Un silenzio fragoroso circonda l’adesione (senza dibattito) dell’Italia alla EI2

 

  • 4 ottobre 2019
  • di
  • A due settimane dall’annuncio di Palazzo Chigi un silenzio fragoroso avvolge l’adesione dell’Italia all’European Intervention Initiative (EI2), proposta da Emmanuel Macron nel settembre 2017 e costituita a Parigi il 25 giugno 2018 al di fuori sia dagli ambiti NATO sia della PESCO (Cooperazione Strutturata Permanente nel settore della Difesa) prevista dai Trattati dell’Unione Europea.
    reunion-ministerielle-de-lancement-de-l-iei
    Un annuncio “sospetto”, reso noto sul sito della Presidenza del Consiglio meno di 24 ore l’incontro a Roma tra il premier Giuseppe Conte e il presidente Macron, che solo il giorno dopo è stato ripreso dal sito internet del ministero della Difesa. La notizia è infatti comparsa sul sito internet della Difesa il 20 settembre mentre già il giorno prima era su quello di Palazzo Chigi.

    Il ministro Lorenzo Guerini ha giustificato l’adesione all’EI2 sostenendo che “questa iniziativa è nata da una forte volontà politica e intende rafforzare la UE e la NATO, entrambe indispensabili a garantire la sicurezza dell’Europa e degli europei” ma in realtà l’European Intervention Initiative non solo non rafforza PESCO e NATO ma persegue l’obiettivo di Parigi di sviluppare uno strumento militare multinazionale europeo, ma sotto comando francese, per far fronte a crisi militari e calamità naturali sia a livello di analisi e pianificazione sia di intervento sul campo.
    4743003_2143_conte_macron
    Pur senza voler ribadire i dettagli espressi in un precedente editoriale è impossibile non notare che dopo 15 giorni dall’annuncio dell’adesione italiana né Palazzo Chigi né il ministero della Difesa hanno ritenuto di fornire dettagli e motivazioni di questa scelta al Parlamento o quanto meno alle commissioni Difesa di Camera e Senato.
    Del tutto assenti inoltre (o non pervenute) valutazioni e osservazioni dal ministero degli Esteri che pure sull’adesione a un trattato internazionale, pur se di tipo militare, dovrebbe dire la sua.
    Invece di chiarimenti istituzionali ce ne sarebbe davvero bisogno specie se si tiene conto che l’assenso del Parlamento è necessario per l’adesione a trattati internazionali.
    La EI2 ha incontrato da un lato lo scetticismo di Washington e degli ambienti NATO ma anche della Germania, che pur avendo aderito all’iniziativa vede con sospetto le mire di leadership militare continentale di Parigi e certo non apprezza il tentativo di mantenere legata la Gran Bretagna, potenza nucleare, a una Difesa europea di cui Berlino intende assumere la leadership, come dichiarato nel Libro Bianco 2016 dall’allora ministro della Difesa Ursula von der Leyen, oggi presidente della Commissione Europea.
    3c44baa9-f3a7-46fd-87a2-f9542da341a8eiiMedium
    Dall’altro va tenuto conto che i due precedenti governi italiani hanno guardato con sospetto l’ambigua iniziativa francese.
    Nelle scorse settimane il generale Vincenzo Camporini e Michele Nones, dell’Istituto Affari Internazionali, avevano raccomandato in una lettera aperta al nuovo ministro della Difesa l’adesione italiana alla European Intervention Initiative circa la quale, nel giugno 2018, i ministri Moavero Milanesi (Esteri) ed Elisabetta Trenta (Difesa) non nascosero dubbi e perplessità.
    “Esiste un accordo in Europa che si chiama PESCO, e l’EI2 altro non fa che prendere i Paesi che vi aderiscono più la Gran Bretagna e dargli una missione simile”, disse la titolare della Difesa. “È un’iniziativa parzialmente europea”, da guardare con “cauta e doverosa prudenza” aggiunse il ministro degli Esteri.
    Lo stesso ministro Trenta non aveva escluso “la possibilità di aderire in un secondo momento” ma se le valutazioni del nuovo esecutivo sono mutate sarebbe il caso di spiegarlo.
    governo_moavero_milanesi_trenta_lapresse_2019
    Certo è legittimo (anzi, per nulla sorprendente dopo quello che si è visto nelle ultime settimane) che il governo Conte 2 esprima valutazioni e preferenze diametralmente opposte all’esecutivo precedente guidato dallo stesso Giuseppe Conte ma un’informativa alle Camere è quanto meno doverosa e un ampio chiarimento è atteso dalla prevista audizione in commissione Difesa del ministro Guerini, chiamato a illustrare le linee programmatiche del suo ministero.
    Chiarimento necessario anche a sgombrare il campo dalle altrettanto legittime sensazioni che l’adesione di Roma all’EI2, se non motivata da esigenze politico-strategiche o da chiare contropartite chieste a Parigi, rientri nella ormai ben nota politica filo-francese (secondo molti di eccessiva sudditanza) a cui il PD, oggi tornato nella maggioranza di governo, ci ha già abituato.
    Difficile poi non notare come l’improvvisa adesione italiana alla iniziativa di Macron sia immediatamente consequenziale alla visita del presidente francese a Roma, rafforzando così l’impressione che Conte abbia semplicemente obbedito immediatamente alla richiesta dell’inquilino dell’Eliseo.
    @GianandreaGaian
    Foto:  AFP, Difesa.it e Governo.it

    Preso da: https://www.analisidifesa.it/2019/10/un-silenzio-fragoroso-circonda-ladesione-senza-dibattito-dellitalia-alla-ei2/

 

70° della Repubblica popolare Cinese: la cancellazione della storia

L’arte della guerra

Breve analisi della situazione geopolitica

Pubblicato

Prima di godersi il quadro geopolitico generale che lentamente sta prendendo forma è necessario fare un saltino indietro di qualche mese, ed esattamente dal 30 maggio al 2 giugno all’hotel Montreux Palace di Vaud in Svizzera. Nella cittadina elvetica affacciata sul lago di Ginevra, si è svolto l’annuale incontro segreto del Gruppo Bilderberg.

Quest’anno tra gli ospiti italiani, a parte l’immarcescibile Lilli Gruber, ha fatto la sua apparizione anche il figliol prodigo Matteo Renzi, il quale è stato invitato dall’élite per ricevere ordini sul prossimo governo italiano e sulla crescente e pericolosa ondata di populismo in Italia.
Ma andiamo per ordine: alle ultime elezioni parlamentari del 4 marzo 2018, il popolo ha votato e in cattedra sono saliti due partiti agli antipodi: Lega e Movimento 5 stelle!
Tutto ovviamente secondo copione, tutto secondo la scriteriata legge elettorale, che impedisce de facto un governo stabile.

Ma il Sistema forse non aveva calcolato l’inarrestabile consenso popolare ottenuto da Matteo Salvini, dettato solo da un profondo malessere generale: della serie la gente iniziava ad avere le palle piene di un Sistema parassitario e mafioso. Così sempre più persone hanno iniziato a seguirlo e soprattutto a credergli. In pratica si stava alimentando un sentimento nazionalista (definito dai media sovranismo), cosa pericolosissima per il Sistema! Pericolo che doveva essere fermato quanto prima.
Anche perché la massoneria franco-tedesca (rappresentata dalla doppia M: Merkel-Macron) non poteva permettere che l’Italia tornasse ad essere la locomotiva economica quale era prima dell’euro; dovevano impedire che tornasse a competere con le loro industrie.

A febbraio 2019 al G7 a Davos, Giuseppe Conte (uomo vicino al vaticano) viene pizzicato dalle telecamere a chiedere aiuto alla Merkel. Quindi abbiamo il premier di uno stato “democratico” che chiede aiuto alla massoneria tedesca, proprio quella che sta affossando l’Italia!
Ma tutti i sondaggi continuavano ad essere a favore di Salvini, mentre i pentastellati perdevano punti costantemente, per cui necessitavano interventi anche dall’interno…
Inizia così il boicottaggio del M5S: politica di totale ostruzionismo nei confronti delle proposte leghiste, come la chiusura dei porti, flat tax, grandi opere, ecc.
L’operazione chirurgica della «Sea Watch» è un esempio illuminante per chi ha ancora il cervello funzionante. Il Sistema ha pagato una squinternata ragazza tedesca per compiere una missione che diventerà la testa di ariete per la distruzione del nemico leghista: doveva prelevare immigrati dalle coste libiche (come fanno tutte le ong) per trasportarli in Italia in barba alle leggi nazionali e internazionali. Doveva proprio violare le leggi, per scatenare la reazione di una parte del governo…

Oggi sappiamo – come ha rivelato l’ex capo dei servizi segreti tedesco Maassen – che la comandante Carola è stata inviata (e pagata) dalla Germania per volontà della stessa Merkel.
Stiamo parlando di un gravissimo incidente diplomatico, di cui nessuno però ha sottolineato la portata, forse perché non viviamo in un paese democratico e sovrano.
I capetti del M5S sapevano benissimo di andare contro gli interessi degli italiani e dello Stato, ma stavano eseguendo gli ordini che arrivano dall’alto. In premio avrebbero ricevuto potere, soldi e qualche poltroncina…
Ricordiamo che il M5S è nato all’ombra del giustizialismo di Tangentopoli, è il topolino partorito dalla Piramide: il classico movimento «anti-sistema» creato dal Sistema stesso, nato con lo scopo di assorbire e convogliare la rabbia, il malcontento sempre più crescente tra milioni di italiani.
Proprio per questo compito furono cooptati Beppe Grillo e la Casaleggio associati.
Era cruciale incanalare il malessere della gente, dando l’illusione del “cambiamento”…
Non ha molto senso a questo punto sapere se Salvini era consapevole o meno di tutto questo diabolico disegno, perché TUTTI fanno parte del meccanismo.
Va detto a onore del vero che la governance del paese era sempre più difficile a causa dei conflitti interni tra le forze politiche (Lega e M5S), per non parlare delle contromanovre e boicottaggi degli stellini: ma può essere questa una valida motivazione per far cadere il governo?
Ovviamente Salvini ha ricevuto ordini ben precisi di togliersi di mezzo al momento opportuno!
Ma mentre il Movimento di Grillo ha ricevuto ordini dalla cricca europea, dalla massoneria che gestisce la finanza internazionale, Salvini da chi li ha ricevuti? Sicuramente non dalla medesima parte, perché egli era inviso proprio per quello che stava smuovendo a livello di pancia degli italiani, quindi cosa rimane? Forse l’America di Trump.
Possiamo dire qualsiasi cosa su The Donald, ma non che con la sua elezione presidenziale non si siano scompigliate tutte le carte del gioco della politica e dell’economia.
Non erano mai venuti fuori così tanti scandali di pedofilia come in questo periodo, e non può essere una banale coincidenza. Piaccia o non piaccia The President è consigliato da personalità potenti e molto astute…

Trump infatti non doveva essere eletto perché il «Deep State» («Potere profondo», il «Sistema», il «Governo ombra») che comanda da decenni aveva puntato su Hillary Clinton.
La Clinton è una marionetta del Sistema, mentre Trump no, per questo è pericolosissimo.
Tornando in Europa, il 22 gennaio 2019 sempre la cricca franco-tedesca ha firmato un trattato di cooperazione tra i due paesi, detto «Trattato di Aquisgrana», proprio per consolidare gli impegni europeisti e contrastare l’America.
La risposta minacciosa della Casa Bianca non si è fatta attendere: dazi all’industria automobilistica tedesca Volkswagen che potrebbero costare all’azienda qualcosa come 2,5 miliardi di euro all’anno, e dazi ai vini francesi. Mossa a dir poco geniale!
A ottobre c’è anche la Brexit che metterà a dura prova non solo Francia e Germania ma l’intera unità d’Europa! Boris Johnson sembra mettercela tutta per portare fuori dalla gabbia europea il Regno di Sua Maestà, e nonostante il fortissimo ostruzionismo interno, dovrebbe farcela!

Qui da noi la goccia che ha fatto traboccare il vaso governativo, togliendo una volta per tutte il velo di Maya dell’illusione, è stata il voto in Europa del M5S a favore di Ursula von der Leyen a Presidente della Commissione Europea. La candidata guarda caso proprio della Merkel e Macron.
L’unica spiegazione plausibile del perché il Movimento ha appoggiato la tedesca, era perché doveva farlo. Punto.
Arriviamo ai primi di settembre con la ridicola votazione interna al Movimento, mediante la «Piattaforma Rousseau», un programma privato gestito e controllato da Grillo e Casaleggio.
Il risultato era scontato e infatti quasi l’80% dei votanti “avrebbe” detto SI al tradimento degli ideali grillini con l’unione tra i due partiti che più si odiavano. Ma gli ordini sono ordini e pur di spegnere il risveglio delle coscienze del popolo italiano bisognava che passasse il SI.
Sicuramente hanno “ritoccato” i risultati (per giunta arrivati dopo ben 1 ora dal termine, cosa questa assurda per una consultazione elettronica, ma aveva bisogno di un po’ di tempo per “correggere” gli errori…) perché moltissimi grillini non erano e non sono d’accordo!
Ma grazie a questa falsa votazione, il M5S è riuscito ad evitare al popolo sovrano nuove elezioni e far tornare al governo (senza che nessuno li abbia votati, come gli ultimi 4 governi) il PD, cioè il partito più indecente che ci sia, quello delle banche, dell’immigrazione di massa, delle massonerie, corporazioni e cooperative. Il partito collegato a Renzi, uomo gestito dal Gruppo Bilderberg
Va detto a questo punto che a livello geopolitico europeo è in atto una guerra senza frontiere tra vari gruppi di Potere…
Un centro è certamente rappresentato dalle massonerie franco-tedesche, quelle che hanno strutturato a loro immagine e somiglianza la carta e i diritti dell’Unione europea.

Poi c’è la City di Londra e l’America che rappresentano due potenti centri nevralgici (la City, Wall-Street e la massoneria RSAA), ultimo ma non per importanza, il polo vaticano dei gesuiti.
Non è a caso che tutti i politicanti alla fine devono sempre passare a ricevere il consenso dalla «monarchia assoluta» gesuitica…

Quindi tedeschi e francesi vogliono a tutti i costi mantenere il controllo sull’Europa, aprendo la strada alla ricchissima Cina. E non a caso la «Via della seta» è un progetto multimiliardario finanziato dai cinesi, ma anche da vari paesi tra cui l’Italia. Si tratta di un corridoio commerciale, appoggiato anche dal nuovo governo PD-M5S, che spalancherebbe le porte al mondo «Made in Cina». Ma all’America una simile apertura non va giù, e proprio per questo stanno lavorando anche sotto banco, per impedirne la realizzazione.
La clessidra che scandisce il tempo a disposizione del “governo della vergogna” è stata girata, e tra scandali internazionali come spygate, pedofilia, pedosatanismo e altri…ne vedremo delle belle prossimamente su questo canale…

LA PERSECUZIONE DEI SERBI NELLA SECONDA GUERRA MONDIALE

1 gennaio 2016,

di Renzo Paternoster –
La storia dei serbi è costellata di lotte contro l’oppressione e l’assimilazione. Una sfida che nel corso della storia ha portato ai patimenti della schiavitù imposta dall’Impero Ottomano, poi all’ostilità criminale degli Ùstascia, per finire, alla controversa guerra scoppiata con la dissoluzione della Jugoslavia.
La storia della Serbia, e in particolare la storia del XX secolo, è scritta col sangue di un popolo maltrattato per motivi etnici, politici e religiosi. Un Paese da sempre crocevia degli interessi delle potenze mondiali e vittima dei regimi succedutesi nel tempo.
Tracce di primi insediamenti nell’attuale Serbia risalgono alla Preistoria. Nel X secolo l’Imperatore Costantino Porfirogenito nel De Administrando Imperio citava la “Servia” (si tratta di un artefatto dell’alfabeto cirillico, in cui la “b” in cirillico è tradotta in latino con “v”).
Organizzati in piccoli principati guidati da uno župan (giuppano), il popolo serbo subì tra il VII e il XII secolo il dominio dei grandi imperi vicini: prima i Bizantini, poi i bulgari di Simeone, poi di nuovo l’impero Bizantino. In questo periodo, tra tutte le entità territoriali serbe, due emersero politicamente: il principato di Zeta (o Zenta) e il principato di Raška, (traslitterato anche come Raschka o Rassa). Il primo è considerato antesignano del moderno Montenegro, il secondo è territorialmente e nazionalmente il nocciolo da cui, grazie al župan Stefano Nemanja (1117-1199), si svilupperà il regno di Serbia.
Tra l’871 e l’875 la Nazione serba si converte al Cristianesimo, anche grazie all’opera di rinnovamento spirituale dei missionari Cirillo e Metodio. Più tardi i sovrani serbi della famiglia Nemanja, cambiando politica verso l’esterno, convertono la nazione stabilmente all’Ortodossia con la creazione di una Chiesa autocefala.
Alla fine del 1400 le regioni serbe sono conquistate dagli ottomani. Da allora e fino alla formazione del Principato di Serbia (1830), il popolo serbo resta soggetto ai Turchi. Nonostante la severa dominazione ottomana, la società serba conserva la specifica individualità nazionale, assieme alla propria religione ortodossa. Nell’Età moderna, la Serbia è riconosciuta a livello internazionale dal Congresso di Berlino del 1878.
Dopo il primo conflitto mondiale, nel 1918 si forma il “Regno dei Serbi, Croati e Sloveni”, che comprende la Croazia, la Bosnia, l’Erzegovina, la Vojvodina, l’entroterra sloveno, la penisola dell’Istria, parte della Venezia Giulia e la Dalmazia. Si tratta di uno Stato molto debole, composto di elementi eterogenei e tante differenti realtà, prima fra tutte la religione. Questa unione politica “strana” nasce dai timori della Croazia e della Slovenia di perdere i propri territori in favore dell’Italia, vincitrice della guerra mondiale. La nuova entità politica è posta sotto la dinastia regnante serba del principe Alessandro Karađorđević. A seguito di dissidi politici interni tra croati e serbi, e dopo l’uccisione di Stjepan Radić, leader del Partito Contadino Croato, ferito mortalmente il 20 giugno 1928 da un deputato montenegrino, durante una seduta del Parlamento del Regno, il reggente Alessandro Karađorđević sospende la Costituzione e il Parlamento, mette al bando i partiti nazionali, dichiara decaduto il Regno dei Serbi, Croati e Sloveni e proclama la nascita del Regno di Jugoslavia. Alessandro suddivide il territorio a tavolino, creando dei distretti (banovine), senza dunque tener conto delle differenze nazionali. In questo modo pensa di superare le distinzioni tra i popoli che compongono il nuovo Regno. Questo scontenta i nazionalisti croati, che si organizzano in un movimento indipendentista, la “Organizzazione Rivoluzionaria Croata Ùstascia” (Ustaša – Hrvatska revolucionarna organizacija). Il termine “ùstascia” (in croato ustaša) proviene dal verbo ustati o ustajati che significa “insorgere, risvegliare”.
Belgrado dopo i bombardamenti dell'aprile 1941

Belgrado dopo i bombardamenti dell’aprile 1941

Mentre in Europa la Germania di Hitler inizia a disgregare militarmente il vecchio ordine politico, il Regno di Jugoslavia, attraverso il principe reggente Pavle (Paolo) Karađorđević, firma l’adesione al Patto Tripartito (25 marzo 1941). In verità, in un incontro segreto tra Hitler e il principe Paolo, tenutosi a Berchtesgaden il 4 marzo, il reggente jugoslavo aveva vincolato l’adesione al Patto Tripartito alla promessa del Führer di non invadere il Regno di Jugoslavia.
Quando arriva a Belgrado la notizia che il reggente ha firmato un’alleanza con Hitler e Mussolini, scoppia una rivolta e i militari serbi revocano l’adesione al Patto. Pochi giorni dopo, un colpo di stato da parte di vertici militari serbi, guidati dal cugino di Paolo, Pietro II, mettono fine alla reggenza del principe Karađorđević. Hitler prende come un affronto personale la rivolta contro il principe reggente Paolo. Non solo. Il colpo di stato fa saltare l’inizio dell’“Operazione Barbarossa”, il programma d’invasione nazista dell’URSS previsto originariamente per il 15 maggio 1941. La reazione tedesca si concretizza nell’operazione “Castigo”, consistente nell’invasione nazista dei Balcani. La conquista del regno di Jugoslavia comincia con un bombardamento a tappeto sulla città di Belgrado la mattina del 6 aprile 1941. In breve tempo – solamente undici giorni – l’esercito nazista conquista la Jugoslavia. Il Regno è del tutto smembrato: gli italiani prendono parte della Slovenia (provincia di Lubiana), della costa dalmata della Croazia e il Kosovo del Sud, i tedeschi occupano due terzi della Slovenia e larga parte della Serbia, compreso il Nord del Kossovo, l’Ungheria incorpora parte delle Vojvodina e della Slavonia, la Bulgaria si impadronisce della Macedonia. Ciò che resta diventa Stato Indipendente di Croazia (in croato Nezavisna Država Hrvatska). Proclamato il 10 aprile 1941, questa nuova entità politica comprende la Croazia, senza l’Istria e la Dalmazia, tutta la Bosnia-Erzegovina e una parte della Vojvodina (Sirmie). Il controllo del nuovo Stato croato è subappaltato in favore della “Organizzazione Rivoluzionaria Croata Ùstascia”, guidata da Ante Pavelić, ex deputato al Parlamento nazionale di Belgrado nel 1927, che assume il titolo di Poglavnik (condottiero, duce).
Per il popolo serbo inizia un pietoso calvario che si protrae per tutta la guerra.
Il regime italiano di occupazione è duro e crudele: molti partigiani e civili, specialmente quelli di origine serba, sono uccisi o internati in campi di concentramento. Ancora più dura è l’occupazione tedesca in Serbia, considerata dai nazisti abitata da un popolo di razza inferiore. Il governo collaborazionista albanese del Primo ministro Mustafà Kruja, invece, mette in pratica politiche atte a costringere i serbi a lasciare il Paese e a sterminare quelli che si rifiutavano di farlo. Nella regione della Vojvodina, che stata concessa da Hitler all’Ungheria, a occuparsi della persecuzione dei serbi (ma anche degli ebrei e degli zingari) sono soprattutto la minoranza tedesca locale (Volksdeutsche). La Croazia di Pavelić adotta brutali misure repressive sull’opposizione interna, con speciale “cura” per i serbi residenti nel Paese.
Junkers Ju 87 Stuka in volo sul Montenegro

Junkers Ju 87 Stuka in volo sul Montenegro
L’odio viscerale dei nazisti contro i serbi è palese sin dall’inizio dell’“Operazione Castigo”, come la chiamò furiosamente il Führer: ventiquattro ore di seguito di bombardamenti a tappeto da parte della Luftflotte 4 della Luftwaffe sulla città di Belgrado, con un bilancio drammatico di 17mila civili uccisi. Conquistata la Serbia, i nazisti si abbandonarono a spietati crimini contro i civili, con saccheggi, violenze sessuali, deportazioni ed esecuzioni sommarie.
Il Comando militare-amministrativo nazista in Serbia, guidato dall’ufficiale Harald Turner, che affiancava e controllava le autorità civili serbe collaborazioniste, da subito si preoccupa della “questione ebraica”, un problema collegato a quello partigiano serbo. All’inizio dell’invasione era già stato creato l’Einsatzgruppe der Sicherheitspolizei und des Sicherheitsdiensts für Serbien, unità operative militari addestrate per l’annientamento di ebrei, zingari e partigiani.
Proprio i partigiani, molto attivi fin dall’inizio dell’occupazione nazista, diventano un grosso problema per i nazisti. Per tagliare il sostegno dei civili serbi alla lotta partigiana, è creato dai nazisti un “Governo di salvezza nazionale serbo” (Vlada Nacionalnog Spasa Srbije), guidato dal generale serbo Milan Nedić, ex Ministro dell’Esercito e della Flotta nel Regno di Jugoslavia. Il governo è ovviamente sotto il comando militare tedesco. Nedić collabora con i nazisti, consentendo l’apertura di campi di concentramento, la creazione di una Gestapo serba e di una legione militare serba, la Serbisches SS-Freiwilligen Korps (Corpo di Volontari Serbi delle SS).
Nonostante questo, i serbi rispondono con una strenua resistenza, che scatena a sua volta feroci rappresaglie sulla popolazione civile. Nelle direttive del Capo di stato maggiore Wilhelm Keitel e del generale plenipotenziario per la Serbia Franz Böhme, si fissano precise quantità di persone arrestate da fucilare come rappresaglia: cento serbi per ogni tedesco ucciso e cinquanta per ogni ferito.
A ogni azione partigiana serba, dunque, corrisponde una smisurata reazione nazista. Una delle più sanguinose rappresaglie è portata a compimento nella città Kragujevac, nella Serbia centrale, tra il 20 e il 21 ottobre 1941. La ritorsione è decisa per gli attacchi partigiani nelle città di Čačak, Valjevo e Gornj Milanovac, che avevano causato la morte di dieci soldati tedeschi e il ferimento di altri ventisei: almeno cinquemila persone sono fucilate, ma nelle testimonianze a carico dei responsabili durante il processo di Norimberga si è parlato di almeno settemila e trecento vittime; altre diecimila sono arrestate.
Camion camera a gas utilizzato nel campo di Sajmište

Camion camera a gas utilizzato nel campo di Sajmište
La politica concentrazionaria adottata dai nazisti nell’Europa centrale, è ripresa anche nei territori balcanici occupati. In Serbia si aprono così numerosi campi di concentramento e di sterminio per ebrei, rom e serbi. Tra questi i campi di Niš, Šabac, Čačak, Smederevska Palanka, Stari Trg, Kruševac, Zasavica, Pančevo, Banjica, Sajmište.
Gli “ospiti” di questi campi, sono in maggior misura ebrei e rom, principalmente donne, bambini e anziani, visto che la maggior parte degli uomini è soppressa quasi subito. Se molti campi sono creati a modello di quelli polacchi, quindi con forni crematori, in alcuni si fa ricorso a metodi alternativi, come quello dei Gaswagen, traducibile dal tedesco come “camion del gas”, in pratica autocarri cassonati dove stipare da cinquanta a cento persone, in cui è fatto confluire il gas di scarico del motore che uccide le persone alloggiate al suo interno con l’azione del monossido di carbonio.
Alle persecuzioni naziste sul popolo serbo, si aggiungono gli scontri armati tra i partigiani comunisti serbi e forze nazionaliste serbe, che porta la regione sull’orlo della guerra civile, cosa che ovviamente fa comodo agli occupanti tedeschi.
Decapitazione con una sega di un civile serbo da parte Ustascia

Decapitazione con una sega di un civile serbo da parte Ustascia
La nuova Croazia di Ante Pavelić, imbevuta di fanatismo religioso (cattolico) e impregnata di un nazionalismo esasperato, si spande su oltre il 40% del territorio dell’ex Regno di Jugoslavia ed è abitata, oltre dai croati, anche da serbi, musulmani, zingari, ebrei e tedeschi, tutti considerati alieni al nuovo Stato. Tuttavia il nuovo regime concede alla comunità tedesca lo status privilegiato di minoranza, “soprassedendo” sulla presenza dei musulmani. Tutte le altre etnie devono essere in parte eliminate fisicamente (istrebljenje), in parte “convertite” al cattolicesimo, in parte espulse. Sfortunatamente i serbi erano troppi per essere convertiti o scacciati in tempo dalla Croazia, così iniziò la “santa macelleria” ùstascia, “santa” perché attuata anche in nome del Dio cattolico che, paradossalmente, è lo stesso Dio ortodosso.
Il 19 aprile del 1941 sono promulgate le prime leggi razziali, il 30 aprile è emanato un decreto mirante a difendere “la razza ariana e l’onore del popolo croato”, per creare un nuovo spazio vitale “pulito” in una Nazione genuinamente croata. Con questo decreto legge è stabilito che il diritto di cittadinanza nello Stato Indipendente di Croazia spetta solo a «colui che è di origine ariana […]. Ebrei e serbi non sono cittadini dello Stato Indipendente Croato, ma appartenenti allo Stato […]. Solo gli ariani godono dei diritti politici». In altri decreti razziali è stabilito che a serbi, ebrei e nomadi è proibita la circolazione sui marciapiedi e la frequentazione dei luoghi pubblici, dei negozi e dei ristoranti, mentre sui mezzi di trasporto sono affissi degli avvisi con scritto: «Vietato ai serbi, ebrei, zingari e cani». Un decreto stabilisce la “riconoscibilità” dei non ariani: così se agli ebrei tocca essere “marchiati” con la stella gialla a sei punte (la stella di Davide), cucita sulla manica della giacca, i serbi sono obbligati a portare, infilata al braccio, una fascia identificativa di colore blu con la lettera P, come pravoslavni, cioè ortodossi.
Oltre la dignità, ai serbi è sottratta la loro identità: l’alfabeto cirillico è proibito, la denominazione “cristiani serbo-ortodossi” è sostituita con “fede greco-orientale”.
A parte il più bestiale massacro della popolazione compiuto spesso porta a porta, per molti serbi, come anche per ebrei e rom, si aprono le porte dei campi di concentramento.
Sono settantuno i campi di concentramento disseminati per tutta la Croazia, la Bosnia e l’Erzegovina. Tra i più grandi campi di concentramento ùstascia ci sono quelli di Dakovo, Gospic, Danica, Jastrebarsko, Loborgrad, Gornja Rijeka, Tenja, Sisak, Kerestinec, Kruščica, Lepoglava, Caprag, delle isole Arbe e Pago, di Jasenovac. Questi campi sono strutturati in più sottocampi.
Internati nel campo di Sajmiste

Internati nel campo di Sajmiste
Jasenovac è il terzo campo nazi-fascista di concentramento per dimensioni, dopo Auschwitz e Buchenwald, di tutta la Seconda Guerra mondiale. Si trattava di un complesso di cinque campi diversi, collegati fra loro, dove si consuma la maggior parte della storia dei serbi residenti in Croazia.
I lager ùstascia del complesso di Jasenovac si trovavano esattamente al centro dello Stato Indipendente di Croazia, vicino alle rive del fiume Sava, a un centinaio di chilometri a sud-est di Zagabria, nei pressi dell’attuale confine croato-bosniaco.
Per metodo delle esecuzioni e per il sadismo dei carcerieri, i crimini consumati nel sistema concentrazionario di Jasenovac oltrepassano ogni immaginazione umana. A parte la morte procurata da armi da fuoco, considerato un beneficio rispetto ad altri modi di essere giustiziati, a Jasenovac si muore con metodi davvero inumani: con coltelli, asce, seghe, martelli e spranghe, per annegamento, arsi vivi, per fame e per sete, per freddo e per esposizione alle infezioni. Particolare e gradito attrezzo di morte ùstascia è lo srbosjek, in serbo-croato vuol dire “tagliaserbo”: una specie di guanto di pelle con incorporata una lama ricurva, che permetteva di sgozzare con più facilità e sveltezza. Lo srbosjek diviene lo strumento di competizioni sadiche da parte degli ùstascia all’interno dei campi di concentramento: colui che riesce a uccidere il maggior numero di prigionieri nel minor tempo con questo coltello riceve un premio. A Jasenovac, durante una di queste macabre competizioni, Petar “Pero” Brzica, uno studente del Franciscan College of Široki Brijeg in Erzegovina e membro della confraternita dei crociati, ha raggiunto la quantità enorme di 1.360 prigionieri serbi uccisi.
A Jasenovac a dispensare la morte crudele sono anche dei frati francescani: Miroslav Filipovic-Majstorovic, soprannominato “Fra Diavolo”, e Vicko Rendic, entrambi diressero per un certo periodo il campo.
Altri uomini di Chiesa partecipano ai massacri contro i serbi in tutta la Croazia ùstascia. Il ricercatore Mario Aurelio Rivelli ne riporta centotrentotto [cfr. il suo, Ho un elenco di 138 preti e frati massacratori ùstascia, in «Adista», 5 luglio 2003]. Tra questi, i più famosi, oltre a Miroslav Filipovic-Majstorovic e Vicko Rendic, sono il prete Bozidar Bralo, consigliere della famigerata Crna Leggija (Legione Nera), che dopo i massacri dei serbi usa ballare la danza nazionale croata attorno ai cadaveri, oppure il gesuita Dragutin Kamber, capo della polizia di Doboj, in Bosnia, che pretende la sua partecipazione allo sterminio dei serbi ortodossi, oppure ancora i sacerdoti Ilija Tomas e Marko Hovko, che partecipano alla bestiale uccisione di 559 serbi, tra cui anche donne e bambini, a Prebilovici e a Surmanci in Herzegovina.
Particolare “premura” è rivolta verso i capi e gli ecclesiastici della Chiesa Ortodossa Serba, i primi a essere colpiti dalla furia ùstascia.
Il vescovo Platon Jovanović di Banja Luka (Bosnia) è ucciso assieme a suo figlio e al suo confratello padre Dusan Jovanović dopo atroci torture al villaggio di Vrbanja. Il metropolita Sarajevo, l’arcivescovo Petar Zimonić, è torturato e gettato in un pozzo assieme ad altri cinquantacinque preti ortodossi. L’Arcivescovo Dositeo di Zagabria è arrestato e torturato crudelmente, tanto da renderlo irriconoscibile dopo il suo trasferimento a Belgrado, dove muore per le ferite riportate. Il vescovo Sava Trlaic di Plaski, dopo essere stato torturato è condotto sul monte Velebit e gettato in un burrone assieme a numerosi altri serbi. Padre Branko Dobrosavljevic di Veljun è costretto a recitare le preghiere per i morti a suo figlio ancora vivo e poi ad assistere alla sua esecuzione, quindi è poi torturato e ucciso anche lui. Tutta la fraternità del monastero di Žitomislići, vicino Mostar, in Herzegovina, è trucidata e gettata in un pozzo. L’intero complesso sacro è poi demolito e bruciato. Moltissimi altri membri della Chiesa ortodossa serba sono torturati e poi trucidati.
Quasi tutte le chiese ortodosse sono distrutte, incendiate e convertite anche in stalle. Pure i cimiteri ortodossi non sono risparmiati dalla furia distruttiva ùstascia.
Finita la Seconda Guerra Mondiale, la Serbia è inglobata fino al 2006 nella Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia. Sotto Tito, la popolazione serba si ritrova ancora divisa fra le varie repubbliche della Confederazione jugoslavia. Pure in questa nuova realtà politica l’atteggiamento persecutorio verso la popolazione serba è durissimo: i serbi, secondo il maresciallo Tito, sono colpevoli di aver accettato con troppa benevolenza l’invasore tedesco e, soprattutto, sono troppo filo-sovietici. Per questo vanno isolati, “convertiti” e, se recidivi, uccisi.
La storia è avida di giustizia verso i serbi, perché la tragedia che si è consumata nei Balcani durante la Seconda Guerra Mondiale non ha ancora trovato il giusto spazio nella storiografia: se per alcune vittime c’è un eccesso di memoria, per altre c’è un eccesso di oblio, come se esistesse una graduatoria del male dell’uomo sull’uomo. Fatta eccezione per il grande monumento del lager principale di Jasenovac, un enorme “Fiore di Pietra” dello scultore Bogdan Bogdanović inaugurato nel 1966, per la scultura chiamata “Pioppo dell’Orrore”, posizionata all’interno del campo di concentramento ùstascia nel villaggio di Donja Gradina, e alcune piccole placche commemorative in qualche altro campo di concentramento, fuori i Balcani solo l’Holocaust Memorial Museum di Washington e l’Holocaust Memorial Park di New York ricordano la tragedia dei serbi durante la Seconda Guerra Mondiale. Eppure il numero totale delle vittime serbe dei nazisti e degli ùstascia è compreso tra 950.000 e 1,8 milioni.
Ogni progetto di sterminio in massa rappresenta il trionfo del male, la celebrazione di un arbitrio che si fa norma in un determinato regime politico, rientrando nella legalità giuridica e morale di quel regime. Ogni progetto di sterminio rappresenta una forma di barbarie. Per questo la storia non si costruisce sull’oblio parziale della memoria, perché ogni compimento del male continua a uccidere quando è ricoperto dal velo dell’oblio.
Per saperne di più
Ćirković S.M., I Serbi nel Medioevo, Jaca Book, Milano 1992.
Ćirković S.M., I Serbi. La storia del popolo che nell’angolo più tormentato dell’Europa, ha sempre diviso i giudizi del mondo occidentale, ECIG, Genova 2007.
Cox J.K., The History of Serbia, Greenwood Press, 2002 (orig. 1964).
Morača P., “I crimini commessi da occupanti e collaborazionisti in Jugoslavia durante la seconda guerra mondiale, in Collotti E. (a cura di), L’occupazione nazista in Europa, Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia, Editori Riuniti, Roma 1964, pp. 517-552.
Pavlowitch S.K., Serbia. The History Behind the Name, Hurst & Company, London 2002.
Rivelli M.A., Ho un elenco di 138 preti e frati massacratori ùstascia, in «Adista», 5 luglio 2003.
Scotti G., Kragujevac: la città fucilata, Ferro, Milano 1967.
Serfes N., Serbian Martyrology. Commemoration of the new martyrs of the Serbian land, in The Orthodox Word, August 28, 1999, http://www.serfes.org/orthodox/serbianmartyrs.htm
Skoro G., Genocide over the Serbs in the Independent State of Croatia. Be Catholic or Die, Institute of Contemporary History, Beograd 2000.
Staffa G., I personaggi più malvagi della Chiesa. Dalla Santa Inquisizione all’Olocausto, la crudeltà si annida tra le pieghe millenarie del clero, Newton, Roma 2013.

I terroristi dell’UCK saranno mai processati?


français  Español  Deutsch  عربي  Türkçe  فارسى  Português  English

L’ex primo ministro kosovaro, Ramush Haradinaj, è stato arrestato dalla giustizia francese all’aeroporto di Basilea-Mulhouse e poi rimesso in libertà sotto controllo giudiziario. La Serbia ne chiede l’estradizione per i crimini commessi negli anni Novanta, quando Haradinaj faceva parte dell’Esercito di liberazione del Kosovo (UCK).

Il Kosovo è uno Stato creato dalla NATO, ma non è riconosciuto dalla comunità internazionale.
L’UCK, che è stato formato dalla NATO partendo dalla mafia albanese, ha condotto in Jugoslavia una campagna di terrorismo cieco, provocando una repressione indiscriminata di Belgrado che servì alla NATO per giustificare la guerra. Gli ufficiali dell’UCK furono addestrati in Turchia dal KSK tedesco per conto dell’Alleanza atlantica. [1]

A distanza di 17 anni, dovrebbe vedere la luce un tribunale penale internazionale per giudicare i crimini commessi dall’UCK. I crimini imputati alla Serbia sono stati invece immediatamente puniti.
La NATO, non potendo provare i crimini contro l’umanità imputati al presidente Slobodan Milosevic, lo fece assassinare nel 2006 nella sua cella, dopo diversi anni di processo senza esito. La sua morte preannunciò quelle di Saddam Hussein e di Muammar Gheddafi, anche loro vittime della NATO.
Ramush Haradinaj è già stato giudicato nel 2007 dal Tribunale internazionale per l’ex-Jugoslavia. L’intelligence NATO si rifiutò di comunicare alla procuratrice Carla Del Ponte la documentazione su Haradinaj in suo possesso. Oltre una decina di testimoni a carico furono assassinati prima di comparire davanti alla Corte. Per cui, alla fine, Haradinaj fu assolto.
Se una giurisdizione ad hoc nascesse ora, il primo imputato sarebbe l’attuale presidente kosovaro Hashim Thaci. Nell’attesa, la Serbia chiede giustizia.
Durante l’udienza per la messa in stato d’accusa, Ramush Haradinaj ha insultato i magistrati francesi, accusandoli di essere al servizio del defunto presidente Milosevic. Il suo avvocato, Rachel Lindon, ha invocato l’incompetenza di Belgrado, adducendo che il suo cliente è già stato giudicato all’Aia. L’accusa ha però osservato che, tenuto conto della morte dei testimoni, il primo processo non ha potuto deliberare sull’insieme dei crimini.
L’estradizione di Ramush Haradinaj in Serbia richiede il consenso del governo francese.

[1] KSK: Kommando Spezialkrafte, corpo di truppe scelte dell’esercito tedesco, creato il 1° aprile 1996. Il suo organico, formalmente segreto, è stimato in 1.100 soldati. Ndt.

Preso da: https://www.voltairenet.org/article194933.html

Quel patto tra Francia, Germania e Spagna che svela il futuro dell’Europa

L’asse franco-tedesco ha una terza gamba: la Spagna di Pedro Sanchez. Sia chiaro, Madrid ha da sempre rappresentato un Paese fondamentale legato sia a livello politiche che a livello economico all’alleanza tra Francia e Germania. Ma adesso, con Sanchez, Emmanuel Macron ed Angela Merkel tutto appare più nitido. Le elezioni europee hanno confermato che Berlino, Parigi e Madrid hanno costruito un asse sempre più solido che serve non solo a Francia e Germania per rafforzarsi in Europa, ma anche alla stessa Spagna per scalzare l’Italia come terza potenza dell’Unione europea. Una convergenza di interessi che adesso si ripercuote su uno dei fronti più importanti dell’alleanza tra Berlino e Parigi: la difesa europea.

Dopo mesi di trattative, infatti, il governo spagnolo  ha aderito al progetto del nuovo caccia europeo. Come scrive il quotidiano spagnolo Abc, il ministro della Difesa, Margarita Robles, ha firmato l’accordo con il quale la Spagna aderisce formalmente al Future Combat Air System (Fcas) durante il Salone internazionale dell’aeronautica e dello spazio a Le Bourget, Parigi. Il memorandum d’intesa del Fcas è stato firmato, oltre che dalla Robles, anche dal ministro della Difesa francese, Florence Parly, e dal ministro della Difesa tedesco, Ursula von der Leyen. L’accordo servirà alle difese di Berlino, Madrid e Parigi per sostituire entro il 2040 gli attuali Rafale ed Eurofighter e ha una durata di almeno dieci anni. Uno strumento che serve ai governi dell’asse franco-tedesco di mostrare la propria volontà di competere rispetto ai giganti dell’industria aeronautica militare mondiale, ma serve soprattutto per dare un’accelerata a quella difesa di matrice europea su cui Parigi sta puntando moltissimo e su cui sembra avere investito anche la Germania, preoccupata dall’essere una potenza industriale ma esclusa dai grandi giochi strategici internazionali.
Per quanto riguarda la Spagna, la mossa ha un chiarissimo connotato politico che dimostra la volontà di Sanchez di unire l proprio Paese a quell’asse franco-tedesco che rimane, secondo i suoi alleati, il vero motore dell’unità europea. Sgombriamo il campo da equivoci: Sanchez al pari di Macron e Merkel non lo fa per beneficenza né per sane europeismo. Quello che si nasconde dietro questa decisione è un chiaro intento da parte della Spagna di incunearsi quale terza gamba dell’asse franco-tedesco, pur essendo perfettamente consapevole che il gioco lo conducono Macron e Merkel. Ma dalla sua Sanchez può sfruttare una fondamentale miscela di di interessi convergenti. Da una parte l’Italia ha mostrato forti aperture di credito nei confronti degli Stati Uniti di Donald Trump che tutto vogliono me no che Francia e Germania continuino nei loro progetti di Difesa europea a guida franco-tedesca. Dall’altra parte, il governo italiano ha deciso di non puntare su progetti di difesa Ue che non siano inseriti nell’ambito Pesco e nell’ambito Nato. Infine, non va dimenticato neanche un ultimo dato di natura squisitamente politica: Sanchez rappresenta l’unico governo europeo pro-Ue, sostenuto da Francia e Germania e con la Commissione europea uscente che ne ha certificato la bontà delle riforme. Di fatto questo momento storico può rappresentare per Madrid il passaggio di consegne da parte di Roma. E così, questo accordo militare può rivelare molte cose sul futuro dell’Unione europea, che da tempo sembra aver deciso che il futuro di Bruxelles spasserà per Francia e Germania con il sostegno della Spagna. Escludendo, per il momento, l’Italia.

Preso da: https://it.insideover.com/politica/patto-francia-germania-spagna-fcas.html

Siamo tutti bugiardi

Thierry Meyssan replica alle commemorazioni dello sbarco in Normandia e del massacro di Tienanmen, nonché alla propaganda elettorale per le recenti elezioni del parlamento europeo, mettendo l’accento sul fatto che continuiamo a mentire, persino rallegrandocene. Soltanto la verità può però renderci liberi.

| Damasco (Siria)

JPEG - 72.1 Kb
La propaganda è un mezzo per diffondere idee, siano esse vere o false. Ma mentire a sé stessi significa non assumersi la responsabilità dei propri errori, convincersi di essere perfetti e passare oltre.

La Turchia è esempio estremo di questo atteggiamento. Insiste a negare di aver cercato di liberarsi delle minoranze non mussulmane, tentando di farle sparire a ondate per un’intera generazione, dal 1894 al 1923. Anche gli israeliani non se la cavano male: pretendono di aver creato il loro Stato allo scopo di offrire vita degna agli ebrei sopravvissuti allo sterminio nazista, quando invece già nel 1917 Woodrow Wilson si era impegnato a fondarlo, e nonostante oggi in Israele oltre 50.000 sopravvissuti ai campi della morte vivano in miseria, al di sotto della soglia di povertà. Ma gli occidentali provvedono da sé a costruire il consenso attorno alle proprie menzogne e le professano come fossero verità rivelate.

Lo sbarco in Normandia

Si festeggia il 75° anniversario dello sbarco in Normandia. Quasi unanimemente i media affermano che con questa operazione gli Alleati diedero inizio alla liberazione dell’Europa dal giogo nazista.
Ebbene, sappiamo tutti che è una menzogna.
-  Lo sbarco non fu opera degli Alleati, ma quasi esclusivamente dell’Impero britannico e del corpo di spedizione statunitense.
-  Non ebbe lo scopo di “liberare l’Europa”, bensì di precipitarsi su Berlino per strappare i brandelli del Terzo Reich alla vittoriosa armata sovietica.
-  I francesi non accolsero lo sbarco con gioia, ma con orrore: Robert Jospin, padre dell’ex primo ministro Lionel, sul suo giornale denunciava in prima pagina che gli anglosassoni avevano importato la guerra in Francia. I francesi seppellirono le 20 mila vittime dei bombardamenti anglosassoni unicamente per creare un diversivo. A Lione, un’immensa manifestazione si raccolse attorno al “capo dello Stato”, l’ex maresciallo Philippe Pétain, per respingere la dominazione anglosassone. E mai, assolutamente mai, il capo della Francia libera, il generale Charles De Gaulle, accettò di partecipare alla benché minima commemorazione di questo nefasto sbarco.
La storia è più complicata dei film western. Non ci sono “buoni” e “cattivi”, soltanto uomini che cercano di salvare parenti e amici con più o meno umanità. Almeno si sono evitate le stupidaggini di Tony Blair che, durante le commemorazioni del 60° anniversario dello sbarco, fece insorgere la stampa affermando nel suo discorso che il Regno Unito entrò in guerra per salvare gli ebrei dalla “shoah” ¬– non però i gitani vittime dello stesso massacro. Ebbene, la persecuzione degli ebrei d’Europa iniziò soltanto nel 1942, dopo la Conferenza di Wansee.

Il massacro di Tienanmen

Si celebra anche il triste anniversario del massacro di Tienanmen. Ovunque si legge che il crudele regime imperiale cinese massacrò migliaia di concittadini, pacificamente radunati nella principale piazza di Beijing, che chiedevano soltanto un po’ di libertà.
Ebbene, tutti sappiamo che è falso.
-  Il sit-in in piazza Tienanmen non fu un semplice raduno genuino di cittadini cinesi, bensì un tentativo di colpo di Stato da parte di partigiani dell’ex primo ministro Zhao Ziyang.
-  In piazza Tienanmen, “pacifici manifestanti” linciarono o bruciarono vivi soldati a decine e distrussero centinaia di veicoli militari, prima che intervenissero gli uomini di Deng Xiaoping a fermarli.
-  A organizzare gli uomini di Zhao Ziyang, sul posto c’erano gli specialisti USA delle “rivoluzioni colorate”, tra cui Gene Sharp.

L’Unione Europea

Abbiamo appena votato per eleggere i rappresentanti al parlamento europeo. Per settimane siamo stati abbeverati di slogan che ci garantivano che «l’Europa è la pace e la prosperità» e che l’Unione Europea è il compimento del sogno europeo.
Ebbene, tutti sappiamo che è falso.
-  L’Europa è insieme un continente – «da Brest a Vladivostok», secondo la definizione di De Gaulle – e una cultura di apertura e cooperazione; l’Unione Europea invece non è altro che un’amministrazione anti-Russia, in continuità con la corsa verso Berlino dello sbarco in Normandia.
-  L’Unione Europea non è pace: a Cipro è vigliaccheria di fronte all’occupazione militare turca. Non è prosperità, ma stagnazione economica quando il resto del mondo si sviluppa a gran velocità.
-  L’Unione Europea non è in rapporto alcuno con il sogno europeo del primo dopoguerra. L’ambizione dei nostri antenati era unificare i regimi politici nell’interesse generale – le Repubbliche, nel senso etimologico del termine – conformemente alla cultura europea, si trovassero o meno nel continente. Aristide Briand propugnava che l’Argentina, Paese di cultura europea dell’America Latina, facesse parte dell’Europa, ma non il Regno Unito, società di classe.
E così via…

Andiamo avanti come ciechi

Dobbiamo saper distinguere il vero dal falso. Possiamo rallegrarci della caduta del nazismo, senza tuttavia convincerci che gli anglosassoni ci hanno salvati. Possiamo denunciare la brutalità di Deng Xiaoping, senza tuttavia negare che ha salvato la Cina da un nuovo colonialismo. Possiamo essere contenti di non essere stati dominati dall’Unione Sovietica, senza tuttavia inorgoglirci di essere i lacchè degli anglosassoni.
Continuiamo a mentire a noi stessi per nascondere le nostre vigliaccherie e i nostri crimini. Ciononostante, ci meravigliamo di non riuscire a risolvere alcuno dei problemi dell’umanità.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo  

 

IL RUOLO DI TURCHIA E GERMANIA NELLA CRISI JUGOSLAVA

Il panturchismo e’ una ideologia diffusa nei Balcani, dalla quale dipende molto delle sorti della pace, ed e’ strano che in questi anni i nostri commentatori ne abbiano parlato cosi’ poco. Non ci riferiamo qui all’idea di unificare tutti i popoli che appartengono al gruppo linguistico turcofono (turchi, tartari, kasachi, usbechi, turkmeni, azeri, altri caucasici ecc.), esplicitamente perseguita dai Lupi Grigi e dai loro sponsor, bensi’ della espansione dell’influenza economica e culturale turca anche all’interno dell’Europa. Piu’ precisamente, le ambizioni pan-turche conprendono tutti quei popoli convertiti al credo islamico sotto l’Impero Ottomano, indipendentemente dalla loro origine “etnica”. Percio piu’ che di pan-turchismo si deve forse parlare di neo-turchismo, una politica che e’ divenuta politica ufficiale dello Stato turco da anni ed e’ stata formulata in termini espliciti da alti esponenti delle istituzioni e della cultura, a partire dal presidente della republica Süleyman Demirel quando ha affermato che la Turchia si estende dal mare Adriatico alla muraglia cinese (“Politika” 25/2/1992).

E’ un progetto che riguarda l’area jugoslava ed albanese, ma anche Cipro, Grecia e Bulgaria. Ricordiamo in particolare che la occupazione militare di Cipro continua ormai da piu’ di venti anni. 

 

 

Per quanto riguarda la ex Repubblica Federativa Socialista di Jugoslavia le zone interessate sono la Bosnia Erzegovina, il Sangiaccato, la provincia di Kosovo e Metochia (Kosmet) e la Macedonia. Gli Stati Uniti d’America, oggi unica superpotenza mondiale, esprimono dichiaratamente da anni il loro sostegno alla Turchia come potenza regionale e nei Balcani hanno appoggiato e continuano a sostenere la secessione dei suddetti territori e la creazione di una catena di protettorati che alcuni definiscono “trasversale” o “dorsale verde” (cfr. LIMES 4/1998).

Queste aree assumono un particolare valore strategico come futura direttrice per il trasporto delle materie prime dall’Asia Centrale ex-sovietica all´Europa, attraverso lo storico “corridoio” Turchia-Bulgaria-Macedonia-Albania che taglierebbe fuori definitivamente la Russia. Questo quadro strategico e’anche all’origine dell’accanimento repressivo contro il popolo Kurdo, che ha la sola colpa di vivere nel posto sbagliato, e della crescente instabilita’ dell’area caucasica.

Questo avviene grazie alla potenza militare americana ma anche grazie al sostegno di paesi islamici come l’Arabia Saudita, che controlla fondamentali strutture finanziarie, lobby di pressione ed agenzie di informazione. Contemporaneamente gli USA riescono in questo modo a destabilizzare il polo imperialistico europeo. Ricordiamo anche che da alcuni anni a questa parte lo Stato turco sta sviluppando legami militari, politici ed economici con Israele, ad esempio il progetto della diga dell’Eufrate che concentrerebbe nelle mani dei due Stati i “rubinetti” idrici di tutto il Medio Oriente.

Nel breve termine gli USA mirano alla costituzione di una grande Albania che comprenda il Kosovo, e di uno Stato islamico dei musulmani di Bosnia e Sangiaccato. Questo progetto implica la scomparsa della Republica Federale di Jugoslavia, la riduzione della Serbia e dei serbi ad entita’ irrilevante, la destabilizzazione della Macedonia e la costrizione di Grecia e Bulgaria nella morsa del pan-turchismo. Ha scritto il giornalista Nazmi Arif sul giornale turco “Turkiye Gazetesi” (citato su “Politika”, 21/2/1993): “I popoli turchi, cui e’ stato impedito fino a poco tempo fa di esprimere i loro sentimenti nazionali e religiosi… in Bulgaria, Romania” potranno ora liberarsi “alla condizione, che questi popoli a breve si riuniscano alla madre patria”. Questo spiega perche’ la Turchia si sia prodigata per la indipendenza di Bosnia Erzegovina e Macedonia come primo passo per altri tipi di pressioni sui popoli dell’area. Per questo la Turchia non puo’ accontentarsi di manovrare la piccola minoranza turca della ex RFS di Jugoslavia (centotrenta mila persone secondo il censimento del 1971) ma deve fare leva sui sentimenti di slavi e schipetari di religione musulmana. Tra questi ultimi il turco e’ ormai la prima o la seconda lingua straniera, le comunicazioni ed i commerci sono massicciamente orientate in direzione di Ankara cosi’ come i rapporti politici, finanziari, commerciali e militari delle leadership islamiste locali a cominciare dal Partito di Azione Democratica [SDA] di Alija Izetbegovic in Bosnia.

Particolarmente forte e’ il senso di appartenenza al mondo turco nella cultura e nella ideologia schipetara tradizionale, oggi strumento dei leader albanesi “democratici” dell’anticomunismo post-ottantanove.

“Noi vediamo come impossibile vivere sotto una amministrazione qualsivoglia, piu’ indipendente o piu’ autonoma, che non sia la amministrazione ottomana, ne’ di poter essere cittadini di alcuno che non sia il sultano”, scrissero alla fine del secolo scorso i rappresentanti politici degli albanesi di Tetovo, oggi in Macedonia, in un telegramma all’ambasciatore francese a Costantinopoli in un momento critico per il loro futuro politico (“La lingue albanaise de Prizren 1878-1881”, Documents I, Tirana, 1988, pag. 21).

Durante la prima Guerra mondiale, tra il 1914 e il 1915 al centro dell’Albania, gia’ Stato indipendente, esplose una rivolta contadina che tra le altre rivendicazioni espresse quella della unione con lo Stato ottomano. Dopo la guerra una parte rilevante degli schipetari del Kosovo preferi’ trasferirsi in Turchia anziche’ rimanere a far parte della Jugoslavia monarchica, optando per lo Stato di Kemal Ataturk piuttosto che per lo Stato albanese e per la lingua turca piuttosto che per quella albanese. In seguito al “Patto balcanico” del 1934 ancora 200mila albanesi del Kosmet si trasferirono in Turchia, ed oggi si calcola che circa tre milioni di turchi siano di origine albanese.

Questi fatti illustrano la possibile identificazione, in certi settori della cultura albanese, della antica conversione religiosa con la fedelta’ verso lo Stato ottomano, legame che puo’ essere alla radice di rinnovati contrasti con il mondo slavo, innanzitutto con i serbi ortodossi principali artefici della distruzione di quello Stato. Lo si vede oggi nelle dichiarazioni di intellettuali e uomini politici, come Adil Zulfikarpasic, fondatore della Libera Organizzazione dei Bosgnacchi (translitterazione italiana del termine “bosnjak” con il quale si definiscono gli slavi di religione musulmana, non solo della Bosnia, distinto da “bosanac” – “bosniaco” – ovvero abitante della Bosnia) ed ex-vicepresidente della SDA: “E’ noto che fino alle guerre balcaniche su questi territori c’era lo Stato turco … era il nostro Stato. Uno Stato che faceva i nostri interessi… cioe’ la nostra emancipazione, la nostra prosperita’, il nostro futuro erano legati a questo Stato turco e miravano a rafforzarlo … perche’ noi, voglio dire serbi e musulmani, eravamo allora grandi nemici. Quando l’Impero turco si e’ ritirato, abbiamo continuato ad essere avversari” (“Stav”, 21.02.1992, Novi Sad, p. 21). In effetti nello Stato ottomano la conversione all’Islam garantiva uno status sociale privilegiato, benche’ le altre religioni fossero tollerate nella misura in cui non mettevano in pericolo l’ordine politico-sociale (nel qual caso la repressione poteva raggiungere livelli disumani). Dopo l’assassinio negli anni Ottanta dell’ambasciatore turco nella RFS di Jugoslavia, pure attribuito ad estremisti musulmani, i rapporti tra i due Stati si deteriorarono ed aumentarono invece le relazioni tra Istanbul e Novi Pazar, principale citta’ e centro politico-culturale del Sangiaccato. Il numero degli autobus di linea tra le due citta’ e’ cresciuto enormemente durante gli ultimi anni insieme a traffici di ogni tipo, i cui intermediari sono spesso bosgnacchi o albanesi con cittadinanza turca. Con l’introduzione del sistema multipartitico in Jugoslavia tanti legami che prima esistevano in forma piu’ o meno clandestina sono venuti alla luce, e sono cosi’ usciti allo scoperto i referenti politici della influenza turca in questa parte dei Balcani.

Il principale partito politico di questo spettro e’ l’SDA, fondato e tuttora guidato dal Presidente bosniaco Izetbegovic che non ha mai fatto mistero delle sue convinzioni islamiste, messe nero su bianco gia’ negli anni Settanta nel suo libro “Dichiarazione Islamica” (stralci sono stati pubblicati su LIMES 1-2/1993; cfr. anche http://marx2001.org/crj/DOCS/alija.html ). L’SDA ha una ramificazione in Serbia, con centro a Novi Pazar dove i personaggi piu’ influenti sono Sulejman Ugljanin, Rizah Gruda, Alija Mahmutovic ed altri. La cooperazione privilegiata e’ dall’inizio quella con i partiti islamisti e nazionalisti della Turchia, come il Partito del Benessere (Refah Partisi) di Erbakan, la cui linea politica e’ persino anticostituzionale in Turchia perche’ estremamente antilaicista. Ugljanin e’ stato spesso in missione politica ad Ankara, ospite anche del Refah. Questo fino a venire incriminato per sospette mire insurrezionali e a dovervi dunque rimanere a lungo. La polizia jugoslava aveva infatti trovato a Novi Pazar armi e munizioni presso diversi militanti dell’SDA, e le armi provenivano soprattutto da Turchia ed Albania. Nel giugno 1991 alla vigilia delle dichiarazioni di indipendenza di Slovenia e Croazia, che diedero il via alla guerra, Ugljanin partecipo’ ad Istanbul ad un raduno del Refah dove retoricamente chiese alla folla “perche’ la Turchia non abbia mai sufficientemente aiutato i musulmani di Jugoslavia, ne’ politicamente ne’ economicamente” (“Muslimanski glas” – Voce Musulmana -, organo dell´SDA, 14/6/1991 p.18). In tutto il periodo successivo si sono moltiplicate le dichiarazioni di questo tipo, volte in particolare ad auspicare un intervento turco non solo nello scenario bosniaco ma nella stessa Serbia: sempre Ugljanin dichiara nel 1992: “non appena [in Sangiaccato] sara’ sparato il primo colpo, Demirel arrivera’ ” (Vecernje Novosti, 26/7/1992).

Due mesi dopo il riconoscimento dell’indipendenza della Bosnia Erzegovina (aprile 1992) Ugljanin ritorna a visitare la Turchia incontrando il Ministro degli Esteri Hikmet Cetin e lo stesso Demirel. Il crescendo di pressione anti-serba nell´opinione pubblica turca e’ opera soprattutto dai partiti dell´estrema destra, tanto che il 3 giugno 1992 il consolato Jugoslavo a Istanbul viene preso a sassate dai manifestanti. Il primo ministro Ecevit propone in quei giorni un patto militare per la sicurezza comune tra Turchia e Bosnia Erzegovina, patto che avrebbe consentito l’invio di aiuti militari e di truppe, come espressamente richiesto dai rappresentanti turchi alla riunione della Conferenza Islamica tenutasi ad Istanbul (giugno 1992). La richiesta di sollevare la Bosnia dall’embargo sui rifornimenti di armi viene presentata anche all’ONU. Particolarmente pesante e’ la pressione turca, a nome della Conferenza Islamica, alla Conferenza di Londra, tenutasi nell’agosto 1992, e poi di nuovo in occasione della visita al Consiglio di Sicurezza dell’ONU in novembre: l’idea e’ quella di rifornimenti di armi ai musulmano-bosniaci di Izetbegovic, rifornimenti che in assenza di una iniziativa da parte dell’ONU i paesi della Conferenza Islamica riunitisi in Senegal i primi di gennaio del ’93 mostrano di voler attuare unilateralmente. Ed in effetti forniture di armi e munizioni da parte della Turchia avranno luogo per tutta la durata del conflitto in Bosnia, sia per via aerea che attraverso il porto croato di Spalato.

I rapporti internazionali dell’SDA sono stati rivolti anche alle minoranze turche e musulmane di altri paesi limitrofi, come la Bulgaria dove esiste un “Movimento per i diritti e le liberta’”. Il dirigente di questo movimento Ridvan-Malik Kadiov visito’ Sarajevo gia’ nel ’91, dove fece visita ad una classe di scolari bulgari giunti a studiare presso gli Imam della Bosnia (“Muslimanski Glas” 1/3/1991, pg. 10).

Un altro scenario assai delicato per i rapporti tra mondo ortodosso e mondo islamico nei Balcani e’ quello macedone. Nella Repubblica ex-Jugoslava di Macedonia (FYROM) esiste una minoranza di lingua albanese, concentrata nelle zone occidentali, nel seno della quale pure negli ultimi 10 anni si e’ sviluppata una tendenza irredentista-separatista che mette in pericolo il sistema multinazionale su cui si fonda questo piccolo Stato. Nel luglio 1997 ad esempio, mentre Ugljanin veniva arrestato in Serbia a causa di certe dichiarazioni di segno secessionista, a Tetovo e Gostivar si verificavano dimostrazioni ed incidenti con la polizia macedone. Due i problemi principali: quello della “Universita’ parallela” di Tetovo, gestita dai nazionalisti panalbanesi con il sostegno di finanziatori occidentali (es: la Fondazione Soros), e quello della esposizione delle bandiere albanesi e – per l’appunto – turche sulle facciate dei municipi e di altre istituzioni locali. Al centro dello “scandalo delle bandiere” esposte a Gostivar fu ad esempio il sindaco Osmani, membro dell’ultradestra nazionalista di Xhaferri, che dovette scontare un anno e mezzo di prigione fino all’inizio del 1999. Merita attenzione il fatto che a questi settori e’ andato in tutti questi anni il sostegno del Partito Transnazionale Radicale di Pannella, che ha organizzato campagne per la liberazione di Osmani, dunque contro il carattere multinazionale dello Stato macedone.

Lo stesso dicasi per il Kosovo, dove dagli anni Ottanta, nonostante l’alto grado di autonomia della provincia nella RFSJ, sono riemerse le tendenze irredentiste. Dopo la abrogazione degli aspetti piu’ politici di detta autonomia, alla vigilia dello scoppio del conflitto inter-jugoslavo, i settori panalbanesi guidati da Ibrahim Rugova, leader della “Lega Democratica del Kosovo”, hanno iniziato a praticare il boicottaggio assoluto della vita politica e sociale jugoslava costruendo un sistema “parallelo” in tutte le attivita’ – dalla sanita’ all’istruzione – che ha configurato un vero e proprio “separatismo etnico”. Questo sistema parallelo e’ stato visto con apprezzamento in Occidente, anche dai settori “pacifisti” entusiasmati dal suo carattere non-violento, ed e’ stato sostenuto con finanziamenti di vario tipo provenienti dall’estero, soprattutto Germania, Svizzera ed USA. Oltre alla lobby albanese-americana, merita menzione in particolare il “governo in esilio” di Bukoshi, con sede in Germania.

Rugova e’ stato piu’ volte in Turchia, dove ha incontrato l’allora Presidente Özal che gli ha garantito il suo appoggio (Vecernje Novosti, 17/2/1992). E’ curioso che da noi di Rugova si sia detto solamente che e’ un “pacifista”, mentre nessuno ha mai citato le sue dichiarazioni, piu’ volte rilasciate agli organi di stampa stranieri, come lo zagrebino “Danas” (1992), secondo le quali l’ideale per il Kosovo e’ uno status transitorio di protettorato internazionale, per poi unirsi all’Albania.  

La collaborazione politica e militare tra Turchia ed Albania e’ nota da anni ormai. Lo scenario e’ particolarmente preoccupante a causa dell’aggravarsi della situazione nel Kosmet, dove a partire dal 1997 si e’ scatenata l’attivita’ terroristica, gia’ presente, dell’UCK (“Esercito di Liberazione del Kosovo”), sostenuto dalla lobby albanese negli USA (spec. la Albanian-American Civil League legata a J. Dioguardi e Bob Dole) attraverso la destra di Sali Berisha in Albania.

Cristophe Chiclet rivela su “Le Monde Diplomatique” di gennaio 1999 che il nucleo fondatore dell’UCK fu costituito dal Movimento Popolare del Kosovo (LPK), una organizzazione apparentemente marxista-leninista in conflitto con le dirigenze della provincia autonoma del Kosovo, ai tempi di Tito, e con la leadership di Rugova successivamente.

In effetti pero’ il Movimento Popolare del Kosovo e’ stato fondato nel 1982, nella citta’ TURCA di IZMIR (Smirne). Non ci vuole molto a capire il perche’.

Nel 1982 in Turchia governava una feroce cricca militarista-fascista che aveva effettuato un golpe due anni prima contro il legittimo governo socialdemocratico. Questa cricca era (e’) specializzata nel reprimere i movimenti, i partiti e le organizzazioni di sinistra, comuniste, marxiste, leniniste, socialiste, rivoluzionarie e operaie dei popoli turchi, alawiti, kurdi, armeni e siriani.

Poteva il governo militar-fascista di Ankara concedere graziosamente, al sedicente movimento “marxista-leninista” kosovaro, di indire il suo congresso di fondazione? Piu’ realisticamente l’UCK deve essere visto come uno strumento della guerra a bassa intensita’ contro la Repubblica Federale di Jugoslavia, atto alla sua destabilizzazione.

In questa organizzazione sono stati arruolati mercenari da svariati paesi islamici; nel 1998, nei giorni della caccia ad Osama Bin Laden, la CIA ha dovuto persino fare irruzione nella rappresentanza UCK a Tirana, in cerca di documenti.

Tuttavia la strategia della tensione in Kosmet ha mostrato di non dare immediatamente i suoi frutti, pertanto nella seconda meta’ del 1998 si e’ andati ad un crescendo di minacce di bombardamenti contro la RF di Jugoslavia, fino al reale, brutale attacco del 24 marzo 1999, giustificato con la non accettazione da parte jugoslava dell'”accordo”-capestro di Rambouillet, che prevedeva la occupazione militare NATO nel Kosmet ed una consultazione popolare che avrebbe portato alla secessione della provincia nel giro di tre anni. Durante i bombardamenti i diplomatici USA (es. E. Luttwak alla trasmissione televisiva italiana “Pinocchio”) hanno incominciato a dire apertamente che la loro cessazione e’ condizionata alla rinunzia da parte jugoslava alla sovranita’ sulla provincia. Ma il Kosmet, oltre ad essere il cuore storico-culturale della Serbia, e’ anche ricco di materie prime e nelle sue centrali a carbone si produce una rilevante quantita’ di energia elettrica, della quale deve viceversa usufruire tutta la popolazione della Repubblica Federale.

 

IL RUOLO DELLA GERMANIA NELLA DISTRUZIONE DELLA JUGOSLAVIA

 

[l’articolo, di Rudiger Göbel, è comparso sui Marxistische Blätter – Fogli marxisti – del marzo 1995]

Secondo la propaganda occidentale, la convivenza dei popoli della Jugoslavia era stata imposta attraverso la repressione di Stato sotto il “regime monopartitico”, perciò lo sfascio ed i conflitti armati erano inevitabili con la crisi del sistema socialista. Questa tesi è priva di qualsivoglia fondamento. Viceversa: la Jugoslavia si formò dopo la II Guerra Mondiale come unione libera e volontaria di tutte le popolazioni. La guerra civile è iniziata in seguito alla divisione del paese nel 1991/’92.

La crisi della Jugoslavia e la conseguente guerra civile nella ex Bosnia-Erzegovina certo non si lasciano spiegare soltanto adducendo la politica interventista degli Stati imperialisti, e da sola la spinta al riconoscimento di Croazia e Slovenia da parte della diplomazia tedesca non è certo ragione e cagione dello smembramento della Jugoslavia (1). Tuttavia essa ha esercitato un influsso determinante per lo scoppio della crisi e l’escalation di questi giorni, rendendo i problemi connessi davvero irrisolvibili. Gli interessi perseguiti in questo caso non sono così univocamente riconoscibili come ad es. nella guerra contro l’Iraq. Gli Stati imperialisti perseguono chiaramente molteplici obiettivi, in parte persino differenti. Erano tutti d’accordo sulla necessità di farla finita, anche in Jugoslavia, con i resti di una società socialista, e sulla cancellazione del paese in quanto soggetto autonomo nello scenario internazionale. Tutti gli Stati hanno ora la possibilità di avere un’influenza la più grande e diretta possibile sugli avvenimenti dei Balcani.

Gli interessi più facili da riconoscere sono quelli dell’imperialismo tedesco, che si riallaccia immediatamente alla sua politica per l’Europa del Sudest dalla seconda metà del XIX secolo sino al 1945. Proprio come allora, questo guarda ai Balcani come al suo naturale “cortile” e ponte verso la Turchia e più avanti, fino al Medio Oriente. Pertanto si è potuto riportare in vita il tradizionale stereotipo dei “Serbi assetati di sangue”, utile a sostegno della politica estera tedesca.

GERMANIA – LA POTENZA CENTRALE D’EUROPA

Lo storico conservatore e biografo di Adenauer Hans-Peter Schwarz apre il suo ultimo lavoro sul ruolo della Germania in quanto “potenza centrale d’Europa” con la considerazione che tra le grandi svolte della storia tedesca è da annoverare il 1 Settembre 1994, giorno della partenza delle ultime unità russe dalla Germania. “Con ciò un’epoca, iniziata mezzo secolo prima, volge alla fine” (2). Cosicchè, quattro anni dopo l’annessione della RDT, la RFT è di nuovo tre cose in una: è uno Stato nazionale, è una grande potenza europea ed è la potenza centrale d’Europa. “Perchè esiste un solo paese che, grazie alla sua posizione geografica, alle sue potenzialità economiche ed alla sua influenza culturale, grazie alle sue dimensioni ed ancora grazie al dinamismo di cui dispone può sentire il compito di una potenza centrale – e questo è proprio la Germania” (3). La Germania è già una grande potenza europea. Ma poichè il concetto di “grande potenza” risveglia il ricordo di sfrenata politica egemonica, guerra ed annientamento, Schwarz propone il nuovo concetto di “potenza centrale d’Europa” – che vuol dire la stessa cosa.

E puntualmente, proprio il giorno della grande svolta, 1 Settembre 1994, il leader della frazione CDU/CSU Wolfgang Schäuble insieme con il portavoce per la politica estera del gruppo parlamentale, Lamers, hanno pubblicato un documento strategico contenente “Riflessioni sulla politica europea”. Ivi sono formulati gli obiettivi della nuova politica tedesca da grande potenza – proprio nello stesso senso di Schwarz – e ci si pronunzia a favore della costruzione di un “nocciolo duro europeo” comprendente Germania, Francia e gli Stati del Benelux come nocciolo, mentre Germania e Francia sarebbero il “nocciolo del nocciolo duro” – con l’intenzione di risorgere finalmente dopo quasi 50 anni d’astinenza come potenza ordinatrice nel continente. Di fianco alla “stabilizzazione dell’Est” Schäuble e Lamers citano l’accesso allo spazio mediterraneo e lo sviluppo di una partnership strategica con la Turchia come ulteriori obiettivi strategici.

Il loro testo di 14 pagine può essere considerato come abbozzo strategico di base per il salto della RFT a potenza mondiale. I suoi autori ritengono che il paese sia destinato a diventare una grande potenza “in base alla sua posizione geografica, alle sue dimensioni ed alla sua storia”. E se la Francia e gli Stati del Benelux non dovessero essere d’accordo sulla costruzione del nocciolo europeo, la RFT potrebbe “essere tentata, in base a considerazioni sulla propria sicurezza, di effettuare da sola la stabilizzazione dell’Europa orientale, nella maniera tradizionale” (4). Le “tradizionali” risistemazioni tedesche dell’Est in questo secolo hanno causato al mondo per due volte milioni di morti ed anni di oppressione e distruzione bellica.

Per le loro tesi sull'”Europa del nocciolo duro” Schäuble e Lamers hanno trovato sostegno nel portavoce della direzione della Deutsche Bank, Hilmar Kopper, che nell’edizione domenicale della FAZ [Frankfurter Allgemeine Zeitung, il più influente quotidiano tedesco, legato all’apparato industriale-finanziario, ndt] rendeva noto che nel documento della Unione era stato detto solamente ciò che tutti in effetti già “pensavano, sapevano o temevano”. Nello stesso tempo il presidente della Bundesbank, Hans Tietmeyer, riproponeva alla discussione il concetto dei “cerchi concentrici”, relativamente al futuro della politica europea della Germania (5).

In conclusione del turno di presidenza tedesco della UE il governo Kohl, in occasione del vertice di Essen del Dicembre ’94, decideva un “approccio strategico” per gli Stati dell’Europa orientale, mirante all’estensione ad Est dell’Unione Europea – attualmente la Polonia, la Repubblica Ceca, la Slovacchia, l’Ungheria, la Romania e la Bulgaria sono associati all’Unione, mentre con gli Stati Baltici e la Slovenia si preparano i relativi accordi. Sarà innanzitutto la RFT a trarre profitto dall’allargamento della Unione, visto che il 50 per cento degli scambi commerciali della UE con l’Europa dell’Est toccano alla RFT. Pertanto l’Est è visto come “campo d’azione della politica estera tedesca”.

 

LA FINE DEL BLOCCO DELL’IMPERIALISMO TEDESCO

Con la fine della contrapposizione Est-Ovest e lo scioglimento dell’Unione Sovietica, dopo circa 50 anni di interdizione in politica estera nella RFT si discute apertamente delle ambizioni politiche da grande potenza in direzione Est, e si passa anche alle azioni concrete. Il riconoscimento di Croazia e Slovenia nel Dicembre 1991 – contro gli intendimenti degli alleati occidentali – doveva dimostrare a tutti il ritorno della Germania nella sua posizione di potenza mondiale a tutti gli effetti. I vecchi piani di pressione verso Est poterono esser nuovamente tirati fuori dal cassetto.

Già Friedrich Naumann sapeva bene che la costruzione di uno spazio d’influenza economica sarebbe stata possibile solo sfruttando le tendenze indipendentiste di parte dei Cechi, degli Slovacchi, dei Croati, degli Sloveni e così via. A lui parevano essenziali due elementi chiave: l’unione economica dell’Europa centrale e gli “Stati del nocciolo mitteleuropeo” (6). Al presente questi due elementi chiave sotto un certo punto di vista sono l’Unione Europea ed i già esposti pensieri sugli Stati del nocciolo duro, attraverso i quali si perseguirebbe una estensione ulteriore dell’egemonia tedesca. Dopo il 1945 tutto questo non era ancora stato possibile. La “‘Mitteleuropa’ appariva come pallida immagine di una storia irriproponibile” (7).

Il pensiero di una “Mitteleuropa” tornò in auge solamente negli anni ’70 ed ’80 – esso doveva essere usato solo in funzione della destabilizzazione degli Stati del blocco dell’Est. La “Mitteleuropa” fu invocata dagli intellettuali ungheresi, croati e polacchi tanto apprezzati qui in Occidente, poichè d’opposizione, a partire dalla metà degli anni ’80. A ciò aveva contribuito l’allora Vicepresidente degli USA, George Bush, che nel Settembre 1983 dopo un viaggio in Jugoslavia, Romania ed Ungheria tenne una conferenza nella Hofburg viennese, proclamandosi a favore di una politica della differenziazione regionale, allo scopo di favorire l’indipendenza di questi Stati – già allora quindi la sovranità jugoslava era messa apertamente in questione. Il concetto per mezzo del quale egli identificava questa regione – Ungheria, Slovenia, Croazia, Cecoslovacchia, Polonia, ecc. – era espresso dalla parola tedesca “Mitteleuropa” (8). Tra gli intellettuali di quell’area “Mitteleuropa” divenne così una specie di parola in codice che doveva segnalare che si sentivano parte della cultura politica dell’Ovest.

Nel 1991 veniva pubblicato un discorso, nel quale si dava rilievo al ruolo della Germania per il futuro. “Se le difficoltà dell’unificazione verranno superate – tra cinque, dieci o venticinque anni – la Germania non eluderà affatto la penetrazione economica dell’Europa orientale, e probabilmente le toccherà su questa strada di arrivare a ciò che il Terzo Reich con alcune centinaia di divisioni non aveva raggiunto – il predominio su quelle aree estese a perdita d’occhio tra Weichsel, Bug, Dnjepr e Don”. Questa la predizione dell’editore conservatore Wolf Jobst Siedler. E per di più questi sosteneva che la Germania sarebbe nuovamente la potenza egemone di tutta la Mitteleuropa: “essa sarà per i Cecoslovacchi, per gli Ungheresi ed in parte anche per i Polacchi la potenza-guida” (9).

“Per lungo tempo in Europa orientale non ci sarà più di fatto alcuno Stato veramente sovrano; tutti, chi più chi meno, si dovranno inchinare dinanzi al dettato del Leviatano germanico. No, la futura, già avviata germanizzazione dell’Europa orientale non avverrà più per mezzo della guerra e della violenza, bensì sarà una versione allargata della ‘Mitteleuropa’ concepita nei primi decenni di questo secolo da Friedrich Naumann, una specie di costruzione k.u.k. ingrandita [kaiserlich und königlich – imperiale e reale, detto dell’Impero Austroungarico, ndt]”, secondo il pubblicista spagnolo Heleno Saña nel suo libro “Il quarto Reich – la vittoria ritardata della Germania” (10).

I rapporti economici con la Polonia, la Repubblica Ceca, la Slovacchia, l’Ungheria, la Bulgaria e la Slovenia già oggi riportano al modello degli anni ’30: con bilanci commerciali asimmetrici, a favore della RFT, che rappresenta in questa area l’effettiva potenza economica, insieme alla Francia. Il consulente imprenditoriale tedesco Roland Berger ha descritto il ruolo della Germania proprio nel senso della politica dei “cerchi concentrici”, di intensità e pressione economica via via minore, in una intervista allo Spiegel nel 1992: “I tedeschi dovrebbero rendersi conto della propria forza ed innanzitutto lasciar stare ciò che altri già possono (perdipiù con minori costi). (…) Noi siamo forti in tutti i lavori ad alta intensità di sapere ed in quelli creativi, nell’inventare, nello sviluppare, nel costruire, nella realizzazione di parti essenziali e prodotti tecnologici all’avanguardia. (…) Il nostro futuro in quanto paese industriale è quello di un cervello del sistema, non quello d’un produttore di profilati in alluminio o d’un sarto di camicie. (…) Il mercato mondiale diviene unitario, pertanto dobbiamo riorganizzare la divisione del lavoro tra i vari paesi, secondo il motto: il know-how in Germania, più componenti da fuori ed assemblaggio sul posto (dentro o fuori il paese)” (11).

 

L’INTERVENTO DELLA RFT NELLA GUERRA CIVILE JUGOSLAVA

Negli ultimi anni uno slogan essenziale della politica tedesca riguardo l’attuazione dei suoi interessi in Europa orientale e meridionale è stato quello del “diritto all’autodeterminazione dei popoli”. Con questo la RFT cerca di ricollegarsi ai conflitti esistenti tra gruppi di diversa lingua o Weltanschauung all’interno di uno stesso Stato o di una Federazione di Stati. Conflitti, che riportano più che altro a problemi e diseguaglianze di tipo economico – diverso livello di sviluppo tecnico o industriale, mancanza di beni di consumo, ecc. -, sono esplicitati per il loro carattere etnico (la “etnicizzazione del sociale”). Così è stato ad es. per le Repubbliche baltiche della ex Unione Sovietica o per le Repubbliche slovena e croata all’interno dello Stato federale jugoslavo, che pure avevano una posizione economica privilegiata. “La politica della RFT si riallaccia a queste contraddizioni interne dei paesi, con l’obiettivo della frammentazione o della riduzione dello Stato o Federazione, oppure con l’obiettivo della cancellazione o separazione della parte in questione dalla Federazione di Stati” (12). Questo tuttavia soltanto allo scopo di portare le parti distaccate verso la dipendenza economica e politica.

Possiamo attualizzare meglio le riflessioni che fanno da sfondo riferendoci forse alla teoria “dell’arancia” di Paul Rohrbach, politico del colonialismo: essa intendeva portare l’Impero russo a sciogliersi nelle sue varie componenti, o perlomeno ridurlo in parti controllabili dalla Germania; l’Impero degli Zar, secondo Rohrbach, era scomponibile nelle sue varie parti come un’arancia – se si suddivide abilmente un’arancia non si ottiene un insieme caotico inutilizzabile, nè distruzione, bensì i vari spicchi restano intatti ed appetibili (13). Dietro la politica della RFT di sconvolgere la Jugoslavia tramite “il piede di porco (…) del riconoscimento di Croazia e Slovenia” (14) nel Dicembre 1991 non c’è nient’altro che l’antica tattica del divide et impera – niente a che vedere con l'”umanità”, i “diritti umani” o il “diritto all’autodeterminazione dei popoli”.

A Slovenia e Croazia era assegnata una particolare e specifica funzione nel mercato interno della Jugoslavia. Lo standard di vita di queste regioni industrializzate era più alto che in qualunque altra parte della Federazione jugoslava. Mentre durante la crisi politico-economica degli anni ’80 lo sviluppo era in stagnazione, i rapporti di scambio con le Repubbliche più povere avuti fino allora furono percepiti come “zavorra” e si cercarono prospettive nell’annessione al mercato CEE o a quello mondiale.

Che la strada di Slovenia e Croazia verso la “autodeterminazione” avrebbe portato alla rovina lo avevano pronosticato già il FMI e la Banca Mondiale nell’estate del 1991. Il Vicepresidente della Banca Mondiale, Wapenhans, aveva detto allora: “Secondo la nostra opinione non sussiste alcun dubbio sul fatto che nessuna delle parti componenti la Jugoslavia trarrà profitto dallo sfascio della Jugoslavia o della sua economia nel breve e medio periodo” (15). In tale maniera egli ammetteva indirettamente che con la salvaguardia della Federazione e del mercato interno jugoslavo era sì dato un fondamento per la sopravvivenza anche di Croazia e Slovenia, piuttosto che con uno status slegato da questa base comune – cioè l'”indipendenza”, che sfocia per forza di cose nel legame con l’area tedesco-europea.

Sicuramente esiste anche una continuità storica, che ha determinato la spinta e l’appoggio di una grande parte della popolazione slovena e croata alla svolta verso la Germania. L’antico legame nella “divisione del lavoro” con l’economia globale tedesco-imperiale e pantedesca è rimasta nella coscienza di parte di quelle popolazioni come un fatto positivo. L’odierno Presidente croato Tudjman potè trovare parecchi sostenitori promettendo che alla separazione dalla Federazione jugoslava sarebbe conseguito l'”appoggio” della Comunità Europea, ed in particolare della vecchia amica Germania. Gli slogan anticomunisti hanno fatto il resto.

Il giornalista americano John Newhouse aveva reso noto sulla rivista The New Jorker dell’agosto 1992 che “Genscher era stato quotidianamente in contatto col Ministro degli Esteri croato. Egli incitava i Croati ad abbandonare la Federazione e a dichiarare l’indipendenza” (16). E questo benchè i leader politici della Bosnia premessero sulle potenze occidentali perchè si ritirasse il riconoscimento di Slovenia e Croazia, altrimenti sarebbero stati costretti essi stessi a chiedere l’indipendenza. La loro sicurezza, dicevano, era fondata sull’esser parte di uno Stato multinazionale (17).

Nel Novembre 1991 il Presidente bosniaco Izetbegovic’ aveva fatto visita al Ministero degli Esteri di Bonn. Egli si opponeva alla politica dei riconoscimenti, poichè era convinto che questa avrebbe “invitato” Serbia e Croazia ad aggredire la Bosnia, con la conseguenza di un inimmaginabile bagno di sangue. Anche l’Ambasciatore tedesco a Belgrado considerava il riconoscimento come una cattiva idea ed aveva fornito ad Izetbegovic’ argomenti per il suo colloquio con Genscher, ci informa Newhouse (18). Ciò che ad Izetbegovic’ fu promesso da Genscher non ci è ancora dato di sapere: fatto sta che, dopo il colloquio, egli aveva ripiegato dalla sua iniziale posizione apprensiva.

Prima ancora delle sanzioni ufficiali da parte del Consiglio di Sicurezza dell’ONU la RFT, durante l’inverno, poco prima del suo riconoscimento di Croazia e Slovenia, aveva imposto unilateralmente il blocco dei traffici con la RFJ; poi, puntualmente a Natale, ebbe luogo il promesso riconoscimento – e la prevedibile e fino ad oggi proseguita escalation della guerra civile jugoslava. In tal modo l’imperialismo tedesco manifestava il suo ritorno alla “normalità” dopo la fine del “blocco”. Il 23 Dicembre 1991 va pertanto segnato sul calendario – analogamente al 1 Settembre 1994 di Hans-Peter Schwarz – tra le “svolte importanti” della storia tedesca.

 

LA JUGOSLAVIA E LA “NORMALIZZAZIONE” TEDESCA

La discussione sui riconoscimenti ed il conseguente dibattito sulla Bosnia è nel segno del “ritorno alla normalità”, un obiettivo dello Stato preordinato dall’alto con il quale dovrebbe concludersi la fase quarantennale di interdizione della Germania dai traffici di politica estera.

In politica interna, sin dall’inizio della guerra in Jugoslavia, si persegue “una quasi-normalizzazione del Nazionalsocialismo per mezzo della moltiplicazione delle sue forme di apparizione”, e la corrispondenza giornalistica tedesca mira a creare “una, due, tante Auschwitz” per poter gettare finalmente nella spazzatura dodici anni di storia propria. Così esistono persino “campi di sterminio serbi”, “campi di concentramento”, la “Grande Serbia”, una “Endlösung” [soluzione finale, detto per l’Olocausto degli Ebrei, ndt] operata dai Serbi e la “follia di dominio” serba, stese a copertura della propria storia (19). Con l’istituzione, su iniziativa della RFT, di un Tribunale internazionale per i crimini di guerra a L’Aia, si cerca da parte tedesca di relativizzare finalmente lo “smacco di Norimberga”. Naturalmente a Bonn si nega ogni corresponsabilità nei crimini e nella guerra in Jugoslavia: nella versione ufficiale c’è solo un gruppo di responsabili e criminali di guerra – i Serbi. Quale sia lo scopo dell’arresto e dell’atteso processo contro Dusko Tadic’, un serbo abitante a Monaco, lo ha chiarito un avvocato di Amburgo, che avrebbe condotto le autorità tedesco-federali sulle tracce di Tadic’, nel corso di una trasmissione speciale della ARD: Tadic’ sarebbe in effetti soltanto un Hess, un guardiano di campi di concentramento; per suo tramite si vuole arrivare ad Himmler – Karadzic’ – ed Hitler – Milosevic’.

Questo genere di demagogia e revisionismo storico hanno permesso al giornalista americano David Binder, pure conservatore, di chiedere che anche Kohl e Genscher vengano messi nella lista dei criminali di guerra in un procedimento giudiziario sulla guerra in Bosnia, poichè questi “hanno preso decisioni che hanno portato all’estensione e all’intensificazione della guerra” (20).

Attraverso il riconoscimento della anticostituzionale secessione delle Repubbliche ex-jugoslave alla politica tedesca ed occidentale era riuscito di internazionalizzare un conflitto essenzialmente di carattere interno, impegnandosi più apertamente per un intervento nel senso di “garantire la pace”. Persino Genscher ha potuto farsi passare da critico difensore dei diritti umani, mentre spingeva gli alleati europei al riconoscimento: “Anche nel futuro la Germania si porrà dalla parte dei diritti umani, dei diritti delle minoranze e del diritto all’autodeterminazione, contro l’aggressione e l’oppressione. (…) Alla Comunità Europea si impone di aprire una prospettiva europea ai popoli della Jugoslavia per il futuro” (21). Avendo sottolineato, come premessa, che soltanto ai popoli della Jugoslavia spetta di decidere sul proprio futuro, egli metteva poi in guardia esplicitamente: “Non possiamo lasciare da sole le Repubbliche indipendenti (…). Non le possiamo spingere nell’isolamento rispetto alla comunità internazionale degli Stati!”. Con ciò egli riusciva a dare al “futuro dei popoli jugoslavi” una precisa prospettiva nel quadro comunitario, con l’obiettivo (suddetto) della decomposizione o del rimpicciolimento di quello Stato, e della conseguente annessione di queste parti distaccate ad una vasta area di influenza in qualità di soggetti economicamente e politicamente dipendenti, nel quadro della gerarchia raffigurata dal già citato Roland Berger.

L’Handelsblatt [importante quotidiano economico e finanziario, ndt] descriveva nel Settembre 1991 lo sviluppo economico dell’Europa nella seguente maniera: la “storia dell’economia [insegna] che la dinamica economica non si sviluppa mai in senso superficiale-orizzontale, bensì di regola a partire da centri le cui attività si estendono verso l’esterno come anelli che si allargano. Così lo sviluppo economico del continente ha potuto evolvere secondo i seguenti binari: i centri mitteleuropei si irradiano verso Est, conquistando innanzitutto gli ex paesi satelliti. Solo in seguito verranno raggiunte le regioni di confine dell’impero sovietico. Tralasciando alcuni punti di forza industriali propri presenti sul territorio dell’Unione Sovietica, attorno al nocciolo duro europeo si formeranno anelli concentrici con livelli di attività economica decrescente, il cui standard produttivo fluttua nel contatto con l’Europa…” (22).

Per poter esercitare più influenza su questi “anelli concentrici che circondano il nocciolo dell’Europa con attività economica decrescente”, e per controllarli meglio, tramite lo slogan dell'”autodeterminazione” è stata distrutta la Repubblica Federativa Socialista di Jugoslavia.

“L’attuale politica interventista contro la Jugoslavia, in interazione con gli attuali meccanismi di formazione della opinione pubblica all’interno della RFT, ancora non si configurano come uno stato di guerra [palese, nda]. Si mira però a raggiungere una capacità di mobilitazione bellica, tanto all’esterno quanto all’interno” (23).

Come questo può avere luogo ce lo indica la seguente considerazione: “Le circostanze mi hanno costretto per anni a parlare quasi soltanto di pace. Solo tramite la costante proclamazione del desiderio tedesco di pace e delle intenzioni pacifiche mi è stato possibile procacciare al popolo tedesco la libertà, pezzetto per pezzetto, e l’equipaggiamento che fu sempre necessario come condizione per poter fare il passo successivo (…). E’ stato altresì indispensabile mutare a poco a poco la psicologia del popolo tedesco, e chiarirgli lentamente che esistono cose che vanno ottenute per mezzo della violenza, se non possono esserlo con mezzi pacifici. Tuttavia a tale scopo si è reso necessario non solo propagandare la violenza in quanto tale, bensì illuminare il popolo tedesco in merito a certi accadimenti di politica estera, in modo che nel cervello delle masse si generasse lentamente la seguente convinzione: se questo non si può cambiare con le buone, allora lo sarà con la violenza”. Così si esprimeva Adolf Hitler dinanzi alla stampa tedesca il 10-11-1938 (24).

La “illuminazione” sistematica e persuasiva su avvenimenti di politica estera, compiuta in maniera tale da indurre gran parte della popolazione ad esprimersi a favore di misure violente contro un altro Stato, è un costituente essenziale della formazione di una propria capacità bellica. E sotto questo aspetto vanno analizzati anche gli ultimi tre anni di politica riguardo la Jugoslavia.

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

L’economista egiziano e teorico marxista Samir Amin ha recentemente individuato quali compiti oggi si pongano concretamente nella discussione riguardante interventi propagandati con la copertura dell’umanitarismo e dei diritti umani: “Sotto ogni aspetto, in ogni tempo ed in ogni forma, il fatto che il Nord si immischi negli affari del Sud (ed a maggior ragione quando si tratta di un intervento violento, militare o politico) è un fatto negativo. Gli eserciti occidentali non porteranno mai pace, benessere o democrazia ai popoli di Asia, Africa ed America Latina. In futuro come da cinque secoli a questa parte potranno portare solo schiavitù, sfruttamento del loro lavoro e delle loro ricchezze, negazione dei loro diritti. E’ compito delle forze progressiste dell’Ovest capire questo” (25).

Mentre un tempo ampi settori della sinistra solidarizzavano con i movimenti di liberazione, si preoccupavano dello sfruttamento dei paesi del cosiddetto Terzo Mondo e dimostravano contro FMI e Banca Mondiale, oggi in Occidente si è sviluppata una cultura di stampo chauvinista che non ha origine dagli ambienti conservatori e nazionalisti, bensì dal centrosinistra liberale – dal luogo politico cioè in cui era situato il movimento pacifista. Sorprendentemente l’idea che la Germania sia una grande potenza, che cerca senza riguardi di perseguire il proprio interesse, è assolutamente scomparsa, anche in Germania – e nella stessa sinistra. Tanto quanto il concetto di imperialismo è passato di moda (innanzitutto in relazione alla società tedesca).

E così non sono stati nè gli incitamenti all’odio di Herr Reißmüller sulla FAZ nè i racconti dell’orrore del deputato CDU Stefan Schwarz a far sì che, dopo lo scoppio del conflitto in Jugoslavia, si proclamasse da ogni parte ad alta voce e per la strada la necessità dell’intervento occidentale contro i Serbi. Sono stati al contrario partiti come i Grünen [Verdi, ndt] e fogli liberali (di sinistra) come la TAZ, il Frankfurter Rundschau, Die Zeit, il francese Liberation e il britannico Guardian a diffondere un panico antiserbo tale da influenzare fino ad oggi la percezione del conflitto degli intellettuali occidentali. Frattanto il movimento pacifista e terzomondista gioca qui un ruolo non sottovalutabile, rendendo popolari gli interventi occidentali nei paesi del Tricontinente. Da questa parte è giunta la maggioranza delle proposte, ad es. quella di porre termine finalmente al conflitto jugoslavo attraverso un intervento (militare o meno). Purtroppo in questi ambienti l’antico slogan del tempo della I Guerra Mondiale

“il principale nemico si trova nel proprio paese” è finito nel dimenticatoio, e conseguentemente la protesta non è diretta contro lo chauvinismo occidentale di fronte agli altri popoli, nè contro l’intromissione del proprio Stato nelle faccende degli altri Stati sovrani. Al contrario, le campagne dell’opposizione antimilitarista sono dirette in primo luogo ad es. contro l’esportazione di armamenti, quindi contro la fornitura di armi a regimi considerati particolarmente terribili, e non contro il militarismo tedesco. Il messaggio lanciato da tali campagne può essere considerato a tutt’oggi uno solo: ci sono due categorie di Stati – quelli per i quali il possesso di armamenti è legittimo e senza problemi (l’Occidente), e quelli per i quali è interdetto (i paesi del cosiddetto Terzo Mondo) (26).

Un “movimento per la pace” che incita il proprio Stato ad immischiarsi nelle questioni di altri popoli non è un movimento per la pace. Questo deve essere chiarito assolutamente. E conseguentemente il vecchio slogan “combattere il nemico nel proprio paese” deve essere rimesso all’ordine del giorno dell’agenda politica della sinistra – contro qualsiasi forma di preparativo alla guerra, all’interno come all’estero, sia essa di tipo economico, politico, militare o ideologico.

Rispetto al conflitto in Jugoslavia, ciò significa concretamente schierarsi contro ogni tipo di intervento ed anzi chiederne la cessazione. Perchè, come ci ha detto Samir Amin, una intromissione dell’imperialismo non può mai portare nè pace, nè benessere nè democrazia (27). Questa deve essere la posizione di partenza inalienabile di un lavoro internazionalista ed antiimperialista, ed a partire da questa si possono discutere ulteriori rivendicazioni e prospettive politiche.

 

NOTE

  1. Sui retroscena del conflitto Jugoslavo sia a livello politico che economico cfr. il contributo di Jochen Gester: Retroscena economici del conflitto jugoslavo, sui Marxistische Blätter 1-’95, ppgg. 8-17.
  2. H.-P. Schwarz: Die Zentralmacht Europas – Deutschlands Rückkehr auf die Weltbühne [La potenza centrale d’Europa – Il ritorno della Germania sul proscenio mondiale]. Berlino 1994. Pag. 7.
  3. H.-P. Schwarz, op. cit., pag. 8.
  4. Citato dai Politische Berichte 19-’94, pag.3.
  5. Cfr. il Frankfurter Rundschau del 13-9-1994, a pag. 1.
  6. Cfr. Schwarz, op. cit., pag. 245.
  7. Schwarz, op. cit., pag. 248.
  8. Schwarz, op. cit., pag. 249.
  9. Schwarz, op. cit., pag. 251.
  10. Heleno Saña: Das Vierte Reich – Deutschlands später Sieg. Amburgo 1990. Pag. 108.
  11. Der Spiegel n.18-’94, pag. 154. Queste considerazioni non sono nuove, bensì sono in continuità con la costruzione di una vasta area d’influenza durante il fascismo. Già nel 1941 Theo Suranyi-Unger aveva formulato riflessioni di questo tipo sulla Zeitschrift für die gesamte Staatswirtschaft – Rivista per l’economia statale globale: “I paesi subordinati potranno coprire non soltanto il loro fabbisogno (…) bensì anche quello del paese-guida, mentre quest’ultimo si dedicherà sempre più a quei rami dell’industria che richiedono manodopera altamente qualificata e processi produttivi particolarmente lunghi…”. Citato da: Hunno Hochberger, Sull’intervento della RFT nella guerra civile jugoslava – Alcune riflessioni sull’espressione “europa tedesca”. In: A. Meurer, H. Vollmer, H. Hochberger: Die Intervention der BRD in den jugoslawischen Bürgerkrieg. Hintergründe, Methoden, Ziele. GNN-Verlag. Colonia 1992. Pag. 33.
  12. Hochberger, op. cit., pag. 30.
  13. Cfr. Wolf-Dieter Gudopp: Auf dem Weg in den dritten Weltkrieg ? [Verso la terza guerra mondiale?] Verein Wissenschaft und Sozialismus e.V.- Francoforte 1993, pag.18.
  14. Schwarz, op. cit., pag. 156.
  15. Citato da: Hochberger, op. cit., pag. 31.
  16. John Newhouse: Bonn, der Westen und die Auflösung Jugoslawiens. Das Versagen der Diplomatie – Chronik eines Skandals [Bonn, l’Occidente e il disfacimento della Jugoslavia. La sconfitta della diplomazia – cronaca di uno scandalo]. In: Blätter für deutsche und internationale Politik 10-’92, pag.1195.
  17. Newhouse, op. cit., pag.1193.
  18. Newhouse, op. cit., pag.1196.
  19. Tutte le citazioni da: Arthur Heinrich: Wunderbare Wandlung. Die Nachkriegsdeutschen und der Bosnien-Einmarsch. Ein Frontbericht [Metamorfosi miracolosa. I tedeschi del dopoguerra e la marcia sulla Bosnia. Un reportage dal fronte]. In: Blätter für deutsche und internationale Politik 4-’93, pag.411.
  20. Citato da: Heinrich, op. cit., pag. 413.
  21. Citato da: Hochberger, op. cit., pag.32.
  22. Hochberger, op. cit., pag. 33.
  23. Hochberger, op. cit., pag. 42.
  24. Gudopp, op. cit., pag. 3.
  25. Samir Amin: Das Reich des Chaos – Der neue Vormarsch der Ersten Welt [L’impero del caos – la nuova avanzata del Primo Mondo]. VSA-Verlag. Amburgo 1992, pag. 18.
  26. Cfr. Sabine Reul: Friedenslobby und politisch korrekter militarismus [Lobby pacifista e militarismo politically correct]. In: NOVO n.13, 11/12-1994, ppgg. 35-37; Ernst Woit: Imperialistische Ziele und Strategien [Obiettivi e strategie imperialiste]. In: Marxistische Blätter 5-’94, ppgg. 55-59.
  27. Fuori luogo è appellarsi ad una “razionalità del capitalismo”, e sperare in una “politica socioeconomica di pace a livello globale”, come fa Werner Ruf sui Marxistische Blätter 5-1994. Cfr. Rüdiger Göbel in: Prokla n.95, 24-6-’94, ppgg. 287-301.

[Tratto da: Jugoslawien-Bulletin 4-’95, raccolta di documentazione “contro le sanzioni, l’incitamento guerrafondaio e la politica tedesca da grande potenza”. Per contatti, contributi e abbonamenti: Jugoslawien-Bulletin c/o Friedensladen, Schillerstr. 28, 69115 Heidelberg (Germania)] 

Preso da: http://www.fisicamente.net/GUERRA/index-791.htm

La Germania ha guadagnato miliardi dalla crisi che distrutto la Grecia

22 giugno 2018. Lorenzo Vita.
** FILE ** A Euro sculpture is seen in the autumnal sun in front of the European Central Bank ECB building, rear, in Frankfurt, Germany, in this Sept. 24, 2007 file picture. The European Central Bank, along with the U.S. Federal Reserve and others, plans to offer billions in short-term credit to banks in Europe to meet their demand for dollars amid tense financial markets. (AP Photo/Bernd Kammerer)
La Germania ha guadagnato miliardi dalla crisi che ha colpito la Grecia e che ha portato il popolo greco nel baratro dell’indigenza. A rivelarlo non sono movimenti euroscettici, né leader populisti né governi antitedeschi, ma direttamente il governo di Berlino, in risposta a un’interrogazione parlamentare promossa dai Verdi.
Da quanto si è potuto comprendere, le casse della Germania hanno guadagnato circa 2.9 miliardi di euro come conseguenza indiretta della crisi greca. Guadagni scaturiti, in gran parte, come risultato del programma di acquisto di titoli di debito greci da parte della Banca centrale europea.
Il meccanismo funziona così. Dal 2010 la Germania ha acquistato obbligazioni di Atene come parte di un accordo dell’Unione europea per sostenere l’economia greca. Le obbligazioni furono acquistate dalla Bundesbank e poi trasferite al tesoro statale.

L’accordo originale tra Berlino e Atene prevedeva che qualsiasi interesse guadagnato sulle obbligazioni sarebbe stato restituito alla Grecia quando avrebbe adempiuto ai suoi obblighi sulle riforme. Solo che è successo qualcosa che ha cambiato sensibilmente le carte in tavola.
Fino al 2017, la Bundesbank aveva guadagnato utili su quegli interessi pari a 3.4 miliardi di euro. Ma ne ha trasferiti molti di meno alla Grecia. 527 milioni nel 2013 e 387 milioni nel 2014, lasciando un utile di 2 miliardi e mezzo. A questi, si devono poi aggiungere 400 milioni di interessi maturati grazie a un prestito della KfW Bankengruppe (KfW), la Banca per lo sviluppo.
Dati che hanno provocato la rabbia dei Verdi, i quali da sempre chiedono alla Germania di allentare la morsa sul debito greco come gesto per far ripartire l’economia di Atene. “La Germania ha tratto notevoli benefici dalla crisi greca, non è accettabile che il governo consolidi il bilancio tedesco con i benefici della crisi greca”, ha detto il portavoce del gruppo parlamentare verde Sven-Christian Kindler.
Secondo Kindler, i greci hanno mantenuto le loro promesse sulle riforme facendo tagli dolorosissimi, ma “ora è il momento del gruppo euro di mantenere le sue promesse”. Ed è un attacco rivolto soprattutto alla Germania che, insieme ad altri Paesi dell’Europa settentrionale, ha sempre voluto mantenere il pugno duro nei confronti della Grecia.
Ieri, i ministri dell’eurozona hanno finalmente dato il via libera all’atteso taglio del debito pubblico greco. Il governo ellenico è stato “promosso”. Atene ha fatto quello che doveva fare, con 88 riforme sanguinose che l’Europa ha ritenuto necessarie per completare il piano di aiuto ai creditori. L’Ue sborserà l’ultima tranche di prestiti di circa 15 miliardi ed è stato esteso di 10 anni il termine per la scadenza dei prestiti.
“Questo è un momento storico per la Grecia e per l’Eurozona”, ha detto il commissario agli affari economici Pierre Moscovici. Sì, ma a quale prezzo? Come ricordato su questa testata, dal 2010 ad oggi “il potere d’acquisto è crollato del 24%, il 21,2% della popolazione, certifica Eurostat, vive in estrema povertà, il doppio del 2008. Lo scorso anno 130 mila persone, il 333% in più del 2013 hanno rinunciato alle eredità lasciate dai parenti perché non avevano i soldi per pagare le tasse”.
Alexis Tsipras non può certo cantare vittoria. Può solo sommessamente dire grazie ai suoi creditori, così come il popolo greco può provare a pensare di nuovo a un futuro di speranza. Ma i guadagni, cinici, della Germania sul debito greco dimostrano, ancora una volta, di cosa sia fatta questa Unione europea.

Fare cassa su un popolo affamato, per giunta alleato e partner di un’Unione come quella europea, dimostra che  l’Europa germanocentrica non è una realtà del mondo populista, ma uno scoglio per chiunque possa pensare a una Ue diversa. La Grecia, al collasso, che ha bisogno di soldi più di chiunque altro, vede il Paese economicamente più forte lucrare sul suo debito: lo stesso per cui sono morte persone, attività e imprese.

Preso da: http://www.occhidellaguerra.it/germania-crisi-grecia/

L’esercito di insetti del Pentagono

Manlio Dinucci

Il Pentagono porta avanti ricerche di ogni tipo. L’Agenzia per i progetti di ricerca avanzata (Darpa) sta studiando la possibilità di utilizzare insetti per infettare le colture, il Laboratorio di ricerca della Navy spera invece di utilizzarne altri come sensori, capaci di rilevare esplosivi. Non è fantascienza.

| Roma (Italia)
français  Türkçe  English  Português  Español  Deutsch

JPEG - 53 Kb
Sciami di insetti, che trasportano virus infettivi geneticamente modificati, attaccano le colture di un paese distruggendo la sua produzione alimentare: non è uno scenario da fantascienza, ma quanto sta preparando l’Agenzia del Pentagono per i progetti di ricerca scientifica avanzata (Darpa). Lo rivelano su Science [1], una delle più prestigiose riviste scientiche, cinque scienziati di due università tedesche e di una francese. Nel loro editoriale pubblicato il 5 ottobre, mettono fortemente in dubbio che il programma di ricerca della Darpa, denominato «Alleati insetti», abbia unicamente lo scopo dichiarato dall’Agenzia: quello di proteggere l’agricoltura statunitense dagli agenti patogeni, usando insetti quali vettori di virus infettivi geneticamente modificati che, trasmettendosi alle piante, ne modificano i cromosomi.

Tale capacità – sostengono i cinque scienziati – appare «molto limitata». Vi è invece nel mondo scientifico «la vasta percezione che il programma abbia lo scopo di sviluppare agenti patogeni e loro vettori per scopi ostili», ossia «un nuovo sistema di bioarmi». Ciò viola la Convenzione sulle armi biologiche, entrata in vigore nel 1975 ma restata sulla carta soprattutto per il rifiuto statunitense di accettare ispezioni nei propri laboratori. I cinque scienziati specificano che «basterebbero facili semplificazioni per generare una nuova classe di armi biologiche, armi che sarebbero estremamente trasmissibili a specie agricole sensibili, spargendo insetti quali mezzi di trasporto».
Lo scenario di un attacco alle colture alimentari di Russia, Cina e altri paesi, condotto dal Pentagono con sciami di insetti che trasportano virus infettivi geneticamente modificati, non è fantascientifico. Quello della Darpa non è l’unico programma sull’uso di insetti a scopo bellico. Il Laboratorio di ricerca della US Navy ha commissionato alla Washington University di St. Louis una ricerca per trasformare le locuste in droni biologici [2].
Attraverso un elettrodo impiantato nel cervello e un minuscolo trasmettitore sul dorso dell’insetto, l’operatore a terra può capire ciò che le antenne della locusta stanno captando. Questi insetti hanno una capacità olfattiva tale da percepire istantaneamente diversi tipi di sostanze chimiche nell’aria: ciò permette di individuare i depositi di esplosivi e altri impianti da colpire con un attacco aereo o missilistico. Scenari ancora più inquietanti emergono dall’editoriale dei cinque scienziati su Science. Quello della Darpa – sottolineano – è il primo programma per lo sviluppo di virus geneticamente modificati per essere diffusi nell’ambiente, i quali potrebbero infettare altri organismi «non solo nell’agricoltura».
In altre parole, tra gli organismi bersaglio dei virus infettivi trasportati da insetti potrebbe esservi anche quello umano. È noto che, nei laboratori statunitensi e in altri, sono state effettuate durante la guerra fredda ricerche su batteri e virus che, disseminati attraverso insetti (pulci, mosche, zecche), possono scatenare epidemie nel paese nemico. Tra questi il batterio Yersinia Pestis, causa della peste bubbonica (la temutissima «morte nera» del Medioevo) e il Virus Ebola, contagioso e letale. Con le tecniche oggi disponibili è possibile produrre nuovi tipi di agenti patogeni, disseminati da insetti, verso i quali la popolazione bersaglio non avrebbe difese. Le «piaghe» che, nel racconto biblico, si abbatterono sull’Egitto con immensi sciami di zanzare, mosche e locuste per volontà divina, possono oggi abbattersi realmente sul mondo intero per volontà umana. Non ce lo dicono i profeti, ma quegli scienziati restati umani.

[1] “Agricultural research, or a new bioweapon sys-tem?. Insect-delivered horizontal genetic alteration is concerning”, by R. G. Reeves, S. Voeneky, D. Caetano-Anollés, F. Beck, C. Boëte, Science, October 5, 2018.
[2] “Engineers to use cyborg insects as biorobotic sensing machines”, Beth Miller, Washington University in Saint Louis, June 30, 2016. “Un-derstanding and Hijacking the Insect’s Sense of Smell”, Office of Naval Research.

Preso da: http://www.voltairenet.org/article203395.html