Turkish Ambitions in Libya Extend to the Sahel and Sahara Countries

https://i.alarab.co.uk/styles/article_image_800x450_scale/s3/2020-05/boc1.jpg?N2ua2x9k_nXkdV76jONEqeKAAJyPmEkg&itok=IgV6ybwgIn recent months, Ankara has put its full weight behind the financial and military support of the Fayez al-Sarraj government. In light of the unanimity that the Turkish goal is to protect the project of political Islam in Libya and throughout North Africa, its second dream transcends Libya and goes further in considering expansion throughout the Sahel and Sahara countries by seeking to secure the southern gate. There is a trend towards Chad based on the extremist groups supported by Ankara and Doha.

CAIRO – Whoever thinks that Turkey’s ambitions will stop at Libya or North Africa is mistaken. It is more than wrong to imagine that the ties that brought together Ankara and terrorist organizations are limited to penetration in Arab countries.

The Turkish system paved the way for its Islamic project years ago in Africa, and began to prepare the soil with soft and rough tools. The first was the weapon of aid.  The latter was to embrace militants and provide them with logistical support that enabled them to penetrate local fronts across the continent.

Supporting terrorism to establish influence in Africa
https://i.alarab.co.uk/s3fs-public/inline-images/boc2.jpg?kP82JaVrZGrxAZ4jifypL07VuapbBLe6

Perhaps many did not pay attention to the depth and details of the infrastructure links between Turkey and the extremists in countries such as Chad, Niger, Mali, Nigeria, Cameroon, and others, because the Qatari interface diverted their gaze. Monitoring focused on the relations that link Doha and extremist movements operating in these countries, and Qatar was caught red-handed providing support and numerous charges were brought against it, until evidence revealed the joint role of Turkey and Qatar in Libya and the attendant expectations regarding the willingness Ankara to extend its influence beyond the Libyan borders.

The environment near Libya seems ripe for closer cooperation and coordination between Ankara and the broad spectrum of active terrorist organizations, which have increased their movements during the past weeks in conjunction with the increasing Turkish presence in Libya, and gained new areas of land and influence as major powers were engaged in fighting Corona,  mitigating campaigns against extremists. All which aided the Turkish  agenda as Ankara launched expanded campaigns on new fronts, granting the takfiris a greater opportunity for freedom of movement beyond Libya’s borders. The Boko Haram group, which was originally born in Nigeria, began to be seen extensively in the area known as the countries of the Chad Basin, as if it received a signal of this further expansion becoming a tangible reality, and moved to achieve victories in conjunction with Turkish gains in Libya.

The Chadian army was able to pursue many terrorist elements supported by Ankara and Doha
https://i.alarab.co.uk/s3fs-public/inline-images/boc2%2B.jpg?OeB1vVvl54Qx31v7mS5hzoEB4_YYbDDw

It succeeded in dragging the Chadian army into direct engagement, relieving pressure on the southern Libyan front, which turned into an open theatre of differentiated Chadian forces, and a source of supply for mercenaries to fight the wars in which the Tripoli government was involved.

Chad has become a central target of the Boko Haram and fierce battles have occurred between the Chadian forces and elements belonging to this group, in which dozens of victims have fallen on both sides. The main objective was to place the Chadian Front over a volcano of successive tensions and revive the role played by extremist movements who suffered losses at the hands of the Libyan National Army forces two years ago in cooperation with the tribes there.

Chad has a bitter history with the extremists, and Qatar, Turkey’s stepdaughter, is the equation that controls them.  They cut ties with Doha in August 2017, closed its embassy in N’djamena, and called on Qatar to desist from all actions that undermine the security of Chad, as well as the security of the countries of the Lake Chad Basin and the coast, accusing Doha of trying to destabilize Chad through Libya.

Hard-line organizations maintain a degree of inter-party differences but they overcome them when they face a single opponent, and this is the strategy Turkey has employed with some success in Syria, which ultimately enabled them to maintain an ideological umbrella for all the various Takfiri factions.  They are repeating this game in the Sahel and Sahara countries. Even with the battles that have taken place between al-Qaeda and ISIS in Mali or elsewhere, it is easy for Turkey to contain them because tactical interest demands it.

The observer discovered that this project was being prepared at an accelerated pace years ago, when Qatar and later Turkey extended the lines of cooperation with the opposition factions in Chad, Sudan, Mali and Nigeria, sometimes under the pretext of sponsoring negotiations aimed at achieving peace, and another times through various channels to deliver support to terrorists. Local governments have become fragile, unable to confront the plot, and some have weakened to the point of bowing to external pressures, and accepting the opening of lands for the so-called soft powers that are merely a cloak for Turkish intelligence services to operate behind.

Ankara has a  network of terrorists in the Sahel and Sahara region. Now Turkey is sending thousands of Syrian terrorists to add to the generous African stockpile, linking its members through a complex network of interests in which the local dimensions coincide with the regional.

Al Arab

Translation by Internationalist 360°

German report reveals Erdogan’s plan in Libya

18 May، 2020

The Address | Benghazi – Libya

ANKARA – A German report revealed the existence of a new Turkish plan for the war in Libya managed by the head of the Turkish intelligence, Hakan Fidan, to turn the country and the region into a chaos like Syria.

The report, published by ANF News, under the title “A new Libyan plan bearing the signature of Hakan Fidan”, said that this plan is supervised by Fidan using the method of “creating pretexts” that he had previously pursued in Syria.

 

It also referred to several incidents that occurred in Tripoli that were followed by a secret visit by the head of Turkish intelligence to western Libya in early May.

The German report stated that among those incidents was the bombing of the Turkish and Italian embassies in Tripoli a week after the visit.

Media platforms and satellite channels affiliated with the terrorist group the Muslim Brotherhood have pushed for the claim that it was the Libyan National Army (LNA) that did so, which LNA’s spokesman, Major General Ahmed Al-Mismari, refuted in detail.

Based on these incidents, the Turkish Foreign Ministry said that it would consider LNA forces as legitimate targets, if its missions and interests in Libya were threatened.

Erdogan also announced days ago that he was waiting for good news from Libya, in a sign that the visit of his intelligence chief had awakened hopes that he would take back advantage.

The German report indicated that the incident of targeting the two embassies comes within the framework of creating an excuse for more public aggression against Libya. The history of Hakan Fidan is full of such excuses that he used in Syria.

According to the report, this incident brings back to mind the audio recording leaked of Hakan Fidan in which he said, “With regard to the creation of excuses, I can send 4 people to the other side of the border [with Syria] to launch 8 missiles on free areas of Turkish territory to create the excuses… Do not worry, the excuses exist”.

The German report indicated that this leaked recording was at a secret meeting, held in 2014 to discuss the situation in Syria, which included former Foreign Minister Ahmet Davutoglu and his advisor Feridun Sinirlioglu, the second deputy commander in chief of the Turkish army, General Yasar Collier and the then Turkish intelligence advisor Fidan.

The German report listed facts of the “excuses” made by Fidan in several Syrian cities to drive the international public opinion into accepting the Turkish intervention by committing massacres against its residents.

It pointed out that on August 24, 2016, the Turkish army began a military operation with the aim of occupying Jarablus, Azaz and Al-Bab. Four days before the operation, ISIS terrorists carried out an attack on a wedding of a Kurdish family in the city of Antab to create an excuse to interfere in those Syrian cities.

On the motive behind Turkey changing its plan, the German report indicated that the conditions in Tripoli do not go as well as Turkey had hoped. The Brotherhood and terrorist organizations supported by the Turkish government there under the leadership of Prime Minister Fayez Al-Sarraj are not doing the required of them. The fact that Turkish President Recep Tayyip Erdogan sent Fidan for a mysterious visit to Tripoli earlier this month indicates that he is molding a new plan aimed at creating “excuses” that pave the way for more direct intervention along the lines of the Syrian model.

Source:https://www.addresslibya.co/en/archives/56479?fbclid=IwAR1GUoAh2kHjXO3FkO8N2aP4NuhRVU7_LMsbcmR8pWhDUlbdT38S-QcdoWk

The Libyan People Challenge the International Community’s Obsession with the “Legitimacy” of a Foreign- Imposed, Unelected Terrorist Regime

on

The Libyan people are paying dearly for the dysfunctional balances of international legitimacy, and the blood of their children is sacrificed  to satisfy the whims of major powers and to achieve the ambitions of regional and international mafias that regard Libya only as a lake of oil, gas, frozen funds in foreign banks and vast land that can be turned into laboratories of creative chaos in the region.

The world is still deluding itself that there is legitimacy in Tripoli for the government of reconciliation that no one elected, without popular support or the recommendation of parliament, that also failed to implement its goals that it was established for, documented in the Skhirat agreement, serving only as a Brotherhood cell that executes orders from Qatar and Turkey,  and maintains power with hired armed  militia.

What happened in Skhirat in 2015 was a conspiracy in which regional and international actors tampered with the elected Parliament. While agendas and  interests played a major role,  intelligence services implemented their schemes to perpetuate crisis and enable the Brotherhood to overcome electoral defeat. The goal of the United Nations was to ease the pain without addressing the cause, and the result was that the government of reconciliation,  lacking any legitimacy,  has become a dictatorship. It is the caliphate operating under the dilapidated cloak of  international legitimacy, while before the eyes of the world, Erdogan transports thousands of mercenaries from northern Syria, the majority of whom are terrorists, to fight against the Libyan people and army, and from the Mediterranean Sea, Turkish  battleships are launched with NATO flags and missiles to bomb Libyan cities and villages.

Turks, Qataris, the Brotherhood, their trumpets benefited from the turbulent and shaky international reality caused by policies of leaders obsessed with competing to lead the world, and they spread their lies about Russian influence, mercenaries from Sudan, and aircraft from Egypt in the ranks of the national army, to incite  Western opposition against  the General Command of the Armed Forces.

The advocates of terrorism, warlords, human traffickers, public money robbers, al-Qaeda remnants and ISIS presented themselves as the protectors of the civil state, and huge sums were leaked from under the dialogue tables to purchase the conscience of influential political, human rights, and media actors, and the diplomacy of the Qatari and Brotherhood deals. In turn, Erdogan reaped the benefits. A blatant interference that challenges everyone and confirms for the millionth time that international legitimacy is nothing but a lie that destroys the homeland. The Security Council has not uttered a word about Turkish aggression, and the United Nations mission equates a regular army with militias, between documented facts and rumours. NATO finds in the Turkish adventure, an opportunity to penetrate the southern Mediterranean and open the way into the Sahara. The European Union faces internal divisions due t o the legacy of old colonial rivalries,  and Arab countries are unable to accept the painful truth that confirms that Libya is only an episode in a series of Erdogan ambitions to target them all, while the African Union is swayed by Qatari money and Turkish propaganda.

Who can face this reality? Some may be quick to say that it is the Libyan people. Indeed, it may take a long time for people to absorb the major issues concerning their destiny.  Even though the majority are supportive of the army and believe in their cause, what happened from 2011 to today has negatively affected the social fabric and has led to fractures even within the same family. Voices that have emerged during the past two days to divide the army ranks are only the latest expression of the lack of awareness of the fatefulness of the moment and the magnitude of the challenge.

The army leadership has made many mistakes since the launch of the Flood of Dignity to liberate Tripoli in April 2019, the most prominent of which is wasting time and not taking advantage of opportunities to enter the capital, not paying attention to the perpetuation of the war serving the militias and not fulfilling many of the promises made haphazardly, neglecting positions that were under the control of the army, starting from Gharyan, passing through Sorman, Sabratha, Ajilat, Al-Ajil, Al-Jameel, Tiji and Badr, resulting in crimes committed against those who supported this project, revealing military plans and locations of the army to be exploited by the opposite side, as  happened with the air defense platform at the base of al-Watiyah, the exclusion of leaders, poor media performance, with too much emphasis on  international public opinion through exposing the government of reconciliation and Turkish invaders.

Today, Libya is facing a fateful moment and its living, patriotic forces, against Turkish interference, Brotherhood crimes, militia rule, employment and treachery of the reconciliation government, must meet towards one goal which is the liberation of the country, by supporting the army and organizing effective popular resistance to the enemy,  transcending the topic of international legitimacy to one of popular legitimacy, assuring the world that the national army is  not a person (Haftar), but rather is a national institution with a regular hierarchy and military craftsmanship whose roots go back to1939 through the royal and mass covenants, up to the process of dignity and beyond.

The international community that has been behind the crisis since 2011,  has ignored terrorism, militia rule, and pillaged wealth, has closed its eyes to Turkish intervention and the transfer of thousands of mercenaries from northern Syria to western Libya, and from crimes against civilians. Now, they are either positioned  on the side of the people, the sole source of authority and legitimacy, or with terrorist groups and mercenaries strengthened through broad international recognition and entrenched with Turkish mercenaries.

Al Arab

Translation by Internationalist 360°

Parla Ali, il siriano che combatte in Libia: “Ai turchi non interessa di noi, ma temo per la mia famiglia in Siria”

Di Vanessa Tomassini.

Ali è un giovane siriano di 25 anni che sta combattendo in Libia a fianco delle forze del Governo di Accordo Nazionale (GNA) di Fayez al-Serraj. È molto difficile parlare con lui, nelle aree di combattimento è senza internet e quando ha accesso alla rete ha paura. “I turchi controllano le comunicazioni, controllano tutto. Se ci scoprono, mi porterebbero via il telefono”. Ci confessa, lasciando intravedere un velo di malinconia quando parla della Siria.

Dopo settimane di tentativi, siamo riusciti ad avere un po’ della sua fiducia. “Ai turchi non importa di noi. Fanno delle cose orribili”, racconta parlando di stupri ed uccisioni.  “Quando abbiamo capito che non ci lasceranno tornare a casa, alcuni di noi hanno smesso di combattere. Siamo diventati più un peso morto che un aiuto per Serraj e per la Turchia. Alcuni dei miei compagni che sono arrivati in Libia con me 3 mesi fa, se ne sono andati. Hanno detto di provare ad andare in Europa via mare. Ai turchi non interessa, a loro non interessa un bel niente di ciò che facciamo. Se ci siamo o se ce ne andiamo in Italia è lo stesso. È stata tutta una presa in giro fin dall’inizio”.

Non sembra un terrorista Ali, ha il viso pulito dei ragazzi della sua età. Infatti, nel suo arruolamento in Libia c’è poco di ideologico, ma solo un gran bisogno di soldi. È disgustato dalla violenza usata verso i civili ai posti di blocco che sono stati assegnati a lui e al suo gruppo, e dopo 3 mesi di servizio in Libia, gli ufficiali turchi rifiutano loro di poter tornare a casa. “Questo non è il mio Paese, non è la mia gente, ma da musulmano vedere certe cose non è accettabile, soprattutto ora, durante il Ramadan. Umiliano le persone, le insultano, mentre danno fastidio alle ragazze. Uno dei turchi, una volta, mentre entravamo in una casa ha trovato una donna e ha fatto sesso con lei con la forza”.

Sono stato reclutato da un combattente del gruppo siriano Jaysh al-Watani. Ho fatto le procedure amministrative come volontario a dicembre 2019. Avendo esperienza nell’esercito è stato facile essere accettato”. Racconta, precisando che a lui dei soldi non interessa molto, ma ci tiene ad ottenere la nazionalità turca perché così dice che gli è stato promesso. “Non ci credo più, ma sono venuto qui per questo. Voglio la nazionalità turca così potrò avere una nuova vita, ma non credo che me la daranno. Altri dei miei compagni che sono stati uccisi, Dio abbia misericordia di loro, non l’hanno avuta”.

Ali afferma di aver firmato un contratto di sei mesi, di aver ricevuto tre mesi di salari, che ha dato alla sua famiglia prima di partire per la Libia. “Ho paura per la mia famiglia in Siria, quando mi hanno preso ho dovuto scrivere come si chiamano i miei genitori e i miei fratelli. Mia madre non voleva nemmeno che partissi, ecco perché non scappo. Ho paura che succeda qualcosa a loro”. Aggiunge, indicando di essere arrivato in Libia con un aereo, dopo aver passato 15 giorni in un campo militare in Turchia per seguire un addestramento. Non sa dove si trovava esattamente questo campo, ma ricorda che “c’erano soldati turchi e traduttori dalla Siria, tra cui alcuni del gruppo Sultan al-Murad”.

Riguardo al coronavirus, Ali dice qualcosa di inquietante: “Molti di noi stanno e sono stati male, anche alcuni di quelli che sono andati in Italia, o in Europa. Non sappiamo se è il virus o meno, perché nessuno ci fa il test. I turchi ci hanno detto che se stiamo male è meglio, perché chi sopravvive capisce di più il campo di battaglia”.

Preso da: https://specialelibia.it/2020/05/13/parla-ali-il-siriano-che-combatte-in-libia-ai-turchi-non-interessa-di-noi-ma-temo-per-la-mia-famiglia-in-siria/

Il mufti libico incita i giovani a compiere attentati suicida contro l’esercito

17 Aprile 2020

Il gran Mufti libico, Al-Sadiq al-Gharyani, ha sollecitato i giovani tra le forze allineate al Governo di Accordo Nazionale (GNA) ad effettuare operazioni kamikaze qualora queste possano indebolire i ranghi del nemico. In un’intervista televisiva, il controverso imam di Tripoli ha affermato che gli attacchi suicida sono “legittimi ed ammissibili perché molti dei compagni del Profeta si gettarono dalle mura e morirono per aprire il forte”.

Al-Gharyani ha aggiunto che se i giovani tre le file di Serraj sono in grado di lanciare attacchi suicida che provochino un grande impatto, sconfitta o perdita pesante tra le file dell’LNA, allora questo è un progetto che vale la pena provare. Va sottolineato che l’anziano Al-Gharyani non ha basato la sua fatwa, la legge nel diritto islamico che corrisponde ai responsa del diritto romano, sulle parole del Corano o un racconto della vita del Profeta Maometto, bensì si ispira ai principi della Sharia.

La nuova fatwa di Al-Gharyani invita i giovani di Tripoli e gli estremisti siriani ad immolarsi contro il Libyan National Army (LNA) esattamente come i jihadisti dal 2011 fanno in tutta la Libia, attaccando sedi della polizia e avamposti dell’esercito. L’imam è stato già bandito dall’entrare nel Regno Unito per aver incoraggiato gli estremisti nel 2014 nella presa di Tripoli.

Ghariani è fuggito dal Regno Unito nel mese di agosto dopo che il quotidiano britannico ‘The Guardian” ha rivelato che stava trasmettendo discorsi estremisti ai militanti in Libia dal Regno Unito, attraverso la stazione televisiva libica Tanasuh, con cui invitava i giovani ad unirsi alla milizia islamista guidata da Salah Badi, Libya Dawn, responsabile della distruzione dell’aeroporto internazionale di Tripoli e della fuga dell’ultimo Governo eletto nell’est del Paese.

Preso da: https://specialelibia.it/2020/04/17/il-mufti-libico-incita-i-giovani-a-compiere-attentati-suicida-contro-lesercito/

i mercenari di Al Serraji continuano i loro crimini contro il popolo Libico.

Rossella Giordano
16 aprile alle ore 21:35

La Libia inquinata da mine, trappole esplosive e armi abbandonate

Un gigantesco supermercato di armi incustodite e l’ipocrisia dei membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell’Onu
[14 Febbraio 2020]
Il ministro degli esteri  Di Maio ieri era a Bengasi, per incontrare il capo della Libyan National Army (LNA), il generale Khalifa Haftar, che assedia Tripoli e che controlla gran parte della Libia grazie all’appoggio di Russia, Egitto, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Francia. Di Maio ha ribadito ad Haftar (al fianco del quale combattono mercenari russi, ciadiani e sudanesi) che «L’Italia non accetta alcuna interferenza esterna e che bisogna lavorare con impegno per un cessate-il-fuoco permanente».
Il giorno prima il nostro ministro degli esteri era stato in missione a Tripoli, dove a aveva incontrato  il primo ministro Fāyez Muṣṭafā al-Sarrāj, premier del Governo di accordo nazionale (GNA), riconosciuto dalla comunità internazionale (e dall’Italia) e sostenuto dalla Turchia e dal Qatar, anche con armi e mercenari jihadisti siriani.

Lo stesso giorno in cui Di Maio a Tripoli rinnovava – con qualche buona intenzione umanitaria che non prevede però date e impegni certi – il patto anti-migranti con al-Sarrāj e per armare ancora di più le milizie che lo sostengono, il Consiglio di sicurezza dell’Onu adottava (con 14 voti a favore e l’astensione della Russia) l’ennesima risoluzione di condanna della recrudescenza delle violenze in Libia e reclamava l’attuazione del cessate il fuoco «secondo i termini convenuti dalla Commissione militare congiunta riunita la settimana scorsa a Ginevra sotto l’egida di Ghassan Salamé, il rappresentante speciale dell’Onu in Libia».
https://i1.wp.com/www.greenreport.it/wp-content/uploads/2020/02/Libia-mine-1024x461.jpg
Peccato che tra i 5 membri permanenti del Consiglio di sicurezza ci siano 3 dei Paesi – ma c’era anche l’Italia per la gioia dell’allora ministro della guerra Ignazio La Russa – che Di Maio a Tripoli ha accusato (giustamente) di aver compiuto un grosso errore bombardando la Libia per far fuori il regime di Gheddafi (Francia, Gran Bretagna e Usa), mentre gli altri due, Russia e Cina, sostenevano l’ex Leader.
Il Consiglio di sicurezza ha anche condannato il recente blocco degli impianti petroliferi da parte di Haftar e ha sottolineato che «Le operazioni devono continuare senza ostacoli, a vantaggio di tutti i libici», quando è invece evidente che gran parte dei profitti del petrolio finiscono nelle mani delle milizie e dei trafficanti di armi e che sarà molto difficile far rispettare l’embargo delle importazioni di armi in Libia e che, anche se ci si riuscisse, il Paese pullula di armi disponibili ovunque e a costi bassissimi.
In una situazione del genere, suona ipocrita chiedere il ritiro di tutti i mercenari stranieri e che gli Stati membri dell’Onu non intervengano in un conflitto in cui molti paesi sono coinvolti fino al collo. E questa ipocrisia è resa ancora più evidente dall’appello lanciato dal 23esimo International Meeting of Mine Action National Directors and UN Advisers (NDM-UN23) che si conclude oggi all’ufficio Onu di Ginevra, secondo il quale «Le città libiche sono state “ricontaminate” da mesi di combattimenti». Gli esperti di sminamento delle mine antiuomo e l’UN Mine Action Service (Unmas) denunciano che «Le ostilità in corso in Libia hanno lasciato numerose città gravemente “ri-contaminate” con ordigni inesplosi, minacciando scuole, università e ospedali»
Un allarme sulla presenza di ordigni inesplosi e materiale militare abbandonato (Unexploded Ordnance – UXO) che è il risultato di mesi di guerra civile e per procura alla periferia di Tripoli tra le milizie dello GNA e quelle dell’LNA.
Qualche giorno fa, il negoziatore dell’Onu per un cessate il fuoco duraturo in Libia, Ghassan Salamé ha detto che in Libia ci sono almeno 20 milioni di UXO e Bob Seddon, threat mitigation officer dell’Unmas in Libia ha aggiunto che «La spesa per gli ordigni e la minaccia rappresentata dai resti della guerra esplosivi è aumentata e, purtroppo, molte delle aree che erano state precedentemente bonificate dagli UXO sono state nuovamente contaminate a seguito dei combattimenti. La Libia ha la più grande scorta di munizioni incontrollate al mondo. Si stima che in tutta la Libia ci siano tra le 150.000 e le 200.000 tonnellate di munizioni incustodite».
Si tratta di un gigantesco supermercato diffuso di armi – e in alcuni casi abbandonato – che ha creato un’enorme insicurezza all’interno della Libia e al di fuori dei suoi confini. A margine dell’ NDM-UN23 di Ginevra, Seddon ha spiegato che l’assedio di Tripoli ha distolto le forze di sicurezza libiche dalla guerra contro Al Qaeda e lo stato Islamico/Daesh e che questo «Ora sta causando un problema in tutta l’Africa. Non ho mai visto livelli così alti di contaminazione da armi in 40 anni di carriera».
Intanto, mentre il Consiglio di Sicurezza dell’Onu crede ancora alla favola del petrolio che va a bneficio di tutti i libici, nel 2019 il numero di sfollati interni in Libia ha raggiunto la cifra record di circa 343.000 persone, con un aumento dell’80% sul 2018, e Seddon cinferma he «E’ il popolo libico che sta affrontando in pieno l’impatto dell’insicurezza protratta che ha fatto seguito al rovesciamento dell’ex Il presidente Muammar Gheddafi, nel 2011».
Secondo l’Office for the Coordination of Humanitarian Affairs dell’Onu (OCHA).Alla fine del 2019 in Libia risultavano uccisi o feriti almeno 647 civili, la maggioranza a Tripoli, ma nessuno sa cosa sia successo e stia succedendo davvero nelle altre aree del Paese e cosa succeda nelle aree controllate dalle milizie tribali e da Al Qaeda e dal Daesh.
A causa della guerra in corso, in Libia sono rimasti pochissimi uomini dell’Unmas il cui compito comporta anche un approccio molto più ampio rispetto al disinnesco di una mina o della rimozione di un altro dispositivo esplosivo artigianale (Improvised explosive device – IED).
Seddon spiega ancora: «Per essere davvero efficaci nella gestione degli IED … non si tratta solo di rimuovere gli IED che sono stati posati. Richiede forze di polizia efficaci, risposte efficaci agli incidenti IED, buone analisi forensi … Non è solo un problema militare, è anche un problema di polizia. Non vedo come, in una qualsiasi fase, possa diminuire la minaccia IED, semmai aumenterà perché è una forma di attacco davvero efficace. Se guardi agli Stati che sono stati efficaci nella gestione degli IED, hanno adottato questo approccio più ampio».
Come se non bastasse, l’United Nations mission in Libya (Unsmil) ha annunciato che il suo personale non era più in grado arrivare in Libia: «Le Nazioni Unite in Libia si rammaricano del fatto che i loro voli regolari, che trasportano il loro personale da e verso la Libia, non ottengano il permesso dall’LNA di sbarcare in Libia», aggiungendo che «Questo nelle ultime settimane si è ripetuto su diverse occasioni. Impedire ai voli dell’Onu di viaggiare dentro e fuori dalla Libia ostacolerà gravemente i suoi sforzi umanitari e di buona amministrazione in un momento in cui tutto il personale sta lavorando incessantemente per portare avanti il three-track intra-Libyan dialogue in corso e per fornire il necessario aiuto e l’assistenza umanitaria ai civili più vulnerabili ai conflitti».

Preso da: http://www.greenreport.it/news/geopolitica/la-libia-inquinata-da-mine-trappole-esplosive-e-armi-abbandonate/

Consiglio supremo delle tribù: “nessun processo politico senza la sconfitta di milizie e terroristi”

Di Vanessa Tomassini.

Il Consiglio Supremo delle Tribù e Città libiche ha emesso domenica 9 febbraio una dichiarazione con cui accusa il capo della Missione di Sostegno delle Nazioni Unite in Libia (UNSMIL), Ghassan Salamé, di sostenere il Governo di Accordo Nazionale (GNA).

Dopo aver seguito il suo operato, il Consiglio “è arrivato alla convinzione che Ghassan Salamé lavora come capo della Comunità internazionale per sostenere il governo di Al-Sarraj e non per sostenere il popolo libico”. Afferma la dichiarazione aggiungendo che “l’inviato del Segretario Generale delle Nazioni Unite ha sempre pubblicato rapporti pieni di errori a favore del Governo di al-Wefaq, il che dimostra che non è neutrale”.

Il Consiglio Supremo delle Tribù e Città libiche rivela che la Fratellanza Musulmana “pur essendo una minoranza in Libia, vede assegnata la metà dei seggi all’incontro di Ginevra, mentre la stragrande maggioranza del popolo libico non è rappresentata affatto. Il che comporterà il riciclaggio dei Fratelli e delle organizzazioni terroristiche sulla scena dopo che i libici si sono pronunciati e li abbiano fatti uscire sconfitti alle elezioni tre volte di fila”.

La dichiarazione ricorda inoltre che i libici hanno affrontato i fratelli musulmani con la forza militare quando questi hanno rifiutato i risultati delle elezioni nel 2014, indicando che un “mistero” circonda il metodo del processo di pace nella scelta dei 14 mebri delle delegazioni a Ginevra, che escludono “le componenti attive e influenti che costituiscono la stragrande maggioranza della scena libica”.

La dichiarazione ha criticato la partecipazione degli ebrei in una seduta della riunione di Ginevra, “ignorando il fatto che gli ebrei se ne andarono volontariamente nel 1948 e l’ultimo se ne andò volontariamente più di mezzo secolo fa, in risposta alla chiamata della loro terra presunta, abbracciarono il pensiero sionista, rinunciando alla cittadinanza libica e occupando beni immobili dei palestinesi”.

“Ghassan Salamé ha risposto al desiderio di una persona che ha annunciato che avrebbe fatto lo sciopero della fame in un hotel e ha trascurato il desiderio di milioni di libici che avevano espresso i loro sentimenti nelle arene, nelle conferenze e negli incontri. Non ha prestato attenzione ai milioni di libici che erano stati tagliati fuori da cibo, acqua e medicine dalle milizie di Al-Sarraj che sostiene”. Aggiunge il documento riferendosi allo sciopero della fame annunciato nei giorni scorsi da Raphael Luzon, presidente dell’Unione ebrei di Libia, recentemente intervistato da Speciale Libia, prima di incontrare Ghassan Salamè e la sua vice Stephanie Williams.

Fatta questa ampia premessa, il Consiglio supremo delle tribù e delle città libiche annuncia quanto segue:

  • rifiuta categoricamente di partecipare o incontarare Louzon o qualsiasi altro sionista in qualsiasi riunione relativa alla questione libica.
  • non aderirà ai risultati di nessun incontro a cui partecipano persone come Raphael Louzon o qualsiasi altro sionista che afferma di rappresentare una componente che non esiste in Libia
  • le forze armate arabe libiche (LNA) sono lo strumento per attuare la volontà del popolo libico,
  • non si può parlare di un percorso politico o di una visione politica prima di disarmare le milizie, sconfiggere il terrorismo ed espellere i mercenari,
  • la soluzione deve essere libica e avvenire sul suolo libico, con l’amministrazione libica, attraverso un incontro globale a cui partecipino tutti i libici senza esclusione, emarginazione, favoritismo, intimidazione o ignoranza,
  • Annuncia una fase introduttiva che conduce a una fase permanente una volta che le forze armate arabe libiche hanno stabilito il controllo dell’intero territorio libico.

Preso da: https://specialelibia.it/2020/02/09/consiglio-supremo-delle-tribu-nessun-processo-politico-senza-la-sconfitta-di-milizie-e-terroristi/

Sirte è libera, la Turchia ed i suoi mercenari saranno sconfitti dall’esercito libico

Al-Marsad, 8 gennaio 2020

Il Dott. Arif Ali Nayad, presidente dell’Istituto libico di studi avanzati (LIAS), commentava la liberazione per mano delll’Esercito nazionale libico (LNA) della città di Sirte in un’operazione che non richiese più di 3 ore per essere completata.
Il Dott. Arif Ali Nayad confermava in un’intervista a Sputnik che la città di Sirte e tutte le aree circostanti erano ora sotto il pieno controllo dell’Esercito nazionale libico (LNA) guidato dal Feldmaresciallo Qalifa Haftar, affiliato al parlamento libico di Bengasi. Affermava che la rapida liberazione di Sirte era stata incredibile e “risultato di operazioni combinate di terra, mare e aria da parte dell’esercito”. Affermava che l’operazione riuscita fu il culmine di “vaste reti e operazioni d’intelligence oltre ad accordi” con le tribù libiche e le componenti sociali di Sirte, aggiungendo: “Dall’annuncio degli accordi turchi illegali e non validi col governo di accordo nazionale (GNA), tutte le tribù libiche, anche di Sirte, dimostravano enorme sostegno al Parlamento debitamente eletto e all l’Esercito nazionale libico. È il supporto del tessuto sociale oltre la complessa pianificazione delle operazioni combinate che hanno portato alla vittoria completa e decisiva con la totale liberazione di Sirte”. Ciò smentisce certe notizie basate sulla disinformazione del GNA e dei suoi organi di informazione, tra cui alcune pubblicate anche da Sputnik Arabic. Un rapporto diceva che le milizie di Misyrata si raggruppavano pianificando di riconquistare Sirte e richiamando i loro camerati da Tripoli. Nayed dichiarava: “Avevano anche annunciato la chiusura dell’università per convincere gli studenti a mobilitarsi”. Disse che si aspettava che tali tentativi fallissero totalmente perché “la distanza tra Misurata e Sirte è un’area totalmente aperta” agli attacchi aerei dell’Aeronautica del LNA. Informava i misuratini che il massimo che “Misurata può fare ora è difendersi e mi aspetto che le sue milizie si ritirino da Tripoli per l’urgenza di proteggere Misurata”. Ha aggiunto: “Sirte è in buone mani, comprese le aree circostanti, e ora esiste un completo collegamento terrestre tra i territori controllati dal LNA in Oriente, Centro, Sud e Ovest, che aiuta la logistica e fa sì che la presa dell’esercito libico sul territorio della Libia sia del 97%”.
Sulla possibilità che la Turchia mandi forze in Libia, commentava: “Le forze dell’esercito turco non aspettano di venire in Libia. Sono in Libia dagli ultimi sei mesi. Sono principalmente tuttora forze speciali per operazioni con cecchini, sabotaggi e varie altre, oltre ad addestratori per operazioni speciali, esperti di comunicazioni e blocco, di guerra elettronica, operatori di droni o velivoli senza equipaggio”.
Arif Nayed: Erdogan pensa di essere il sultano Abdul Hamid e la Libia una provincia ottomana grazie ai Fratelli Musulmani. Osservava che la Turchia aveva anche inviato terroristi dalla Siria in Libia e questo è ciò di cui il Presidente Putin aveva allertato il mondo diversi mesi prima, aggiungendo che i turchi inviavano terroristi da Idlib, Siria settentrionale e altre regioni, e che erano già a Tripoli. Disse: “In realtà sono arrivati a centinaia, alcuni dicono che sono già oltre un migliaio, ma vengono sistematicamente sconfitti dal ‘LNA” e che alcuni siti davano già la morte di alcuni dei terroristi siriani attualmente in Libia. Nayad espresse rammarico per il fatto che la Turchia esportasse tali terroristi in Libia invece di esportare materiali da costruzione e forniture vitali, e notava che sarebbero stati “sistematicamente sconfitti, come tutti i terroristi prima ad est furono sconfitti a Bengasi, Darna e nel sud, e lo saranno di nuovo a Tripoli e dintorni”. Il presidente del LIAS continuava l’affondo alla Turchia senza mezzi termini: “L’arrogante piano della Turchia di riconquistare la Libia e di recuperare la colonia ottomana è destinato al fallimento”. Aveva detto che la resistenza all’imperialismo turco spingeva il movimento popolare in Libia con tribù e abitanti di città, paesi e oasi a manifestazioni numerose. E questo, aggiungeva, era anche combinato col rifiuto regionale da Egitto, Grecia, Cipro, Italia e Francia. Nayad ringraziava i russi per la loro posizione e per aver rifiutato di partecipare al complotto turco, aggiungendo di aver apprezzato il sostegno della Russia al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che impediva qualsiasi tentativo di minare il LNA o tentare di accusarlo di qualsiasi cosa. Dichiarava: “Abbiamo fiducia che la dinamica regionale sia alla base del parlamento e del suo esercito debitamente eletto in Libia e del governo ufficiale e unico legittimo della Libia guidato dal Primo Ministro Abdullah Thani e riteniamo che il piano turco sia destinato al fallimento”.
Sulle celebrazioni degli abitanti di Sirte, Nayad dichiarava: “Ciò che è accaduto in Sirte liberata è un buon indicatore di ciò che accadrà a Tripoli liberata. Già scuole ed ospedali vengono riaperti, la polizia è ovunque. Il ministero degli Interni ha effettivamente pil controllo di tutte le strade e dei luoghi chiave. Si è già passati da operazione militare ad operazione di polizia. Adesso c’è totale sicurezza in città”. Sulle misure prese dal governo libico di Abdullah al-Thini per riportare la normalità a Sirte, dichiarava: “Il governo della Libia guidato da Abdullah al-Thini ha già ordinato un comitato di emergenza per l’attuazione dei servizi di base dal pane alle medicine, filtrare l’acqua, per tutto ciò che è necessario alla popolazione e mantenere la rete elettrica e delle comunicazioni. Questo riuscito coordinamento tra le forze di liberazione militari e la governance di governo e forze di polizia è esemplare, e prevediamo di vedere molto presto esattamente lo stesso risultato a Tripoli con lo sforzo concertato del popolo libico e il sostegno del tessuto sociale della Libia, compresi i giovani della stessa Tripoli”.
Il presidente dell’Istituto per gli studi avanzati della Libia concluse l’intervista aggiungendo: “Tutto il tessuto sociale e i notabili di Sirte si sono riuniti annunciando pubblicamente il saluto all’esercito libico e il parlamento libico e al governo legittimo di Sirte, impegnandosi a sostenerli nell’armonia sociale, nella sicurezza e nel benessere di tutti gli interessati. Questa dinamica tra parlamento, governo, esercito e tessuto sociale è la chiave del successo cui abbiamo appena assistito a Sirte e sarà la chiave del successo a Tripoli e nel 3% rimanente fuori dalla Libia”.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Preso da: http://aurorasito.altervista.org/?p=9762&fbclid=IwAR1mnbm8886P0DI8OIpOXfMJg0X0qaRnVD6KZyG_wZ8May8PTjatakP1ayE

Libyan National Army Frees Libyan City of Sirte, After 9+ years Suffering Under Terrorist Militias VIDEO

Submitted by JoanneM on

The Libyan town of Sirte, home of the Ghadafi tribe was destroyed by NATO in 2011 using banned white phosphorus bombs and depleted uranium cluster bombs. After the destruction of Sirte, the terrorist mercenaries brought into Libya by the US/NATO/UN, took the town, stole everything that was left by going house to house and began using the city as their terrorist headquarters.

The legitimate Libyan people left behind in Sirte after NATO have suffered for the last 9+ years under the occupation of the terrorist mercenary militias. They controlled by force, roamed the streets with weapons and did not allow normal functions of the city to return.

Finally after almost 10 years of criminal occupation, the Libyan Peoples army (LNA) fully supported by all the great tribes of Libya has freed Sirte of the criminal occupation. The video below was taken in Sirte today as the people celebrate their freedom from terrorist occupation.

All over Libya, Libyans are celebrating because this is one of the FINAL steps required to take their country back from the GNA illegitimate regime of the Muslim Brotherhood in Tripoli. This regime was appointed by the UN without authority of the Libyan people and was sneaked into Libya by sea at night in 2015. Once they touched the ground in Tripoli the UN recognized them as the legitimate Libyan Government, giving them the authority to steal, control, arrest and basically destroy Libya. This UN puppet of the Muslim Brotherhood had a 2 year mandate that ran out almost 3 years ago. It holds it place only by force of terrorist mercenary militias supplied by Turkey and Qatar. Both of these countries are puppets of the Muslim Brotherhood.

Just a warning, much of what you will see reported in the lame-stream media is propaganda. They are using word-smithing in an attempt to portray that Sirte has been taken by some illegal rebel force. They have tagged the Libyan National Army with such terms as “rebel groups”, “Haftar’s groups”, “gangs of the east” , “strongman Haftar” and other typical slurs. These are intentional misrepresentations and the continuing of the dirty game that has been played against the legitimate Libyan people since forever. The real criminals are running the illegitimate regime of the GNA in Tripoli (full of nepotism and theft) using their radical terrorists militias paying them with stolen Libyan money, never mind doing any governmental activities that would help the Libyan people.

The other point that you will see them address is that the terrorist militias occupying Sirte had rousted out all the ISIS forces that had been in Sirte in the past. This is true but won’t they don’t say is that the terrorist militias who fought ISIS were just as bad as ISIS and the only reason they fought ISIS was to maintain or regain their criminal control over Sirte.

The Libyan National Army is a REAL army it is not a group of rebels, it is made up of great Libyan patriots who are willing to give their lives to free their country of the terrorist disease that has infected it since 2011.

Today is a day of celebration for Libya, we stand with them and praise the good lord that he has given Libya back one of their most beloved cities.