2015: ancora una volta un traditore viene presentato come “salvatore” della Libia

Estratto dal report settimanale del Cesi (Centro studi internazionali)

Martedì 3 febbraio alcune decine di miliziani hanno assaltato e occupato un impianto di estrazione petrolifera a Mabruk, circa 150 chilometri a sud di Sirte. Nell’attacco ai pozzi, gestiti dalla Libya’s National Oil e dalla francese Total, sarebbero morte circa 10 persone, anche se non ci sono ancora dati precisi in merito. Nessuna delle diverse milizie libiche attive nella regione ha finora rivendicato l’attacco e, pertanto, resta aperta la possibilità che i responsabili siano gruppi autonomi di predoni. Ciò nonostante, è altrettanto probabile che l’attacco sia stato condotto da milizie afferenti all’universo jihadista libico.
Infatti lo stabilimento di Mobruk, non era più operativo da metà dicembre, quando il suo sbocco naturale per la commercializzazione, il porto di Sidra, era stato oggetto di duri scontri fra i miliziani di Farj Libya e i jihadisti di Ansar al-Sharia. La conquista dei terminal petroliferi sulla costa, unitamente agli stabilimenti di estrazione come quello di Mobruk, permetterebbe quindi il controllo della filiera di produzione.
La fascia costiera del golfo di Sirte è stata interessata negli ultimi mesi da numerosi scontri fra diversi gruppi jihadisti e i reparti delle milizie legate al governo di Tobruk, guidate dal generale Khalifa Haftar nell’ambito dell’Operazione Dignità. Proprio Haftar, con una repentina accelerazione degli eventi, sembra essere riuscito a guadagnare un maggior peso sia sul piano politico che su quello militare. Lunedì 2 febbraio alcuni miliziani fedeli al generale hanno lanciato un ultimatum di 24 ore ai politici di Tobruk, minacciando di ricorrere alla forza se non avessero ceduto ogni potere decisionale ad Haftar, che andrebbe a presiedere un costruendo Consiglio militare supremo. Nonostante la situazione presenti ancora molti aspetti poco chiari, il Parlamento di Tobruk ha preso decisioni di rilievo, e in particolare ha revocato la Legge per l’Isolamento Politico, il provvedimento voluto nel maggio 2013 dal Parlamento di Tripoli per impedire ai funzionari che avevano servito durante l’era di Gheddafi di prestare servizio nelle nuove istituzioni.
Una legge che in primo luogo escludeva da un effettivo ritorno al potere proprio il generale Haftar, ufficiale delle Forze Armate libiche fino alla sconfitta contro il Ciad lungo la striscia di Aozou nel 1987, poi costretto all’esilio negli Stati Uniti. Questa maggiore legittimazione sul piano politico potrebbe permettere ad Haftar di reintegrare altri esponenti del vecchio regime, una cui alleanza formerebbe un fronte anti-islamico di maggior peso. Assumendo legalmente il potere, Haftar può mirare a proporsi come legittimo interlocutore per il Paese intero, convincendo le potenze estere ad appoggiarlo esplicitamente, anche sulla base del suo impegno sul campo contro le milizie jihadiste.
Preso da: http://www.formiche.net/2015/02/08/libia-cresce-il-peso-del-generale-haftar/

Ripeto ancora una volta, Haftar no ha nessun sostegno in Libia, il popolo NON lo sostiene, il popolo ricorda il suo tradimento, la sua fuga in america, e la sua partecipazione sin dal primo momento alla invasione della Libia nel 2011, spacciata come “rivoluzione”. Solo la stampa occidentale SERVA cerca di farlo passare come la “soluzione”. Un uomo della CIA.

Annunci

Haftar: come un traditore viene fatto passare per “salvatore” della Libia

in questi giorni (eravamo a dicembre 2014), si trovano molti articoli, reportage, perfino qualche intervista al generale Haftar, ci viene spiegato che è l’ unica salvezza per la Libia, che combatte gli islamisti, ecco uno di questi articoli.

«Combatto il terrorismo anche per voi: se vince in Libia arriva in Italia»
Parla il leader degli anti-islamici, il generale Haftar, ex comandante di Gheddafi, tornato in Libia nel 2011: «Non sono un uomo della Cia, ma ora mi servono armi»
di Francesco Battistini, Generale Haftar, state per conquistare Bengasi?
«Lo spero. L’importante è che il parlamento libico lasci Tobruk e torni a lavorare nella città liberata dalle milizie islamiche. Il mio compito è di portarcelo. Mi sono dato una deadline: il 15 dicembre…».
Di colpo, salta la luce e gli uomini della sicurezza gli sono subito addosso. Nel buio, il generale dice «è la guerra a Bengasi, afwan»: scusate… L’unico sorriso che ci concede è di sollievo, quando la stanza si riaccende. Vecchio uomo nuovo della rivoluzione libica, una faccia socchiusa alle emozioni, a 71 anni Khalifa Haftar sa maneggiare la paura. Il più osservato dai lealisti di Tobruk e dalle milizie di Zintan, che sospettano della sua ambizione. Il più odiato dai fratelli musulmani di Tripoli, che hanno messo una taglia su di lui temendone i grandi protettori al Cairo e nel Golfo. Vive nascosto tra questa casamatta color senape dell’eliporto di Al Marj, l’antica Barca alle porte di Bengasi, e decine di rifugi che cambia ogni notte. Sospettoso di tutti, irraggiungibile da molti. Ci vogliono due settimane d’appuntamenti mancati, i fedelissimi della brigata 115-S che ti svitano

pure la biro, e controllano ogni pulsante del fotoreporter Gabriele Micalizzi, prima d’arrivare a stringergli la mano e chiedergli un’intervista in esclusiva per il Corriere . Tre figli al fronte con lui. Due figlie all’estero sotto copertura. Dopo vent’anni d’America, a metà fra la guerra lampo e il golpe, lo scorso febbraio il generale è spuntato dal nulla e ha lanciato la sua Operazione Karama (dignità) contro gl’islamisti di Alba libica e Ansar al Sharia. Alle spalle ha un piccolo mappamondo. In mente, una Libia senza barbe fanatiche. Nel cuore, un antico condottiero dell’Islam: «Khaled Ibn Al Walid. Lo conosce? E’ il più grande stratega della storia. Prima combatté i musulmani, poi si convertì e si mise con loro. Senza perdere mai una battaglia. Ancora oggi uso certe sue tattiche…».
Come quella su Tripoli? Ha appena lanciato un’offensiva pesante…
«Con Tripoli è solo l’inizio: ci servono più forze, più rifornimenti. Mi sono dato tre mesi, ma forse ne basteranno meno: gl’islamisti d’Alba libica non sono difficili da combattere, come non lo è l’Isis che sta a Derna. La priorità resta Bengasi: Ansar al
Sharia è ben addestrata, richiede più impegno. Anche se non ha grandi strateghi militari e ormai siamo in vantaggio: controlliamo l’80 per cento della città».
A Vienna i leader mondiali hanno detto che il vuoto di potere, in questa guerra civile, fa paura.
«Finalmente se ne accorgono. Il parlamento a Tobruk è quello eletto dal popolo. Quella di Tripoli è un’assemblea illegale e islamista che vuole portare indietro la storia. Ma la vera minaccia sono i fondamentalisti che cercano d’imporre ovunque la loro volontà. Tripoli s’affida a loro, lascia che combattano contro di noi a Bengasi. Ansar al Sharia usa la spada in tutto il mondo arabo ed è appena finita nella lista Onu del terrorismo. Se prende il potere qui, la minaccia arriverà da voi in Europa. Nelle vostre case».
Vuol dire che lei sta combattendo per noi?
«Certo. Combatto il terrorismo nell’interesse del mondo intero. La prima linea passa per la Siria, per l’Iraq. E per la Libia. Gli europei non capiscono la catastrofe che si rischia da questa parte di Mediterraneo. Attraverso l’immigrazione illegale, ci arrivano jihadisti turchi, egiziani, algerini, sudanesi. Tutti fedeli ad Ansar al Sharia o all’Isis: quanti italiani sanno che davanti a casa loro, a Derna, è stato proclamato il califfato e si tagliano le teste? L’Europa deve svegliarsi».
S’aspetta un sostegno in armi, come quello dato ai curdi?
«Non c’è bisogno di venire e dirvi: per favore, aiutatemi. Siete voi che dovete capire se è il caso di aiutare Haftar. L’Egitto, l’Algeria, gli Emirati, i sauditi ci mandano armi e munizioni, ma è tecnologia vecchia. Non chiediamo che ci mandiate truppe di terra o aerei a bombardare: se abbiamo le forniture militari giuste, facciamo da noi. Il mondo vede i nostri soldati decapitati, le autobombe, le torture: potete accettare tutto questo?».
Vuole ricacciare in un angolo i fratelli musulmani: Haftar si candida a essere per la Libia quel che è stato il generale Al Sisi per l’Egitto?
«L’Egitto e Al Sisi sono una cosa molto diversa dalla Libia. L’unica cosa in comune è che finalmente sono i popoli a scegliere. Poi, c’è la mia posizione politica. Ho iniziato Karama per rispondere alla richiesta dei libici che non ne potevano più. Se sarà necessario, continueremo insieme la nostra battaglia militare e poi politica».
Operazione Dignità: l’ha inventato lei, questo nome?
«Certo. Ci sono due parole: operazione, che significa il percorso militare per raggiungere un risultato; karama, che nasce dalla domanda “di che cosa abbiamo bisogno?”. L’ho chiesto ai miei ufficiali. Molti suggerivano il nome d’Omar Mukhtar, l’eroe libico. Ma quello che stiamo affrontando è più di quel che affrontò Mukhtar. Dignità è una parola che dà la speranza in qualcosa che i soldi o il petrolio non ti possono dare».
Amnesty ha avuto parole molto dure sulle sue milizie. E si dice che lei sia pagato dagli Usa: gli americani che la liberarono da una prigione del Ciad, quando Gheddafi l’aveva mollata; la Cia che le diede casa a pochi chilometri dalla sua sede di Fort Langley…
«Karama non è legata ad altri Paesi. Nasce dai libici. Io sto combattendo una guerra chiara e trasparente a pochi chilometri da dove sono nato. Ho fatto molte campagne, dal Kippur al Ciad, sono abituato alla vita militare, ma questa è la mia sfida più dura. Purtroppo, ci sono politicanti che mestano nel torbido, m’associano alla Cia per screditarmi».
Si può dire almeno che gli americani l’apprezzeranno, se riuscirà a vendicare l’uccisione del loro ambasciatore a Bengasi, Chris Stevens…
«Deborah Jones, l’ambasciatrice Usa, non mi sponsorizza, tutt’altro. Quando l’ho sentita parlare, ho pensato che piuttosto sostenesse i Fratelli musulmani: Washington sta giocando una partita ambigua e doppia, come gli europei…».
Ha parlato della sua guerra del Kippur: accetterebbe un aiuto da Israele?
«Il nemico del mio nemico è mio amico. Perché no? Ma non credo che Israele mi appoggerebbe, sono troppo impegnati a destabilizzare la Libia attraverso il terrorismo».
Preso da: http://www.corriere.it/esteri/14_novembre_28/combatto-terrorismo-anche-voi-se-vince-libia-arriva-italia-194b88b0-76c9-11e4-90d4-0eff89180b47.shtml

Non dimentichiamo mai che Haftar è un uomo della CIA, ha avuto un suo ruolo nella finta rivoluzione, INVASIONE NATO/RATTI del 2011, ed adesso gli stessi invasori vogliono metterlo a capo della loro colonia Libia.
Dalle poche notizie che arrivano dalla Libia ( peraltro tutte presenti sui social media), NON è Haftar che combatte i terroristi islamici, ma le tribù libiche oneste, il popolo, la gente, quelli che non si sono venduti.

Come l’Occidente desiderava installare per forza Haftar in Libia

ita + eng
Come l’Occidente desidera installare per forza Haftar in Libia: il Times ( Gran Bretagna) : Haftar si sta preparando a marciare verso la capitale Tripoli
il Times britannico ha detto Giovedi che il Maggiore Generale Khalifa Belqasim Haftar, è stato accettato dalla Camera dei Rappresentanti a Tobruk al servizio nell’esercito libico, infine si è dichiarato disposto a lanciare un’offensiva di terra per liberare Tripoli. **** (Quello che non dicono è che Haftar non ha qualità di leadership, tutta la pulizia degli estremisti di Bengasi è stato fatto dalle tribù d’onore e dei civili di Bengasi mentre Haftar era a chilometri da tutti i combattimenti a Bengasi. Gran Bretagna, USA e Francia vogliono fare Haftar un eroe. non dimentichiamoci che è un uomo della CIA che ha combattuto contro la Jamahiryia per rovesciare Gheddafi, aveva anche la sua milizia. Dal 2011 al febbraio 2014 ha reso la vita di libici un inferno, fino a che USA , Regno Unito e Francia hanno deciso che non possono avere uno stato fallito così hanno finanziato Haftar, per inventare un colpo di stato in febbraio 2014, che nessun cittadino libico lo prese sul serio ed è stato condannato da tutti i libici, a questo punto si rifugiò a casa del Ambasciatore Deborah Jones a Tripoli è rimasto lì fino a che (USA / CIA) lo potevano prendere da Tripoli e lo spediremo via a Bengasi, dove gli sono state date tutte le forniture militari, aerei, consulenti, PR ed uomini dell’ ” esercito nazionale” che lo hanno seguito ed ha reso il secondo colpo di stato in maggio 2014.
 Haftar è stata assistito dai suoi PR e dai consiglieri dell’ esercito di fare una dichiarazione in cui si ammette che la rivoluzione Jamahirya è stata la vera rivoluzione e senza spargimento di sangue. Il 17 Feb non è una vera e propria rivoluzione, perché hanno usato un intervento straniero che ha concluso con bombardamenti NATO . Questo può ingannare i libici per un paio di settimane, perché nella prima difficoltà che Haftar ha incontrato con Ansar Al Sharia è scappato fuori Bengasi e le tribù hanno assunto il controllo . Quindi, per favore non lasciatevi ingannare che Haftar sta facendo tutto il lavoro. Nessuno dei leader delle Tribù è con lui l né il governo confinato in Tobruk. Il PM Thani è un ottimo diplomatico e la FUKUS ha insistito sul fatto che, se si vuole avere un paese con pace e piuttosto si dovrà lasciare Haftar prendere l’iniziativa e questo è ciò che hanno fatto. In realtà Haftar ha solo poche centinaia di soldati che lo proteggono, mentre le tribù d’onore sono quelli che combattono e puliscono del paese.)
Haftar ha detto che il suo governo riconosciuto a livello internazionale si è affidato a lui, sotto la guida della missione il primo ministro Abdullah al-Thani per scovare i militanti islamisti , ha detto: “Molte migliaia di soldati si preparano a entrare nella capitale, gestito da milizie all’alba della Libia “, secondo il giornale.
È interessante notare che il generale di Haftar,ha lanciato da metà maggio l’ operazione dignità a Bengasi, in Libia orientale, che è controllata degli islamisti, e ha promesso di sradicare loro da ogni angolo del paese.
È interessante notare che la Libia è testimone di una lotta tra milizie rivali, sia a livello politico, governata dai due governi e due parlamenti, Uno il governo della Camera dei rappresentanti ” eletti” e riconosciuto a livello internazionale in Tobruk, a Tripoli l’altro governo guidato da Omar Hassi, la Conferenza nazionale
———————————————————————————–

How the West want to Install by force Haftar in Libya:Britain’s Times: Haftar preparing to march to the capital Tripoli
Britain’s Times newspaper said on Thursday that Major General Khalifa Haftar, has been accepted by the House of Representatives in Tobruk to service in the Libyan army, finally declared its readiness to launch a ground offensive to liberate Tripoli. ****(What they are not saying is that Haftar has no leadership qualities, all the cleaning of extremists in Benghazi has been done by the Honorable Tribes and the Benghazi civilians while Haftar was kilometers away from all the fighting in Benghazi. Britain, USA and France want to make Haftar a hero. Lets not forget he is a CIA asset who fought against the Jamahiryia to topple Qaddafi he also had his own Militia. From 2011 till February 2014 he made the lives of Libyans a living hell till the USA, UK AND FRANCE decided that they can not have a failed state so they financed Haftar to invent a coup de tat in February 2014 which no Libyan citizen took him seriously and was condemned by all Libyans at this point he took refuge at the house of the Ambassador Deborah Jones in Tripoli he stayed there till they(USA/CIA) could take him out of Tripoli and ship him off to Benghazi where he was given all of the army supplies, planes, advisors, PR and got through to some of the National Army who followed him and made the second coup de tat in May 2014. Haftar was advised by his PR and army advisors to make a statement where he admits that the Jamahirya revolution was the real revolution & bloodless. The 17 Feb is not a real revolution because they used foreign intervention which concluded by NATO bombing us. This fooled the Libyans for a few weeks, because in the first difficulty that Haftar encountered with the Ansar Al Sharia he escaped out of Benghazi and THE TRIBES TOOK OVER. So please do not be fooled that Haftar is doing all the work. None of the Tribe leaders trust him and neither the government in Tobruk. The PM Thani is a very good diplomat and the FUKUS has insisted that if you want to have a country with peace and quite you will have to let Haftar take the lead and that is what they have done. In reality Haftar has only a few hundred soldiers who are protecting him while the Honorable Tribes are the ones who are fighting and cleaning the country.)
Haftar said, which its internationally recognized government entrusted to him under the leadership of Prime Minister Abdullah al-Thani mission to flush out militants from among Islamist backed by Libya, said: “Many thousands of soldiers are preparing to enter the capital, run by militias dawn of Libya,” according to the paper.
It is noteworthy that Major General Haftar, launched since mid-May dignity process in Benghazi, eastern Libya, to be cleared of the Islamists, and vowed uproot them from every corner of the country.
It is noteworthy that Libya is witnessing a fight between rival militias, and at the political level, governed by the two governments and Parliaments, One the government of the House of Representatives elected and internationally recognized in Tobruk, in Tripoli the other government led by Omar Hassi, the National Conference of the year.
Source: http://libyaagainstsuperpowermedia.org/2014/11/28/how-the-west-want-to-install-by-force-haftar-in-libyabritains-times-haftar-preparing-to-march-to-the-capital-tripoli/

Cronache dalla libia 2011, parte 1

Libyan Cronicles 2.1.0

  • Dopo il bombardamento del centro archeologico di fama mondiale in Libya Leptis Magna, oggi [16.08.2011] una nave da guerra della Nato ha preso di mira l’antico anfiteatro di Sabartha arrecando notevoli danni.

  • Un rapporto Reuters dice su Zawiyah: “All’inizio di Martedì (16.08.2011), ribelli alla periferia di Zawiyah hanno detto che le forze fedeli a Gheddafi erano ancora sul bordo orientale della città, da dove hanno attaccato con mortai, razzi Grad e fuoco dei cecchini. Operatori sanitari in uno degli ospedali della città hanno dichiarato che 20 persone, un misto di combattenti ribelli e civili, sono stati uccisi lunedì e il bilancio delle vittime, per le prime ore di martedì mattina, era di un morto “.
  • Dalla BBC la relazione di Deborah Haynes del 16 agosto 2011 dice che i ribelli non tengono assolutamente il controllo di Zawiyah. Lei accenna anche che civili stanno combattendo contro altri civili, che è un altro segnale che i ribelli non sono poi così popolari tra i libici.
  • L’agenzia Cinese Xinhuanet è il primo media a portare la notizia che Misurata era stata liberata dei ribelli dalle tribù vicine e dalla Green Army libica, la notizia che è stato riportata anche da un sito francese. Altre fonti confermano ed emerge che le tribù vicino a Misurata sono unite e con l’esercito libico hanno preso il controllo della maggior parte di Misurata compreso il centro e il porto.
  • Khalifa Hefter, comandante dei ribelli, già agente della CIA, indiziato fortemente per l’assassino del generale Younis sarebbe caduto nelle mani delle forze libiche, catturato dalla gente di Tawerga che entrava nella città di Misurata la scorsa notte… aspettiamo conferme definitive.[ @LibyanLiberal LibyanLiberal – Khalifa Hefter captured by the people of Tawergha that entered the Misrata city last night. #Libya #misrata #NTC]
  • Nella giornata del 13 agosto la Nato ha reso noto di aver distrutto dei mezzi militari dell’esercito libico tra cui un tank a Zawiyah; non ha rettificato poi che il tank e gli altri mezzi militari erano stati catturati dai ribelli. I golpisti di Benghasi sono stati investiti quindi da missili Nato che hanno distrutto i mezzi, almeno quattro ribelli sono deceduti e diversi altri sono rimasti gravemente feriti dal “fuoco… amico”.

Preso da: https://gilguysparks.wordpress.com/2011/08/16/libyan-cronicles-2-1-0/

Diario dalla Libia 2011: chiarire le ultime notizie spazzatura dei media sulla Libia

16 Agosto 2011 da lizziephelan
traduzione di Levred

Mentre i giornalisti che soffrono di claustrofobia all’interno dell’hotel Rixos a Tripoli, pubblicano i loro sogni che i servi dell’imperialismo (i ribelli / ratti) hanno preso Zawiya, Ghuriyan e Sorman, essi ignorano un momento decisivo nella crisi.
Questo è la liberazione della zona di Misratah fino ad ora in mano ai ribelli. La notte scorsa l’esercito libico si è spostato nel centro della città e ora i ribelli sono intrappolati tra Misratah e Tawergha. Il 75 per cento della città è stato assicurato incluso il porto, che è stata un’ancora di salvezza per i ribelli per ricevere spedizioni di armi e altri rifornimenti, oltre ad essere una via di trasporto fondamentale per loro.
Lo ha confermato oggi il portavoce del governo Dr. Ibrahim Moussa in una conferenza stampa dai leader tribali di oltre 200 tribù libiche. Questo include quattro dei leader di quattro delle più grandi tribù libiche che costituiscono la metà della popolazione libica: Warfalla, Tarhouna, Zlitan, Washafana. Hanno tutti sostenuto il leader Muammar Gheddafi.

I leader delle tribù libiche alla conferenza stampa

Il leader della tribù Tawergha
I leader tribali hanno inoltre confermato che Zawiya, Ghuriyan e Sorman sono sicure, in contrasto con le affermazioni, provenienti dai giornalisti stranieri a Tripoli e a Djerba (Tunisia), che sono state prese dai ribelli. Ci sono sacche di ribelli in queste zone, ma essi sono isolati e circondati dall’esercito libico e dalle tribù libiche. Ma, naturalmente, le affermazioni di alcuni giornalisti mainstream che non hanno con sé alcuna conoscenza della Libia determineranno l’opinione pubblica orientalista dell’Occidente. Queste affermazioni stanno in contraddizione stridente con i rapporti delle tribù libiche che naturalmente conoscono la loro terra con una grande intimità.
E ‘chiaro che queste affermazioni sono state progettate per cercare di sollevare il morale dei ribelli, che vanno solo da un disastro all’altro, e anche per cercare di creare il panico tra la popolazione libica. Inoltre, loro hanno dovuto disperatamente cercare di ottenere qualche vittoria prima del 17 agosto (17° giorno di Ramadan), una data molto importante nel calendario islamico. Questa è stata la data della vittoria del Profeta Muhammad nella battaglia di Badr.
Tuttavia, tutti gli sforzi della stampa internazionale per creare confusione e panico sulla terra di Libya sono anche sempre state rapidamente rovesciati dopo un discorso del leader Muammar Gheddafi. Questo è stato consegnato ieri sera per telefono ai sostenitori che erano accorsi nella Piazza Verde. Ha ribadito i suoi appelli al popolo libico a rimanere saldo nello sconfiggere gli alleati della NATO a terra e la stessa NATO.
Così la guerra mediatica continua. E nel caso qualcuno stia ancora effettivamente guardando Al Jazeera, che è stata al centro della cospirazione contro la Libia, qui Afshin Rattansi di Press TV manda in onda filmati di un incontro editoriale di Al Jazeera con l’emiro del Qatar e nientemeno che uno con Tzipi Livni di Israele.
Giusto per chiarire alcune delle più merdose notizie che escono sulla stampa internazionale: Il ministro degli Interni Nassr al-Mabrouk, che la stampa occidentale pretende abbia “disertato” (n.d.t. in Italia lo ha sostenuto Rai News ieri 15.08.2011) è ***in onda ***  in questo momento (03:05 ora libica) sul talkshow più popolare di Libia a dire che aveva lasciato (n.d.t. il suolo libico) perché aveva necessità di andare per un’operazione e che lui è ancora al 100 per cento con Gheddafi.
Infine, stiamo ancora aspettando la conferma assoluta di rapporti secondo cui il comandante ribelle Khalifa Hefter sarebbe stato catturato da forze pro-Gheddafi. Ciò, ovviamente, getterebbe i ribelli in un caos ulteriore dopo l’assassinio dell’altro ex generale ribelle Abd al Fatah Younis da parte di Al Qaeda (che attraversa tutti i ranghi dei ribelli). Hefter stava vivendo in Virginia per 20 anni, lavorando come agente della C.I.A., fino a che non è iniziata la crisi quando è rapidamente ritornato in Libia per unirsi al Consiglio Nazionale di Transizione.