La terra di nessuno tra Libia e Tunisia

Prove (e foto) dei legami tra i trafficanti e le Ong “State pronti, arriva gente”

Le conversazioni a bordo della nave Iuventa registrate dall’agente infiltrato svelano le collusioni con gli scafisti. La corsa per cancellare immagini e video dei soccorsi: «Tenete tutto pulito»

Dietro chi si nasconde l’Isis in Libia

Fusione, coabitazione, sopportazione, conflitto: come interagiscono Stato islamico e Ansar al-Sharia, i gruppi più pericolosi del Paese, e perché ci deve interessare

Daniele Raineri* | venerdì 4 dicembre 2015

Misurata – L’ascesa dello Stato islamico in Libia pone il problema dei suoi rapporti con il gruppo jihadista più forte del Paese, Ansar al-Sharia. Questa è una fazione nata durante i mesi della rivolta contro il rais Muammar Gheddafi nel 2011 e salita alla ribalta l’anno seguente, grazie all’ostentazione di forza militare in pubblico e all’assalto mortale contro i diplomatici americani dell’11 settembre 2012.

Si tratta di un rapporto complesso, che varia di città in città – e questo rispecchia la situazione della Libia, un Paese frammentato. Vale la pena fare una ricognizione, perché se Ansar al-Sharia si unisse allo Stato islamico (cosa improbabile, perché tende in senso opposto, verso al-Qaida) allora di colpo lo Stato islamico in Libia non avrebbe più i problemi di mancanza di manodopera di cui soffre oggi. Se, per contro, scoppiasse una lotta senza quartiere fra le due formazioni, lo Stato islamico sarebbe costretto a fronteggiare un nemico a lui molto simile, e quindi più letale.

Quattro esempi possono descrivere bene le diverse sfumature di questa relazione. Il caso di sintonia più completa si è verificato a Sirte, dove la colonna locale di Ansar al-Sharia è confluita quasi totalmente nello Stato islamico (tranne alcuni individui, che si sono allontanati dall’area o che hanno promesso di non fare proselitismo). Secondo fonti del quotidiano inglese Telegraph, è stato proprio Ansar al-Sharia a formare il nucleo originale dello Stato islamico a Sirte, che oggi non sarebbe così forte in quella zona se non avesse avuto questo vantaggio al momento dell’avviamento.

Lo scudo contro interventi militari
A Sabratha, molto più a ovest, a metà strada tra la capitale Tripoli e il confine tunisino, tra Ansar al-Sharia e lo Stato islamico c’è un rapporto di convivenza funzionale. Lo Stato islamico nasconde la propria esistenza dietro lo schermo creato dalla presenza molto forte di Ansar al-Sharia, che pur essendo considerato un gruppo jihadista ed estremo non è associato al terrorismo internazionale come lo Stato islamico (anche se è sulla lista dei gruppi terroristici), e quindi non attira proposte di interventi militari esterni. Una fonte nella vicina cittadina portuale di Zuwara tende a descrivere questa doppia presenza come una sorta di illusione ottica: “In realtà sono tutti la stessa cosa, con etichette diverse”, ma è importante notare che fino a quando si ripara sotto il mantello di Ansar al-Sharia, lo Stato islamico di Sabratha non corre pericolo di essere disturbato.

A Bengasi, il fronte più violento della guerra dei gruppi islamisti contro l’esercito libico del generale Khalifa Haftar, leale al governo di Tobruk, esiste tra Stato islamico e Ansar al-Sharia un patto pragmatico di non belligeranza. È un terzo tipo di rapporto: non è la fusione come a Sirte, non è la coabitazione interessata come a Sabratha, è piuttosto una deconfliction, una parola in voga per descrivere la relazione tra Russia e Stati Uniti nella guerra in Siria contro lo Stato islamico: non si intralciano, ma non possono essere considerati alleati. A Bengasi tra i due gruppi funziona nello stesso modo. Tra loro ci sono forti tensioni, ma non hanno le forze per contrastarsi mentre stanno facendo la guerra alle forze del generale Haftar. Dal punto di vista tattico la loro situazione è difficile, perché non hanno accesso alla città se non via mare, con le barche. Se si scontrassero, la prima cosa a saltare sarebbe questo accesso logistico attraverso la zona del porto, e senza logistica non potrebbero tenere il fronte contro i soldati governativi. Una fonte di Misurata spiega che a Bengasi lo Stato islamico aprirebbe volentieri le ostilità contro Ansar al-Sharia, come rappresaglia per i fatti di Derna.

Lo scontro totale
Derna è il modello all’altro capo della gamma: conflitto totale. A metà giugno il consiglio locale dei mujaheddin, di cui fa parte anche Ansar al-Sharia, ha cacciato via armi in pugno lo Stato islamico e lo ha costretto a ritirarsi verso le campagne a sud-est, nella zona di Fattayah. Se a Bengasi Ansar al-Sharia è al comando del Consiglio locale dei rivoluzionari, a Derna è invece una componente minoritaria. Ma si può dire che in generale gli altri gruppi gravitino nella sua orbita, in Libia, e non il contrario.

Lo Stato islamico, in un video rilasciato da poco, ha definito Ansar al-Sharia “un gruppo deviante”, che è un gradino in direzione dell’accusa di apostasia. Questa dinamica ricorda quella della Siria, dove lo Stato islamico si trattiene dallo scomunicare completamente alcuni movimenti, nella speranza di cooptarli, ma facendo sempre chiara una inevitabile premessa: nessun movimento è consentito dove c’è lo Stato islamico, chi non si scioglie è ipso facto un nemico. È molto eloquente che lo Stato islamico abbia inserito in un’immagine il logo di Ansar al-Sharia tra i gruppi che, anche senza avere preso una decisione conscia, stanno di fatto aiutando l’America “infedele”.

*Daniele Raineri è inviato del Foglio

Preso da: http://www.oasiscenter.eu/it/articoli/jihadismo-e-violenza/2015/12/04/dietro-chi-si-nasconde-l-isis-in-libia

Cronache dalla Libia 10

25 agosto 2011

  • Hugo Chávez è tra i pochi veri amici del rais (come Nelson Mandela, Ben Bella, Jacob Zuma, Louis Farrakhan) e sottolinea la sua lealtà denunciando i crimini efferati che i mercenari e ribelli NATO stanno compiendo sulla popolazione libica e sull’intero paese. [24.08.2011]

____________________________________________________________________

  • Ultime dal combattente lealista Libyan Liberal sul fronte a Tripoli:
    [25.08.2011]

“Ad Abu Salem combattenti eroici. Siamo pronti ad accettare la morte ora. Bombe della Nato con bombe a grappolo da F-16. Molti morti. Ieri sera siamo andati dietro le linee nemiche a Landanous alto per salvare un gruppo di ostaggi. molte case saccheggiate nelle aree controllate dai ribelli. panico ovunque. I ribelli uccidono chiunque si trovi sulla lista di persone pro-Gheddafi. Ne hanno ucciso plotoni. Abbiamo ucciso due stupratori e salvato una ragazza la notte scorsa dietrole  linee nemiche. Un sacco di non libici nelle file dei ribelli. Bianchi come Norvegesi. Ho visto un ribelle che stava stuprando una bambina di 10 anni. Un altro stava tenendo la ragazza. Entrambi i ribelli sono stati uccisi, essi non meritavano la vita. Alcuni mi chiedono i video ma non abbiamo macchine fotografiche che non siamo attori, siamo combattenti. Massacro fatto dai ribelli a Tripoli. Il 90 per cento delle persone sono chiuse dietro le porte soprattutto quelli di pelle nera. I ribelli chiamano tutti Kaffour [nero] e gli spararano a vista. Questo non è Islam questo è razzismo del KKK degli Stati Uniti, i ribelli non si sollevano per Allah ma solo per gli americani. Molti portano la bandiera dei ribelli e anche quella americana. Chiamo i giornalisti per fare degli stages a Landanous alto e a vedere i corpi prima che i ribelli li rimuovano. Perché non si dice nulla sui crimini dei ribelli? I nervi sono in ​​tensione. La resistenza alla NATO e ai collaboratori è difficile. Bombardano ogni posizione. Molte bombe, non razzi, bombe enormi. Dove sono quelle Nazioni Unite per fermare i bombardamenti NATO sui civili di Abu Saleem? Perché nessuno se ne cura? Dove sono gli arabi?
Non so come  terremo Abu Saleem con un orda di ribelli con armi pesanti e bombe e lo stesso fa la NATO. Che si fermino i bombardamenti della NATO e riusciremo a vincere altrimenti saremo massacrati dai piloti della NATO. Se è il volere di Allah sarà il martirio. Possa Allah permettermi di sopravvivere un giorno in più per salvare più vite, vi prego di diffondere il messsagio, la NATO sta bombardando Abu Saleem, uccidendo civili. I serbi catturati sono in aeroporto, cerchiamo di penetrare lì. Ma la Nato sta sopra il perimetro.
Triste, ma non credo che i serbi sopravviveranno, i ribelli sono pazzi da legare. Violentano uccidono e saccheggiano tutto con la copertura della NATO.
Ultimo Tweet per oggi, in attesa del martirio o della vittoria, diffondete il messaggio dei bombardamenti della NATO sui civili di Abu Saleem, perché stringono bandiere verdi.
——————————————————————————————-

  • Conferme alle parole di Libyan Liberal
    [25.08.2011]

11:30 – I rivoltosi libici avrebbero arrestato cinque serbi – Erano attivi militarmente a sostegno delle forze di Muammar Gheddafi. Nel darne notizia, i media di Belgrado hanno citato Ahmed Mehdi, esponente degli insorti, secondo il quale l’arresto dei cinque sarebbe avvenuto lungo la strada che da Tripoli porta all’aeroporto. ‘Abbiamo arrestato cinque serbi che affermano di essere lavoratori edili, mentre noi riteniamo invece che siano cecchini sostenitori di Gheddafi’, ha detto Mehdi citato dalla Tanjug.

19:35 – Per i ribelli raìs fuggito da Abu Salim  – Secondo i ribelli che questo pomeriggio hanno preso d’assalto il quartiere di Abu Salim, roccaforte di Gheddafi, il raìs non si troverebbe più in questa parte della città e sarebbe fuggito verso sud, lungo la Airport Highway che conduce fuori della capitale e dove Gheddafi possiede alcune fattorie. E’ quanto emerge da testimonianze raccolte dall’inviato Ansa sul posto. Durante gli scontri i ribelli sono avanzati di almeno un chilometro e mezzo dentro il quartiere. Nelle strade si vedono diversi cadaveri di soldati lealisti, alcuni completamente bruciati.

__________________________________________________________________

Zintan: le forze libiche fedeli alla guida Moammar Gheddafi assediano i ribelli nella città di Zuwarah a ovest di Tripoli, i comandanti dei ribelli hanno detto mercoledì, aggiungendo che i combattenti non riuscivano a togliere l’assedio.
Il colonnello Abdu Salem ha detto le forze ribelli a Zuwarah avevano lanciato un appello per aiutare Zintan in altri luoghi a sud nelle mani degli insorti.
[…] Ma il portavoce dei ribelli Zintan, il colonnello Juma Brahim, ha detto, “Zintan non può rinunciare a nessuno. Tutti i nostri combattenti sono a Tripoli”, che è stata invasa dai ribelli all’inizio di questa settimana.
Abdu Salem, il coordinatore dei movimenti militari per la regione Zintan, ha detto che i ribelli avevano preso il centro di Zuwarah, che è passata di mano più di una volta da quando la rivolta era iniziata a metà febbraio, tre giorni fa.
Da allora le forze pro-Gheddafi posizionati tutti intorno alla città lo hanno bombardato, ha detto. Zuwarah sorveglia la strada da Tripoli a Ras Jdir al confine con la Tunisia, che è ancora nelle mani dei lealisti.
———————————————————————————————
Ieri notte il colonnello ribelle golpista Abdulrahman (Abdo) Alzawawi Salem, è stato ferito a Tawaraga, con i fratelli Khaled & Bashir.

________________________________________________________________

Flash dal fronte libico [25.08.2011]

  • British forces units SAS 22 stanno ora combattendo a Tripoli
  • Due stupratori uccisi e una donna salvata dietro le linee
  • Scontri duri nei pressi del Corinthia Hotel
  • Ribelle combattente canadese. L’uomo è stato identificato come Edmonton-nato Nader Raween Ben, 24 anni, operaio della tecnologia dell’informazione.
  • Forze lealiste impegnano i mercenari con precise tattiche di guerriglia urbana
  • Gheddafi, dato per intrappolato, elude le ricerca e beffardo, invia nuovo messaggio audio: “La Libia sia dei libici, non della Francia, non dell’Italia, non dei colonialisti. Il nemico sarà sconfitto, la NATO sarà sconfitta. Le Tribù devono proteggere le loro aree. Giovani di Tripoli, combatteteli ovunque, via per via, Zanga Zanga (strada per strada). Deratizzate Tripoli. Distruggiamoli”.
  • Il figlio di Gheddafi Khamis risorto dai morti per la 4 ° volta – comanda ancora – guidando la resistenza delle truppe governative.

___________________________________________________________________

Il Leader libico ha acquistato influenza politica in tutto il continente, finanziando per missioni di pace, infrastrutture e aiuti umanitari.

___________________________________________________________________

Il governo sudafricano ha difeso il suo rifiuto di sbloccare 1,5 miliardi di dollari di assets libici e riconoscere l’autorità ribelle della Libia, nonostante le crescenti critiche in patria e in tutto il mondo.
Gli Stati Uniti hanno proposto una bozza di risoluzione al Consiglio di Sicurezza dell’Onu mercoledì per rilasciare beni libici congelati dalle Nazioni Unite  (per affamare di risorse Muammar Gheddafi) a favore del Consiglio nazionale di transizione.
ll Sud Africa dice che approverà 500 milioni di dollari del pacchetto di assistenza umanitaria urgente, ma si oppone al rilascio dei restanti fondi perché il Consiglio nazionale di transizione non è stato riconosciuto dalla stessa ONU.
Un portavoce del governo, Jimmy Manyi, ha dichiarato: “Il governo del Sud Africa affronterà questa questione sempre di concerto con l’Unione africana e nello spirito del multilateralismo del governo del Sud Africa che condanna ogni forma di violenza e la dottrina del cambio di regime imposto”.

Il Sud Africa ha votato a favore del Consiglio di sicurezza dell’Onu la risoluzione 1973 per proteggere i civili in Libia, ma la mossa ha dimostrato le divisioni dentro il paese in maniera violenta. Ministri del governo dicono che si sono rammaricati del provvedimento quando hanno visto l’intervento militare della Nato andare oltre una no-fly zone. I commentatori hanno descritto questo fatto come ingenuità.

South African president Jacob Zuma

Il presidente sudafricano, Jacob Zuma, ha sostenuto che la crisi libica è l’ultimo esempio che viene mostrato della mancanza di rispetto per l’Africa da parte del resto del mondo.
Coloro che hanno il potere di bombardare altri paesi hanno minato sforzi e iniziative  dell’UA [dell’Unione africana] per gestire la situazione in Libia“, ha detto il presidente questa settimana.
La situazione in Libia è stata di preoccupazione, in quanto è stato accompagnato da un indebolimento del ruolo del continente africano a trovare una soluzione. Avremmo potuto evitare un sacco di perdite di vite umane in Libia“.
Zuma ha detto che nazioni potenti hanno abusato della risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’Onu “per promuovere interessi diversi da quelli per proteggere i civili e assistere il popolo libico“.
Una riunione del Consiglio su  pace e la sicurezza dell’UnioneAfricana ad Addis Abeba giovedì e venerdì delibererà sul “dispiegarsi della situazione ” in Libia, Zuma ha aggiunto. “La posizione dell’Unione africana è stata la più logica. C’è ancora spazio nella situazione in questo momento.”
L’ostilità interna verso Zuma per sostenere la risoluzione delle Nazioni Unite è stata guidata nel governo dall’influente ala giovanile dell’ African National Congress (ANC). Il presidente della Lega della Gioventù, Julius Malema, ha affrontato una serie di accuse disciplinari, fatto ampiamente interpretato come parte di una lotta di potere che potrebbe decidere il futuro di Zuma.
Alcuni membri dell’ANC che sentono una fedeltà residua verso Gheddafi per il suo sostegno durante la lotta contro l’apartheid, citavano l’ex presidente Nelson Mandela una volta mentre diceva: “Coloro che si sentono irritati dalla nostra amicizia con il Presidente Gheddafi possono andare a fare un tuffo in piscina.
Il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha programmato una votazione sul proposta degli Stati Uniti giovedi a New York. Sia gli Stati Uniti e che Gran Bretagna hanno criticato la posizione del Sud Africa. Il segretario della difesa, Liam Fox, ha dichiarato che il Sud Africa dovrà affrontare una “enorme pressione morale” affinché cambi la sua posizione “deludente”.
“Il Sud Africa, a detta del suo governo, è preoccupato dal prendere posizione,” ha detto Fox  alla BBC Radio 4  oggi. “E ‘molto chiaro da che parte è  il popolo libico ed è quello che i sudafricani dovrebbero rispondere. Volevano che  il mondo ad un certo punto stesse con loro contro l’apartheid, ora hanno bisogno di stare con il popolo libico”.
Vi è anche un crescente dissenso interno. Stevens Mokgalapa, portavoce delle relazioni internazionali per l’Alleanza di opposizione democratica, ha dichiarato:
E’ una mossa politica, il governo sudafricano è stato ovviamente dalla parte di Gheddafi da una prospettiva ideologica e storica. Questo stava diventando un incubo per la politica estera del Sud Africa. Il governo non ha previsto un futuro senza Gheddafi. Essi lo hanno sottovalutato e gestito male. E ‘ora anche sulla gestione della crisi politica estera. Siamo delusi e sgomenti dalla posizione del governo sudafricano.

Allister Sparks, un analista politico veterano e giornalista, ha dichiarato:
Il Sudafrica ha stabilito una posizione, che credo sia stupida, per cercare di mostrare che non è il servo dell’occidente e che l’Africa dovrebbe ritagliarsi un proprio modo indipendente negli affari internazionali. Questo ci ha portato quasi ad un’ideologia che resiste a qualsiasi cosa si percepisce come interferenza esterna. Non penso che Zuma abbia molte idee proprie al riguardo. E’ iniziato con il presidente Thabo Mbeki e continua.”
Sparks ha aggiunto: “E ‘un approccio didascalico. Mi sembra assolutamente assurdo che, mentre le persone ballano per le strade celebrando la libertà, il Sud Africa stia resistendo. Il Sudafrica deve molto della sua libertà all’intervento straniero, incluso l’occidente. Noi finiamo… dalla parte sbagliata, dalla parte dei tiranni “.
Negli ultimi anni Gheddafi ha cercato di acquistare influenza nel Unione Africana e ha sostenuto il concetto di un’Africa unita – con se stesso come “re dei re”. Non per la prima volta, il Sud Africa si trova a camminare su una corda tesa tra i suoi vicini africani e alleati occidentali.

Fonte originale inglese:http://www.guardian.co.uk/world/2011/aug/25/south-africa-libyan-assets

____________________________________________________________________

  • Questa mattina più di venti civili giustiziati dai ribelli a guida NATO
    Tony Cartalucci [tweeter nickname LandDestroyerW ]: Cnn ammette che la Libia e Tripoli si stanno trasformando in un bagno di sangue. [25.08.2011]

Per questo motivo altre forze fresche sono in arrivo (tutto era già previsto precedentemente dal Pentagono e dagli altri alleati GB e Francia*) SAS inglesi, Legione Straniera e Marines americani:
2000 marines  diretti verso la Libia

Si veda https://gilguysparks.wordpress.com/page/2/

_____________________________________________________________________

Secondo gli ultimi rapporti della scorsa notte, ieri un altro gruppo stimato attorno ai 1.365 invasori stranieri e ribelli terroristi sono stati uccisi dal popolo libico e dalla difesa.

La maggior parte delle aree di Tripoli, tra cui Abu Slim e il verde altipiano, e Aziziyah, erano al sicuro e sotto il controllo dell’esercito libico e la Guardia Rivoluzionaria. Violenti scontri occorsi a Tajoura e alcune aree del mercato venerdì (Souk El Jouma).

Il dottor Franklin Lamb, che risiede in un albergo di lusso che è rimasto il primo e unico  ad ottenere una connessione Internet, e per il quale ci sono molte domande, non può essere ritenuto affidabile, secondo le nostre fonti. [n.d.t. aveva dichiarato:  “i 65.000 soldati ben addestrati e ben armati ipotizzati la domenica dal governo di Gheddafi non esistono […] mi porta a fare queste conclusioni […] l’assenza delle truppe governative“]

Altri dicono che dopo essere stato colpito alla gamba, la sua canzone sarebbe cambiata. Dal punto di vista della sua stanza d’albergo vede tutto, ma non vede nulla.

Lamb ha però giustamente rilevato la superficiale  natura umana che è un marchio distintivo del mondo di oggi.  Anzi è un fatto ed è una cosa  nota  da decenni come i più deboli siano quelli che gridano più forte.

Questo è un riferimento ai rivoluzionari libici da poltrona. Tuttavia, una nuova generazione di giovani libici potenti che hanno compreso il leader, e che hanno raccolto la sua chiamata, sono stati battezzati con il fuoco.

Una battaglia nel centro di Al-jamhoria a Tripoli era finita senza perdite per i verdi.

Molti ribelli terroristi sono stati uccisi così come mercenari stranieri.

Brega è saldamente sotto il controllo della Jamahiriya libica. I ribelli non possono muovere un passo verso Brega.

_____________________________________________________________________

  • Alex Jones Tv– Forze speciali estere dietro il rovesciamento di Gheddafi
    _____


______________________________________________________________________

_______________________________________________________________________

La Lega araba ha riconosciuto la Libia dei ribelli guidata dal Consiglio nazionale di transizione (NTC) come legittimo organismo di governo del paese.

Abbiamo convenuto che è ora che la Libia si riprenda il suo seggio e posto legittimo presso la Lega araba. Il NTC sarà il legittimo rappresentante dello Stato libico,”  Segretario Generale della Lega Nabil Elaraby lo ha detto ai giornalisti al Cairo il Giovedi, come citato dalla BBC.

Bulgaria: Arab League Recognizes Libya's Rebel Council[Il Segretario della Lega araba, egiziana Nabil Elaraby (a destra) si incontra con l’ex ministro degli Esteri libico e l’alto diplomatico Ali Abdussalam Treki (al centro) e l’ambasciatore libico in Egitto Abdelmoneim el-Houni (a sinistra) presso la sede della Lega Araba al Cairo, in Egitto, 25 agosto]

La Lega araba ha anche insistito che era tempo di riammettere un seggio permanente per la Libia al Consiglio della Lega.

Abdelmoneim el-Houni, un rappresentante delle forze ribelli, ha detto che la Libia avrebbe rinnovato la sua appartenenza alla Lega Araba in una riunione dei ministri arabi in programma per Domenica.
————————————————————————————————
Un certo numero di altri stati africani, tra cui il Sudan, Egitto, Ciad ed Etiopia, hanno già riconosciuto il Consiglio dei ribelli della Libia come unico governo legittimo dello stato nord africano.

____________________________________________________________________

Tutto quello che vedete da qui è una grande bugia. La gente deve tenerlo a mente. E’ tutto falso. C’è un falso, la città libica che è stata costruita in Qatar, e possono mettere in scena un massacro in stile hollywoodiano in un luogo, e dire: ‘Ora basta, Gheddafi è andato troppo lontano. “

Il Dr. Tarpley dice: “Questo è un esercizio di lavaggio del cervello di massa Si tratta di un tentativo di lavaggio del cervello all’opinione pubblica mondiale sulle basi di falsi dispacci della BBC, Al-Jazeerah, e la CNN … La prima cosa e più importante è non cadere nella trappola di credere alla loro storia. La loro storia è in gran parte fabbricati.

______________________________________________________________________

  • Una rivoluzione artificiale senza appoggio popolare costruita dai servizi occidentali; nè abbracci di ragazze nè mazzi di fiori per i ribelli golpisti nel loro ingresso trionfante nella città di Tripoli che si aggirano per saccheggiare, uccidere e violentare in una città fantasma che non li ama anzi…

(Tripoli: popolazione 1.600.000 abitanti, circa 4205 ab./km²)
Dov’è la popolazione civile di Tripoli?

_____________________________________________________________________

Il Consiglio nazionale di transizione (NTC) ribelle di Libia è pronto a riconoscere l’entità sionista di Israele, secondo l’ebrao sionista francese Bernard-Henri Lévy, che vede se stesso come un filosofo.
“BHL”, come egli è conosciuto in Francia, dice di aver passato il messaggio il primo ministro sionista Benjamin Netanyahu.

L’NTC di Libia: “noi riconosciamo il diritto di Israele ad esistere”.

L’NTC “sarà interessato alla giustizia per i palestinesi e alla sicurezza per Israele”, se prende il potere, disse Lévy dopo l’incontro con Netanyahu il Giovedi 2 Giugno 2011.
“Il futuro regime manterrà normali relazioni con gli altri democratici [sic] paesi, compreso Israele.”

L’Ufficio di Netanyahu ha confermato l’incontro con Lévy, ma non ha commentato la questione. “Il primo ministro ama incontrare intellettuali”, ha detto un portavoce.
Lévy, che ha contribuito a convincere il regime di Sarkozy in Francia ad essere il primo paese a riconoscere le NTC, ha visitato il capo ribelle della città libica di Misurata ha poi continuato a Gerusalemme.

Muammar Gheddafi e la Jamahiriya libica hanno rifiutato di riconoscere Israele, definendolo semplicemente l’”entità sionista” o “stato terrorista” anche dopo il trattato del presidente Anwar Sadat dell’Egitto con l’entità nel 1979.
Ciò rappresenterebbe il passaggio più significativo e drammatico della politica estera libica, perché il paese ha rifiutato di riconoscere il diritto di Israele ad esistere come stato legale e legittimo, per quattro decenni.

_______________________________________________________________________

traduzione per gilguysparks: levred

La storia non è finita – non ancora certo – ma la saga della resistenza libica alla superpotenza degli Stati Uniti e dei suoi degenerati alleati neocolonialisti europei andrà sicuramente ad occupare un posto molto speciale nella storia. Per cinque mesi, a partire dal 19 marzo, le forze armate di un piccolo paese di sei milioni di persone hanno avuto il coraggio di sfidare i più avanzati sistemi di armi del pianeta, su un terreno praticamente senza copertura, contro un nemico in grado di uccidere qualunque cosa possa essere visto dal cielo o elettronicamente percepito. Notte e giorno, gli occhi della macchina da guerra del partenariato euro-americano hanno osservato dallo spazio sulle posizioni dei soldati libici, con l’obiettivo di incenerili. E tuttavia, le forze armate libiche hanno mantenuto la loro integrità e la loro unità di onore personale, con un eroismo che ricorda quello dei soldati lealisti della repubblica spagnola sotto assedio dai fascisti tedeschi, italiani e cresciuti in casa, alla fine del 1930.

I tedeschi e gli italiani e il Generalissimo Franco hanno vinto quella guerra, così come gli americani, britannici, francesi e italiani in ultima analisi, possono superare l’esercito libico. Ma non possono trasmettere onore o legittimità nazionale ai loro tirapiedi di Bengasi, che hanno vinto solo un distintivo di servitù di sorveglianti stranieri. I cosiddetti ribelli non hanno vinto una sola battaglia, se non come comparse di una produzione militare euro-americana. Sono poco più che comparse per il teatro imperiale, una folla che ha viaggiato per combattere sotto l’ombrello protettivo americano di dominio a tutto campo dell’aria. Sono avanzati lungo strade già disseminate del carbone annerito di cadaveri di uomini di gran lunga migliori, morti contrastando l’Impero.

Una cosa è certa: gli americani e gli europei non hanno mai rispettato i loro servi. Per i cosiddetti ribelli della Libia non sarà diverso. Washington, Parigi e Londra sanno benissimo che sono state le loro 18.000 sortite  aeree, i loro missili da crociera, i loro elicotteri d’attacco, i loro satelliti di sorveglianza e droni, i loro sistemi di comando e controllo, le loro armi, e il loro denaro, che sono riusciti a uccidere o ferire forse metà dell’esercito libico. Non la plebe da Bengasi.

I ribelli non devono prendere troppo sul serio di essere adulati dalle ridicole orde di turisti media aziendali che sono giunti a Tripoli per la registrazione finale dei cinque mesi di guerra. Sono ben pagate cheerleaders. E, anche se può sembrare che essi fanno il tifo per i ribelli, non lasciatevi ingannare – alla fine della giornata, i media occidentali aziendali fanno solo il tifo per loro stessa specie.
[I ribelli] Stanno festeggiando quello che credono sia una vittoria sul demonio libico che hanno contribuito a costruire nella mente dei loro connazionali. L’anno prossimo, ribelle, il demone potresti essere tu.

O l’anno prossimo, potrebbero esserlo libici, tra cui quelli che non erano amici del colonnello Muammar Gheddafi. Gli americani trattano i loro tirapiedi nativi come i bambini che hanno bisogno di supervisione – e c’è una certa logica in questo, dal momento che chi vuole affidare la sovranità della sua nazione e le risorse, per gli americani è sicuramente, o  estremamente stupido, o irrimediabilmente corrotto. Ma l’onore della Libia e il suo posto nella storia è già stata assicurato da un piccolo esercito africano che ha tenuto testa quasi un anno e mezzo contro i barbari della NATO.

Glen Ford può essere contattato al Glen.Ford@BlackAgendaReport.com.

Preso da: https://gilguysparks.wordpress.com/2011/08/25/libyan-chronicles-10-0/