I veri guerrafondai? I «liberal» di sinistra

7 aprile 2019.

Uno degli aspetti più bizzarri della politica odierna è l’assunto secondo il quale se sei contro la guerra sei di sinistra, e se sei un conservatore sei “pro-guerra”. Proprio come etichettare gli stati conservatori “rossi” e quelli liberali “blu”, è un’inversione di una pratica storica.
L’opposizione all’entrata in guerra dell’America in entrambe le guerre mondiale fu diretta principalmente dai conservatori. Il senatore Robert A. Taft, maggiore esponente del conservatorismo postbellico, si opponeva alla guerra tranne nel caso in cui gli Stati Uniti venissero attaccati. Perfino Bismarck, dopo avere combattuto e vinto le tre guerre che gli servirono per unificare la Germania, era principalmente anti-guerra. Una volta ha descritto la guerra preventiva, come quella che l’America ha lanciato contro l’Iraq, in questi termini: “è come suicidarsi per paura di essere uccisi”.
I veri guerrafondai? I «liberal» di sinistra

La diffidenza dei conservatori verso la guerra non ha origini “sentimentali” e pacifiste, ma deriva dalle radici stesse del conservatorismo, dai suoi obiettivi e dalle sue teorie fondamentali. Il conservatorismo cerca prima di tutto la continuità sociale e culturale, e niente le minaccia più della guerra.
Nel ventesimo secolo, la guerra ha condotto a rivoluzioni sociali e culturali negli Stati Uniti, incluso il movimento su larga scala delle donne fuori dalla casa e dentro i luoghi di lavoro. I riformatori del diciannovesimo secolo sono riusciti a rendere possibile per le donne (e per i bambini) lasciare gli infernali luoghi di lavoro e devolvere le loro vite alla casa e alla famiglia, supportati dal maschio che portava i soldi a casa. I vittoriani consideravano la casa più importante del luogo di lavoro. I compiti di un uomo nel mondo degli affari erano un fardello che lui doveva portarsi sulle spalle per la sua famiglia, non era una cosa che le donne avrebbero dovuto invidiare.
Questa situazione è stata ribaltata a seguito delle due guerre mondiali, in quanto gli uomini furono arruolati a milioni, mentre la richiesta di lavoro in fabbrica per supportare la produzione bellica saliva. E così, dietro i macchinari, ci sono tornate le donne. Il risultato è stato l’indebolimento della famiglia, l’istituzione maggiormente responsabile del passaggio della cultura da generazione a generazione.
La minaccia che la guerra pone ai costumi è esacerbata da una delle sue principali caratteristiche: i suoi risultati sono imprevedibili. Pochi paesi entrano in guerra con l’aspettativa di perdere, ma raramente le guerre vengono vinte da entrambi i lati. Gli effetti della sconfitta militare sull’ordine sociale possono essere rivoluzionari.
Il coinvolgimento russo nella prima guerra mondiale ci ha dato il bolscevismo. La sconfitta della Germania ha reso possibile Hitler. Come ha dimostrato la prima guerra mondiale, se un conflitto è troppo dispendioso, l’ordine sociale dei vincenti può essere stravolto al pari di quello degli sconfitti. Non solo l’Impero Britannico è morto nel fango delle Fiandre, ma l’Inghilterra postbellica era un posto molto diverso dall’Inghilterra edoardina.
E i conservatori detestano l’imprevedibilità. Essi sanno anche grandi spese statali e grandi indebitamenti pubblici possono destabilizzare una società, e nessuna attività statale è più dispendiosa della guerra. L’avventura americana in Iraq, guidata in gran parte dalla ricerca di petrolio – che ora, per buona parte, finirà in Cina – è già costata un triliardo di dollari, e un altro triliardo o due verranno spesi per l’assistenza ai veterani. Perfino il costo in tempo di pace di un grande esercito può devastare una società, come è accaduto per l’Unione Sovietica. I conservatori americani erano falchi del budget, non falchi della guerra.
Ma se guardiamo oltre i dollari, i franchi e i marchi, il costo della guerra cresce all’infinito. Dopo la prima guerra mondiale, non c’erano più giovani uomini per le strade di Parigi. Come ha notato un osservatore britannico, la lista dei morti nelle prime battaglie della guerra si leggeva come l’Almanach de Gotha, il libro che catalogava la nobiltà tedesca. Ancora più spaventoso per i conservatori, le guerre come la prima guerra mondiale possono distruggere la fede nella propria cultura. Probabilmente l’ultima speranza di sopravvivenza per la cultura europea sarebbe stata una vittoria tedesca nella battaglia delle Marne nel 1914.
Un guadagno della guerra, che disturba i conservatori, è l’ingrandimento del potere dello stato. L’argomento delle “necessità di guerra” passa sopra qualunque bilancio, qualunque libertà civile e qualunque tradizionale limitazione del governo. Nel ventesimo secolo, i progressisti americani sapevano che potevano creare un governo centralizzato e potente soltanto dichiarando guerra.
È stata la sinistra ad avere architettato l’entrata degli Stati Uniti nella prima guerra mondiale. Quasi un secolo dopo, l’11 settembre ha dato ai centralizzatori dell’amministrazione Bush neoconservatrice la scusa per creare la legislazione del “Patriot Act”, una cosa che ai padri fondatori avrebbe fatto rivalutare in meglio Re Giorgio. Così come niente aumenta il debito di un paese come la guerra, niente aumenta di più il potere del governo. I conservatori rigettano entrambi.
Quando Edmund Burke, considerato il fondatore del conservatorismo del diciottesimo secolo, dovette affrontare in parlamento la proposta di entrare in guerra per assicurare che il fiume Scheldt nei Paesi Bassi rimanesse chiuso, così che Antwerp non entrasse in competizione con Londra, la sua risposta fu: “Una guerra per lo Scheldt? È una guerra per un vaso da notte!”. Una risposta genuinamente conservatrice.
I veri conservatori odiano la guerra. Se la cosa oggi sembra strana, come pensare al blu come il colore dei conservatori, possiamo ringraziare un pugno di (ex?) trozkisti che hanno rubato il nostro nome, e un complesso militare-industriale che si è comprato sia la destra che la sinistra. Se la storia è una maestra, e di solito lo è , il prezzo per l’amore militarista della destra nazionalista sarà più alto di quanto immaginiamo.

(da The American Conservative – traduzione di Federico Bezzi)

Preso da: https://oltrelalinea.news/2019/04/07/i-veri-guerrafondai-i-liberal-di-sinistra/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...