German report reveals Erdogan’s plan in Libya

18 May، 2020

The Address | Benghazi – Libya

ANKARA – A German report revealed the existence of a new Turkish plan for the war in Libya managed by the head of the Turkish intelligence, Hakan Fidan, to turn the country and the region into a chaos like Syria.

The report, published by ANF News, under the title “A new Libyan plan bearing the signature of Hakan Fidan”, said that this plan is supervised by Fidan using the method of “creating pretexts” that he had previously pursued in Syria.

 

It also referred to several incidents that occurred in Tripoli that were followed by a secret visit by the head of Turkish intelligence to western Libya in early May.

The German report stated that among those incidents was the bombing of the Turkish and Italian embassies in Tripoli a week after the visit.

Media platforms and satellite channels affiliated with the terrorist group the Muslim Brotherhood have pushed for the claim that it was the Libyan National Army (LNA) that did so, which LNA’s spokesman, Major General Ahmed Al-Mismari, refuted in detail.

Based on these incidents, the Turkish Foreign Ministry said that it would consider LNA forces as legitimate targets, if its missions and interests in Libya were threatened.

Erdogan also announced days ago that he was waiting for good news from Libya, in a sign that the visit of his intelligence chief had awakened hopes that he would take back advantage.

The German report indicated that the incident of targeting the two embassies comes within the framework of creating an excuse for more public aggression against Libya. The history of Hakan Fidan is full of such excuses that he used in Syria.

According to the report, this incident brings back to mind the audio recording leaked of Hakan Fidan in which he said, “With regard to the creation of excuses, I can send 4 people to the other side of the border [with Syria] to launch 8 missiles on free areas of Turkish territory to create the excuses… Do not worry, the excuses exist”.

The German report indicated that this leaked recording was at a secret meeting, held in 2014 to discuss the situation in Syria, which included former Foreign Minister Ahmet Davutoglu and his advisor Feridun Sinirlioglu, the second deputy commander in chief of the Turkish army, General Yasar Collier and the then Turkish intelligence advisor Fidan.

The German report listed facts of the “excuses” made by Fidan in several Syrian cities to drive the international public opinion into accepting the Turkish intervention by committing massacres against its residents.

It pointed out that on August 24, 2016, the Turkish army began a military operation with the aim of occupying Jarablus, Azaz and Al-Bab. Four days before the operation, ISIS terrorists carried out an attack on a wedding of a Kurdish family in the city of Antab to create an excuse to interfere in those Syrian cities.

On the motive behind Turkey changing its plan, the German report indicated that the conditions in Tripoli do not go as well as Turkey had hoped. The Brotherhood and terrorist organizations supported by the Turkish government there under the leadership of Prime Minister Fayez Al-Sarraj are not doing the required of them. The fact that Turkish President Recep Tayyip Erdogan sent Fidan for a mysterious visit to Tripoli earlier this month indicates that he is molding a new plan aimed at creating “excuses” that pave the way for more direct intervention along the lines of the Syrian model.

Source:https://www.addresslibya.co/en/archives/56479?fbclid=IwAR1GUoAh2kHjXO3FkO8N2aP4NuhRVU7_LMsbcmR8pWhDUlbdT38S-QcdoWk

The Libyan People Challenge the International Community’s Obsession with the “Legitimacy” of a Foreign- Imposed, Unelected Terrorist Regime

on

The Libyan people are paying dearly for the dysfunctional balances of international legitimacy, and the blood of their children is sacrificed  to satisfy the whims of major powers and to achieve the ambitions of regional and international mafias that regard Libya only as a lake of oil, gas, frozen funds in foreign banks and vast land that can be turned into laboratories of creative chaos in the region.

The world is still deluding itself that there is legitimacy in Tripoli for the government of reconciliation that no one elected, without popular support or the recommendation of parliament, that also failed to implement its goals that it was established for, documented in the Skhirat agreement, serving only as a Brotherhood cell that executes orders from Qatar and Turkey,  and maintains power with hired armed  militia.

What happened in Skhirat in 2015 was a conspiracy in which regional and international actors tampered with the elected Parliament. While agendas and  interests played a major role,  intelligence services implemented their schemes to perpetuate crisis and enable the Brotherhood to overcome electoral defeat. The goal of the United Nations was to ease the pain without addressing the cause, and the result was that the government of reconciliation,  lacking any legitimacy,  has become a dictatorship. It is the caliphate operating under the dilapidated cloak of  international legitimacy, while before the eyes of the world, Erdogan transports thousands of mercenaries from northern Syria, the majority of whom are terrorists, to fight against the Libyan people and army, and from the Mediterranean Sea, Turkish  battleships are launched with NATO flags and missiles to bomb Libyan cities and villages.

Turks, Qataris, the Brotherhood, their trumpets benefited from the turbulent and shaky international reality caused by policies of leaders obsessed with competing to lead the world, and they spread their lies about Russian influence, mercenaries from Sudan, and aircraft from Egypt in the ranks of the national army, to incite  Western opposition against  the General Command of the Armed Forces.

The advocates of terrorism, warlords, human traffickers, public money robbers, al-Qaeda remnants and ISIS presented themselves as the protectors of the civil state, and huge sums were leaked from under the dialogue tables to purchase the conscience of influential political, human rights, and media actors, and the diplomacy of the Qatari and Brotherhood deals. In turn, Erdogan reaped the benefits. A blatant interference that challenges everyone and confirms for the millionth time that international legitimacy is nothing but a lie that destroys the homeland. The Security Council has not uttered a word about Turkish aggression, and the United Nations mission equates a regular army with militias, between documented facts and rumours. NATO finds in the Turkish adventure, an opportunity to penetrate the southern Mediterranean and open the way into the Sahara. The European Union faces internal divisions due t o the legacy of old colonial rivalries,  and Arab countries are unable to accept the painful truth that confirms that Libya is only an episode in a series of Erdogan ambitions to target them all, while the African Union is swayed by Qatari money and Turkish propaganda.

Who can face this reality? Some may be quick to say that it is the Libyan people. Indeed, it may take a long time for people to absorb the major issues concerning their destiny.  Even though the majority are supportive of the army and believe in their cause, what happened from 2011 to today has negatively affected the social fabric and has led to fractures even within the same family. Voices that have emerged during the past two days to divide the army ranks are only the latest expression of the lack of awareness of the fatefulness of the moment and the magnitude of the challenge.

The army leadership has made many mistakes since the launch of the Flood of Dignity to liberate Tripoli in April 2019, the most prominent of which is wasting time and not taking advantage of opportunities to enter the capital, not paying attention to the perpetuation of the war serving the militias and not fulfilling many of the promises made haphazardly, neglecting positions that were under the control of the army, starting from Gharyan, passing through Sorman, Sabratha, Ajilat, Al-Ajil, Al-Jameel, Tiji and Badr, resulting in crimes committed against those who supported this project, revealing military plans and locations of the army to be exploited by the opposite side, as  happened with the air defense platform at the base of al-Watiyah, the exclusion of leaders, poor media performance, with too much emphasis on  international public opinion through exposing the government of reconciliation and Turkish invaders.

Today, Libya is facing a fateful moment and its living, patriotic forces, against Turkish interference, Brotherhood crimes, militia rule, employment and treachery of the reconciliation government, must meet towards one goal which is the liberation of the country, by supporting the army and organizing effective popular resistance to the enemy,  transcending the topic of international legitimacy to one of popular legitimacy, assuring the world that the national army is  not a person (Haftar), but rather is a national institution with a regular hierarchy and military craftsmanship whose roots go back to1939 through the royal and mass covenants, up to the process of dignity and beyond.

The international community that has been behind the crisis since 2011,  has ignored terrorism, militia rule, and pillaged wealth, has closed its eyes to Turkish intervention and the transfer of thousands of mercenaries from northern Syria to western Libya, and from crimes against civilians. Now, they are either positioned  on the side of the people, the sole source of authority and legitimacy, or with terrorist groups and mercenaries strengthened through broad international recognition and entrenched with Turkish mercenaries.

Al Arab

Translation by Internationalist 360°

Parla Ali, il siriano che combatte in Libia: “Ai turchi non interessa di noi, ma temo per la mia famiglia in Siria”

Di Vanessa Tomassini.

Ali è un giovane siriano di 25 anni che sta combattendo in Libia a fianco delle forze del Governo di Accordo Nazionale (GNA) di Fayez al-Serraj. È molto difficile parlare con lui, nelle aree di combattimento è senza internet e quando ha accesso alla rete ha paura. “I turchi controllano le comunicazioni, controllano tutto. Se ci scoprono, mi porterebbero via il telefono”. Ci confessa, lasciando intravedere un velo di malinconia quando parla della Siria.

Dopo settimane di tentativi, siamo riusciti ad avere un po’ della sua fiducia. “Ai turchi non importa di noi. Fanno delle cose orribili”, racconta parlando di stupri ed uccisioni.  “Quando abbiamo capito che non ci lasceranno tornare a casa, alcuni di noi hanno smesso di combattere. Siamo diventati più un peso morto che un aiuto per Serraj e per la Turchia. Alcuni dei miei compagni che sono arrivati in Libia con me 3 mesi fa, se ne sono andati. Hanno detto di provare ad andare in Europa via mare. Ai turchi non interessa, a loro non interessa un bel niente di ciò che facciamo. Se ci siamo o se ce ne andiamo in Italia è lo stesso. È stata tutta una presa in giro fin dall’inizio”.

Non sembra un terrorista Ali, ha il viso pulito dei ragazzi della sua età. Infatti, nel suo arruolamento in Libia c’è poco di ideologico, ma solo un gran bisogno di soldi. È disgustato dalla violenza usata verso i civili ai posti di blocco che sono stati assegnati a lui e al suo gruppo, e dopo 3 mesi di servizio in Libia, gli ufficiali turchi rifiutano loro di poter tornare a casa. “Questo non è il mio Paese, non è la mia gente, ma da musulmano vedere certe cose non è accettabile, soprattutto ora, durante il Ramadan. Umiliano le persone, le insultano, mentre danno fastidio alle ragazze. Uno dei turchi, una volta, mentre entravamo in una casa ha trovato una donna e ha fatto sesso con lei con la forza”.

Sono stato reclutato da un combattente del gruppo siriano Jaysh al-Watani. Ho fatto le procedure amministrative come volontario a dicembre 2019. Avendo esperienza nell’esercito è stato facile essere accettato”. Racconta, precisando che a lui dei soldi non interessa molto, ma ci tiene ad ottenere la nazionalità turca perché così dice che gli è stato promesso. “Non ci credo più, ma sono venuto qui per questo. Voglio la nazionalità turca così potrò avere una nuova vita, ma non credo che me la daranno. Altri dei miei compagni che sono stati uccisi, Dio abbia misericordia di loro, non l’hanno avuta”.

Ali afferma di aver firmato un contratto di sei mesi, di aver ricevuto tre mesi di salari, che ha dato alla sua famiglia prima di partire per la Libia. “Ho paura per la mia famiglia in Siria, quando mi hanno preso ho dovuto scrivere come si chiamano i miei genitori e i miei fratelli. Mia madre non voleva nemmeno che partissi, ecco perché non scappo. Ho paura che succeda qualcosa a loro”. Aggiunge, indicando di essere arrivato in Libia con un aereo, dopo aver passato 15 giorni in un campo militare in Turchia per seguire un addestramento. Non sa dove si trovava esattamente questo campo, ma ricorda che “c’erano soldati turchi e traduttori dalla Siria, tra cui alcuni del gruppo Sultan al-Murad”.

Riguardo al coronavirus, Ali dice qualcosa di inquietante: “Molti di noi stanno e sono stati male, anche alcuni di quelli che sono andati in Italia, o in Europa. Non sappiamo se è il virus o meno, perché nessuno ci fa il test. I turchi ci hanno detto che se stiamo male è meglio, perché chi sopravvive capisce di più il campo di battaglia”.

Preso da: https://specialelibia.it/2020/05/13/parla-ali-il-siriano-che-combatte-in-libia-ai-turchi-non-interessa-di-noi-ma-temo-per-la-mia-famiglia-in-siria/

Ancora scontri tra i RATTI terroristi che sostengono Serraji.

Tutti i problemi della coalizione anti-Haftar, schermaglie tra le milizie di Tripoli

Successivamente, diversi scontri si sono verificati in varie aree della capitale tra i miliziani della RADA e i rivoluzionari di Tripoli in quello che sembra essere l’ennesimo tentativo di espellerli dalla città da parte degli islamisti, sebbene entrambi i gruppi facciano parte della coalizione anti-Haftar autoproclamatasi ‘Tripoli Protection Force’.

Le schermucce si sono allargate a macchia d’olio raggiungendo anche le aree residenziali di Sabaa e Al-Furnaj nella capitale. Secondo fonti della Presidential Guard, l’arresto di El-China sarebbe stato ordinato dal ministro degli Interni, Fathi Bashagha, dopo le recenti tensioni con le milizie di Haytham al-Tajouri e Nawasi. Va detto che i rapporti tra le gang armate del GNA e lo stesso GNA non sono idilliaci da quando, all’inizio del conflitto, diversi giovani appartenenti alla TRB e all’8va Brigata Nawasi si sono rifiutati di combattere al fianco di terroristi dell’ormai disciolto Ansar al-Sharia, successivamente additati di collaborare con Haftar.

Nel frattempo, la TRB ha rilasciato una breve nota sul suo account Facebook negando le tensioni con l’SDF e ribadendo che le scaramucce sono scoppiate tra i rami che operano al di fuori dei ranghi ufficiali delle milizie, confermando le tensioni per l’assenza di leadership all’interno del gruppo. Va detto inoltre che tra le due milizie esistono delle differenze ideologiche di fondo, l’SDF infatti ha un approccio molto religioso, mentre i membri della TRB non disdicono la compagnia di donne, il gioco a carte, il consumo di alcool e droghe, ampiamente consumati di nascosto.

Tali eventi seguono un altro arresto ordinato da Bashagha di almeno altri due comandanti della TRB, che hanno portato la Brigata a ritirarsi dal fronte di Ain Zara il 21 aprile. Gli osservatori continuano a temere atti di vendetta soprattutto nei confronti delle istituzioni che hanno innescato tali meccanismi.

Preso da: https://specialelibia.it/2020/04/27/tutti-i-problemi-della-coalizione-anti-haftar-schermaglie-tra-le-milizie-di-tripoli/

Il mufti libico incita i giovani a compiere attentati suicida contro l’esercito

17 Aprile 2020

Il gran Mufti libico, Al-Sadiq al-Gharyani, ha sollecitato i giovani tra le forze allineate al Governo di Accordo Nazionale (GNA) ad effettuare operazioni kamikaze qualora queste possano indebolire i ranghi del nemico. In un’intervista televisiva, il controverso imam di Tripoli ha affermato che gli attacchi suicida sono “legittimi ed ammissibili perché molti dei compagni del Profeta si gettarono dalle mura e morirono per aprire il forte”.

Al-Gharyani ha aggiunto che se i giovani tre le file di Serraj sono in grado di lanciare attacchi suicida che provochino un grande impatto, sconfitta o perdita pesante tra le file dell’LNA, allora questo è un progetto che vale la pena provare. Va sottolineato che l’anziano Al-Gharyani non ha basato la sua fatwa, la legge nel diritto islamico che corrisponde ai responsa del diritto romano, sulle parole del Corano o un racconto della vita del Profeta Maometto, bensì si ispira ai principi della Sharia.

La nuova fatwa di Al-Gharyani invita i giovani di Tripoli e gli estremisti siriani ad immolarsi contro il Libyan National Army (LNA) esattamente come i jihadisti dal 2011 fanno in tutta la Libia, attaccando sedi della polizia e avamposti dell’esercito. L’imam è stato già bandito dall’entrare nel Regno Unito per aver incoraggiato gli estremisti nel 2014 nella presa di Tripoli.

Ghariani è fuggito dal Regno Unito nel mese di agosto dopo che il quotidiano britannico ‘The Guardian” ha rivelato che stava trasmettendo discorsi estremisti ai militanti in Libia dal Regno Unito, attraverso la stazione televisiva libica Tanasuh, con cui invitava i giovani ad unirsi alla milizia islamista guidata da Salah Badi, Libya Dawn, responsabile della distruzione dell’aeroporto internazionale di Tripoli e della fuga dell’ultimo Governo eletto nell’est del Paese.

Preso da: https://specialelibia.it/2020/04/17/il-mufti-libico-incita-i-giovani-a-compiere-attentati-suicida-contro-lesercito/

i mercenari di Al Serraji continuano i loro crimini contro il popolo Libico.

Rossella Giordano
16 aprile alle ore 21:35

Civili di Abu Qurain denunciano crimini e violazioni delle milizie

Di Vanessa Tomassini.

“Le milizie di Misurata sono entrate nel villaggio di Abu Qurain, costringendo i civili ad uscire. Hanno rotto una mano ad una ragazza quando ha provato ad impedire loro di arrestare suo fratello, Souad Mohamed al-Senussi”. Ci raccontano alcuni civili in fuga dagli scontri armati tra i gruppi armati di Misurata, affiliati al Governo di Accordo Nazionale (GNA) e il Libyan National Army (LNA) sotto il comando del feldmaresciallo Khalifa Haftar.

Ad Abu Qurain diverse case sono state danneggiate dai combattimenti, alcune sono state bruciate per via dell’orientamento politico dei proprietari. Secondo il racconto dei residenti, con l’esplosione della violenza che ha raggiunto i quartieri residenziali, si sono verificati diversi crimini, compresi furti ed episodi di sciacallaggio, mentre i civili continuano a non avere accesso ai beni esistenziali di base.

“La famiglia di Suleiman Jibril ha perso 3 figli durante gli eventi di Febbraio 2011, oggi altri due fratelli sono stati arrestati e portati forzatamente nella città di Misurata. Uno di loro è Ali Suleiman Jibril, ufficiale dell’LNA, il cui destino resta sconosciuto fino ad ora”. Raccontano le stesse fonti, aggiungendo che un uomo sarebbe stato punito a morte per la sua affiliazione all’LNA e i gruppi armati di Misurata ne avrebbero imposto la sepoltura senza un referto medico. Tra le persone catturate ad Abu Qurain ci sarebbe anche Mohamed al-Sharif, il cui amico Murad Jibril Rajab sarebbe già stato ucciso.

Preso da: https://specialelibia.it/2020/02/02/civili-di-abu-qurain-denunciano-crimini-e-violazioni-delle-milizie/

Appello del Consiglio della tribù Gheddafi al Governo di Accordo Nazionale

Di Vanessa Tomassini.

Il Consiglio sociale della tribù Gheddafi (o Qaddafha) ha emesso un comunicato l’11 gennaio 2020 indirizzato al Governo di Accordo Nazionale, con base a Tripoli, con cui chiede alle autorità libiche di rispettare i giudizi e gli accordi intercorsi per il rilascio dei propri giovani detenuti nelle prigioni di Tripoli. “Possa Dio onnipotente testimoniare la nostra sincerità nel momento in cui affermiamo la nostra fiducia nell’integrità della magistratura libica, nonostante tutto ciò che è accaduto e sta accadendo, nonchè la nostra dipendenza dalla magistratura per accertare la verità, in particolare per quanto riguarda i casi dei detenuti che erano stati arrestati, sullo sfondo degli eventi del 2011. Grazie a Dio non siamo rimasti delusi da questa istituzione”.

Afferma il documento, aggiungendo che “il patriottismo è stato puntuale e aderisce ai principi di giustizia, nonostante tutti gli ostacoli che assediano le autorità, compresa la divisione e l’amara sofferenza con le milizie, oltre alle interferenze esterne nella questione relativa a quanto sta accadendo. Il Consiglio Sociale della tribù Gaddafa ha deciso di procedere con l’approccio legale. Il Consiglio sociale si è affidato a notabili e specialisti, per seguire i casi delle persone estranee ai fatti con le autorità competenti, in coordinamento con i consigli sociali delle tribù che li hanno detenuti. Abbiamo chiaramente sentito l’onestà nel trattare con noi dalla maggior parte degli organismi del Governo della Riconciliazione, oltre al rispetto e all’apprezzamento. Ciò ha comportato la risoluzione di molti casi e il rilascio di molti detenuti”.

Come anticipato da Speciale Libia, la dichiarazione conferma che “il più recente di questi sforzi è stato l’incontro tra il Consiglio sociale e il Ministro degli Interni, il cui obiettivo principale era discutere il fascicolo della tribù Gaddafa”. Il Consiglio aggiunge che “tuttavia, non abbiamo trovato una spiegazione convincente o una giustificazione legale per quanto segue: primo, la continua ingiusta detenzione del cittadino Saadi Muammar Gheddafi, la cui vita era nelle mani della milizia degli imam, che lo detiene arbitrariamente dopo la sentenza d’innocenza del tribunale emessa il 2 febbraio 2018, specialmente dopo che è stato recentemente trasferito dalla sua prigione della milizia della forza deterrente del Ministero degli Interni, secondo quanto riferito personalmente dal ministro degli Interni durante la riunione”.

“Secondo – prosegue, il Consiglio non ha trovato spiegazione per – l’incapacità di rilasciare Naji Harir al-Gheddafi, così come i suoi compagni coinvolti nello stesso caso. Terzo, perchè non rilasciare il cittadino Saad Masoud al-Gheddafi, nonostante l’emissione di una sentenza del tribunale di assoluzione su di lui, e completate tutte le procedure legali ad esso correlate. Quarto, la continua detenzione e ritardo nel contenzioso riguardante i cittadini Ahmed Mohamed Ibrahim Gheddafi, Mansour Daw Ibrahim Al-Gheddafi, Walid Abdel-Qader Denon Al-Gheddafi, Attia Mujahid Faraj Al-Gheddafi”. Il Consiglio sociale dei Gheddafi non comprende i perchè di questi ritardi visto e considerato che la Corte Suprema ha deciso di accogliere i ricorsi contro le sentenze emesse, “che sono state riesaminate di nuovo e alla luce delle circostanze anormali in cui sono state condotte, le indagini, le torture, le accuse maligne e le confessioni ottenute con la forza, ha rivelato che alcun crimine era stato commesso”.

Il Consiglio conclude invitando “tutte le autorità competenti del Governo di Al-Wefaq a desistere dalla politica di discriminazione praticata contro di noi, a rispettare i giudizi e ad agire di conseguenza. A liberare i nostri figli innocenti o a informarci sulle reali ragioni alla base della loro continuata ingiusta detenzione, in violazione delle disposizioni di legge”. Il Consiglio tribale ricorda alle autorità del Governo di Accordo Nazionale, guidato dal premier Fayez al-Serraj, che le sue autorità competenti “hanno la responsabilità di eventuali danni nei loro confronti, nelle circostanze dell’attuale guerra”.

Preso da: https://specialelibia.it/2020/01/14/appello-del-consiglio-della-tribu-gheddafi-al-governo-di-accordo-nazionale/?fbclid=IwAR1QTzmJyAX8NNqzM9nzdY8HdcoAmq__hC1LLwmCFk43IJ5MEqXhMlODMGU

Sirte è libera, la Turchia ed i suoi mercenari saranno sconfitti dall’esercito libico

Al-Marsad, 8 gennaio 2020

Il Dott. Arif Ali Nayad, presidente dell’Istituto libico di studi avanzati (LIAS), commentava la liberazione per mano delll’Esercito nazionale libico (LNA) della città di Sirte in un’operazione che non richiese più di 3 ore per essere completata.
Il Dott. Arif Ali Nayad confermava in un’intervista a Sputnik che la città di Sirte e tutte le aree circostanti erano ora sotto il pieno controllo dell’Esercito nazionale libico (LNA) guidato dal Feldmaresciallo Qalifa Haftar, affiliato al parlamento libico di Bengasi. Affermava che la rapida liberazione di Sirte era stata incredibile e “risultato di operazioni combinate di terra, mare e aria da parte dell’esercito”. Affermava che l’operazione riuscita fu il culmine di “vaste reti e operazioni d’intelligence oltre ad accordi” con le tribù libiche e le componenti sociali di Sirte, aggiungendo: “Dall’annuncio degli accordi turchi illegali e non validi col governo di accordo nazionale (GNA), tutte le tribù libiche, anche di Sirte, dimostravano enorme sostegno al Parlamento debitamente eletto e all l’Esercito nazionale libico. È il supporto del tessuto sociale oltre la complessa pianificazione delle operazioni combinate che hanno portato alla vittoria completa e decisiva con la totale liberazione di Sirte”. Ciò smentisce certe notizie basate sulla disinformazione del GNA e dei suoi organi di informazione, tra cui alcune pubblicate anche da Sputnik Arabic. Un rapporto diceva che le milizie di Misyrata si raggruppavano pianificando di riconquistare Sirte e richiamando i loro camerati da Tripoli. Nayed dichiarava: “Avevano anche annunciato la chiusura dell’università per convincere gli studenti a mobilitarsi”. Disse che si aspettava che tali tentativi fallissero totalmente perché “la distanza tra Misurata e Sirte è un’area totalmente aperta” agli attacchi aerei dell’Aeronautica del LNA. Informava i misuratini che il massimo che “Misurata può fare ora è difendersi e mi aspetto che le sue milizie si ritirino da Tripoli per l’urgenza di proteggere Misurata”. Ha aggiunto: “Sirte è in buone mani, comprese le aree circostanti, e ora esiste un completo collegamento terrestre tra i territori controllati dal LNA in Oriente, Centro, Sud e Ovest, che aiuta la logistica e fa sì che la presa dell’esercito libico sul territorio della Libia sia del 97%”.
Sulla possibilità che la Turchia mandi forze in Libia, commentava: “Le forze dell’esercito turco non aspettano di venire in Libia. Sono in Libia dagli ultimi sei mesi. Sono principalmente tuttora forze speciali per operazioni con cecchini, sabotaggi e varie altre, oltre ad addestratori per operazioni speciali, esperti di comunicazioni e blocco, di guerra elettronica, operatori di droni o velivoli senza equipaggio”.
Arif Nayed: Erdogan pensa di essere il sultano Abdul Hamid e la Libia una provincia ottomana grazie ai Fratelli Musulmani. Osservava che la Turchia aveva anche inviato terroristi dalla Siria in Libia e questo è ciò di cui il Presidente Putin aveva allertato il mondo diversi mesi prima, aggiungendo che i turchi inviavano terroristi da Idlib, Siria settentrionale e altre regioni, e che erano già a Tripoli. Disse: “In realtà sono arrivati a centinaia, alcuni dicono che sono già oltre un migliaio, ma vengono sistematicamente sconfitti dal ‘LNA” e che alcuni siti davano già la morte di alcuni dei terroristi siriani attualmente in Libia. Nayad espresse rammarico per il fatto che la Turchia esportasse tali terroristi in Libia invece di esportare materiali da costruzione e forniture vitali, e notava che sarebbero stati “sistematicamente sconfitti, come tutti i terroristi prima ad est furono sconfitti a Bengasi, Darna e nel sud, e lo saranno di nuovo a Tripoli e dintorni”. Il presidente del LIAS continuava l’affondo alla Turchia senza mezzi termini: “L’arrogante piano della Turchia di riconquistare la Libia e di recuperare la colonia ottomana è destinato al fallimento”. Aveva detto che la resistenza all’imperialismo turco spingeva il movimento popolare in Libia con tribù e abitanti di città, paesi e oasi a manifestazioni numerose. E questo, aggiungeva, era anche combinato col rifiuto regionale da Egitto, Grecia, Cipro, Italia e Francia. Nayad ringraziava i russi per la loro posizione e per aver rifiutato di partecipare al complotto turco, aggiungendo di aver apprezzato il sostegno della Russia al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che impediva qualsiasi tentativo di minare il LNA o tentare di accusarlo di qualsiasi cosa. Dichiarava: “Abbiamo fiducia che la dinamica regionale sia alla base del parlamento e del suo esercito debitamente eletto in Libia e del governo ufficiale e unico legittimo della Libia guidato dal Primo Ministro Abdullah Thani e riteniamo che il piano turco sia destinato al fallimento”.
Sulle celebrazioni degli abitanti di Sirte, Nayad dichiarava: “Ciò che è accaduto in Sirte liberata è un buon indicatore di ciò che accadrà a Tripoli liberata. Già scuole ed ospedali vengono riaperti, la polizia è ovunque. Il ministero degli Interni ha effettivamente pil controllo di tutte le strade e dei luoghi chiave. Si è già passati da operazione militare ad operazione di polizia. Adesso c’è totale sicurezza in città”. Sulle misure prese dal governo libico di Abdullah al-Thini per riportare la normalità a Sirte, dichiarava: “Il governo della Libia guidato da Abdullah al-Thini ha già ordinato un comitato di emergenza per l’attuazione dei servizi di base dal pane alle medicine, filtrare l’acqua, per tutto ciò che è necessario alla popolazione e mantenere la rete elettrica e delle comunicazioni. Questo riuscito coordinamento tra le forze di liberazione militari e la governance di governo e forze di polizia è esemplare, e prevediamo di vedere molto presto esattamente lo stesso risultato a Tripoli con lo sforzo concertato del popolo libico e il sostegno del tessuto sociale della Libia, compresi i giovani della stessa Tripoli”.
Il presidente dell’Istituto per gli studi avanzati della Libia concluse l’intervista aggiungendo: “Tutto il tessuto sociale e i notabili di Sirte si sono riuniti annunciando pubblicamente il saluto all’esercito libico e il parlamento libico e al governo legittimo di Sirte, impegnandosi a sostenerli nell’armonia sociale, nella sicurezza e nel benessere di tutti gli interessati. Questa dinamica tra parlamento, governo, esercito e tessuto sociale è la chiave del successo cui abbiamo appena assistito a Sirte e sarà la chiave del successo a Tripoli e nel 3% rimanente fuori dalla Libia”.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Preso da: http://aurorasito.altervista.org/?p=9762&fbclid=IwAR1mnbm8886P0DI8OIpOXfMJg0X0qaRnVD6KZyG_wZ8May8PTjatakP1ayE

La Libia e la Turchia si spartiscono il Mediterraneo, sfidando l’Unione europea e l’Egitto

Il governo fantasma di Tripoli e la Turchia firmano accordi di cooperazione sugli idrocarburi offshore, ai danni di Cipro, Grecia, Egitto e Israele

[2 Dicembre 2019]

Il 30 novembre, la delegazione della Grecia che stava assistendo all’inaugurazione del Trans-Anatolian Natural Gas Pipeline (TANAP), il gasdotto che porterà il gas del giacimento azero di Shah Deniz dal Mar Caspio in Italia e in Europa, ha abbandonato la cerimonia dopo che il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, ha dichiarato che entrerà in vigore l’accordo tra Turchia e Libia sul confine marittimo e che sarà applicato in tutte le sue disposizioni. La delegazione greca presente all’inaugurazione del TANAP era guidata dal vice-ministro dell’ambiente e dell’energia Dimitris Ikonomu che dopo aver definito provocatorie le dichiarazioni di Erdogan ha spiegato: «Ero lì come rappresentante del governo greco su questo tema molto concreto: il gasdotto TANAP sarà connesso al gasdotto transadriatico TAP. Era la ragione della nostra partecipazione all’inaugurazione. Quando Erdogan ha affrontato dei problemi scollegati con l’inaugurazione del gasdotto e ha evocato la Grecia in maniera provocatoria, ho giudicato giusto andarmene. I turchi mi hanno chiesto perché stavo andando via ed ho spiegato loro che non potevo restare dopo una tale dichiarazione».

Erdogan aveva dichiarato che la Turchia non fermerà le prospezioni e le trivellazioni al largo di Cipro e nella Zona economica esclusiva (Zee) di Cipro, che considera come area turca perché di fronte a Cipro Nord, lo Stato etnico turco auto-dichiaratosi indipendente nel 1983, dopo l’invasione militare turca del 1974, e che é riconosciuto solo da Ankara. Secondo Erdogan, sono i diritti dei turco-ciprioti allo sfruttamento di quei giacimenti hoffshore ad essere violati e, quindi, la Turchia «agisce nel quadro del diritto internazionali». E ha aggiunto: «Crisi e vociferazioni non costringeranno la Turchia a evacuare le sue navi».
In seguito, il ministero degli esteri della Grecia ha definito Erdogan «Il principale violatore del diritto
Dopo i colloqui tra Erdogan e il presidente del Consiglio presidenziale libico Fayez Sarraj a Istanbul,. la Libia e la Turchia hanno firmato due memorandum d’intesa sulla sicurezza e la cooperazione marittima. Secondo un comunicato della presidenza turca «Erdogan ha discusso con Sarraj della situazione in atto in Libia e in altre questioni regionali in una riunione che è durata per più di due ore» e ha ribadito il sostegno della Turchia al governo libico di Tripoli contro il generale Khalīfa Belqāsim Ḥaftar – il capo della Libyan National Army (LNA) che sta assediando e bombardando da mesi la capitale libica e che occupa gran parte del Paese – di Haftar, confermando che «Non esiste una soluzione militare al conflitto libico».
Il ministro degli interni del governo libico di Tripoli, Fathi Bashagha, «I memorandum d’intesa includono formazione, scambio di competenze e promozione dei sistemi di sicurezza, oltre alla lotta contro il terrorismo e la criminalità organizzata», mentre il ministro degli esteri Mohammed Sayala ha rivelato che «Il protocollo d’intesa marittimo mira a proteggere i diritti legittimi dei due Paesi nelle rispettive zone economiche. Questo protocollo d’intesa contribuirà alla protezione della sovranità libica sul Mediterraneo».
In realtà, con l’accordo Serraj e Erdogan (ri)definiscono come vogliono loro i confini delle acque territoriali. Come fa notare l’agenzia iraniana Pars Today, «La delimitazione non è nota, ma protestano Egitto e Grecia, già in contrasto con Ankara sulle trivellazioni a sud di Cipro», facendo notare che l’accordo «potrebbe complicare le controversie di Ankara sullo sfruttamento energetico con gli altri Paesi dell’area».
La Turchia non ha specificato come siano stati delineati i limiti delle acque turche e libiche. Negli anni scorsi la Libia aveva riconosciuto unilateralmente di propria pertinenza le acque attualmente corrispondenti alla zona search and rescue (SAR), cosa che quando ci provò Gheddafi gli costò i primi bombardamenti statunitensi.
Secondo il ministro degli Esteri turco. Mevlut Cavusoglu, «Questo significa proteggere i diritti della Turchia derivanti dal diritto internazionale».
L’accordo firmato tra il governo fantasma di Tripoli (sostenuto dall’Italia e dalla comunità internazionale) è stato duramente criticato da Grecia, Cipro, Israele ed Egitto, Per il regime del Cairo, stretto alleato di Ḥaftar, l’accordo è completamente illegale, mentre per la Grecia, è geograficamente assurdo perché ignora non solo la sovranità di Cipro, ma addirittura la presenza dell’isola greca di Creta tra le coste della Turchia e della Libia.
Pars Today fa notare che «A pochi giorni dal Med, la conferenza per il dialogo fra i paesi mediterranei, che avrà inizio il 5 dicembre e che vedrà, tra gli altri la presenza del ministro degli esteri russo Sergei Lavrov, la situazione della Turchia si va sempre più complicando ed è probabile che il summit di Roma, dove sono attesi anche il ministro degli esteri del governo di accordo nazionale libico, Mohamed Taher Siala e l’omologo turco Cavusoglu, servirà a sciogliere i nodi di questa trama sempre più complessa. La disputa sulla Continental Shield ha lasciato Ankara alla ricerca di alleati nella regione. I nuovi accordi firmati mercoledì dal presidente turco Tayyip Erdogan e Fayez al-Serraj, il capo del governo di Tripoli assediato dall’esercito ribelle del generale Haftar, segnano un’importante alleanza destinata a far schierare i Paesi della Ue, che di recente hanno varato un pacchetto di sanzioni economiche nei confronti della Turchia per le trivellazioni a sud di Cipro».
Infatti, si tratta di un vero e proprio schiaffo in faccia sferrato all’Unione europea e di una provocazione verso il nostro governo che appoggia Sarraje che, attraverso il gasdotto TAP è coinvolto anche economicamente in tutta questa faccenda.
Il 15 luglio il Consiglio dei ministri dell’Ue aveva deciso che. «Alla luce delle attività illegali di trivellazione della Turchia, protratte nel tempo e anche nuove, di sospendere i negoziati sull’accordo globale sul trasporto aereo e aveva convenuto di non tenere, per il momento, il consiglio di associazione né ulteriori riunioni dei dialoghi ad alto livello tra l’Ue e la Turchia». Aveva inoltre approvato la proposta della Commissione Ue di «ridurre l’assistenza preadesione alla Turchia per il 2020 Il Consiglio aveva anche deciso che l’alto rappresentante e la Commissione dovessero proseguire i lavori su opzioni in vista di misure mirate». E aveva invitato la Banca europea per gli investimenti a riesaminare le sue attività di prestito in Turchia, in particolare per quanto riguarda le attività di prestito garantite da titoli di Stato.
Nelle sue conclusioni il Consiglio deplorava che, «Nonostante i ripetuti inviti dell’Unione europea a cessare le sue attività illegali nel Mediterraneo orientale, la Turchia prosegua le trivellazioni nelle acque territoriali cipriote. Il Consiglio ha ribadito il grave impatto negativo immediato che tali azioni illegali hanno nell’ambito delle relazioni Ue-Turchia. Ha chiesto ancora una volta alla Turchia di astenersi da tali azioni, di agire in uno spirito di buon vicinato e di rispettare la sovranità e i diritti sovrani di Cipro conformemente al diritto internazionale».
In precedenza i ministri degli esteri dell’Ue avevano approvato sanzioni contro la Turchia contro l’esplorazione di giacimenti di idrocarburi nella Zona economica esclusiva di Cipro dove operavano le navi trivellatrici turche Yavuz e Fatih.
Il 10 ottobre al Cairo si è tenuto il settimo incontro tripartito consecutivo del vertice Cipro-Grecia-Egitto, che hanno visto la partecipazione del presidente di Cipro Nicos Anastasiades, del presidente dell’Egitto Abdel Fattah el-Sisi e del primo ministro della Grecia Kyriakos Mitsotakis. Allora Sisi aveva spiegato: «abbiamo discusso dell’escalation e degli sviluppi in Medio Oriente derivanti da azioni unilaterali che mirano a disturbare e turbare la stabilità dei Paesi della regione. Abbiamo sottolineato che la sicurezza e la stabilità sono una priorità strategica per tutti noi, che è necessario un coordinamento comune e che senza di essa non possiamo godere dei frutti del processo della cooperazione tripartita». Riferendosi al problema di Cipro, il presidente egiziano ha sottolineato «Il sostegno del nostro Paese per le azioni intraprese dal governo di Cipro e per una soluzione pacifica del problema di Cipro».
Anastasiades aveva aggiunto. «Sulle questioni energetiche, che sono uno dei pilastri fondamentali del meccanismo tripartito, abbiamo ribadito la nostra forte volontà di rafforzare la nostra cooperazione attraverso una serie di nuovi accordi per lo sfruttamento e trasporto di gas naturale. Ho informato i due leader sugli ultimi sviluppi in merito al problema di Cipro (…) perché le ultime azioni inaccettabili della Turchia e l’intenzione di condurre esercitazioni esplorative all’interno dei lotti riconosciuti e autorizzati come della Repubblica di Cipro a livello internazionale, non solo inquinano il clima e aumentano le tensioni, ma costituiscono anche una palese violazione dei diritti sovrani della Repubblica di Cipro e del diritto internazionale (…) Ho informato i miei interlocutori che siamo determinati a esaurire tutti i mezzi diplomatici a nostra disposizione per far cessare le violazioni turche e affinché ci sia pieno rispetto per l’esercizio senza ostacoli dei diritti sovrani della Repubblica di Cipro. Le azioni unilaterali e inaccettabili della Turchia, sono molto lontane da questi principi, mentre allo stesso tempo costituiscono una minaccia per la più ampia stabilità, pace e sicurezza nel già tumultuoso Mediterraneo orientale. In questo contesto, siamo certi che, in momenti così critici, avremo il forte sostegno e la solidarietà, come già abbiamo, della comunità internazionale e dell’Unione europea».
Il premier greco Mitsotakis ha espresso tutto il sostegno della Grecia «per trovare una soluzione giusta e praticabile al problema di Cipro. Una soluzione sulla base di una federazione bi-zonale, bi-comunitaria, in conformità con le risoluzioni delle Nazioni Unite e senza truppe di occupazione e senza garanzie ed è per questo che noi, tutti e tre i Paesi, siamo a favore della ripresa dei colloqui sull’isola. Cipro, Egitto e Grecia, abbiamo tutti condannato categoricamente le azioni illegali della Turchia nelle zone marittime di Cipro, che mancano di rispetto al diritto internazionale e incitano a una sterile tensione, mentre abbiamo anche condannato il comportamento provocatorio della Turchia nell’Egeo che è anche contro il diritto internazionale e le relazioni di buon vicinato. Ho anche presentato queste problematiche al Segretario di Stato americano che era in visita ad Atene. E vale la pena registrare le sue due chiare posizioni ufficiali: sia a favore della protezione che della sicurezza nazionale della Grecia sia contro le esercitazioni illegali nella zona economica esclusiva cipriota e nel lotto 7. Abbiamo discusso in particolare dell’annuncio delle intenzioni di azioni a Varosha che violano le chiare decisioni del Consiglio di sicurezza e, naturalmente, il fatto che la Turchia stia procedendo con l’ennesimo atto illegale nel mare che non solo rientra nella zona economica esclusiva cipriota, ma è stato delimitato ed è stato concesso in licenza a società europee».
Ma dopo le ultime dichiarazioni di Erdogan gli Usa hanno fatto sapere che non hanno niente in contrario all’accordo turco-libico. Evidentemente, come è suo costume, Trump ha cambiato idea.
Invece, il 17 e 18 ottobre l’Ue ha ribadito «piena solidarietà a Cipro per quanto riguarda il rispetto della sua sovranità e dei suoi diritti sovrani, in conformità del diritto internazionale, e ha invitato la Commissione e il servizio europeo per l’azione esterna a presentare proposte relative a un quadro di misure restrittive». E ha ricordato e riaffermato «Le precedenti conclusioni del Consiglio e del Consiglio europeo, comprese le conclusioni del Consiglio europeo del 22 marzo 2018 e del 20 giugno 2019, contenenti una ferma condanna delle continue azioni illegali della Turchia nel Mediterraneo orientale». Il Consiglio ha espresso «seria preoccupazione per le attività illegali di trivellazione della Turchia nel Mediterraneo orientale» e ha deplorato che la Turchia non avesse ancora risposto ai ripetuti inviti dell’Unione europea a cessare tali attività.
L’11 novembre il Consiglio Ue ha adottato «un quadro di misure restrittive in risposta alle attività di trivellazione non autorizzate della Turchia nel Mediterraneo orientale. Il quadro consentirà di sanzionare le persone o entità responsabili o coinvolte nelle attività di trivellazione non autorizzate nel Mediterraneo orientale in cerca di idrocarburi. Le sanzioni prevedono: «Il divieto di viaggio nell’Ue e il congelamento dei beni per le persone e il congelamento dei beni per le entità. Sarà inoltre fatto divieto alle persone ed entità dell’UE di mettere fondi a disposizione di persone ed entità inserite nell’elenco. Il quadro di misure restrittive consente di sottoporre a sanzioni: 1. persone o entità responsabili delle attività di trivellazione connesse alla ricerca e alla produzione di idrocarburi non autorizzate da Cipro nel suo mare territoriale o nella sua zona economica esclusiva (ZEE), oppure sulla sua piattaforma continentale. Tali attività di trivellazione includono, nei casi in cui la ZEE o la piattaforma continentale non sia stata delimitata in conformità del diritto internazionale, le attività suscettibili di compromettere od ostacolare il raggiungimento di un accordo di delimitazione. 2. persone o entità che forniscono alle suddette attività di trivellazione sostegno finanziario, tecnico o materiale. 3. persone o entità ad esse associate».
Come risposta l’Unione europea ha avuto le provocatorie e tracotanti dichiarazioni di Erdogan e del governo fantocci libico che sta in piedi solo grazie ad aiuti di Paesi dell’Unione europea, a partire dall’Italia.

Preso da:  http://www.greenreport.it/news/energia/la-libia-e-la-turchia-si-spartiscono-il-mediterraneo-sfidando-lunione-europea-e-legitto/