Foto. Manifestazioni a sostegno di Saif Gheddafi in 3 città libiche

Foto. Manifestazioni a sostegno di Saif Gheddafi in 3 città libiche

Decine di persone si sono radunate questa settimana in tre città libiche per manifestare a sostegno di Saif Al-Islam Al-Gaddafi, figlio dell’ex Leader  Mu’ammar Al-Gaddafi.

Secondo Al-Wasat , le manifestazioni si sono svolte nelle città di Sirte, Bani Walid e Ghat, che si trovano nella Libia centro-settentrionale.

??? ?? ????? ?????? ?????? ???????? ?? ??? ?????? 20 ????? 2020. (????????)

Secondo quanto riferito, i partecipanti hanno mostrato foto dell’ex presidente libico, insieme ai suoi figli, Saif Al-Islam, Mu’tassem e Khamis.

I manifestanti avrebbero chiesto il ritorno di Saif Al-Islam alla politica libica, annunciavando il loro sostegno alla sua presidenza.

??? ?? ????? ?????? ?????? ???????? ?? ??? ?????? 20 ????? 2020. (????????)

La città di Sirte è la città natale di Mu’ammar Gheddafi ed è stata una delle principali roccaforti del defunto presidente durante la prima fase della guerra libica.

??? ?? ????? ?????? ?????? ???????? ??? ??? ???? ?????? 20 ????? 2020. (????????)

Dalla morte di Gheddafi, la città è stata controllata dal governo di intesa nazionale, dall’esercito nazionale libico e dall’ISIS.

??? ?? ????? ?????? ?????? ???????? ??? ??? ???? ?????? 20 ????? 2020. (????????)

Sirte è attualmente sotto il controllo dell’esercito nazionale libico, LNA, e lo è stato da quando hanno conquistato la città dal governo di accordo nazionale, GNA nel gennaio 2020.

Il governo di accordo nazionale sta ora guardando alla riconquista della città, nonostante l’annuncio del governo egiziano che Sirte è la loro “linea rossa”.

Preso da: https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-foto_manifestazioni_a_sostegno_di_saif_gheddafi_in_3_citt_libiche/82_36884/?fbclid=IwAR27PDAT6tJwiw2nRbGlezpTt7SC9UVQQ1u20PAJmGCPaSOgKWgiM8qdDGU

Il popolo Libico festeggia i 50 anni della grande rivoluzione di Al Fateh.

69771368_2196689623774434_3916298240173015040_n.jpg

il primo Settembre è l’anniversario della rivoluzione di Al Fateh in Libia, con cui il colonnello Muammar Gheddafi prendeva il potere, senza sparare un solo colpo, e sostenuto dal popolo Libico nel 1969.

Quello che è successo dopo lo sappiamo tutti, anni di successi, progressi in tutti i campi nonostante gli embarghi internazionali ed i vari tentativi occidentali di fermare la rivoluzione. Fino al 2011 quando la NATO ed i sui servi/alleati decideva di bombardare la Libia, e di occuparla, oggi dopo 8 anni il popolo Libico è ancora li, nella sua  terra, e festeggia i 50 anni della sola, vera unica, rivoluzione.

in questo articolo le foto ed i video delle celebrazioni a Bani Walid, Ghat, Sabha: http://libyanwarthetruth.com/libya-celebrates-50th-anniversary-great-al-fateh-revolution

69360932_2196689840441079_7292375025703714816_n.jpg

Qui invece i saluti della famiglia del Leader Muammar Gheddafi rivolti a chi ha avuto il coraggio di manifestare nonostante i divieti: http://za-kaddafi.org/node/47375

Non dimentichiamo che il “grande liberatore” Haftar ha arrestato 3 giovani verdi a Bengasi, che si preparavano a celebrare, ed ha dispiegato un intero battaglione per evitare manifestazioni.

Qui invece, possiamo leggere il messaggio che Saif Al Islam ha inviato al popolo Libico in occasione dei 50 anni della rivoluzione: http://za-kaddafi.org/node/47376

In Cameroon  i membri del CRI ( comitati rivoluzionari internazionali), Hanno celebrato la ricorrenza: https://www.facebook.com/cri.europe/posts/2199337993509597?__xts__%5B0%5D=68.ARCGxy5DiKXzaGYqzN1Zg7eykziPK-Cz_UeS2SaEQpzPydWL_WBzt5CnX7WO9xlcLc5ne18DFaJ4JytIqBbTtPNDkvXLPReQKekVdejjD19iyw3K62EEhrlOt5JCUoyz6nU4EFItI0P4tCgmwa13wDALjj0ySH1ziC3-QCv8WzMWzKZ2ec4fEbPO_Odqr3KDoAyMnDM7GoarhcrldyyGvRfLEhTxhk223fW4zbdzY3qpON8m68VZ20QvQFCnh89TgZ3MEIT4CCBmTWvThSW1IzZMMPOlYUXUCVt77rqdXxrpq9TsuwB0xSFcMsL2d2iNZhkTMJ-yktxXSVQLpZGPRvugfg&__tn__=-R

69426203_2196689763774420_459943409163960320_n.jpg

Le foto sono solo alcune di quelle che si possono trovare sui social, vengono da Bani Walid e sono prese dalla pagina facebook del CRI.