiliano e nel depauperamento e saccheggio delle ricchezze del Brasile. Silenzi che si estendono a paesi come l’Argentina e il Messico, tra gli altri, dove sono calpestati i diritti dei popoli e si infliggono persecuzioni e assassini di leader politici e sociali.

I deputati del PCP nel Parlamento Europeo sono impegnati nella solidarietà con le forze progressiste, con i lavoratori e i popoli di quel continente (come del resto di qualsiasi parte del mondo).

Mentre esce questo articolo, nel Parlamento Europeo, con il nostro appoggio e collaborazione, si svolge l’iniziativa “Diritti delle vittime e Accordo di Pace in Colombia”, che si propone di segnalare non solo i notevoli ritardi nella sua attuazione, ma anche alcune preoccupanti battute d’arresto. Occorre ricordare che dalla firma dell’accordo, 42 militanti delle FARC e 170 leader e attivisti per la pace sono stati assassinati per mano del paramilitarismo che è aumentato e ha occupato territori precedentemente controllati dalla guerriglia.

Allo stesso modo, nelle scorse settimane, e anche per iniziativa dei deputati del PCP, è stato possibile diffondere comunicati del GUE/NGL di solidarietà sia con la lotta del popolo brasiliano contro la decisione di condannare Lula da Silva, che con il popolo venezuelano e la Rivoluzione Bolivariana, di fronte all’imposizione di sanzioni decise dall’Unione Europea.