Libia 2011: Giornalisti britannici sono accusati da un gruppo di miliziani di spionaggio in Libia (ITA-ENG)

The Guardian
[04.03.2012] di Chris Stephen        (trad. di Vera Zasulich per GilGuySparks)
Due giornalisti britannici, arrestati il mese scorso da un gruppo di una milizia libica, in diretta sfida all’autorità del nuovo governo del paese, sono stati accusati di spionaggio.
La milizia ha inscenato a tarda notte una conferenza stampa in un hotel di Tripoli per svelare ciò che essi hanno definito essere prove di attività improprie.
Gareth Montgomery-Johnson, di 36 anni, e il giornalista Nicholas Davies, di 37, che lavorano per la Press TV iraniana di proprietà statale, sono stati arrestati il 23 febbraio da una milizia di Misurata con sede a Tripoli.
Il dr. Fortia Suleiman, membro di Misrata del Consiglio Nazionale di Transizione che governa la Libia, ha detto che la milizia aveva l’autorizzazione del governo per detenere gli uomini perché [i miliziani] rappresentavano la “Rivoluzione del 17 febbraio“, data in cui è iniziata la rivoluzione libica lo scorso anno.
Faraj al-Swehli

Siamo tutti parte del governo, le milizie e il governo sono insieme“, ha detto Fortia.
I servizi di intelligence di tutto il mondo hanno la facoltà di trattenere i sospetti mentre indagano su di loro“.
Ha citato l’esempio del comandante della milizia di Tripoli, Abdul Hakim Belhaji, che è stato arrestato dagli Stati Uniti nel 2004, accusato di terrorismo, in un’operazione nella quale, ha detto Belhaji, la Gran Bretagna era complice.
La detenzione dei due uomini ha già suscitato le proteste di Amnesty International, che ha chiesto che il governo libico prenda in custodia gli uomini e chiami la milizia a renderne conto.
In una conferenza stampa a volte incoerente, Fortia, affiancato da miliziani in mimetica, ha mostrato ciò che ha riferito essere materiale sospetto, trovato sui due uomini. Ciò includeva un bendaggio da campo in un involucro nero che ha affermato essere sospetto in quanto “made in Israele” ed elenchi dei membri della milizia di Tripoli uccisi negli scontri dello scorso anno.
Inoltre ha mostrato, che erano state trovate, ancora addosso agli uomini, fotografie di miliziani libici in pose da combattimento, una fotocopia di un permesso di soggiorno iraniano in uno dei passaporti degli uomini e quello che sembra essere una scaletta di un montaggio televisivo. Alla domanda su cosa vi era di sospetto negli oggetti, Fortia ha detto che sarebbero state necessarie “ulteriori indagini“.
La milizia ha poi proiettato un filmato trovato nei computer dei due uomini, consistente in ciò sembrava essere un filmato che mostrava i due uomini ballare in piazza dei Martiri di Tripoli sopra una colonna sonora musicale.
Avevano anche materiale pornografico“, ha detto Fortia.
Ha detto di aver informato i ministeri degli interni e della difesa della Libia e di non aver ricevuto alcuna lamentela circa la loro decisione di continuare a detenere gli uomini. “Tutti [i ministeri] sanno ciò che fanno“.
Nessun ministero dispone di un ufficio stampa e nessun funzionario era disponibile per un commento domenica notte.
Abbiamo la totale responsabilità della sicurezza a Tripoli“, ha detto Faraj al-Swehli, il comandante della milizia.
Fortia ha detto che gli uomini sarebbero rimasti in detenzione presso l’ex accademia militare femminile sul lungomare di Tripoli e che sarebbero state necessarie ulteriori indagini per determinare se fossero spie.
E ‘troppo presto per decidere. Questo è un qualcosa che sarà stabilito dopo ulteriori investigazioni“.
Swehli ha detto: “Dobbiamo proteggere la Rivoluzione del 17 febbraio e non tutti coloro che portano una macchina fotografica sono in realtà dei giornalisti.”
Il loro annuncio provocherà preoccupazione tra i diplomatici, già preoccupati per l’incapacità delle autorità libiche di frenare le milizie, dopo la pubblicazione di un filmato che mostra una milizia compiere atti vandalici in un cimitero di guerra britannico.
La milizia di Swehli la scorsa settimana ha visto il suo principale posto di controlllo a Misurata attaccato da altre milizie del Consiglio militare della città, che la accusavano di tenere prigionieri sotto detenzione illegale.
Per lunedì sono previste a Tripoli proteste da parte dei cittadini contro la presenza continua nella città di milizie di Misurata e di altre unità provenienti dall’esterno della capitale libica, che dicono essere una minaccia per la sicurezza.
***********************************************************************
  • British journalists accused by militia group of spying in Libya
Two British journalists arrested last month by a Libyan militia group in a direct challenge to the authority of the country’s new government have been accused of spying.
The militia staged a late-night press conference in a Tripoli hotel to unveil what they said was evidence of improper activities.
Gareth Montgomery-Johnson, 36, and reporter Nicholas Davies, 37, who work for Iran’s state-owned Press TV, were arrested 23 February by a Misrata militia based in Tripoli.
Dr Suleiman Fortia, a Misratan member of Libya‘s ruling National Transitional Council, said the militia had government authority to hold the men because they represented the “February 17 Revolution”, the date on which Libya’s revolution began last year.
“We are all part of the government, the militias and government are together,” said Fortia. “Intelligence services around the world have the authority to hold onto suspects while they are investigating them.” He cited the example of Tripoli’s militia commander, Abdul Hakim Bilhaj, who was detained by the United States in 2004 accused of terrorism in an operation Bilhaj has said Britain was complicit.
The detention of the two men has already prompted protests from Amnesty International, which has demanded that the Libyan government take custody of the men and call the militia to account.
In a sometimes rambling press conference, Fortia, flanked by camouflaged militiamen, showed what he said was suspicious material found on the two men.
This included a field dressing in a black wrapper which he said was suspicious because it was “made in Israel” and lists of Tripoli militia members killed in clashes last year.
Also presented were still photographs found on the men of Libyan militiamen in combat poses, a photocopy of an Iranian residence permit in one of the men’s passports and what appeared to be a television editing script. Asked what was suspicious about the items, Fortia said “further investigation” would be necessary.
The militia then screened footage found in the two men’s computers, consisting of what appeared to be home movies showing the two men dancing in Tripoli’s Martyr’s Square over a music soundtrack.
“They also had pornography,” said Fortia.
He said he had informed Libya’s interior and defence ministries, and had received no complaints about their decision to continue detaining the men. “They [the ministries] all know what they are doing.”
Neither ministry has a press office and no officials were available for comment on Sunday night.
“We have the total responsibility for security in Tripoli,” said Faraj al-Swehli, the militia commander.
Fortia said the men would remain in detention in the former women’s military academy on Tripoli’s beachfront and that more inquiries would be needed to determine if they were spies. “It is too early to decide. This is something that will be proved after further investigations.”
Swehli said: “We have to protect the 17 February Revolution and not everyone who carries a camera is really a journalist.”
Their announcement will cause concern among diplomats already worried about the inability of Libya’s authorities to rein-in militias, following the release of video footage showing a militia near Benghazi vandalising a British war graves site.
Swehli’s militia last week saw its main checkpoint in Misrata attacked by other militias of the city’s military council, who accused it of holding captives in illegal detention.
Protests are planned for Monday by Tripoli citizens against the continued presence in the city of militias from Misrata and other units from outside the Libyan capital, who they say are a threat to security.

http://www.guardian.co.uk/world/2012/mar/04/british-journalists-accused-spying-libya

Libia 2011: detenuti torturati e negate cure mediche

  • Libia: detenuti torturati e negate cure mediche

[26.01.2012] trad. di Vera Zasulich per GilGuySparks


I detenuti nella città libica di Misurata vengono torturati e sono loro negate cure mediche urgenti, inducendo Médecins Sans Frontières (MSF – Medici Senza Frontiere) a sospendere i suoi interventi nei centri di detenzione a Misurata.

Equipe di Medici Senza Frontiere hanno iniziato a lavorare nei centri di detenzione di Misurata nel mese di agosto 2011 per curare i feriti di guerra detenuti. A partire da quel momento, sempre più frequentemente i medici di MSF si trovano di fronte a pazienti che hanno subito lesioni causate da torture nel corso di interrogatori, svolti al di fuori dei centri di detenzione. Gli interrogatori erano condotti al di fuori dei centri di detenzione. In totale, MSF ha curato 115 persone con ferite riconducibili a tortura e hanno segnalato tutti i casi alle autorità competenti a Misurata.

Pazienti risottoposti a tortura

Da gennaio, parecchi dei pazienti ricondotti ai centri di interrogatorio sono stati nuovamente torturati.

Alcuni funzionari hanno cercato di sfruttare e ostacolare il lavoro medico di MSF“, spiega il direttore generale di MSF, Christopher Stokes.
Ci son stati portati pazienti per le cure mediche tra le sessioni di interrogatorio, in maniera tale che fossero in grado di sostenere un ulteriore interrogatorio. Questo è inaccettabile. Il nostro ruolo è quello di fornire assistenza medica alle vittime di guerra e ai detenuti malati, non di curare più volte gli stessi pazienti tra le sessioni di tortura“.

Alle equipe mediche di MSF è stato anche chiesto di curare i pazienti nei centri di interrogatorio, cosa alla quale è stato opposto un netto rifiuto da parte dell’organizzazione.

Casi allarmanti

Il caso più allarmante si è verificato il 3 gennaio 2012, quando i medici MSF hanno curato un gruppo di 14 detenuti di ritorno da un centro di interrogatorio, situato al di fuori delle strutture di detenzione.
Nonostante le precedenti richieste di MSF per l’immediata cessazione della tortura, nove dei 14 detenuti avevano subito numerose ferite e presentavano evidenti segni di essere stati torturati.
Il team di MSF ha informato il National Army Security Service – l’agenzia responsabile degli interrogatori – che un certo numero di pazienti necessitava di essere trasferito in ospedali per cure urgenti e specialistiche.
Tutti, tranne uno dei detenuti, sono stati ancora una volta privati ​​di cure mediche essenziali e sono stati sottoposti a interrogatori e a nuove torture al di fuori dei centri di detenzione.

MSF esige la fine immediata della tortura

Dopo l’incontro con diverse autorità, MSF ha inviato una lettera ufficiale, il 9 gennaio 2012, al Consiglio militare di Misurata, al Comitato per la sicurezza Misurata, al Servizio di Sicurezza dell’Esercito Nazionale e Consiglio Civile Locale di Misurata, esigendo ancora una volta la cessazione immediata di qualsiasi forma di maltrattamento dei detenuti.

Non è stata presa alcuna misura concreta“, ha riferito Stokes. “Invece, il nostro team ha ricevuto quattro nuovi casi di tortura. Siamo quindi giunti alla decisione di sospendere le nostre attività mediche nei centri di detenzione“.

MSF lavora a Misurata dal mese di aprile 2011, nel bel mezzo del conflitto libico.
Dal mese di agosto 2011, MSF lavora nei centri di detenzione di Misurata, trattando i feriti di guerra, eseguendo interventi chirurgici, ortopedici e effettuando visite di controllo a persone che hanno subito fratture ossee.

Le equipe mediche di MSF hanno effettuato 2.600 consulti, tra cui 311 per trauma violento.
MSF continuerà le sue attività di sostegno alla salute mentale nelle scuole e nelle strutture sanitarie a Misurata, oltre ad assistere 3.000 migranti africani, rifugiati e sfollati all’interno di Tripoli e nei dintorni.
MSF è un’organizzazione internazionale umanitaria medica che lavora in Libia dal 25 febbraio 2011.
Per garantire l’indipendenza della sua attività medica, MSF conta esclusivamente su donazioni private per finanziare le sue prestazioni in Libia e non accetta alcun finanziamento da parte di governi, enti donatori, o gruppi militari o politici.

http://www.msf.org.uk/libyaprison360112_20120126.news

______________________________________________________________________

  • Libya: Detainees tortured and denied medical care

Date Published: 26/01/2012 08:56

Detainees in the Libyan city of Misrata are being tortured and denied urgent medical care, leading Médecins Sans Frontières MSF (Doctors Without Borders) to suspend its operations in detention centres in Misrata.

A physiotherapy session in a Libya prison, September 2011.

MSF physiotherapy session in a Libyan detention centre. September 2011. © Benoit Finck

MSF teams began working in Misrata’s detention centres in August 2011 to treat war-wounded detainees.

Since then, MSF doctors have been increasingly confronted with patients who have suffered injuries caused by torture during interrogation sessions.

The interrogations were held outside the detention centres.

In total, MSF has treated 115 people with torture-related wounds and reported all the cases to the relevant authorities in Misrata.

Patients returned to torture

Since January, several of the patients who were returned to interrogation centres have been tortured again.

“Some officials have sought to exploit and obstruct MSF’s medical work,” says MSF General Director Christopher Stokes.

“Patients were brought to us for medical care between interrogation sessions, so that they would be fit for further interrogation.

“This is unacceptable. Our role is to provide medical care to war casualties and sick detainees, not to repeatedly treat the same patients between torture sessions.”

MSF medical teams were also asked to treat patients inside the interrogation centres, which was categorically refused by the organisation.

Alarming cases

The most alarming case occurred on 3 January 2012 when MSF doctors treated a group of 14 detainees returning from an interrogation centre located outside the detention facilities.

Despite previous MSF demands for an immediate end to torture, nine of the 14 detainees suffered numerous injuries and displayed obvious signs of having been tortured.

The MSF team informed the National Army Security Service – the agency responsible for interrogations – that a number of patients needed to be transferred to hospitals for urgent and specialised care.

All but one of the detainees were again deprived of essential medical care and were subjected to renewed interrogations and torture outside the detention centres.

MSF demands immediate end to torture

After meeting with various authorities, MSF sent an official letter on 9 January 2012 to the Misrata Military Council, the Misrata Security Committee, the National Army Security Service and the Misrata Local Civil Council, again demanding an immediate stop to any form of ill treatment of detainees.

“No concrete action has been taken,” says Stokes. “Instead, our team received four new torture cases. We have therefore come to the decision to suspend our medical activities in the detention centres.”

MSF has been working in Misrata since April 2011, in the midst of the Libyan conflict. Since August 2011, MSF has worked in Misrata’s detention centres, treating war-wounded, performing surgeries, and providing orthopaedic follow-up care to people who had suffered bone fractures.

MSF medical teams have carried out 2,600 consultations, including 311 for violent trauma.

MSF will continue its mental health support activities in schools and health facilities in Misrata, in addition to its assistance to 3,000 African migrants, refugees and internally displaced people in and around Tripoli.


MSF is an international humanitarian medical organisation which has worked in Libya since 25 February 2011.

To ensure the independence of its medical work, MSF relies solely on private donations to finance its activities in Libya and does not accept any funding from governments, donor agencies, or military or political groups.

http://www.msf.org.uk/libyaprison360112_20120126.news

_______________________________________________________________________

  • Le torture delle belve di Bengasi e Misrata (Le SS della NATO)

La mole straordinaria di prove fotografiche e filmate, di testimonianze dirette sulle atrocità commesse durante la guerra civile libica da parte delle forze golpiste ribelli, avrebbe dovuto portare il tribunale dell’Aia ad istruire un processo contro i macellai di Bengasi e Misurata. Il fatto che non lo abbia fatto e che non lo farà mai, conferma che si tratta di un tribunale politico che si impegna solo contro coloro che vengono indicati dalle potenze occidentali. I criminali di guerra, quando svolgono dei servigi agli statunitensi, e in generale ai sistemi capitalistici occidentali, hanno l’impunità completa, qualsiasi crimine abbiano perpetrato ai danni di prigionieri, donne, bambini o anziani. Basti ricordare i casi dei nazisti: Klaus Barbie (il boia di Lione), Josef Menghele (l’angelo della morte), Reinhard Gehlen (generale tedesco), Martin Bormann (segretario personale di Adolf Hitler) premiati dagli statunitensi alla fine della guerra con incarichi in funzione anticomunista.

Nei giorni dedicati alla memoria non dimenticheremo le belve naziste del presente.

Ecco perché le belve della finta rivoluzione libica devono essere giudicate per crimini contro l’umanità assieme ai loro padrini della Nato…

Preso da: https://gilguysparks.wordpress.com/2012/01/26/libia-detenuti-torturati-e-negate-cure-mediche/

Criminali di guerra e contro l’umanità: le torture

9 novembre 2011

  • Criminali di guerra e contro l’umanità: le torture

Les rebelles soutenus par les grands démocrates européens et américains.
Ils torturet le colonel de l’armée libyenne Ali Bechti.

I ribelli sostenuti dai grandi democratici europei e americani, torturano il colonnello dell’esercito libico Ali Bechti.

________________________________________________________________________

  • I ribelli della Nato torturano un abitante di Tawergha

I ribelli di Misurata, campioni dei diritti umani, torturano un abitante di Tawergha.
Tawergha
, una cittadina 25 miglia a sud abitata per lo più da libici neri, un lascito delle sue origini dal 19° sec. come città di transito nella tratta degli schiavi. Prima dell’assedio, quasi quattro quinti degli abitanti del quartiere Ghoushi di Misrata erano nativi Tawergha. Ora se ne sono andati o sono nascosti, temendo attacchi di rappresaglia da parte degli abitanti di Misrata, dopo la notizia dei premi per la loro cattura. Il Wall Street Journal riportava la notizia che ad agosto Ibrahim al-Halbous, un leader dei comandanti ribelli in lotta vicino a Tawergha, diceva a tutti i residenti rimanenti che dovevano lasciare la città una volta che i suoi combattenti l’avessero catturata. Dovrebbero fare le valigie”, aveva detto Halbous. “Tawergha non esiste più, solo Misrata. Mentre altri capi dei ribelli chiedevano misure drastiche come la messa al bando dei nativi Tawergha che da sempre lavorano, vivono e mandano i figli alle scuole di Misrata. Sulla strada fra Misurata e Tawergha, uno slogan ribelle recitava “la brigata per lo spurgo degli schiavi, abbiamo soppiantato gli sgorbi dalla pelle nera pro-Gheddafi.”

Ora la comunità nera di Tawergha è stata cacciata dalle proprie case, nel quadro di quella pulizia etnica prima annunciata e poi messa in atto; queste migliaia di famiglie di libici di colore hanno perso tutto quello che possedevano: le loro abitazioni sono sate dapprima saccheggiate e poi date fuoco. Ora vivono accampati in diversi campi in condizioni di estrema indigenza e continuamente sottoposti alle violenze dei ribelli democratici che sequestrano gli uomini per torturali e ucciderli, con falsi pretesti, metre diverse donne negono rapite dagli stessi campi per essre stuprate, seviziate ed uccise brutalmente.

Queste criminali milizie ribelli, sostenute dalla Nato, hanno già torturato brutalmente e ucciso miglia di civili inermi e di soldati prigionieri. Le organizzazioni per i diritti umani non segnalano, nè rilevano questi crimini, dimostrando di essere un altro strumento di propaganda delle potenze imperialiste; infatti in numerosissime occasioni, quando a commetere i crimini contro l’umanità erano stati i ribelli ci è stato, invece, raccontato con menzogne, ampiamente smascherate e che la massa ignora, che a commetterli erano stati i militari di Gheddafi.
(Segnalo, per chi non lo conoscesse già, il pregevole lavoro di investigazione e ricerca sui crimini contro i diritti umani e contro la verità in Libia, svolto dal bloggher americano indipendente, Adam J. Larson alias Caustic Logic, di Spokane nello stato di Washington, USA, che ha raccolto una mole straordinaria di documenti fotografici e filmati incrociando migliaia di fonti documentarie, e smascherando in maniera esemplare e quotidiana quello che  è successo e sta succedendo in Libia. [ http://libyancivilwar.blogspot.com/ ] )

  • La CNN si chiede solo ora cosa sia successo a Tawergha

…per avere una risposta basterebbe che il giovane giornalista della CNN, sbarbato e profumato, si sporcasse le scarpe andando nei campi per poter raccogliere le testimonianze degli sfollati sopravvissuti di Tawergha…

  • Libye – Un jeune homme Libyen de Taouerga a été torturé par ce qu’il est noir (9 novembre 2011)

Publié le 09/11/2011 à 13:26
Libye – Un jeune homme Libyen de Taouerga a été torturé par ce qu'il est noir (9 novembre 2011)

ALGERIA ISP / Selon Chabab Libya EL Ahrar, un jeune homme de 24 ans, monsieur Ibrahim Khaled, qui est un chauffeur de taxi de la ville de Taouerga a été enlevé par le bataillon de Misrata.

Ils l’ont humilié et torturé parce que il est libyen NOIR de Taouerga !!

Cette haine contre les libyens de peau noir en Libye a été crée par Eljazeera et ses commanditaires en lançant des rumeurs que le guide Kadhafi a recruté des mercenaires africains.

http://www.algeria-isp.com/actualites/politique-libye/201111-A6965/libye-jeune-homme-libyen-taouerga-ete-torture-par-est-noir-novembre-2011.html

______________________________________________________________________________________

  • Grazie NATO! I ribelli portano avanti la pulizia etnica

___________________________________________________________________________________________

  • La caccia al “negro” del CNT, iniziata a febbraio, continua fino ad oggi

Preso da: https://gilguysparks.wordpress.com/2011/11/09/criminali-di-guerra-le-torture/

Libia 2011 : il terrore corre sul filo

  • Telefonata intercettata tra il portavoce del CNT e il comandante dei ribelli di Misurata  trad. levred

Questa telefonata intercettata [18.09.2011] tra un leader ribelle di Misurata e il portavoce militare del CNT, il colonnello Ahmed Bani è una disputa che mostra le numerose bugie e l’ipocrisia dei ribelli. Essa conferma diversi fatti:

– Si parla della presenza delle truppe americane e francesi all’interno di Tripoli e Misurata, e ammettono chiaramente che le truppe straniere erano impegnate nell’attacco e nell’occupazione di Tripoli, e sono ancora lì.


– Un conflitto principale tra la Brigata di Misurata e il CNT a Bengasi, su come la Brigata di Misurata sia percepita da Bengasi, la riduzione al minimo del suo ruolo nei combattimenti. Il comandante di Misurata sembra davvero stanco di sentire il portavoce militare gongolante in televisione e nelle news, parlando di un cosiddetto nuovo esercito nazionale, mentre, senza l’aiuto di Bengasi, vengono schiacciati dalle truppe di Gheddafi. Dice “Il tuo cosiddetto Esercito Nazionale è stato completamente schiacciato a Dafniya dalle truppe di Gheddafi, e hanno preso tutte le armi e i veicoli blindati. Non esiste più un esercito nazionale. Dove si trova il tuo esercito nazionale a Sirte? Stai parlando di quelli fuori in attesa di sfilare per la TV e le fotografie? Un comandante come te dovrebbe venire sul campo di battaglia, non andare a sfilare in TV! Smettete di agire come gli americani e i francesi, come Sarkozy che fa la sfilata mentre la guerra è ancora in corso nel paese. Vieni sul campo di battaglia!

– Ahmed Bani, portavoce del CNT, gli risponde sul funzionamento dell’operazione psicologica e sulle sue intenzioni per l’uso del termine “nuovo esercito nazionale”, dice che il mondo intero sta temendo una situazione di guerriglia in Libia, teme Al Qaeda e lotte fratricide tra le diverse fazioni. La comunità internazionale non deve vedere i ribelli libici come un gruppo di diverse fazioni, milizie e brigate, per cui usa il termine “Esercito libico”, per far finta che la Libia è ok, che la situazione è sotto controllo, e che ci sono solo piccole sacche di combattenti pro-Gheddafi da sconfiggere.

Così cercano di convincere gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Francia che un esercito libico è in costruzione, blablabla …

– Il comandante di Misurata lo ferma, dicendogli che gli Stati Uniti e Francia sono molto ben informati sulla situazione sul terreno, dal momento che sono con loro sul campo. Essi erano a Tripoli durante l’assalto, e sono ancora lì. Dice che solo nella sua brigata, vi è un gruppo di intelligence straniero di 12 americani delle Operazioni Speciali e 6 francesi (spie?), che stanno dando tutte le informazioni, tramite internet e stampa (?). Quindi la situazione è piuttosto chiara per loro, non c’è bisogno di fingere che ci sia un nuovo esercito libico.

– Una disputa sulle armi e le “truppe” o i “mercenari” dal Qatar. “Dove sono le armi dal Qatar, dove sono le truppe quando ne abbiamo bisogno?“, Dice il ribelle di Misurata. Carenza di truppe di supporto e di armi da Bengasi, mentre hanno dato loro 150 milioni (?) per essa; Il comandante di Misurata dice che non hanno ottenuto le armi che erano state promesse mentre loro sanno che sono a Bengasi. Lui giura che ciascuno di questi a Bengasi che hanno tradito la brigata di Misurata pagherà un duro prezzo e che la ‘rivoluzione’ riuscirà, con o senza di loro. Lui dice che anche se il colonnello Bani finge di non aver tradito, deve sistemare la situazione e dare ciò che loro hanno promesso alla brigata di Misurata, mentre lui è al comando.

– Il comandante di Misurata dice che Bengasi deve loro dei soldi e rispetto per i ‘martiri’ di Misurata, i feriti e le amputazioni, per tutto quello che hanno fatto, compreso distruggere l’esercito di Gheddafi a Misurata e nelle aree vicine.
Pensa alle armate che abbiamo distrutto (?) o uomo, che abbiamo distrutto 16 battaglioni a Misurata, ci sono fosse comuni di militari di Gheddafi, ma non siamo tenuti a parlarne. Chi li ha distrutti? E si sta parlando di un esercito nazionale?! Dove si trova il vostro esercito nazionale di Bengasi? Stiamo ricevendo perdite importanti in questo momento. Le ambulanze e gli aerei sono pieni di nostri feriti; gli ospedali sono pieni di ribelli a Misurata! Dov’è l’aiuto proveniente dal Qatar? Dove sono le armi provenienti dal Qatar? Voi ragazzi ci state escludendo dalla Libia come se fossimo Bangladesh. State facendo peggio di Gheddafi, dimenticandovi di noi e mettendoci da parte.

Fonti: https://twitter.com/#!/MuammarLGaddafi/status/115408340133220352
http://justpaste.it/luzbek

Preso da: https://gilguysparks.wordpress.com/2011/09/23/il-terrore-corre-sul-filo/

Cronache dalla Libia 13

29 agosto 2011

“Per quanto critiche possano essere la situazione e le circostanze in cui vi trovate, non disperate; è proprio nelle occasioni in cui c’è tutto da temere che non bisogna temere niente; è quando siamo circondati da pericoli di ogni tipo che non dobbiamo averne paura; è quando siamo senza risorse che dobbiamo contare su tutte; è quando siamo sorpresi che dobbiamo sorprendere il nemico.” (Sun Tzu -L’arte della guerra)

“Nella società degli spettacoli il vero non è che un momento del falso”
(Guy Debord)

“Ci siamo seduti dalla parte del torto perchè tutti gli altri posti erano occupati” (Bertold Brecht)

________________________________________________________________________

  • Ad Ovest la TV sulla Libia tace, distorce e mente [29.08.2011]
    “Argumenty.ru” Alexander Grigoriev
Libya: The massacre, the cover-up. What is going on?

“Sembra che stiamo lavorando alla televisione sovietica. La censura è totale, il tutto coordinato con l’ufficio di Londra. Hanno scattato una foto a Tripoli nella zona che controllano i ribelli; le persone uccise erano in abiti civili e disarmati, ma con segni di tortura. Viene distillata in ufficio. Esce con la didascalia: <<L’esercito di Gheddafi ha ucciso gli abitanti di Tripoli>>.
Ho chiamato, dicendo, non c’è l’esercito di Gheddafi in questa regione, è dove gli islamisti controllano tutto completamente. Risposta: “Lo sappiamo bene qui!”.
E’ così ogni storia “.

http://vimeo.com/28305143

_______________________________________________________________________

  • Secondo fonti di stampa russa[29.08.2011] a Benghasi combatte un ex ufficiale sovietico e poi russo, Ilya Korenev, ora colonnello delle forze speciali libiche, il quale dichiara in una lettera che: “Diverse piccole unità di ribelli hanno cercato questa sera di avvicinarsi in ricognizione, ma sono stati distrutte. Allo stesso tempo in aria sorvolava la città un drone telecomandato da ricognizione (UAV), che ha svelato le difese della città. Dopo un’ora su quei punti sono stati tracciati attacchi aerei. Tuttavia, i difensori della città, avevano già lasciato le loro posizioni. I bombardamenti della Nato per intensità sono paragonabili a quelli della guerra del ’95. Sparano su tutto ciò che si muove. Vogliono radere al suolo Benghasi”.
    НАТО стирает Сирт с лица земли

__________________________________________________________________

_______________________________________________________________

  • MATRIX LIBYA

http://vimeo.com/28174161

_______________________________________________________________

  • I rivoluzionari di Misurata criminali di guerra

_________________________________________________________________

  • Uno  dei più evidenti crimini dei golpisti di Benghasi: l’arresto di militari libici e la loro esecuzione sommaria. (I nostri telegiornali ci hanno fatto vedere le due parti del filmato separatamente istruendoci per la prima parte che si trattava dell’arresto di mercenari del centro Africa; mentre nel mostrare, in un secondo momento, i cadaveri, legati mani e piedi e giustiziati alla maniera delle SS con un colpo di pistola alla testa, ci hanno raccontato la fola che si trattava dell’esecuzione fatta  dai lealisti di Gheddafi di militari ammutinatisi perchè si erano rifiutati di sparare sui civili…[marzo 2011] )

___________________________________________________________________

  • Ecco chi ama mutilare i propri nemici, carbonizzarne i resti e posare con i trofei; macabra riprova di chi siano gli alleati della NATO

________________________________________________________________

  • E’ dura essere neri in Libya…

Non un mercenario ma un semplice soldato libico del sud…

Quello che i nostri tg hanno presentato come un mercenario era solo un poliziotto…

Il linciaggio di un nero a Benghasi… giusto per far capire che diritto verrà applicato in Libya

____________________________________________________________________

  • I ribelli golpisti e fascisti di Benghasi hanno una malsana passione per le torture degli inermi, le mutilazioni, l’ostentazione della barbarie: un assaggio della nuova Libya, quella monarchica amata dai francesi, inglesi, italiani e americani…

_________________________________________________________

Preso da: https://gilguysparks.wordpress.com/2011/08/29/libyan-chronicles-13-0/

Sirte 2011: un massacro umanitario annunciato

Marinella Correggia, 3 settembre 2011, LibyanFreePress

ASSEDIO A SIRTE

A metà maggio Aisha Mohamed era in transito nella tunisina Djerba. Aveva finito un anno di specializzazione in Gran Bretagna e aveva scelto di andare a condividere la guerra con la sua famiglia, che stava subendo la guerra. A Sirte. Se è ancora là, Aisha è in trappola.

La Guernica libica sarà forse Sirte, o le altre città “nemiche” non ancora conquistate dalla Nato-Cnt? “In Libia i bombardamenti e la guerra continuano. Ci sono Sirte, Ben Walid, Sebha, Brega” dice dalla capitale della – ex? – Jamahiriya un amico sub-sahariano che adesso aspetta l’evacuazione.

Acqua e viveri tagliati

Alla popolazione di Sirte, la Nato e il Consiglio nazionale di transizione (Cnt) hanno concesso alcuni giorni per la resa, pena l’assalto finale. Secondo il messaggio – certo non verificabile – alla rivista Argumenti.ru, mentre le forze del Cnt assistite da forze speciali estere circondano l’area e respingono dentro le famiglie di civili che cercano di fuggire, dall’alto piovono i bombardamenti dell’operazione Unified Protector, che sotto il mandato dell’Onu che imponeva una no-fly zone “deve continuare la sua missione di proteggere i civili” come ha affermato il 30 agosto la sempre surreale portavoce Nato Oana Longescu.

Secondo la denuncia del superstite portavoce governativo Mussa Ibrahim all’agenzia cinese Xinua, a Sirte una pioggia di razzi piovuti sui fedeli nell’ultimo giorno di ramadan avrebbe ucciso un migliaio di persone. Se anche fossero cento, o cinquanta, sarebbe comunque troppo.

Non solo: i bombardamenti hanno azzerato gli approvvigionamenti in acqua, cibo ed elettricità. Ecco l’analogia con la sorte di Falluja, che nell’ottobre 2004 fu privata di tutto prima dell’assalto finale dei marines che uccise migliaia di persone arrivando a usare il fosforo bianco.

In grado minore anche Tripoli prima dell’attacco del 21 agosto è stata sottoposta a mesi di assedio: bombardamenti a infrastrutture, sabotaggi di condutture, embargo navale hanno causato carenze di gas, cibo, farmaci, benzina, elettricità e acqua, con conseguenti disagi anche pesanti. Come precisa il sito warisacrime.org, l’assedio viola le Convenzioni di Ginevra, così come i bombardamenti su obiettivi civili; che da luglio la nato considera ufficialmente legittimi.

Misrata e Bengasi: casus belli

Gli armati asserragliati a Sirte e nelle altre città saranno accusati di usare i civili come scudi umani. Invece quando a Misrata erano i ribelli a nascondersi nelle case, la colpa dei morti nel fuoco incrociato e sotto le bombe Nato fu tutta addossata all’esercito libico che circondava la città: si veda il rapporto  di Amnesty International Misrata under Siege, dello scorso aprile. Eppure, molte famiglie di Misurata avevano scelto di rifugiarsi nelle zone lealiste e non a Bengasi.

Dopo due mesi di scontri a terra e guerra dai cieli, Human Rights Watch stimava in alcune centinaia le vittime civili della guerra a Misrata. Proteggere i civili di Misrata era il pretesto fornito dalla Nato per continuare a bombardare la Libia. A Sirte le vittime civili potrebbero già essere molte di più. Ma gli assediati non sono tutti uguali.

Del resto la guerra della Nato è ufficialmente iniziata per rispondere all’assedio di un’altra città: Bengasi. Ricostruisce gli eventi il docente statunitense Maximilian Forte un articolo su Counterpunch proprio richiamando il recente ultimatum: “Tripoli, Sirte e Sabha possono essere sacrificate, e non ci sono proteste nemmeno di fronte ai recenti massacri a Tripoli. Invece Bengasi era per i leader dell’Unione Europa la città sacra”. Obama, Cameron e Sarkozy insieme scrivevano ai giornali: “Con la nostra rapida risposta abbiamo fermato l’avanzata delle forze di Gheddafi. Abbiamo evitato il bagno di sangue che egli aveva promesso alla città assediata. Abbiamo protetto decine di migliaia di vite umane”.

Però allora, sottolinea Forte, “non solo i jet francesi hanno bombardato una colonna di militari libici che era in ritirata, ma si trattava di una colonna ridotta  che comprendeva camion e ambulanze”. E  soprattutto, a parte la retorica di Gheddafi, “non c’erano prove che Bengasi sarebbe stata sterminata: lo deduceva molti mesi fa un altro docente statunitense, Alan J. Kuperman, nel suo articolo “False pretense for war in Libya?” pubblicato sul Boston Globe: “Quando le truppe di Gheddafi hanno riconquistato in gennaio in tutto o in parte diverse città – Zawiya, Misurata, Adjabya, con una popolazione totale ben superiore a quella di Bengasi, non sono avvenuti genocidi…malgrado la diffusa presenza di cellulari per fare video e fotografie, non c’è prova di un massacro deliberato”: in effetti i diecimila morti denunciati ni primi giorni di proteste, nelle successive stime della stessa Corte penale erano scesi a circa duecento (più o meno equamente suddivisi fra le due parti).

Proseguiva Kuperman: “E del resto Gheddafi non aveva minacciato di sterminio nemmeno Bengasi. Il suo ‘senza pietà’ del 17 marzo, secondo lo stesso New York Times si riferiva solo ai ribelli armati, mentre per quelli che si disarmavano era promessa una amnistia”.

Conclude Monteforte: per una amara ironia, le prove dei massacri in Libia si riferiscono alle fasi successive all’intervento Nato. E soprattutto agli ultimi giorni. Lo dimostrano gli stessi reportage da Tripoli dei media mainstream che pure avevano appoggiato la rivolta (una sintesi degli stessi in www.mondialisation.ca/index.php?context=va&aid=26334).

Insomma, come sintetizza Peacelink, la guerra iniziata per salvare Bengasi termina con un altro assedio. La guerra iniziata per “proteggere i civili” termina in un bagno di sangue. La guerra iniziata per i diritti umani termina con la violazione generalizzata degli stessi (persecuzione di neri e “sconfitti”). E la guerra iniziata per la “democrazia” termina con il Cnt che non riconosce in Libia l’esistenza di una parte della popolazione non allineata: “Non abbiamo bisogno di forze dell’Onu per la sicurezza. Qui non è in corso una guerra civile, è un tutto un popolo contro un dittatore” ha dichiarato giorni fa il capo dello stesso Cnt Abdel Jalil.

Marinella Correggia, 3 settembre 2011

Preso da: https://libyanfreepress.wordpress.com/2011/09/03/sirte-un-massacro-umanitario-annunciato/

Cronache dalla Libia 2011,parte 3

Libyan Cronicles 4.0

    • La vergogna dell’informazione totalitaria: una modesta proposta per la crisi… dimezzare lo stipendio dei giornalisti visto che continuano a rifilare veline di servizio di Aljazira e NATO, non svolgono professionalmente il loro compito e non si prendono neppure più la briga di verificare ciò che affermano:

LIBIA: CRIMINI DI GUERRA NATO

_____________________________________________________________________

Misurata 17.08.2011

________________________________________________

    • Da Eleonor en Libya: 18.08.2011 [traduzione levred]
      In primo luogo, è molto importante chiarire la realtà di questi ultimi giorni che è stato “amplificata” per far credere che c’è una grande intensificazione dell’azione dei ribelli. Comunque mi informano da Tripoli che questa informazione è solo parziale e fa parte della strategia di disinformazione, con un obiettivo specifico.
      Tripoli: adesso è estremamente tranquilla, i negozi aperti e gente che lavora come al solito.
      Zawia: completamente calma e sotto il controllo del governo libico.
      Sabrata e Surman: In queste aree ci sono stati scontri tra gruppi di 20 o 30 vetture di ribelli che cercavano di entrare in città, creare problemi mentre la NATO ha bombardato cosicchè l’esercito libico non poteva entrare, ma poi tutta la popolazione di Sabrata ha difeso la città con le proprie armi contro questi piccoli gruppi di mercenari della NATO che cercano di entrare nella città. E ‘molto importante capire che non è uno scontro di due eserciti, bensì di piccoli gruppi di auto che cercando di accedere alla città, creando molti problemi. Come ho detto da Tripoli, i media hanno amplificato quello che è successo a Sabrata perché non hanno mai controllato assolutamente nulla a Sabrata, oltre a questi mercenari hanno un problema ulteriore che impedisce loro di controllare qualsiasi posto perché non hanno il sostegno della popolazione.
      La maggior parte [n.d.t. dei mercenari] non sono nemmeno libici.

La strada tra Tunisi e Tripoli, mi dicono che rimane aperta, ma per una settimana o giù di lì non è al sicuro dalle incursioni dei mercenari che mirano alle automobili. Rimane una strada molto trafficata, ma le vetture destinate al traffico ordinario, per ora, si astengano per la propria sicurezza.                                                                  Bengasi: Le persone che stanno vivendo lì raccontano  che ci sono due livelli di vita, ovvero il gruppo dei dirigenti “dei ribelli armati della NATO” che vivono in un gran lusso e il resto della popolazione, poiché le banche non hanno denaro, che non ha il gas. La gente comune si lamenta della corruzione dilagante e che non ha niente. I gruppi armati entrano nelle case di persone che si sospetta sostengano il governo libico e ne saccheggiano la casa. Ci sono scontri tra estremisti islamici e leader dei “ribelli armati”. All’interno della tribù Yunes vi sono molti problemi e incluso scontri tra di loro. Sembra che Abdul Jalil e i suoi sostenitori abbiano ucciso Yunis e vorrebbero uccidere anche Hafter perché hanno guadagnato un sacco di potere e per mantenerlo usano la loro armata di Al Qaeda. Cioè, vi è una grande guerra tra coloro che l’Occidente considera il legittimo governo della Libia?. E ‘chiaro che per tutti i libici non sono altro che traditori male assortiti e grandi corrotti, guidati da interessi particolari.                                                                     


Misratah. Dopo che il governo libico con l’esercito controllavo la città di Misratah, c’è stato un tentativo da parte della NATO di recuperarla.
La NATO ha inviato 300 mercenari via mare e aria utilizzando come entrata la città di Tawerga per cercare di recuperare Misratah. Son andati fino a Misratah gli elicotteri Apache, aerei della NATO e via mare con 300 mercenari. Tuttavia, la difesa dell’esercito libico è stato sufficiente a mantenere il controllo della città di Misratah.
Tawerga ha sofferto tanto perché la NATO ha usato la città per preparare l’attacco a Misratah.

________________________________________________

________________________________________________

    • Photoshop Rebellion – l’uso di materiali manipolati con Photoshop per ingannare le persone a Tripoli (August 17, 2011)

________________________________________________

    • Domenica scorsa sono state scoperte 20 bombe, ordigni esplosivi e armi al confine con la Libia. Al confine tra Algeria e Libia, quattro persone, tra cui una donna, sono state arrestate; erano in possesso di 20 bombe, di dispositivi esplosivi e moderni, due pistole e un fucile russo Simonov. Secondo alcune fonti libiche, forze di sicurezza specializzate nella lotta contro il terrorismo stanno ora investigando su un uomo di nazionalità libica e tre algerini, tra cui una donna che si ritiene sia la moglie di un importante leader dell’Emirato del deserto di al-Qaeda nel Maghreb, Abu Rabah Constantine, attivo sulle montagne di Batna dal 1994. Le informazioni disponibili indicano che i fermati hanno opposto una forte resistenza prima della resa, due di loro sono rimasti feriti,  e viaggiavano a bordo di un SUV modello ”Nissan Patrol’. Sono state recuperati ordigni esplosivi e armi dispositivi per la comunicazione a distanza. Gli ordigni esplosivi di fabbricazione russa e in dotazione all’esercito russo erano abbastanza potenti da far saltare in aria quattro edifici di grande entità, ponti e veicoli blindati; tra le armi sequestrate figuravano un fucile da cecchino russo modello Simonov, due pistole, 100 proiettili, e una certa quantità di materiale destinato alla fabbricazione di munizioni.                                                                         ________________________________________
    • Esplosione a Tobruck di un ordigno alla gelatina fa saltare le trasmissioni radio, non sono state registrate vittime; esplosioni e sparatorie anche a Derna (درنة, Darnah) città della Libia nord-orientale con diverse vittime.      ____________________________________________________________
    • Droni e elicotteri Apache hanno sorvolato ieri la città di Surman per 5 ore consecutive; sono state udite le esplosioni di bombe.  Ora la città è tranquilla e sotto il controllo dell’esercito libico. La situazione appare completamente tranquilla a Zawiyah nella quale i ribelli hanno guadagnato perdite ingenti di uomini.    ____________________________________________________________

         _____________________________________________________________

    • Tunisia-(UBI): decine di tunisini stanno organizzando veglie e proteste nel sud e nell’ovest del paese per denunciare quello che chiamano violazione della sovranità nazionale della Tunisia e mentre si preparano una serie manifestazioni di fronte l’Ambasciata del Qatar a Tunisi. Un attivista politico a favore dei diritti civili, residente nella città di Numba (480 km a sud-est di Tunisi), in una intervista telefonica con la United Press International martedì sera ha detto che mercoledì più di 150 persone si sono radunate di sera davanti alla provincia  per protestare contro “la persistente violazione della sovranità nazionale da parte del Qatar”. L’attivista ha anche spiegato che i manifestanti accorsi dalle città delle province del sud-est di Tunisia hanno gridato slogan condannando l’intervento  e chiedendo al governo tunisino chiedendo l’interruzione “del continuo trasferimento di attrezzature militari per l’opposizione armata libica da parte del Qatar” [a dispetto dell’embargo sulle armi]. Slogans di protesta hanno accusato il governo tunisino di collusione con il Qatar per tali trasferimenti e hanno richiesto di porre fine ai tentativi del Qatar di trasformare il corridoio sud della Tunisia in un canale per le armi e i combattenti, nonchè un’arena per regolamenti di conti con le forze libiche lealiste. Manifestazioni e veglie simili si stanno tenendo anche in altre città del sud della Tunisia. I partiti politici tunisini hanno invitato ad organizzare una protesta di fronte all’ambasciata del Qatar a Tunisi per denunciare il “ruolo ambiguo svolto dal Qatar, nel sud della Tunisia, sotto la copertura di aiuti umanitari”. È interessante notare che la rabbia del popolo delle città del sud del paese si è intensificata da quando è trapelata la notizia che una nave carica di attrezzature militari e armi si stava dirigendo alla città portuale di Zarzis per rifornire l’opposizione armata libica. Numerosi partiti politici accusano il governo ad interim guidato dal comandante della provincia di Tataouine, Baji Sbsa, di convertire la zona adiacente al confine con la Libia in zona per operazioni militari.
    • Preso da: https://gilguysparks.wordpress.com/2011/08/18/libyan-cronicles-4-0/

cronache dalla Libia 2011, parte 2

Libyan Cronicles 3.0

  • Cuba Information TV “Manipolazione e apologia dell’intervento in Libya”
_____________________________________________________________________
  • Un presunto video del lancio di un missile scud da parte delle forze lealiste di Gheddafi a Bregha (missile poi schiantatosi nel deserto) dà la possibilità a Fox News di esercitarsi nell’arte della grottesca manipolazione dei filmati che hanno per soggetto una torre (minareto) e un missile… dopo l’11 settembre non si erano più esibiti in quest’arte per la quale evidentemente hanno un “debole”… 

______________________________________________________________________

  • [17.08.2011 p.m.] Bandiere verdi sventolano ancora ben visibili sugli edifici del centro di Zawiyah nella quale la battaglia tra le forze lealiste di Gheddafi e i golpisti di Benghasi è tuttaltro che conclusa. Gli scontri sono particolarmente intensi e l’avanzata drammatica dei ribelli è costata un enorme numero di perdite. Durante la notte più volte è stata lanciata la richiesta urgente dell’allestimento di un ospedale da campo per i ribelli alle porte di Zawija. I ribelli sostengono di avere il controllo solo di parte della raffineria nel nord della città sulla costa mediterranea mentre truppe lealiste e lavoratori civili sarebbero rimasti all’interno del complesso. Come ha potuto sperimentare un fotografo e giornalista della AP (Associated Press) il fuoco dei cecchini è molto pesante e ha causato buona parte delle perdite ribelli delle ultime ore. L’intera città è infestata di piccole unità combattenti dell’esercito regolare che impediscono il controllo del centro di Zawija. Un medico dei ribelli a Brega, Mohammed Idris, ha detto che l’ospedale da campo è stracolmo per l’alto numero di vittime e molti feriti sono trasferiti a Benghazi per essere curati. Solo nella notte di martedì ha riferito che sono stati uccisi 18 ribelli mentre 74 sono stati feriti. I combattimenti si sono concentrati sul versante meridionale di Brega e la maggior parte delle perdite tra i ribelli è stata provocata da cecchini e dal lancio di granate da mortaio.

__________________________________________________________________

  • Leonor en Libia ha scritto [17.08.2011 p.m.]: “Stasera i mercenari della Nato hanno annunciato che faranno grandi progressi. Anche se i media occidentali hanno sostenuto dalla stazione televisiva Aljazira che il leader libico fuggirà, NON È VERO. Qualsiasi libico sa che non è vero”. Il leader libico andrà fuori dalla Libia solo da morto. Lui ha detto “Io non ho paura di questi aerei che sganciano bombe” “Non mi sono mai spostato dalla Libia dove ho il mio popolo e il mio Dio”.
    Ibrahim Mussa riporta che l’esercito libico ancora non si è mosso con il massimo della forza, tranne che ad Al Brega e la Nato lo sa: “Finora non ne abbiamo avuto  bisogno”. Sabrata è completamente controllata dal governo libico e non ci sono mercenari in giro . All’interno di Surman si trovano molti ribelli e il governo ha parlato con la gente della città e ha detto di avere un po ‘di pazienza e sta per essere liberata. Attualmente la città è completamente circondata dall’esercito libico. I ribelli hanno chiesto all’esercito di negoziare ma l’esercito ha detto che ormai non c’è trattativa possibile, perché se gli desse il permesso di andarsene, tornerebbero indietro un’altra volta. Zawia è completamente controllata dal governo libico e la sua gente, tuttavia ci sono alcuni ribelli in giro. La Libia dice che vi sono centinaia di morti a Bengasi conservati in automobili frigorifero perché hanno paura di darli alle famiglie. Due giorni fa i ribelli hanno consegnato più di 30 corpi di Ijdabiya, ma le persone non sanno che ce ne sono più del triplo. Farag Mursef Ashage è morto al confine egiziano con altre due persone. Sono tutti di Al Qaeda e sono stati trovati con 1 milione di LYD. La Libia ha detto che era stati mandati a comprare automobili. Alcuni mercenari sono andati in Egitto e ha dimostrato per la terza volta in davanti all’ambasciata libica accompagnati da un giornalista televisivo di Aljazira. L’esercito egiziano li ha fermati e una donna libera è saltata sul giornalista di Aljazira e gli ha rotto la macchina fotografica.
    Alkatab Fathi, dirigente dell’esercito di Al Qaeda è stato ucciso due giorni fa in Ijdabiya.
    Ieri sera l’armata della NATO ha bombardato il centro di Jufrah.
    Bengasi attualmente non ha gas per permettere alle persone di cucinare dopo il digiuno nel mese del Ramadan.
    I mercenari NATO sono ancora senza una guida e ora quelli NATO che stanno combattendo a terra sono di Al Qaeda. Per esempio, sulle montagne di Nafusa sono tutti di Al Qaeda, del Qatar e della Francia (n.d.t. registrata da diversi giorni la presenza di mercenari della legione straniera francese). Al Qaeda sta utilizzando l’Occidente senza rendersi conto del potere che stanno dando a queste persone così pericolose.
    La TV Aljazira mostra alcuni mercenari al confine della Tunisia ha detto lo controllano ma non è certo.
    I ribelli dicono che si muoveranno fino a Sabha, ma non oseranno entrare. Ieri, per esempio più di mezzo milione di libici a Sabha sono scesi in strada con le loro pistole sparando in aria e con le bandiere verdi per mostrare la loro forza e determinazione.
    Ghari è completamente controllata dal governo libico e hanno messo alle strette i ribelli in una piazza.”
______________________________________________________________________
  • [17.08.2011] Le forze leali a Gheddafi controllano il terminal petrolifero di Brega e il suo porto strategico; la città è ubicata a 750 km ad est della capitale Tripoli. teleSUR

___________________________________________________________________

_______________________________________________________________________

________________________________________________________________________

______________________________________________________________________

    • 17.08.2011 – Sono i primi filmati  a venir fuori da Misurata dopo che le forze libiche di difesa hanno liberato la città [16 agosto] dai ribelli terroristi. Questi video sono stato presi dall’esercito regolare libico mentre liberava Misurata dai ribelli. Nel frattempo i mezzi di informazione della NATO e dei ribelli tacciono su questo, mentre in realtà stanno ancora sostenendo che sono”sul punto di liberare Tripoli”, una rivendicazione che hanno fatto per 4 mesi in quello che anche i loro sostenitori più accaniti stanno arrivando a capire sia finzione e illusione propagandistica.
    • i 3 video sono dtati fatti sparire da you tube.
    • _______________________________________________________________________

      ______________________________________________________________________

        • Qualcuno ricorderà nel mese di marzo la notizia data dal quotidiano israeliano Maariv secondo cui Israele e i suoi servizi appoggiavano il colonnello Gheddafi contro i ribelli golpisti? Secondo un documento scritto in ebraico, un accordo sarebbe stato firmato ma tra Israele e il Consiglio nazionale di transizione (CNT) a Bengasi, in Libia, per la creazione di una base militare sionista nella regione di Jebel Akhdar, per un periodo di 30 anni nel caso arrivassero al potere.
        •       Il documento delle “Forze di Difesa di Israele”, venuto in possesso di un ufficiale ucraino dei servizi segreti, ha rivelato il contenuto dell’accordo siglato tra Israele e il Consiglio di Transizione Nazionale della Libia a Bengasi che consisterebbe nella realizzazione di una base militare al confine libico sulle Green Mountains; in cambio Israele avrebbe (come poi di fatto ha fatto) fortemente sostenuto l’opposizione libica, fornendo armi, facendo pressione sui paesi europei a riconoscere il CNT e la formazione dei membri dell’opposizione al fine di preparare un esercito forte. Israele, come parte della strategia, si sarebbe impegnata a spingere diplomaticamente verso un’intensificazione dei bombardamenti aerei della NATO contro le forze pro-Gheddafi  per costringerle a ritirarsi. Nessuna reazione è mai giunta da parte dell’opposizione libica di Bengasi a confermare o a smentire tali rapporti. L’Algeria sarebbe tra gli stati più colpiti dalla presenza dei sionisti ai confini con la Libia e questo permetterebbe un rafforzamento ulteriore dell’organizzazione del Gruppo Salafita per la Predicazione e il Combattimento, ora chiamato al Qaeda nel Maghreb Islamico (AQIM) per avere più armi per svolgere le sue operazioni criminali nella regione, dopo la sua attività si è estesa a traffico di droga e armi. L’Algeria, con oltre mille chilometri di confine con la Libya, sarebbe il prossimo paese ad essere colpito nel quadro di un ulteriore rimodellamento degli equilibri nel nord Africa.
        • Preso da: https://gilguysparks.wordpress.com/2011/08/17/libyan-cronicles-3-0/

Testimonianza italiani a Tripoli 8 agosto 2011

Questa è una lettera-denuncia appena inviata ad alcuni giornali.

Tripoli 08-08-2011 Yvonne Di Vito

“Siamo un gruppo di Italiani arrivati in Libia il 28 luglio, 4 uomini e 4 donne, che vengono come privati e non come membri di un’agenzia, stiamo cercando di fare qualcosa per questa gente, raccontare quanto stiamo vedendo, sensibilizzare i media e provare ad attivare un’azione umanitaria che possa portare viveri e servizi. La situazione a Tripoli al nostro arrivo sembrava buona, dopo un difficile viaggio di attraversamento della frontiera tunisina dal versante di Djerba, siamo arrivati a Tripoli passando dal confine di Ras Ajdir e poi lungo la pericolosa strada costiera verso Sabratha e Tajura.

La situazione al confine mostrava forti tensioni in quanto sia da una parte che dall’altra vi erano file chilometriche di migranti, molti libici rientravano per passare il Ramadan nella loro martoriata terra, altre persone uscivano per rientrare in Tunisia o per provare a fare rifornimento di benzina.

Attualmente il carburante è uno dei problemi più evidenti, i due soli distributori incontrati nel viaggio notturno (circa 300 km) erano letteralmente assediati dalle vetture in attesa della riapertura, ci saranno state 2-3000 auto in attesa per ogni distributore, i libici si danno il cambio, una persona si occupa di 8-9-10 auto, le sposta a mano una ad una avanzando faticosamente di pochi metri ogni ora, probabilmente ci vorranno diversi giorni di attesa per arrivare finalmente alla pompa, sperando che nel frattempo quest’ultima avesse ancora sufficiente riserve di carburante. (Speranza svanita in quanto al rientro non c’erano più file, la benzina era introvabile).

Arrivati nell’albergo dei giornalisti, (Rixos un 5 stelle) l’unico hotel realmente operativo, abbiamo cominciato a percepire le prime bombe, i boati hanno continuato per tutto il periodo, con una piccola tregua tra il 1 ed il 2 agosto, poi sono ripresi più forti che mai. Incredibilmente dopo 2-3 giorni ci abbiamo fatto l’abitudine, il suono delle bombe è diventato una macabra colonna sonora che accompagnava le nostre ore. La gente a Tripoli come nelle città di questa parte del paese: Zuwarah, Surman, Az-Zawiyah, Zlitan ecc… è profondamente colpita, questa guerra ha generato nel popolo un dignitoso senso di unità e collaborazione, si sono organizzati con delle vetture che caricano chi è rimasto a piedi (la maggior parte) chi ha la macchina senza benzina dà un dinaro a chi ha ancora un mezzo marciante, i mezzi pubblici sono praticamente inesistenti, i negozi aperti cominciano ad essere pochi,cominciano a scarseggiare viveri e beni di prima necessità.

La Nato continua a bombardare, colpisce obbiettivi militari ed a volte “sbagliando?!” anche civili; tra gli obbiettivi degli ultimi giorni ci sono purtroppo anche importanti servizi civili: centrali elettriche, condotte, mezzi di informazione, la città rimane spesso senza luce ed acqua. Il bombardamento sistematico nulla ha a che vedere con la no” fly-zone”, ad ogni modo quest’ultima qualora fosse stata eseguita correttamente sarebbe stata comunque priva di ogni fondamento giuridico non essendo applicabile a conflitti interni.

Il 31 agosto è stata bombardata anche la Tv libica,con lei è stata bombardata la libertà di informazione dopo poche ore di buio il segnale è tornato, la NATO ha giustificato il bombardamento delle antenne (sono morte 3 persone e ferite 15) dicendo che le immagini incitavano alla violenza. Invece noi le abbiamo viste: le immagini riportavano gente che manifestava, documenti di guerra, interviste, tg, propaganda politica ed ogni tanto qualche soap opera o spot pubblicitario.

Dal primo agosto in Libia si festeggia il Ramadan e si pratica il digiuno, non si mangia ne’ si beve dalle 5 del mattino alle 8 di sera circa, quando la sera si aprono i frigoriferi si trova solo merce che si sta o è già deteriorata, 2 giorni senza corrente a 35-37 gradi significa mandare tutto in malora. Da lontano non è possibile capire cosa vi sia dietro queste difficoltà: dove non c’è benzina per andare a comprare provviste dove i supermercati si svuotano sempre piu’ e le scorte si deteriorano per mancanza di elettricità…dietro a tutto questo ci sono persone che prima stavano bene ed ora hanno una vita distrutta, ci sono bambini piccoli che non hanno più il latte, malati di diabete che non possono tenere al fresco l’insulina… (piccoli concreti esempi a cui non si pensa da lontano).

Purtroppo la risoluzione ONU 1973 sembra che comprenda e preveda anche il ridurre un popolo allo stremo così che non possa attaccare o difendersi in quanto privo di sostentamenti, “stremato” per l’appunto. I più deboli, bimbi ed anziani sono i più colpiti, la gente fa del tutto per far vedere che la normalità continua, il venerdì le spiagge si riempiono mentre sopra nel cielo si sentono inquietanti ronzii di caccia che scorrazzano indisturbati sopra le loro teste, l’aviazione e la marina sono state annientate dai raid Nato così che passeggiare in volo su Tripoli è un tranquillo gioco da ragazzi. L’unica difesa ora è l’artiglieria leggera, il popolo ha kalashnikov distribuiti a milioni.

Dopo la preghiera la gente scende nelle piazze e grida tutta la sua rabbia guardando in cielo gli aerei delle forze alleate che per nulla impietositi continuano la loro opera di ”protezione dei civili” .

Il 4 agosto una parte del mio gruppo è rientrato in Italia, la situazione si sta facendo troppo pericolosa, ieri anche mia moglie Yvonne è rientrata, sono rimasto solo in quanto sto cercando di organizzare alcune pratiche burocratiche per l’invio di viveri, medicinali e carburante.

Non essendo partito con gli altri ho il problema del viaggio di ritorno, la auto del protocollo che ci hanno dato una mano in questi giorni sono impegnate, sembra sia arrivata una delegazione dell’Onu che è qui per vedere come sta andando l’azione di “intervento umanitario”

Il 3 agosto sono andato insieme ai giornalisti a Zlitan, il giorno prima in una conferenza stampa il portavoce libico Mussa Ibrahim ci aveva detto che si poteva andare l’indomani a fare una visita in questa città che dista pochi km da Misurata e dal fronte, lungo la strada solita desolazione e carenza di servizi. Appena arrivati abbiamo notato diverse abitazioni e strutture abbattute, in una c’era ancora tanta gente che protestava e sostava sulle macerie, sembra siano morte 4 persone, 2 bambini la madre e la nonna, l’obbiettivo un professore che dicono fosse amico della famiglia del leader e “sembra” si sia salvato, le bombe hanno colpito la casa all’alba, qualcuno dice che la casa fosse troppo bella per un professore, quindi una specie di subdola legittimazione del bombardamento e dell’assassinio. Proseguiamo, dovevamo andare a visitare un ospedale, ci fanno deviare, sembra ci sia un funerale di alcune persone morte all’alba, arriviamo in una specie di moschea dimessa, all’interno ci sono alcune centinaia di persone che pregano, in fondo alla sala 3 bare in fila vengono colpite da raggi di sole che le attraversando le inferriate disegnano un tragico mosaico di luci. Finita la preghiera la gente si avvicina alle bare, aprono i lenzuoli che nascondevano gli orrori, scorgiamo le figure terribilmente oltraggiate di 2 bambini ed un adulto, ci sono due uomini che piangono più degli altri, uno è il padre, l’altro è il fratello di una delle vittime, i volti di quelle piccole vittime sono terrificanti, qualche giornalista si fa scappare qualche lacrima, questa è la guerra, questo è quanto non vedranno mai dai loro aerei i piloti che sparano pensando di portare aiuto ma che spesso scaricano solo morte e devastazione. Aspettiamo che la gente seppellisca queste povere vittime, al termine vediamo che il fratello di uno di queste spara in alto con un mitra, sembra voler far uscire dalla canna tutta la sua devastazione emotiva e l’odio verso chi li sta massacrando, guarda il cielo e grida qualcosa in arabo, non so cosa dica ma tutti possono immaginare: “guardate cosa avete fatto, che colpa hanno queste creature, perche ci odiate? Perche non ci lasciate in pace?”.

Rientrando , passiamo davanti ad una scuola, totalmente devastata dalla bombe, chiedo ad un bambino se sa perchè è stata colpita, mi risponde scherzando che è stato Ibrahim che la ha abbattuta perche’ non voleva andare a scuola…, poi anziché ridere della propri battuta mi guarda con rancore perchè ha capito che sono italiano, si gira e se ne va senza più voltarsi.

La scuola è stata colpita alle 5.30 del mattino, qualche giornalista ci dice che colpiscono in quelle ore perchè sanno che i bambini non sono ancora sui banchi.. Ribatto: -“ ma perchè una scuola?” La risposta è preoccupante: -“perchè qui si potrebbero nascondere delle truppe o soldati del regime che riposano durante la notte non potendolo fare tranquillamente nelle caserme CHE SONO facile bersaglio dei raid aerei.”

Ciò significa che tutto è lecito, che se si bombarda una scuola, un ospedale pediatrico, una moschea… si può sempre dire che è un intervento lecito…

Sono certo che il regime libico possa attuare anche questi mezzi, chi può biasimarli, mandare i suoi uomini a rifocillarsi in caserme dove gli aeri alleati non aspettano altro che siano riuniti per farli fuori tutti non è certamente una buona idea, pensano che in una scuola non saranno mai colpiti… quindi è il cane che si morde la coda, il regime pensa di usare siti civili per poter provare a difendersi e la NATO che li bombarda perchè ha l’ordine di difendere gli uni uccidendo gli altri.

Questa è la guerra, intanto noi italiani, i francesi, gli inglesi, gli americani ed ovviamente i loro Presidenti, si preparano ad andare in vacanza, fa nulla se quando torniamo saranno morti altri migliaia di militari e civili libici, “la guerra si doveva fare e la facciamo, ma non parliamo dei civili morti, pensiamo che la nostra guerra è contro Gheddafi, lui è antipatico, quindi se facciamo capire che la guerra è contro di lui va bene”.

Come sostengono molte autorevoli voci , la Nato ha già perso questa guerra e con lei la faccia quando milioni di persone sono scese in piazza contro questo intervento e a favore del Leader, possono cercare di nascondere tutto questo al mondo con l’aiuto dei media che filtrano e censurano ciò che non deve arrivare ma prima o poi la verità uscirà fuori.

Se la gente vede le facce di questi innocenti, forse potrebbe capire che tanto buoni non siamo e che questa guerra si doveva evitare e si deve fermare prima che vada a morire anche il nostro ultimo briciolo di dignità.

Alessando Londero

 

Ps. Le foto le ho fatte io e sono libere nel caso qualcuno fosse interessato a diffonderle o ad avere altro materiale mi contatti,le  documentano il massacro di Zlitan sui civili ad opera Nato dove sono morti anche 2 bambini.

Caccia alle streghe nella Libia « Libera »

Mentre il mandato della NATO si imponeva per proteggere i civili, l’Alleanza ha permesso alle forze del Consiglio Nazionale di Transizione di continuare con i loro abusi. Dopo aver dato la caccia ai neri africani, le esecuzioni sommarie si sono estese ai membri della tribù Qadhadhfa, quella del leader deposto. Centinaia di migliaia di lavoratori africani sono già fuggiti dal paese per scampare alla morte; è giunta l’ora per molti libici di prendere la via dell’esilio se vogliono sopravvivere.

| Londra (Regno Unito) | 28 settembre 2011

I critici dell’intervento della NATO in Libia hanno lanciato alcune delle accuse più dure contro i media internazionali, e particolarmente contro l’emittente di Doha Al Jazeera, che si è subito schierata come paladina della cosiddetta Primavera Araba. Il licenziamento del direttore generale di Al Jazeera, Wadah Kanfar, in seguito alla pubblicazione dei cablogrammi di Wikileaks, che hanno palesato i suoi collegamenti con la CIA, darà sicuramente a questi critici un senso di vendetta. Il fatto che questa struttura è diventata la “voce” del movimento contro Muammar Gheddafi in Libia, solleva altrettante domande sul potenziale del signor Kanfar e degli interessi avuti dall’emittente nell’intervento della NATO che ha portato quel movimento al potere.

Un gran numero di notiziari che sono stati trasmessi per sostenere l’evenienza dell’intervento negli ultimi sei mesi sono stati fortemente contestati dalle organizzazioni per i diritti umani.

Uno dei più potenti fu l’affermazione infondata che i “mercenari africani” stessero lavorando per Muammar Gheddafi. Malgrado il fatto che organizzazioni come Amnesty International abbiano evidenziato la mancanza di prove per questa denuncia che ha portato alla sistematica persecuzione dei neri libici e di altri neri africani da parte dei ribelli, queste affermazioni sono state trasmesse nell’arco di sei mesi.

Poco dopo la caduta di Tripoli, la città di Tawergha è stata completamente evacuata dalla popolazione di colori da parte dei ribelli della vicina Misurata, che avevano lasciato la propria firma sulle mura della città: “La brigata per epurare gli schiavi, i neri.” Pochi giorni prima che i ribelli avanzassero verso Tripoli, un amico che lavorava in un campo profughi mi ha chiamato per riportare che 1.000 persone di Tawergha si erano fatte vive nelle prime ore della mattina.

Quel campo è stato ora evacuato e le persone che hanno ospitato nelle proprie case i Tawerghani sono anche loro prese di mira. Ieri i ribelli da Zintan hanno fatto irruzione in una di queste case perché stava fornendo un tetto a otto famiglie di Tawergha.

“C’erano circa 40 persone quasi tutte con gli AK con i proiettili in canna pronti a sparare su gente disarmata”, ha detto un giovane che vive nel palazzo. “Hanno preso gli uomini di Tawergha, mio padre e mio fratello, e hanno lasciato solo due ragazzini e hanno preso tutti i soldi che avevano lasciato. Sono arrivati da tutti lati del nostro terreno puntandoci i fucili in faccia, spaventando le donne a morte, e a un certo punto c’è stato un tizio che agitava la pistola davanti a un bambino di Tawergha. Il nostro unico crimine è stato quello di offrire un tetto a questa gente disgraziata.”

Tra i neri c’è stata una ressa per uscire dal pese, ma lo scorso sabato una delle organizzazioni responsabili dell’evacuazione di migliaia di lavoratori stranieri provenienti da altri paesi africani, l’International Organization for Migration (IOM), ha fermato le operazioni. Il portavoce dell’IOM, Jumbe Omari Jumbe, ha detto alla Reuters: “Il CNT dice che devono avere informazioni sui migranti, che devono registrarli e identificare chi è un vero migrante e chi non lo è.”

Dopo la sua visita a Tripoli della scorsa settimana, David Cameron ha gioito per le lodi ricevute dai dirigenti del CNT, Mustafa Abdel Jalil e Mahmoud Jabril, sul ruolo determinante del Regno Unito nella loro “rivoluzione” ed ha voluto rimarcare il successo di cui era stato testimone, con gli ospedali al lavoro e la gente nelle strade. Cameron e gli altri dirigenti della NATO non hanno fatto menzione della persecuzione della gente di colore che fa parte di una più grande caccia alle streghe contro chiunque sia anche lontanamente associato col sostegno al precedente governo.

Poco prima della caduta della capitale gli edifici vuoti in costruzione e gli alberghi hanno fornito un rifugio alle migliaia di persone che erano fuggite dalle zone prese dai ribelli grazie al supporto vitale della NATO. Dal momento della presa ad essi si sono unite agli migliaia da Tripoli che si trovavano negli stessi guai e sono stati costretti a nascondersi se non avevano i soldi o i mezzi per farlo. Ogni giorno che passa si trovano altre persone morte o imprigionate e mi ricordo spesso di una conversazione mentre stavo aspettando al porto per lasciare la città, quando un passeggero rimarcò a una guardia armata che tutte le prigioni dovevano essere vuote visto che avevano rilasciato tutti i carcerati. La guardia sorrise: “Le abbiamo già riempite di nuovo.”

Le persone che si dimostrano critiche con il nuovo governo subiscono forti minacce, e in questo report di Russia Today un uomo dice: “Se dovessi mostrare il mio volto alla camera, mi ficcherebbero un proiettile in testa… ti ricordi di Ehab, il tizio di colore? È stato arrestato pochi giorni dopo essere apparso in TV.” Quando compaiono nelle nuove trasmissioni, i loro volti e i nomi sono sempre nascosti.

La caccia alle streghe si estende ai non libici che sono arrivati dalle nazioni che avevano buoni rapporto con il regime. Avvicinandoci al peschereccio che ci avrebbe evacuato a Malta, una guardia armata all’inizio disse che a due giornalisti di Telesur, un cubano e un ecuadoriano, non sarebbe stato permesso di andare via perché “il Sud America è amico di Gheddafi”. Tutti gli europei dell’est hanno avuto il divieto di lasciare il posto e in questo video ucraini e russi che stavano lavorando sul posto riportano di essere stati picchiati e torturati dai ribelli.

Le persone che vivono nelle tribù più grandi della Libia, la Wafalla, di stanza a Beni Walid sono i primi obbiettivi. La tribù ha rifiutato la resa della propria città al CNT e un giovane Wafalla ha detto: “Sanno di che tribù siamo anche solo guardandoci in faccia. Mi devo spostare ogni giorno in un posto differente. Non possiamo neppure andare in ospedale per cercare le persone che crediamo siano morte, perché ci prenderebbero. Non c’è un posto sicuro.”

JPEG - 21.3 Kb
Salma

Una mia amica e docente all’università che aveva guadagnato il dottorato alla London School of Economics, Salma, ha commesso il crimine di essere della stessa tribù di Gheddafi, la Qadhafadhfa. Le hanno sparato in testa mentre stava fuggendo verso l’aeroporto con sua madre e due nipoti, Yam di 20 mesi e Alen di soli tre anni.

Le settimane successive alla presa di Tripoli sono state dominate dai report per una “spinta finale” dei ribelli verso Beni Walid, Sirte e Sabha. Ma la resistenza continua a scatenarsi, costringendo i ribelli ad andarsene da Beni Walid e alle persone di queste zone è stato dato un ultimatum, o la resa o un bagno di sangue.

Con le conseguenze dei conflitti in Iraq e Afghanistan e con la Palestina che non è mai distante dai pensieri della gente comune nel mondo arabo, Al Jazeera ha svolto un ruolo nel convincerla che questa “rivoluzione”, che il CNT ha ammesso che non sarebbe stata possibile senza l’intervento della NATO, era stata ben accolta dal popolo libico.

Ma in realtà non ci sono state ricerche prima dell’inizio della campagna di bombardamenti sul sostegno della popolazione ai ribelli o all’intervento della NATO. Sei mesi di bombardamenti della NATO per costringere la resa di una zona dopo l’altra, il CNT che non è ancora in grado di spostare il suo quartier generale a Tripoli e la continua caccia alle streghe per scovare ogni resistenza potenziale allo status quo, indicano che il sostegno sia più basso di quanto le Nazioni Unite avessero creduto.

Traduzione di Supervice (ComeDonChisciotte.org)

Preso da: http://www.voltairenet.org/article171556.html