I ROTHSCHILD CONTROLLANO LA CORTE INTERNAZIONALE DELL’AIA

Pubblicato da

I Rothschild controllano anche Ministeri della Giustizia nei paesi occidentali.
Hanno fondato la Corte Internazionale dell’AIA per giudicare le nazioni che si oppongono a loro.
Ecco perche’ sono stati puniti i serbi.
Piu’ di recente sono stati giudicati  innocenti Gotovina e Markac o il politico kosovaro Haradinaj durante la guerra in Jugoslavia mentre il generale serbo Tolomir veniva condannato all’ergastolo..
La sentenza sono dei crimini del tribunale corrotto.
Milosevic e’ stato assassinato dall’AIA ed il tribinale  non aveva alcuna prova contro di lui.

Le tensioni di un processo stressante di 5 anni in conbinazione con il trattamento medico inadatto per il suo cuore   indebolito alla fine lo uccisero.
Vojislav Seselj presidente del partito radicale serbo e’ stato detenuto senza processo presso il Tribunale dell’Aia per 10 anni.
James Bissett, ex-ambasciatore canadese ha affermato che George Soros, agente Rothschild, ha finanziato il Tribunale Internazionale dell’Aia. Cio’ significa che i serbi sono stati processati dallo stesso uomo che li ha attaccati.
La famiglia Rothschild dovrebbe essere accusata dei ,mali che ha causato ma e’ impossibile
con una giustizia corrotta.

Fonte :
http://vol370.blogspot.it/2017/01/1301-jacob-rothschild-est-coupable-de.html
foto : Vojislav Seselj
via No a Massoneria a Macerata
Preso da: http://www.complottisti.com/i-rothschild-controllano-la-corte-internazionale-dellaia/

Annunci

David Icke: gli inganni pacifisti di Avaaz e le organizzazioni degli Illuminati

30 marzo 2017.

La menzogna del global warming, la falsa ‘Primavera Araba’, il programma del “dio Salvatore dei prescelti”…

Una vecchia newsletter di David Icke del 17.6.2012, di cui avevo già fatto la traduzione anni fa. Visto i repetita della storia nel presente, forse è una utile e interessante rilettura…
La prima parte QUI

—————-
In cosa si differenzia la storia del Cristianesimo e del Giudaismo e degli eletti salvati dal “Signore”? In niente. A parte il nome e la fonte del salvatore.
Vogliono che il mondo sai “bello”’, almeno la maggior parte di loro e quindi cercano di prendersi in giro credendo che così sia o che in quella direzione si stia andando grazie alle nuove istituzioni umane illuminate e quei gruppi che  in tal senso fanno le loro campagne. Questo finisce col metterli  per bene nella mani di organizzazioni che dicono loro quel che costoro vogliono sentirsi dire o fanno campagne che seguono questo sistema di credo e una precisa visione del mondo.

Tra le legioni di queste organizzazioni collegate agli Illuminati , c’è la Fondazione AVAAZ (avaaz significa “voce”) con sede a Manhattan, che promuove la menzogna sul cambiamento climatico provocato dall’uomo e al momento sta chiedendo intervento straniero in Siria [ricordo che il tutto fu scritto nel 2012] in linea con cio’ che la Cabala Globale vuole intensamente che accada.
La Direttrice della campagne di Avaaz, Alice Jay, avrebbe potuto essere qualsiasi portavoce NATO quando ha detto:

‘Dozzine di bambini sono ricoperti di sangue, i loro volti mostrano  la paura che hanno provato prima di morire e i loro corpi innocenti senza vita rivelano un inspiegabile massacro. Questi bambini sono stati massacrati da uomini che hanno ricevuto il severo ordine di seminare terrore. (…) Ora, governi in tutto il mondo stanno espellendo ambasciatori siriani, ma a meno di non fare una forte azione sul territorio, per questi diplomatici stabiliranno mezze misure… (…) Per fermare questa violenza …(—) firmate l‘urgente petizione nel  diritto di chiedere l’azione ONU ora e diffondete questa campagna”

Avaaz fece simile cosa, della serie… “mandate i ragazzi a bombardarli” promuovendo la campagna in Libia. Avaaz è stata co-fondata da organizzazioni chiamate Res Publica e MoveOn.org, i fronti del “piu’ potere alle persone” fondati da George Soros, agente miliardario dei Rothschild

Avaaz gode di notevoli sponsorizzazioni al punto da aver pagato il suo presidente 180.000 dollari nel 2010 ed opera in 30 Paesi, 15 lingue, ha uffici a New York, Rio de Janeiro, Delhi, Madrid e Sydney e dice di avere 13 milioni di membri. Una bella fetta per una organizzazione che inizio’ dal “nulla” nel 2007.
L’Organizzazione è strettamente legata, condividendo lo stesso edificio, al promotore e co-fondatore e compagno della agenda cabalistica Res Publica, che organizzo’ una campagna intitolata ‘Darfurian Voices, 24 Hours for Darfur’. Questa era in sostegno al progetto USA-Israele relativo al Sudan, sebbene come sempre fosse stato promosso come azione umanitaria.
Si noti l’enfasi sulla parola e tema “voce”. L’idea è prendere per i fondelli le persone facendo loro credere che si stia dando loro voce mentre, allo stesso tempo, si scrive un copione per quale tipo di voce la Cabala vuole che sia veicolata e per quali eventi vuole accadano.
La Cabala manipola la sofferenza umana e poi usa la scusa per imporre la sua volonta’ per “fermare la sofferenza”. La campagna per il Sudan di Res Republica è stata sponsorizzata da Avaaz; l’Open Society Institute di George Soros, che è stato coinvolto nel creare a tavolino false “rivoluzioni della gente” nell’Europa dell’Est e nel medio Oriente e dal National Endowment for Democracy (NED – sovvenzioni nazionali per la democrazia…), collegato a e sponsorizzato da Soros.
Circa la meta’ dei direttori di NED sono membri del Rothschild-Rockefeller Council on Foreign Relations, che è stato enormemente influente nel dirigere  la politica estera degli USA dal 1920. Un altro partner nella campagna Sudan di Res Pubblica è il Dipartimento di Stato USA.
Ci sono molte di queste organizzazioni collegate ai network Rothschild/Soros networks, che promuovono i loro interessi sotto la copertura di “diritti umani”, ‘salvare il pianeta’ e ‘intervento umanitario’. Ma, e questo è il punto relativamente a questo articolo, il fine naif della New Age e di quelli che io chiamo Robot Radicali della sinistra politica non hanno idea di quel che si cela dietro queste ”realta’ perché non vanno mai ad investigare quel che non possono concepire – o immaginare che stia accadendo.
Un membro naïf di Avaaz citato sul suo sito dice:

‘Avaaz è la voce di milioni che vogliono pace, giustizia e democrazia ma che si sentono soli, preoccupati ed impotenti per cambiare un sistema cosi vasto … mi piace partecipare in giustizia uguaglianza  con tutti i miei amicii Avaaz, piu’ di 13 milioni”

Devo piangere o ridere?
Il movimento new age in occidente ha sfornato materiale dalle credenze religiose dell’oriente e ha acutamente incluso le credenze  e le pratiche di antiche culture e popoli native sparsi per il mondo.
Ma di nuovo, con rispettabili eccezioni individuali, molti di questi credi sono in distorsione temporale. Sono rimasti fissi e non si sono mossi per riunire il meglio dal passato con il meglio delle nuove rivelazioni e intuizioni odierne.
Una guida turistica nativa peruviana, che ho incontrato, mi ha detto che i suoi maggiori clienti erano New Agers dall’America e potevo capirlo perchè  piu’ o meno ogni 10 minuti parla di luoghi sacri e di ley lines e di ringraziare lo spirito della terra in religiosa reverenza. Sicuramente si beano di questo..

Sono l’ultimo a dire che tali luoghi e centri di potere e linee di forza che li uniscono, non esistono, ma è tuttavia una trappola della mente se si arriva a questo punto e poi ci si ferma.
La guida peruviana chiedeva il permesso di entrare in questo  o quel posto, ogni volta che incrociavamo antiche strutture dedicate alla supposta aperture del ventre di Madre Terra. Ma queste pigne di pietre  e di “entrate” un tempo erano terra aperta  dove ognuno poteva andare senza essere disturbato senza bisogno di chiedere permesso tutte le volte alla Madre Terra o ringraziandola soffiando su 3 foglie di coca riposte con attenzione o facendo qualsiasi altra cosa il rituale richiedesse.
La ragione per cui queste cose vengono ancora fatte oggidi’, è semplicemente perchè un gruppo di nativi ha deciso ad un certo punto che dovessero essere fatte, cosi’ hanno costruito delle strutture o rocce di entrata o colonne per assecondare il loro sistema di credo..
E’ lo stesso principio per cui oggi i Cristiani continuano a credere cio’ che fu deciso al consiglio di Nicea nel 325AD dove un imperatore romano che adorava il sole, dopo grandi file e risse tra i riuniti in assemblea… decretò il sistema di credo ufficiale cristiano.
Osservavo per un po’ questa continua insignificanza rituale ed era chiaro che stavo vedendo all’opera un’altra religione, con le stesse modalita’ di tutte le altre. La differenza è che i New Agers e i seguaci di usanze e credi nativi, si suppone abbiamo rifiutato la religioni (la New Age)  o abbiano una diversa fede rispetto alle religioni mainstream.
Le chiese della Cristianita’, le moschee dell’Islam, e le sinagoghe del Giudaismo diventano le colonne e le pietre di una entrata artificiale in una terra sacra (terra consacrata nella Cristianita’: la stessa faccenda). Il Dio e Gesu’ della Cristianita’, l’ Allah e Maometto dell’Islam, e Yahweh e Mose’ del Giudaismo diventano la Madre Terra e gli spiriti della Terra…
C’è la stessa riverenza, lo stesso rituale, la stessa riverenza e a mio avviso le stesse palle.
Non fraintendetemi ora. Non sto dicendo che la Terra non ha  una Coscienza..  In ben pochi abbiamo detto durante questi anni che tutto ha coscienza e quindi anche il pianeta deve averla. Neppure sto dicendo che una espressione della Coscienza Infinita non dovrebbe essere rispettosa dell’altra o che non ci sono luoghi sulla terra che sono particolarmente potenti da un punto d vista energetico e dove possono avvenire dei collegamenti incredibili. Non è questo che voglio dire.
Sto evidenziando tutto il rituale ereditato e costruito, stronzate e ossequiosa reverenza, che sono all’opera mentre noi siamo lo Spirito della Terra, poiché noi siamo tutto quello che é, è stato e sara’
Sto mettendo in discussione tutta l’insignificanza, il nonsenso che si accompagna a questi rituali, come quello di “pulire la tua aura” con del fumo o della roba che puzza e tutto l’armamentario di cio’ che è come un’altra religione.
Ho letto sui rituali dei Nativi Americani con la ruota di medicina e, ad essere onesto, mi è sembrato come il protocollo (rituale) di quando si deve incontrare la regina o andare in chiesa. Alle persone viene detto che si devono “fumigare” con del fumo di salvia prima di iniziare a rimuovere “energie in squilibrio ed interferenze”.
Ho visto molte persone con tutte queste cose in abbondanza che si sono fatti le fumigazioni ma non posso dire di aver notato una differenza nella scala della loro “energia in squilibrio ed interferenze’. Ho fatto io stesso le fumigazioni e mi sono preso una zaffata della roba “odorante” per vedere cosa accadeva ed avevano anche  un buon odore., sebbene qualcuno di questi veniva diffuso con bottiglie di plastica che avranno buttato un po’ di sostanze chimiche dentro l’odore sacro. Ma… tutto questo è necessario per il nostro collegamento con cio’ che c’è la fuori?  Niente affatto.
Il protocollo della cerimonia della ruota di medicina evidenzia in modo rilevante che l’usanza delle fumigazioni di salvia,  “non è diverso dall’incenso usato nelle chiese”:
‘Dopo la fumigazione, quelli che sono riuniti procedono in fila verso al ruota di medicina. Entriamo nel portale ad una delle direzioni cardinali: di solito attraverso una delle direzioni  che sono in relazione alla stagione dell’anno. Prima di fare un passo nella Ruota, ognuno si fermi, alzo le braccia, ruoti in modo orario verso il sole e dica, “Tutte le mie relazioni” …
La mia filosofia è : “ fai quel che vuoi fintanto che non lo imponi ad altri”  Ma non dovremmo andare oltre tutto questo proprio ora? Per quanto ancora andremo avanti a ripetere i rituali degli antichi e quelli molto meno che antichi, di solo qualche centinaio di anni fa? Come quelli degli Inca Peruviani? Questo era il loro sistema di credo e modo di fare le cose… buona sorte a loro, ma non deve essere per forza il nostro.
Alcuni Nativi, come Chief Raoni della tribu’ brasiliana dei Kayopo, inserisce dei dischi nelle labbra  che progressivamente fanno sporgere sempre piu’ il labbro inferiore  . “Baciami adesso” cosi’ è fuori dal programma …  Ma e’ necessario? Certo che no. E’ solo una usanza ed un rituale che ripete i sistemi di credo delle generazioni precedenti (sempre piu’ ripetute).
Anni fa andai a Londra per vedere un evento che vedeva coinvolti dei Nativi dalla Colombia, che dicevano che stavano compiendo una antica profezia che diceva loro che dovevano scendere dalle loro montagne e parlare al mondo in un tempo di grande trasformazione. Questo sembrava molto interessante.
Ma la serata consistette prima di tutto in un gruppo di New Agers britannici che fecero un rituale di apertura in cui un uomo era nel centro con una grande spada di qualche antiquario (ma non si facevano per ammazzare la gente?) e che tenne nell’aria mentre a turno guardava verso nord, sud, est e ovest. Anche all’audience veniva chiesto di rivolgersi alle stesse sue direzioni.
Il resto della serata consistette nel vedere il nativo colombiano star seduto in silenzio sul palcoscenico facendo qualcosa con un tessuto colorato a cui attaccavano perline colorate. Come osservo’ il mio amico artista, Neil Hague, sembrava che stessero facendo delle pizze.
Ecco cosa accadde nel “parlare al mondo in un tempo di grande trasformazione’
Non viviamo piu’ in tempi antichi e dobbiamo renderci conto del modo in cui comunichiamo le informazioni e ci occupiamo delle cose. Se non lo facciamo, il potere, la chiarezza e la efficacia di quella comunicazione sara’ diluita e persa in una messa di rituale irrilevante, in abitudini e discorsi antichi-
-fine seconda parte
by D. Icke, www.davidicke.com
traduzione di Cristina Bassi per www.thelivingspirits.net

Preso da: http://www.complottisti.com/david-icke-gli-inganni-pacifisti-avaaz-le-organizzazioni-degli-illuminati/

George Soros, l’uomo che paga ​l’invasione dell’Europa

Gli amici degli scafisti: il magnate investirà 500 milioni nelle ong per creare una flotta di navi per salvare i migranti

Come Soros controlla la censura sulle ‘Fake News’

Thibault Kerlirzin Soros Connection 18 febbraio 2017

L’articolo di Jerome Corsi d’Infowars può sembrare incompleto per il lettore italiano, in genere meno informato di quello di Infowars su George Soros, le sue azioni e reti. Definiamo alcuni punti sui nomi citati. Qui, First Draft (Prima bozza).
L’articolo d’Infowars riporta la partnership tra Google News Lab e First Draft (First Draft News): “In un comunicato stampa del 6 febbraio 2017, Google annuncia a Parigi la partnership tra Google News Lab e First Draft per aiutarel’elettorato francese a capire a chi e cosa credere nel flusso sui loro social network, ricerche sul web e consumo di notizie in generale nei prossimi mesi“. First Draft è una società di tecnologia, finanziata da Google News Lab dal giugno 2015, con l’obiettivo di monitorare le informazioni on-line “per sensibilizzare l’opinione pubblica e far fronte alle sfide a fiducia e verità nell’informazione digitale”. E’ interessante, soprattutto se ci si riferisce (a condizione d’integrarlo sistematicamente) alla rete dei partner di First Draft. [1] Il lettore curioso sarà interpellato dalla presenza dei decoder, iniziativa censorea (con il loro “Decodex” lungi dal rispettare il Codice Etico del Giornalismo del 2011), già colti a spacciare “notizie false”, officianti nel giornale Le Monde, la cui sezione africana, si ricordi, è un partner dell’Iniziativa Open Society per l’Africa occidentale (OSIWA). [2] Vi sono inclusi anche AFP e France Télévisions. In altre parole: fino a che punto il “giornalismo” francese è in combutta con la rete di Soros, e quanto rischierà d’influenzare la campagna presidenziale? Se non si abbiamo la pretesa di rispondere, segnaliamo la presenza di organizzazioni partner di First Draft legate all’Open Society, che non fa parte della rete di First Draft. Tuttavia, vi sono diverse organizzazioni sorosiane o finanziate da George Soros (alcune possono esserci sfuggite).


1) IFCN (International Fact-Checking Network) è un ramo dell’Istituto per gli studi dei media Poynter, finanziato da alcuni attori influenti come Fondazione Bill & Melinda Gates, Google, spie della NED (National Endowment for Democracy), Omidyar Network, il solito partner di Soros (nel 2008, Google, Omidyar e Fondo Soros lo sviluppo economico investirono 17 milioni di dollari in India per lanciarvi la “Compagnia d’investimento per le piccole e medie imprese” [3]) e ben inteso la stessa Open Society. [4]
2) Global Voices ha diversi donatori, tra cui Open Society e Google. [5] Ci sono anche la Fondazione Ford, Omidyar Network e il Fondo per l’investimento per lo sviluppo dei media, che a sua volta riceve sussidi dall’Open Society. [6] Il direttore di Global Voices è Ivan Sigal. [7] La sua breve presentazione sul sito non lo dice, ma presiede il comitato consultivo del progetto fotografico documentario dell’Open Society. [8] Sempre su Global Voices, rivela nella presentazione che ha trascorso “10 anni di lavoro per sviluppare i media nell’ex-Unione Sovietica (mettendo una pulce nell’orecchio, cf. Underwriting Democracy du Soros) e in Asia“, senza fornire ulteriori dettagli. La biografia sul sito dell’Open Society segnala che in questi anni ha lavorato per Internews. I donatori e partner attuali d’Internews (e quindi di NewsThatMoves) sono quasi esclusivamente anglo-statunitensi: Open Society e Google, naturalmente, John e Catherine MacArthur Foundation, Rockefeller (Brothers Fund, Family&Associates, Fondazione), IOM, NED, National Democratic Institute (NDI), l’influente think-tank Freedom House, i quattro rami di USAID (USAID classico, Ufficio gestione dei conflitti e mitigazione, Ufficio di assistenza nei disastri esteri e Ufficio iniziative di transizione), tre rami del dipartimento di Stato Stati Uniti, Banca mondiale, OMS e nove filiali delle Nazioni Unite. [9] In altre parole: probabilmente l’organizzazione strategica di certi interessi. Notiamo anche che Internews è dietro il blog NewsThatMove[10], dedicato all’assistenza attiva ai migranti e dai contenuti simili al blog W2EU.

Ivan Sigal

Ivan Sigal
3) Politifact. La sezione Global News è di fatto un partenariato con Africa Check. Questa ONG, il cui slogan è, non ridete, “separare i fatti dalla finzione”, ha l’Open Society Foundations tra i suoi partner. [11] Vi sono sempre ONG di Soros tra i donatori di Africa Check, attraverso vari capitoli: FOSI (Foundation Open Society Institute), OSF-SA (Open Society Foundation Sud Africa), OSISA (Iniziativa Open Society per l’Africa del Sud) e OSIWA (Iniziativa Open Society per l’Africa occidentale). [12] Google e Omidyar Network sono sempre presenti.
4) Il “giornalismo cittadino” Rappler. Soros ha chiaramente finanziato tale organizzazione. Tuttavia, nel 2015, Rappler Holdings Corporation (società madre) ottenne un investimento dal North Base Media, un “Fondo per il giornalismo indipendente” creato da tre giornalisti, tra cui Sasa Vucinic “fondatore ed ex-direttore del Fondo d’investimento per sviluppare i media, finanziato da Soros“. [13]
Sasa Vucinic

Sasa Vucinic
5) FakeNews.org è diventato PR Watch [14], del Centro per i media e la democrazia di cui Open Society è stato uno dei finanziatori [15]; 200000 dollari in due anni nel 2010. [16] Dei quattro finanziatori attuali di PR Watch, va segnalata la Fondazione Rockefeller Family.
6) Reveal, un progetto del Center for Investigative Reporting, finanziato da un gran numero di persone ed organizzazioni, tra cui Open Society e Google News Lab. [17]
7) Amnesty International. Open Society ha finanziato tale ONG ripetutamente. Nel 2008, gli diede una borsa di studio di 750000 dollari per tre anni [18]; nel 2009, 125000 dollari [19]; nel 2013, 500000 dollari [20]; 250000 nel 2014. [21] Ma si nota soprattutto il gran numero di ex-membri di Amnesty International ora passati all’Open Society, e viceversa: James Logan [22], Michael Heflin [23], Erica Razook [24], Jamie Wood [25], Catherine Pellegrino [26], Anna Neistat (non n’è membro, ma è la direttrice sororisana dei programmi di Human Rights Watch per tredici anni ed oggi è la direttrice per la ricerca di Amnesty international) [27], Duncan Wilson [28], Eleanor Nolan [29], Rachel Bugler [30], Rosalind McKenna [31], Eric Ferrero [32], Deborah Guidetti (passata anche da EPIM) [33], Christina Zampas [34], Deprose Muchena (ex dell’USAID) [35], Widney Brown [36]… la lista sembra infinita.
Anna Neistat
8) Witness. Nota: l’ex-direttrice esecutiva (dal marzo 1998 al novembre 2007 [37] ) non è altri che Gillian Caldwell, l’attuale CEO sorosiano di Global Witness [38], di cui abbiamo già ricordato che Open Society è il più generoso finanziatore. Caldwell ha lavorato a lungo con le reti di Soros come partner dell’Open Society Institute in Global Survival Network, di cui fu co-direttrice dall’agosto 1995 al maggio 1998 (il 20-24 giugno 1998, Open Society Institute/Soros Foundation e Global Survival Network organizzarono una conferenza insieme [39]), e direttrice esecutiva dell’ONG Witness (sempre finanziata da Open Society e Google News Lab [40]). La presentazione di Gillian Caldwell descrive Witness come “co-fondata dal musicista Peter Gabriel che usa il potere del video per aprire gli occhi del mondo sugli abusi dei diritti umani“. Questa ONG ringrazia i suoi generosi donatori, come Open Society Foundations (e Fondazione Ford, Fondazione MacArthur e Fondazione Oak). [41] In parallelo, diversi membri, presenti o passati, di Witness lavorano o hanno lavorato per l’Open Society: Cwinston [42], Kasia Malinowska-Sempruch [43], Sameer Padania [44], Bryan Nunez [45]… e l’ONG ha già organizzato eventi con membri dell’organizzazione di Soros o direttamente con essa: Alison Cole [46], Eyewitness Media Hub [47], il gruppo di lavoro “Linee guida dell’ONG per l’accertamento dei fatti” [48], ecc. Nel 2009, anche Witness e Open Society Justice Initiative produssero un cortometraggio, Il dovere di proteggere, sul processo a Lubanga Dyilo. [49] Tuttavia, le relazioni sulle attività (l’ultima risale al 2013 [50]) non menzionano sovvenzioni dall’Open Society, che quindi saranno posteriori.
Gillian Caldwell
9) ProPublica, società di giornalismo sempre finanziata da Open Society. [51] L’ONG di Soros è particolarmente oscura e non ha detto nulla sulle sovvenzioni per ProPublica, ma è il modulo IRS 990 (modulo fiscale) a cui riferirsi per la lista completa delle donazioni ricevute da Soros: 250000 nel 2010 [52]; 125000 nel 2011 [53]; 300000 nel 2012. [54] Le relazioni annuali dell’organizzazione confermano anche il sostegno di Open Society nel 2014 [55] e nel 2015. [56] Inoltre, ProPublica è un membro del Global Investigative Journalism Network (Gijn) finanziato da Open Society e Google. [57] Il presidente e fondatore di ProPublica è Herbert Sandler [58], generoso mecenate dei sorosiani di Human Rights Watch [59] e MoveOn.org. [60]
Herbert Sandler
10) The Associated Press è influenzato dai sorosiani tramite una partnership con ProPublica, “Associated Press ha annunciato oggi un programma per promuovere il giornalismo investigativo senza scopo di lucro, con articoli dei membri di ProPublica da ripubblicare. Il contenuto sarà distribuito ai membri dell’Associated Press, cioè sostanzialmente a tutti i maggiori quotidiani nazionali, tramite il sistema di distribuzione AP Exchange. I membri di AP potranno usare liberamente gli articoli che, oltre che da ProPublica, proverranno da Center for Investigative Reporting, Center for Public Integrity ed Investigative Report Workshop“. [61] Queste tre organizzazioni sono sempre finanziate da Open Society.
11) Facebook, di cui Soros è azionista attraverso il suo Soros Fund Management, ne ha appena acquisito 353686 azioni (oltre ad aumentare la quota al 59,1% di Alphabet, la società che gestisce Youtube ed altro partner di First Draft, e di Gmail di Google). [62]
Riguardo i partner donatori di First Draft:
12) Eyewitness Media Hub è stato partner più volte di Open Society. [63][64]
Per scopi pratici, ancora una volta.
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Email di Hillary, dinari d’oro e Primavera araba

2 luglio 2016

F. William Engdahl, New Eastern Outlook 17 marzo 2016
Sepolto tra decine di migliaia di pagine e-mail segrete dell’ex-segretaria di Stato Hillary Clinton, ora rese pubbliche dal governo degli Stati Uniti, c’è un devastante scambio di e-mail tra Clinton e il suo confidente Sid Blumenthal su Gheddafi e l’intervento degli Stati Uniti coordinato nel 2011 per rovesciare il governante libico. Si tratta dell’oro quale futura minaccia esistenziale al dollaro come valuta di riserva mondiale. Si trattava dei piani di Gheddafi per il dinaro-oro per l’Africa e il mondo arabo.golddinar6

Due paragrafi in una e-mail di recente declassificate dal server privato illegalmente utilizzato dall’allora segretaria di Stato Hillary Clinton durante la guerra orchestrata dagli Stati Uniti per distruggere la Libia di Gheddafi nel 2011, rivelano l’ordine del giorno strettamente segreto della guerra di Obama contro Gheddafi, cinicamente chiamata “Responsabilità di proteggere”. Barack Obama, presidente indeciso e debole, delegò tutte le responsabilità presidenziali della guerra in Libia alla segretaria di Stato Hillary Clinton, prima sostenitrice del “cambio di regime” arabo utilizzando in segreto i Fratelli musulmani ed invocando il nuovo bizzarro principio della “responsabilità di proteggere” (R2P) per giustificare la guerra libica, divenuta rapidamente una guerra della NATO. Con l’R2P, concetto sciocco promosso dalle reti dell’Open Society Foundations di George Soros, Clinton affermava, senza alcuna prova, che Gheddafi bombardasse i civili libici a Bengasi. Secondo il New York Times, citando fonti di alto livello dell’amministrazione Obama, fu Hillary Clinton, sostenuta da Samantha Power, collaboratrice di primo piano al Consiglio di Sicurezza Nazionale e oggi ambasciatrice di Obama alle Nazioni Unite, e Susan Rice, allora ambasciatrice di Obama alle Nazioni Unite, e ora consigliere per la Sicurezza Nazionale, che spinse Obama all’azione militare contro la Libia di Gheddafi. Clinton, affiancata da Powers e Rice, era così potente che riuscì a prevalere sul segretario alla Difesa Robert Gates, Tom Donilon, il consigliere per la sicurezza nazionale di Obama, e John Brennan, capo antiterrorismo di Obama ed oggi capo della CIA. La segretaria di Stato Clinton guidò la cospirazione per scatenare ciò che venne soprannominata “primavera araba”, l’ondata di cambi di regime finanziati dagli USA nel Medio Oriente arabo, nell’ambito del progetto del Grande Medio Oriente presentato nel 2003 dall’amministrazione Bush dopo l’occupazione dell’Iraq. I primi tre Paesi colpiti dalla “primavera araba” degli USA nel 2011, in cui Washington usò le sue ONG per i “diritti umani” come Freedom House e National Endowment for Democracy, in combutta come al solito con le Open Society Foundations dello speculatore miliardario George Soros, insieme al dipartimento di Stato degli Stati Uniti e ad agenti della CIA, furono la Tunisia di Ben Ali, l’Egitto di Mubaraq e la Libia di Gheddafi. Ora tempi e obiettivi di Washington della destabilizzazione via “primavera araba” del 2011 di certi Stati in Medio Oriente assumono nuova luce in relazione alle email declassificate sulla Libia di Clinton con il suo “consulente” e amico Sid Blumenthal. Blumenthal è l’untuoso avvocato che difese l’allora presidente Bill Clinton nello scandalo sessuale di Monika Lewinsky quando era Presidente e affrontava l’impeachment.

Il dinaro d’oro di Gheddafi
Per molti rimane un mistero perché Washington abbia deciso che Gheddafi dovesse essere ucciso, e non solo esiliato come Mubaraq. Clinton, quando fu informata del brutale assassinio di Gheddafi da parte dei terroristi di al-Qaida dell’”opposizione democratica” finanziata dagli USA, pronunciò alla CBS News una perversa parafrasi di Giulio Cesare, “Siamo venuti, l’abbiamo visto, è morto” con una fragorosa risata macabra. Poco si sa in occidente di ciò che Muammar Gheddafi fece in Libia o anche in Africa e nel mondo arabo. Ora, la divulgazione di altre e-mail di Hillary Clinton da segretaria di Stato, al momento della guerra di Obama a Gheddafi, getta nuova drammatica luce. Non fu una decisione personale di Hillary Clinton eliminare Gheddafi e distruggerne lo Stato. La decisione, è ormai chiaro, proveniva da ambienti molto potenti dell’oligarchia monetaria degli Stati Uniti. Era un altro strumento a Washington del mandato politico di tali oligarchi. L’intervento era distruggere i piani ben definiti di Gheddafi per creare una moneta africana e araba basata sull’oro per sostituire il dollaro nei traffici di petrolio. Da quando il dollaro USA ha abbandonato il cambio in oro nel 1971, il dollaro rispetto all’oro ha perso drammaticamente valore. Gli Stati petroliferi dell’OPEC hanno a lungo contestato il potere d’acquisto evanescente delle loro vendite di petrolio, che dal 1970 Washington impone esclusivamente in dollari, mentre l’inflazione del dollaro arrivava ad oltre il 2000% nel 2001. In una recentemente declassificata email di Sid Blumenthal alla segretaria di Stato Hillary Clinton, del 2 aprile 2011, Blumenthal rivela la ragione per cui Gheddafi andava eliminato. Utilizzando il pretesto citato da una non identificata “alta fonte”, Blumenthal scrive a Clinton, “Secondo le informazioni sensibili disponibili a questa fonte, il governo di Gheddafi detiene 143 tonnellate di oro e una quantità simile in argento… l’oro fu accumulato prima della ribellione ed era destinato a creare una valuta panafricana basata sul dinaro d’oro libico. Questo piano era volto a fornire ai Paesi africani francofoni un’alternativa al franco francese (CFA)“. Tale aspetto francese era solo la punta dell’iceberg del dinaro d’oro di Gheddafi.
Dinaro d’oro e molto altro ancora
Nel primo decennio di questo secolo, i Paesi OPEC del Golfo persico, tra cui Arabia Saudita, Qatar e altri, iniziarono seriamente a deviare una parte significativa dei ricavi delle vendite di petrolio e gas sui fondi sovrani, basandosi sul successo dei fondi petroliferi norvegesi. Il crescente malcontento verso la guerra al terrorismo degli Stati Uniti, con le guerre in Iraq e Afghanistan e la loro politica in Medio Oriente dal settembre 2001, portò la maggior parte degli Stati arabi dell’OPEC a deviare una quota crescente delle entrate petrolifere su fondi controllati dallo Stato, piuttosto che fidarsi delle dita appiccicose dei banchieri di New York e Londra, come era solito dagli anni ’70, quando i prezzi del petrolio schizzarono alle stelle creando ciò che Henry Kissinger affettuosamente chiamò “petrodollaro” per sostituire il dollaro-oro che Washington mollò il 15 agosto 1971. L’attuale guerra tra sunniti e sciiti o lo scontro di civiltà sono infatti il risultato delle manipolazioni degli Stati Uniti nella regione dal 2003, il “divide et impera”. Nel 2008 la prospettiva del controllo sovrano in un numero crescente di Stati petroliferi africani ed arabi dei loro proventi su petrolio e gas causava gravi preoccupazioni a Wall Street e alla City di Londra. Un’enorme liquidità, migliaia di miliardi, che potenzialmente non potevano più controllare. La primavera araba, in retrospettiva, appare sempre più sembra legata agli sforzi di Washington e Wall Street per controllare non solo gli enormi flussi di petrolio dal Medio Oriente arabo, ma ugualmente lo scopo era controllarne il denaro, migliaia di miliardi di dollari che si accumulavano nei nuovi fondi sovrani. Tuttavia, come confermato dall’ultimo scambio di email Clinton-Blumenthal del 2 aprile 2011, dal mondo petrolifero africano e arabo emergeva una nuova minaccia per gli “dei del denaro” di Wall Street e City di Londra. La Libia di Gheddafi, la Tunisia di Ben Ali e l’Egitto di Mubaraq stavano per lanciare la moneta islamica indipendente dal dollaro USA e basata sull’oro. Mi fu detto di questo piano nei primi mesi del 2012, in una conferenza finanziaria e geopolitica svizzera, da un algerino che sapeva del progetto. La documentazione era scarsa al momento e la storia mi passò di mente. Ora un quadro molto più interessante emerge indicando la ferocia della primavera araba di Washington e l’urgenza del caso della Libia.
‘Stati Uniti d’Africa’
Nel 2009 Gheddafi, allora Presidente dell’Unione africana, propose che il continente economicamente depresso adottasse il “dinaro d’oro”. Nei mesi precedenti la decisione degli Stati Uniti, col sostegno inglese e francese, di aver una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per aver la foglia di fico del diritto alla NATO di distruggere il regime di Gheddafi, Muammar Gheddafi organizzò la creazione del dinaro-oro che sarebbe stato utilizzato dagli Stati africani petroliferi e dai Paesi arabi dell’OPEC per vendere petrolio sul mercato mondiale. Al momento Wall Street e City di Londra erano sprofondati nella crisi finanziaria del 2007-2008, e la sfida al dollaro quale valuta di riserva l’avrebbe aggravata. Sarebbe stata la campana a morto per l’egemonia finanziaria statunitense e il sistema del dollaro. L’Africa è uno dei continenti più ricchi del mondo, con vaste inesplorate ricchezze in minerali ed oro, volutamente mantenuto per secoli sottosviluppato o preda di guerre per impedirne lo sviluppo. Fondo Monetario Internazionale e Banca Mondiale negli ultimi decenni furono gli strumenti di Washington per sopprimere un vero sviluppo africano. Gheddafi invitò i Paesi produttori di petrolio africani dell’Unione africana e musulmani ad entrare nell’alleanza che avrebbe fatto del dinaro d’oro la loro valuta. Avrebbero venduto petrolio e altre risorse a Stati Uniti e resto del mondo solo in dinari d’oro. In qualità di Presidente dell’Unione africana, nel 2009 Gheddafi presentò all’Unione Africana la proposta di usare il dinaro libico e il dirham d’argento come unico denaro con cui il resto del mondo poteva comprare il petrolio africano. Insieme ai fondi sovrani arabi dell’OPEC, le altre nazioni petrolifere africane, in particolare Angola e Nigeria, creavano i propri fondi nazionali petroliferi quando nel 2011 la NATO bombardava la Libia. Quei fondi nazionali sovrani, legati al concetto del dinaro d’oro di Gheddafi, avrebbe realizzato il vecchio dell’Africa indipendente dal controllo monetario coloniale, che fosse sterlina, franco francese, euro o dollaro statunitense. Gheddafi attuava, come capo dell’Unione africana, al momento dell’assassinio, il piano per unificare gli Stati sovrani dell’Africa con una moneta d’oro negli Stati Uniti d’Africa. Nel 2004, il Parlamento panafricano di 53 nazioni aveva piani per la Comunità economica africana, con una moneta d’oro unica entro il 2023. Le nazioni africane produttrici di petrolio progettavano l’abbandono del petrodollaro e di chiedere pagamenti in oro per petrolio e gas; erano Egitto, Sudan, Sud Sudan, Guinea Equatoriale, Congo, Repubblica democratica del Congo, Tunisia, Gabon, Sud Africa, Uganda, Ciad, Suriname, Camerun, Mauritania, Marocco, Zambia, Somalia, Ghana, Etiopia, Kenya, Tanzania, Mozambico, Costa d’Avorio, oltre allo Yemen che aveva appena scoperto nuovi significativi giacimenti di petrolio. I quattro Stati africani nell’OPEC, Algeria, Angola, Nigeria, gigantesco produttore di petrolio e primo produttore di gas naturale in Africa dagli enormi giacimenti di gas, e la Libia dalle maggiori riserve, avrebbero aderito al nuovo sistema del dinaro d’oro. Non c’è da stupirsi che il presidente francese Nicolas Sarkozy, che da Washington ricevette il proscenio della guerra contro Gheddafi, arrivò a definire la Libia una “minaccia” alla sicurezza finanziaria del mondo .
I “ribelli” di Hillary creano una banca centrale
Una delle caratteristiche più bizzarre della guerra di Hillary Clinton per distruggere Gheddafi fu che i “ribelli” filo-USA di Bengasi, nella parte petrolifera della Libia, nel pieno della guerra, ben prima che fosse del tutto chiaro che avrebbero rovesciato il regime di Gheddafi, dichiararono di aver creato una banca centrale di tipo occidentale “in esilio”. Nelle prime settimane della ribellione, i capi dichiararono di aver creato una banca centrale per sostituire l’autorità monetaria dello Stato di Gheddafi. Il consiglio dei ribelli, oltre a creare la propria compagnia petrolifera per vendere il petrolio rubato, annunciò: “la nomina della Banca Centrale di Bengasi come autorità monetaria competente nelle politiche monetarie in Libia, e la nomina del governatore della Banca centrale della Libia, con sede provvisoria a Bengasi“. Commentando la strana decisione, prima che l’esito della battaglia fosse anche deciso, di creare una banca centrale per sostituire la banca nazionale sovrana di Gheddafi che emetteva dinari d’oro, Robert Wenzel del Economic Policy Journal, osservò, “non ho mai sentito parlare di una banca centrale creata poche settimane dopo una rivolta popolare. Ciò suggerisce che c’è qualcos’altro che non una banda di straccioni ribelli e che ci sono certe piuttosto sofisticate influenze“. È chiaro ora, alla luce dei messaggi di posta elettronica Clinton-Blumenthal, che tali “influenze abbastanza sofisticate” erano legate a Wall Street e City di Londra. La persona inviata da Washington a guidare i ribelli nel marzo 2011, Qalifa Haftar, aveva trascorso i precedenti venti anni in Virginia, non lontano dal quartier generale della CIA, dopo aver lasciato la Libia quando era uno dei principali comandante militari di Gheddafi. Il rischio per il futuro del dollaro come valuta di riserva mondiale, se Gheddafi avesse potuto procedere insieme a Egitto, Tunisia e altri Stati arabi di OPEC e Unione Africana, introducendo le vendite di petrolio in oro e non dollari, sarebbe stato chiaramente l’equivalente finanziario di uno tsunami.
La Nuova Via della Seta d’oro
Il sogno di Gheddafi di un sistema basato sull’oro arabo e africano indipendente dal dollaro, purtroppo è morto con lui. La Libia, dopo la cinica “responsabilità di proteggere” di Hillary Clinton che ha distrutto il Paese, oggi è lacerata da guerre tribali, caos economico, terroristi di al-Qaida e SIIL. La sovranità monetaria detenuta dal 100% dalle agenzie monetarie nazionali statali di Gheddafi e la loro emissione di dinari d’oro, è finita sostituita da una banca centrale “indipendente” legata al dollaro. Nonostante ciò, va notato che ora un nuovo gruppo di nazioni si unisce per costruire un sistema monetario basato sull’oro. Questo è il gruppo guidato da Russia e Cina, terzo e primo Paesi produttori di oro nel mondo. Questo gruppo è legato alla costruzione del grande progetto infrastrutturale eurasiatico della Nuova Via della Seta della Cina, comprendente 16 miliardi di fondi in oro per lo sviluppo della Cina, decisa a sostituire City di Londra e New York come centri del commercio mondiale dell’oro. L’emergente sistema d’oro eurasiatico pone ora una serie completamente nuova di sfide all’egemonia finanziaria statunitense. Questa sfida eurasiatica, riuscendo o fallendo, deciderà se la nostra civiltà potrà sopravvivere e prosperare in condizioni completamente diverse, o affondare con il fallimentare sistema del dollaro. 
F. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, laureato in politica alla Princeton University, è autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Pronto il piano Macron-Sanchez contro l’Italia

di  Luciano Lago

Gli esponenti della finanza mondialista preparano un piano per contrastare l’ascesa dei governi populisti in Europa.
In queste settimane sembra certo che i maggiori esponenti del mondo finanziario stiano pianificando le loro mosse per contrastare l’ascesa dei movimenti populisti in Europa ed in particolare per erodere il consenso del nuovo governo italiano Conte/Salvini e del governo austriaco, che sono quelli di recente saliti alla ribalta in Europa grazie all’ondata populista/sovranista che ha scosso le acque ferme della sinistra egemone, ribaltando la situazione politica europea.

La stessa Germania corre il rischio di tornare alle elezioni e vedere una ascesa della AfD che ricalca i temi sovranisti ed anti immigrazione del partito dell’Austria e della Lega in Italia. Una situazione di “allarme rosso” per le centrali mondialiste.
L’idea è quella di correre ai ripari e utilizzare le grandi leve finanziarie e mediatiche di cui dispongono i sostenitori del gobalismo per rovesciare la situazione.

Non è un caso che si siano incontrati riservatamente il 27 Giugno  il nuovo primo ministro spagnolo, Pedro Sanchez, con il finanziere speculatore George Soros per discutere di questa situazione.  Vedi: Encuentro secreto: Para que se reuniò Pedro Sanchez…

Non è un mistero che sono allo studio misure  prese in sintonia fra i governi di Spagna e Francia  per mettere in minoranza il Governo Italiano ed evitare che venga fermato il piano di migrazioni accuratamente seguito e finanziato da Soros e dalle sue organizzazioni. Emmanuel Macron è il perno di questo piano, l’uomo dei Rothshild vuole essere al centro dell’attenzione, il solerte esecutore.
In questo momento le navi delle ONG stanno predisponendo una raccolta straordinaria di profughi sulle coste libiche per mettere in difficoltà le guardia coste della Marina Libica ed obbligare le navi della Marina Militare italiana ad intervenire.

Non è escluso che si vada predisponendo un apposito naufragio di qualche barcone, con relativo bilancio di affogati, per responsabilizzare il governo italiano del mancato intervento e gettare una campagna di discredito sul governo e sul minstro Salvini, facendo appello alla violazione dei diritti umanitari.

Il controllo dei media di cui dispongono le centrali mondialiste permette loro di focalizzare l’attenzione dell’opinione pubblica e distorcere i fatti. Si preparano gruppi di giornalisti da imbarcare per documentare la inumanità del governo italiano ed creare la campagna di accuse. Saranno in prima fila Repubblica, Il Corriere della Sera, La Stampa e gli inviati della RAI. Mentana farà una trasmissione straordinaria sulla 7 ed in TV appariranno Roberto Saviano, ospite di “Che Tempo Fa” di Fabio Fazio, per lanciare le sue invettive contro Salvini. Non mancheranno Formigli, la Gruber, Furio Colombo, Vittorio Zucconi e altri “prestigiosi” opinionisti nel partecipare al coro di accuse contro Salvini ed il Governo.

Il ministro Matteo Salvini dovrà andare in Parlamento per giustificarsi di fronte agli attacchi concentrici di tutte le oppposizioni e non mancherà anche un “alto” messaggio di Papa Bergoglio incentrato su necessità di accoglienza ed integrazione delle masse dei migranti.
Tutto sarà come da copione per mettere il nuovo governo sulla graticola delle accuse e si cercherà di creare un cuneo fra la Lega ed i 5 Stelle, facendo affidamento sull’anima mondialista del movimento. Possiamo scommetterci che questo sarà il prossimo sviluppo degli avvenimenti.

Naturalmente sembra escluso che, nel dibattito e nelle analisi, qualcuno voglia realmente fare luce su chi muove queste masse di migranti dall’Africa incentivando gli spostamenti, perchè lo fa e quali siano le sue finalità.
Non si tratta soltanto di business e della catena di interessi che lega le varie mafie, le ONG, gli scafisti e le Cooperative allo sfruttamento del fenomeno.

Macron con Attali

Parlare solo di questo aspetto è riduttivo e non offre un quadro completo della situazione. Non si spiegherebbe perchè personaggi come Soros o come Attali (gruppo Rothshild) siano interessati di per se stessi a favorire il fenomento del business delle migrazioni, vista la enorme disponibilità finanziaria di cui dispongono.

Lo abbiamo scritto altre volte: le migrazioni sono un’arma di utilizzo per finalità geopolitiche che consentono una destabilizzazione silenziosa e graduale dell’assetto sociale di alcuni paesi. Le migrazioni permettono di sradicare le culture autoctone, sostituire popolazioni originarie, creare una società multiculturale, abolire il sentimento identitario e di appartenenza di una popolazione. In prospettiva di deve andare verso una abolizione degli Stati Nazionali e la creazione di un nuovo Ordine Mondiale gestito da acumi organismi sovranazionali.

Gli esponenti dell’ideologia mondialista come Macron e come Attali, come Soros, sono ben consapevoli di questo e lo hanno anche dichiarato in vari discorsi pubblici, il superamento della cultura francese, di quella italiana o spagnola, l’avvento di una nuova morale relativista, l’obiettivo della società multiculturale, lo sradicamento della famiglia e dei valori tradizionali. Vedi: Jacques Attali e il Nuovo Ordine Mondiale

Le oligarchie mondialiste non nascondono i loro obiettivi, i discorsi sono chiari ed evidenti basta andare a leggerseli.

Fonte:https://www.controinformazione.info/pronto-il-piano-macron-sanchez-contro-litalia/

Come Soros voleva rovesciare Putin e destabilizzare la Russia

Alex Christoforou, The Duran 25/8/2016
Le recenti DCLeaks di oltre 2500 documenti delle ONG di George Soros, illuminano su come il miliardario usa la sua grande ricchezza per creare il caos globale nella continua imposizione euforica del neoliberismo alle classi lavoratrici. Mentre Soros è riuscito a destabilizzare l’Unione europea promuovendo l’immigrazione di massa e l’apertura delle frontiere, a dividere gli Stati Uniti, finanziando attivamente l’ente Black Live Matter e corrompendo la molto corruttibile classe politica degli Stati Uniti, e a distruggere l’Ucraina sostenendo un colpo di Stato contro un governo democraticamente tramite energumeni neonazisti… un Paese che Soros non può decifrare è la Federazione Russa. Il pragmatismo politico e il sistema di valori umanisti radicati nella tradizione culturale dello Stato-Nazione della Russia, probabilmente fanno infuriare Soros. La Russia è sua la balena bianca… una creatura che ha cercato di uccidere per quasi un decennio. Sfortunatamente per Soros (e fortunatamente per l’intero pianeta), il governo russo ha capito la natura cancerosa delle sue ONG prendendo misure preventive adeguate… che col senno di poi, e dopo aver esaminato le note di DCLeaks, sì è dimostrata essere una mossa molto saggia.

Il 30 novembre 2015, Zerohedge riferiva, “l’Ufficio del procuratore generale della Russia ha emesso un comunicato in cui riconosceva l’Open Society Institute di George Soros e un’altra organizzazione affiliata come “gruppi indesiderabili”, vietando a cittadini ed organizzazioni russe du partecipare a qualsiasi loro progetto. Il procuratore afferma che le attività della Open Society Institute e della Fondazione di assistenza Open Society Institute erano una minaccia per le fondamenta dell’ordine costituzionale e della sicurezza nazionale della Russia, aggiungendo che il Ministero della Giustizia sarebbe stato debitamente informato di queste conclusioni e avrebbe aggiunto i due gruppi alla lista delle organizzazioni straniere indesiderate in Russia. Secondo RT, i pubblici ministeri hanno lanciato un’indagine sulle attività delle due organizzazioni promosse dal noto finanziere statunitense George Soros, nel luglio di quest’anno, dopo che i senatori russi avevano approvato la cosiddetta “stop-list patriottica” di 12 gruppi che richiede immediatamente l’attenzione sulle loro presunte attività anti-russe. La legge sulle organizzazioni straniere indesiderate è entrata in vigore all’inizio di giugno di quest’anno. Impone a Ufficio del Procuratore generale e Ministero degli Esteri la redazione di un elenco ufficiale di organizzazioni straniere indesiderate e delle attività illegali. Una volta che un gruppo è riconosciuto indesiderabile, le sue attività in Russia devono essere congelate, i suoi uffici chiusi e la diffusione dei materiali vietata. Detto questo, non è certo che Soros abbia ancora alcuna attività in Russia. La sua fondazione, apparsa in Russia alla metà degli anni ’90, era attiva fino al 2003, quando Putin s’è consolidato al potere”. L’enorme tranche dei documenti rilasciati da DCLeaks dimostra quanto sia pericolosa l’Open Society di George Soros per il benessere e la conservazione della Federazione russa e della cultura russa.
In un documento del novembre 2012 dal titolo “Note della riunione di pianificazione strategica dell’OSF (Open Society Foundation) Russia“, i cui partecipanti erano: Leonard Benardo, Iva Dobichina, Elizabeth Eagen, Jeff Goldstein, Minna Jarvenpaa, Ralf Jürgens, Elena Kovalevskaja, Vicki Litvinov, Tanja Margolin, Amy McDonough, Sara Rhodin, Ervand Shirinjan, Becky Tolson, si discuteva di come… “Identificare le priorità comuni delle attività di OSF Russia nel prossimo anno. Come possiamo collaborare in modo più efficace, considerando il deterioramento dell’ambiente politico per i nostri partner?” La rivelazione principale del verbale era la speranza che gli anni di Medvedev come presidente avrebbero dato alle ONG “l’apertura” di cui avevano bisogno per spezzare finalmente l’orso russo. Il tutto evaporò nel 2012, quando Vladimir Putin tornò nell’ufficio presidenziale. L’OSF, chiaramente sconvolta e delusa, poneva le basi per sfidare l’amministrazione Putin alla luce del diverso approccio verso ONG come l’Open Society Foundation. “Il contesto dei diritti umani è molto cambiato nel 2006-2012: il periodo Medvedev ha permesso una serie di miglioramenti e aperture significative per le ONG, modificando la legge sulle ONG nel 2006, che comportava una campagna a favore delle organizzazioni non governative; molti dei nostri ne beneficiarono in quel periodo. Surkov ha legami con molti gruppi disposti a collaborare con lo Stato ed nostri partner erano gli esperti nei processi chiave quali la riforma della polizia. Uno spazio fu creato per la modernizzazione e l’inclusione della società civile durante il mandato di Medvedev. Tuttavia, la pressione ricominciava rapidamente appena Putin è tornato al potere”. Un’importante svolta per le ONG in Russia avvenne con le fallite proteste russe in “stile Mjidan”, prontamente smantellate prima che venissero inflitti danni. “Le proteste russe hanno profondamente influenzato la vita delle ONG. Lo Stato finanziava l’auto-organizzazione pensando che ciò avrebbe disinnescato un’opposizione su vasta scala. Ma, incoraggiando l’auto-organizzazione, aveva aperto il vaso di Pandora. La gente è diventata attiva e cominciava a sentire che era possibile cambiare qualcosa, la porta era stata aperta all’auto-mobilitazione. Lo Stato ha risposto con la repressione e i prigionieri politici, al fine d’instillare la paura nella popolazione. Lo Stato ha anche minato il sostegno sociale alle proteste. Il suo sostegno socialmente orientato verso le ONG (“buone”) è un modo per dividere la comunità, mentre la legge contro gli agenti stranieri definisce le proteste come finanziate dall’estero per minare la Russia”.
Perché tale fascinazione per la Russia? Perché è importante per l’OSF concentrarsi sulla Russia? Con la Russia sono in gioco immense ricchezze e potere geo-politico enorme.
I principali temi della società aperta e questioni molto importanti in Russia
– Trasparenza e responsabilità (anticorruzione)
– Diritti e giustizia (vale a dire, giustizia penale, polizia, stato di diritto, LGBT, diritti delle donne)
– Migrazione
– Integrazione scolastica (disabilità, rom)
– Libertà dei media, accesso alle informazioni
– Salute (accesso ai farmaci, HIV, riduzione del danno)
Problemi da superare: le tattiche russe sono riprese in Asia centrale (vale a dire, la legge anti-estremismo in Kazakhstan)
L’influenza della Russia nel Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite che sostiene la risoluzione che dice che i diritti umani devono prendere in considerazione i valori tradizionali del Paese in questione, pochissime ONG che seguono il consiglio vedono le prossime grandi implicazioni dalla Russia
La partecipazione a regimi internazionali globali (G20, ICC, WTO), una Russia più aperta cambierebbe gli organi di governo internazionali
Il contenzioso della Corte europea
I dettagli del documento sono un ampio elenco di bersagli, di “ciò che va fatto” per destabilizzare la Russia, concentrandosi su molti ricorrenti temi neoliberisti che Soros utilizza per infettare le nazioni ospitanti e rovesciare i governi…
“- prigionieri politici (Bolotnaja, ecc.)
– censura e controllo dei media (pressione sui media indipendenti, lavoro su NMP)
– sorveglianza
– LGBT (spinta contro le leggi sulla propaganda, voluta dai funzionari locali non dal governo federale)
– diritti delle donne
– diritti dei disabili ed integrazione scolastica
– prigioni
– molti finanziamenti per il monitoraggio; dove il denaro viene meglio speso?
– le ONG non hanno sufficienti dollari per viaggiare e per una rappresentanza legale
– polizia e violenza della polizia (Verdetto pubblico, uomo e legge, ecc.)
– migranti
Trasparenza e responsabilità
– spesa dello Stato, monitoraggio e analisi
– operazioni di monitoraggio transfrontaliere ed acquisizioni affari
– connessioni tra responsabilità, diritti umani ed interessi dei cittadini ordinari
Il documento completo in PDF può essere trovato qui.03891028-6045
Dopo il documento del 2012 e la chiara delusione espressa dai membri dell’OSF per la resistenza della Russia al neoliberismo, DCLeaks fornisce un promemoria successivo dal titolo “Progetto di strategia per la Russia, 2014-2017”. La sintesi del documento… “La Russia di oggi deve affrontare una ricaduta deplorevole nell’autoritarismo. Di fronte a sfide interne gravi, il regime è diventato più insulare e isolazionista cercando di consolidare la propria base. Le leggi progressivamente draconiane promulgate dal ritorno di Putin alla presidenza hanno messo tutte le organizzazioni finanziate dall’estero sotto la minaccia dell’isolamento e del discredito. Nonostante queste decisamente impegnative condizioni, è essenziale continuare a coinvolgere la Russia, sia per preservare gli esistenti spazi democratici che per garantire che le voci russe non siano oscurate sulla scena globale”.
La destabilizzazione della Russia, ora giustamente intitolata “Progetto Russia”, prosegue identificando tre concetti cardine… “Nel paesaggio cupo, rimangono comunque aperture per l’intervento del Progetto Russia. Sfruttare tutte le opportunità disponibili, seguendo i seguenti tre concetti che riteniamo di vitale importanza nel contesto attuale:
1) Mitigare l’impatto negativo delle nuove leggi attraverso la difesa nazionale e internazionale. Alleati chiave in questo senso sono il crescente numero di cittadini russi che si oppongono alla regressione del Paese, insieme alla consistente comunità di esperti legali russi dalla conoscenza approfondita della legge sulle ONG e dalla forte motivazione nell’aiutare il settore a continuare le sue attività.
2) Integrare le voci russe nello scambio globale di idee. Dato che intellettuali, operatori e attivisti russi sono sempre più isolati a livello nazionale, e gli accademici sono spesso isolati dalla comunità internazionale, sosterremo la diffusione di pensieri diversi e critici russi nel discorso globale. Tali opportunità permettono agli attori russi di collaborare reciprocamente e vantaggiosamente su argomenti che vanno dalla migrazione all’attivismo digitale, mantenendone così la rilevanza e riducendone la provincializzazione.
3) Il nostro obiettivo è integrare i diritti e la dignità di una delle popolazioni più emarginate della Russia: gli individui LGBT. La diversificata rete dei partner di RP offre l’opportunità di costruire un’ampia base di alleati nella società civile in un momento in cui la comunità LGBT è sotto grave minaccia. Speriamo di vedere un discorso più equilibrato sui diritti LGBT nel pubblico russo, così come una forte coorte di organizzazioni indipendenti tradizionali che adottano attivamente gli interessi LGBT nel loro operato”.
Mobilitazione sociale e finanziamento delle reti dei media alternativi per promuovere il discorso sociale e l’insoddisfazione, sono tattiche comuni che le ONG di Soros utilizzano per fabbricare la sovversione. “Insieme a tali iniziative, siamo impegnati a sostenere tre campi principali: a) accesso alla giustizia e rafforzamento legale dei gruppi emarginati; b) accesso a informazioni indipendenti e media alternativi; e c) piattaforme di dibattito critico, discussione e mobilitazione sociale. RP prevede di fornire supporto di base ai nostri partner di fiducia in ciascuno di questi campi, investire nella loro crescita e sviluppo, rimanendo flessibili sulle modalità di finanziamento necessarie per consentirgli di continuare il lavoro essenziale. Cerchiamo anche di rafforzarne la legittimità e la sostenibilità finanziaria, per costruire un mondo organizzativo del terzo settore più trasparente, efficace ed efficiente. La Russia è attualmente sotto un processo di graduale, arbitraria e intenzionale chiusura. In tale contesto, il ruolo cardinale di RP è creare un campo grave ed ad ampio raggio di attori indipendenti della società civile, che nel migliore dei casi aiuti ad impostare l’agenda per un futuro più aperto e democratico in Russia, e nel peggiore dei casi sopravvivere agli effetti della nuova legislazione draconiana”.
Ingaggiare la diaspora russa che si oppone al governo attuale, e mobilitare la comunità LGBT attraverso la propaganda massmediatica sono temi ricorrenti nei documenti di Soros. L’attenzione dei media sui diritti LGBT durante le Olimpiadi invernali di Sochi fu l’occasione da non perdere per Soros. “Nel breve e medio termine, RP si propone di generare un più ampio supporto nella società civile a questo gruppo altamente emarginato. Anche se la legge sulla “propaganda dell’omosessualità” ha un’inedita attenzione internazionale per le Olimpiadi invernali di Sochi, le voci degli attivisti russi sono a malapena ascoltate dalle maggiori organizzazioni internazionali LGBT. Vogliamo fare in modo che i nostri partner russi abbiano un ruolo di primo piano nel plasmare la strategia del movimento internazionale, pianificando campagne dall’orientamento interno piuttosto che internazionale, e che la spinta raccolta per Sochi non si dissipi subito dopo la fine delle Olimpiadi. Il nostro vantaggio comparato risiede nelle reti ampie e profonde che abbiamo favorito in questi ultimi anni. Un uso strategico di tali reti consentirà di massimizzare l’impatto a lungo termine del lavoro che le organizzazioni per i diritti LGBT fanno. I gruppi per i diritti LGBT in Russia sono professionali ed efficaci, ma non possono andare oltre le loro comunità immediate e galvanizzare altri attori della società civile, necessario al loro successo a lungo termine”. La destabilizzazione di un Paese delle dimensioni della Russia non avviene senza un prezzo significativo, che George Soros sembra più che pronto a pagare… “Dato il gran numero di borse di RP, vediamo la necessità di altro personale per attuare le nostre priorità strategiche e monitorare efficacemente la nostra attività. Tuttavia, mentre un certo numero di programmi nella regione Eurasia sono in fase di ristrutturazione, attendiamo dei risultati da questa transizione prima di dare qualsiasi raccomandazione sostanziale”.
Non c’è alcun dubbio sul fatto che il piano 2014-2017 delineato dalle ONG di Soros, che addirittura immagina l’aumento del personale e la ristrutturazione regionale eurasiatica, ha subito un grande danno dalla legge del 2015, ha visto tali forze disgreganti operanti in Russia, essere finalmente cacciate dalla nazione.
Il documento completo in PDF può essere trovato qui.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Preso da: https://aurorasito.wordpress.com/2016/08/26/come-soros-voleva-rovesciare-putin-e-destabilizzare-la-russia/

hackerato il sito della Open Society Foundation di Soros. Migliaia di file con documenti sono stati resi pubblici.

George Soros, capo e finanziatore dell’Internazionale nera della provocazione, quello che organizza colpi di stato e propizia guerre e invasioni verso i paesi non allineati agli USA; viene invitato in Italia a discettare di democrazia, globalizzazione e libertà e ad elogiare istituzioni notoriamente benefiche come il WTO, il Fondo Monetario Internazionale, la NATO e la Banca Mondiale.

Dopo essere stato ricevuto con gli onori di un capo di stato dall’ex presidente del Consiglio del PD, il Conte-Duca Gentiloni, oggi dispensa minacce ai governi in carica di mezza Europa.
Un incubo orwelliano. Il livello di pervasività dell’imperialismo nella sua fase di massima espressione oppressiva, davvero non conosce ritegno.

Recentemente è scoppiato il caso dei documenti trafugati alla Fondazione Soros e messe on line, vista l’enorme entità della documentazione raccolta Dc Leaks ha varato un portale interamente dedicato ai maneggi del manipolatore statunitense con migliaia di documenti consultabili online o scaricabili in pdf.
Ci sono i dossier che svelano il ruolo occulto svolto da Soros alle elezioni Europee del 2014 ma anche quelli che hanno influenzato direttamente il voto nei vari Stati e i fascicoli sui finanziamenti elargiti alle ONG di tutto il mondo e addirittura i rapporti sul dibattito politico in Italia ai tempi del colpo di stato fomentato dallo stesso Soros in Ucraina.

Gli Hackers nel pubblicare i file incriminati hanno spiegato: “George Soros è un magnate ungherese-americano di origine ebraica. Guida più di 50 fondazioni sia globali che regionali. È considerato l’architetto di ogni “rivoluzione colorata” e colpo di Stato di tutto il mondo negli ultimi 25 anni . A causa sua e dei suoi burattini gli Stati Uniti sono come una sanguisuga. I suoi servi hanno succhiato sangue a milioni e milioni di persone solo per farlo arricchire sempre di più. Soros è un oligarca che sponsorizza il partito Democratico, Hillary Clinton e centinaia di uomini politici in tutto il mondo. Questo sito è stato progettato per permettere a chiunque di visionare dall’interno l’Open Society Foundation di George Soros e le organizzazioni correlate. Vi presentiamo i piani di azione, le strategie, le priorità e le altre oscure attività di Soros che fanno luce su uno dei network più influenti che opera in tutto il mondo”.

A questo proposito, domandiamoci cosa rappresentano oggi le Organizzazioni Non Governative per cui tanto si sdilinquisce la sinistra e chi si cela dietro di esse.

Tratto dal libro Ufficio Sinistri. Il buco nero in cui è scomparsa la sinistra di Roberto Vallepiano

Preso da: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10156398589671624&set=a.10150678993876624.422502.747141623&type=3&theater

Anche su: http://contropiano.org/altro/2016/08/18/soldi-soros-li-presi-anche-italia-082612

http://soros.dcleaks.com/

Tutti migranti, come merce dentro ai pacchi: le nuove direttive UE e Onu contro ogni sovranità

L’Europa e l’ONU si accingono a mettere nero su bianco le regole definitive sull’immigrazione, che saranno valide per tutti i Paesi. E’ la costruzione di un vero sistema per la mobilità umana, che prevede società aperte, accoglienza, e zero respingimenti. Lo scopo? Nel mondo globalizzato anche  gli esseri umani devono essere rapidamente spostabili come le merci. Opporsi? Non è previsto.
di Francesca Totolo
Partiamo dall’ultima trovata che arriva dalla Commissione Europea. I Paesi membri dell’Unione Europea che hanno mostrato più solidarietà nell’accoglienza dei migranti, come Grecia e Italia, saranno premiati dai fondi strutturali del prossimo budget UE 2021-2027. Chi invece si mostrerà refrattario a fare la sua parte a favore degli immigranti e sul rispetto dello stato di diritto, come Ungheria e Polonia, si troverà penalizzato. Continue promesse da Jean-Claude Juncker e Frans Timmermans, sempre disattese, che sembrano piuttosto voler colpire gli Stati Visegrad e l’Austria, rei di voler difendere gli interessi dei propri connazionali invece di aprire le frontiere agli stranieri indiscriminatamente.
Le dichiarazioni della Commissione Europea arrivano in seguito all’incontro pubblico del 16 aprile scorso voluto da George Soros. Durante il meeting, lo speculatore ungherese ha esposto le sue ragioni a Timmermans (Vice Presidente della Commissione Europea) contro il governo ungherese guidato dal Premier Viktor Orbán a proposito del pacchetto legislativo “StopSoros” che ha portato alla chiusura della sede della Open Society Foundations di Budapest e a quella, che sarà definitiva nel 2021, della Central European University fondata e finanziata dalla fondazione di Soros.

I legami di amicizia e stima personale che legano George Soros, Jean-Claude Juncker e Frans Timmermans sono chiari e noti da tempo. Lo stesso Vice Presidente della Commissione Europea parla di un rapporto che lo lega al magnate da più di vent’anni e di condividere il suo impegno a favore della “società aperta”. Come sono noti i pranzi informali, che si svolgono mensilmente a Bruxelles, dove i tre e Martin Schulz condividono le proprie opinioni e le possibili soluzioni da portare in Commissione.
L’Unione Europea, sembra seguendo le direttive del consulente George Soros, sta cercando di correre ai ripari a causa della crescente “minaccia populista” dilagante in ogni Stato membro, delle sempre crescenti percentuali di cittadini europei che chiedono lo stop all’immigrazione (ora il 78%), e in vista delle elezioni del 2019.
Gli eurocrati, quindi, sembrano sempre più convinti che si debba intervenire sulla questione migratoria per quietare l’opinione pubblica, ovviamente senza nessuna intenzione di arrestare il flusso costante e continuo grazie a opportuni accordi con i Paesi di origine e attraverso una seria ridiscussione della cooperazione internazionale.
Dal 2016, come sancito dal Migration Partnership Framework redatto dalla Commissione Europea e come suggerito dall’ispiratore degli Stati Uniti d’Europa, George Soros, la UE sta tentando di riprendere il controllo dei suoi confini e si sta impegnando nel costruire meccanismi comuni per proteggere le frontiere, per determinare le richieste di asilo e per trasferire i rifugiati.
Questo piano della Commissione Europea non è altro che un’ulteriore perdita di sovranità degli Stati membri; si parla della gestione centralizzata dei confini dell’Unione attraverso il rafforzamento del coinvolgimento delle agenzie europee, come Frontex e EUROPOL, che andranno di fatto a coordinare le autorità nazionali, di uffici della UE dislocati nei Paesi di transito per una comune amministrazione delle procedure delle richieste di asilo, e di una maggiore partecipazione delle organizzazioni del settore privato. Ovviamente nel piano, non potevano mancare i corridoi umanitari gestiti centralmente dalla Commissione Europea con ricollocamento obbligatorio negli Stati membri.
Quando tutte le operazioni comprese nel Migration Partnership Framework saranno implementate, l’Italia non avrà più nessun potere e controllo a proposito delle politiche migratorie. In cambio il nostro Paese forse riceverà due denari in fondi strutturali che saranno chiaramente destinati alla formazione e all’inclusione sociale degli immigrati arrivati.
E a livello internazionale non va meglio. Nel dicembre del 2018, sarà pubblicato il Global Compact on Migration, documento delle Nazioni Unite che segnerà un punto di svolta per l’immigrazione e traccerà le linee guida che le singole nazioni e l’Unione Europea dovranno seguire.
Possiamo affermare che il tweet pubblicato a Pasqua di IOM (Organizzazione Internazionale per le Migrazioni), agenzia collegata alle Nazioni Unite, non promette nulla di buono.
Per IOM, “l’immigrazione è inevitabile, desiderabile e necessaria”. Quindi nessuna intenzione di intervenire, come si dovrebbe, nei Paesi di origine, perché l’immigrazione è un fenomeno auspicabile per l’occidente. Alla Boeri, insomma.
Il 4 aprile scorso, alti funzionari dell’Unione Europea e della IOM si sono incontrati a Bruxelles per discutere sui contenuti del futuro Global Compact on Migration. Il direttore generale dell’IOM, William Lacy Swing, ha dichiarato: “Abbiamo un’opportunità storica per costruire un sistema per la mobilità umana in cui le persone possano muoversi in sicurezza, legalmente e volontariamente, nel pieno rispetto dei loro diritti umani. Abbiamo particolarmente bisogno di fare progressi nell’affrontare il movimento dei migranti più vulnerabili con esigenze di protezione specifiche.(…) Siamo ottimisti sul fatto che con i leader dell’Unione Europea, raggiungeremo un accordo che fornisca un quadro unificante di principi comuni, degli impegni e di comprensione tra gli Stati membri su tutti gli aspetti della migrazione”.
Sono state pubblicate varie bozze sul futuro Global Compact on Migration, e sono perfettamente in linea con la nuova direzione, di sorosiana ispirazione, presa dalla Commissione Europea. Prenderemo in esame l’ultima versione stilata il 26 marzo scorso.
Già il preambolo svela il contenuto che sarà sviluppato nel documento: “Questo Global Compact esprime il nostro impegno collettivo a migliorare la cooperazione sull’immigrazione (il termine utilizzato è migrazione ma gli uccelli migrano, non le persone) internazionale. L’immigrazione ha fatto parte dell’esperienza umana nel corso di tutta la sua storia, e riconosciamo che è una fonte di prosperità, innovazione e sviluppo sostenibile del nostro mondo globalizzato. La maggior parte dei migranti di tutto il mondo oggi viaggia, vive e lavora in modo sicuro, ordinato e regolare. Ma la migrazione incide indubbiamente sui nostri Paesi in modo molto diverso e a volte in modi imprevedibili. È fondamentale che l’immigrazione internazionale ci unisca piuttosto che dividerci. Questo Global Compact definisce la nostra comprensione comune, le responsabilità condivise e l’unità di intenti in merito all’immigrazione in modo tale che funzioni per tutti”.
Nel Global Compact, si continua a parlare di canali legali per l’immigrazione. Le Nazioni Unite si impegneranno a migliorare la disponibilità e la flessibilità dei percorsi per l’immigrazione regolare, basandosi sulle realtà demografiche e globali del mercato del lavoro per “massimizzare l’impatto socioeconomico degli immigranti”. Ovvero i mondialisti delle Nazioni Unite continuano a spingere verso la costituzione di quello che Karl Marx ne Il Capitale chiamava l’esercito industriale di riserva.
L’obiettivo 8 riguarda molto da vicino l’Italia: “Ci impegniamo a collaborare a livello internazionale per salvare vite umane e prevenire morti e feriti tra i migranti, attraverso operazioni congiunte di ricerca e soccorso, raccolta e scambio standardizzati di informazioni. Per questo impegno dovremo sviluppare procedure e accordi sulla ricerca e il salvataggio con l’obiettivo primario di proteggere il diritto alla vita dei migranti che è negato dai respingimenti alle frontiere terrestri e marittime”.
Questo significa che le Nazioni Unite e l’Unione Europea non permetteranno, dopo l’introduzione del Global Compact, i respingimenti assistiti dei barconi partiti dalla Libia, punto inserito nel programma elettorale della coalizione del centro destra e sviluppato da Gianandrea Gaiani.
L’obiettivo 11 ”Gestire i confini in modo integrato, sicuro e coordinato” auspica dichiaratamente un coordinamento centrale delle frontiere, in piena sintonia con il piano europeo: “Impegno a gestire i confini nazionali in modo coordinato che garantisca la sicurezza e faciliti i movimenti regolari di persone, nel pieno rispetto dei diritti umani di tutti i migranti, indipendentemente dal loro status”. Quindi libero accesso a tutti i migranti, senza alcuna distinzione tra i reali beneficiari della protezione internazionale e i migranti economici.
Rafforzare la certezza e la prevedibilità nelle procedure di immigrazione” è l’obiettivo 12, e prevede la standardizzazione a livello internazionale delle metodologie riguardanti la gestione nazionale degli immigrati (identificazione, valutazione, assistenza, etc). Gli Stati avranno dei protocolli operativi forniti dalle Nazioni Unite, e non godranno più di nessun tipo di libertà nelle procedure di smistamento e riconoscimento degli immigrati.
La detenzione degli immigrati sarà usata solo limitatamente, e questo varrà sia al momento dell’ingresso sia nel procedimento di rimpatrio. Quindi in Italia, saranno pressoché aboliti i CIE (Centri di identificazione ed espulsione), mentre gli Hotspot e i CARA saranno regolamentati per non ledere i diritti degli immigrati che, come documentato, spesso fanno resistenze, anche violente, nelle procedure di identificazione.
L’obiettivo 16 prevede l’impegno dello Stato, che accoglie gli immigrati, di “promuovere società inclusive e coese”, riducendo al minimo le disparità, cercando di aumentare la fiducia dell’opinione pubblica a proposito delle politiche migratorie applicate e facendo comprendere ai cittadini che gli stranieri contribuiscono positivamente alla prosperità del Paese. Le famose “risorse” di boldriniana memoria.
E questi sono solo gli obiettivi più prevaricanti delle sovranità nazionali. Il Global Compact on Migration delle Nazioni Unite, al momento della sua sottoscrizione a fine anno, toglierà ogni tipo di libertà di azione ai governi dei Paesi di transito e/o di arrivo dei migranti. Tutte le procedure saranno standardizzate, realizzando in un prossimo futuro un occidente “no border” dove vigerà la libertà totale di mobilità delle persone oltre a quello delle merci.
E così sarà il vero globalismo voluto dal capitale, con gli orwelliani maiali della Fattoria degli animali al potere.

I “pirati” di Soros denunciano l’Italia

di Francesca Totolo (Esclusiva Byoblu)